GAY ALLA RICERCA DI UN COMPAGNO

GAY ALLA RICERCA DI UN COMPAGNO, problemi tipici relativi alla ricerca di un compagno e alla realizzazione di una vita gay di coppia 
 
 « Disc. precedente | Disc. successiva »Notifica nuove risposte | Invia tramite email | Stampa Discussione
 
 
 gayproject    Inviato il: 9/2/2008, 15:50 
 
Senior Member


Gruppo: Amministratore
Messaggi: 721


Stato: 


 
 GAY ALLA RICERCA DI UN COMPAGNO

Quando un ragazzo si è riconosciuto gay e si è accettato, ha fatto un suo più o meno esteso coming out, si è dato da fare guardandosi intorno alla ricerca di altri ragazzi gay e ne ha individuati alcuni, o direttamente o tramite internet, allora comincia la delicatissima fase della ricerca di un compagno.
La fase della ricerca di un compagno non è limitata alla prima giovinezza ma si estende spesso a tutte le età della vita.

Per quanto la distinzione abbia dei margini di incertezza,
1) con la parola amicizia si intende un rapporto affettivo che non comporta un coinvolgimento sessuale
2) con la parola amore si intende un rapporto affettivo che comporta un coinvolgimento sessuale

Un ragazzo gay che va in erezione pensando ad un suo amico o si masturba pensandolo ne è innamorato perché i suoi comportanti hanno una componente sessuale forte.

Un ragazzo gay che, in assenza del suo compagno, non va in erezione pensandolo o non si masturba pensando a lui, non ne é realmente innamorato perché i suoi comportamenti liberi (senza la presenza dell’altro) non sono sessualmente orientati verso il suo compagno. A nulla vale il fatto che alla presenza del suo compagno quel ragazzo raggiunga l’erezione e l’orgasmo, perché qui il comportamento sessuale non è libero (moltissimi ragazzi gay riescono ad avere l’erezione e anche l’orgasmo anche con le ragazze, pure rimanendo gay, cioè ragazzi la cui sessualità libera è orientata verso i ragazzi).
Essere gay non significa affatto essere impotente nei rapporti con le donne. Diversi gay si sposano e hanno figli e in alcuni casi hanno anche una vita sessuale etero con la moglie che talvolta non si accorge neppure dei veri desideri del marito, cioè della sua sessualità libera e profonda.

Per un ragazzo gay, interpretare come un’amicizia e non come un innamoramento un rapporto di “amicizia” in cui è presente un coinvolgimento sessuale, anche non reciproco, è un errore, perché si finisce per coltivare false speranze di reciprocità che non si realizzeranno.
Per un ragazzo gay, interpretare come amore un rapporto “d’amore” in cui non percepisce il proprio coinvolgimento sessuale è un errore. Imbarcarsi in qualcosa che sembra una storia d’amore, ma non lo è perché da una parte almeno il coinvolgimento sessuale non c’è, è rischioso perché spesso da queste situazioni è difficile uscire. Attendere che il coinvolgimento sessuale nasca da sé col passare del tempo è assai poco realistico.

Nei rapporti d’amore l’attrazione sessuale, non astratta o riflessa o psicologica ma fisiologica (erezione, masturbazione pensando al proprio compagno) è essenziale.

Un ragazzo che non abbia già conosciuto altri ragazzi gay è spontaneamente portato e ritenere che sia sufficiente incontrare un altro ragazzo gay perché nasca una storia d’amore o d’amicizia. In altre parole un ragazzo gay che non ha esperienza di cose gay è portato a pensare che valga l’equazione: GAY + GAY = AMORE. Quel ragazzo si accorgerà ben presto, e a sue spese, che nella grande maggioranza dei casi quella equazione è sbagliata.

