CONFRONTO GAY

Confronto gay, intervista 
 
 « Disc. precedente | Disc. successiva »Notifica nuove risposte | Invia tramite email | Stampa Discussione
 
 
 Survived  Inviato il: 8/8/2008, 22:39 
 

 


Gruppo: Utente
Messaggi: 635


Stato: 


 
 Due ragazzi gay
Adolescenza e maturità a confronto
Città aperte o luoghi di chiusura sociale

 

Quanti anni hai, come vivi la tua omosessualità in relazione all’età che hai?

A Ho quasi 19 anni…beh la vivo benissimo, anche perché penso non ci sia nulla da vivere o tantomeno da accettare, è la mia natura e non la reprimo, anche perché è stupido reprimere il proprio essere per relazionarsi agli altri..Sono dell’idea che se gli altri vogliono intraprendere relazioni interpersonali con me..debbano accettare tutto ciò che sono, senza che io copra o nasconda nulla.

B Ho 34 anni, vivo ad Ascoli Piceno, sto bene con la mia omosessualita! Seppur apprezzata a pieno solo in tarda eta non ha cambiato poi molto della mia vita a parte che la persona che mi bacia ha la barba.

Il luogo in cui vivi fino a che punto e in che modo ti da opportunità di espressione personale?

A Oserei dir quasi nulla, vivo in una città dove pochi anni fa due ragazzi furono pestati perché camminavano mano e mano per strada…tutto questo ha provocato un certo timore, naturalmente fatichiamo ad esprimere la nostra personalità.
Comunque lotto e a chiunque mi chieda se sono omosessuale, rispondo orgoglioso di si, considerando anche che sono abbastanza conosciuto in quanto è capitato svariate volte di cantare in piazza o in qualche locale del paese. Non ho paura della società e di come essa si pone verso di me, finchè potrò lotterò per i miei diritti e per la mia libertà..a qualunque costo.

B Poco: la provincia soffoca! Centri di associazione a tema gay non esistono quindi ci si arrangia con chat e sistemi del genere.

Credi di scegliere la soluzione del “trasferimento – libertà”?

A Non so, probabilmente in futuro, ma d sicuro un trasferimento radicale, cioè in un paese straniero e non certo una cosa interna all’Italia…prediligerei la Germania o la Gran Bretagna per motivi culturali e per ovvi motivi di libertà di espressione sessuale e non.

B No, credo che non valga la pena perdere gli affetti e le cose a me piu care solo per seguire la mia omesessualità, otterrei libertà perdendo altro.

Quante persone gay hai avuto l’opportunità di incontrare nel luogo in cui vivi?

A Beh...abbastanza, nn di certo un numero eccessivo, ma abbastanza..Se dovessi riferirmi al mio paese circoscritto ne ho conosciuti una decina; mentre se dovessi parlare in ambito regionale, potrei dire circa una cinquantina. O di piu..(per la cronaca abito al sud)

B Ci sono molti gay nella mia città ma l'incontro non è mai casuale.


Cosa pensi del metodo “profili incontri”?

A Indubbiamente è l’unica tecnica piu efficace che esista per permettere anche ai piu timidi di conoscere qualcuno, ciò non toglie che è un metodo a volte anche eccessivamente spietato, perché molti di quelli che si creano un profilo hanno un solo scopo e cioè ( senza fare giri di parole) scopare. Per il resto penso che tutto sommato, se si resta nella decenza e si conservi del pudore, sia possibile qualificare questi siti come Ok.

B Per me sono decisamente utili considerando la mia cronica timidezza! Avendo voglia di conoscere gente lo utilizzo tantissimo senza aver mai corso alcun rischio!

 


Avendo sottoposto quest'intervista a due conoscenti ho dedotto che:

* la voglia di vivere e di reagire spesso supera barriere geografiche, altrimenti ci si affida a siti d'incontro che, con le giuste cautele, servono.


* Le province, i paesi, tutte quelle città non capitali soffocano, e soffocando alimentano lo spirito giovanile.


A ha bisogno di agire (mi ci metto anche io nella sua categoria)
B ha bisogno di credere un po' più nella rivoluzione

 

"I will survive abandonment, I will survive a broken heart, I will survive loneliness"

my blog
www.speakmyvoice.spaces.live.com
 
     
 
 
  
 
 gayproject  Inviato il: 8/8/2008, 22:56 
 
Senior Member


Gruppo: Amministratore
Messaggi: 721


Stato: 


 
 bellissima intervista Survy! L'ho letta tutta d'un fiato. Bella! Niente di ideologico solo realtà! Colgo al volo la tua idea... perché non predisporre un'intervista da sottoporre (si intende volontariamente) agli utenti di Progetto Gay? Le interviste potrebbero poi essere pubblicare a coppie, per confronto, naturalemente anonime... Survy, che dici, ci proviamo? Otto dieci domande... le puoi predisporre e le puoi mandare a chi vuoi tu o se preferisci (e penso sarebbe meglio) puoi predisprre un questionario e lo possiamo pubblicare, chi vuole lo copia, risponde e ci invia le risposte... che ne dici? Sarebbe la vera voce dei gay!
     
 
 
  
 
 Survived  Inviato il: 9/8/2008, 00:05 
 

 


Gruppo: Utente
Messaggi: 635


Stato: 


 
 Ehi dovrei decidere argomento e impostare il discorso in modo da poterne trarre delle conseguenze soggettive e riflessive..eheh si si può fare, anche se ora mi hai colto in un momento notturno "no"


cmq nn capisco il tuo disprezzo per l'"ideologico"


"I will survive abandonment, I will survive a broken heart, I will survive loneliness"

my blog
www.speakmyvoice.spaces.live.com
 
     
 
 
  
 
 Figaro87  Inviato il: 11/8/2008, 21:03 
 

Advanced Member


Gruppo: Utente
Messaggi: 53


Stato: 


 
 Si si chr togo!!! Mi piace abbastanza questa idea di un breve questionario - intrvista ! 
     
 
 
  
 

 3 risposte dal 8/8/2008, 22:39
 

 

Comments