TOLLERANZA

Tolleranza 
 
 « Disc. precedente | Disc. successiva »Notifica nuove risposte | Invia tramite email | Stampa Discussione
 
 
 Nahyeli    Inviato il: 21/3/2008, 00:37 
 
Tutti insieme contro l'omofobia!


Gruppo: Utente
Messaggi: 4
Provenienza: ch


Stato: 


 
 Salve a tutti! Mi chiamo Nahyeli ma per gli amici Nene. sono Eterosessuale ma nutro un profondo rispetto e posso dire di esser al 100 tollerante! Ho 18 anni e ho intenzione di battermi contro l'omofobia e contro qualsiasi forma di emarginazione delle minoranze! Ho deciso di farlo nel mio piccolo attraverso il mio lavoro di maturitÀ e attraverso delle piccole conferenze a livello scolastico....
Ho intenzione di strutturare il lavoro introducendo tanti commenti e tante esperienze di vita ma per farlo ho bisoogno anche di voi!
qui c'é una piccola scaletta di domande di conosco già le risposte ma vorrei sentire le vostre opinioni e i vostri punti di vista! (ho deciso di non scrivere qui la scaletta che tocca i punti storici ma se qualcuno di voi vuole raccontare la su esperienza durante i primi movimenti omosessuali degli anni 70 sarebbe fantastico! ) Aggiungo anche la bozza dell'introduzione del mio lavoro.


Nella Società di oggi (ripresa ulteriore dell’omofobia)

- Perché nelle persone c’è una diversa percezione tra omosessualità maschile e femminile?
- Perché gli uomini eterosessuale provano attrazione sessuale quando due donne sono in situazioni intime? E perché quindi le donne non provano la stessa cosa nella situazione inversa?
- Nella società di oggi in che misura è ancora presente l’omofobia? Siamo più aperti ora che in passato? Cosa è cambiato?
- E’ a causa dell’omofobia che l’omosessuale spesso rinnega la sua omosessualità?
- Omosessualità e genitori: In che termini? Quali sono le reazioni più spontanee?
- Perché nelle scuole non si parla spesso di omosessualità?
- Omosessualità e AIDS: Che influenza ha questo sul giudizio delle persone?
- Gergo giovanile: (finocchio, chècca, frocio) E’ preoccupante. Non si dovrebbe andare in un'altra direzione? Questi termini sono normalmente usati anche da persone che non si ritengono omofobe. Per quale ragione? Si può parlare di omofobia repressa?
- Omosessualità nell’ambiente lavorativo: Una persona può liberalmente dichiararsi omosessuale? Ci sono delle conseguenze con i colleghi? E’ sostenibile la situazione per la persona ? C’è apertura in generale da questo punto di vista?
- In svizzera non è permessa l’adozione per gli omosessuali ma come in molte altre Nazioni, ma in altre invece è permessa. Perché? Si sono riscontrati disagi nel bambino adottato? Quali sono gli argomenti pro e contro l’adozione? E per quanto riguarda l’inseminazione artificiale per le donne lesbiche?
….

1. Introduzione

Questo lavoro di Maturità nasce un po’ come una storia, una storia in grado di trasmettere importanti messaggi d’umiltà e dignità, che cresce nella realtà umana dove il pregiudizio, la discriminazione e l’emarginazione sono quasi all’ordine del giorno.
Questo mio primo lavoro di ricerca non si baserà, quindi, unicamente su libri di testo storici e culturali, ma soprattutto sarà fondato su una serie di analisi e riflessioni di testimonianze dirette che sono il collegamento fondamentale del tema dell’omosessualità con l’ambito sociale, collegamento, che fa da trampolino di lancio verso conclusioni concrete in grado di dare un contesto all’omofobia, e riuscire a spiegare, nei limiti del possibile, cause e conseguenze di questa intolleranza dilagante. Partendo naturalmente da un volo planare sull’evoluzione storica dell’omosessualità.
Questa mia determinazione di concludere questa ricerca con passione e costanza è il frutto di un solido insegnamento impartitomi dai miei genitori che basa la tolleranza e il rispetto come principi fondamentali, diventati ora due principi che fanno parte, a tutti gli effetti, della mia etica morale. Non è difficile quindi credere che la scelta del tema è direttamente proporzionale con il mio desiderio d’aumentare la sensibilizzazione soprattutto a livello scolastico, dal momento che a mio parere questo tema, che resta tuttora un tema molto importante dal punto di vista sociale, culturale, etico, politico e religioso, non venga sufficientemente trattato nelle scuole.
Credo che questo non sia dunque solo un lavoro di maturità ma sia soprattutto un esperienza personale, un contatto umano basato di scambi diretti con le persone, scambi che stanno creando inevitabilmente una serie di amicizie che mi stanno dando molto e che sono la vita interna di questo lavoro. Persone che arricchiscono un insieme di nozioni ed informazioni con una serie di esperienze di vita che hanno il compito fondamentale di trasmettere amore ed incentivare il progresso, in modo da raggiungere, partendo dal basso, un vero e proprio riconoscimento dell’omosessualità uguagliata con l’amore eterosessuale! Non so se la mia sia solo un utopia, ma in fondo ci credo davvero! Devo ammettere, però, di essere fin troppo coinvolta in questo lavoro di Maturità.
In effetti è come se avessi preso la causa dell’emarginazione omosessuale sulle mie spalle, come d’altronde quella di tutte le minoranze, che nel tempo passato fino ai giorno d’oggi , sono sempre state soggette ad ingiustizie, che vanno a toccare e a lenire direttamente il cuore delle persone, con gravi conseguenze dal punto di vista psichico e sociale.
Ed è causa di tutto ciò che mi sento toccata dal profondo, in quanto, vengono calpestati i miei principi fondamentali di rispetto e tolleranza!
Mi scuso quindi della mancanza di neutralità in tutto questo, ma è inevitabile dal momento che nella ricerca si sbatte il naso in tematiche, nozioni ma soprattutto in esperienze di vita che non possono lasciarti indifferente!
Spero che al termine di tutto il mio impegno, oltre ad avere delle discrete conoscenze nell’ambito storico dell’omosessualità possa aver risposto alle mille domande che mi si presentano nella testa, domande che sottostando alla domanda principale: Come è possibile che l’omofobia sia ancora così presente nella società odierna sia in età adulta che nell’adolescenza? (non è diverso parlando di razzismo e intolleranza religiosa).
E’ naturale che è molto tempo che mi pongo questa domanda, ed è altrettanto vero che dal momento in cui ho iniziato questo lavoro, i pregiudizi, le condanne, le parole ed i pettegolezzi contro gli omosessuali mi giungono alle orecchie come razzi impazziti.
Chiaramente non sono i commenti omofobi ad essere aumentati improvvisamente ma sono piuttosto io che presto più attenzione a questo genere di cose, e devo dire che a volte mi sento proprio impotente, delusa, e triste perché io sono profondamente convinta che l’omosessualità, non sia una atrocità, non sia un offesa a Dio, ma sia un altro modo di vivere la propria sessualità, sia una caratteristica della persona, una particolarità che non va vista come una malattia ma come amore che sostanzialmente è identico all’amore eterosessuale, per lo meno nelle dinamiche e nei principi morali! Tutti noi, quindi, dobbiamo imparare la vera tolleranza e capire fino infondo che non c’è nulla da temere dalla diversità!
Non è così comune il detto: Il mondo è bello perché è variato ?


 
     
 
 
  
 
 Aster_86  Inviato il: 21/3/2008, 12:44 
 

Advanced Member


Gruppo: Utente
Messaggi: 188
Provenienza: Da qualche parte nel NE


Stato: 


 
 Siccome temo che non riceverai troppe risposte (me lo sento), provo a dirti la mia in breve. Ottima iniziativa, comunque!

