GAY ED EFFEMINATEZZA

GAY ED EFFEMINATEZZA, Una risposta per Karim su locali gay e rapporto tra gay ed effeminatezza 
 
 « Disc. precedente | Disc. successiva »Notifica nuove risposte | Invia tramite email | Stampa Discussione
 
 
 gayproject  Inviato il: 13/2/2008, 10:52 
 
Senior Member


Gruppo: Amministratore
Messaggi: 721


Stato: 


 
 CIAO KARIM - GAY ED EFFEMINATEZZA

Questo post si riferisce al commento di Karim (12/2/2008 su Progetto Gay) al post “Come riconoscere un gay”.
http://progettogay.myblog.it/archive/2008/...y.html#c2547677

Innanzitutto ringrazio Karim per il suo commento che mi dà l’occasione di dire la mia in proposito. Nel commento di Karim individuo tre elementi fondamentali:
1) il rapporto tra essere gay ed effeminatezza (delicatezza nel parlare, nell’approccio, ecc.) e la riconoscibilità dei ragazzi gay o bisex,
2) il senso della frequentazione dei locali gay,
3) l’emarginazione dei gay con comportamenti effeminati.

Partiamo dal primo punto. Nonostante quello che la gente pensa e quello che talvolta pensano gli stessi gay, il rapporto tra essere ragazzi gay ed essere effeminati è una tipica legenda metropolitana che presuppone tra l’altro l’idea, a mio parere completamente sbagliata, del gay come personalità quasi femminile, o peggio del gay come portatore di una natura intermedia tra il maschile e il femminile. Questi concetti, lo dico senza incertezze, sono sistematicamente smentiti nella realtà, salvo che un ragazzo gay non voglia atteggiarsi ad effeminato per gioco, per moda e per rendersi più facilmente riconoscibile. Quanto ai bisex, l’idea che il bisex sia un individuo che indifferentemente e sempre è attratto dagli uomini e dalle donne non corrisponde alla realtà. La grande maggioranza dei bisex attraversa dei periodi in cui è perfettamente etero e dei periodi in cui è perfettamente gay. Anche nella mia personale esperienza ho avuto modo di incontrare ragazzi con modi di fare e atteggiamenti quasi femminili che erano radicalmente eterosessuali. Sottolineo che se l’effeminatezza è un atteggiamento adottato “come segnale” allora è evidente che il comportamento effeminato indica che si tratta di un gay, ma si tratta di atteggiamenti assunti appunto come segnale, non spontanei e legati all’idea del farsi riconoscere. Solo una ristretta minoranza di gay manifesta effettivamente comportamenti effeminati ma si tratta di una minoranza strettamente sovrapponibile in termini percentuali con quella degli etero effeminati.

Quanto alla frequentazione dei locali gay, devo riconoscere che in modo graduale certi ambienti stanno cambiando, nel senso che non sono più esclusivamente l’ambiente tipico del dragaggio dove si va per cercare sesso, ma francamente non consiglierei a un ragazzo di frequentare quegli ambienti, tu stesso dici che frequenti locali gay ma non hai mai fatto sesso o preso pastiglie con nessuno anche quando te lo hanno chiesto, il che vuol dire che te lo hanno chiesto, e non è certo un segno che si tratta di ambienti come si deve. Il fatto poi che tu sia una persona seria è un’altra questione che non mi permetterei mai di mettere in dubbio. Certo è che frequentare locali gay per fare conoscenze “senza tante chiacchiere” non mi sembra l’idea migliore. Il mio parere è ovviamente strettamente personale ma conosco tanti ragazzi che hanno frequentato locali gay e si sono sentiti a disagio, anche se da locale a locale le cose possono essere diversissime. C’è comunque un’idea che non mi piace nella stessa definizione di locale gay ed è l’idea del ghetto, dell’ambiente per soli addetti ai lavori, si tratta di un’idea che è un po’ il contrario dell’idea di integrazione. In un mondo in cui ci fosse una vera integrazione dei gay non ci sarebbero nemmeno locali gay ma in un locale dove si balla potrebbero trovarsi insieme coppie etero e coppie gay. Mi rendo conto che si tratta di un sogno lontanissimo ma mi piacerebbe molto vederlo realizzato.

