UN'ISOLA BELLISSIMA

Un'isola bellissima, Una persona eccezionale 
 
 « Disc. precedente | Disc. successiva »Notifica nuove risposte | Invia tramite email | Stampa Discussione
 
 
 gianeuge  Inviato il: 12/8/2008, 20:04 
 

Senior Member


Gruppo: Utente
Messaggi: 319


Stato: 


 
 Ora , cerco di raccontarvi , spero senza annoiarvi , ciò che mi è successo negli ultimi 2 mesi . Avevo deciso di ritirarmi , di chiudere con la vita che conducevo , cercando di ricostruirmi una nuova vita , senza dimenticare il mio passato . L'approccio a questa nuova esperienza , subito , mi ha creato alcune difficoltà , il modo di vivere , la mancanza assoluta di contatti ( no internet , no phone ec.ecc. ) però avevo una quantità sufficente di libri , il mio mp3 , ed il pc sul quale scrivevo . Ero molto isolato , e la nostalgia , ogni tanto faceva il suo ingresso . Avevo portato con me un sacco di abbigliamento , che alla fine non ho quasi mai usato , la casa era comoda e ben situata , insomma quasi tutto era come avevo immaginato . Una vita sana tranquilla , fuori dai ricordi di tutti i giorni , ma che inevitabilmente sono entrati nella valigia senza volerlo . Non si può fare tutto in una volta sola , un poco alla volta , visto la mia timidezza , ho cominciato a conoscere un pò di gente , qualche saluto , poche chiacchiere , mi piaceva molto stare solo la sera , con la mia musica , davanti ad una candela accesa , pensando a tante cose , e riuscivo ad estraniarmi abbastanza bene , stavo cercando un equilibrio che non trovavo da parecchi anni . Avevo il pensiero del cibo , delle cose normali per potere andare avanti nella giornata , la casa era molto isolata , a 14 km dalla città , a 10 km dal mare , ero sotto un vulcano spento , paesaggio molto lunare , poche auto ed un grande silenzio , che a volte era troppo ! le nostre orecchie non sono più abituate ad ascoltare solamente i rumori che provengono solamente dal nostro cuore . Tutte le mattine una signora di nome Maria mi metteva sul tavolo , quello sotto il portico , pomodori , pesche , limoni , arance , mandarini, quelli veri , che profumano e che noi siamo abituati a mangiare solo a Natale . Un poco alla volta mi stavo ambientando in quella che era e spero che sarà la mia nuova vita , la sera guardavo tramontare il sole ed arrivare all'improvviso la notte , un cielo pieno di stelle luminosissime la luna che dava un chiarore strano a tutte le cose , i rumori della notte , l'ora di andare a letto e dormire senza il bisogno di rigirarsi 50 volte nel letto prima di chiudere gli occhi . Era la vera pace , o siamo noi a crearci confusioni mentali che non ci fanno vivere una vita tranquilla . Qualcosa stava cambiando senza che io me ne potessi accorgere . Siamo noi a vivere in una maniera sbagliata , o loro , che hanno capito davvero quale è il ritmo giusto della vita .
     
 
 
  
 
 gayproject    Inviato il: 12/8/2008, 21:41 
 
Senior Member


Gruppo: Amministratore
Messaggi: 721


Stato: 


 
 Come è bello rivederti qui gianeuge!!! Sei proprio speciale, un poeta! Tutte quelle cose sono naturali e bellissime ma anche noi esistiamo e ti vogliamo bene!!!
     
 
 
  
 
 gianeuge  Inviato il: 12/8/2008, 22:06 
 

Senior Member


Gruppo: Utente
Messaggi: 319


Stato: 


 
 Anche io avevo tanto bisogno di voi , mi siete mancati tanto , poi ci sono novità che non tarderò a raccontarvi ! Ancora un abbraccio Gianni .
     
