VERITA' NUDA E CRUDA: "C'EST MOI"

Verità nuda e cruda:"c'est moi", Storia di un complessato cronico  
 
 « Disc. precedente | Disc. successiva »Notifica nuove risposte | Invia tramite email | Stampa Discussione
 
 
 Mj_89    Inviato il: 13/10/2008, 13:28 
 

Member


Gruppo: Utente
Messaggi: 21


Stato: 


 
 Ed eccomi qui, il motivo non so…ma anke io voglio condividere con voi la mia storia un po per sfogo personale ma anke xkè possa essere di arrikkimento e motivo di meditazione per tutti!
Prima di tutto ribadisco ke sono un ragazzo un po…ehm, diciamo “strano” come mi hanno definito alcuni ke mi hanno conosciuto nel forum…pieno di complessi, cresciuto all’ombra del campanile e dal quale (anke se so di essere un po fuori posto) ci resto.
Sono un mistero anke per me stesso, mi considero un dottor jachil e mister hide ma non ci sono personalità dominanti tra le 2 in me.
Verso i 10 anni, iniziai a distaccarmi dall’esterno trasformando la mia stanza nel mio mondo…lì ero al sicuro, lì c’era tutto…non avevo bisogno di altro! Tutto ciò ke era fuori era male…ma bastava kiudere la porta ed ero LIBERO (anke se forse dovrei dire ke ero skiavo della mia stanza…ma lasciamo perdere).
Verso i primi anni di scuole superiori iniziai a riavvicinarmi alla religione dalla quale mi ero staccato fin da piccolo…ma il bello doveva ancora venire!
Iniziavo ad uscire, avevo il mio gruppo di amici col quale chiacchieravo in piazzetta e andavamo un po in giro…facevo parte dei gruppi parrocchiali ed ero membro attivo nella Kiesa.
Non ero più un estraniato ma ero un ragazzo come tanti altri…ma non poteva mica essere sempre tutto rose e fiori: troppa grazia San Gennaro eh eh!!!
E qui viene il bello…adolescenza significa scoperta del proprio corpo, prime erezioni, prime masturbazioni, ma ciò ke nella mia ingenuità non facevo caso era ke i pensieri erano rivolti solo a uomini nudi e non altro…omosessualità transitoria?
“Purtroppo” no! Arrivano i 18 anni e in questo percorso di scoperta di me stesso scopro di essere gay…ma non lo accetto…contatto un sacerdote ke conosco via internet e inizia a convincermi ke io dovevo “guarire”; mi diceva: “tu sei malato, ma non è colpa tua”, “sei deviato”…ed io sconvolto mi sentivo quasi un assassino.
Piano piano, in meno di 4 - 5 mesi non riuscivo più neanke a masturbarmi tanto skifo mi facevo…mi allontanai nuovamente dal mondo esterno, dagli amici…una larva umana insomma!!!
Andavo solo in Kiesa, unico “lusso” ke mi concedevo…poi casa e in un momento di angoscia assoluta pregai Dio di farmi morire piuttosto ke io andassi a letto con un uomo!
Ma, la depressione rimane…ero in pace con la mia coscienza ma ero SOLO come un cane!
Inizio a frequentare internet…e conosco il forum! Parlo con Project ma i nostri sono solo litigi, quante volte siamo arrivati a non parlarci neanke più!
La rabbia però è come un tarlo e mi iscrivo in una chat gay e mando a quel paese il prete…ero arrabbiato col mondo, con tutti…Perkè devo essere così e devo avere anke i sensi di colpa?
Vado ai messaggi nella chat, mi hanno scritto…il primo gay e vicino a me…40 anni…ma ki se ne frega…lo voglio incontrare lo stesso!
Inizio a parlarci, è dolce…vede la mia foto, li piaccio…ci vogliamo incontrare!
Usciamo, saliamo in makkina e mi porta fuori città…strada buia e iniziamo a parlare…mi dice parole dolci, mi dedica una poesia e mi fa un regalo!
Poi mi prende la mano e iniziamo ad abbracciarci…una cosa tira l’altra…e la conclusione è ben afferrabile!!!
Giorno dopo…messaggino sul cell…“amo troppo il mio ex, sono tornato con lui…scusami se ti farò soffrire ma farai parte sempre del mio cuore”! Ma va……lo tu e il tuo ex!
Ecco…ben mi sta…andare con un uomo…fai skifo! Me lo sono ripetuto per giorni…poi i sensi di colpa aumentavano.
Passo un mese d’inferno…poi sulla chat trovo un mess, vedo la foto ed è carino, sembra un bravo ragazzo, ci esco, kiakkieriamo e non succede nulla…seconda uscita si parla di nuovo ma scappa il bacio…alla terza qualcosa di +…ma ora basta…ma ke cavolo sto facendo?
Bene, lo voglio lasciare e mi voglio cancellare dalla chat…basta con qsti gay ke vogliono solo sesso…ho visto ora con i miei okki cosa significa!
Di nuovo i sensi di colpa…non so ke fare veramente, lui vuole una cosa seria, anke io ma non lo concepisco ancora…La coscienza mi rode, non dormo +, sto con la testa fra le nuvole…ora basta veramente…non so ke fare…
I miei amici ke sanno di me mi dicono: “ma ke fai? Resta con lui ancora, non sono motivazioni per lasciare una persona”!
Non ce la faccio più ma non ho il coraggio di dirglielo, non me la sento…Mi sento male a mentire ai miei per uscire con lui, mi sento male a sentirmi qsto peso sull’anima di fare qlcsa “contro nautra”.
Mi sento tanti indici puntati ma è tutto psicologico, lo so…ma ti uccide dentro!
Ora veramente basta!
Navigando su internet mi sono imbattuto su una frase ke la Madonna disse a Lourdes: “Non prometto di farti felice in qsto mondo ma nell’altro”!
Ma xkè dico io?
Ke controsenso!
Lo spero Madonna mia…almeno tu in qsto mondo mantieni qsta promessa…se non in qsto almeno nell’altro donami un po di pace, ke ne ho tanto bisogno!
Vi voglio bene…e sorridete a differenza mia
 
