IL PUNTO DELLA SITUAZIONE

IL PUNTO DELLA SITUAZIONE, Dinamiche Varie ed Eventuali 
 
 « Disc. precedente | Disc. successiva »Notifica nuove risposte | Invia tramite email | Stampa Discussione
 
 
 Emma17    Inviato il: 18/3/2008, 15:19 
 

questa sono io


Gruppo: Utente
Messaggi: 64
Provenienza: Brescia


Stato: 


 
 Post leggero..o quasi. Non vogliatemene, ma penso che un forum sia tale proprio perchè esiste un libero scambio di opinioni. E io vorrei la vostra, su alcune dinamiche...giusto anche per vedere quanto la libera espressione della sessualità possa o meno influenzare comportamenti, tattiche, "termini e condizioni". E poi, entriamo ancora nel discorso "ambiguità"....
Ieri me ne è successa una bella davvero. O, meglio, l'ennesima, perchè con il mio caro Flavietto l'instabilità emotiva e mentale, a volte, è cosa di tutti i giorni.
Dopo un periodo di calma apparente - grazie anche al lavoro che ho fatto su me stessa e per il quale non finirò mai, ma proprio mai, di ringraziare chi sta su questo forum- è ricominciato il solito tiramolla . "Superata" la crisi "gay o non gay", ora mi trovo a "lavorare" su questo rapporto in maniera più equilibrata e distaccata , ma resto comunque troppo presa da questa persona. Dunque, dicevo che ieri, questa testa bacata ricompare dopo 3 giorni 3 di silenzio assoluto con una bella letterina di due pagine nella quale,in maniera ironica e per sommi capi, dice che mi ha "analizzato". Mi riassume, in 8 punti, tutto ciò che ho detto tramite sms o meno negli ultimi tempi, prendendo frase per frase, confrontandola con "come ero prima" e cercando di smontare le mie parole.Partiamo da una "premessa": non ho una relazione fissa, ho qualcuno che mi gironzola intorno, e non disdico la piccola avventura: ebbene, questa persona cerca di smontare in tutte le maniere quello che dico, poichè secondo lui non sono proprio il tipo da far girare la testa...e inoltre allude al mio carattere, al mio fisico, a tutta me stessa!!! Ok che queste cose le ha dette scherzando...ma sono rimasta comunque a farmi tante belle domande.
Dunque. Questo qui mi arriva le solite battutine su presunti "incontri" con il suo amico del cuore. Poi mi passa a descrivere avventure con le sue amichette storiche ed in particolare con la sua ultima "fiamma", dice che si stanno conoscendo, che questa tipa ha mollato il fidanzato perchè ormai non c'era più nulla, etc etc. Mi fa battute sul sesso e mi dice che se ha fatto poco o niente con me non vuol dire che non faccia con le altre. Mi scongiura,a volte, di credergli, che mi porterà le prove...(:-) )
Naturalmente, con il senso dell'ironia che non mi manca mai, ho garbatamente risposto che non mi importa nulla di quello che fa quando non ci sono, se fa sesso o meno, con chi, dove e quando..e, a parte gli scherzi, ho notato che mi passa da un estremo all'altro: o battute sui suoi incontri con altri uomini, o battute dove si fa passare per playboy...insomma non esiste una via di mezzo.Ed è proprio qui che mi fermo. Ho fatto caso solo ora a questa cosa; per questa persona non esiste un equilibrio, in tutte le cose conosce solo gli estremi. O è sinceramente prosternato/deluso/amareggiato e quindi mi corre appresso come un cagnolino, oppure diventa di una "cattiveria" esemplare.E io sempre li in mezzo. Cerco di mantenere un basso profilo ma sono un essere umano piuttosto istintivo e mi devo trattenere, a volte, dall'arrabbiarmi seriamente.
Anche sulle sue espressioni sessuali sono piuttosto allibita.Perchè mi ritorna sul discorso omosessualità?
Non che abbia in mente azioni particolari perchè è libero di fare ciò che vuole, ma visto che sono coinvolta pure io dentro sto storia, mi piacerebbe tanto capire come mai ogni tanto ritorna a "colpire". E, già che ci sono, mi piacerebbe avere un punto di vista su queste evoluzioni della situazione.
Che fatica.
Barbara 
      
 
 
  
 
 StevenL  Inviato il: 18/3/2008, 22:47 
 
Utente cancellato

 

 

 


 
 Gurada Barbara,il mio punto di vista lo conosci perchè ampiamente te ne ho parlato...hai ragione è proprio una FATICA!Ma adesso...tralasciando quello che hai iscritto,ti pongo una domanda:
Ma ne vale la pena?
   