Perché nelle persone c’è una diversa percezione tra omosessualità maschile e femminile? Credo soprattutto perché un uomo eterosessuale vede d'istinto due lesbiche come sessualmente attraenti mentre prova ribrezzo all'idea di un rapporto con un maschio. Inoltre l'omosessualità maschile viola il ruolo strettamente "dominante" del maschio nella nostra società. Ma non ne so abbastanza su queste cose.

Perché gli uomini eterosessuale provano attrazione sessuale quando due donne sono in situazioni intime? E perché quindi le donne non provano la stessa cosa nella situazione inversa? Credo perché riesce a vedersi "in mezzo" alle due lesbiche? Le donne non hanno una sessualità così visiva, secondo me. Altra domanda da psicologo.

Nella società di oggi in che misura è ancora presente l’omofobia? Siamo più aperti ora che in passato? Cosa è cambiato? Sì, esiste ancora ed è forte, ma molta gente inizia ad accettare gli omosessuali come persone come gli altri. Qualcosa sta cambiando.

E’ a causa dell’omofobia che l’omosessuale spesso rinnega la sua omosessualità? Secondo me solo in parte. Lo scoglio psicologico deriva dal fatto che l'omosessualità comunque non è posta come una normale alternativa all'eterosessualità e uno cresce convinto di essere eterosessuale, non "indeciso". Mi chiedo se questa sia omofobia o se sia semplicemente un'ovvietà.

Omosessualità e genitori: In che termini? Quali sono le reazioni più spontanee? Vedi la sezione dul forum.

Perché nelle scuole non si parla spesso di omosessualità? Perché non è previsto e credo che se qualche docente preparato si prendesse la briga rischierebbe di attirare non poche (sgradite) attenzioni. Credo che la scuola potrebbe fare tanto per eliminare tanti piccoli pregiudizi.

Omosessualità e AIDS: Che influenza ha questo sul giudizio delle persone? Non lo so, penso una volta di più. Ora è più diffusa la coscienza di che cosa sia veramente l'AIDS.

Gergo giovanile: (finocchio, chècca, frocio) E’ preoccupante. Non si dovrebbe andare in un'altra direzione? Questi termini sono
normalmente usati anche da persone che non si ritengono omofobe. Per quale ragione? Si può parlare di omofobia repressa? Dipende dal contesto, l'importante è che non siano impiegati in tono offensivo. Ho visto un bambino, avrà avuto otto anni, dire a un suo coetaneo che gli dava fastidio "Ma sei gay?". Sentire "gay" in quest'accezione negativa, da chi -ovviamente- non sa neanche che cosa significa, è piuttosto pesante. Il mio migliore amico (etero) di solito mi chiama "finocchio", ma lo fa in tono scherzoso, niente di male. Insomma, deve cambiare la mentalità, le parole sono solo parole.

Omosessualità nell’ambiente lavorativo: Una persona può liberalmente dichiararsi omosessuale? Ci sono delle conseguenze con i
colleghi? E’ sostenibile la situazione per la persona ? C’è apertura in generale da questo punto di vista? Ignoro, ma credo che dipenda molto dal tipo di lavoro.

In svizzera non è permessa l’adozione per gli omosessuali ma come in molte altre Nazioni, ma in altre invece è permessa. Perché? Si sono riscontrati disagi nel bambino adottato? Quali sono gli argomenti pro e contro l’adozione? E per quanto riguarda l’inseminazione artificiale per le donne lesbiche? Tema troppo difficile per me!
FRATTAGLIE: s. f. pl.; il cervello, il cuore, il fegato, l'anima e tutte le altre interiora.
       
 
 
  
 
 gayproject    Inviato il: 21/3/2008, 14:06 
 
Senior Member


Gruppo: Amministratore
Messaggi: 721


Stato: 


 
 Non ti nascondo che una iniziativa come la tua mi incuriosisce per diverse ragioni:

1) Pur con tutte le motivazioni legate alla tolleranza e all’educazione alla tolleranza non è certamente comune che una ragazza etero si interessi del mondo gay al punto di giungere ad aprire una discussione su un forum gay per ottenere risposte di prima mano.

