Raoul Precht

                  

"scrittore appartato, di assoluto valore" - Andrea Carraro
"sensibilità di scrittore e perizia di erudito" - Emanuele Trevi  
"scrittura sorvegliata (...) gioco raffinato (...) partita elegante e oscura" - Nicolò La Rocca
"meditazione filosofica e poetica sul tempo, con straordinarie immagini" - Fabrizio Falconi
"poesia (...) volutamente sospesa, fluttuante" - Gabriele Belletti
"poesia in cui nessun luogo è meta, ma ogni locus tappa di un passaggio dell'anima" - Maria Letizia Alterno
 

 In evidenza:
Kafka e il digiunatore, Nutrimenti, 2014
 


 Alla pagina "Microrecensioni" vedi la rubrica fissa sulla rivista on-line "succedeoggi", aggiornata ogni due settimane. 



Agenda:


-----


"...lo scrittore è reale solo nella sua solitudine di essere scrivente, mentre non lo è che molto raramente quando racconta di sé e del suo lavoro. Quando racconta di sé in pubblico, non può svelare i propri fallimenti."


Contatti e-mail: