SAY GOODBYE TO A FOREIGNER

“Say a goodbye to a foreigner with a sweetest eyes I’ve ever seen, amore tra due  
 
 « Disc. precedente | Disc. successiva »Notifica nuove risposte | Invia tramite email | Stampa Discussione
 
 
 Lounge71  Inviato il: 29/1/2008, 17:05 
 
Junior Member


Gruppo: Utente
Messaggi: 8


Stato: 


 
 “Say a goodbye to a foreigner with a sweetest eyes I’ve ever seen”…


Ho appena chiuso una breve storia con un ragazzo più giovane di me… io 37 e lui 22… ci sarebbe molto da dire… unica cosa adesso che mi manca molto la sua presenza. e quell’insieme di cose, sensazioni, sentimenti, e abitudini che avevamo messo su insieme in questi 4 mesi di …. Metto da parte il suo anticonformismo… di routine meravigliosa che a mio dire abbiamo vissuto…

Mi sono domandato spesso, cosa avesse portato lui ad avvicinarsi a me.. ci siamo conosciuti in su un sito e subito c’è stata simpatia.. decidiamo li x li di conoscerci per bere qualcosa… e da tutto nasce un qualcosa che avrebbe potuto durare anche di più magari stabilizzarsi in una relazione più lunga e stabile, ma cosi non è stata.. troppe le cose che non coincidevano.. anzi che ci remavano troppo…

Quando un ragazzo di 22 anni nel suo caso da anni ormai, capisce di essere sicuramente omosessuale inizia a cercare di individuarsi in un contesto specifico. Credo che tutti gli adolescenti hanno bisogno di figure di riferimento e quando queste non possono essere viste in un fratello, amico, inizia a crearsi un bisogno inconscio di poter trovare un punto fermo, e stabile con cui contrapporsi.

Inizi dentro a cercare qualcosa che ti possa far sentire considerato più grande, che ti possa distaccare al massimo da coetanei che non ritieni al 100% come te.tanto più se prendi coscienza delle tue preferenze sessuali ma solo di testa senza metterle in pratica.. cerchi qualcuno che possa offrirti una certa sicurezza.. con cui incominciare a conoscere anche meglio te stesso, e in cui ci vedi dentro un po’ una parte di te che inizi ad esser stufo di reprimere, di voler ricevere conferme con persone che fisicamente + mature ma che comunque comunque giovani fisicamente e con tanta vitalità,,,,,

Di mio credo che la prima sensazione,è la conferma che si riceve magari instaurando un bel dialogo, avendo di fronte magari persona che si è già posta in passato le medesime domande e che ha provato medesime sensazioni… quella di riparo, di affetto, il fatto di sentirsi apprezzati x quello che si è per come si è… senza .

Credo che il suo bisogno più forte sia stato quello di sentirsi compreso, ma ci rifletto ora per allora solo lui potrebbe rispondermi cosa realmente ha provato…. comunque, il corpo di un trentacinquenne può avere gli stessi effetti di un corpo 25 enne e e quindi tra noi si è instaurato un rapporto di complicità e fiducia, un rapporto fatto di piccole cose, che via via, si concretizzavano in una routine… o qualcosa del genere…tenendo presente le rispettive vite, lavoro parecchio, e lui studia ancora.. abbiamo cercato di organizzarci i week end per noi, e le serate molto spesso mi raggiungeva a casa per crearci quell’atmosfera giusta per le nostre chiacchierate e riflessioni sulla vita, politica cinema… amicizie…i casi chiamiamoli studio.. sull’ omosessualità e su cosa si è provato nel capirlo.. sui come nostri amici hanno reagito, le reazioni della famiglia.. racconti sul nostro passato, e su come si intendeva procedere per il futuro…1confronto a 360% Senza timori l’uno x l’altro di essere giudicati.. è successo tutto come… un gioco di dare ed avere reciproco… che sicuro ci ha cresciuto entrambi, e non mi vergogno di dirlo….