 
 
  
 
 Figaro87  Inviato il: 13/8/2008, 11:21 
 

Advanced Member


Gruppo: Utente
Messaggi: 53


Stato: 


 
 Cavolo secondo me hai fatto un'esperienza bellissima..... in un certo qual senso devo dirti che ti ammiro! Davvero!!! Spero che ci racconterai ancora di questa nuova esperienza di vita!
un abbraccio
Figaro 
     
 
 
  
 
 gianeuge  Inviato il: 14/8/2008, 18:37 
 

Senior Member


Gruppo: Utente
Messaggi: 319


Stato: 


 
 Dopo un periodo di assestamento , cominciai a condurre una vita quasi normale , o perlomeno stavo cercando di adeguarmi alle abitudini degli abitanti del posto " non come turista " L'idea mi piaceva molto , anche perchè , riuscivo ad avere meglio la visione di come avrei potuto cavarmela da solo . Avevo vicini di casa , in un piccolo borgo , alcune famiglie , che vivevano lavorando i campi di terra scura "vulcanica " ed erano tutte coppie di persone anziane , o perlomeno più vecchi di me , i loro visi erano cotti dal sole e dall'aria asciutta dell'isola . Molto probabilmente , loro , pensavano che io fossi un turista attratto dalla magia di quel luogo , e mi avevano accolto in una maniera molto cordiale , quasi , sentivo un senso di protezione nei miei confronti ; in particolare c'era questa signora Maria , che con occhio molto discreto , controllava quasi tutti i miei movimenti , ed era sufficente uno sguardo per rassicurarla che tutto andava bene . Non c'era alcun tipo di vita sociale , e le poche volte che mi sono recato in città , cercavo di fare le mie commissioni alla svelta , per tornare subito a casa mia troppa gente , troppi turisti ; invece quando andavo al mare stavo bene , una spiaggia infinita e pochissima gente ,anche se io cercavo di appartarmi e di evitare le persone che parlavano in inglese od una lingua che non fosse lo spagnolo . Tante volte , la sera , verso l'ora di cena , vedevo arrivare automobili nelle varie case , molto probabilmente figli o parenti che rientravano dal lavoro , perchè quel posto non offriva molto se non lavorare la terra ; allora si animava un pochino quel piccolo centro , si sentivano voci , risate e sopratutto i bambini che cominciavano a correre e giocare prima che facesse buio , ed il tutto prendeva una dimensione più viva e l'idea di essere in mezzo a della gente giovane mi dava una sicurezza ed un senso di tranquillità . Ero in uno stato , quasi di apatia , non cercavo e non avevo voglia di vedere nessuno , quasi come stessi provando a cercare me stesso(Gianni) di tanti anni fa , quando avevo la voglia di fare e di vivere la vita a braccia aperte . Una cosa strana , però la notai , non pensavo minimamente ad incontrare , o ad avere esperienze gay , una cosa però mi mancava molto , mi avrebbe fatto molto piacere , trovare un amico , col quale poter parlare senza nssun freno inibitore . Ero una contraddizione , nel vero senso della parola .
     
 
 
  
 
 gianeuge  Inviato il: 14/8/2008, 23:14 
 

Senior Member


Gruppo: Utente
Messaggi: 319


Stato: 