2) Dal punto di vista degli esami di maturità, presentare un lavoro come quello che tu intendi presentare è rischiosissimo perché non sai come la pensano i professori che avrai in commissione e perché, a parte l’assoluta particolarità dell’argomento, che rischia di essere una autentica bomba, si tratta di questioni del tutto al di fuori dei programmi scolastici. In sostanza una tesina del genere rischia, e giustamente, di indisporre la commissione che va a fare un esame su dei programmi specifici e rischia di trovarsi in situazioni di forte imbarazzo. Mi chiedo se tu sia consapevole dei rischi e, se ne hai piena coscienza, perché tu scelga una strada così pericolosa per te.

Si tratta di questioni alle quali non trovo una spiegazione sensata. Ti posso dire solo di pensare bene a quello che fai perché ti potresti trovare in difficoltà grosse non per l’omofobia della commissione, che comunque si guarderebbe bene in ogni caso dal manifestarla, ma per una scelta che sembra troppo strillatamente contro corrente. Da quello che sento, agli esami di maturità accade più di qualche volta che si parli di omosessualità e nessuno se ne scandalizza ma farne il centro dell’esame può sembrare una provocazione o una forma di protagonismo. Dico sinceramente quello che penso, io sono gay, ma se fossi nella commissione un’iniziativa del genere mi apparirebbe comunque molto discutibile.

In ogni caso, se vai al Blog STORIE GAY http://nonsologay.blogspot.com/ puoi trovare indici per tag di tutto il materiale pubblicato nei blog di Progetto Gay ed un motore di ricerca interno su tutto il materiale pubblicato.
 
     
 
 
  
 
 Nahyeli  Inviato il: 21/3/2008, 14:27 
 
Tutti insieme contro l'omofobia!


Gruppo: Utente
Messaggi: 4
Provenienza: ch


Stato: 


 
 Ti ringrazio davvero per la tua collaborazione:) spero comunque di ricevere altre suggestioni, in quanto trovo importante continuare a lottare e in qusto momento tutto questo é tt quello che posso fare per aumentare la sensibilizzazione nelle scuole...speriamo che il mio progetto possa andare in porto!

Grazie mille!

 Io non mi proccupo da qst ounto di vista, in quanto non si parla ancora di lavoro di Maturità a livello universitario ma a livello liceale. In Ticino la questione é un po' diversa. Il lavoro di maturitÀ serve per poter accedere agli esami, e deve essere presentato al docente (in questo caso é il docente di psicologia) e prsentato agli studenti...Per questo lavoro di maturità ho già ricevuto l'approvazione del docente e in collaborazione con la commissione gironate culturali (formata da allievi e docenti) sto organizzando diverse conferenze. SOno pienamente coscente di quello che sto facendo dato che il lavoro non é strettamente necesario per passare l'anno scolastico, ma é un lavoro marginale. Aquisisce importanza dal momento che é un lavoro di comunicazione che viene presentato agli studenti e messo poi in biblioteca.... Nel mio lavoro non c'é nessuna mania di protagonismo, cerco solo di di manifestare le mie idee e studiare la repressione, l'emarginazione che l'omofobia a comportato negli anni, cerco di fare un lavoro anche dal punto di vista storico, partendo dall'antica grecia, passando per il fascismo fino ai primi movimenti omosessuali degli anni 70...é un lavoro storico che arriva attraverso una sua evoluzione interna alla socetà di oggi, e questa sarÀ la parte in cui il lavoro si strutturerà principalmente su esperienze di vita e scambi concreti(vedi introduzion) spero che ora comprenderai un po' di più l'imprtanza che questo lavoro ha per me:)
     
 
 
  
 
 gayproject    Inviato il: 21/3/2008, 14:41 
 
Senior Member


Gruppo: Amministratore
Messaggi: 721


Stato: 


 
 Sì, adesso le cose sono decisamente più chiare, vivi in Ticino e devo riconoscere che è un mondo per molti aspetti diverso da quello Italiano. Ti chiedo scusa per le mie interpretazioni molto affrettate, che presupponevano una situazione tipicamente italiana, e ti manifesto la mia stima e la mia simpatia. Sono a tua disposizione per qualunque forma di collaborazione. Un lavoro del genere, in quell’ambiente e con quegli obiettivi, è ammirevole.
     
