ANOTHER COUNTRY

Another Country 
 
 « Disc. precedente | Disc. successiva »Notifica nuove risposte | Invia tramite email | Stampa Discussione
 
 
 proyou  Inviato il: 24/1/2008, 17:02 
 

Advanced Member


Gruppo: Utente
Messaggi: 137
Provenienza: FIRENZE


Stato: 


 
 Questo film è l'unico film bello che ha fatto Rupert Everett, ma almeno riscatta tutti gli altri. E' la storia di un tenero amore che nasce nell'ambiente borghese falso ed ipocrita di un tipico college inglese. Il disinibito ed anticonformista Guy ha solo voglia di amore e la scena della barca è dolcissima.  Il finale però non mi piace proprio, mi chiedo perchè i film con amori gay devono tutti finire così.
     
 
 
  
 
 Survived    Inviato il: 24/1/2008, 21:50 
 

 


Gruppo: Utente
Messaggi: 635


Stato: 


 
 Io mi sono dato una ragione forse, vedi, se finissero gioiosamente non trasmetterebbero quella voglia di spegnere la tv e continuare a lottare. Quella voglia di dire, cacchio io ci sto e non mollo!
"I will survive abandonment, I will survive a broken heart, I will survive loneliness"

my blog
www.speakmyvoice.spaces.live.com
 
     
 
 
  
 
 gayproject  Inviato il: 5/2/2008, 19:23 
 
Senior Member


Gruppo: Amministratore
Messaggi: 721


Stato: 


 
 Ruper Everett aveva 24 anni quando girò questo film ed era decisamente un bel ragazzo... e io all’epoca avevo 24 anni di meno. Confesso che quando ho visto quel film, in un’epoca in cui i film a tema gay erano una rarità, sono rimasto molto impressionato, proprio a livello emotivo, per la dimensione lirica del film, il tema dello spionaggio serve anche a controbilanciare in tema gay, che se fosse stato l’unico avrebbe troppo etichettato il film... Però Everett ha fatto altri bei film anche se non con parti da protagonista, uno fra tutti che meriterebbe di essere rivisto è “Gli occhiali d’oro” con Philippe Noiret e la regia di Giuliano Montaldo. Si tratta di un film drammatico costruito su un romanzo di Giorgio Bassani totalmente dedicato alla figura di un medico omosessuale e alla sua storia d’amore con un ragazzo giovane che, per effetto dei pettegolezzi, lo porterà al suicidio.
Direi a proyou che anche nella letteratura un modello positivo di omosessualità ha molto faticato ad affermarsi, ma adesso le cose stanno cambiando rapidamente.
Moltissimi anni fa un grande uno dei massimi letterati inglesi Edward Morgan Forster aveva scritto il suo Maurice, uno dei romanzi a tema gay più belli della storia della letteratura. Sul Maurice di Forster Ivory ha diretto il suo bellissimo “Maurice”. Sia il libro che il film sono una vera e propria scuola di moralità gay e presentano due diverse storie d’amore gay. Maurice si innamora di un suo compagno di università che però viene da una famiglia importante, deve fare carriera politica e quindi deve sposarsi e non può legarsi a lui. Maurice poco dopo, proprio nella tenuta del su amico, incontra un guardacaccia, Scudder e se ne innamora. La differenza di rango sociale tra i due è enorme, ma nessuna convenzione sociale potrà fermarli e la conclusione della storia premierà quelli cha hanno scelto di non vendersi per nessuna ragione e di seguire i loro sentimenti.
 
     
 
 
  
 
 proyou  Inviato il: 5/2/2008, 20:47 
 

Advanced Member


Gruppo: Utente
Messaggi: 137
Provenienza: FIRENZE


Stato: 


 
 Si,si Rupert Everett era proprio bello in questo film e pure il suo ragazzo!!!!  Maurice l'ho visto e mi è piaciuto tanto!! la scena finale in cui chi ha scelto la vita etero per viltà sta dietro una finestra e guarda fuori la vita che si è perso ... la sensazione è proprio di claustrofobia  .... e poi mi è piaciuto tanto quando Maurice dice che gli piacciono i capelli corti perchè gli piace carezzarli ... 
     
 
 
  
 
 gayproject    Inviato il: 6/2/2008, 09:34 
 
Senior Member


Gruppo: Amministratore
Messaggi: 721


Stato: 


 
 In genere quando vado a vedere un film a tema gay come Maurice mi sento ancora un po’ a disagio, ho l’impressione che la gente mi guardi, che gli spettatori in sala (in genere pochi) si scrutino a distanza e che quegli spettatori, nonostante la reciproca diffidenza reciproca, abbiano tutti qualcosa in comune e non siano semplicemente andati lì per vedere un film. Durante tutto il film resto ansioso temendo che prima o poi ci possa essere qualcosa di eccessivo o anche solo che i gay siano presentati in un modo diverso da come li vedo io. Quando il film finisce bene, come Maurice, e non ha niente che mi suoni strano, mi sento profondamente contento di avere rivisto sullo schermo i miei sentimenti trattati bene. 
     
 
 
  
 
 Survived  Inviato il: 6/2/2008, 15:12 
 

 


Gruppo: Utente
Messaggi: 635


Stato: 


 
 Un giorno tutti noi vedremo la tua storia, eh si! vedrai che con tutti questi cuccioli nessuno ti dimenticherà.....ti faremo una sorpresina
"I will survive abandonment, I will survive a broken heart, I will survive loneliness"

my blog
www.speakmyvoice.spaces.live.com
 
     
 
 
  
 

 5 risposte dal 24/1/2008, 17:02
 

Comments