Finalmente mi sono trovato con lui, senza quasi accorgermene a passeggiare con lui e a sentirmi libero,e lui lo stesso con me… a lasciare alle spalle il giudizio della gente e a pensare solo a lui … si in questi mesi… lo vedevo sempre+ maturare davanti a me… e cominciavo in parte a riflettere meno sulle nostre mille diversità (età, stili di vita, esperienze) e sulle paure di aver intrapreso questa esperienza. Pensavo che un rapporto del genere non potesse mai essere stabile e che prima o poi finisse ….ma da una parte mi dicevo che mi bastava poco per sperare di costruire qualcosa con lui day by day ok magari un rapporto strani e mai immaginato prima e dall’altra che comunque questa anche fosse stata una fase ci avrebbe arricchitoi grazie alle esperienze l’’uno dell’altro
step by step passano le settimane … e noi ci costruiamo anche senza volerlo una vita in comune, ok con i limiti che lui vivesse in famiglia, e le nostre rispettive esigenze, lavoro amici.. di mio cerco d’introdurlo e ci riesce bene nelle mie amicizie e quando riesco frequento i suoi amici dell’università… ma ci prendiamo anche molto tempo per noi… passeggiate in bici, dvd, sms mille cose nuove anche per me che mi rendono felice e sereno.. in un periodo dove anche la mia vita c’era parecchio da far ordine….. ma diventiamo coppia una coppia fatta di progetti a medio raggio, ma coppia…e almeno cosi mi sentivo, anche se le paure per la nostra diversità di età ed esperienze( anche se di mio non ne ho avute cosi tante)… vissute era presente abbiamo organizzato le nostre sere, il capodanno romano…di mio mi divertivo a verificare le sue lacune su alcune cose che volevo proporli( citta mai visitate, libri mai letti, film mai visti,) e di suo ricevevo tutte le sue riflessioni ….
In tutto questo tran tran… ovvio che una volta che si è capito di essere l’uno l’altro condivisi, e perché no attratti uno dall’altro anzi forse anche qualcosa di più… abbiamo proceduto anche a livello sessuale. E prendendo i tempi giusti è stato tutto magnifico, forse io ci sono stato stretto all’inizio su alcuni aspetti… ma poi ero felice e sinceramente anche molto soddisfatto… anzi ho ancora davanti ai miei occhi le nostre acrobazie.. e l’impeto e il pathos
Se penso a cosa mi ha fatto x natale… sono restato stupito, meravigliato, felice..per tenermi compagnia in sua mancanza.. si è fatto ritagliare il suo cartamodello a misura 100% al quale ha agganciato, varie nostre memories del periodo… come per averlo a casa anche quando non c’era… l’ho trovata un idea fantastica che in qualche modo esprimeva a pieno un certo momento che stavamo vivendo
Durante il capodanno romano tutto è andato meglio e forse anche + girare la città che conosco bene con lui, portarlo nelle piazze volevo dividere con lui quei posti che per me sono importanti… e siamo riusciti a farlo al meglio, abbiamo passato delle giornate e serate splendide..
Con l’inizio dell’anno nuovo, lui ha incominciato a riflettere molto su come stava procedendo i suoi studi, gli amici di sempre avevano già finito la triennale, mentre lui… dormicchiava sugli allori, mi sono sentito in parte in colpa x aver sottratto parte del suo tempo allo studio.. e quindi feci qualche passo indietro, ma sempre stando presente.. con l’idea che questo ci avvicinasse…
Ultimamente era meno presente, un po’ lo studio, un po’ l’influenza… secondo lui il fatto che le si erano anche assopite quelle sensazioni belle che provava pensando a me… martedì scorso dopo 1 settimana di lontananza ci siamo rivisti x cena a casa mia… io ero al settimo cielo, in quella settimana invece che ricevere le sue avvisaglie avevo riflettuto che tra noi le cose sarebbero potuto andare avanti solo x il meglio.. mi ero forse illuso, ma non credo avevo messo da parte alcune delle mie paure… e mi ero portato avanti progettando a sorpresa alcuni programmi.. vespa nuova, viaggio a Parigi per febbraio, week end in montagna etc…
Invece mentre si cena mi informa che la vuole fare finita… che dire, me l’aspettavo è stato anche molto onesto..chiaro, e diretto solo di mio però in quel momento non ero preparato…
Ora la smetto…
Beh che resta adesso… 4 mesi di ricordi, tutti gli amici dicono che supererò la cosa…con me ha concretizzato, a livello sessuale, con grande appagamento x entrambi, i suoi sogni... diciamo i suoi pensieri... ora che si è sdoganato è
pronto x chissà che cosa..., non si era mai sentito coppia o parte di essa... e con me ha capito di sapersi gestire bene.. e diciamo si è accettato
in
pieno... mi ha detto che tutto quello che ha fatto con me l'ha voluto fare con me e con qualcun altro sarebbe stato diverso proprio perchè ha voluto
farlo con me... avrebbe potuto aspettare ancora ( erano 3 anni che attendeva)...che dire? molto diretto, ma corretto... no?

da parte mia forse in lui ho visto quella parte di me che tra i 20 e i 30 era castrata in finti tabù... o che ne sò... il fatto di essermi accettato tardi,
rispetto a quanto fatto da lui... lui con i suoi 22 anni
Si potrebbe anche dire che a volte pensare a qualcosa di più profondo possa segnare un confine nella vita di un adolescente gay e credo cosi sia stato per lui…. a mio instaurando un rapporto fisico con me lui ha anche portato a termine una storia completa… e la soddisfazione che ne è derivata per entrambi è stata fantastica…
La mia fortuna è stata che lui dall'età anagrafica piuttosto bassa ma con 1 una testa pensante ed è riuscito sicuramente mettersi alla pari con ragazzi più grandi, attirando quindi il mio interesse!

Secondo me sono credo che coppie come la nostra possono avere possibilità di funzionare: ci sono similitudini ma anche molte differenze, dovute in special modo alle generazioni di vita differenti che portano sempre un'aria di novità nella coppia ma alla base ci vuole qualcosa che tra noi non è partita come le speranze davano da immaginare o … che forse tra noi si è spenta,… comunque sono felice di averci provato e sono felice che sia stato con lui…

Qualche sera fa lui mi scrisse un sms:… a cui tengo molto, è diretto, e può apparire freddo, ma è sicuramente onesto e mi rappresenta in pieno il ragazzo che ho avuto la fortuna di conoscere .ho paura che qualsiasi cosa dica possa essere interpretata male,ma come scrissi una volta, faccio ciò che sento senza menate quindi ho 22 e non 12 e quello che ho scelto di fare con te l’ho voluto fare con te e non con qualcun altro, che sarebbe nessun altro rispetto a te…rifarei tutto uguale dall’inizio, spero anche di esserlo riuscito a dimostrartelo


Basta la finiamo qui… comunque la Malinconia che mi teneva compagnia negli ultimi giorni stà passando.. la mancanza della sua presenza quella resta ma che posso farci… anche questa presto svanirà… non mi è andato di chiedergli tempo… non mi sembrava il caso….. … e al fatto che io sia tipo particolarmente ottimista e questo mi supporta cercando di riempire le giornate mettendo me come priorità… lavoro parecchio e questo mi aiuta.. e deciso bene a ricominciare da me stesso.. per un po’ metto da parte… le mie idee di coppia e mi prendo time x guardarmi intorno ( magari con nuove esperienze professionali) ho fatto proprio ieri un colloquio a Londra., e ho deciso di fermarmi anche oggi per vedere alcuni amici…. che sia di buon auspicio???

Ho scritto d’impulso e d’istinto… ma è stato un toccasana,.

Ne avrei di cose da dire ancora… beh ora vi saluto.. tra poco riprendo aereo e torno a Milano…

 
     
 
 
  
 
 Survived  Inviato il: 29/1/2008, 17:32 
 

 


Gruppo: Utente
Messaggi: 635


Stato: 


 
 Leggendo ho visto molte analogie con il post del nostro caro gayproject "un diciottenne ama un trentenne". Ci sono collegamenti come quello della ricerca di un appoggio e un punto sicuro k si rivedono anche nell' intervista. Il bisogno di un adolescente di cercare un sostegno, a sentirsi diverso dai suoi coetanei cosi legati a cose futili e infantili. La crescita, lo pseudo svezzamento. Però non si parla di un diciottenne ma di un ventenne, c'è poca differenza ma non so....io a ventanni mi vedo diverso da ora, chissà.