     
 
 
  
 
 gayproject    Inviato il: 13/10/2008, 16:39 
 
Senior Member


Gruppo: Amministratore
Messaggi: 721


Stato: 


 
 Ciao Mj_89,
ieri ci siamo sentiti in chat. Beh l’unica cosa che posso dire è che mi ha fatto immensamente piacere. Nei tempi in cui ci si sentiva spesso a me non è sembrato proprio che ci fossero solo litigi. È vero che qualche volta siamo arrivati ad interrompere i contatti. Se devo essere franco mi sentivo inutile, sembrava che nulla sarebbe mai cambiato in nessun caso. In sostanza ho pensato che avresti sempre preferito scelte di compromesso tra cose che a me sembravano incompatibili. Ci tengo a sottolineare che queste cose non hanno interrotto un rapporto di stima e di affetto vero nei tuoi confronti e penso reciproco. Tra noi non c’è mai stata falsità né formalità ma, indubbiamente, partivamo da modi molto diversi di vedere la vita. Sei un ragazzo onesto e con tutte le contraddizioni che tu stesso ammetti, non è possibile non volerti bene. In alcuni casi non riesco a comprendere alcune tue decisioni e quella che tu chiami doppia personalità ma resti una persona con la quale ho avuto, ho tuttora e spero di avere per molti anni ancora un rapporto autentico che mi ha dato e mi da moltissimo. Ieri, parlare con te è stato, come sempre, molto gradevole e gratificante. Insomma Mj_89 non ti capisco al 100% però adesso ti capisco molto più di prima e comunque mi hai dato moltissimo e la chiacchierata di ieri sera mi ha permesso di apprezzare tante altre cose che, come puoi immaginare, mi fanno immensamente piacere. Ti ringrazio infinitamente di non avermi messo da parte, è una cosa che apprezzo moltissimo! (ma non mi ero dimenticato di Mj_89)
 
     
 
 
  
 
 Aster_86  Inviato il: 13/10/2008, 17:24 
 

Advanced Member


Gruppo: Utente
Messaggi: 188
Provenienza: Da qualche parte nel NE


Stato: 


