9b. La psicologia dei nuovi media in pratica: il processo

Come progettare sistemi interattivi basati sui nuovi media? Le fasi richieste sono tipicamente quattro:
  1. Comprensione: La fase di comprensione si occupa di ciò che deve fare il sistema (quali funzionalità deve avere e come deve adattarsi ad altri elementi) e dei requisiti del prodotto, del sistema o del servizio;
  2. Visualizzazione: I designer devono essere in grado di visualizzare un progetto per dimostrare la fattibilità delle proprie idee e, nello stesso tempo, farle valutare da altre persone.
  3. Design: Le attività di design riguardano sia il «design concettuale» sia il «design fisico». Mentre il primo si occupa delle informazioni e delle funzioni necessarie per raggiungere l’obiettivo del sistema, il secondo si occupa di concretizzare i dettagli di funzionamento dell’interfaccia, con particolare riferimento agli aspetti visivi e alle modalità di interazione.
  4. Valutazione: Ogni attività di design è seguita da un’attività di valutazione. Tale valutazione può essere effettuata mediante il controllo di un elenco di requisiti, oppure mediante la verifica di un prototipo funzionante da parte dei futuri utenti del sistema.

Più in specifico, il processo che può portare alla creazione del servizio è il seguente:

  • Identificare i bisogni/intenzioni per cui il servizio può rappresentare un’opportunità facendo riferimento a specifiche tipologie di utente e alle loro modalità di utilizzo (personae e scenari);
  • Identificare i  processi che permettono agli utenti di utilizzare il servizio per per soddisfare le proprie intenzioni (design concettuale);
  • Trasformare tale rappresentazione astratta in concrete soluzioni di design (design fisico) definendo la conoscenza, i compiti e le attività che gli utenti dovranno mettere in gioco durante la fruizione del servizio;
  • Confrontare le capacità/dotazioni richieste per ciascun processo con quelle presumibilmente presenti nell’utente tipico. In caso di differenze significative, modificare il processo fino a renderlo compatibile con le caratteristiche dell’utente;
  • Sviluppare un prototipo completo di tutti i processi e tarato sulle capacità e sul contesto d’uso dell’utente tipico:
  • Verificare mediante prove d’uso situate, cioè rappresentative dei diversi contesti d’uso, le strategie e le azioni messe in pratica dall’utente tipico in ciascun processo e il livello di presenza sperimentato;
  •  Identificare le difficoltà sperimentate e modificare il prototipo fino a quando l’utente tipico non è in grado di completare con successo, e con un elevato livello di presenza, tutti i processi. 
 

Comments