Comunque in questi casi credo dirti "ce la farai, tranquillo" sia un po monotono, allora ti dico amati bellu. tuo fabiumatteu
"I will survive abandonment, I will survive a broken heart, I will survive loneliness"

my blog
www.speakmyvoice.spaces.live.com
 
     
 
 
  
 
 proyou  Inviato il: 29/1/2008, 17:39 
 

Advanced Member


Gruppo: Utente
Messaggi: 137
Provenienza: FIRENZE


Stato: 


 
 Io so che a volte ho bisogno di qualcuno che mi dica che ce la posso fare, che prima o poi una vita mia la avrò anche io, quando uno si sente solo ha bisogno di una mano sulla spalla e a volte le parole non bastano più.
     
 
 
  
 
 gayproject  Inviato il: 29/1/2008, 20:00 
 
Senior Member


Gruppo: Amministratore
Messaggi: 721


Stato: 


 
 AMORE GAY E INIZIAZIONE SESSUALE

Ciao Lounge71,
quando ho letto il tuo post ho avuto la netta impressione di avere già letto alcune delle espressioni che usi, non ricordavo dove, ma ero certo di averle già lette. Il 15 Gennaio 2008 avevo pubblicato un post “Un diciottenne ama un trentenne” http://progettogay.myblog.it/archive/2008/...-trentenne.html Survived lo aveva letto e la sera stessa ci eravamo trattenuti a discutere sul contenuto di quell’intervista. Ho visto, dalle risposte al tuo post, che Survived ha notato le analogie tra il tuo post e quella intervista e sono andato a rileggerla ed effettivamente le analogie nella prima parte sono effettivamente strettissime, fino all’uso delle stesse espressioni. O il post ti è rimasto particolarmente impresso o hai cercato di interpretare la vicenda di cui parli sulla base quello che il diciottenne dell’articolo ha dichiarato. Quella intervista evidentemente per te ha avuto un senso. Alla fine della lettura del tuo post l’ho riletto una seconda volta per non perdere il senso dei dettagli. Il tema che hai affrontato è un tema di interesse notevole per i gay, perché le relazioni importanti tra ragazzi giovani e uomini più avanti negli anni sono piuttosto frequenti e risentono spesso di condizionamenti pesanti non tanto di tipo ambientare quanto interni alla coppia. A parte ogni valutazione sulla maturità del ragazzo più giovane, per un 37enne un ragazzo di 22 anni ha certamente un’attrattiva fortissima, tanto più se il 37enne è solo e il 22enne è in cerca di affetto nel senso serio del termine. Quindici anni di distanza non sono tantissimi e rendersi conto che l’ostacolo “età” può essere superato e che il contatto affettivo può arrivare anche ad un coinvolgimento sessuale vero e proprio mette in moto la mente di un 37enne che, con tutte le remore possibili e immaginabili, si trova di fronte ad un’occasione che può risultare unica e irripetibile. Perdonatemi il tono esplicito, ma per un uomo gay di 37 anni fare l’amore con un ragazzo di 22 è un’esperienza dall’attrattiva fortissima. Il 37enne ha in una situazione del genere l’idea di recitare il ruolo di protagonista, di sentirsi un po’ un maestro e la disparità dei ruoli gli sembra particolarmente gradevole, perché si sente investito di autorevolezza e, trattandosi di questioni relative alla sessualità, di un prestigio assolutamente unico rispetto a un ragazzo tanto più giovane di lui. Per il 22enne la cosa è diversa, se il 37 è una persona seria, il 22enne sa di potersene fidare, può chiedergli consiglio, in qualche modo può affidarsi a lui con la sicurezza di non essere messo in difficoltà. La confidenza può arrivare al punto che tra i due si può creare un contatto sessuale esplicito ma, da quello che vedo in situazioni analoghe che, lo ripeto, non sono affatto cose rarissime, sono portato a pensare che questi rapporti restino comunque condizionati dal fatto di essere in sostanza delle vere forme di iniziazione, che possono anche durare per un po’, ma non sono comunque destinate alla definitività di un vero rapporto d’amore. Queste forme di iniziazione, che possono avere aspetti gradevolissimi e importanti da tutti i due i punti di vista, non sono deboli rapporti d’amore, ma sono sostanzialmente un’altra cosa; nessuno dei due, fin dall’inizio, crede realmente che la storia che sta vivendo sarà quella definitiva o quella determinante. E quando il rapporto si interrompe perché il ragazzo più giovane se ne va per la sua strada, l’adulto non ci resta male e non si sente tradito, perché il più giovane ha il diritto assoluto di essere se stesso. Questo tema è tratteggiato in un romanzo che credo di poter definire il più bel libro che ho letto sulla vita gay: “Another country” di James Baldwin. Vi rimando ad un vecchio post che tratta di questo libro. Potrete notare che la tematica è strettamente affine a quella del post di Lounge71 http://progettogay.myblog.it/tag/AMORE+GAY+IN+JAMES+BALDWIN .
     
