MESSAGGIO DI UN GAY SESSANTENNE

MESSAGGIO DI UN GAY SESSANTENNE, Nagarsi 
 
 « Disc. precedente | Disc. successiva »Notifica nuove risposte | Invia tramite email | Stampa Discussione
 
 
 gayproject    Inviato il: 26/12/2008, 11:10 
 
Senior Member


Gruppo: Amministratore
Messaggi: 721


Stato: 


 
 MESSAGGIO DI UN GAY SESSANTENNE

Ciao Project,
non so chi tu sia e comunque fai bene a proteggere la tua privacy. Credo di avere più o meno la tua età, sono gay, non sono mai stato con nessuno, sogni tanti ma nessuna realtà, solo qualche caro amico che per me era più che un amico ma non avrebbe mai potuto capire quello che provavo per lui. Se vogliamo, sul piano affettivo, un fallimento totale. Alla fine ho sublimato tutto nel lavoro ma ogni soddisfazione che mi arrivava per me non era una vera soddisfazione perché dietro c’era una rinuncia, un continuo dire di no alla mia vita. C’è tanta gente che mi invidia e che se solo sapesse non esiterebbe a distruggermi, devo stare attentissimo anche a non dire una parola fuori posto e a non dare confidenza a nessuno, nemmeno a chi la meriterebbe. Non ho mai avuto un abbraccio, non ho mai avuto nessuno che si sia veramente interessato di me come persona. Ho passato la vita a rimuovere e a fare di tutto per non capire, ho passato la vita a cercare valori sostitutivi e a combattere contro la mia sessualità ed ero contento quando riuscivo a reprimermi. Non è subentrata la depressione perché dovevo pensare al lavoro ma la mia vita l’ho proprio distrutta e negata del tutto. Non ho mai fatto quello che avrei voluto. Sono un vigliacco e ho paura, paura di tutto: di essere me stesso innanzitutto, di perdere quello che ho ottenuto con enorme fatica, di rischiare a qualunque livello. Io sono di quelli della primissima generazione di internet, fin dall’inizio di internet la curiosità mi ha spinto a cercare di capire che cosa fossero i gay. I primi anni era proprio uno squallore di una pornografia orrenda, poi qualcosa è cambiato, ma poco. Non mi sono mai iscritto a quei gruppi dove si fanno incontri e si mette il proprio profilo, e non ne ho mai nemmeno avuto la tentazione. Avrei voluto tanto conoscere un gay come me, represso, frustrato dalla vita, non stratosfericamente lontano da me, per costruire un’amicizia sincera, non dico di più, perché uno alla fine sente almeno l’assoluta necessità di confidarsi. Francamente solo di recente ho cominciato a vedere cose gay dignitose in rete ma si tratta in pratica sempre di blog di ragazzi gay che mi sono lontani come generazione. Se avessi conosciuto uno di quei ragazzi quarant’anni fa, la mia vita sarebbe cambiata, o forse no, ma almeno sarebbe stata un’ipotesi credibile. Adesso che sono un vecchio mi sono imbattuto per caso nel tuo forum e mi sono sentito una coltellata al cuore. Ho visto davanti a me tutto quello che ho buttato via, che ho distrutto in una vita di lotte inumane contro me stesso. Ho distrutto la parte migliore di me, quello che io sono realmente in nome di falsi obiettivi. Io non mi sono sentito represso dalle circostanze o dell’ambiente ma solo da me stesso. Leggendo il forum mi venivano momenti di sconforto terribile quando realizzavo che tanti ragazzi hanno concretizzato i loro sogni, che erano anche i miei, o almeno ci hanno provato. Sarà una cosa stupida, ma vorrei dire ai ragazzi gay e anche agli adulti che hanno seguito strade simili alla mia, di non fare mai come ho fatto io, di non buttarla la vita, che poi non torna. Oramai la mia l’ho buttata ma per carità non fate la stessa cosa, quando una un sentimento ve lo sentite dentro non lo negate mai, quando vi viene in mente che forse siete gay non fate finta che non sia così.
Project, ti auguro ogni bene per questo tuo forum che mi ha sconvolto perché mi ci sono ritrovato. Peccato che 40 anni fa non esistesse niente di simile!
[lettera firmata]
 
     
 
 
  
 
 fredortiz  Inviato il: 27/12/2008, 01:07 
 
Member


Gruppo: Utente
Messaggi: 13


Stato: 


 
 se ti può essere di consolazione
anch'io mi trovo nella tua condizione
ed oggi mi pento per aver buttato via la mia vita
poi penso che non è ancora finita
e finchè c'è vita c'è speranza
ci sono altre persone come noi che possono
tenersi compagnia
e ci sono anche ragazzi più giovani
che amano compagni più maturi
non c'è solo il fisico
c'è anche il cuore, la mente e l'esperienza
un bel corpo può racchiudere una persona vuota
un corpo con rughe e cicatrici
può contenere una persona ricca dentro
coraggio e andiamo avanti
ad essere positivi prima o poi la vita sorride
     
 
 
  
 
 gayproject    Inviato il: 28/12/2008, 01:29 
 
Senior Member


Gruppo: Amministratore
Messaggi: 721


Stato: 


 
 
BENVENUTO FREDORTIZ
 
     
 
 
  
 

 2 risposte dal 26/12/2008, 11:10
 

Comments