TRILOGIA DELLA SERIE "RAINBOW"

Trilogia serie "Rainbow", di Alex Sanchez  
 
 « Disc. precedente | Disc. successiva »Notifica nuove risposte | Invia tramite email | Stampa Discussione
 
 
 Secretwindow  Inviato il: 13/12/2008, 03:52 
 

I'm sorry, I just don't feel love has a gender.


Gruppo: Utente
Messaggi: 31


Stato: 


 
 Rainbow Boys (2004)

Rainbow High (2005)

Rainbow Road
(2006)

di Alex Sanchez
Casa editrice Playground - collana High School


Ho amato questi libri, che in modo scorrevole e realistico raccontano la vita e la crescita di tre amici, studenti di un liceo della provincia americana.

Nelson, gay dichiarato e appariscente, innamorato del suo miglior amico Kyle, gay non dichiarato che a sua volta si è invaghito di Jason che però ha una fidanzata.

Rainbow Boys, il primo libro della trilogia, fa conoscere i protagonisti alle prese con i primi innamoramenti, l'ansia da coming out di Kyle che vorrebbe dichiararsi in famiglia ma teme le reazioni dei genitori, Jason che ha fantasie erotiche omosessuali che lo destabilizzano, e che nel tentativo di allontanare le sensazioni che gli hanno insegnato essere "sbagliate", in pubblico si proclama amico dei compagni di scuola omofobi.
Quando Nelson e Kyle decidono di istituire un gruppo gay-etero, i tre ragazzi dovranno affrontare opposizioni e omofobia e per qualcuno arriva anche il momento di prendere la decisione di fare coming out.

Il secondo volume, Rainbow High, inizia col racconto che ognuno dei tre protagonisti scrive, parlando delle esperienze vissute e degli insegnamenti che queste esperienze hanno portato.

Qui l'autore Alex Sanchez affronta temi come l'Aids,
I primi approcci con una sessualità non più immaginata ma vissuta, il significato e le conseguenze del fare coming out a scuola e ancora più difficile con le squadre sportive di appartenenza (Jason è una promessa del basket e Kyle è un nuotatore), per tutti arriva il momento di decidere che percorso scolastico intraprendere al termine del liceo e la lotta interiore se seguire il cuore o il cervello.

L'ultimo, Rainbow Road, è il racconto di un viaggio attraverso l'America che i tre amici intraprendono prima di iniziare l'avventura universitaria.
Durante il viaggio conosceranno realtà molto diverse tra loro, da quelle estremamente negative ed ostili (in un passaggio lo scrittore fa riferimento all'omicidio di Matthew Shepard) a realtà positive e sorprendenti e tante altre esperienze e lezioni di vita che non commento per non togliere il gusto della sorpresa a chi vorrà magari leggere questi tre libri.

Romanzi che per me sono stati una sorta di "guida al comportamento".
Il caso ha voluto che li leggessi quando avevo all'incirca l'età dei tre personaggi principali e questo mi ha reso più facile immedesimarmi e condividere ansie, sentimenti, gioie, momenti di sconforto, lacrime. e risate.
In parte mi hanno aiutato ad affrontare i rifiuti che purtroppo si ricevono quando si decide di dichiararsi a scuola e nello sport, che le decisioni che si prendono vanno sicuramente ponderate ma che nello stesso tempo serve anche un briciolo di incoscienza e che un libro può essere un buon esercizio per imparare a lavorare su e per sé stessi.

Spero di non avervi annoiato troppo!


Federico

 


Show me how the world looks through your eyes. Tell me about the sunrise, let me see the stars shine. Show me how the world looks through your eyes, and I can show you how it looks through mine

 
      
 
 
  
 
 gayproject    Inviato il: 13/12/2008, 07:21 
 
Senior Member


Gruppo: Amministratore
Messaggi: 721


Stato: 


 
 Federico! Come si fa a non dirti almeno grazie per una presentazione come questa che hai scritto fino alla 4 di notte! La storia dei tre ragazzi è avvincente e sopratutto vera! Penso realmente che possano essere libri utili per riflettere e per valutare i rischi, le complessità e il fascino della vita di un ragazzo gay.
     
 
 
  
 
 Borea  Inviato il: 14/12/2008, 19:52 
 
Member


Gruppo: Utente
Messaggi: 27


Stato: 


 
 Che bella descrizione Secret! Mi hai proprio invogliato!
Anche se ormai gli anni del liceo sono passati da un pò quel periodo della vita che questi libri descrivono continua ad affascinarmi... sarà che la mia adolescenza l'ho passata pensando ad altro, non vivendo fino in fondo me stesso. Le trilogie poi mi hanno sempre affascinato, non so cosa abbia questo numero 3 che tanto mi appassiona... sarà che sono cresciuto pane e Signori degli anelli...

La mia bellezza è la nostra Bellezza. Senza un Noi, sono albero senza foglie, pesce senza squame, nave senza motore...
     
 
 
  
 
 Secretwindow  Inviato il: 15/12/2008, 01:38 
 

I'm sorry, I just don't feel love has a gender.


Gruppo: Utente
Messaggi: 31


Stato: 


 
 Grazie a voi!


Ci sono altri libri della stessa casa editrice - ma anche di altre - che sono ugualmente belli e interessanti, e andando avanti parlerò magari degli altri, ma a questi tre sono particolarmente affezionato.

@ Bòrea

Non l'avevo mai notato, ma anch'io associo spesso ai libri il numero 3.
Quando vado in vacanza, anche solo per una settimana, porto regolarmente 3 libri; quando li regalo, sono sempre 3; quando li compro per me, 3 è la quantità minima.
Nelle mie esplorazioni di librerie, raramente trovo meno di tre libri che mi Interessano.

Adesso che tra i libri lavoro, è una tentazione continua.

Modificato da Secretwindow - 15/12/2008, 02:07
Federico

 


Show me how the world looks through your eyes. Tell me about the sunrise, let me see the stars shine. Show me how the world looks through your eyes, and I can show you how it looks through mine

 
      
 
 
  
 

 3 risposte dal 13/12/2008, 03:52
 

 

 

Comments