GIOCHI GAY DI RAGAZZI ETERO

GIOCHI GAY DI RAGAZZI ETERO, ESSERE GAY O ESSERE ETERO E FARE GIOCHI GAY? 
 
 « Disc. precedente | Disc. successiva »Notifica nuove risposte | Invia tramite email | Stampa Discussione
 
 
 gayproject    Inviato il: 23/6/2008, 19:46 
 
Senior Member


Gruppo: Amministratore
Messaggi: 721


Stato: 


 
 GIOCHI GAY DI RAGAZZI ETERO

Ciao Project,
sono ancora io, Giorgio [Si tratta del Giorgio autore della mail inserita come post di apertura della discussione: http://progettogay.forumfree.net/?t=27754366]. So benissimo che ti sto rompendo le scatole tutti i giorni, o no? Non lo so, qualche volta mi resta il dubbio, tu non sbotti mai. Vabbe’, ma se arrivassi a capire in che guai mi ha cacciato! Abbiamo litigato ormai parecchie volte e ti ho chiuso più volte la chat in faccia, perché secondo me te lo meriti, però poi ti ho richiamato e certe volte mi è costato proprio caro. Ma adesso, ammettiamo pure che tutte le cose che hai cercato di infilarmi in testa siano giuste, va bene, ammesso e non concesso che io sia gay, e guarda, ammetterlo per me è proprio una cosa difficilissima, perché la parola gay non la sopporto proprio e poi, diciamo, vederla associata a me mi fa venire proprio l’urticaria, però, va bene, ok, può essere come dici tu, anzi forse è proprio come dici tu, ma perché io non ci posso provare a cambiare strada? È questo che non capisco, io etero mi ci sono sentito per anni e questa maledizione del gay in fondo è cosa di solo pochi mesi. Che ne so, mi sono preso un’ubriacatura gay, ma poi passa, ci dormo un po’ sopra, poi mi risveglio e mi trovo etero, mica è detto che mi deve durare tutta la vita, adesso è così, ok, ma adesso, ma domani è un altro giorno. Capisci quello che voglio dire? Cioè, che dovrei fare? Mi dovrei mettere a cercarmi un ragazzo e tutto il casino che viene appresso, e per che cosa? Per rendermi conto magari tra un mese che l’ubriacatura gay mi è passata e che nel frattempo mi sono cacciato in un casino enorme? No! Io dico che passa, magari non subito, però secondo me passa, perché non è che siano cose che io le sento poi così forti tutti i giorni, ne abbiamo parlato tanto. I ragazzi li guardo, e va bene, però non è che ci perdo le bave appresso a loro, della palestra te l’ho detto, però quelle cose le fanno pure gli etero, cioè sono un modo di scherzare, di giocare. Tu vedi il sesso serio dappertutto, ci gioco pure io, ok, e allora? È gradevole, che ti devo dire, sì anche a livello sessuale, ma secondo me quelle cose sono gradevoli pure per i ragazzi etero, perché tu dei gay qualche cosa capisci, ma dei ragazzi etero non ne capisci proprio niente, perché i ragazzi etero sotto sotto sono molto più liberi in cose gay di quello che credi tu. Almeno i ragazzi che conosco io. T’ho detto di Alfredo, quello è un etero spaccato, ma che ti credi che quello non ci si diverte pure lui? Secondo me ci si diverte esattamente come mi ci diverto io, ma a uno come quello che gli dici? Che è gay? Hai capito che voglio dire? Tu schematizzi troppo, ma i confini in queste cose sono vaghi, invece tu appiccichi etichette a tutto spiano. Io con Alfredo ci sto benissimo, lo so che è etero, ma ci sto benissimo lo stesso, mentre quelli un po’ più tipo checca non li sopporto proprio. Cioè io penso che un etero (uno come me, perché io nonostante tutto mi sento ancora etero) qualche divertimento gay se lo possa pure prendere. Ma perché no? Io non lo so, ma penso che con un uomo non mi ci troverei bene, la fantasia ce l’ho avuta e pure più di una volta ma lo so che non ci starei bene, cioè non riuscirei a convivere con un uomo, però perché non dovrei scherzare con gli amici? Scherzare, sì. Perché di questo si tratta, anche a livello sessuale, ma perché, i ragazzi etero questo cose non le fanno? Ma le fanno eccome e sono etero! Project, onestamente io non sono troppo convinto che le cose che dici tu siano tutte giuste, ok, la maggior parte probabilmente lo sono, ma in fondo, non dico che non mi sento assolutamente gay, forse un po’ sì, diciamo pure al 70%, adesso come adesso, però, per me, potrebbe essere tutta un’altra cosa. Mannaggia a te! Ti torcerei il collo! Hai cominciato a mettermi un sacco di dubbi in testa e quelli mi stanno lavorando dentro e mi hanno proprio messo in crisi. Però io una lettura proprio gay gay alle cose che faccio io non riesco a dargliela, puoi dire che non gliela voglio dare, ma non è vero, perché ti ho dato ragione al 70%, però un 30% me lo devi lasciare. Poi m’hai messo in testa tutta quell’altra stron.. della solitudine. Sono solo, ok! E allora? Sì, una ragazza non ce l’ho e non me ne frega niente di trovarmela ma non me ne frega niente nemmeno di trovarmi un ragazzo. Ma perché? Uno della mia età non può pensare solo a divertirsi? Cioè mi devo mettere con qualcuno per forza? Ma chi l’ha detto! Io sto bene così, non me ne frega nulla dei sogni degli altri, io adesso la mia vita me la voglio godere! Però Project, a parte queste cose, il fatto che i ragazzi etero qualche giochetto gay lo facciano è verissimo. Tu queste cose non le sai perché tu parli solo coi ragazzi gay ma se parlassi con i ragazzi etero ti renderesti conto che certi comportamenti che tu consideri gay, in effetti, non sono mica solo dei gay, anzi! Gli etero sono molto più disinibiti in cose gay di quello che ti immagini. Non saranno cose d’amore, magari saranno cose di solo sesso, ma le fanno eccome, e poi restano etero al 100%. Non è mica vero che i due mondi sono così divisi. Guai a te se mi dici che questi sono ragionamenti campati per aria, perché sono ragionamenti seri e secondo me hanno un valore enorme. Non sto cercando comunque una scappatoia, se mi toccherà adattarmi all’idea di essere gay al 100%, beh, mi adatterò, che devo fare! Però io penso che la mia lettura delle cose abbia una base molto seria. Ti aspetto stasera in chat e voglio vedere come te la cavi! Scherzi a parte, ma è mai possibile che uno come me debba finire gay al 100%? No! Secondo me non è così!
G.
 