 
 
  
 
 Survived  Inviato il: 21/3/2008, 15:25 
 

 


Gruppo: Utente
Messaggi: 635


Stato: 


 
 Ciau, sono curioso di sapere quali sarebbero le risposte a quelle importanti domande che hai formulato e sulle quali baserai il tuo lavoro!!!!


"I will survive abandonment, I will survive a broken heart, I will survive loneliness"

my blog
www.speakmyvoice.spaces.live.com
 
     
 
 
  
 
 StevenL  Inviato il: 21/3/2008, 15:45 
 
Utente cancellato

 

 

 


 
 Beh 18 anni...battersi contro l'omofobia...difendere le minoranze!
Mi sembra un compito mooolto difficile da presentare (e con questo sono d'accordo con Project) e anche difficile da portare avanti...ma sai che significa battersi contro l'omofobia?I gay ci provano...ci proviamo...quotidianamente,sfidando i pregiudizi,le critiche che ti vengono mosse...penso che per farlo ci devi essere dentro (a meno che tu non ti reputi una paladina della giustizia o una moderna Giovanna d'Arco rivisitata)!!!
Il mio commento non risponde alle tue richieste perchè vorrei capire cosa spinge una ragazza di 18 anni ad affrontare situazioni del genere che è difficile gestire (in tutti i sensi). Poi volevo sapere anche perchè ti ritieni tollerante...di fronte cosa? Credi che noi gay abbiamo bisogno di essere tollerati dagli Etero (E maiuscola così come hai voluto sottolineare tu)? Non penso di aver bisogno di una persona tollerante che si batti per questioni come l'omofobia...
Poi aggiungo ancora che bisogna sensibilizzare le persone verso tematiche diverse come la droga, l'alcoolismo...la navigazione sbagliata (pornografica) in internet...bisogna sensibilizzare le persone verso problemi diversi come la guida in stato di ebbrezza...questi e molti altri sono le cause per cui bisogna sensibilizzare le persone...di certo non si deve sensibilizzare gli etero nei confronti dell'omosessualità...perchè questo NON è un problema che si deve risolvere e che implica una sensibilizzazione globare (tramite poi chi? Una ragazza di 18 anni). Essere omosessuali non è un problema che si deve risolvere!
Scusa ma non sono affatto d'accordo su come ti sei posta e ho messo in dubbio le cose che per me sono sbagliate perchè hanno un fondamento sbagliato!
Beh non so ma ti dobbiamo ringraziare perchè hai preso a cuore la situazione?
Hai presentato una lista di domande a cui anche un etero potrebbe rispondere e le cui risposte si trovano nella vita quotidiana di tutti (TUTTI). Certo è bello che una ragazza giovanissima come te sia così aperta al dialogo e che ci sia venuta a trovare...però limitiamo la cosa a questo perchè non è più tempo dei paladini...la lotta all'omofobia non è una sciocchezza!
StevenL
   
 
 
  
 
 frederic.78  Inviato il: 21/3/2008, 21:50 
 

face your fears, live your dreams


Gruppo: Utente
Messaggi: 227


Stato: 


 
 Perché gli uomini eterosessuale provano attrazione sessuale quando due donne sono in situazioni intime? E perché quindi le donne non provano la stessa cosa nella situazione inversa?
... oh bhè sai su questo non ne sarei poi così sicuro ... conosco ragazze a cui piace vedere due ragazzi baciarsi ... una ha ammesso di guardare a volte foto gay e di sentirsi eccitata ... c'è pure un classico della letteratura erotica femminile "Le età di Lulù" .. oddio non chiedermi chi l'ha scritto perchè lo letto a 13-14 anni ... però la protagonista era molto attratta dai rapporti sessuali tra maschi ... sai cosa è? Che sta nella femminilità celare e nella mascolinità sbandierare ... non so se per inclinazione naturale o per educazione ... boh ...