 
 E come in tutte le storie che si rispettano , entra in campo un personaggio . La signora Maria , aveva un nipote , che tutte le domeniche , andava a farle visita , insieme andavano alla messa nella piccola chiesa del paese e a volte si tratteneva anche per il pranzo , poi verso l'imbrunire , tornava a casa . La terza Domenica , ricevetti un'invito che non mi aspettavo , Maria , mi chiese se avessi gradito pranzare con loro , risposi subito in modo affermativo , anche perchè avevo voglia di sentire il loro modo di cucinare , sentivo spesso dei profumi di cibo che mi facevano venire l'acquolina in bocca . Arrivò l'ora della messa , poi del pranzo , anche in quel momento (in chiesa ) , sentivo un'atmosfera strana , tutti che mi guardavano come se fossi stato un ufo , ed ogni tanto sentivo lo sguardo del nipote , che con gli occhi mi faceva capire di non preoccuparmi , erano anni he non entravo in una chiesa per una messa , ma anche quella fu una cosa quasi emozionante , poi , a funzione finita , tutti fuori , nella piazzetta , a scambiare alcune chiacchiere e strette di mano , così quella domenica finii per conoscere anche tutto il resto del paesino; ci incamminammo verso la casa di Maria per il pranzo , prendemmo un'aperitivo , poi una paella gigantesca apparve sulla tavola , eravamo in sei , intorno a quel capolvoro , c'era il nipote , Maria con suo marito (abbastanza burbero ) due altri parenti ed io . Ognuno fece il proprio piatto e cominciammo a mangiare , mi sentivo lo sguardo fisso addosso del nipote di Maria , ma io continuavo a mangiare , senza pensare a nulla di particolare , anche perchè era un ragazo che avrà avuto al massimo 25 anni e non pensavo neanche lontanamente di poter destare interesse ad una persona di 30 anni meno di me . Era una cosa che non mi toccava nemmeno, continuavo a mangiare paella e bere del buon vino fresco , finimmo il pranzo con dei dolcetti alla mandorla , squisiti , poi ci alzammo da tavola , ci sedemmo nel patio , mentre Maria e suo nipote rigovernavano in cucina , la discussione languiva o non partiva , forse il vino o il fattore lingua , poi finalmente ci raggiunsero gli altri due commensali e cominciammo a parlare un poco , un misto di spagnolo -italiano-inglese . Avevo al mio fianco Alex (nipote) che continuava a farmi domande e a guardarmi , all'improvviso mi accorsi di lui , non so se era il vino o non so cosa , lo guardai negli occhi la prima volta , aveva uno sguardo che perforava , il viso con dei lineamenti gentili e belli , le labbra che sembravano ciliege ed i capelli neri ed ispidi , era la prima volta , dopo tanti anni che guardavo un uomo con interesse . Arrivò l'imbrunire , Maria era fiera di avere avuto a pranzo il nuovo arrivato , e che suo nipote avesse chiacchierato tanto e fatto amicizia con me , al momento dei saluti ci stringemmo tutti la mano , Alex strinse la mia e mi sfiorò la guancia con le sue labbra , mi misi la mano sulla guancia , come per trattenere quel tocco . Salì sulla sua macchina mi fece un grande saluto e mi disse " a Domenica" . Io rincasai felice per la bella giornata , ma nello stesso tempo in confusione totale , tenendomi ancora la mano sulla guancia , per paura di perdere quel piccolo contatto . Avrei avuto tutta una settimana per pensare a ciò che era successo .
     
 
 
  
 
 gianeuge  Inviato il: 15/8/2008, 10:59 
 

Senior Member


Gruppo: Utente
Messaggi: 319


Stato: 


 
 La mia testa era un vulcano pieno di domande , alle quali dovevo cercare di dare una risposta , non era successo nulla di così importante , ma avevo in continuazione davanti agli occhi lo sguardo , il viso , le mani , le labbra di Alex , il suo sorriso dolce , ed i suoi gesti gentili e raffinati , avevo ripassato tutta la giornata e sopratutto avevo rivisto meglio le attenzioni di quel ragazzo nei miei confronti . Pensavo al fatto che lui parlava poco , e mi ascoltava a bocca aperta , e non perdeva mai di vista il mio sguardo , mi ero anche rimproverato di avere parlato troppo e non avere lasciato spazio per lui , non sò , mille domande , ed un pensiero fisso Alex ; poi pensavo anche che io ero partito per mettermi il cuore in pace , ed in un'attimo facevo già progetti per un futuro , basati su una stretta di mano ed uno sfiorar di labbra sulla mia guancia , forse per noi gay , sempre tanto affamati di gesti affettuosi e sinceri , anche da un piccolo gesto o da uno sguardo particolare abbiamo l capacità o la disperata necessità di avere una sicurezza al fianco . Mi dicevo , forse Eugenio sta cercando di darmi una mano , non accetta di vedermi da solo , a Lui farebbe piacere se io trovassi l'amico , poi , quando conobbi il mio Uomo , io avevo 30 anni e Lui 60 ; cercavo in tutti i modi di giustificare questa mia sbandata , che era avvenuta solamente nel mio cervello ; tutti questi ragionamenti tra me e me li stavo facendo sotto il portico , davanti alla candela accesa e con la mano che toccava ancora la guancia , erano già le due del mattino , ma l'euforia e l'agitazione non mi facevano venir sonno , poi andai a coricarmi e mi addormentai con il pensiero fisso verso Alex e che Eugenio ci aveva messo lo zampino .
     