     
 
 
  
 
 Aster_86  Inviato il: 23/6/2008, 20:31 
 

Advanced Member


Gruppo: Utente
Messaggi: 188
Provenienza: Da qualche parte nel NE


Stato: 


 
 La parola "gay" non la sopporto neanch'io, se è per quello, per vari motivi.
CITAZIONETu schematizzi troppo, ma i confini in queste cose sono vaghi, invece tu appiccichi etichette a tutto spiano [...] non è mica vero che i due mondi sono così divisi.

Sottoscrivo.
CITAZIONEQuelli un po’ più tipo checca non li sopporto proprio.

Io li sopporto per educazione, ma non mi piacciono e mi sento anche a disagio con loro, anche se mi vergogno un po' ad ammetterlo. I gay di solito non sono "tipo checca", io non ne ho mai conosciuti di persona (va detto che li ho evitati, ma di sicuro sono una minoranza).
CITAZIONEUn etero qualhe divertimento gay se lo può pur prendere.

Santa ragione! Anzi, secondo me è anche "salutare" esplorare appieno la propria sessualità, nei limiti del rispetto degli altri; ci sarebbero anche molti meno pregiudizi! È quando l'idea omosessuale diventa centrale nel proprio immaginario, che è bene che ci pensi un po' su...
CITAZIONElo so che non ci starei bene, cioè non riuscirei a convivere con un uomo

. Me lo dicevo anch'io, ora quando coi miei amici parliamo male delle donne scherzo sempre dicendo «Wow, che culo!». È solo un blocco psicologico, infondo si tratta di star bene con una persona, questo lo si può fare indipendentemente dal sesso, no?
FRATTAGLIE: s. f. pl.; il cervello, il cuore, il fegato, l'anima e tutte le altre interiora.
       
 
 
  
 
 editore  Inviato il: 25/6/2008, 14:20 
 
Advanced Member


Gruppo: Utente
Messaggi: 60


Stato: 


 
 Insomma, è vero che avere semplici comportamenti comportamenti omosessuali, non implica l'essere per forza di orientamento omosessuale, o dovremmo considerare etereo un gay che per negarsi va con una donna, certo che quanto questo comportamento è ripetuto una, due tre volte, ed è insomma ricercato e uno lo trova pure particolarmente appagante, qualche dubbio legittimo sulla sua assoluta eterosessualità dovrebbe per onesta intellettuale farselo venire; e sopratutto capire che sì, l'orientamento sessuale è un fatto di "sentire", provare qualcosa, ma non un fatto di "sentirsi", perché un conto e quel che senso senza filtri personali, e un altro è invece quel che "mi sento" che può essere in molti casi falsato da ciò vogliamo credere di noi stessi. Per questo capita che della volte ci sono omosessuali, che solo perché hanno un rapporto con una ragazza, o dicono di amare, credono che ciò li renda per definizione eterosessuali o che tale amore sia per forza vero e non invece che sia forzato dalla nostra volontà e dal bisogno di autoconvincimento.
     
 
 
  
 
 Survived  Inviato il: 25/6/2008, 21:28 
 

 


Gruppo: Utente
Messaggi: 635


Stato: 


 
 CITAZIONE (gayproject @ 23/6/2008, 20:46)Che ne so, mi sono preso un’ubriacatura gay, ma poi passa, ci dormo un po’ sopra, poi mi risveglio e mi trovo etero,


Ti dico solo che dormirci su non fa altro che peggiorare le cose, esperienza personale!


"I will survive abandonment, I will survive a broken heart, I will survive loneliness"

my blog
www.speakmyvoice.spaces.live.com
 
     
 
 
  
 

 3 risposte dal 23/6/2008, 19:46
 

Comments