 
 Ciao! Intanto grazie della testimonianza. Io credo che sacerdoti come quello che hai conosciuto tu agiscano in perfetta buona fede, ma facciano un male che nemmeno possono immaginare a persone come te. Io già ti conosco e so che qualsiasi discorso io possa fare contro il cattolicesimo o la religione più in generale non ti tange minimamente, tanto forte è la tua fede. Bada che non è un complimento, avrei potuto dire "ingenuità" o "creduloneria" intendendo la stessa identica cosa. Il fatto è che non trovo altro da dire, il problema è lì, solo lì, non c'è modo di negarlo. Trovo sconcertante che un ragazzo di quest'età arrivi a chiedere di morire (sì, morire) non per non subire qualcosa che lo fa soffrire, ma per non arrivare a fare ciò che -in cuor suo- è tutto ciò che desidera. Morire pur di non essere felici! Dentro di te sai che potresti sentirti realizzato accanto a un ragazzo. Perché no? La differenza tra me e te, nella tua visione allucinata, è che io sono destinato ad andare all'inferno, mentre tu sarai felice per l'eternità, dopo una vita di strazio, solitudine, depressione, sensi di colpa per il semplice fatto di esistere. Ecco il nocciolo della morale neotestamentaria! Senso di colpa per il fatto stesso di esistere. Chi è gay sa cos'ha fatto di male, gli altri si devono accontentare del peccato originale (commesso da Adamo 5000-6000 anni fa). Te lo dico ancora, pur sapendo che le mie parole troveranno un muro incrollabile di certezze infondate, pericolose, senza logica e senza coerenza: di questo mondo siamo sicuri, del prossimo, per nulla! Vivi ora, tu puoi amare, MJ! Mi dispiace tantissimo per te, ma la la decisione di farti vivere così male non viene da Dio, dal diavolo, dai folletti, da Babbo Natale o chissà cos'altro. La colpa è solo tua: Selbstverschuldeten Unmündigkeit, stato di minorità che devi imputare a te stesso. Spero che verrà il giorno che maturerai e capirai che non c'è nessun motivo per cui aderisci alla tua assurda fede se non che è quella che ti è stata inculcata fin da piccolo, quando tutto quel che dice mammà non può che essere vero. Forse capirai che puoi prendela con più elasticità, sceglierne un'altra o, meglio ancora, nessuna. Noi possiamo sorridere, o possiamo provarci, tu scegli di non farlo. Mi dispiace da morire di questa situazione perché sei un ragazzo tanto caro, non sai come vorrei poter fare qualcosa per te, davvero!

Quanto al primo incontro... sei stato tremendamente ingenuo, spero che ti servirà di lezione! E per il ragazzo ora, credo che dovresti parlarne con lui, come prima cosa!


PS: Sì, mi permetto di essere così radicale e sfacciato contro la religione. Non ho intenzione di rispondere ad eventuali critiche perché (qui) non scrivo per combattere una battaglia personale, ma confido che questo intervento rimmarà al suo posto, altimenti mi offenderei parecchio. Non sono fiero di quello che sono, ma sono fiero delle mie idee.
FRATTAGLIE: s. f. pl.; il cervello, il cuore, il fegato, l'anima e tutte le altre interiora.
       
 
 
  
 
 d.melanogaster  Inviato il: 13/10/2008, 19:32 
 

G: [...] Oggi 10 Gennaio 1610 l'umanità scrive nel suo diario: abolito il cielo!


Gruppo: Utente
Messaggi: 50
Provenienza: the northwest passage to the sea


Stato: 


 
 QUOTEcommesso da Adamo 5000-6000 anni fa

non facciamo i vaghi please. si tratterà di 6012 anni il prossimo 30 ottobre!

Per Aspera, Ad Astra
      
 
 
  
 
 back2back  Inviato il: 18/10/2008, 16:28 
 

Advanced Member


Gruppo: Utente
Messaggi: 80
Provenienza: Padova


Stato: 


 
 Per prima cosa rilleggiti per bene "Lo strano caso del signor Jakyll e del signor Hide" che come paragone con te non ci sta in alcun modo ....
Secondo
CITAZIONEla Madonna disse a Lourdes: “Non prometto di farti felice in qsto mondo ma nell’altro”

bene si veda il caso che si possa essere felici pure in questo e per i terribili castighi eterni di cui ti affliggi già da ora per il prossimo se non sbaglio la tua religione prevede il rammendo dell'ultimo minuto con un bel "mi pento", quindi fatti 2 calcoli perchè nel tuo mondo ultraterreno a farti compagnia avrai tanti ma tanti incalliti delinquenti veri che se la sono spassata alla faccia tua che soffrivi e ti disperavi perchè avevi voglia di amare qualcuno.
La religione cristiana ... benvenuta somma ipocrisia!!!!
L'assenso generale e la mancanza di spirito critico non sono compatibili con la democrazia.
     