 
 
  
 
 gianeuge  Inviato il: 15/8/2008, 17:40 
 

Senior Member


Gruppo: Utente
Messaggi: 319


Stato: 


 
 La notte tra la Domenica e Lunedì la passai in maniera molto agitata , continuavo a cercare giustificazioni a questo mio netto cambiamento di rotta , ed ero sempre più sicuro , che c'era di mezzo Eugenio , Lui non avrebbe mai accettato di vedermi vivere solo o di lasciarmi andare in quella maniera , (non faceva parte del mio carattere ) ; la mattina mi alzai , mi preparai la colazione , ma avevo sempre lo sguardo rivolto verso la casa della signora Maria e nella mente il sorriso e l'espessione gentile di Alex , dovevano passare sette giorni , ed io dovevo cercare di occupare tutto quel tempo in attesa della Domenica mattina , ad ogni macchina che passava , e che rallentava il mio cuore faceva una capriola , ma nulla di fatto , verso la fine della settimana , andai in città per fare scorta di generi alimentari e bevande , per avere il frigorifero pieno , ma non pensavo a cose che potesser piacere a me , bensì , cercavo di indovinare i gusti di Alex , nell'eventualità di potergli offrire un'aperitivo o un piccolo snack . Arrivò il sabato pomeriggio ed il mio cuore era già in fibrillazione , giravo intorno senza concludere nulla , poi verso sera vidi una macchina arrivare davanti alla casa di Maria , era Alex , che differenza delle altre volte arrivò il Sabato sera anzichè la Domenica mattina ; avevo il cuore in gola , non sarei riuscito a spiaccicare una parola se in quel momento fosse entrato in casa mia , feci na doccia veloce , poi sentii bussare alla porta , davanti a me c'era il mio piccolo uomo e la zia con un sorriso a 48 denti , avevo le gambe che tremavano , dalla mia bocca uscivano suoni che non si potevano definire parole e sicuramente un sorriso da ebete ; li feci accomodare nel patio ed offrii loro da bere , dopo dieci minuti la zia si scusò e tolse il disturbo , il mio panico aumentò , e non riuscivo a mascherare il rossore che man mano aumentava sul mio viso , cercavo di fare cose che non avevano senso in quel momento , pur di non fermarmi a sedere davanti a quella prsona che avevo tanto desiderato per una settiman , e tutte le parole che mi ero ripromesso di dirgli all'improvviso scomparvero dalla mente ! Alex si alzò , mi appoggiò una mano sulla spalla , io mi girai e senza che nessuno dei due dicesse qualcosa ci baciammo , molto probabilmente anche Alex aveva le mie stesse paure e remore ; dopo quel lungo bacio , riuscii a riprendere in mano la situazione , e spiegai a quel piccolo Angelo tutto ciò che avevo passato , che non volevo ferirlo , che era una cosa troppo preziosa per me e che io ero molto più grande di Lui , la risposta arrivò con un'altro bacio lungo lungo lungo ... Ci accordammo per andare al mare la mattina successiva , ed Alex si scusò , e si avviò verso casa della zia . Non dormii tutta la notte , la mattina arrivò abbastanza velocemente e partimmo , verso il mare con la mia macchina ; passammo una giornata indimenticabile , sembravamo due coetanei che giocavano nell'acqua come matti , non mi sentivo così da parecchio tempo e per la prima volta avevo davvero la testa ed il cuore felici ! Anche quella fu una giornata magica e memorabile , non mangiammo nemmeno ed arrivò sera in un attimo . Partimmo per andare verso casa , Alex mi ringraziò con un altro bacio e mi disse che forse sarebbe riuscito a prendersi una settimana di vacanza ; non capivo se stavo sognando o era realtà !
     
 
 
  
 
 gianeuge  Inviato il: 16/8/2008, 09:09 
 

Senior Member


Gruppo: Utente
Messaggi: 319


Stato: 


