DESIDERIO AFFETTIVO DA RIMUOVERE

Desiderio affettivo da rimuovere, che fare? 
 
 « Disc. precedente | Disc. successiva »Notifica nuove risposte | Invia tramite email | Stampa Discussione
 
 
 Figaro1987  Inviato il: 26/11/2008, 20:15 
 

Advanced Member


Gruppo: Utente
Messaggi: 50


Stato: 


 
 Ciao ragazzi,
scrivo questo post non so perchè...forse per farmi dare qualche consiglio, forse per sfogarmi...... Non ce la faccio più. Non so come fare.... mi sento dentro ad un casino ... e poi se ci penso bene magari mi vengono anche i sensi di colpa perchè ci sono casini ben più grandi nella vita, e dovrei essere capace di vevermi queste cose con tranquillità...e non ci riesco mai abbastanza. Continuo a vedere regolarmente l'amico di cui mi sono innamorato ormai da mesi. Ci sono stati casini vari, problemucci ogni tanto, ma mi sembrava che pian piano le cose stessero andando meglio. Invece ora mi accorgo che dentro di me le cose non vanno bene. Ho passato un periodo in cui davvero pensavo che mi stesse passando in qualche modo. Io con questo mio amico tra l'altro ho mantenuto una forte amicizia, e questa amicizia è valida, non è da poco. E' sincera. Lui mi stima, ha una grande considerazione di me come amico, mi vuole bene. Come amico. Punto. Io l'ho sempre saputo questo. Lo so. Solo che per me non è così. Io ho tentato di non pensarci tante volte. Ripeto, in questo ultimo periodo mi sembrava proprio che le cose andassero meglio. Ma no. Cioè dal punto di vista del rapporto in un certo senso si. Ma dentor di me no. Non so più come fare. Ci vediamo spessissimo, perchè siamo amici. Lo siamo. Suoniamo insieme. Tra poco partiremo per un concorso insieme, anche con un altro amico, e faremo un viaggio insieme. Io ho anche pensato di dirgli: è meglio che non ci frequentiamo più. Ma come glielo dico? Come posso interrompere il rapporto con una persona così, dall'oggi al domani? E poi siamo legati anche dalle cose che davvero facciamo per la musica. Ne ho convenuto che non fa dall'oggi al domani dirgli che non siamo più amici. Ho pensato che piano piano mi sarei allontanato col tempo. Oggi mi fa, a me e all'altro amico nostro: ma dopo che facciamo questo trio lì al concorso, ci leggiamo qualche altro trio, magari Dvorack? Mi piange il cuore ragazzi. Io come glielo dico che dopo questo trio che stiamo facendo è meglio che non facciamo più altro? Come??? Perchè da un lato non trovo altra soluzione perchè mi passi se non l'allontanamento. Dall'altro io con lui ci sto bene, le cose che facciamo insieme mi piacciono, sono belle, ne osno contento davvero. Oggi questa doppia sensazione di star bene e di star male. Essere contento per quello che facevamo durante la prova e avere la coscienza che... che è meglio che non sia più così. Come faccio??? Poi quando si parla di certe cose... boh alle volte mi da fastidio un po' tutto... anche una battuta di carattere sessuale magari... in certi momenti mi da fastidio... non so perchè..... poi ce l'ho lì di fronte. Lo vedo, gli parlo. Oggi parlavamo di sensazioni che ci dava un tempo del trio. Un abbraccio. Ce l'ho di fronte. Per me è un casino... ma perchè è un casino? perchè non posso tranquillamente fregarmene? Perchè gli devo volere così bene in questo modo? Ma perchè devo essere in preda a questa voglia di stare con lui? E' un desiderio affettivo forte, una voglia di sentirmi unito a lui. Alle volte davvero, penso che mi basterebbe che ci stringessimo la mano. Ecco, i pensieri. Lo so che non li dovrei fare. Ma se ce l'ho di fronte, come faccio? E poi è difficile in questi giorni capire come comportarsi. Se sono tranquillo mi viene naturalmente da