 
 
  
 
 Asimo  Inviato il: 23/10/2008, 21:30 
 

Advanced Member


Gruppo: Utente
Messaggi: 57


Stato: 


 
 correggi, per favore: "religione Cattolica", non "religione Cristiana": io non sono Cattolico ma sono comunque Cristiano, e nella mia religione non c'è alcuna forma di ipocrisia, almeno per quanto riguarda il noto argomento di cui si parla in questo forum  ... e comunque secondo me uno non dovrebbe mettere insieme tutte le religioni cristiane, (perchè non ce n'è mica una sola, eh?)non mi pare il caso di fare di tutta l'erba un fascio, o come si dice...!

P.S.:questo non vuole essere un messaggio aggressivo, o comunque di critica, vuole essere solo una piccola rettificazione! 
     
 
 
  
 
 back2back  Inviato il: 24/10/2008, 18:03 
 

Advanced Member


Gruppo: Utente
Messaggi: 80
Provenienza: Padova


Stato: 


 
 Accetto la rettificazione e ammetto di non essere molto ferrato in questo campo per cui in effetti sono stato approssimativo, posso solo chiarire dicendo che nel riferirmi a religione Cristiana nella mia testa facevo allusione alla Chiesa cattolica, ortodossa, protestante, anglicana e battista. Poi sinceramente non so che confessione cristiana tu pratichi ma mi fa piacere sapere che non ha niente a che fare con atteggiamenti di ipocrisia e controllo sociale.
L'assenso generale e la mancanza di spirito critico non sono compatibili con la democrazia.
     
 
 
  
 
 the_dreamer89  Inviato il: 24/10/2008, 21:35 
 

I'm your dream-energizer


Gruppo: Utente
Messaggi: 37
Provenienza: Palermo (Terronia)


Stato: 


 
 Ciao MJ...noi non ci conosciamo, ma ho letto questo tuo messaggio e mi dispiace veramente per tutto quello che hai e che stai passando...ma voglio dirti solo alcune cose:

Prima di tutto, non devi assolutamente vergognarti di quello che sei o desiderare di morire per questo, perchè in te non c'è nulla che non va, non sei malato o deviato, semplicemente "ami", e mi dispiace che le altre persone, soprattutto quel sacerdote, che dice di professare la parola di Dio che è amore, non riesca a concepire che seppur un amore diverso, si tratta pur sempre di amore!

Per l'incontro con quell'uomo, si, è stato un errore, ma tutti possiamo fare degli errori, ed è anche giusto perchè gli errori ci servono per crescere, per imparare a non commetterne altri..e per quanto riguarda quel ragazzo, come ha giustamente detto Aster, parlane con lui, confidagli ciò che ti turba senza alcun timore, perchè se c'è una cosa di cui hai bisogno è qualcuno che ti stia accanto e ti aiuti in questo momento difficile della tua vita.

Personalmente, mi definisco un religioso, anche se come ogni persona ho avuto e ho ancora qualche dubbio...e premetto che credo in Dio, e voglio crederci...ma ti ricordo che la Chiesa non è Dio, è l'Uomo...e non sempre, anzi quasi mai, l'Uomo ha ragione e dice la cosa giusta...ma di una cosa sono sicuro...se davvero esiste (e in cuor mio spero davvero che esista), Dio ci ama tutti così come siamo, gay o etero, e non guarda di certo alle nostre diversità per definirci "buoni" o "cattivi"...e nessuno, nemmeno la chiesa, può etichettarti come un "deviato" per quello che sei, ma solo Lui, e di certo Lui non ti giudica come una persona che merita di bruciare all'Inferno (tra l'altro è sempre l'Uomo che ha scritto questa emerita cavolata, non Dio, di Lui non abbiamo nessuna prova se non la nostra fede) perchè gay!

Quindi cerca di tirarti su, di andare avanti a testa alta, fiero di chi sei, perchè sei una persona come tutte le altre, se non migliore di certe persone...e non necessariamente devi smettere di credere in qualcosa di superiore, sei libero di vivere la religiosità come vuoi, interiormente...sei libero di essere chi sei, non lasciare che gli altri, perfino i sacerdoti, ti privino della tua libertà di amare, e tu non sentirti in colpa per chi ami, perchè non nei hai motivo...Dio ti ha fatto così, e non c'è motivo per cui tu debba vergognartene.

Ti auguro il meglio.


Verbotene Liebe fan


My music, my passion...


...I'm a different star
Darkened by ignorance and pain,
Calling out for you...

 


 
      
 
 
  
 

 7 risposte dal 13/10/2008, 13:28
 

Comments