 
 
  
 
 Lounge71  Inviato il: 30/1/2008, 12:31 
 
Junior Member


Gruppo: Utente
Messaggi: 8


Stato: 


 
 Condivido la tua idea e sicuro è un buon punto di riflessione il tuo sul discorso di iniziazione del ragazzo più giovane… etc…

Ma secondo me il discorso è anche un altro è che i rapporti d’età diverse tra ragazzi giovane ma che hanno una testa pensante e possono sicuramente mettersi alla pari con uomini/ragazzi più grandi, attirando quindi il loro interesse, secondo me è possibile .. anzi…

Età esperienze, stili di vita diversi orari di vita diversi, modus vivendi diversi in special modo dovuto alle generazioni di vita differenti ma non incompatibili… anzi.. dire che tutto ciò non possa remare contro il rapporto di coppia sarebbe negare l’evidenza, questo almeno nei primi tempi, dove possono creare confusioni, e malintesi, su cose dette fatte e recepite male..… ma se alla base c’è fiducia e buon senso (non sempre facile), voglia di stare insieme il tutto mischiato da un iniziale infatuazione che cresce via via e che aumenta via via che ci si sente + compatibili con il proprio compagno credo si riesca a gestirle queste differenze facendole magari divenire un valore aggiunto della coppia fondamentale in coppie cosi, almeno x quanto è stata la mia esperienza è la costante voglia di confronto e di dialogo con il proprio compagno, e la voglia ( non la solo la volontà) di mettersi in discussione quando è il caso
Se cosi.. queste differenze di cui sopra possono essere spunto di novità costante per la coppia che abbiano alle similitudini che devono pur esserci potrebbero essere un punto di forza..
Nei mesi che abbiamo portato avanti la nostra storia il mio ragazzo,mai mi ha detto di non sentirsi parte della coppia anzi… non c’è stato momento che non fosse presente in tal senso e tenendo conto del fatto che non si era o quasi trovato in situazione del genere… fino a quando ha sentito, provato emozioni nei miei confronti è sempre stato presente… semmai ero io che forse non mi sono goduto a pieno questi momenti, per mie paure, dovute appunto alle differenze che constatavo prima…
Appunto nell’ultimo confronto avuto … abbiamo chiarito questi punti… a suo avviso fino a quando se sentito di farlo… ha vissuto in pieno il nostro rapporto, e felicemente è stato parte di questa routine che avevamo messo su … day by day ( secondo me) senza troppi sacrifici da entrambi… ma proprio perché sentivamo l’altro come una nostra priorità….
Spesso ci siamo trovati a vivere la nostra voglia di stare insieme… il relazionarsi… come una cosa travolgente sia dal punto di vista sessuale…, in questo devo darti ragione… la fiducia che ha avuto in me forse in mix con la sua voglia di mettersi in gioco e di constatare la sua fisicità ed i suoi bisogni… ci ha portato dei momenti bellissimi… e direi anche travolgenti… forse gioca dalla mia che io non avessi cosi tante esperienze.. su cui fare affidamento e che uscissi da una storia recente stabile con un coetaneo grazie al quale avevo però mi ero fatto una certa esperienza…

Ma questo nostro rapporto è stato anche coinvolgente out of the bed come spesso ci divertiva evidenziare, io di mio, ma credo anche lui e su questo non mi ha mai mancato di evidenziarlo… lo desideravo, sognavo di stare con lui, ne sentivo l’urgenza in molti momenti della giornata, ricevere le sue conferme mi ascoltare la sua voce anche per un semplice come và…., di abbracciarlo, di baciarlo, di fare l’amore con lui in ogni momento ( anche troppo) , aspettavo con ansia la fine del lavoro per rientrare a casa e magari cenare con lui confrontarci sulla nostra giornata e sugli avvenimenti di cronaca che ci avevano colpito e su mille altre cose… sentire il calore e il contatto della sua pelle, mentre lo stringevo e si guardava sky o un dvd come ballare con lui in discoteca… guardarlo in mezzo ai miei amici ed in mezzo ai suoi…cercare posti nuovi dove portarlo a cena… fargli conoscere…Roma visitando tutti quei posti che a me stupiscono sempre… a me ha reso sereno…... e diciamo anche felice… e ha reso questi 4 mesi di rapporto veramente speciale… credo che la cosa valga x entrambi..

Scrivendo ieri e riflettendo ancora sulle sue parole.. credo che negli ultimi tempi l’interesse per me come punto di riferimento di questo suo nuovo modo di relazionarsi sia venuto meno.. tutto qui, e se a questo abbiniamo magari il suo spirito avventuriero, si è trovato nell’onesta di dirmi che non sentiva + nei miei confronti quell’insieme di cose.. di sentimenti di attrazione che lo portavano a considerarmi una sua priorità… e che magari con il tempo si sarebbero potuti evolvere in un sentimento + forte.. per non prendermi in giro, visto che negli ultimi tempi io dalla mia avevo con gesti, azioni, parole, indotto a credere che mi stessi innamorando… o perlomeno che fossi indirizzato verso un sentimento + forte… rispetto a quello che lui al momento era in grado di offrirmi…
La sua decisione è solo capitata nel momento sbagliato, quello nel quale io ero altrove.. con la testa e con i sentimenti… le mie paure si erano in parte assopite e stavo facendo progetti di medio… quindi lo shock della sua scelta mi ha avuto un effetto boomerang.. per me colpito in pieno ed affondato…
tutti amici e amiche mi dicono che è stata la cosa migliore aver chiuso, lui è stato corretto... e io pure con lui... mi andrebbe di creare con lui un rapporto comunque, ci tengo mi sento protettivo, e vorrei continuare ad essere presente x lui, ma forse ci vuole time e sicuro che vuole interesse da parte sua… Non che mi senta un “pigmalione”, non credo di voler fare la parte del fratello maggiore… ma era un dare ed avere il confronto tra noi... mi sentivo + sereno, e mi faceva felice, averlo accanto...
ma se non c'è amore dove si và? quindi meglio cosi, forse colpa delle mie paure, forse del fatto che ho parecchie cose mie personali da risolvere nei rapporti e forse il fatto che mi sia accettato tardi forse avrei bisogno di un ragazzo + maturo che mi supportasse in tal senso.. e lui in questo poverino non poteva essermi d'aiuto... mah... beh sono riflessioni ad alta voce… lui con la sua bella testa ha fatto molto x me e di mio spero di avergli dimostrato che rapportarsi ad un altro uomo…se di mezzo ci sono bei sentimenti ha un valore aggiunto altissimo

ora prendo time.. e mi sento pronto a ricominciare da me stesso.. me lo devo. per un pò starò tranquillo cercherò di riempiere le giornate, con il lavoro ( magari con una nuova esperienza professionale), e le serate pensando a cose che mi fanno bene...