considerarlo "troppo". E allora cerco il contatto, lo guardo, ho un atteggiamento dolce. Se decido che devo evitare queste cose, allora mi ritrovo un po' antipatico, freddo, duro. Vorrei trovare la giusta misura. Ma come? Perchè se mi dico: Matte devi essere più naturale, non pensare, sii tranquillo, allora mi succede automaticamente che lo cerco. E questo è dannoso. Perchè lui, l'ho capito da molto, non mi ama, non ce niente da fare. Boh è un casino. In questo momento non so davvero che fare... perchè tutto questo? Perchè non posso avere la testa libera e anche il cuore? Perchè desidero di sentirmi più unito a lui? Davvero, un abbraccio, una carezza, la mano. Ce l'ho di fornte. Come faccio a... cioè non è che ci penso, vorrei che fosse diverso, lo desidero. E invece sono sempre lì che devo trattenermi. Non lo posso fare uscire quello che ho dentro. Il calore di un abbraccio, non lo posso fare uscire. Per lui non sarebbe neanche caloroso probabilmente. Per lui non è così problematico. Il problema sono solo io. Lui tutto quello che mi può dare me lo da. Io non gli do tutto quello che posso dargli, perchè... non posso... e siamo così, amici, ma davvero ragazzi... io non lo metto in dubbio, credetmi, non metto in dubbio la fiducia, il bene che mi vuole, la stima... non metto in dubbio niente di tutto ciò. Solo che... boh penso che forse sia giusto che ci separiamo, perchè in un certo senso non siamo compatibili. Forse è meglio che ognuno prenda la sua strada. Ci siamo incontrati, abbiamo fatto un pezzo insieme. E' servito a tutti e due. Rimarrà qualcosa a tutti e due. Io senza di lui... non sarei quello che sono adesso. Però forse è meglio che ognuno riprenda la sua di strada. Mi sembra l'unica soluzione. Solo che è un casino. Come glielo dici ad un amico che è meglio che si chiudano i rapporti? Come decidi da un giorno all'altro che cambi i tuoi impegni? Abbiamo l'esame di quartetto a fine d'anno. Suoniamo insieme da due anni... anche con altre persone.... e vogliamo suonare insieme, ci fa piacere.... come faccio a mollare tutto? E' possibile? Avverto un'unica soluzione che non so se sia realizzabile... Mi piange il cuore, davvero... mi sento un dispiacere enorme a pensare che... ovviamente poi il distacco mi farà male, ma almeno dopo sarà meglio ...così penso... ma poi praticamente la realizzazione di questo non è così facile.... e ci sono tante cose..... e poi c'è la preoccupazione di non farlo senitre in colpa, perchè lui in tutto questo non c'entra niente...anzi...povero, a volte devo probabilmente subirsi i miei cambiamenti di umore..... .... tra l'altro non so se dirglielo o no, se parlargliene.... scusami amico mio, non so se leggerai questo post qui, perdonami se non so come dirtelo, davvero non so come.....forse non i puoi capire, ti prego non prendertela.....io ci tengo a tutto, ci tengo al concorso, al viaggio, ci tengo a tutto...e spesso ho paura di rovinare le cose..... riesco a capire che per te è molto spiacevole questo... davvero mi sento impotente, vorrei sapere cosa fare.... voi ragazzi che fareste? cosa ne pensate? ditemi pure che sono pazzo se lo pensate davvero, perchè in certi momenti proprio non capisco il senso di questo, non capisco perchè sono fatto così...ma perchè? perchè sono così piccolo? così incapace di muovermi, di agire, di controllarmi forse.... perchè sono così? Cioè fossi stato insieme a lui e ci fossimo lasciati forse avrebbe più senso... ma così..... alle volte non so neanche cosa pensare di me... e ripeto, non sono questi i probelmi della vita... ci sono cose ben peggiori..... boh.... basta.... scusate lo sfogo...mi servirà almeno questo??
     
