La scuola‎ > ‎

Il maestro

 
Giancarlo Vaccarezza è il maestro di questa scuola d'arte







Giancarlo Vaccarezza nasce a Viareggio nel 1943. Nel 1957 frequenta un corso di disegnatore tecnico e comincia a lavorare come grafico e disegnatore. Nel 1959 si iscrive alla libera accademia di Carrara ed inizia le prime esperienze di pittura. La sua prima mostra personale è nel 1965 presso il comune di Borgo S. Lorenzo (Fi). Fa amicizia con Krimer e frequenta il centro versiliese delle arti dove conosce molti pittori e critici tra cui il critico d' arte Nocentini. Nel 1968 soggiorna in Francia ed espone alla galleria Moassi di Ai x en Provence. Attraversa una fase di sperimentazione astratta. Nel 1970 si reca a Milano e conosce i pittori Brindisi, Migneco, Cassinari e i critici d'arte De Grada e Valsecchi. Espone alla galleria Creperio, ed apre in quella città lo studio presso l'amico Salvi. Si avvicina all'area culturale e politica di Psichiatria Democratica, i contatti umani con questo ambiente e il suo impegno umano lo inducono a frequentare i manicomi e indirizzano la sua pittura ai problemi dell'emarginazione. Sono di questo periodo le mostre di denuncia "Impazzire in Manicomio", "Gli esclusi", "La maschera della normalità", "Dal manicomio ai margini delle città". Fa amicizia col critico d'arte Micieli con cui stabilisce un rapporto di "lavoro" duraturo nel tempo. Nel 1980 espone alla galleria Rapuano di Viareggio poi si reca con lo stesso gallerista a Berlino dove espone alla Tecnisce Universitat. Nel 1981 espone nuovamente in Germania alla Kreissparkasse di Reutlingen. Nasce a Viareggio l'associazione artisti vesiliesi",di cui ne farà parte per più di dieci anni. Il poeta Belluomini lo introduce nell'ambiente del premio letterario Camaiore: ha così l' opportunità di conoscere molti poeti tra cui Evtusenko che scriverà una presentazione per lui.
Nel 1984 espone in Inghilterra la mostra itinerante "Vivere Liberi" a Londra, Manchester e Sheffeld. Nello stesso anno con il quadro "Ragazza con la camicia di forzà' De Grada lo segnala sul catalogo d'arte Mondadori (Bolaffi) e nel 1986 da Paloscia per la mostra "La terza età" alla galleria Rapuano di Viareggio. Forma assieme allo scultore Nardini, presso l'O.P. di Maggiano il laboratorio "Occasioni". Dal 1993 insegna pittura e istituisce l'atelier pittori versiliesi". Nel 1996 espone una serie di quadri dedicati al "Padule" presso la galleria "Il forte" di Forte dei Marmi. Nello stesso anno è inserito nel libro di Paloscia "Accadde in Toscanà' i pittori toscani dal 1940 al 1970. Nel 2000 espone alle Scuderie Borbone di Camaiore la mostra "Giro di valzer" 40 anni di pittura. Nel 2001 conosce Raffaello che gli organizza, alla galleria 'arte e dintorni" di Pontedera la mostra "Quando c'è musica..." e Ì1e12002 la mostra personale al palazzo dell' APT della provincia di Massa Carrara.

 
 
 
Opere
 


 

 

 
 

 

 
 

                           

 

 

 

 
 

 

 

 

 

 
Comments