OMOFOBIA A PARMA

Omofobia a Parma 
 
 « Disc. precedente | Disc. successiva »Notifica nuove risposte | Invia tramite email | Stampa Discussione
 
 
 farlucci  Inviato il: 2/3/2008, 14:50 
 
Advanced Member


Gruppo: Utente
Messaggi: 60


Stato: 


 
 Vi segnalo questo articolo di Alleanza Cattolica pubblicato sul quotidiano online di Parma parmadaily!
"L'omosessualità è una tendenza disordinata. Un sacerdote può aiutare ad uscirne"
http://www.parmadaily.it/Notizie/Dettaglio...da=PGY&pdi=8166
Quel quotidiano gestisce una bellissima rubrica sul mondo gay di Parma ParmaGaily ( http://www.parmadaily.it/Notizie/News.aspx?pda=PGY )
L'omofobia in Italia cresce di giorno in giorno e la politica invece di bloccarla la alimenta.
Ricordiamocelo quando andiamo a votare!
     
 
 
  
 
 Aster_86  Inviato il: 2/3/2008, 15:02 
 

Advanced Member


Gruppo: Utente
Messaggi: 188
Provenienza: Da qualche parte nel NE


Stato: 


 
 Che spreco! L'opinione di chi scrive: "Rapporto esistente tra un ladro di biciclette e un comunista; il primo ruba le biciclette, il secondo teorizza il furto". Discorsi da osteria (ma non prima delle 11...)!
FRATTAGLIE: s. f. pl.; il cervello, il cuore, il fegato, l'anima e tutte le altre interiora.
       
 
 
  
 
 gayproject    Inviato il: 2/3/2008, 16:38 
 
Senior Member


Gruppo: Amministratore
Messaggi: 721


Stato: 


 
 

Ho letto l’articolo. Ammesso e non concesso che chi ha fatto quelle dichiarazioni stesse, senza altri fini, riportando schiettamente il suo pensiero, viene solo da pensare che chi parla non abbia la più pallida idea né del mondo gay, né del significato totalmente immorale di quello che dice. Non è la prima volta che individui del genere, con l’appoggio della gerarchia, si lanciano in esternazioni di questo tipo. I Gay, per fortuna, hanno un cervello!
Ho scritto più volte su questi temi:

1) GAY TRA MORALE VERA E TERAPIE RIPARATIVE, un articolo sulla “terapia riparativa della omosessualità” praticata dal Professor Tonino Cantelmi, presidente e fondatore dell'Associazione Italiana Psicologi e Psichiatri Cattolici e docente di psicologia all'Università Gregoriana.
http://nonsologay.blogspot.com/2007/12/gay...-e-terapie.html
In questo articolo si fa riferimento ad un articolo di Davide Varì, comparso su Liberazione il 23/12/2007, intitolato: Gli ho detto: «Sono gay». Mi hanno risposto: «La sua è una malattia leggera, possiamo curarla bene...»»
http://xoomer.alice.it/inediti/gayeterapiepsicologiche.htm

2) OMOSESSUALI E CHIESA, una raccolta di testi di fonte ecclesiastica, dal Catechismo ad altri documenti riguardanti il tema della omosessualità:
http://nonsologay.blogspot.com/2007/12/omo...i-e-chiesa.html

3) NO COMMENT (Le dichiarazioni del’Arcivescovo Elio Sgreccia in tema di omosessualità)
http://nonsologay.blogspot.com/2007/12/no-comment.html

4) Molti altri articoli in tema si trovano nella categoria Gay e Chiesa del blog “Storie Gay”:
http://nonsologay.blogspot.com/search/label/GAY%20E%20CHIESA

La parola omofobia si adatta perfettamente alle dichiarazioni citate nel post di apertura della discussione che, per questo motivo è stata trasferita nella sezione DISAGIO GAY.

