Join Our Club

1577days since
Next Event

Recent site activity

Tips and tricks

             Home sito ex lavoratori Marvecs Pharma.
 
 
                 
Questo è il sito che riporta la voce di tutti: lavoratori,sindacati,
       giornalisti e politici.
 
            Quì è garantita la democrazia e la libertà di espressione!
 
 
  V Salvaguardia (17/04/2014)
La previsione per 17000 lavoratori.
Quest'ultimo provvedimento non fa nessun riferimento ai 
periodi successivi al 14/01/2012 data del ns ingresso in mobilità.I dettagli da un Estratto della G.U.  del 16
Aprile 2014  nome  del  file pdf che trovi in Resorce. 
___________________________________
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Udienza di ieri 9 Aprile 2014
 
Dal sole 24 ore
09042014_1316_269152214.html
 

FARMACEUTICA: CRAC MARVECSPHARMA, EX DIPENDENTI ESCLUSI COME PARTE CIVILE


(Il Sole 24 Ore Radiocor) - Milano, 09 apr - Nessun ex lavoratore della Marvecspharma sara' parte civile nel procedimento per bancarotta a carico di 23 persone. Circa 640 informatori scientifici dipendenti della societa' dichiarata fallita avevano chiesto di poter essere parte civile ma il Gup del tribunale di Milano Sofia Fioretta ha deciso "l'esclusione dal processo delle parti civili lavoratori ex Marvecspharma service srl", mentre e' stata accolta la richiesta del curatore fallimentare della societa'. Il giudice ha anche disposto, "come da separato decreto, la citazione dei responsabili civili Pfizer Italia srl, Simesa spa, Astrazeneca spa per la prossima udienza", in calendario per il 9 maggio 2014 "a cura della costituita parte civile Fallimento Marvecspharma service srl". Tra gli indagati per cui il pm di Milano Gaetano Ruta ha chiesto il rinvio a giudizio ci sono persone che all'epoca dei fatti erano manager e consiglieri di amministrazione delle divisioni italiane delle multinazionali Pfizer e Astrazeneca. Nel dettaglio, oltre a Nicola Danzo e Francesco Danzo (che nel luglio 2011 erano stati raggiunti da ordinanza di custodia cautelare), cui erano ricollegabili la Marvecspharma Service srl (la societa' fallita da cui sono scattate le indagini) e la Ellenerre srl, ci sono i consiglieri di Pfizer Italia: Per Oluf Olsen, Francesco De Pari, Marco Pacini, Martin Thomas, Maria Pia Ruffilli, Soren Celinder e Silvio Mandelli (gia' direttore Risorse umane della stessa societa'), e i consiglieri di Astrazeneca spa: Hans Sijbesma, Fausto Massimino e Luigi Felice La Corte.

  

