Elementi di Primo Soccorso

Per primo soccorso si intende l’insieme di comportamenti, manovre e cure da effettuarsi nell’immediatezza di un infortunio o di un malore improvviso in attesa dell’arrivo dell’unità di emergenza sanitaria.
Di seguito vengono esposte alcune semplici indicazioni e illustrate le principali manovre che, se ben attuate da personale adeguatamente formato, possono facilitare il soccorso.
Le informazioni che seguono possono essere utili nei momenti di bisogno anche fuori dall’ambiente lavorativo, per sapere
“cosa fare” e soprattutto “cosa non fare” (vedi qui) mentre si attende l’arrivo dei soccorsi specializzati e per avere un iniziale inquadramento sulle principali nozioni di primo soccorso.

La semplice lettura di un manuale non può sostituire un corso di primo soccorso teorico-pratico nella formazione del soccorritore.

PROTEGGERE AVVERTIRE SOCCORRERE (PAS)
Gli immediati obiettivi che il soccorritore deve conseguire nei primi momenti di una emergenza sanitaria sono: proteggere se stessi e l’infortunato da ulteriori rischi, avvertire il servizio medico di emergenza, iniziare le manovre di soccorso.
Proteggere
se stessi e l’infortunato:
• non perdere la calma e osservare quello che è avvenuto per alcuni secondi cercando di stabilire cosa è successo e valutando la presenza di ulteriori pericoli per l’infortunato o per se stessi; se sono coinvolte più persone contarle;
• proteggersi dal contatto con il sangue o altri liquidi biologici usando guanti o, in mancanza, materiale impermeabile (buste di plastica);
• se si viene a contatto con il sangue occorre lavare la parte con acqua e sapone in abbondanza e far valutare dal medico l’opportunità della profilassi per l’epatite B;
• proteggersi da eventuali rischi ambientali (es.: rischio chimico, fumo, rischio elettrico, ecc.), indossando se a disposizione indumenti di protezione adatti (es. maschere, respiratori, guanti dielettrici, ecc.) ed evitando di trasformarsi in vittima nel tentativo di soccorso;
• proteggere l’infortunato da eventuale pericolo imminente (presenza di sostanze tossiche, folgorazione, ecc.) prendendo subito i necessari provvedimenti (aerare gli ambienti, staccare l’interruttore della corrente elettrica, ecc.);
• se l’infortunato è cosciente tranquillizzarlo;
• evitare assembramenti di curiosi nei pressi dell’infortunato;
• coprire l’infortunato se necessario.
Avvertire l’unità di emergenza sanitaria
• se sono presenti più persone inviare una di loro a chiamare i soccorsi;
• se si è da soli assicurarsi che l’infortunato respiri prima di correre a telefonare;
• quando si chiama per il trasporto rapido al Pronto Soccorso, fornire in modo chiaro le seguenti informazioni:
1. il proprio nome e cognome, struttura di appartenenza (Dipartimento, Istituto, Centro, ecc.) e numero di telefono;
2. cosa è accaduto;
3. numero delle persone coinvolte;
4. condizioni della vittima (es. è cosciente? Respira?) e cosa si sta facendo per lei;
5. indicazioni precise per il raggiungimento del luogo dell’infortunio: nome della struttura, indirizzo, via, numero civico, piano dell’edificio, denominazione della stanza, laboratorio, percorso interno alla struttura; se il luogo è difficile da raggiungere si deve fare in modo che qualcuno aspetti i soccorsi
all’ingresso della via principale;
6. prima di riattaccare chiedere conferma all’operatore;
• assicurarsi che vengano aperti i cancelli, le sbarre, i portoni di accesso.
Soccorrere l’infortunato eseguendo poche azioni essenziali, che sono illustrate successivamente, ed evitando di aggravare la situazione con interventi scorretti ed inutili. In particolare:
• non spostare l’infortunato tranne che nei casi di pericolo imminente, non metterlo in piedi o seduto;
• astenersi dal somministrare qualsiasi tipo di farmaco, bevanda od alimento;
• non effettuare manovre di pertinenza medica (per es.: riduzione di fratture o lussazioni, estrazione di oggetti estranei da qualsiasi parte del corpo);
• non fare commenti sull’accaduto con l’infortunato sulle lesioni e la loro gravità;
• non abbandonare l’infortunato.
 
