VIVERE IN JAM SESSION

Vivere in Jam Session, ovvero accompagnarsi al mondo nel rinnovo  
 
 « Disc. precedente | Disc. successiva »Notifica nuove risposte | Invia tramite email | Stampa Discussione
 
 
 frederic.78  Inviato il: 28/7/2008, 15:19 
 

face your fears, live your dreams


Gruppo: Utente
Messaggi: 228


Stato: 


 
 Mi ero ripromesso di scriverlo subito il giorno dopo (e non l'ho fatto!), perché certe sensazioni poi passano o meglio sfumano e le intuizioni che ti sembrano brillanti in un certo momento poi in un altro, poco appresso, ti paiono solo banalità, ma magari era la sensazione di prima quella giusta ...
Insomma due weekend indietro sono stato alla chiusura di Umbria Jazz ... come ogni anno non posso mancare all’ubriacatura di vita musicale .... che non è tanto quella dei grossi eventi organizzativi quanto quella che si srotola in giro per le stradine quando camminando cogli negli sguardi e nei movimenti di tutti quelli che incontri le oscillazioni interiori della musica o quella davanti a S. Francesco in Prato dove ti fermi un attimo per diradare la sbronza di suoni in un pestato di bonghi e balli, o ancora quella delll'anima più vera, quella che è il senso dell'intera manifestazione ovvero tutto ciò che si crea e inventa nei tanti pub in giro per la città, in incontri imprevisti che sfociano in infinite jam session ... come ogni anno mi "convincono" a prendere il basso in mano ... non suono quasi mai ormai ... per gli altri per lo meno, il basso è diventato per me un pò come il dipingere, uno sfogo personale e per questo solitario ... ad ogni modo a Umbria Jazz viene facile buttarsi in mischia ... una volta che ti siedi e prendi lo strumento, solo allora realizzi che sei solo, che gli altri che ti stanno attorno non li conosci, non ci hai mai parlato. Fa strano eppure due secondi dopo quel senso profondo di estraneità tutto ha inizio ... si decide la base in comune, una semplice griglia standard e conosciuta da tutti ... già questo ha in se un qualcosa di incredibile .. il modo in cui in due battute di parole ci si accorda tutti ... e si che stai in mezzo a musicisti veri ... gente che magari vive per suonare o suonando si paga la vita o crea musica ... eppure tu chiunque sia già nel sederti là è come se ti appropriassi di una conoscenza acquisita, istintiva ... e poi ha inizio ... ed è solo mentre la vivi che capisci quanto una jam session sia l'espressione stessa di come la vita debba esere vissuta ... l'immediatezza del suono è quella della vita, così come quella spinta ad andare in avanti sempre in avanti nonstante tutto ... qualcosa che da dentro di te, dal più profondo ti dice che devi buttarti, che devi vivere appieno, una voce non tua ma che si mischia con la tua ... la base preordinata rimane, è comune per tutti ma tu devi esere quello che si impegna a ricamarci su all'infinito in un impasto sempre nuovo ... l'opera di costruzione, l'immaginare qualcosa e poi darle la vita, vederla uscire dai tuoi pensieri e concretizzarsi ... senza paura di quello che può uscire, l'errore ci sta tutto, la discordanza diventa la spinta colta da qualcun altro per uscire fuori, per creare una via di fuga o semplicemente per ricondurti dentro al suono collettivo .... e poi magari l'affiatamento diventa così forte che la base all'improvviso scompare, tutto si gioca sull'improvvisazione più assoluta e allora eccola l'apoteosi della jam session perfetta ... ed ecco che la musica diventa l'espressione della relazione d'amore ... perchè una jam session così è un capirsi senza parlare, creare insieme con la certezza che il tuo suono è indispensabile al proseguirsi dell'altro, è saper piegarsi al cambiamento dell'altro, stargli dietro e reinventarsi di continuo per poterlo accompagnare e arricchire e stostenere, azzittirsi prontamente per permettere ad uno strumento di farsi pieno e solitario partecipe del tutto, sapendo che poi toccherà a te farti assolo e gli altri si faranno pilastri silenziosi per permetterti di realizzarti e di farti sentire vivo e fondamentale .... certo sono parole solo parole e magrai non hanno molto senso ... ma l'intuizione che ho sentito suonando quella jam session è stata che sto vivendo nel migliore dei modi ...e scusate se è poco ....

Modificato da frederic.78 - 29/7/2008, 12:02
In an interstellar burst I am back to save the universe
      
 
 
  
 
 Erin_89  Inviato il: 28/7/2008, 22:27 
 

Advanced Member


Gruppo: Utente
Messaggi: 35
Provenienza: basso Nordest


Stato: 


 
 CITAZIONE... ma l'intuizione che ho sentito suonando quella jam session è stata che stavo vivendo nel migliore dei modi ...

E non può che essere così per la persona meravigliosa che sei, perchè se non lo fai tu chi altro ci riuscirebbe??
i'll swallow poison, until i grow immune
i will scream my lungs out till it fills this room
how much difference does it make
 
     
 
 
  
 
 back2back  Inviato il: 1/8/2008, 18:43 
 

Advanced Member


Gruppo: Utente
Messaggi: 80
Provenienza: Padova


Stato: 


 
 CITAZIONE... come ogni anno mi "convincono" a prendere il basso in mano ...

Pensa la gioia di quel basso  con tutti i doppi sensi annessi!!!
Sia chiaro: non è un pensiero censurabile, è solo una constatazione strumentale.
L'assenso generale e la mancanza di spirito critico non sono compatibili con la democrazia.
     
 
 
  
 

 2 risposte dal 28/7/2008, 15:19
 

Comments