FARMACEUTICA: CRAC MARVECSPHARMA, EX DIPENDENTI ESCLUSI COME PARTE CIVILE -2-


(Il Sole 24 Ore Radiocor) - Milano, 09 apr - Il Gup Fioretta ha deciso di escludere i 646 ex dipendenti che chiedevano di essere parte civile per diversi motivi. In particolare, nell'ordinanza si spiega che alcuni di loro nel momento del passaggio alla Marvecspharma avevano firmato con la societa' dalla quale provenivano (le multinazionali estere e loro controllate) degli accordi di conciliazione in sede sindacali con le quali hanno accettato in alcuni case somme tra i 15mila e i 43mila euro, accettando di non fare azioni giudiziali nei confronti delle aziende, oppure sono state raggiunte delle conciliazioni giudiziali e, infine, il giudice indica che bisogna tenere conto del fatto che gli ex dipendenti hanno ricevuto o stanno ricevendo dei risarcimenti da parte del curatore fallimentare della societa', in quanto inseriti al passivo come creditori. Gli ex dipendenti della Marvecspharma, a seconda dei casi, chiedevano, invece, di poter essere parte civile lamentando un danno patrimoniale e un danno morale, con richieste di risarcimento che andavano dai 40mila ai 500mila euro. Il pm di Milano Gaetano Ruta, titolare del fascicolo, aveva espresso parere favorevole solo alla richiesta di essere parte civile per il danno morale, mentre le difese degli imputati si sono opposte a tutte le richieste e il tribunale, con la sua decisione, ha di fatto accolto la posizione delle difese
Tornando agli indagati per cui il pm ha chiesto il processo, Martin Thomas e Silvio Mandelli sono coinvolti anche per i ruoli ricoperti all'interno di Pharmacia Italia spa (rispettivamente responsabili dell'area Finanza e dell'area Risorse Umane), societa' del gruppo Pfizer nel nostro Paese. Insieme a loro e' indagato Emanuele Barie' in qualita' di presidente e amministratore delegato di Pharmacia Italia. Per quanto riguarda i consiglieri di Astrazeneca Italia, Hans Sijbesma, Fausto Massimino e Luigi Felice La Corte, questi sono indagati anche in qualita' di consiglieri di Simesa spa, altra societa' italiana del gruppo internazionale attivo nel settore farmaceutico. Secondo l'ipotesi dell'accusa, i manager e i consiglieri delle quattro societa' (Pfizer Italia, Astrazeneca, Pharmacia Italia e Simesa), in concorso con i responsabili della Marvecspharma Service srl "dissipavano il patrimonio sociale e cagionavano il fallimento della Marvecspharma Service dolosamente e comunque per effetto" di operazioni "dolose" che sono consistite nella "cessione" dalle quattro societa' indicate di rami d'azienda aventi "a oggetto rapporti con gli informatori scientifici del farmaco" che avevano tutti "valore patrimoniale negativo tanto da essere acquistati dalla fallita a prezzo simbolico e mediante l'attribuzione di una somma a titolo di avviamento negativo (cosiddetta badwill)", come si legge nella richiesta di rinvio a giudizio. Inoltre, secondo la procura di Milano, Marvecspharma Service non aveva "l'autonomia patrimoniale, la capacita' organizzativa e la strategia di mercato idonee a impiegare produttivamente" i rami d'azienda acquistati, "avendo peraltro maturato almeno dal 2003 un risultato operativo negativo". Tali acquisizioni, continuano i magistrati, gravavano "la fallita di oneri debitori verso i lavoratori e gli enti previdenziali per importi che superavano la sua capacita' patrimoniale e che gli importi ricevuti a titolo di badwill non potevano fronteggiare"
In pratica, per l'accusa, le cessioni di rami d'azienda - come ricorda il giudice Fioretta - "avrebbero costituito un mero strumento strategico e fraudolento, un 'escamotage' concordato e attuato in concorso dagli amministratori delle societa' cedenti e della societa' cessionaria, per consentire alle societa' multinazionali di 'rottamare' e di liberarsi di lavoratori in esubero senza esporsi al grave danno economico e di immagine che sarebbe derivato loro dai licenziamenti collettivi, nonche' di attuare un piano di complessiva riorganizzazione aziendale con dismissione e trasferimento del personale in esubero presso la societa' cessionaria Marvecsphama service, utilizzata in questo modo come "discarica occupazionale".
 
 _________________________________________________________
  
 
 
Nota di precisazione
dell'avv.ssa R.De leo del 3.4.2014
" la prossima udienza del processo a Milano si terrà il 9 aprile : in quella sede il GUP leggerà l'ordinanza di ammissione o esclusione delle parti civili. Se saremo ammessi-come credo e spero- vi sarà il prosieguo al 9 maggio; in caso contrario finirà il 9 aprile .. E penseremo ad altri percorsi.. Buona giornata . Avv. Rosanna de Leo  