 
 Iniziò per me un'altra settimana di attesa , e di domande che in continuazione mi ponevo " era giusto che io mi imbarcassi in una storia con un ragazzo molto più giovane di me ? e se dopo qualche tempo Lui si fosse stancato , io avrei preso un'altro pesce in faccia , io che cosa rappresentavo per Lui , un'avventura , una curiosità ? , e se le cose fossero state prese in maniera seria anche da Lui ? , come potevo gestire la situazione ? , in quei pochi momenti di intimità che abbiamo passato insieme , Lui mi sembrava molto sincero , io non potevo dire che ne ero innamorato , ma i sintomi erano veramente preoccupanti ! Cosa avrebbe pensato la Zia Maria di questa amicizia nata in maniera così fulminea ? Era Amicizia o qualcosa di più ? E la gente cosa avrebbe pensato , io sembravo suo padre ! , Io avevo tanta paura di ferirlo , di andare oltre , di poterlo offendere , visto che fino a quel momento il nostro rapporto si era limitato a dei semplici baci , anche se molto intensi , Lui non mi sembrava molto esperto , anche se io non potevo giudicare (non sono mai stato un mago del sesso ) . E i genitori di lui , cosa avrebbero pensato ? sapevano che il figlio era gay ? Ed Alex sapeva di essere gay , o per lui era solo una gran voglia di sentirsi coccolato ed abbracciato ? E pure io avevo voglia di tenerezza e di affetto . Dal primo momento , il suo atteggiamento , nei miei confronti mi è sempre apparso limpido . Decisi di aspettare che arrivasse , poi in seguito le conclusioni le avremmo tratte insieme .
     
 
 
  
 
 gianeuge  Inviato il: 16/8/2008, 15:21 
 

Senior Member


Gruppo: Utente
Messaggi: 319


Stato: 


 
 Il venerdì pomeriggio Alex arrivò verso le 18 , io avevo già preparato tutte le scorte di viveri , anche perchè non sapevo se si fermava dalla zia o se (magari ) avesse dormito da me , ero come al solito molto agitato e preoccupato che non si potesse trovare bene ; passò dalla Zia , poi si avviò verso casa mia con un borsone , lo feci entrare , e la prima cosa che facemmo tutti e due d'istinto , ci abbracciammo e ci baciammo , gli chiesi se voleva stare nel letto singolo , ma Lui disse he avrebbe preferito dormire con me , lo aiutai a sistemare le sue cose , eravamo entrambi abbastanza silenziosi , ma la cosa era giustificabile , l'emozione era forte per tutti e due , sistemate le cose , ci sedemmo un poco nel patio in attesa dell'ora di cena , io gli chiesi che lavoro stava facendo , e lui rispose che aveva appena terminato l'università ( informatica ) non so quale specializzazione , e che stava facendo dei lavoretti , in attesa di un lavoro fisso , ma sull'isola non era facile trovare un posto adatto al tipo di studio da Lui fatto , io gli raccontai un pò della mia vita , e ci accorgemmo che il tempo era volato , quindi gli preparai alcuni tramezzini , e quella fu la nostra cena , stavamo bene insieme , non c'erano momenti di vuoto , Lui era un pò più silenzioso di me , ed io per reazione non facevo altro che parlare , mi aiutò a rigovernare in cucina , ed avevo l'impressione di conoscere quel ragazzo da sempre , mi trovavo bene con Lui ed era una cosa reciproca , ci sedemmo ancora nel patio in attesa di andare a letto , Lui mi spiegava che il mio pc non funzionava perchè non c'era linea , che il mio cellulare era impostato male , e mi diceva tutte queste cose standomi vicino , quasi attaccato , ed io mi spingevo ancora di più vicino a Lui , nel silenzio della notte si sentivano i nostri due cuori battere velocissimi . Andammo a letto , eravamo imbarazzati , e appena coricati , ci stringemmo forte , un abbraccio ed un bacio che durò quasi tutta la notte , io ogni tanto allontanavo la mia testa per vederlo meglio nel viso , poi mi rituffavo tra le sue braccia , era bello essere stretti forte , sentire un corpo di uomo che stringeva e voleva essere stretto , era una voglia di affetto , di calore umano che avevamo tutti e due represso per troppo tempo , non era sesso , ma un contatto che era più forte di qualsiasi atto sessuale . Verso l'alba Alex si addormentò , cercava con i suoi piedi i miei , io non riuscivo a dormire e guardavo il suo viso che riposava serenamente appena illuminato dal chiarore del giorno e ringraziavo Eugenio per avermi fatto sentire di nuovo vivo e capace di provare ancora sentimenti che avevo dimenticato .
     
 
 
  
 
 gianeuge  Inviato il: 16/8/2008, 21:19 
 

Senior Member


Gruppo: Utente
Messaggi: 319


Stato: 


 
 THE END .
     