Per quanto riguarda il terzo punto, ossia l’emarginazione dei gay con comportamenti effeminati, per quanto pochi essi siano, devo dire che la tendenza ad isolare i gay effeminati esiste realmente. Spesso i ragazzi gay sottolineano che il loro comportamento “non è effeminato” e tendono a marcare la distinzione tra omosessualità ed effeminatezza e aggiungono addirittura che a loro non piacciono i ragazzi effeminati, ma qui bisognerebbe distinguere. Non è certo la delicatezza, la finezza nel parlare o il garbo tipico delle persone educate che non piace ai gay... anzi queste cose sono in genere molto apprezzate. Ciò che non piace sono gli atteggiamenti assunti per posa, i comportamenti da prima donna, le frivolezze alla moda. Queste cose non piacciono perché sono il segno di un atteggiamento leggero e di una cura eccessiva dell’esteriorità. Se la diffidenza dei ragazzi gay verso i comportamenti effeminati è letta in questa chiave essa appare decisamente molto ridimensionata.
Concludo facendo mia la saggissima esortazione di Karim: “... sempre a testa alta a difendere il nostro onore e se posso dare anche un consiglio a quei ragazzi che criticano sempre quelli effeminati, beh ragazzi siamo tutti nella stessa barca o effeminati o non, siamo sempre gay e dobbiamo rispettarci per quello che siamo, è già difficile andare avanti con questa società poi vi ci mettete anche voi... non mi sembra il caso....”
     
 
 
  
 
 Survived  Inviato il: 13/2/2008, 15:08 
 

 


Gruppo: Utente
Messaggi: 635


Stato: 


 
 A me piacciono gli effemminati! hanno molto piu stile e fascino! COMUNQUE la maggiorparte dei "maschili" nei siti di incontri nella realtà sono più che femminili, constatazione personale....
"I will survive abandonment, I will survive a broken heart, I will survive loneliness"

my blog
www.speakmyvoice.spaces.live.com
 
     
 
 
  
 
 proyou  Inviato il: 13/2/2008, 17:55 
 

Advanced Member


Gruppo: Utente
Messaggi: 137
Provenienza: FIRENZE


Stato: 


 
 Io non conosco nessun gay!  A scuola però c'era un ragazzo con un modo di fare un pò effemminato e tutti lo prendevano in giro e lo trattavano male!  I professori lo dovevano sempre difendere. Poi ha cambiato scuola. Ogni tanto lo vedo ancora ed ha la ragzza  Ed è anche molto bella!!!! 
     
 
 
  
 
 StevenL  Inviato il: 13/2/2008, 20:53 
 
Utente cancellato

 

 

 


 
 La femminilità naturale è anche carina da vedere...però quella accentuata che finisce per farti sembrare una checca no! 
   
 
 
  
 
 manufree  Inviato il: 16/2/2008, 12:33 
 
Junior Member


Gruppo: Utente
Messaggi: 1


Stato: 