____________________________________________________________
 
 
Oggi in tribunale in dettaglio l'udienza
 
da mail ricevuta oggi 31.3.2014 
Cari colleghi,
come sapete il 28 u.s. s'è tenuta l'udienza che ci riguarda.
Abbiamo conosciuto il nostro nuovo GUP - Dott.ssa Sofia Luigia Fioretta. Per quello che vale, a me e ai colleghi presenti ha fatto un'ottima impressione e anche i commenti dei nostri avvocati sono stati positivi; ci è parsa informata sulla nostra non facile vicenda e autorevole, oltre che perfettamente in grado di gestire la vasta, numerosa, agguerrita e vivace platea di avvocati.
Cerco di riassumervi i punti salienti:
1) per ora sono state fissate due date per le prossime udienze, la prima il 9 aprile prossimo e la seconda il 9 maggio - quest'ultima cruciale e decisiva, perché in quella data il GUP s'esprimerà pro o contro le domande di costituzione di parte civile. Sottolineo ancora una volta l'importanza della nostra presenza alle udienze, perché ogni volta il GUP prende nota dei presenti interessati al processo sia dell'una che dell'altra parte;
2) il PM Ruta e i legali dei fallimenti di MarvecsPharma e di Marvecs srl si sono pronunciati a favore della costituzione di parte civile dei lavoratori per i soli danni morali, mentre loro e tutti gli avvocati degli imputati si sono pronunciati contro la richiesta di danni patrimoniali fatta da alcuni avvocati dei lavoratori;
4) i legali dei lavoratori sono intervenuti dopo il PM Ruta e i legali dei fallimenti e hanno motivato alcuni la propria scelta di costituirsi per il solo danno morale e altri quella di costituirsi anche per il danno patrimoniale. 
L'Avv. de Leo, nel suo intervento, ha ribadito la sua linea di richiedere il solo danno morale in questa sede, rinviando ad altra sede e a un momento successivo la rivendicazione del danno patrimoniale;
5) come atteso, i legali degli imputati si sono pronunciati anche contro la costituzione di parte civile dei lavoratori per i soli danni morali, mentre non hanno contestato la costituzione delle curatele di MarvecsPh e Marvecs srl per il danno economico; alla curatela di MarvecsPh hanno invece contestato la richiesta di danni morali, che hanno reputato non attribuibili alle curatele (in effetti!). Sono state avanzate diverse contestazioni individuali di natura formale e/o di merito; a questo proposito desidero sottolineare che nessuno degli atti di costituzione presentati dall'Avv. de Leo ha subito eccezioni formali, che è un fatto importantissimo, perché con un errore del genere si è fuori;
6) tra gli avvocati della controparte, ce ne sono stati un paio - secondo me - di particolarmente agguerriti, tra cui l'avvocatessa di Pfizer, che addirittura alla fine pretendeva - "sentendosi ottimista sulla decisione del giudice in favore del rigetto della costituzione di parte civile dei lavoratori" di derubricare immediatamente la posizione di Pfizer, che chiederà il rito abbreviato, "evitando così un inutile spreco di tempo e denaro". 
Il GUP però ha ribattuto in modo deciso che, come previsto dalla Legge, esaminerà le richieste di costituzione di parte civile, le obiezioni dei legali degli imputati ed esprimerà la sua decisione in merito il 9 maggio pv (vedi punto 1) e in quella data Pfizer potrà richiedere riti alternativi. 
L'avvocatessa di Pfizer ha detto inoltre che tra l'azienda e gli ex dipendenti ci sono state 353 liti e che Pfizer ha dato a Marvecs 144 milioni di Euro, motivo per il quale - a suo dire - nulla sarebbe da imputare a Pfizer, ma semmai e solo ai vertici Marvecs, responsabili della bancarotta fraudolenta, in cui Pfizer non avrebbe avuto alcun ruolo. 

Alcuni colleghi hanno sollecitato le mie impressioni; che posso dire? Certo questa udienza è stata di natura ben diversa dalla precedente, più burocratica e asettica. 
In questa si sono cominciati a vedere volare i coltelli (in senso metaforico). 
Per me è stata stressante, dal punto di vista emotivo, per il livore, la cattiveria gratuita (ma comprensibile, dal loro punto di vista) dei legali degli imputati, specie di quelli più compromessi, nei nostri confronti. Siamo stati dipinti come avidi profittatori opportunisti, che colgono anche questa occasione per lucrare, dopo tutti i soldi che abbiamo già incassato.
E' il gioco delle parti, ma certe affermazioni sono dure da digerire.
 