CONTROLLO E SUPPORTO DELLE FUNZIONI VITALI CON TECNICHE DI BASE – BASIC LIFE SUPPORT (BLS)Le fasi di controllo delle funzioni vitali devono essere alternate in corretta sequenza ad azioni di supporto secondo lo schema seguente:
 

 Valutazione stato coscienza

 

 

 

E cosciente                               Non è cosciente

 

 


                                          Apertura delle vie aeree

 


                                     Valutazione attività respiratoria

 


  Respira                                                                                                   Non respira

Mettere se possibile in posizione laterale di sicurezza         Respirazione artificiale

                                                                                                     

                                                                                                 Valutazione attività cardiaca

 

 


                                                                                Polso presente                               Polso assente

 

                                                                Continua respirazione artificiale          Massaggio cardiaco e

                                                                                                                          continua respirazione artificiale

 
Nota: Questa tabella si legge dall'alto verso il basso, puoi aggiungere delle freccie una volta stampato il documento.
 
CONTROLLO DELLE FUNZIONI VITALI
In caso di malore od infortunio occorre procedere ad un controllo immediato delle funzioni vitali (stato di coscienza, respirazione, circolazione):
È COSCIENTE?
Chiamare ad voce alta (Come si sente? Come sta?); scuotere la spalla delicatamente.
RESPIRA?
G.A.S. (GuardaAscolta Senti)
Guardare se il torace si alza e si abbassa.
Ascoltare e Sentire il passaggio dell’aria avvicinando la guancia alla bocca e al naso della vittima dopo aver aperto le vie aeree. Valutare per 5 secondi.
IL CUORE BATTE?
Valutare la presenza-assenza di polso carotideo per almeno 5 secondi.
Per effettuare questa valutazione mantenere la testa della vittima estesa con una mano, posare delicatamente l’indice e il medio dell’altra mano sul pomo di Adamo e spostarli verso se
stessi fino ad incontrare un incavo nella parte laterale del collo.
SUPPORTO DELLE FUNZIONI VITALI CON TECNICHE DI BASE – BASIC LIFE SUPPORT (BLS)
VALUTAZIONE DELLO STATO DI COSCIENZA
NON È COSCIENTE:
la perdita di coscienza determina un rilasciamento muscolare e la lingua va ad ostruire le prime vie aeree in seguito alla caduta all’indietro della mandibola:
Occorre:
• slacciare gli indumenti al collo, vita e torace e mettere in posizione supina allineata;
• procedere alla  APERTURA DELLE VIE AEREE: spingendo la testa all’indietro poggiando una mano sulla fronte e sollevando il mento con le dita; in caso di sospetta lesione vertebrale sollevare la mandibola senza estendere la testa;
• aprire la bocca per osservare la presenza di corpi estranei, se presenti rimuoverli.
VALUTAZIONE DELL’ATTIVITÀ RESPIRATORIA
(G.A.S.: GUARDA, ASCOLTA, SENTI)
SE RESPIRA:
• se la vittima non ha subito traumi far assumere la posizione laterale di sicurezza, nella quale si mantiene l’estensione del capo e si previene l’inalazione di vomito;
• controllare l’attività respiratoria ogni 4-5 minuti.
SE NON RESPIRA:
occorre iniziare urgentemente la
RESPIRAZIONE ARTIFICIALE:
• proteggere eventualmente con un fazzoletto aperto la bocca dell’infortunato per evitare la repulsione;
• chiudere il naso della vittima con due dita, poggiare la bocca su quella dell’infortunato e soffiare profondamente in modo da gonfiare polmoni; mentre si insuffla osservare che il torace si alzi. Tra un’insufflazione e l’altra osservare che la gabbia toracica si abbassi;
• dopo 2 insufflazioni è necessario effettuare, attraverso la palpazione del polso carotideo per 5 secondi, la valutazione dell’attività cardiaca.
VALUTAZIONE DELL’ATTIVITÀ CARDIACA
SE IL CUORE BATTE:
