LUOGHI COMUNI

LUOGHI COMUNI, Da dove vengono? 
 
 « Disc. precedente | Disc. successiva »Notifica nuove risposte | Invia tramite email | Stampa Discussione
 
 
 james_florence  Inviato il: 19/5/2008, 13:36 
 
Advanced Member


Gruppo: Utente
Messaggi: 32


Stato: 


 
 Ci sono un sacco di luoghi comuni riguardo ai gay e tutti saprete meglio di me quali sono, non starò ad elencarveli. Io però non mi ci rivedo per niente, anzi spesso mi sono sentito "mosca bianca", perchè non sopporto di essere ritenuto "una donna in un corpo maschile". Insomma, in altre parole, io mi sento piuttosto virile (eheheh) e non potrei essere diverso da come sono, sebbene mi piacciano i ragazzi. Allora a volte mi chiedo: da dove derivano i luoghi comuni riguardo ai gay? Dalla visione che di loro hanno gli eterosessuali o da un'immagie che i gay stessi, quelli ORGOGLIOSI di essere gay han dato e danno alla società di sè? Questi luoghi comuni hanno ragioni di esistenza storiche? sociali? economiche?

Modificato da james_florence - 13/6/2008, 00:00
     
 
 
  
 
 gianeuge  Inviato il: 19/5/2008, 14:02 
 

Senior Member


Gruppo: Utente
Messaggi: 319


Stato: 


 
 Caro James-Florence , essere Gay non significa agire o comportarsi in una certa maniera , penso che le persone Gay non abbiano niente di diverso dalle altre persone ! Non penso che sia un peccato , avere un'attrazione per le persone del proprio sesso , mettiti tranquillo non sei una mosca bianca ! Anche noi possiamo amare gli sport , qualsiasi altra cosa che amano le altre persone , tranquillo ! Gianni .
     
 
 
  
 
 frederic.78  Inviato il: 19/5/2008, 15:40 
 

face your fears, live your dreams


Gruppo: Utente
Messaggi: 227


Stato: 


 
 Oh non sai come ti capisco!!! Io dentro all’immagine stereotipata comune del gay non mi ci vedo in niente!! E mi scoccia all’inverosimile quando mi dicono “Tu sei gay???? Ma fammi il piacere .....” Della serie sparala più grossa .... perché vuol dire che l’idea di gay che hanno è veramente spennellata a ridosso del luogo comune più banale ... quello da macchietta o barzelletta .....
Il problema è che l’uomo è portato a categorizzare tutto .... se ci pensi è anche una necessità del linguaggio, la parola circoscrive sempre un campo molto più vasto della singola cosa a cui tu al momento ti riferisci ..... starebbe poi nella intelligenza delle persone capirlo che in un insieme ci sta tutto quello che può avere anche solo una singola caratteristica in comune ...... e cazzo l’insiemistica ce la insegnano alle elementari!!!
In ogni caso la colpa sta a cavallo come sempre tra le due parti ..... colpa dei gay che si fanno soprattutto conoscere e riconoscere per certi tratti (a volte pure un bel po’ odiosetti pure per altri “della categoria”) e colpa di quelli che generalizzano all’estrema potenza ... ma qui mi fermo o debordo come al solito!
Solo ecco ... un esercizio ....

dati 2 insiemi di cani e sedie ... cerchiare i sottoinsiemi e barrare le differenze ....

 

In an interstellar burst I am back to save the universe
      
 
 
  
 
 gayproject    Inviato il: 19/5/2008, 20:23 
 
Senior Member


Gruppo: Amministratore
Messaggi: 721


Stato: 


 
 In una discussione come questa aggiungo sono una nota personale. Ho molti amici gay e conosco molti ragazzi gay ma nessuno di questi ha nulla in comune con gli stereotipi che la gente considera gay. Sono persone di tutte le età, dagli 81 anni di Vincenzo ai 14 o 15, ma tra queste persone non ci sono frequentatori di locali gay, non ci sono prime donne, non c’è nessun “atteggiamento gay”. Nessuno ha mai preso né me né i miei amici per gay. Molte di queste persone, come me, hanno carissimi amici etero che sanno e con i quali non c’è mai stato il minimo problema. Quasi nessuno è dichiarato pubblicamente o sul posto di lavoro, ma in dimensione privata e con gli amici giusti è possibilissimo essere se stessi. Probabilmente i miei amici gay si sono auto selezionati ma io con loro sto bene ma non perché siamo gay (che poi alla mia età è una questione molto diversa da come può essere a 20 anni!) ma perché siamo amici. E, tanto per fare dei nomi, perché mi trovo bene bene con James, con Gianni e con Frederic? Perché sono gay? No! Ma perché ci sento delle affinità di fondo che con alcuni altri gay che ho incontrato non ho mai percepito. Il solo fatto di essere gay, non avvicina le persone più di tanto, ma il fatto di esserlo in un certo modo e con certi valori sì, le avvicina eccome! Adesso, ditemi voi, che cos’ha Progetto Gay di gay nel senso “comune” del termine? Gli stessi ragazzi gay che ci capitano lo sentono un ambiente diverso dal solito, ma per paradossale che possa sembrare, Progetto Gay rispecchia il modo di essere della maggioranza dei gay, che non sono dichiarati pubblicamente, che non frequentano locali gay e che vivono una vita che non ha nessuna stranezza a nessun livello.
     
 
 
  
 
 Survived  Inviato il: 19/5/2008, 22:32 
 

 


Gruppo: Utente
Messaggi: 635


Stato: 


 
 Io credo con convinzione che i luoghi comuni vengano anche dai gay stessi. Dalla paura di essere giudicati nasce il bisogno di reagire di conseguenza. Dalla paura di essere diversi nasce la tendenza a voler essere diversi e non è affatto qualcosa di positivo. Chi vuole a tutti i costi portare una sciarpa a rose per dire "sono gay" credo abbia altri problemi di fondo da risolvere, essere gay non vuol dire etichettarsi. E tu, bravo, continua a vedere le partite e fai l'uomo, che di uomini gay ce ne son pochi a prescindere dai modi o dai muscoli!


"I will survive abandonment, I will survive a broken heart, I will survive loneliness"

my blog
www.speakmyvoice.spaces.live.com
 
     
 
 
  
 

 4 risposte dal 19/5/2008, 13:36
 

Comments