Un  collega 
 
____________________________________________________________________________________
 
 
 
 
da mail ricevuta oggi 28.3.2014             
 
        
Big Pharma -Big Truffa oggi in aula
 
un breve report di quanto accaduto oggi 28.03.2014
 
                                   Parte 2 
 
 
 Come sapete , si è tenuta quest'oggi  l'udienza dinanzi al nuovo GUP , Dott.ssa Fioretta , durante la quale  i difensori degli imputati hanno proposto le eccezioni alle costituzioni di parte civile.
Quanto alle costituzioni predisposte dalla sottoscritta, per fortuna non è stata sollevata alcuna eccezione di carattere formale e ciò costituisce un  aspetto favorevole.
Le eccezioni sollevate dal punto di vista sostanziale non sono tali da inficiare, a mio parere, la ammissibilità delle costituzioni .
Il Pubblico Ministero ha "ufficializzato" la tesi dell'appoggio alle costituzioni di parte civile per i soli danni morali  e l'opposizione a quelle dove sono stati chiesti anche i danni patrimoniali e ciò conforta ulterioriormente la strategia difensiva adottata dalla scrivente e dalla Collega penalista Avv. Valentina Gesmundo.
Il Giudice si è riservato di decidere sulla definitiva ammmissione ed ha rinviato all'udienza del 9/4/2014.
Cordiali saluti
Milano 28/3/2014
Avv. Rosanna de Leo
_______________________________________________ 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
da mail ricevuta oggi 15.3.2014             
         
Big Pharma -Big Truffa oggi in aula
 
un breve report di quanto accaduto oggi 14.03.2014
 
 
la prima udienza preliminare celebrata dinanzi al GUP di Milano, Dott. Criscione ha visto il deposito di circa 500 costituzioni di parte civile dei lavoratori . Il gruppo degli assistiti della sottoscritta conta 233 IFS. I difensori  degli imputati-nessuno dei quali era presente in aula , considerata la gran quantità di atti da esaminare e la impossibilità di farlo in udienza , hanno chiesto ed ottenuto un differimento della stessa , al fine di poter formulare eventuali eccezioni alle medesime costituzioni. Il GUP, tenuto conto anche della circostanza che sta per essere trasferito ad altro Ufficio, ha concesso il rinvio fissando l'udienza del 28/3/2014 per l'esame delle eccezioni relative alla costituzione di parte civile e per la definitiva decisione in ordine all'ammissione delle stesse . 
Il PM  si è opposto a tale rinvio.
Dunque tutto è rimandato al 28/3/2014 . Gli imputati della PFIZER hanno depositato una istanza di ammissione al rito abbreviato condizionato chiedendo una perizia .
Sono fiduciosa e serena per il buon esito della controversia , con la realistica consapevolezza che ci troviamo di fronte ad un processo difficile ed esteso a vari e diversi soggetti . Cordiali saluti a tutti . Milano , 14/3/2014
Avv.Rosanna de Leo  
 
da web master:
All'avv.ssa Rosanna de Leo ,vanno i ns plausi per quanto sin quì ha fatto,ci
complimentiamo per il coraggio dimostrato nello sfidare,le Big Pharma e condurle in un aula di Giustizia con lo scopo di mettere a nudo quanto è accaduto ,calpestando diritti e leggi.
Ci auguriamo che la verità venga tutta fuori e sappiamo inoltre che anche i media s' interesseranno alla vicenda come a gia fatto ieri il qutidiano Libero.
 
 
____________________________________________________________________________________
 
 
 
 
 
 
 
 
 
        Big Pharma -Big Truffa 

                                         da mail ricevuta oggi 13.3.2014

                      Comunicazione

Gli ex dipendenti delle "Big Pharma" tentano la costituzione di parte civile nel processo che si apre il 14 Marzo p.v. a Milano .
La bancarotta fraudolenta della Società Marvecspharma Service s.r.l. arriva in udienza dopo una lunga e difficile fase di indagine sui "licenziamenti mascherati" da  cessioni di ramo di azienda con cui Pfizer e AstraZeneca hanno aggirato le procedure previste in materia di licenziamenti collettivi.
 Dopo anni di battaglie legali in sede civile in cui  le "Big Pharma"hanno coperto le loro responsabilità dietro i formalismi di una procedura con la quale i dipendenti sono stati scaricati  in una "bad company", finalmente vi è la possibilità di esaminare questa vicenda nei suoi aspetti più perversi che raccontano una storia di disprezzo della legge e della dignità del lavoro . Questa vicenda è nata ben prima della grande crisi economica , ci sono voluti sette anni perché si arrivasse dinanzi al Giudice delle Indagini Preliminari . Da una parte ci sono le storie di persone finite sul lastrico , dall'altra c'è la l'algida, generica e formale dichiarazione di innocenza. Nel rappresentare un folto numero di "informatori scientifici" cercherò di far emergere  il nesso tra le attività in frode alla legge delle "Big Pharma" e l'interesse illecito di liberarsi dei propri dipendenti al di fuori delle procedure previste dalla legge.
Mentre la politica discute di "job act",Pfizer e AstraZeneca cercano di far dimenticare il loro "job disposal",cioè l'azione con cui si liberarono dei loro dipendenti.