 
      
 
  
   
 
 StevenL  Inviato il: 2/3/2008, 18:51 
 
Utente cancellato

 

 

 


 
 Ad essere sincero volevo riportare alcuni documenti risalenti al Medioevo, delle testimonianze un pò forti di persecuzioni ai danni di gente o meglio bersagli di turno...ebrei,musulmani,eretici,donne dai capelli rossi giudicate adulatrici del demonio appunto per il colore dei loro capelli...le streghe appunto.......ed ora i gay!
Però poi mi sono soffermato su tutti gli elementi che ho e su tutto ciò che circola in rete e mi sono accorto che era troppo pericoloso,non vorrei mai far nascere una polemica su cose che tra l'altro tutti e dico tutti (a buon intenditore poche parole) sanno. Mi limito quindi a riportare le affermazioni che più si conoscono di come la Chiesa si sia sempre opposta a coloro che vedevano le cose in modo diverso da lei. Tralasciando le persecuzioni, in alcuni casi davvero raccapriccianti,come mandare sul rogo una donna fortissima, Giovanna D'Arco anzi Santa Giovanna D'Arco solo per la sua "diversità" di carattere rispetto ad altre donne ancora vittime di sottomissione,potremmo dire che oggi, nel mirino ci sono i gay...malati...perversi...che possono essere salvati da un prete...Beh stiamo confondendo molto le cose...andiamoci calmi perchè considerare come uno sbaglio i gay è davvero una leggera forma di persecuzione. Ciò è grave perchè dal Medioevo ad oggi le cose sono mooolto cambiate e allora adeguiamoci tutti alla modernità...non restiamo ancorati a idealità...questa è la vita concreta è la vita moderna...Non dimentichiamo che siamo stati creati tutti e dico tutti da un Unico Dio a Sua Immagine e Somiglianza!

PS non dimentichiamo che a commettere il peccato originale furono proprio un uomo ed una donna e non i gay percui doverli perseguitare e giudicarli in questo modo. E' una frase molto forte però ci voleva!
   
 
 
  
 
 funkyzzo  Inviato il: 2/3/2008, 21:04 
 

Millennium Member


Gruppo: Utente
Messaggi: 1862


Stato: 


 
 CITAZIONE (StevenL @ 2/3/2008, 18:51)Ad essere sincero volevo riportare alcuni documenti risalenti al Medioevo, delle testimonianze un pò forti di persecuzioni ai danni di gente o meglio bersagli di turno...ebrei,musulmani,eretici,donne dai capelli rossi giudicate adulatrici del demonio appunto per il colore dei loro capelli...le streghe appunto.......ed ora i gay!
Però poi mi sono soffermato su tutti gli elementi che ho e su tutto ciò che circola in rete e mi sono accorto che era troppo pericoloso,non vorrei mai far nascere una polemica su cose che tra l'altro tutti e dico tutti (a buon intenditore poche parole) sanno. Mi limito quindi a riportare le affermazioni che più si conoscono di come la Chiesa si sia sempre opposta a coloro che vedevano le cose in modo diverso da lei. Tralasciando le persecuzioni, in alcuni casi davvero raccapriccianti,come mandare sul rogo una donna fortissima, Giovanna D'Arco anzi Santa Giovanna D'Arco solo per la sua "diversità" di carattere rispetto ad altre donne ancora vittime di sottomissione,potremmo dire che oggi, nel mirino ci sono i gay...malati...perversi...che possono essere salvati da un prete...Beh stiamo confondendo molto le cose...andiamoci calmi perchè considerare come uno sbaglio i gay è davvero una leggera forma di persecuzione. Ciò è grave perchè dal Medioevo ad oggi le cose sono mooolto cambiate e allora adeguiamoci tutti alla modernità...non restiamo ancorati a idealità...questa è la vita concreta è la vita moderna...Non dimentichiamo che siamo stati creati tutti e dico tutti da un Unico Dio a Sua Immagine e Somiglianza!

PS non dimentichiamo che a commettere il peccato originale furono proprio un uomo ed una donna e non i gay percui doverli perseguitare e giudicarli in questo modo. E' una frase molto forte però ci voleva!

