Home

Progetto PLATINO   
PLATform for INnOvative services in future internet

L’avvento di tecnologie broadband nelle reti di telecomunicazione senza fili e nelle reti fisse ha comportato un incremento sensibile del mercato legato alla fornitura di contenuti e servizi ICT nel settore residenziale e SOHO. Come ogni tecnologia nata e diffusasi troppo in fretta, i modelli di business dominanti legati all’ICT hanno tenuto conto soltanto dei profitti a breve termine legati alla vendita dei contenuti e dei servizi. Ciò a discapito della qualità di erogazione dei servizi e dei contenuti, della soddisfazione dell’utente, della partecipazione condivisa al business di tutti gli attori coinvolti, della fruibilità dei servizi e dei contenuti da parte di una rosa di clienti “globale”, della definizione ed uso di standard aperti e consolidati.
Forte dell’esperienza acquisita dai partner nel contesto della ricerca nazionale, europea ed internazionale, il progetto si propone di progettare e sviluppare una piattaforma che sia in grado di erogare servizi e contenuti eterogenei, attraverso differenti reti di telecomunicazioni, adattabili al terminale utilizzato dall’utente e al contesto in cui l’utente è immerso, personalizzati in funzione delle preferenze dell’utente, in grado di garantire la qualità del servizio e di misurare e massimizzare il livello di soddisfazione dell’utente, ossia la cosiddetta Quality of Experience. La piattaforma si chiamerà PLATINO e avrà come mercato di riferimento l’erogazione di servizi e contenuti ad utenti nomadici residenziali e Small Office Home Office (SOHO). La piattaforma PLATINO verrà sviluppata in forma di prototipo e validata nei Testing Labs di Telecom Italia nella sede di Napoli. Tale piattaforma sarà fondata sui paradigmi concettuali elaborati in ambito internazionale per il Future Internet e sarà accompagnata da business models che delineeranno le effettive prospettive di sfruttamento industriale della piattaforma stessa. Il progetto sarà portato avanti da un consorzio ben bilanciato di grandi aziende, piccole e medie imprese, università e centri di ricerca. Nonostante la maggior parte delle attività saranno svolte nelle regioni di Convergenza e in particolare in Campania, il progetto ha una più ampia visione data dalla partecipazione di Telecom Italia e dei centri di ricerca in attività e progetti di dimensione nazionale ed europea.