Teatri

Teatro "Cristoforo Colombo" (Valdottavo)
 

Nel 1908 si costituì a Menphis "La società civile Cristoforo Colombo". Alcuni membri di tale società erano nativi del paese di Valdottavo, emigrati in America alla metà del 1800. Questa associazione si prefiggeva di costruire un teatro con caffè, sala ed uffici, nel paese di Valdottavo. All'epoca era molto comune che gli emigranti, tornassero in patria arricchiti e con la voglia di ostentare le proprie ricchezze, di abbellire i propri paesi nativi o di creare dei luoghi atti a migliorare il benessere della società. Tale fu il caso del teatro "Cristoforo Colombo". I lavori iniziarono nel 1908, furono momentaneamente sospesi per problemi nel progetto e furono poi affidati all'architetto Pietro Ricci, che abbellì la facciata dell'edificio con stucchi in rilievo di Colombo, Boccherini e altri. Le rifiniture e le decorazioni furono opera del Prof. Divoro, aiutato da Monsignor Frediani, gli affreschi interni del pittore Amedeo Carli. L'edificio terminato nel 1912, fu costruito anche grazie al lavoro gratuito di alcuni valdottavini, che offrirono la loro manodopera. L'inaugurazione avvenne nel 1913, con una cerimonia solenne con la presenza di un quartetto di archi. Fino al 1929 il teatro lavorò a pieno ritmo, con spettacoli teatrali e musicali. Inoltre periodicamente vi venivano organizzate serate danzanti. Poco prima degli anni cinquanta l'edificio fu adattato per le proiezioni cinematografiche e per vari anni, a causa anche dell'avvento della televisione Valdottavo perse la propria tradizione teatrale, in quanto gli spettacoli divennero sporadici. Finita anche la "moda" cinematografica, il teatro fu abbandonato a se stesso, fino a che l' Amministrazione Comunale non iniziò i lavori di restauro, affinchè potesse riacquistare l'antico splendore e essere fruibile a tutta la comunità. 
Negli ultimi anni molti sono stati gli spettacoli organizzati dalla scuola di musica di Borgo a Mozzano, da Fita e Amateatro e da alcune compagnie locali. Il teatro Colombo è oggi incluso nella rete dei teatri della Valle del Serchio. 

Per maggiori informazioni è possibile visitare il sito www.teatrivalledelserchio.it o il profilo facebook del teatro.