StevenL hai capito poco della posizione della Chiesa nei confronti dell'omosessualità! Lascia stare i pregiudizi che emergono anche da certi discorsi su eventi pseudo storici, in molti casi! Quindi riassumo brevemente la posizione della Chiesa:

1) Essere omosessuali di per se non è una condizione di peccatore o peccatrice. Si condanna l'atto omosessuale e non la persona con tale tendenza. Per altro gli interventi nel senso di una maggiore morigeratezza riguardano anche la condotta sessuale degli eterosessuali.

2) Proprio per la ragione di cui sopra, l'omosessuale deve essere rispettato in quanto persona e non in virtù della sua condizione di omosessuale... su questo punto nascono i maggiori equivoci perché sbandierando ai quattro venti le giuste rivendicazioni di maggior rispetto per questa categoria si finisce, invece, per ghettizzarli. Il maggior rispetto della persona omosessuale è un atto dovuto ad esso come persona e non in virtù del suo status di omosessuale.

3) Evidentemente dalla condizione omosessuale non possono derivare diritti specifici per la categoria. In particolare nei confronti delle convivenze o delle unioni di fatto sia tra etero che tra omosessuali si possono concedere diritti che riguardano lo status fiscale, per esempio, di cui potrebbero usufruire anche un gruppo di studenti che convivono per ovvi motivi logistici e di convenienza sia economica che di opportunità legate alla professione di studente (ma questo è solo un esempio). Non si può, invece, introdurre una fatispecie giuridica che prefigura una unione simil matrimoniale che intaccherebbe l'istituto stesso del matrimonio mettendo in concorrenza due istituti giuridici. Se volete, ne parliamo anche di questo entrando nel merito: considerare cioé le ragioni per cui tale introduzione sarebbe devastante per il diritto e la società.

4) L'omosessualità è vista dalla Chiesa come un ulteriore prova da superare ed in particolare, dal punto di vista della Chiesa, questa prova è vista come un ulteriore ostacolo, quindi un gradino in più da superare al fine del raggiungimento della perfezione, cioé di un regime di santità.
 
     
 
 
  
 
 StevenL  Inviato il: 2/3/2008, 21:21 
 
Utente cancellato

 

 

 


 
 Scusami Funkyzzo ma io non ho capito molto di quello che hai scritto e penso che neanche tu abbia afferrato il mio concetto! Alcune cose che ho capito del tuo discorso sono concordi col mio (e ne sono poche) quindi se per te non ho capito il punto di vista della Chiesa nei confronti degli omosessuali saresti gentile da spiegarlo meglio?Grazie!
Nel primo punto dici che la Chiesa non condanna l'omosessuale bensì l'atto omosessuale, beh è la stessa cosa perchè gli omosessuali danno vita a atti omosessuali (di certo non gli etero). Poi nel secondo punto dici che la Chiesa rispetta il gay in quanto persona, ma non mi pare perchè già convincendolo a sottoporsi ad aiuti da parte di un prete mi fa venire in mente gesti di esorcismo. Nel punto tre non sono d'accordo su alcune cose che sono molto palesi ed infine non capisco il concetto espresso nel punto quattro!
Allora ripeto di nuovo una cosa accennata tempo fa se si hanno idee diverse cerchiamo di esporle nel totale rispetto, idee diverse servono a confrontarsi, evitiamo di dire che le idee degli altri sono sbagliate (o addirittura affermare di non aver capito) solo perchè diverse dalle nostre.
   
 
 
  
 
 gayproject  Inviato il: 2/3/2008, 21:45 
 
Senior Member


Gruppo: Amministratore
Messaggi: 721


Stato: 


 
 Carissimo Funkyzzo,
hai fatto molto bene ad invitarci ad evitare i pregiudizi e a puntualizzare quali sono le posizioni della Chiesa in tema di Omosessualità. Sono esattamente queste posizioni, esattamente quelle che tu hai espresso che, in piena coscienza, sento il dovere morale di respingere. Se la Chiesa ritiene di dover condannare... faccia pure... ma per me, e credo per moltissime altre persone, accettare cose come quelle che tu hai scritto è profondamente immorale. Non è la non conoscenza della dottrina della Chiesa in termini di Omosessualità ma proprio la conoscenza di quella dottrina, che tu hai sintetizzato, che obbliga moralmente qualunque coscienza laica ad un impegno civile nella direzione di una autentica libertà e di un autentico rispetto del prossimo, che per me è assolutamente incompatibile con affermazioni come quelle che hai riportato. Vorrei aggiungere che non è possibile alcuna forma di dialogo con chi in quelle affermazioni si identifica, perché il pregiudizio innalzato a dogma lo nega in radice.
 