 
 Sono un ragazzo di 31 anni. Il tema della delicatezza e l'effemminatezza è un tema che ritorna spesso nelle discussioni via etere...anche nei siti di ricerca del partner si chiede spesso l'uomo non effemminato, che sia maschile di testa e di modi...Insomma pare proprio che questi gay effemminati non piacciano a nessuno. E invece non è esattamente così. Sono proprio loro, che mostrando tutto di sé molto spesso hanno molta più facilità a trovare un proprio compagno. Io, dal canto mio, sono una persona educata e garbata...neanche troppo. Comunque la maggior parte delle persone può avere il dubbio ma molti mi dicono che non si vede. Io ci sto abbastanza attento, non per un fatto di vergogna, è da tempo che ho accettato ciò che sono e ne sono felice. per cosi dire...poi magari spiego perché...Comunque non ho amici gay nei dintorni, sono tutti lontani, chi in francia, chi a napoli, chi in sicilia, chi in australia...questo ovviamente mi porta a consigliarmi con gli amici etero che frequento e con i quali sto benissimo anche se mi manca un confronto diretto con chi come me affronta tutti i giorni la vita da omosessuale e la vede da tutt'altro punto di vista...per certe cose. Ho anche amici effemminati e mi fanno morire dal ridere...da questo punto di vista apprezzo che si diano da fare per mostrare quello che sono ma molte volte gli eccessi non servono, sono come bombe ad orologeria che aspettano di scoppiare da un momento all'altro...provocano molto spesso inutilmente e ci si trova in situazioni poco carine. Del resto hanno un'enorme creatività e simpatia. Io però non mi innamoro di un uomo che imita una donna...Visto che mi piacciono gli uomini il mio partner non sarà effemminato...è più forte di me. Per quanto riguarda i locali devo dire che non frequento da un bel pò...sarà un anno circa e mi sono ripromesso di non andare più. Ogni volta è la stessa solfa, non amo quel tipo di musica, i costi sono elevatissimi rispetto a centri sociali e posti molto più accessibili con musica raggae e ska che io adoro, non amo la gente che li frequenta...invece di andare a divertirsi si vede in giro tantissima spettacolarizzazione di muscoli al vento, gente che beve a dismisura e fa tanto altro che qui non sto a dire...insomma non sono il luogo adatto a me. Proprio per questo mi ritrovo ad affogare tra le chat gay che si trovano sull'etere senza trovare poi uno spiraglio per respirare...Come rispondeva il progettista non è andando in questi locali ghettizzanti stracolmi di gente, tra l'altro, ogni fine settimana, che si fa la lotta per l'integrazione. Iniziamo a muoverci anche verso anche altri posti. Non è vero che in altri locali se due ragazzi maschi si baciano nasce una rissa, ne ho visti coi miei occhi al villaggio globale...poi se frequentate posti intolleranti è un altro discorso...Proviamoci ragazzi. Facciamogli vedere che non è soltanto andando in certi locali che esistono queste realtà. Purtroppo roma è una città tra le più retrograde al mondo e ve lo dice uno che gira il mondo....ma è cosi che si cambia la realtà...dimostrando di essere diversi dai diversi, come mi trovo ad essere con tutte le difficoltà del caso...vi abbraccio, a presto, manufree  
     
 
 
  
 
 frederic.78  Inviato il: 16/2/2008, 17:07 
 

face your fears, live your dreams


Gruppo: Utente
Messaggi: 227


Stato: 


 
 Io ho un carissimo amico che purtroppo vedo poco perchè abita dall'altra parte dello stivale che è effeminato, anzi per sua stessa definizione checca dop, ed è un ragazzo troppo in gamba, autoironico, intelligente e gran lavoratore ... fa delle piastrelle di ceramica e terracotta bellissime ... mi dice spesso che essere gay ed essere pure effeminati è una bella rogna ... non puoi neppure fingere di essere "normale" ... dall'altra parte ho un collega di lavoro effeminato che è acido, bugiardo e tanto altro ... è pure un gran maschilista ed è etero!
Per cui come al solito tutto dipende solo da chi si è e non da come si appare agli altri ...
In an interstellar burst I am back to save the universe
      
 
 
  
 
 Survived  Inviato il: 16/2/2008, 20:15 
 

 


Gruppo: Utente
Messaggi: 635


Stato: 


 
 Effemminato è un concetto relativo che dipende da come si imposta la considerazione del "maschile". Se essere maschile deve significare camminare a gambe aperte e catene penzolanti-schiena ricurva allora sono orgoglioso di essere pure transgender!
"I will survive abandonment, I will survive a broken heart, I will survive loneliness"

my blog
www.speakmyvoice.spaces.live.com
 
     
 
 
  
 

 6 risposte dal 13/2/2008, 10:52
 

Comments