• continuare la respirazione artificiale con un ritmo di 1 insufflazione ogni 5 secondi finché non riprende la respirazione naturale;
• controllare periodicamente (ogni 30/60 secondi) l’attività cardiaca.
SE IL CUORE NON BATTE:
• insieme alla respirazione artificiale, occorre iniziare urgentemente il
MASSAGGIO CARDIACO ESTERNO:
1. sdraiare per terra l’infortunato in posizione supina;
2. seguire con un dito l’arcata costale sino alla parte finale inferiore dello sterno;
3. poggiare al di sopra del punto individuato il secondo e terzo dito dell’altra mano;
4. posizionare il calcagno dell’altra mano accanto alle due dita;
5. sovrapporre l’altra mano intrecciando le dita e mantenendole sollevate;
6. comprimere mantenendo le braccia tese e sfruttando il peso del tronco. Eseguire 80 –100 compressioni al minuto.
Se si è da soli Alternare 2 insufflazioni e 15 compressioni toraciche.
Se si è in due Alternare 1 insufflazioni e 5 compressioni toraciche.
• Continuare senza interrompere fino all’arrivo dell’ambulanza controllando la ripresa del polso dopo il primo minuto ed in seguito ogni 2 –3 minuti.
• Se il cuore ricomincia a battere continuare la respirazione artificiale (1 insufflazione ogni 5 secondi) controllando che il polso sia presente (ogni 30/60 secondi).
• Se ricompare l’attività respiratoria mantenere aperte le vie aeree facendo assumere, se possibile, la posizione di sicurezza controllando che continui a respirare.
LE POSIZIONI IN CUI METTERE LA VITTIMA
Quando la persona è cosciente assume spontaneamente una posizione, detta di difesa che in generale va rispettata.
Diventa necessario intervenire sulla posizione quando:
• occorre contrastare un peggioramento delle funzioni vitali o praticare la rianimazione cardio-polmonare;
• la persona è incosciente;
• occorre abbandonare l’infortunato per chiamare soccorso;
• occorre allontanare l’infortunato da fonti di pericolo imminente.
Le principali posizioni in cui collocare l’infortunato sono:
1) posizione supina allineata:
• si ottiene allineando capo, tronco e arti;
• riduce il rischio di aggravare una lesione vertebrale in caso di spostamento di emergenza;
• permette le manovre rianimatorie;
• se la persona è incosciente per mantenere libere le vie respiratorie si deve girare la testa;
2) posizione semiseduta:
• si ottiene mettendo un sostegno dietro il tronco e il capo dell’infortunato;
• facilita la respirazione;
• si utilizza ad esempio nel caso di infarto cardiaco, traumi del torace, ecc.;
3) posizione laterale di sicurezza: (fig.15- 20)
• si ottiene ponendosi al lato dell’infortunato supino:
- flettendo il braccio del soggetto dallo stesso lato del soccorritore;
- flettendo la gamba del lato opposto;
- mettendo la mano del braccio opposto sotto la guancia dell’infortunato, in modo da evitare che il paziente rotoli sul viso una volta girato;
- ruotando lentamente il soggetto su un fianco verso il soccorritore;
- estendendo il capo;
• facilita l’espulsione dalla bocca di secrezioni evitando il pericolo di soffocamento e mantiene libere le vie respiratorie;
• si utilizza nel caso sia necessario lasciare da solo un infortunato privo di coscienza ma che respira per andare a chiamare il pronto soccorso o per dare soccorso ad altri soggetti;
4) posizione antishock:
• si ottiene sollevando gli arti inferiore dell’infortunato di circa 45 gradi o posizionando un supporto in grado di mantenerli sollevati
• favorisce il ritorno del sangue verso il cuore ed il cervello;
• si utilizza negli svenimenti, lipotimia, negli stati di shock (per es. da emorragia, da gravi reazioni allergiche, crisi ipogligemiche, ecc.).
 
ILTRASPORTO DELL’INFORTUNATO
Nel caso sia assolutamente necessario spostare l’infortunato eseguire la manovra almeno in 4 persone così da mantenere il corpo, la testa e gli arti rigidamente allineati, soprattutto se si sospettano lesioni vertebrali.
Se si è soli e non si trova aiuto, si può provvedere allo spostamento per esempio afferrandolo per le ascelle e tenendo ferma la testa con gli avambracci.
Comments