NON DIMENTICHIAMO HAITI

 

 
 
 
 
 
 
  
 
 
 

 


 
 
                                                                                   

 

Isola di palme verdi

e di sabbia  bionda

isola di montagne incantate

i cui alberi musicanti sono stati tagliati

isola di contadini neri

braccati dagli uccelli voraci della fame

 

Isola abbandonata

sulle ali di schiuma degli uragani

cavalli impazziti dell’apocalisse

le zattere vacillanti della speranza

trasportano i tuoi figli allucinati

verso le nuove rive della disgrazia

 

lsola separata dal resto del mondo

isola legata al resto del mondo

dalla cavità della terra

alla cavità del cielo

l’acqua apre e chiude il cerchio

l’acqua chiude il ciclo della notte

col prisma dei colori del giorno

Paul Laraque  “La sabbia dell'esilio"