Avv. Rosanna de Leo, difensore di un gruppo di informatori scientifici
ex Pfizer e AstraZeneca
tel.0803514835
fax 0803543190
cell:3665251888

  ____________________________________________

Comunicazione

" URGENTE PER GLI ASSISTITI DELL'AVV. ROSANNA DE LEO"
Terlizzi (24.02.2014)
Nel ringraziare sentitamente e personalmente  i numerosi  partecipanti all'incontro di Roma di venerdì u.s. , invito tutti i miei assistiti a prendere nota delle seguenti date , nonchè  a fare in modo di essere presenti alle  predette riunioni . La posta in gioco è elevata e merita- da parte  mia  e da parte   Vostra- qualche sacrificio  per  firmare personalmente gli atti  .che devono essere formalmente ineccepibili. 
Pertanto  , per tutti gli assistiti sia dell'Abruzzo ( che non hanno partecipato all'incontro di Roma) che delle Marche , comunico di avere fissato un incontro a VASTO il 3/3/2014    presso autogrill SANGRO OVEST  in direzione Sud alle ore 11.30. 
LECCE: TRIBUNALE DEL LAVORO Venerdi 28 febbraio alle ore 11.00.
Confermo inoltre gli incontri a MILANO il 6 e il 7 marzo ,come da precedente comunicato e di GROTTAMINARDA per il 1 marzo 2014 ore 12.00.

SOLO per gli assistiti della SICILIA , SARDEGNA ED ESTREME REGIONI DEL NORD, provvederò a spedire tutto per posta . Parimenti , per casi eccezionali, per coloro che non possono partecipare ad alcuno degli incontri previsti.

Per gli assistiti di Puglia a Basilicata , comunico che gli atti saranno disponibili per la firma da giovedì 27 febbraio . Pertanto invito a mettersi in contatto con la mia collaboratrice, Sig.ra Antonella, per concordare i gruppi ,i giorni  e gli orari, da scegliere tra le seguenti date: 27 febbraio, 28 febbraio dalle 17.00 alle 20.00; 3 e 4 marzo dalle 17.00 alle 20.00 presso il mio studio in Terlizzi alla Trav. Via Acton n. 11/D Cordiali saluti .Terlizzi 23/2/2014 Avv. Rosanna de Leo

 ____________________________________________________ 

                     ANSA.IT

Crac società farmaceutica, chiesto processo manager Pfizer, bancarotta del 2011, imputati anche

responsabili Astra Zeneca

 
                     da mail ricevuta oggi 9.2.2014
 

                            (ANSA)

