Statuto Porkys

Cariche sociali:

Presidente: Danilo Antiga

Vice presidente: Francesco Buziol

Segretario: Massimo Beccia

Consigliere: Oscar Bolzonello

Consigliere: Valerio Verardo

Consigliere: Vanni Verardo

Consigliere: Maurizio Marchesan

Consigliere: Marco Sola

Art. 1

Il motoclub Porkys è stato fondato con gli scopi primari di divertirsi, del buon mangiare e del buon bere.

I luoghi dove perseguire tali scopi dovranno essere raggiunti con il mezzo a 2 ruote e solo nel caso di clima rigido o avverso con mezzi a 4 ruote.

Art. 2

Per aderire al motoclub è obbligatorio possedere un motociclo di cilindrata superiore a 124 cc e partecipare alla vita di club.

Si può diventare Porkys anche senza possedere provvisoriamente un mezzo o la licenza di guida.

In casi eccezionali si può comunque diventare membri ma solo sotto approvazione della maggioranza dei membri.

Art. 3

Il motoclub non ha scopi di lucro, eventuali donazioni o sponsorizzazioni tuttavia sono ben accette. La destinazioni dei fondi raccolti tramite la vendita di gadget o l’organizzazione di feste ha come unico vincolo l’utilizzo a favore di tutti i membri.

Art. 4

Durante le gite è bene mantenere una guida prudente e rispettosa degli altri, la nascita improvvisata di sfide tra i soci e altri utenti, l’esibirsi in monoruota, in burnout e show vari sono tuttavia tollerati.

Art. 5

La divisa Porkys (gillet/magliette/polo/felpe...) è sempre gradita sia durante i ritrovi, le gite ecc.. che per il resto del tempo.

Art. 5/bis

Per poter conseguire il gilet del motoclub (unico vero simbolo di appartenenza), oltre alle indicazioni dell’Art.2, è previsto che il socio: sia tesserato da almeno 2 anni (730 gg), abbia passato almeno una notte assieme agli altri soci in una gita ufficiale e avere il consenso di tutti i membri del consiglio.

Nel caso di abbandono del club il gilet deve essere reso e in ogni caso non può più essere indossato.

Tutti gli altri indumenti con logo del club invece sono di libero utilizzo.

Art. 5/ter

Il Gillet può essere anche dato per particolari meriti, ma l'approvazione deve essere data dalla maggioranza dei membri presenti alla discussione di delibera.

Art. 6

Nei giorni e orari fissati per le partenze di gite è obbligo arrivare puntuali nel luogo di ritrovo, chi arriva per ultimo è punito con il "paga da bear" per tutti.