Gergo giovanile: (finocchio, chècca, frocio)
dipende da chi lo dice e come lo dice .. io del frocio me lo dò da solo e sinceramente trovo il suono di questa parola divertente ... ma solo in bocca amica ...... e poi vedi tu ... esiste la troia la puttana etc che diventano spesso tue parenti ... ma l'uomo sembra quasi un santo ... mAHHHHHHH

Omosessualità nell’ambiente lavorativo
ultimamente ho detto al mio capo ... ma giusto per togliermi da un inghippo in cui ero stato cacciato aforza ... che sono gay ... non ci ha creduto ... l'ho detto ad una collega per togliermela di torno ... non ci ha creduto ... allora forse è più difficile non il dirlo ma il farsi credere ... e sai perchè? perchè se è una chiacchiera degli latri allora è un bel spettegolezzo ma se lo dici tu non lo è più ....
Forse. Non lo so.


In an interstellar burst I am back to save the universe
      
 
 
  
 
 Survived  Inviato il: 22/3/2008, 22:16 
 

 


Gruppo: Utente
Messaggi: 635


Stato: 


 
 A MIO PARERE è SEMPRE GRATIFICANTE SAPERE CHE CI SONO PERSONE CHE SI BATTONO BER IL GIUSTO E PER IL RISPETTO......

io però tenevo a sottolineare che non si tratta di tolleranza ma di rispetto.
Io etero non devo tollerare i gay, rispettarli


"I will survive abandonment, I will survive a broken heart, I will survive loneliness"

my blog
www.speakmyvoice.spaces.live.com
 
     
 
 
  
 
 Nahyeli  Inviato il: 23/3/2008, 14:04 
 
Tutti insieme contro l'omofobia!


Gruppo: Utente
Messaggi: 4
Provenienza: ch


Stato: 