MILANO, 7 GEN

I pm di Milano Gaetano Ruta e Luigi Orsi hanno chiesto il rinvio a giudizio per 23 persone, tra cui anche manager e consiglieri o ex consiglieri di amministrazione delle divisioni italiane delle multinazionali del settore farmaceutico Pfizer e Astrazeneca, tutti accusati di concorso in bancarotta fraudolenta.L'inchiesta, condotta dal Nucleo di Polizia Tributaria della Gdf di Milano, era stata chiusa nei mesi scorsi e avrebbe accertato che una società operante nel settore della commercializzazione di prodotti farmaceutici, la Marvecspharma Service srl (fallita nel gennaio 2011), dopo aver incrementato la propria forza lavoro per effetto di alcune cessioni di rami d'azienda da parte delle multinazionali del farmaco, Pfizer e Astrazeneca, e ricevuto a titolo di avviamento negativo somme superiori a cento milioni di euro, ha omesso di versare nel fondo chiuso di categoria dei dipendenti 'Informatori Scientifici del Farmaco' le relative quote di Tfr e le ritenute operate a titolo di sostituto di imposta, per importi superiori a 12 milioni di euro. La società, sempre secondo l'accusa, avrebbe inoltre acquistato partecipazioni in società collegate per diverse decine di milioni di euro e pagato consulenze di dubbia natura ed effettività, chiudendo i vari esercizi sempre in perdita, fino al fallimento.La richiesta di processo riguarda Nicola Danzo e Francesco Danzo, arrestati nel luglio del 2011 e a cui erano ricollegabili la Marvecspharma Service srl e la Ellenerre srl, e una serie di manager o ex manager della Pfizer Italia (Per Oluf Olsen, Francesco De Pari, Marco Pacini, Martin Thomas, Maria Pia Ruffilli, Soren Celinder e Silvio Mandelli) e di Astrazeneca spa (Hans Sijbesma, Fausto Massimino e Luigi Felice La Corte).Secondo l'accusa, i manager delle due multinazionali e di altre due società, Pharmacia Italia e Simesa, in concorso con i responsabili della Marvecspharma Service srl, avrebbero dissipato ''il patrimonio sociale'' e causato ''il fallimento'' di quest'ultima società, attraverso operazioni ''dolose'', in particolare con cessione di rami d'azienda. Una serie di acquisizioni che, secondo i pm,avrebbero gravato la società ''fallita di oneri debitori verso i lavoratori e gli enti previdenziali per importi che superavano la sua capacità patrimoniale''. L'udienza preliminare dovrebbe essere fissata per marzo.

(ANSA).

 _____________________________________________
 
 
 
Auguriamoci che La Giustizia faccia il suo corso.
 
dai voce a questo link cliccaci e ascolta:
 
 
 
 
 Marvecs Pharma dopo il grande Bluff 

                                  notizia di oggi 24.12.2013 da fonti legali certe.

 

 

Nei primi mesi del 2014,il G.U.P. ricevuto il corposo fascicolo delle notifiche,di cui alcune inviate anche all'estero,fisserà l'Udienza Preliminare.

Tra le parti lese ci sarà principalmente la Curatela Fallimentare oltre ovviamente alla "Forza Lavoro" quando si studirà il piano di costituzione si parte civile.

Si avvicina l'alba del Processo Penale,ci auguriamo che vengano individuate tutte le responsabilità.

Speriamo che nel corso di questa vertenza penale, venga svelato il losco disegno tra BigPharma e Marvecs.

Si stanno aprendo spiragli anche in seno alla Magistratura del Lavoro per il riconoscimento della nullità del Verbale di Conciliazione sottoscritto in sede protetta che …tanti danni Ci ha procurato.

 

                Gli Auguri dal sito.

 

 https://www.youtube.com/watch?v=CFrauM13xLI

 

 

__________________________________

 

 ACCORDO SUL MOBILITA’ IN DEROGA PER GLI ESODATI

Lombardi:

 

Comunicato stampa da CGIL Lombardia.

 

 

 CONCLUSO OGGI IN REGIONE IL CONFRONTO SU

 

TRE IMPORTANTI QUESTIONI: ACCORDO SULL’ANTICIPAZIONE SOCIALE A FAVORE DEI LAVORATORI LOMBARDI IN CASSA INTEGRAZIONE, MOBILITA’ IN DEROGA PER GLI ESODATI, NUOVE MODALITA’ PER LA DECRETAZIONE DEGLI AMMORTIZZATORI SOCIALI IN DEROGA.DICHIARAZIONE STAMPA DI FULVIA COLOMBINI DELLA SEGRETERIA DELLA CGIL LOMBARDIA.

 

Sono state assunte oggi in Regione, alcune importanti decisioni che vanno nella direzione di aiutare il mondo del lavoro lombardo a fronteggiare la grave crisi economica che colpisce larga parte della popolazione e delle famiglie”. Così dichiara Fulvia Colombini della Segreteria della CGIL Lombardia che ha partecipato all’incontro odierno.

 

“In merito al tema degli ammortizzatori sociali, è stato sciolto il nodo della messa a punto del meccanismo dell’Anticipazione sociale, che a partire dalle prossime settimane sarà disponibile in Lombardia  per i lavoratori sospesi dal lavoro con periodi di cassa integrazione straordinaria e/o in deroga.