 
 
  
 
 anonimo_siciliano  Inviato il: 26/11/2008, 22:35 
 

Advanced Member


Gruppo: Utente
Messaggi: 34
Provenienza: Sicily


Stato: 


 
 in una frase "odi et amo"...
... ci sono passato, ne sono uscito allontanandomi un po'.... l'affetto resta comunque, ma non fa più tanto male al cuore.

non so proprio cosa dire

ciao a presto
I've only one wing, I'm seeking an angel with only one wing... to be able to fly together
     
 
 
  
 
 d.melanogaster  Inviato il: 26/11/2008, 22:35 
 

G: [...] Oggi 10 Gennaio 1610 l'umanità scrive nel suo diario: abolito il cielo!


Gruppo: Utente
Messaggi: 50
Provenienza: the northwest passage to the sea


Stato: 


 
 ciao figaro,
capisco benissimo quello che provi, perchè quello che racconti capita anche a me, ogni giorno. Ogni volta che sono insieme a lui, cioè praticamente ogni giorno, mi rendo conto di essere felice, senza nessun'altra ragione; ci sto bene insieme, quando capita che mi accorga di aver lavorato una settimana inutilmente, cosa non rara in quello che faccio, non mi pesa quando l'ho fatto insieme a lui. Eppure so benissimo che non ci potrà essere un futuro comune, che lui non prova le stesse cose e mi sono tormentato su cosa fare riguardo a questo. Lasciar perdere? sì avrei potuto e ci ho anche provato, ma alla fine ho capito che come è del tutto inutile forzare le cose in un senso è anche inutile cercare di forzarle nel senso opposto. E alla fine ho deciso che, anche se è una strada senza uscita, va percorsa fino in fondo, perchè non si può mai sapere dove può portare. E perchè in fondo non è tanto importante la meta quanto è il viaggio per raggiungerla.
Spero di essere stato un pochino di aiuto,

(se ti va ne possiamo parlare per PM)
Per Aspera, Ad Astra
      
 
 
  
 
 Rock91  Inviato il: 27/11/2008, 15:22 
 
Member


Gruppo: Utente
Messaggi: 27


Stato: 


 
 Pazzo?? Guarda...se tu sei pazzo io cosa sono allora??
No per niente...non sei pazzo... so cosa stai subendo perchè lo sto vivendo anche io! solo che io al posto tuo lo vedo solo a scuola alla ricreazione e raramente all'uscita. Oggi abbiamo fatto un tratto di strada solo io e lui! e non riuscivo a guardarlo in faccia!!
Comunque io sto bene le volte che sto con lui e quando non lo vedo sto malissimo...perciò perchè stare male?? ho deciso che gli resterò amico e più lo vedo meno mi sento male!

scusa un'altra cosa...anche tu studi al conservatorio?? 
     
 
 
  
 
 Figaro1987  Inviato il: 27/11/2008, 21:38 
 

Advanced Member


Gruppo: Utente
Messaggi: 50


Stato: 


 
 Oggi sapete come è andata? Ero allegro, tranquillo!...Quasi penso che magari è di nuovo uno dei tanti momenti in cui trovo difficoltà... ma ce la posso fare lo stesso, si dai! Poi ripenso...e mi accorgo che sì ero allegro e tranquillo, ma il mio atteggiamento nei suoi confronti come era? Giocoso! Ecco come la tranquillità si mescola col desiderio, con una speranza sbagliata. E il mio atteggiamento non è dei migliori in quanto da troppa considerazione a lui in un certo modo. Certo che... un giorno in un modo, un giorno in un altro... boh, anche lui chissà che penserà!...oi... però oggi almeno non mi sono sentito addosso il peso di ieri... boh ...alle volte mi viene da ripensare che magari ce la farò, che ci vuole tempo e non poco...boh che so, magari mi innamoro di un altro e mi passa, potrebbe capitare....ma con lui di fronte...non so se sia tanto semplice... boh non lo so... sono instabile, come il mio comportamento forse... forse dovrei prorpio prendere una decisione una volta per tutte e tagliare e basta...parlargli... boh... non lo so... son pazzo proprio!
     
 
 
  
 
 *eni*  Inviato il: 29/11/2008, 00:54 
 

Advanced Member


Gruppo: Utente
Messaggi: 37


Stato: 


 
 ma lui?
è etero? gay? si sa?
sa di te? lo sospetta?
     
 
 
  
 
 frederic.78  Inviato il: 30/11/2008, 18:04 
 

face your fears, live your dreams


Gruppo: Utente
Messaggi: 227


Stato: 


 
 L'importante è ricordarsi quanto può far veramente male anche stare dall'altra parte ....
In an interstellar burst I am back to save the universe
      
 
 
  
 
 Figaro1987  Inviato il: 30/11/2008, 22:09 
 

Advanced Member


Gruppo: Utente
Messaggi: 50


Stato: 


 
 Caro Frederic, mi farebbe piacere se volessi spiegare un po' meglio cosa intendi... bisogna aprirsi a più punti di vista...se vuoi fai qui, altrimenti nei messaggi personali! 
     