     
 
 
  
 
 Survived  Inviato il: 2/3/2008, 22:23 
 

 


Gruppo: Utente
Messaggi: 635


Stato: 


 
 RESTA DI FATTO CHE LA POSIZIONE DELLA CHIESA E' CONTRADDITTORIA E ASSURDA!!!!

 

 

 


"I will survive abandonment, I will survive a broken heart, I will survive loneliness"

my blog
www.speakmyvoice.spaces.live.com
 
     
 
 
  
 
 funkyzzo  Inviato il: 3/3/2008, 12:15 
 

Millennium Member


Gruppo: Utente
Messaggi: 1862


Stato: 


 
 CITAZIONE (StevenL @ 2/3/2008, 21:21)Scusami Funkyzzo ma io non ho capito molto di quello che hai scritto e penso che neanche tu abbia afferrato il mio concetto! Alcune cose che ho capito del tuo discorso sono concordi col mio (e ne sono poche) quindi se per te non ho capito il punto di vista della Chiesa nei confronti degli omosessuali saresti gentile da spiegarlo meglio?Grazie!

Ma mi sembra di averlo appena fatto... comunque:


CITAZIONENel primo punto dici che la Chiesa non condanna l'omosessuale bensì l'atto omosessuale, beh è la stessa cosa perchè gli omosessuali danno vita a atti omosessuali (di certo non gli etero).

Gli omosessuali danno vita ad atti omosessuali e gli eterosessuali si comportano da eterosessuali... per la Chiesa entrambi sbagliano: siamo chiamati tutti indistintamente alla castità! Questo è il messaggio... nei fatti non fa distinzione tra le due categorie! Poi gli esseri umani sbagliano, ma questa esperienza deve diventare motivo di progresso della sfera personale verso una maggior consapevolezza dell'errore... detto in altri termini, la trasposizione nel linguaggio ecclesiastico si chiama "percorso di santità". C'è chi lo accetta, in quanto credente, e chi no... certo oggi è più facile intraprendere questa via se sei eterosessuale... a proposito credo che qualche secolo fa esistessero molti meno pregiudizi nei confronti degli omosessuali. I pregiudizi vengono fuori con tutta la loro virulenza nel momento in cui ci si accorge che un fenomeno sconosciuto ed in qualche misura inquietante ha anche assunto dimensioni di una certa importanza.


CITAZIONEPoi nel secondo punto dici che la Chiesa rispetta il gay in quanto persona, ma non mi pare perchè già convincendolo a sottoporsi ad aiuti da parte di un prete mi fa venire in mente gesti di esorcismo.

Ecco questo è uno dei segnali di pregiudizio... pensi che il sacerdote faccia solo esorcismi? TI rispondo che ne fa ben pochi, anzi forse può succedere che nella sua vita non gli capiti mai di farne! Gli esorcismi credo che siano materia di cui si occupano sacerdoti particolari, con un carisma proprio e preparati allo scopo. Esistono diversi modi di approcciarsi ai problemi dell'anima. Uno di questi è offerto dalla scienza per mezzo di quelle branche chiamate psicologia e psichiatria. Un altro è quello della fede. Nella fattispecie il sacerdote può essere d'aiuto come confidente o come persona sensibile che ha una cultura tale da poter avvicinare coloro che vivono una situazione di disagio.


CITAZIONENel punto tre non sono d'accordo su alcune cose che sono molto palesi ed infine non capisco il concetto espresso nel punto quattro!

Allora per il punto tre dimmi in cosa non sei d'accordo. Per il punto quattro... capisco il motivo per cui ti è oscuro. Il motivo sta nel fatto che ho usato un linguaggio che non ti è familiare: ho parlato di santità. Ma si può tradurre in altre parole... vedi risposta punto 1 precedente.