1 ultima cosa che in parte mi rode, è che in questi 4 mesi lui forse non ha conosciuto realmente “Massimo”… ma quel massimo che usciva da periodo non sereno, che si portava dietro parecchi strascichi del passato, e per questo molto insicuro su alcuni aspetti, molto pronto a dire la sua ma poi ne fatti a razzolare male… …. Che ora grazie a questi mesi con lui si sente + forte e pronto per rimettersi in gioco …

. Ho ripreso coscienza di me delle opportunità che ho, e faccio tesoro delle mie mancanze degli ultimi tempi, dei miei momenti di crisi, e di insicurezza.. ma grazie a questo ragazzo al rapporto con lui tutto è venuto fuori..…ammetto di essere un bravo ragazzo, questo resta, ammetto che sempre rischioso pur giocando spesso d’istinto, verificare a priori ogni effetto sugli altri del mio agire.. … ma è ora che usi gli attributi e la testa che ho a disposizione…finito periodo di stasi, in cui ho dovuto, leccarmi ferite passate, voltar pagina e ritrovare una serenità mia. giocando magari di troppa diplomazia…ora sento la scintilla che dice "ok ora ho parlato e ho riflettuto, ora devo agire!!!!… questo deve valere sulle piccole cose ( comprare vespa nuova) che nelle grandi dai rapporti in famiglia ( con mia sorella che in parte ha abusato della mia disponibilità e sentimenti), sul lavoro ( se mi fanno offerta come si deve volo a Londra), ma anche nell’accettazione a pieno di se stessi  chi non risika non rosika… ma questo è altro discorso.. che volevo però fargli arrivare in qualche modo…

scritto emotivamente d'istinto e di getto.. spero che il senso delle mie parole si capisca...
ma credo di si

finisco dicendo… che pure io ho fatto ciò che ho sentito ma magari vista l’età facendomi qualche menata in piu…. quello che ho scelto di fare con lui l’ho voluto fare con lui e non con qualcun altro, che sarebbe nessun altro rispetto a Lui…rifarei tutto uguale dall’inizio, spero anche di esserlo riuscito a dimostrartelo pure io …

Un abbraccio
 
     
 
 
  
 
 Lounge71  Inviato il: 30/1/2008, 17:47 
 
Junior Member


Gruppo: Utente
Messaggi: 8


Stato: 


 
 nell’amore non c’è nulla da decidere ma tutto da accettare.... forse un pò forte come frase... e non sempre accettabile...comunque prendo il tuo suggerimento... e incomincierò a breve una nuova lettura another country...  grazie
     
 
 
  
 
 Survived  Inviato il: 30/1/2008, 18:50 
 

 


Gruppo: Utente
Messaggi: 635


Stato: 


 
 Ok,allora anche io decido di accettare che non bisogna decidere ma accettare!
"I will survive abandonment, I will survive a broken heart, I will survive loneliness"

my blog
www.speakmyvoice.spaces.live.com
 
     
 
 
  
 
 Lounge71  Inviato il: 31/1/2008, 17:41 
 
Junior Member


Gruppo: Utente
Messaggi: 8


Stato: 


 
 Tanto x continuare... ieri ci siamo sentiti, informato che quello che sembrava un progetto a cui non tenevo... accettare posizione a Londra... dopo colloquio di questa settimana sembra che possa mettersi in atto... la % delle possibilità è in relazione alla mia volontà di cambiamento...se proposta buona a livello economico non mi spaventa andare a Londra.. anche se cambiamenti sarebbero parecchi.. sarebbe come ricominciare da capo.. non proprio ma a livello di approcci etc.. ma la cosa mi entusiasma.. oltre che spaventarmi...ma a volte giocare d'istinto.. credo di avere le caratteristiche che cercano...ma i pro e i contro non mancano.... sarebbe chiudere per 1 pò con l'italia...ovvero che colloquio andato bene.. anche se la selezione non è ancora finita..
ieri quando sono rientrato... a casa ci siamo sentiti.. e appena raccontato, le ultime mie news.. ha subito affermato.. guarda che se scappi dall'Italia x sfuggire dai tuoi problemi ... questi restano e al tuo ritorno li ritrovi...
what? what problem?--- ok alcuni casini nei rapporti con una sorella troppo ingombrante.. ma non cerco mica di scappare da ciò...altri problemi? il fatto che non abbia fatto coming out al lavoro??? ebbhè fossi l'unico non l'ho ancora fatto per vari motivi.. anche relazionali... forse per codardia.. forse perchè credo che mi creerebbe delle grane sul lavoro... in una fase della mia vita professionale che non mi và... a volte sappiamo che bisogna scendere a dei compromessi.. Ormai le mie scelte le ho fatte...con tutte le persone care amici, famiglia etc ho chiarito bene le cose... e non vedo... un problema non farlo sul lavoro, ove le relazioni sono solo professionali.. non mi sembra codardia non chiarirmi a riguardo con loro.. magari in un futuro ma non ora..

detto tutto ciò ha trovato solo cose negative nella mia scelta.. ed invece di spronarmi... trovava l'ago nel pagliaio...cercando di smontare questi nuovi progetti...

no way, magari sono io che ero prevenuto...

Beh ora la smetto...aspetto consigli o confronto.. anche su questo aspetto...
Se si conoscono i propri limiti ma anche le proprie potenzialità... e pur conoscendo il rischio che è abbastanza elevato...pur lasciando una bella posizione, che se non nel breve,ma nel medio lungo.. mi porterà comunque a fare una discreta carriera... buttarsi in una nuova avventura a 37 anni... a Londra... potrebbe essere buona idea? e come mi accorgo se davvero questa mia nuova occasione..l'abbia resa mia.. proprio per scappare da qualcosa? non credo di essere cosi immaturo... mah...
pensieri ad alta voce.
mai dire mai...petto in fuori e pancia in dentro...

aspetto vostre...!!! grazie ragazzi 
     
 
 
  
 
 proyou  Inviato il: 31/1/2008, 21:52 
 

Advanced Member


Gruppo: Utente
Messaggi: 137
Provenienza: FIRENZE


Stato: 


 
 Io credo che una esperienza all'estero sia una cosa buona. Andare fuori, lontano da tutte le cose che conosci certo può fare un pò di paura ma tu sei come hai detto un uomo maturo, mica un ragazzino!!! Anche se a volte noi ragazzi forse abbiamo meno paura di cambiare. Io comunque appena potrò un periodo fuori dell'Italia me lo voglio senz'altro fare!  Almeno per sdoganarmi da tutto questo provincialismo e soprattutto stare in un posto dove la Chiesa non docet!!!
In bocca al lupo e continua comunque a farti sentire! 
     
