QUE RESTE-T-IL DE NOS AMOURS

Que reste-t-il de nos amours, Charles Trenet 
 
 « Disc. precedente | Disc. successiva »Notifica nuove risposte | Invia tramite email | Stampa Discussione
 
 
 gianeuge  Inviato il: 15/5/2008, 14:15 
 

Senior Member


Gruppo: Utente
Messaggi: 319


Stato: 


 
 Questa era la canzone preferita da Eugenio : CHE COSA RESTA ................................................................................ Chissa cosa mormora il vento , stasera col suo lamento , dietro la porta laggiù . di già il caminetto s'è spento io chiudo gli occhi e rammento gli amori di gioventù . Di voi che resta antichi amori , giorni di festa teneri ardori , solo una mesta foto ingiallita fra le dita . Di voi che resta sguardi innocenti , lacrime e risa e giuramenti , solo sepolto in un cassetto qualche biglietto . Sere d'Aprile sogni incantati , capelli al vento , baci rubati , che resta dunque di tutto ciò ditemi un pò . Penso a un villaggio dove non so se tornerò . Mai più mano con mano nel buio , stupiti d'essere due felici senza perchè . Mai più fiori nascosti nel libro , il cui profumo ci inebria ma presto evapora ahimè . Di voi che resta antichi amori , grandi segreti complici cuori , solo nel petto male guarita una ferita . Di voi che resta parole audaci carezze caste timide braci , solo una cenere che più non fuma ma si consuma . Chiari di luna dolci sentieri e tu perduta anima di ieri , perchè sparisti chi ti rubò dimmelo un pò . Solo un motivo risento ancora d'un fuggitivo disco d'allora , e a lungo penso dove non so se tornerò ............... Era un inno dei GAY di più di 50 anni fa ....................................... Tutto rigorosamete nascosto !!!!
     
 
 
  
 

 0 risposte dal 15/5/2008, 14:15
 

Comments