 
 
  
 
 Aster_86  Inviato il: 17/8/2008, 11:03 
 

Advanced Member


Gruppo: Utente
Messaggi: 188
Provenienza: Da qualche parte nel NE


Stato: 


 
 Ma come THE END? Sembra una telenovela, termina proprio quando ormai ti sei appassionato e vorresti sapere che succede dopo! Comunque son contento per te, sei stato molto fortunato direi!
FRATTAGLIE: s. f. pl.; il cervello, il cuore, il fegato, l'anima e tutte le altre interiora.
       
 
 
  
 
 gianeuge  Inviato il: 17/8/2008, 11:13 
 

Senior Member


Gruppo: Utente
Messaggi: 319


Stato: 


 
 Ho scritto , THE END ; perchè ieri sera ho ricevuto un messaggio privato , che diceva in poche parole " che ciò che sto scrivendo è una presa in giro per i ragazzi del forum , che ......... mi piacerebbe , e l'ho anche invitato a farlo , che l'autore , pubblicasse il messaggio , anzichè tirare il sasso e nascondere la mano . Le persone adulte non si comportano così . Mi dispiace , ma io ho sempre scritto su questo forum , senza mai pensare di prendere in giro nessuno . Gianni .
     
 
 
  
 
 gayproject    Inviato il: 17/8/2008, 17:16 
 
Senior Member


Gruppo: Amministratore
Messaggi: 721


Stato: 


 
 Caro Gianni,
non so di preciso chi ti ha scritto quel messaggio, ma siccome a me è arrivato un messaggio con forti note di scetticismo sulle cose che ha scritto posso immaginare di chi sia. Giustifico la persona che ti ha scritto il messaggio perché si tratta di una persona che non ha la nostra età e non può credere nell’autenticità delle cose che tu dici. Ma io, che sono più vecchio di te, leggendo la tua storia, la trovo estremamente realistica. Sono cose che l’amico che ti ha mandato il messaggio neppure può sospettare perché non le vive in prima persona, anche se presume di avere una visone a 360° del mondo gay, Relazioni affettive importanti tra persone di età molto diversa esistono eccome nel modo gay, non solo non sono favole ma sono molte volte cose serissime. In situazioni del genere i dubbi e i problemi possono essere enormi anche se la dimensione affettiva può essere realmente profondissima. Su queste cose si danno spesso giudizi moralistici astratti e semplicistici o si conclude che si può trattare solo di sogni, ma i sogni non c’entrano nulla e il senso di queste cose può essere determinante per la vita di due individui.
 
     
 
 
  
 
 gianeuge  Inviato il: 17/8/2008, 18:37 
 

Senior Member


Gruppo: Utente
Messaggi: 319


Stato: 


 
 Questo è il messaggio privato che ho ricevuo ieri sera da un ragazzo del Forum : La favoletta.... Caro Gianni , Visto che non mi va di girarci intorno fino alla fine : il vedovo triste , l'isola perfetta , poche persone ma giusto chi si finisce di incontrare ??? La gentile signora Maria che sta dietro al vecchietto acculturato ma depresso e thò per caso ha pure un nipote .... un ragazzo di 30 anni che si innamora al primo sguardo dell'anziano gay che vede il mondo spento .... Pure il morto che conduce le cose dall'al di là insomma , la favoletta precisa !! Ma chi la dai a bere ??? Mia mamma i romanzi rosa li leggeva quando ancora non aveva la fissa della telenovela !!! La vita è piena di sorprese ma la favola e le favolette non rientrano nei suoi piani . Anche da scrittore riusciresti ad essere poco credibile dai... cosa è il passato che ritorna ? Credi forse che a raccontare ai ragazzi tristi del Forum che cercano l'amore si rivitalizzano e tornano a crederci ??? No , li freghi soltanto e pure male... A me non menarmela grazie , Vedo di continuo uomini gay che si affannano attorno ai ragazzi , vedo come va a finire ... lo vedo bene ... Se la dovevi raccontare la dovevi fare meno perfetta ! ( firma ) . Grazie di cuore Gianni .
     
 
 
   Survived  Inviato il: 18/8/2008, 23:50 
 

 


Gruppo: Utente
Messaggi: 635


Stato: 


 
 A volte,
Quello che la gente sogna dentro,
vede realizzarsi nei giorni altrui,
e non c'è invidia che si possa trattenere.