 
 
  
 
 frederic.78  Inviato il: 19/3/2008, 12:00 
 

face your fears, live your dreams


Gruppo: Utente
Messaggi: 227


Stato: 


 
 Ciao Barbara ... sai non saprei bene che dirti perchè sinceramente mi sfuggono un pò di cose ... insomma non riecso bene ad inquadrare il rapporto che vi lega .... ex? Amici? Amici con ritorni? ... ma probabilmente è solo perchè effettivamente il vostro rapporto è abbatsanza confuso magari per primo a voi due ... l'unica cosa che posso dirti è che non devi assolutamente lasciarti tormentare da lui ... non te lo meriti e chi tiranneggia in genere ha molto da prendere e pretendere dagli altri ma davvero molto poco da dare ... lascialo alle sue imprese sessuali polivalenti vere o meno ... quando ti cerca per darti esibizionistica relazione di sè o criticare quello che sei tu ... ignoralo, lascialo svaporarsi nelle sue arie ... e se sono forti che il vento se lo pigli pure e se lo porti via!!! Se a te è interessato per un proficuo scambio di opinioni, se lo lega dell'affetto sincero ... ti cercherà in modo serio ... altrimenti certe lasciate non sono perse ma solo guadagnate!!! Credimi ti meriti una persona che ti faccia stare bene, devi iniziare acrederci pure tu!!!

In an interstellar burst I am back to save the universe
      
 
 
  
 
 Emma17    Inviato il: 19/3/2008, 16:41 
 

questa sono io


Gruppo: Utente
Messaggi: 64
Provenienza: Brescia


Stato: 


 
 Parlando con Project ho avuto modo di capire alcune cose riguardo alle dinamiche omosessuali, ma per il resto, rimango ancora confusa e nonostante gli anni ho poca esperienza in fatto di "gestioni sentimentali", visto e considerato che le ho sempre rifuggite come la peste.il vostro punto di vista è sicuramente un aiuto a focalizzare molte cose. Il problema che emerge è però un altro. Come ho scritto verso la fine del post, ogni tanto torna a colpirmi il discorso della sua ambiguità.
Caratterialmente parlando, se lui è fatto così io non posso fare granchè, e viceversa lui con me (indipendentemente da quello che dice, io sono così e così rimango, poichè sto bene); ma dal punto di vista dei sentimenti, c'è una posta diversa in gioco.
La nostra situazione è alquanto confusa, e si può riassumere con il titolo di un film che a me piace molto "Amici, Comlici,Amanti":tutto questo.Aggiungiamoci poi il frangente consigli, psicologia spicciola e altre piccole cosucce (sempre richieste da lui, mai date o manipolate a mio piacimento) e il quadro è completo. Persona gradevole, semplice, che alterna momenti di una dolcezza incredibile ad altri di insensibilità, sincero sino a fare male a volte. Con tanti difetti caratteriali che mi fanno picchiare la testa (sua) contro il muro, ma questo è il mio punto di vista.
Unito a tutto ciò, c'è la sua "alternanza". Da una parte le sue innumerevoli amiche, con le quali ha non ben precisati rapporti, alcuni dei quali accuratamente descritti e riportati, altri meno.Dall'altra parte ci sono altre figure, quelle di un suo amico in particolare.
In base a quello che mi è stato detto da Project ho potuto capire che questa persona non è omosessuale ma che neppure sembra essere un normale etero.Paure varie, blocchi (riporto frasi del ragazzo, non congetture mie)...problemi con il sesso, nonostante tutto quello che descrive (non sono sprovveduta, in fatto di questo frangente).Ora, io mi trovo a decidere dove e come "investire" le mie forze.
Se per un anno ho accettato tutto questo, l'ho fatto per un motivo preciso:perchè a lui ci tengo e almeno mi piacerebbe provare a costruire qualcosa, vivere una relazione come si deve, non un esperimento giocoso come quello che lui fino a poco tempo fa ha condotto.Tuttavia, la sua ambiguità di fondo mi frena. Ho più di trentanni e penso spesso al futuro, lo so che non si dovrebbero fare i calcoli, ma l'orologio biologico avanza...e mi piacerebbe, per quanto il destino me lo consenta, provare a fare qualcosa nella mia vita, visto che di stronzate (scusate il termine, ma deve rendere l'idea) ne ho fatte abbastanza. Insomma, devo decidere se investire il tempo con lui o è una battaglia persa; perchè ora, fino ad ora, ho vissuto come in stand by e per quanto mi è possibile vorrei che la situazione si sbloccasse.
Ma poi, il mio pensiero corre. Metti che la situazione si sistemi, che vada tutto come desidero, famiglia e figli. Metti anche che Flavio prenda atto delle sue espressioni sessuali. Che faccio? Cosa affronto? Lo so, vado avanti con il tempo, ma questi pensieri li ho fatti molte volte.
Non penso che per l'amore ci voglia una tattica, ad una persona piaci o non piaci, ma non penso che la scintilla arrivi da sola, bisogna indurla in qualche maniera.Io non ci ho mai provato, lasciando andare le cose al loro corso.Ora, prima di mettermi in gioco, vorrei capire se è una battaglia persa. Questa sua "alternanza".
Se da un lato mi sono sistemata, ogni tanto riemergono queste paranoie, è inevitabile...
Oggi sono parecchio confusa. Voi cosa fareste al mio posto?Caratterialmente fatico a lasciare la presa....
Datemi anche un virtuale colpo in testa, se serve.
Barbara
      