CITAZIONEAllora ripeto di nuovo una cosa accennata tempo fa se si hanno idee diverse cerchiamo di esporle nel totale rispetto, idee diverse servono a confrontarsi, evitiamo di dire che le idee degli altri sono sbagliate (o addirittura affermare di non aver capito) solo perchè diverse dalle nostre.

Ma non credo di aver offeso la sensibilità di qualcuno... se l'ho fatto chiedo venia!

Modificato da funkyzzo - 3/3/2008, 13:41
 
     
 
 
  
 
 funkyzzo  Inviato il: 3/3/2008, 13:50 
 

Millennium Member


Gruppo: Utente
Messaggi: 1862


Stato: 


 
 CITAZIONE (gayproject @ 2/3/2008, 21:45)... Vorrei aggiungere che non è possibile alcuna forma di dialogo con chi in quelle affermazioni si identifica, perché il pregiudizio innalzato a dogma lo nega in radice.

...e quale sarebbe questo pregiudizio? Resta comunque il fatto che nelle posizioni dei cattolici rispetto a questo problema non c'è alcun dogma...


CITAZIONE (Survived @ 2/3/2008, 22:23)RESTA DI FATTO CHE LA POSIZIONE DELLA CHIESA E' CONTRADDITTORIA E ASSURDA!!!!


Contraddittoria e assurda in cosa?

Modificato da funkyzzo - 3/3/2008, 15:56
 
     
 
 
  
 
 frederic.78  Inviato il: 3/3/2008, 14:03 
 

face your fears, live your dreams


Gruppo: Utente
Messaggi: 227


Stato: 


 
 .... se io amo un ragazzo, lo amo con tutto me stesso ... se insieme abbiamo e stiamo costruendo un progetto di vita ... se io con questo ragazzo ci faccio l'amore e quindi per la chiesa compio atti omosessali ... (che poi partendo dal presupposto che amando un ragazzo sono omosessuale e quindi anche dare un bacio alla mia migliore amica è compiere un atto omosessuale .... ma tralsciamo per ora ...) ... allora mi tengo lontano da un percosro di santità giusto? Bhè sinceramente pazienza ... insomma non fa per me questa "santità" ... se io non stessi col mio ragazzo e reputassi fare l'amore qualcosa di così limitante e "sbagliato" al di fuori della sua realizzazione in termini procreativi ... sarei, lo so, una persona frustrata, infelice, irrealizzata, triste etc etc ... non certo un santo!!! La visione di santità come percorso di sofferenza, negazione (anche per quello che noi siamo), privazione, "gioioso?!?" sacrificio lo lascio ad altri ... la mia vita ha sensi e scopi molto più alti così ... da peccatore in odore sulfureo ... se esiste una alternativa a tutto questo io credo fermamente solo in quella! Una alternativa dove amare E BADA CHE L'AMORE E' SEMPRE FISICO ... perchè è di carne e non solo di "anima" ... che io poi chiamo semplicemente vita ... che siamo fatti .... non sia mai sbagliato!!!
In an interstellar burst I am back to save the universe
      
 
 
  
 
 funkyzzo  Inviato il: 3/3/2008, 16:21 
 

Millennium Member


Gruppo: Utente
Messaggi: 1862


Stato: 


 
 Sei libero di pensarla come vuoi... quello che ho detto riguarda esclusivamente i credenti che si riconoscono nella fede cattolica sia omosessuali che eterosessuali, ma il mio discorso era un altro: riguardava alcuni interventi rispetto al diritto di famiglia.

CITAZIONE (frederic.78 @ 3/3/2008, 14:03)...E BADA CHE L'AMORE E' SEMPRE FISICO ... perchè è di carne e non solo di "anima" ... che io poi chiamo semplicemente vita ... che siamo fatti .... non sia mai sbagliato!!!

Rilevo solo una piccola contraddizione: se l'amore è sempre fisico, allora può essere fatto solo di carne e non di "anima"...
 
     
 
 
  
 

 11 risposte dal 2/3/2008, 14:50
 

 

Comments