 


Gianni ti voglio immensamente bene, sei una persona come poche, Sei forte, se un "survived" migliore di me!


"I will survive abandonment, I will survive a broken heart, I will survive loneliness"

my blog
www.speakmyvoice.spaces.live.com
 
     
 
 
  
 
 gayproject    Inviato il: 18/8/2008, 23:53 
 
Senior Member


Gruppo: Amministratore
Messaggi: 721


Stato: 


 
 Gianni!!!
Condivido e sottoscrivo le parole di Survived! 
     
 
 
  
 
 gianeuge  Inviato il: 19/8/2008, 08:04 
 

Senior Member


Gruppo: Utente
Messaggi: 319


Stato: 


 
 Grazie , Survived , Grazie Project , Grazie a tutti i ragazzi del forum , non è mai stata mia intenzione prendermi gioco di nessuno , tantomeno , approfittare della vostra Amicizia .
     
 
 
  
 
 gianeuge  Inviato il: 19/8/2008, 09:47 
 

Senior Member


Gruppo: Utente
Messaggi: 319


Stato: 


 
 La settimana passò in fretta , come tutte le cose belle , abbiamo girato , siamo andati al mare ed in città , sempre con un entusiasmo ed una felicità nell'anima che non sentivo da tanto tempo , e non facevo altro che ringraziarlo , e Lui stupito , mi chiedeva perchè ?Ho cercato di spiegargli che aveva fatto tanto per me , mi aveva fatto rivedere la vita di nuovo e ( l'avvelenamento da solitudine ) stava un poco alla volta regredendo , era riuscito , inconsapevolmente , a rimettermi in strada , ad affrontare la vita con uno spirito diverso , non più negativo . Alex , la Domenica pomeriggio partì verso casa , mi dispiaceva molto , ma nel mio cuore avevo notato un cambiamento , avevo il coraggio , di VIVERE , senza paure o timori ! Il lunedì mattina , mio fratello mi telefonò , per dirmi che dovevo rientrare , che avevo ancora da fare alcuni giri , di carattere burocratico ; avvisai Alex e trovai un volo per l'Italia per sabato 9 agosto , Lui mi accompagnò all'aeroporto , avevamo gli occhi un pò pieni di lacrime , ci stringemmo la mano poi mi avviai verso l'imbarco . Nelle quasi cinque ore di volo ripassai tutti i momenti belli vissuti insieme ,e cominciavo a fare progetti per il nostro futuro . Ora ci sentiamo quotidianamente per telefono , ed io , ogni tanto lo ringrazio ancora , e dall'altra parte la voce di Alex che dice " ma perchè mi ringrazi , non ho fatto nulla " ; spero di terminare alla veloce le commissioni che ho da fare , e potere tornare indietro , con la speranza di ritrovare e rivedere la persona che mi ha aiutato davvero tanto . Gianni .
     
 
 
  
 
 gianeuge  Inviato il: 19/8/2008, 11:14 
 

Senior Member


Gruppo: Utente
Messaggi: 319


Stato: 


 
 REALIZZARSI A LIVELLO AFFETTIVO E' UNA DELLE COSE PIU' IMPORTANTI DELLA NOSTRA VITA ! GIANNI .
     
 
 
  
 
 back2back  Inviato il: 19/8/2008, 15:08 
 

Advanced Member


Gruppo: Utente
Messaggi: 80
Provenienza: Padova


Stato: 


