“Nei primi anni sessanta, a causa dell’inquinamento dell’aria, e, soprattutto in campagna, a causa dell’inquinamento dell’acqua (gli azzurri fiumi e le rogge trasparenti) sono cominciate a scomparire le lucciole. Il fenomeno è stato fulmineo e folgorante. Dopo pochi anni le lucciole non c’erano più”

(Pier Paolo Pasolini, Scritti corsari, 1975)

 

IN CERCA DI LUCCIOLE.

 

Salve a tutti dal G.A.S. “RivoluzioMario”,

 

Gruppo di Acquisto Solidale che opera nel quartiere romano di Monte Mario costituito da un gruppo di acquirenti consapevoli.

 

Consapevoli che anche l’agricoltura industriale ha provocato questa crisi che sta impoverendo terre e uomini.

Consapevoli che l’utilizzo dei prodotti chimici nell’agricoltura determina la necessità di aumentarne progressivamente l’uso innescando, in tal modo, un processo dannoso per l'ambiente.

Consapevoli che la produzione di OGM è sempre più frequente e che sempre di più si diffondono agricoltura e allevamento intensivi.

 

Per tutte queste ragioni cerchiamo di garantirci la salute attraverso l'acquisto di prodotti ottenuti con metodi di agricoltura e allevamento tradizionali.

 

Consapevoli che la grande distribuzione gonfia prezzi e mercati facendo ricavi ma pagando una miseria i produttori.

Consapevoli che l'acquisto a Km 0 riduce l'impatto ambientale e favorisce le piccole imprese disseminate sul territorio che altrimenti faticherebbero a sopravvivere.

Consapevoli della necessità di non perdere quella cultura della terra fatta di memoria e di rinnovamento.

Consapevoli dell’importanza di rispettare il paesaggio del nostro Paese.

 

Per tutte queste ragioni vogliamo sostenere una rete di piccoli agricoltori, allevatori e produttori con i quali stabilire un rapporto di reciproco rispetto, fiducia e collaborazione.

 

Sentiamo l’esigenza di acquistare prodotti da aziende che hanno a cuore il rinnovamento dell’agricoltura insieme alla difesa della tradizione, la salute dei consumatori insieme al rispetto della biodiversità, aziende che coniughino lo sviluppo economico con la tutela dei lavoratori.

 

Il nostro G.A.S. vuole essere  un’occasione di incontro e riflessione sulle problematiche legate alla produzione agricola, oltre che  una possibilità per diffondere  le eccellenze, per sapere di più della numerosa e determinante presenza delle donne coltivatrici e per far conoscere chi si oppone alla mafia e all’illegalità con la forza del proprio lavoro sui campi.

 

Attraverso il nostro G.A.S. ci piacerebbe coinvolgere tutti coloro che si sentono di condividere questi presupposti: i nostri vicini di casa, i cittadini del quartiere, gli studenti delle scuole, e offrire loro la possibilità di gustare prodotti sicuramente di qualità, insieme alla varietà e la vitalità della nostra agricoltura, contribuendo così alla costruzione di una rete economica alternativa e indipendente.

 

Il gas non è un negozio BIO, non è un CRAL, ma un gruppo di persone che condividono queste scelte consapevoli e che con spirito collaborativo si impegnano in pratiche ecologiche, biologiche e comunque solidali, lontane dalle logiche convenzionali del mercato.

 

Facciamo gruppo per migliorare la nostra vita, quella di chi lavora la terra, e  per tornare finalmente a rivedere le lucciole nei prati, nelle notti d'estate.