COMPRENDERE GLI EFFETTI DEI NUOVI MEDIA

La seconda parte – Comprendere gli effetti dei nuovi media: la teoria dell’inter-Azione Situata – analizza invece in dettaglio gli effetti dei nuovi media sulla nostra azione, presenza, identità e modalità di relazione.

L’analisi presentata si basa su uno specifico modello teorico sviluppato dall’autore del volume – la teoria dell’Inter-Azione Situata – che integra i contributi delle scienze cognitive con quelli delle scienze sociali e della psicologia della comunicazione.

In particolare, partendo dal modello interpretativo offerto dalla psicologia bio-culturale e integrandolo con due teorie - la teoria dell’attività e la teoria dinamica delle intenzioni - che analizzano il legame tra azione e intenzioni sarà possibile spiegare la diversa esperienza dei nuovi media nella nostra attività quotidiana: contemporaneamente artefatti (strumenti opachi) e affordance (opportunità intuitive). Infatti, imparando a usare il medium il soggetto allarga in maniera trasparente i confini del Sé, diventando «presente» nel medium che sta usando o nello spazio in cui questo si trova.

Infatti il soggetto definisce i propri confini all’interno dell’ambiente reale o virtuale in cui si trova attraverso due specifici processi cognitivi: la presenza e la presenza sociale. La presenza è la sensazione di «essere» all’interno di un ambiente, reale o virtuale, risultato della capacità di mettere in atto intuitivamente nell’ambiente le proprie intenzioni. La presenza sociale è invece la sensazione di «essere con altri Sé» all’interno di un ambiente reale o virtuale, risultato della capacità di riconoscere intuitivamente nell’ambiente le intenzioni degli Altri.