Nelle storie d’amore gay, come in tutte le storie d’amore sono insiti dei grossi rischi dei quali ci si rende conto solo a posteriori. In genere i rischi delle storie gay sono rappresentati dal bagaglio di pregiudizi e di aspettative (talvolta radicalmente inconciliabili) che le persone si portano dietro quando restano coinvolte in un rapporto gay, ne elenco alcune a solo fine esemplificativo:
1) Se io mi innamoro di lui, lui non può non innamorarsi di me
2) Se non mi dice che è innamorato di me vuoi dire che è timido
3) Il vero amore non ha nulla a che vedere col sesso
4) Io non gli dico che sono innamorato perché lui lo capisce lo stesso
5) Mi sono innamorato di lui ma non mi attira sessualmente però in seguito succederà
6) Mi attira molto sotto il profilo del sesso ma non lo sopporto come persona, però io lo cambierò
7) Se mi ama deve superare tutti gli ostacoli

Li ricerca seria di un compagno richiede un mutamento radicale di prospettiva, una coppia gay vera esiste non quando si va a letto insieme ma quando si arriva ad operare mettendo da parte la logica del single e sostituendola con quella della coppia, quando l’io cede al noi. Spessissimo non si va alla ricerca di un compagno per creare insieme qualcosa di nuovo ma per trovare il secondo attore della nostra scena dominata dall’io. In questo modo, fin dall’origine non c’è parità psicologica e non c’è condivisione sostanziale e quindi non c’è vita di coppia.

La ricerca di un compagno, nel quale si intravede molto semplicisticamente la soluzione dei propri problemi personali, porta talvolta ad esiti che appaiono rassicuranti, talvolta si arriva addirittura a contatti sessuali anche soddisfacenti. Tutto questo può dare l’impressione, sia all’esterno che ai due ragazzi, che una vita di coppia si sia realizzata, ma in realtà si tratta di una falsa coppia, nella quale manca l’idea stessa di coppia, che è basata sulla condivisione e sulla formazione di un nuovo soggetto, la coppia appunto, distinta e prevalente rispetto ai singoli. In situazioni di falsa coppia, si opera una strumentalizzazione reciproca a fini di gratificazione affettiva e sessuale, in cui l’altro non è un fine ma un mezzo. Esistono alcuni elementi sintomatici della falsa coppia:
1) Parlare sempre dal proprio punto di vista (io) e da quello del proprio compagno (lui) o della coppia (noi)
2) Proseguire anche una volta formata la (falsa) coppia la ricerca di un compagno da sostituire eventualmente a quello con il quale si sta.

La falsa coppia si spezza facilmente quando uno dei due ragazzi si rende conto di non essere preso in considerazione come persona ma solo come oggetto che serve a realizzare i desideri dell’altro. Sintomi caratteristici di questo comportamento sono:
1) La non parità nei comportamenti affettivi e sessuali
2) La standardizzazione e la ritualizzazione dei comportamenti
3) Il vivere il sesso di coppia in dimensione individuale considerando l’altro come oggetto
4) L’esclusione dell’altro da contenuti importanti della propria vita. Frequente è il caso di ragazzi che condividono la sessualità, ma uno o entrambi escludono l’altro da importanti settori della vita affettiva, come quelli legati alle frustrazioni familiari, alla depressione e ad altre negatività.

Un grande e vero problema della vita di coppia gay e l’ansia. Ragazzi che non hanno esperienza della vita di coppia gay o che escono da esperienze che non hanno portato a nulla, si mettono alla frenetica e ansiosa ricerca di un compagno.
L’ansia è la peggiore consigliera nelle storie d’amore. Quando si agisce in condizioni di ansia si tende ad accentuare e ad esasperare i toni e le interpretazioni:
1) Si dichiarano come certi e profondi sentimenti che sono solo ipoteticamente importanti
2) Si straparla rischiando di inviare messaggi affettivi ai destinatari sbagliati
3) Si sopravvalutano le risposte dell’altra parte sia in positivo, se sono risposte positive, sia in negativo, se sono risposte negative
4) Si reagisce in modo troppo emotivo e si rischia di distruggere per ragioni banali un rapporto che potrebbe dimostrarsi serissimo nel tempo
5) Si esasperano le condizioni del dialogo e si finisce per offrire di sé uno spettacolo poco rassicurante
6) Si cambia parere troppo spesso e su cose importanti
7) Si è soggetti a forti oscillazioni dell’umore

Modificato da gayproject - 5/4/2008, 01:56
     
 
 
  
 
 Survived  Inviato il: 9/2/2008, 15:53 
 

 