 
 
  
 
 Lounge71  Inviato il: 1/2/2008, 11:42 
 
Junior Member


Gruppo: Utente
Messaggi: 8


Stato: 


 
 diamo a cesare quello che è di cesare...

il bisogno di confrontarsi anche su questo forum...è raro che induca ad agire.. sulla base dei confronti ricevuti.. ma aiuta senz'altro a riflettere..secondo punti di vista diversi dai nostri... In genere credo comunque che le cose dette.. confermino ciò che magari inconsapevolmente si è già deciso di fare..Di mio sono ricorso al confronto con voi... per aver conferma delle mie convinzioni ed in altri termini per chiudere un capitolo

Ragazzi... parliamo chiaro...

tante belle parole spese, tra di Noi in questi mesi, che esprimevano al meglio quello che si provava l'uno per l'altro, le belle sensazioni vissute.... e Lui in quello era un maestro... ha una dialettica che lascia il segno... e ogni cosa che si è fatta è stata fatta perchè entrambi lo si voleva... finito li... in nostro relazionarsi... cosi esaltante cosi pieno e vissuto intensamente lo è stato forse perchè si prevedeva già che avesse un termine.. dico magari... tutto poteva andare diversamente se i sentimenti, le sensazioni, il desiderio, gli interessi si fossero arricchiti con l'amore..il più forte di essi...ma cosi non è stato... no way... :=)

ma come tutte le cose belle hanno 1 inizio ed una fine... e 4 mesi vissuti cosi intensamente e cosi pieni di novità per entrambi... mica male come traguardo!!!! Non gli voglio imporre la mia visione delle cose, quindi prendo tempo... anzi vorrei che lui lo prendesse...
Per me resta 1 persona se pur nuova nella mia vita, con cui, mi è facile relazionarmi, verso la quale ho 1 forte interesse e coinvolgimento, ma ormai senza secondi fini... quella fase credo sia terminata anche per me, volente o nolente... l'ho ormai accettato...sul quel punto la vicenda si può considerare chiusa, non avrebbe senso pretendere un qualcosa... se mancano i sentimenti , il coinvolgimento fisico l'attrazione e l'interesse, che devono essere alla base di tutto...se si vuole capire il genere di rapporto che io intendo costruire con una persona...
Spero che lui rifletta con se stesso se quello che ha provato, a livello di sensazionie a vissuto a livello di emozioni, e trasporto, affetto, attrazione, e perchè no di sentimenti, che non mi ha fatto mancare...negli ultimi mesi lo induca ancora aver voglia di frequentarmi come un amico... magari particolare verso il quale c'è interesse a passare il tempo, divertendosi, continuando il confronto il dialogo secondo me costruttivo e conoscitivo x entrambi...

Questo vorrei ma senza troppe menate come dice lui ma diciamo con un certo buon senso...


se prima ero una sua priorità. diciamo quasi indotta.. non voglio continuare in tal senso.. ora appunto credo sia venuto il momento di capire se davvero c'è interesse...verso la persona… e non alla coppia che con la persona si intende mettere su che con la persona si rappresenta…

Ma… vedremo questo è il mio punto di vista, ma ovvio che per portare avanti un discorso del genere… occorre volerlo entrambi

In ultimo.. non credo di voler andare a Londra per lasciarmi qualcosa alle spalle.. credo che ognuno abbia un passato no? Ora quello a cui voglio pensare è il mio presente e il mio futuro.. in tal senso mi sembra che ottimizzare tutte le opportunità anche quelle + rischiose sia un ottima cosa…

Saluti ragazzi,
 
     
 
 
  
 
 proyou  Inviato il: 1/2/2008, 15:29 
 

Advanced Member


Gruppo: Utente
Messaggi: 137
Provenienza: FIRENZE


Stato: 


 
 A me un pò confuso lo sembri!  E poi non sembra che questa decisione di andare o no via sia veramente dipendente da te solo. Sembra che aspetti solo che quel ragazzo decida x te! Stai solo aspettando che ti dica restiamo amici o restami vicino ... Questo a me sembra. A me certo!
Ciao
     
 
 
  
 
 Lounge71  Inviato il: 1/2/2008, 17:54 
 
Junior Member


Gruppo: Utente
Messaggi: 8


Stato: 


 
 Non credo... almeno per quanto riguarda la scelta di partire...

ovvio che in questo momento di mio mi senta parte + debole.. perchè se devo ammetterlo... si vorrei che mi confermasse di pensarla come me...

il fatto di non essere + una sua priorità, come devo intenderla... che comunque ha interesse a continuare a rapportarsi a me.. o quello che è stato è stato, bei ricordi, ma sono il passato e ognuno x la sua strada

a me non andrebbe... ma ovvio che non starei ad elemosinare il suo interesse...


Stai sicuro quindi che qualsiasi cosa ne verrà fuori, capitaasse
... la vivrò con piena naturalezza, senza
allarmismi,

Sono una persona adulta che si vuole
bene a cui piace divertirsi magari un pizzico egoista...che ama i suoi
spazi ma che nello stesso tempo è capace di dare tanto se solo trova la
persona giusta (non solo a livello affettivo).

io amo essere realista nei rapporti e se una persona mi piace a me basta
solo anche frequentarla... e se per farlo c'è bisogno di scendere a
compromessi o altro. ecco questo è il caso se lui avrà voglia di confrontarsi con me in tal senso.... perfetto sono qui!!!!!