 
 
  
 
 StevenL  Inviato il: 19/3/2008, 22:15 
 
Utente cancellato

 

 

 


 
 Io francamente (e con te lo sono sempre stato) lo lascerei perdere!
Meglio la serenità mentale a qualsiasi cosa!
   
 
 
  
 
 frederic.78  Inviato il: 20/3/2008, 10:18 
 

face your fears, live your dreams


Gruppo: Utente
Messaggi: 227


Stato: 


 
 CONCORDO in PIENO!!!!!!!!!
In an interstellar burst I am back to save the universe
      
 
 
  
 
 Emma17  Inviato il: 20/3/2008, 11:46 
 

questa sono io


Gruppo: Utente
Messaggi: 64
Provenienza: Brescia


Stato: 


 
 Uff. Vero. Sono una testolina bacata.Grazie!
      
 
 
  
 
 proyou  Inviato il: 20/3/2008, 15:21 
 

Advanced Member


Gruppo: Utente
Messaggi: 137
Provenienza: FIRENZE


Stato: 


 
 La persona con cui uno sogna di avere una famiglia deve essere una persona buona e non uno che ti tratta male!!! poi magari tratterà male pure i figli!
 
     
 
 
  
 
 Emma17    Inviato il: 25/3/2008, 16:47 
 

questa sono io


Gruppo: Utente
Messaggi: 64
Provenienza: Brescia


Stato: 


 
 Che giornataccia. Ecco, cosa ho nella testa: un caos tremendo. Ecco, il punto della situazione.Per fortuna c'è il forum, ci sono le parole di Vincenzo che mi aiutano un pò, che mi dicono che tutto comunque va bene. Leggo le parole di Project, di GianEuge, mi sento piccola riguardo a tutto quanto..ma alla fine me ne torno a casa e i problemi sembrano sempre giganti.Dovrei essere qui a pensare al mio futuro e invece mi perdo via nelle questioni di cuore: Perchè non mi vuole?Cosa ho fatto? E mi do della cretina cronica, dico io, con tutto quello che hai nella testa...Sì, piccoli progetti che ho iniziato, che pian piano mi occupano, ma poi di nuovo, in questa dipendenza affettiva. Il resto no, ho seguito il consiglio di Project e del mio stesso cervello cioè quello di "ragionare" un pò di più. Leggo le storie del forum, mi rendo conto che tante problematiche non le ho e non le ho mai conosciuto, e non perdo di vista che la vita è una cosa importante altrimenti col cavolo che sarei qui a tirarmi tesi, se così non fosse avrei già salutato tutti e buonanotte. Ma, a proposito di notte, pur sapendo che alla fine un'alba c'è, mi sembra di non uscire da questa oscurità! Torno indietro con gli anni e mi vedo a combattere contro una depressione che mi ha portato a farmi del male, ma caspita, sono uscita anche da lì, con i denti e con le unghie...eppure da qui mi sembra che non ci sia fine.Ma ci si può ridurre così, buttare via tempo, denaro a volte (in passato), solo perchè vuoi completamente toglierti da uE na realtà che non ti piace? No che non si può, me lo dico da sola, ma ritorno comunque qui, a scrivere ma in fondo rompo le scatole, cerco un aiuto, perchè da sola davvero non ce la faccio, e la parola di quegli amici c'è, ma loro no, ci sono dentro conoscono la situazione, e alcuni segreti loro non li sanno, sapessero che mi drogavo forse mi strozzerebbero...non sono stata sincera nemmeno con loro, oltre che con me stessa.
Adesso, guardo fuori dalla finestra e c'è il sole, caspita, ma a me quando arriverà qualcosa? Certo dalla vita ho avuto tanto, la mia famiglia è d'oro, una nonna che mi adorava della quale porto il nome, ma..mi è stato chiesto anche tanto! Ho visto morire amici, persone che amavo, ho visto il tracollo finanziario dei miei e io li, inutile, a non sapere come aiutarli, non avevo lavoro...adesso vedo la loro fatica nell'andare avanti ma ancora mi sento inutile perchè non sono come mi vorrebbero...Ho fatto anni e anni da psicologi e terapeuti per tirarmi fuori dalla bulimia, anche lì ce l'ho fatta...anni e anni per uscire dalla depressione...!e poi l'amore, non è mai arrivato, sempre qualcosa che non andava, e quando pensavo di aver trovato qualcuno, qualcosa, ecco che anche quello è complicato e preso quello che serviva se n'è andato. Quando arriverà quello che mi spetta? Mi sento tanto tanto tanto ingiusta a fare questi discorsi, quando dovrei forse pensare che a tratti sono inutili...ma oggi sto così...
Cerco di reagire e sorrido nonostante tutto, dò una parola se serve, faccio quello che posso...ma, non mi sembra sia mai abbastanza, ecco il mio difetto, non è mai abbastanza niente...
Scusate, scusatemi tanto, il punto della situazione andava fatto, ecco.....
B.
      