 
 Mi dispiace molto che le mie intenzioni ad alcune di voi sono sembrate fuori luogo e presuntuose. E qui stoimparando ulteriormente! Avete ragione non si tratta di tolleranza si tratta di rispetto anche se prima le due cose nei miei sentimenti non si distinguevano! Si é vero ho 18 anni ma é proprio per questo che ho preso a cuore questa cosa, perchö nella mia scuola come in tutta la socetà non si é ancora capito che noi giovani siamo il futuro e dovremmo aver superato i pregiudizi e le descriminazioni! Rispondo alle insinuazioni sul fatto di essere una paladina. NO non sono affatto una paladia perché come si é visto io stessa ho commesso e commetto tuttora degli errori, ma non so spiegarmi, ma quando i miei amici omossessuali vengono presi di mira, vengono emarginati e dichiarati "anormali" non potete immaginare quanto io sto male! NOn so cosa mi ha spinto a fare tutto questo, solo forse il desiderio di un mondo migliore! Avrò anche solo 18 anni ma un po' di cose del mondo le capisco! E'vero un etero nond eve tollerare un omosessuale ma deve rispettarlo! Mi sento un po' accusata per un intenzione che onoestamente non voleva offendere nessuno! e per quanto riguarda la sensibilizzazzione, credo che alla base di questa sesibilizzazione non c'é solo il rispetto! Perchö a mio parere se c'ö ancora così tanto disprezzzo per l'omossessualità ö perchö tutt'ora non se ne parla abbastanza e viene vista ancora come qualcosa du strano , arbitrario e diverso! Mi sembrava di essere stata chiara e di acer spiegato e fatto comprendere che per me l'omosessualità ö assolutamente identica all'eterosessualità perchö l'amore nel principio é uguale per tutti, anzi forse addirittura più forte tra gli omosessuali dato che é un amore che deve battersi contro le ingiustizie! Il mio non é une roismo spicciolo é solo un tentativo di comunicazione  e non mi aspettavo una reazione così drastica...ma fondamentalmente capisco e prendo atto perché come ho detto non sono qui per fare la saccente e sentirmi superiore dato che superiore proprio non sono:! mi dispiace sul serio..veramente, e forse ho sabgliato tutto anche l'idea di cercare supporto qui, forse ho sabgliato l'approccio e per questo mi dispiace! Per quanto riguarda le domande, é vero sono domande comuni di cui probabilmente so già la risposta ma quello che mi interssava di più erano i vostri sentimenti, le vostre percezioni e volevo capire ancora di più le sensazioni e le paure di vivere in un mondo come questo che spesso non conosce il rispetto! E allora no, non sono un paladina, non sono un eroina, non sono nemmeno una persona diversa dagli altri e diversa da voi ma é proprio perché non sonod iversa da voi che ho bisogno di risposte, ho bisogno di avera ancora delle speranze, ho bisogno di crederee almeno per un secondo che in questo mondo c'é ancora spazio per tutti e per tutte le persone indipendentemende dal loro colore, dalla loro sessualità, dalla loro religione! Lo in questo forse sono ancora una bambina, con le sue paure, i suoi dubbi e le sue incertezze, una bambina che si mescola in situazioni che forse non le toccano personalmente ma che fanno aprte della vita di tutti i giorni, é questa la realtà! Fose averte ragione tutto questo non a senso, forse é inutile quelloc he sto facendo, forse dovrei fare un alvoro neutrale, semplicemnte storico e freddo. MA che senso ha? la gente capirebbe di piùi? non lo so! E' vero non posso cambiare il mondo, non posso, come dice steven ho solo 18 anni, cosa volete che ne capsica io! tutti i 18 anni non hanno testa vero? non lo so! I volgio crederci, voglio credere che nel mio piccolo posso fare qualcosa, solo che a quanto pare non c'ö il sostegnoc he mi aspetttavo, e mi dispaice per questo..mi dispaice davvero!
     
 
 
  
 
 gayproject    Inviato il: 23/3/2008, 16:29 
 
Senior Member


Gruppo: Amministratore
Messaggi: 721


Stato: 


 
 Aspetta, non buttare via tutto... ti racconto una storia... in una scuola qui in Italia, un gruppo di studenti chiese alla preside di aprire un cineforum su droga e omosessualità. La preside mi contattò e le dissi che mettere insieme due concetti del genere avrebbe significato io ogni caso presentare l’omosessualità come un problema non come normalità. Poi proposero alla stessa preside di aprire un cineforum sulla omosessualità, mi chiese che cosa ne pensassi e dissi alla preside che in ogni caso si sarebbe presentata l’omosessualità in una luce molto particolare. La preside mi chiese che cosa, secondo me, sarebbe stato meglio fare. Risposi che si sarebbe potuto avviare un cineforum sulla sessualità (non sulla omosessualità) in cui, accanto a film a tema eterosessuale fossero presentati anche alcuni (pochi) film a tematica omosessuale. In questo modo la dimensione di normalità sarebbe stata sottolieneata. Capisci quello che voglio dire?
     