Non mi sento debole... in tal senso... anzi

grazie x le riflessioni.... che mi hai permesso di fare...


 
     
 
 
  
 
 gayproject  Inviato il: 5/2/2008, 17:17 
 
Senior Member


Gruppo: Amministratore
Messaggi: 721


Stato: 


 
 JAMES BALDWIN E LE COPPIE GAY DI ETA’ DIVERSA

lounge71 ha detto... (http://nonsologay.blogspot.com/2008/01/amo...e-sessuale.html)

ciao
volevo chiederti un ulteriore commento, mi spiego meglio... venerdì ho risentito il mio ex il 22 enne di cui sopra.. sarebbe stato il nostro 5 mese..capisco che valga poco.. ma per me per mille motivi, vale molto. Mi rispecchio molto nelle tue parole, e nelle descrizioni che fai, ed ero convinto che comunque se non diventato amore, il nostro relazionarsi, fosse servito a qualcosa.. o avesse in lui lasciato qualcosa... 5 mesi, pieni di 1000 cose, e situazioni, ricordi intensi, dialoghi, confronti, iniziazione al sesso etc.. vita di ogni giorno con 1 uomo, condivisione.. etc.. ovvero 1 insieme di cose, che credevo in lui avessero lasciato qualcosa.. ed invece. Oltre non ricordarsi la data, a cui non do questa grande importanza.. ma appena gli ho confermato che comunque sia andata io tengo molto a lui... la sua risposta è stata .."anche a me sembra cosi strano che in cosi poco tempo tra noi si sia legato un legame del genere" difficilmente mi succede nelle amicizie... come amicizie? mah... ti ricordi che sono il ragazzo con cui hai fatto per la prima volta l'amore? sono la persona con cui negli ultimi 5 mesi... lo avrai fatto n n n volte sempre con trasporto ed intensità? con cui hai condiviso ultimi 5 mesi in maniera piena e completa?? ovvio che tu senta un legame speciale... ma sbaglio? oppure nel tuo confrontarti sul blog, vedi che può succedere spesso? magari parto io svantaggiato, che in questa situazione ci sto stretto... gli ho offerto di rimanere amici, di continuare con nostro rapportarci quotidiano... ma credo che a lui non interessi...non essendo + una figura di riferimento, forse non ha senso per lui continuare anche a rapportarci su altri aspetti.. di questo rapporto? boh? dovrei farmi da parte in tutti sensi? non è me che vuole.. e finita li... che dire? aspetto tuo consiglio ok?

p. s. provato a cercare Another country ma non trovato ne la versione italiana neppure quella US...

Peccato.
ciao

4/2/08

______________

Carissimo Lounge71,

cerco di rispondere alla tua richiesta proprio a partire da “Another country” di James Baldwin. In quel bellissimo romanzo, a mio giudizio il più bel libro che ho letto, si racconta una storia d’amore tra due persone di età diversa. Il libro viene in genere interpretato in chiave ottimistica perché la “storia d’amore” di Erik e Yves sembra realizzarsi alla fine del romanzo, quando i due si ritrovano a New York. Il lettore gay, portato dall’entusiasmo, legge questa conclusione esattamente come il classico “e vissero sempre felici e contenti” ma Baldwin non è una scrittore di favole e il tema di fondo del libro è in realtà il tipico tema delle coppie gay di età diversa. Eric è felice si accogliere Yves all’eroporto di Los Angeles (la città nella quale gli angeli hanno stabilito la loro dimora), ma nell’anima di Eric esiste una consapevolezza di fondo che dà a quell’amore un significato molto particolare. In una delle pagine fondamentali del libro Erik spiega al suo amico Vivaldo la situazione, gli confida di essere innamorato di un ragazzo che si chiama Yves, che lo raggiungerà presto a New York, gli fa leggere una affettuosissima lettera di Yves e gli dice: “Qualche volta lo facciamo ed è meraviglioso. Qualche volta no ed è terribile” poi aggiunge che quando pochi minuti prima aveva parlato di decidere e di accettare stava pensando proprio ad Yves e nel dirlo ha le lacrime agli occhi. Dopo una lunga pausa di silenzio arriva al nocciolo del problema: “Yves che è molto più giovane di me, penserà di allontanarsi da me... e io devo essere preparato a lasciarlo andare. Lui se ne andrà. E io penso che se ne debba andare forse proprio per diventare un uomo.” Vivaldo aggiunge: “Vuoi dire per essere se stesso...”, Erik gli risponde “Sì” e segue un lungo silenzio. “Tutto quello che io posso fare - dice Erik - alla fine, è volergli bene... Io non posso illudermi di amare nessun altro. Non posso fare nessuna promessa più grande di quella che già gli ho fatto, non adesso, e forse una promessa più grande non la farò mai.” Erik con le lacrime agli occhi aggiunge che non si potrà più comportare come se fosse libero quando non lo è più e si chiede se tutto questo abbia un senso o se non sia solo follia, dopo una pausa conclude con la famosa frase: “Qui non c’è niente da decidere. Qui c’è tutto da accettare.” [Riporto il testo originale del brano in calce a questo post].

Con questa precisazione la conclusione positiva del libro di Baldwin assume un significato moto più serio. Erik accetta di vivere il suo rapporto d’amore con Yves con la piena cosapevolezza che questo rapporto finirà, non per colpa di Yves ma perché staccarsi da Erik servirà ad Yves per diventare un uomo e per essere se stesso, tutto questo non è solo un’ipotesi ma è una certezza ed è accetto come tale.

Amo il libro di Baldwin e l’ho preso come libro di meditazione quando mi sono trovato in situazioni analoghe. So bene che agire come Erik è difficile ma amare qualche volta significa lasciare andare il proprio compagno nel modo meno traumatico possibile.

____________

“I, too, am in love,” said Erik “his name is Yves; he’s coming to New York very soon. I got letter from him today.”