 
 
  
 
 gayproject    Inviato il: 25/3/2008, 17:48 
 
Senior Member


Gruppo: Amministratore
Messaggi: 721


Stato: 


 
 Ciao Barbara,
ma che mi combini? ... non ti voglio sentire così... vedi, secondo me, c’è una sola ricetta non dico per essere felice ma per lo meno per evitare di continuare a scivolare sempre più giù: uscire da se stessi. Sei capitata su questo forum per questioni che avevano a che vedere (forse, ma forse no) con l’omosessualità, poi ti sei sentita a tuo agio ed hai creato qui un tuo spazio e, ormai, sei una persona che qui è di casa, e anche i ragazzi del Forum non ti sentono affatto come una presenza estranea ma come uno stimolo a riflettere su cose che possono capitare a una ragazza etero esattamente come a un ragazzo gay, su cose come la tentazione di lasciarsi andare. Una espressione in particolare: “salutare tutti e buonanotte!” mi ha fatto venire i brividi. Barbara, se tu ci vuoi bene almeno un po’, a cose come quelle non permettere nemmeno di affacciarsi al tuo cervello. Tu sai quello che penso di te, ne abbiamo parlato più volte e tu hai moltissime possibilità di fare cose ottime per te stessa e per gli altri, anche per noi di Progetto Gay, che ormai ci siamo affezionati a te. Io sento parecchie volte discorsi come i tuoi, esattamente identici, fatti da ragazzi gay scoraggiati. A quei ragazzi e anche a te dico sempre che bisogna uscire da se stessi, evitare di creare un discorso infinito solo su stessi, che bisogna capire che si può fare realmente tantissimo di buono e che non ha alcun senso fare un bilancio e dire “non ho avuto nulla dalla vita” perché questo non è vero. Hai visto la storia di Gianni, hai visto quella di Vincenzo... che cosa hanno fatto? Si sono messi a lamentarsi perché la vita non ha dato loro di più? No! Hanno cercato di vivere come si deve sempre, anche in momenti veramente tragici, hanno cercato di fare della loro esperienza tragica un valore per sé e per gli altri. Sono usciti da sé stessi e si sono ritrovati negli altri, non si sono lamentati del conto che la vita ha presentato loro. E credi tu che tanti dei ragazzi che leggono questo blog abbiano situazioni migliori della tua? O che si lamentino perché gli anni passano e non riescono a realizzare i loro sogni? Forse succede anche questo, anzi certamente succede, eppure fanno di tutto, come dice Vincenzo, per non perdere la speranza. Barbara! Ti vedo in linea... provo a chiamarti!
 
     
 
 
  
 
 Survived  Inviato il: 26/3/2008, 12:18 
 

 


Gruppo: Utente
Messaggi: 635


Stato: 


 
 La felicità più vera, piu pesante, più forte, più profonda, nasce dal bisogno di sorridere, non di ridere....Io ho imparato a sorridere per cose che potrebbero far piangere, ma che dopotutto possono anche non essere così belle, fondamentali, certo però ti cambiano!
La felicità risiede un po in quei luoghi del nostro essere dove non adresti mai a frugare


"I will survive abandonment, I will survive a broken heart, I will survive loneliness"

my blog
www.speakmyvoice.spaces.live.com
 
     
 
 
  
 
 Emma17  Inviato il: 26/3/2008, 17:11 
 

questa sono io


Gruppo: Utente
Messaggi: 64
Provenienza: Brescia


Stato: 


 
 Eccolo.Eccolo lì,lui. Un giorno di silenzio, io che sono distrutta.E lui che mi dice che avevo ragione io, che sono una delle poche persone che ha capito che dietro alla sua sicurezza ci sono problemi e fragilità....e io, che faccio? Eccomi qui, pronta....Come sto a pezzi!
      
 
 
  
 

 11 risposte dal 18/3/2008, 15:19
 

Comments