 
 Il messaggio l'ho scritto io e avevo pure detto che non avrei avuto problemi a metterlo io sul forum, ma vedo che qualcun altro si è appropriato di tale diritto e a questo punto ti chiedo di metterci la mia firma sotto come avrei fatto io se mi fosse stato lasciato il tempo (non vivo davanti al pc!).
Detto questo io rimango nella mia convinzione della favoletta, primo incontro amore a prima vista di un 25enne con un 55 enne, secondo incontro ci si bacia (ma chi vive la realtà sa benissimo quanti problemi ci sono quando non si sa se uno è gay o meno ...), terzo incontro trasferimento in casa con valigia (anche qui, tutto liscio come l'olio, come se fosse una cosa normale che un ragazzo vada a dormire a casa di un anziano appena conosciuto. Mah!!). Per non dire la cornice d'intorno da collossal americano!!! Ognuno rimanga con le sue idee, ma io le favole non le bevo! Tra l'altro non si capisce il perchè Gianni abbia messo un the end immediato per un messaggio privato di uno qualsiasi come me, msg privato mandato apposta per lasciare la libertà di scegliere se continuare a raccontarla o correggere la rotta o chissà, io le persone le capisco a modo mio. E comuqnue il finale messo dopo ha cambiato del tutto tono dalla anda di storia d'amore perfetta che aveva preso!
Ora a Gayproject dico che coppie con età diversa ci sono pure tra i gay e chi lo nega ma suonano tutte in modo parecchio più realistico e certo sono tutto meno che così liscie come l'olio! e comunque non è così facile trovare un ragazzo che si innamora di una persona anziana, per la maggior parte cercano la nave scuola, il supporto morale, se non quello economico, la figura del padre. Nessun ragazzo sacrifica facilmente la pienezza della vita sessuale, giustamente devo dire, per stare con una persoan anziana.
A Survived dico che io non ho nessuna invidia, mi devi credere. Dalla parte del 25enne non ci vorrei mai stare!! Conosco troppi ragazzi della mia età intelligenti, colti e in gamba di cui potermi innamorare e progettare alla lunga un futuro insieme, ho pure amici di età avanzata ma sono solo amici e lo sono prorpio perchè loro stessi sanno che cosa vuol dire vivere la propria vita. Dalla parte di Gianni anche se fosse vero allo stesso modo non ci starò mai, se avrò mai la fortuna di avere un compagno con cui riuscire a reggere all'usura del tempo il rapporto ben venga ma se mi trovassi ad avere 50-60 anni da solo non farei da padre-amante a nessuno, se avrò ancora la voglia di cercare sarà un compagno con cui condividere pure la mia età e i miei limiti annessi. Gayproject lo sa perchè glielo ho già detto che per me la coppia non è un tentativo di colmare vuoti o solitudini con qualcun altro e da vecchio avrò ancora abbastanza amici e nipoti (che già ho) per poter continuare a vivere e fare finchè sarà il mio tempo.
Ribadisco che non si capisce perchè ci si debba sentire tanto offesi se uno dice le cose come le pensa ne tanto amareggiati o condizionati nelle azioni. Non ci si può mica aspettare un tripudio di applausi e ovazioni da tutti. Ad una certa età le cose le si dovrebbe prendere per quelle che sono con più filosofia, sempre che non si abbia un "vero" motivo per reagire così!
L'assenso generale e la mancanza di spirito critico non sono compatibili con la democrazia.
     
 
 
  
 
 gianeuge  Inviato il: 19/8/2008, 17:05 
 

Senior Member


Gruppo: Utente
Messaggi: 319


Stato: 


 
 Carissimo back2back , io sono tanquillissimo con la mia coscienza , se non ti va la favoletta , modificala e aggiustala a tuo gusto e piacimento , io più di questo non ti so dire . Gianni.
     
 
 
  
 
 alessandroNa  Inviato il: 19/8/2008, 18:46 
 

Junior Member


Gruppo: Utente
Messaggi: 9


Stato: 


 
 anch'io credo che non sia una favoletta pur avendo qualche anzi un bel pò di anni in meno di project e di gianni!
Sono appena tornato dalle ferie e mi sono precipitato sul forum x sapere se c'era qualche novità!
Ho trovato il post di gianni che come sempre mi ha commosso!
Ma quel finale non mi è piaciuto e ancor meno l'e mail di quel tizio!
Gianni mi permetto di darti un consiglio... Dato che project è il mediatore di questo forum e non ti ha vietato di scrivere il seguito del post anzi ti ha dato il suo appoggiato continua a scrivere fino in fondo la tua esperienza su tantissimi ragazzi che ci sono uno solo ha espresso il può dissenzò ciò significa che tutti gli altri ti credono! Non puoi fermarti al primo ostacolo o xke qualcuno ti ha detto "secondo me ciò che scrivi non è vero" tutti noi sappiamo che ciò che scrivi è tutta verità! X noi ragazzi i tuoi post sono grandi insegnamenti!
Spero di leggere presto il finale ! Un abbraccio alessandroNa
    
 
 
 

 

 22 risposte dal 12/8/2008, 20:04
 

Comments