He stood up and walked to his desk, picked up the play and opened it and took out an airmail envelope. Vivaldo watched his face , which had become, in an instant, weary and transfigured. Eric opened the letter and read it again. He looked at Vivaldo. “Sometimes we make it, too, and it’s beautiful. And when we don’t, it’s hideous .” He sat down again.” When I was talking before about accepting or deciding, I was thinking about him.” He paused, and threw his letter on the bed. There was a very long silence, which Vivaldo did nor dare to break.

“I,” said Erik, “must understand that if I dreamed of escape, and I did – when this thing with Cass begun. I taught that perhaps here was my opportunity to change, and I was glad – well, Yves, who is much younger than I, will also dream of escape. I must be prepared to let him go. He will go. And I think” – he looked up at Vivaldo – “that he must go, probably in order to became a man.”

“You mean,” said Vivaldo, ”in order to became himself.” “Yes,” said Eric. And silence came again.

“All I can do,” said Erik, al last, ”is love him. But this means – doesn’t it - that I cant delude myself about loving someone else. I can’t make any promise greater than this promise I’ve made already – not now, and maybe I’ll never make any greater promise. I can’t be safe and sorry, too, I can’t act as though I’m free when I know I’m not. I’ve got to live with that. Does that make sense? or am I mad? There where tears in his eyes. He walked to the kitchen door and stared at Vivaldo. Then he tuned away. “You’re right. You’re right. There’s nothing here to decide . There’s everything to accept.”
     
 
 
  
 
 Survived  Inviato il: 5/2/2008, 19:41 
 

 


Gruppo: Utente
Messaggi: 635


Stato: 


 
 C'è stato un progresso nel marketing pubblicitario: da nonsolomoda a nonsologay
"I will survive abandonment, I will survive a broken heart, I will survive loneliness"

my blog
www.speakmyvoice.spaces.live.com
 
     
 
 
  
 
 gayproject  Inviato il: 5/2/2008, 20:13 
 
Senior Member


Gruppo: Amministratore
Messaggi: 721


Stato: 


 
 Ma tu guarda questo!  ... Vabbe'... però vabbe' ... insomma te lo puoi permettere ...  Ciao ... e fail il bravo!

 
     
 
proyou  Inviato il: 6/2/2008, 16:21 
 

Advanced Member


Gruppo: Utente
Messaggi: 137
Provenienza: FIRENZE


Stato: 


 
 però i miei zii hanno 12 anni di diferenza eppure stanno insieme da 20 anni!!!!  e mi sembrano proprio felici!!! 
     
 
 
  
 
 Lounge71    Inviato il: 12/2/2008, 12:25 
 
Junior Member


Gruppo: Utente
Messaggi: 8


Stato: 


 
 a quale età si sono conosciuti???

Contentissimo x loro  1 abbraccio

Lounge71
     
 
 
  
 
 proyou  Inviato il: 13/2/2008, 10:09 
 

Advanced Member


Gruppo: Utente
Messaggi: 137
Provenienza: FIRENZE


Stato: 


 
 Non lo so quando si sono conosciuti!  Ma mio zio ha 55 anni e quindi aveva 35 anni quando si sono sposati e mia zia invece 23! Sono due zii in gamba ma li vedo troppo poco ora perchè vivono in una altra regione! 
     
 
 
  
 
 gayproject    Inviato il: 13/2/2008, 14:08 
 
Senior Member


Gruppo: Amministratore
Messaggi: 721


Stato: 


 
 Avere sotto gli occhi l’esempio di due persone che si vogliono bene (gay o etero non importa) fa sicuramente un bell’effetto, magari tu non li vedi ogni giorno ma sai che ci sono e che queste cose succedono veramente!
     
 
 
  
 
 proyou  Inviato il: 13/2/2008, 18:04 
 

Advanced Member


Gruppo: Utente
Messaggi: 137
Provenienza: FIRENZE


Stato: 


 
 Si è vero!!!  Sono un bel esempio! Il più bello però sono Federico e Davide!!!  
     
 
 
  
 
 gayproject    Inviato il: 13/2/2008, 19:39 
 
Senior Member


Gruppo: Amministratore
Messaggi: 721


Stato: 


 
 Sì... hai detto una cosa giustissima... e quando penso al mio modello di coppia gay penso proprio a loro! Perché volersi bene significa capirsi fino in fondo e vivere realmente l’uno in funzione dell’altro. E la loro presenza è la testimonianza più eloquente che per due ragazzi gay la felicità vera è possibile, la realizzazione dei desideri più profondi è possibile, essere in due e sentirsi una cosa sola è possibile! 
     
 
 
  
 
 frederic.78  Inviato il: 14/2/2008, 11:01 
 

face your fears, live your dreams


Gruppo: Utente
Messaggi: 227


Stato: 


 
 Tutti i ragazzi che stanno quì hanno tutti ma proprio tutti le doti e le capacità per essere un modello di coppia non solo gay ma proprio universale!!!!
In an interstellar burst I am back to save the universe
      
 
 
  
 
 8daniel  Inviato il: 2/5/2008, 22:08 
 

scienze e turismo alpino


Gruppo: Utente
Messaggi: 554
Provenienza: North west Italy


Stato: 


 
 Salve a tutti io concordo Con Lounge 71 ti capisco io ho 22 anni e sto con un ragazzo di 37. E' la mia prima esperienza, e con lui è da 3 anni che sono fidanzato. Lo adoro.!!! So di cosa parli.
"Studiare le discipline sociali non basta, la concretizzazione dei fatti è l'unico vero servizio sociale"
P.Daniele - 09/10/2007 - in Riflessioni di società - Discipline sociali allo sbaraglio P.Daniele - compendio di scienze sociali.


 
      
 
 
  
 
 Survived  Inviato il: 2/5/2008, 22:47 
 

 


Gruppo: Utente
Messaggi: 635


Stato: 


 
 Dark bat, in bocca al lupo, auguri, davvero sono felice, sto qui a fare il tifo per te come le cheerleader.
W l'amore!


"I will survive abandonment, I will survive a broken heart, I will survive loneliness"

my blog
www.speakmyvoice.spaces.live.com
 
    
 
 
 

  
 

 23 risposte dal 29/1/2008, 17:05
 

Comments