BOY CULTURE

Boy Culture, Un seduttore in incognito 
 
 « Disc. precedente | Disc. successiva »Notifica nuove risposte | Invia tramite email | Stampa Discussione
 
 
 lokiluk    Inviato il: 20/2/2008, 18:16 
 

Un angelo cozza contro un boeing e cade...


Gruppo: Utente
Messaggi: 68
Provenienza: Genova


Stato: 


 
 Volevo parlarvi di un film particolare che mi ha colpito almeno quanto Angels In America, seppur in modo diverso…
Si tratta di Boy Culture. Il titolo in Italiano è “Un seduttore in incognito” e si può considerare a tutti gli effetti un film a tematica gay.

Questo film può considerarsi il seguito del piacevole "Eating Out" dello stesso regista. E' una commedia di costume sexy, divertente e decisamente ben fatta. Il film ci introduce all'interno di quella che possiamo considerare una possibile e fantastica famiglia gay. "X" è una marchetta di lusso, moralista e pieno di buoni propositi rispetto alla vita sentimentale. E’ segretamente innamorato del suo compagno di stanza Andrew, alle sue prime esperienze nella vita gay. Poi c'è Joey, un adolescente sessualmente insaziabile, che considerano il loro "figlio" e che completa questo intrigante trio. Quando nell'agenda di "X" si insinua un maturo ed enigmatico cliente, che non lo paga per fare sesso, ma per ascoltare la storia della sua vita, comincia senza accorgersene ad abbassare la guardia. Da questo momento tutte le relazioni cominciano a complicarsi in modo grottesco, assurdo e intrigante. La semplice equazione denaro-felicità si scioglie rapidamente lasciando "X" in balia dei sentimenti . Il regista sembrerebbe dirci che questa è la nostra obbligata e convenzionale vita gay, ricca comunque di sentimenti veri, intelligenza, onestà ed emozioni forti. Boy Culture mette in discussione quei modelli di relazione in cui la libertà sessuale prevale sull'amore. E con intelligente ironia indica l'amore come la più semplice delle soluzioni alla metropolitana solitudine e all'infelicità che tanto affligge la generazione dei trentenni. Non solo gay.

La consolidazione finale di un modello di famiglia gaia, non costituita da legami di sangue ma da affetti molto forti, mi ha sempre datola speranza di riuscire un giorno a crearmi la mia famiglia.

Eu não me curo de o que são… Eu sei não ao nuocere ao mundo…
"Non mi curo di quello che sono... So di non nuocere al mondo..."
      
 
 
  
 
 Survived  Inviato il: 21/2/2008, 18:29 
 

 


Gruppo: Utente
Messaggi: 635


Stato: 


 
 Te lo auguro davvero tanto. Io della famiglia non ho molto da raccogliere in effetti non la considero altro k rifugio di paure e preoccupazioni. La vita è altrove!
"I will survive abandonment, I will survive a broken heart, I will survive loneliness"

my blog
www.speakmyvoice.spaces.live.com
 
     
 
 
  
 
 frederic.78  Inviato il: 23/2/2008, 23:35 
 

face your fears, live your dreams


Gruppo: Utente
Messaggi: 228


Stato: 


 
 Grazie Loki! Il film è davvero carino ... se ti riesce Proyou ti consiglio di guardarlo ... ti piacerà fidati!!
In an interstellar burst I am back to save the universe
      
 
 
  
 
 proyou  Inviato il: 7/3/2008, 21:11 
 

Advanced Member


Gruppo: Utente
Messaggi: 137
Provenienza: FIRENZE


Stato: 


 
 Ieri sera non avevo sonno e non riuscivo a studiare. Mi sono guardato questo film. Una nottata piacevole. Le famiglie dovrebbero essere solo come uno le vorrebbe!
 
     
 
 
  
 

 3 risposte dal 20/2/2008, 18:16
 

Comments