 
 
  
 
 frederic.78  Inviato il: 4/12/2008, 20:05 
 

face your fears, live your dreams


Gruppo: Utente
Messaggi: 227


Stato: 


 
 Sai quando vuoi un bene dell'anima ad una persona e la reputi troppo importante, sapere che sta soffrendo così tanto perché tu non sei in grado di offrirgli quello che vorrebbe e non perché tu non voglia ma perché davvero non ci riesci, fa un dannato male. Nonostante tu ti possa sforzare di farla stare comunque il meglio che puoi lo stato di cose non può cambiare di molto per entrambi,e questo crea angoscia, continui interrogativi sulle scelte da fare che spesso sono solo elucubrazioni a vuoto o peggio portano ad atteggiamenti o scelte dolorose sia che per chi le fa che per chi le subisce dei due. Rimane un senso di sottofondo di ansia e frustrazione e perché no anche di colpa.
In an interstellar burst I am back to save the universe
      
 
 
  
 
 Coreute  Inviato il: 4/12/2008, 20:43 
 
Advanced Member


Gruppo: Utente
Messaggi: 51


Stato: 


 
 Ciao Figaro,
io al tuo posto mi prenderei una pausa di riflessione sui ciò che provi pur continuando, nel frattempo, a frequentare il tuo amico. Cercherei di abbassare le aspettative nei confronti di un'amicizia che non può divenire altro (ma l'hai poi verificato? O solo intuito o temuto?), e analizzerei e apprezzerei un po' meglio i miei sentimenti nei confronti dell'altro. Si capisce da ciò che scrivi che tu ti sei innamorato: nonostante il tuo amore non sia corrisposto (e questo, lo comprendo bene, è molto doloroso) hai la fortuna (sfortuna) di essere un grande amico dell'oggetto dei tuoi desideri e di poterlo frequentare e lui, almeno l'amicizia, la ricambia alla grande. Secondo me (nell'apparente sfortuna della situazione) in fondo ti è capitato qualcosa di molto bello e profondo (l'innamoramento) che dovresti accettare come un dono che ti permette di conoscere meglio te stesso. Se poi non è possibile che questo amore venga ricambiato non è colpa nè tua nè del tuo amico e secondo me dovresti accettarlo come qualcosa di inevitabile che ti farà crescere pur restando amico del ragazzo che ti fa palpitare il cuore: se poi a tuo parere la sua vicinanza diventerà troppo dolorosa confido che data la vostra amicizia, in sua presenza, saprai trovare la soluzione migliore. I migliori auguri :-)
     
 
 
  
 
 gianeuge  Inviato il: 4/12/2008, 21:15 
 

Senior Member


Gruppo: Utente
Messaggi: 319


Stato: 


 
 Yet each man kills the thing he loves, By each let this be heard, Some do it with a bitter look, Some with a flattering word, The coward does it with a kiss, The brave man with a sword! Some kill their love when they are young, And some when they are old; Some strangle with the hands of Lust, Some with the hands of Gold: The kindest use a knife, because The dead so soon grow cold. Some love too little, some too long, Some sell, and others buy; Some do the deed with many tears, And some without a sigh: For each man kills the thing he loves, Yet each man does not die.

Eppure ogni uomo uccide ciò ch'egli ama,
e tutti lo sappiamo:
gli uni uccidono con uno sguardo di odio,
gli altri con delle parole carezzevoli,
il vigliacco con un bacio, l'eroe con una spada!
Gli uni uccidono il loro amore,
quando sono ancor giovani ;
gli altri, quando sono già vecchi ;
certuni lo strangolano con le mani del Desiderio,
certi altri con le mani dell'Oro;
i migliori si servono d'un coltello, affinché i cadaveri più presto si gèlino.
Si ama eccessivamente o troppo poco; l'amore si vende o si compra ;
talvolta si compie il delitto con infinite lagrime, tal' altra senza un sospiro,
perché ognuno di noi uccide ciò ch'egli ama –
eppure non é costretto a morirne.
Tratto da "The Ballad of Reading Gaol" di Oscar Wilde

Forse una risposta la potrai trovare leggendo queste righe ...... Pensaci tante volte ... Ciao Gianni .
     
 
 
  
 
 Figaro1987  Inviato il: 9/12/2008, 23:04 
 

Advanced Member


Gruppo: Utente
Messaggi: 50


Stato: 


 
 Frederic.... che casino...tra l'altro da poco ci ho parlato e gli ho detto anche cose che forse non avrei dovuto dirgli... ora ho paura di avere esagerato... se poi uno ci sta male e prova quello che mi dici tu....aiuto... ma allora che fare? sempre più un casino...
     
 
 
  
 

 11 risposte dal 26/11/2008, 20:15
 

Comments