Gruppo: Utente
Messaggi: 635


Stato: 


 
 non ti capisco quando parli di erezione! A me le erezioni vengono anche durante la spiegazione di trigonometria mica dipende da quello che sto pensando!!!! Se dovesse dipendere da quello allora sarei stato innamorato di tutti gli uomini della mia città uah
"I will survive abandonment, I will survive a broken heart, I will survive loneliness"

my blog
www.speakmyvoice.spaces.live.com
 
     
 
 
  
 
 frederic.78  Inviato il: 10/2/2008, 18:16 
 

face your fears, live your dreams


Gruppo: Utente
Messaggi: 227


Stato: 


 
 ... a me le erezioni vengono nei momenti più strani ... a volte sono proprio inopportune ... certo me la tiro addosso ... sto sempre a pensare ad una certa persona ... che è poi il motivo per cui di rado si va in piscina insieme o che mi costringe al mare a prendere il sole a pancia in giù .... ahi, ahi .. ma gli ormoni dopo l'adolescenza non dovevano darsi una regolata?

In an interstellar burst I am back to save the universe
      
 
 
  
 
 proyou  Inviato il: 10/2/2008, 19:09 
 

Advanced Member


Gruppo: Utente
Messaggi: 137
Provenienza: FIRENZE


Stato: 


 
 Gli ormoni sono una cosa proprio stupida e questo vale per tutte le età e sia per gli etero che per i gay! 
     
 
 
  
 
 Survived  Inviato il: 10/2/2008, 21:57 
 

 


Gruppo: Utente
Messaggi: 635


Stato: 


 
 Io per colpa degli ormoni ho passato un brutto anno ma ora sono apposto fortunatamente e devo iniziare a far svaporarli di più....
"I will survive abandonment, I will survive a broken heart, I will survive loneliness"

my blog
www.speakmyvoice.spaces.live.com
 
     
 
 
  
 
 lokiluk  Inviato il: 12/2/2008, 13:47 
 

Un angelo cozza contro un boeing e cade...


Gruppo: Utente
Messaggi: 68
Provenienza: Genova


Stato: 


 
 Lasciamo perdere gli ormoni... E' ovvio che se vedo un bel tipo e comincio a farci dei pensierini sopra, cavoli.... poi gli altri se ne accorgono subito!!!

Però è anche vero che se sei sentimentalmente coinvolto da un ragazzo, pensare a lui in una situazione di intimità beh... Se io penso al mio ragazzo (cioè, ora non ce l'ho, ma non dispero  ), immagino di baciarlo, di accarezzarlo... si, beh, qualcosa li sotto si muove!

La vicinanza con un ragazzo che ti coinvolge sentimentalmente, non ti provoca una erezione comune. Vicino ad un ragazzo per il quale si prova una attrazione carnale, l'erezione si accompagna ad una specie di "rush" (non proprio appropriato come termine, ma rende l'idea...) materialista e libidinoso (non lo condanno... dopotutto a tutti noi capita il pensierino di fare a qualcuno "un pijamino di saliva"  )
Ma l'erezione che porta anche la sola vicinanza fisica di una persona che trovi coinvolgente a livello sentimentale è totalmente diversa... Non un desiderio libidinoso... non è fame di carne di possessione, ricerca di solo piacere... E' diverso.

Non è un rush, ma una morsa allo stomaco, condita con estrema dolcezza. Una voglia di possessione che si trasforma in cura verso l'altro ragazzo e il nostro premurarsi di avvolgerlo col nostro corpo, dargli calore e proteggerlo. E' dedizione all'altro, un provare piacere nel dare piacere al proprio partner.
E' il piacere di una scoperta dell'altro che avviene poco a poco e che costruisce con piccoli mattoncini "lego" il rapporto.
E' un egoismo di piacere ed un materialismo che si tramuta invece in altruismo e sentimento.

Se provate questo e vi accorgete di essere ricambiati allo stesso modo, a parere mio è amore
Eu não me curo de o que são… Eu sei não ao nuocere ao mundo…
"Non mi curo di quello che sono... So di non nuocere al mondo..."
      
 
 
  
 
 Aster_86  Inviato il: 12/2/2008, 14:55 
 

Advanced Member


Gruppo: Utente
Messaggi: 188
Provenienza: Da qualche parte nel NE


Stato: 


 
 LOKI! Che intervento! Che intevento! Confermo, è così. Grandissimo!