 
 
  
 
 StevenL  Inviato il: 23/3/2008, 16:49 
 
Utente cancellato

 

 

 


 
 Nahyeli il modo in cui ti sei rapportata a noi è sbagliato e l'hai riconociuto anche tu...e questo mi fa piacere.Noi del Forum non abbiamo mai chiuso la porta a nessuno perchè in questo posto c'è spazio per tutti coloro che sono aperti al dialogo.
Non devi rinunciare al tuo progetto.
Io ho messo in evidenza delle note stonate del tuo discorso che andavano chiarite subito,senza perdere tempo!!!
L'ho fatto io e quanlcuno era d'accordo perchè iniziare un progetto su una cosa di cui non si conosce nulla è al quanto sbagliato sia per te che per coloro che ne faranno parte! Ad un certo punto della mia risposta ti ho detto che per noi del Forum è un piacere dialogare con chi non è gay e magari confrontarci e rapportarci...quindi spero tu non ti sia sentita rifiutata!Però come hai posto tu il discorso sembrava che noi eravamo delle cavie da laboratorio e tu (la dottoressa) le stavi analizzando per trarre le proprie conclusioni.Il Forum è pieno di notizie,storie,testimonianze che potrebbero aiutarti nel tentativo di creare un progetto...anche solo per te stessa!!!(Quindi le domande erano un pò fuori luogo).
Continua a credere nel tuo progetto perchè (come ho già detto precedentemente) è bello vedere che ragazzi giovani etero vengano quì e siano aperti al dialogo...PERO' QUELLO CHE POSSO SUGGERIRTI E' CAMBIARE LE BASI E L'IMPOSTAZIONE DEL TUO PROGETTO: più che diventare l'avvocato dei popoli emarginati e discriminati CERCA DI PORTARE AVANTI UN PROGETTO IN CUI RAPPRESENTI UNA REALTA' (QUELLA OMOSESSUALE) COME UNA BELLA REALTA'...UNA REALTA' GIOIOSA,FELICE,FATTA DI RAGAZZI CHE CI CREDONO E SONO FIERI DI ESSERE GAY,RAGAZZI E UOMINI CHE AFFRONTANO QUOTIDIANAMENTE LA VITA E AFFRONTANO DISCORSI COME L'OMOFOBIA,PREGIUDIZI (CHE ESISTONO ED ESISTERANNO SEMPRE),PORTA AVANTI UN PROGETTO CHE RIGUARDA RAGAZZI GAY CHE AFFRONTANO PROBLEMI COME QUELLI FAMILIARI,QUELLI ECONOMICI,QUELLI SENTIMENTALI...non come un popolo di emarginati e sfigati...SIAMO FIERI E FELICI DI ESSERE GAY E SOPRATUTTO IO MI SENTO FORTUNATO PERCHE' VEDIAMO COSE CHE PURTROPPO MOLTI ETERO NON IMMAGINANO NEANCHE!
Auguri.
StevenL!
   
 
 
  
 
 Nahyeli  Inviato il: 23/3/2008, 18:58 
 
Tutti insieme contro l'omofobia!


Gruppo: Utente
Messaggi: 4
Provenienza: ch


Stato: 


 
 Prendo atto di tutto, perché cm persona, sono soprattutto in grado di mettermi in discussione ed é proprio questo che mi aspettavo, poter avere suggerimenti concreti, e quindi vi ringrazio per le vostre suggestioni che mi fanno comprendere maggiormente la relatà per quella che é! Non butterò via tutto, anzi, cercherò di seguire i vostri suggerimentii xk in fondo il lavoro serve (come dice steven) anche per me! VOlevo ribadire ancora una volta che davvero non vi ho mai visti come cavie da laboratorio, e quindi mi dispaice di essermi espressa male, perché ora più di prima mi rendo conto che avrei dovuto avere un altro approccio!  grazie di tutto , e spero di poter imparare ancora, perché qui ho solo da imparare maggiormente il concetto di umiltÀ e di dignità!
     
 
 
  
 
 Survived  Inviato il: 24/3/2008, 22:56 
 

 


Gruppo: Utente
Messaggi: 635


Stato: 


 
 Tengo a precisare, e l'ho fatto presente dall'inizio, che sono più che felice dell'impegno di Nahyeli


"I will survive abandonment, I will survive a broken heart, I will survive loneliness"

my blog
www.speakmyvoice.spaces.live.com
 
     
 
 
  
 

 13 risposte dal 21/3/2008, 00:37
 

Comments