PS: "Pigiamino", grazie!
FRATTAGLIE: s. f. pl.; il cervello, il cuore, il fegato, l'anima e tutte le altre interiora.
       
 
 
  
 
 lokiluk  Inviato il: 12/2/2008, 17:24 
 

Un angelo cozza contro un boeing e cade...


Gruppo: Utente
Messaggi: 68
Provenienza: Genova


Stato: 


 
 Grazie...

Ma... se al singolare si scrive Pijama (in inglese ovviamente...) "Pijamino" è proprio sbagliato???
beh, l'importante era che il concetto osse chiaro al di la' dell'errore 
Eu não me curo de o que são… Eu sei não ao nuocere ao mundo…
"Non mi curo di quello che sono... So di non nuocere al mondo..."
      
 
 
  
 
 RICH10  Inviato il: 18/5/2008, 17:40 
 

...sono il Rich


Gruppo: Utente
Messaggi: 28
Provenienza: Portoghese residente in Svizzera


Stato: 


 
 Ciao sn uno di 16 che si sta informando per come far innamorare un gay che mi piace e ho letto i post. A me non succede di avere un erezione quando penso a lui (il tipo che mi piace adesso). Già solo il fatto di pensarci quando mi masturbo non so perchè lo trovo imbarazzante. Però non ho problemi con altri ragazzi che mi attraggono solo fisicamente e che non conosco. Come lo spiegate??? O_o?
     
 
 
  
 
 gayproject  Inviato il: 18/5/2008, 18:29 
 
Senior Member


Gruppo: Amministratore
Messaggi: 721


Stato: 


 
 Beh, dai, la spiegazione la vedi da te, se un ragazzo, specie se molto giovane, si innamora di un altro ragazzo in modo serio, tende spontaneamente a sublimare la sessualità per dare al suo amore una connotazione fortemente affettiva. Questo accade in modo particolare se l’altro ragazzo si è presentato con modalità o in situazioni caratterizzate da forte affettività, più che da sessualità vera e propria. Intendo dire che innamorarsi significa due cose che sembrano essere poco correlate, cioè: desiderio di corrispondenza affettiva e di prossimità spirituale (che è tipico dell’amicizia seria) e desiderio sessuale. Il prevalere dell’uno o dell’altro elemento o il loro equilibrio determinano il grado di sublimazione di un innamoramento. Evidentemente il coinvolgimento affettivo che provi per quel ragazzo è molto profondo ed è tale che ti porta a sublimare la sessualità, facendo prevalere la dimensione affettiva su quella sessuale, come se il desiderio sessuale svalutasse i tuoi sentimenti.

 

a nome mio e di tutti i ragazzi.
BENVENUTO NEL NOSTRO FORUM RICH10!!
 
     
 
 
  
 
 RICH10  Inviato il: 18/5/2008, 18:35 
 

...sono il Rich


Gruppo: Utente
Messaggi: 28
Provenienza: Portoghese residente in Svizzera


Stato: 


 
 Grazie a tutti XD e a te per avermi risposto
     
 
 
  
 
 gayproject    Inviato il: 18/5/2008, 19:27 
 
Senior Member


Gruppo: Amministratore
Messaggi: 721


Stato: 


 
 Grazie a te per avere scritto un post in questo forum! Speriamo che possa diventare anche il tuo forum!
     
 
 
  
 
 RICH10  Inviato il: 18/5/2008, 19:45 
 

...sono il Rich


Gruppo: Utente
Messaggi: 28
Provenienza: Portoghese residente in Svizzera


Stato: 


 
 Contaci ^^! Scusa posso chiederti un favore??? Nella discussione "Parlare di sessualità gay" ho scritto una situazione che mi trovo ora e vorrei chiederti se mi puoi consigliare.
     
 
 
  
 
 james_florence  Inviato il: 18/5/2008, 19:51 
 
Advanced Member


Gruppo: Utente
Messaggi: 32


Stato: 


 
 beh..aspetta un paio d'anni e vedrai che la tua mente riuscirà a trasferire la sessualità su un piano affettivo..! è solo una questione adolescenziale..anche a me capitava..
     
 
 
  
 

 13 risposte dal 9/2/2008, 15:50
 

Comments