Il lavoratore o la lavoratrice che si trova in questa condizione potrà richiedere, tramite il sistema bancario, un anticipo sulle somme dovute dall’INPS pari all’80% della propria retribuzione, con un massimale di 850 euro mensili per 7 mensilità.

L’anticipazione sarà esente da commissioni bancarie e l’eventuale tasso di interesse applicato sarà minimo, in considerazione del valore sociale del provvedimento.

La domanda per l’anticipazione sociale  - continua Colombini - potrà essere fatta dal lavoratore non appena l’azienda richiede la cassa integrazione straordinaria o in deroga, senza dover aspettare i tempi lunghi delle autorizzazioni ministeriali e regionali. Questo è il contenuto sintetico del “Protocollo” siglato stamattina tra Regione Lombardia, Finlombarda, ABI Regionale, Fondazione Welfare Ambrosiano e tutte le Parti Sociali, dopo un lungo confronto finalizzato a mettere a punto tutti i particolari di questo positivo intervento a favore dei lavoratori.

Regione Lombardia e Finlombarda costituiranno un “Fondo di Garanzia” del valore di 3.500.000 euro che garantirà i rischi di insolvenza nei confronti del sistema bancario. Nell’immediato si comincia con i lavoratori sospesi a 0 ore, ma entro 60 giorni si estenderà la possibilità di richiedere l’anticipazione anche a coloro che sono sospesi a rotazione e ai contratti di solidarietà.

Le Organizzazioni Sindacali territoriali di CGIL CISL UIL metteranno a punto nelle prossime settimane gli sportelli per l’accoglienza dei lavoratori, che si potranno rivolgere al loro sindacato per le domande, in prima istanza.

Il sistema delle imprese si è impegnato a dare pubblicità all’anticipazione sociale nei confronti di tutti I loro associati, affinché informino i loro dipendenti.

Questo accordo, sottolinea Colombini, fortemente voluto dalla CGIL e dalle altre Organizzazioni Sindacali, dà una risposta positiva a tutti coloro che, non percependo lo stipendio perché sono in cassa integrazione, devono attendere lunghi mesi l’arrivo dell’assegno da parte dell’Inps, sopportando situazioni di forte disagio personale e famigliare.

 

Esodati: si è individuata una positiva soluzione per dare un aiuto concreto agli esodati, nell’ambito delle possibilità dell’attuale legislazione nazionale. Attraverso un’integrazione all’Accordo Quadro sugli ammortizzatori sociali in deroga del 2013, gli esodati lombardi che attualmente sono in mobilità, potranno richiedere un periodo di mobilità in deroga che consenta loro di raggiungere i requisiti pensionistici pre legge Fornero. La platea è individuata sulla base della terza clausola di salvaguardia del Governo, e si applicherà a coloro che sono entrati in mobilità entro il 31/12/2011 e che, attraverso la mobilità ordinaria e/o  in deroga, raggiungeranno i suddetti requisiti entro il 31/12/2014, purché abbiano fatto la prevista domanda all’Inps entro il 25/9/2013. L’accordo in questione è valido per l’anno in corso. L’operatività di questo accordo è legata ad un parere positivo del Ministero del Lavoro, mentre il parere favorevole dell’Inps lombardo è già arrivato. Questa misura non risolve complessivamente il problema degli esodati, che è e rimane un tema di carattere nazionale sul quale la CGIL è impegnata, ma tenta di dare una possibile risposta in avanti, nell’ambito delle norme vigenti.

 

Nuove modalità per la decretazione degli ammortizzatori sociali in deroga: le parti si sono accordate per modificare la decretazione del secondo semestre 2013 al fine di utilizzare appieno e in modo più efficace le risorse disponibili e per ridurre i ritardi nei pagamenti a favore dei lavoratori.  

 

Questi accordi, conclude la Segretaria della CGIL lombarda,  rappresentano un utile aiuto alle persone per gestire le conseguenze della crisi economica che coinvolge un numero sempre crescente di lavoratori, lavoratrici e famiglie e per attenuare i danni prodotti dalla legge Fornero.

La CGIL continuerà a porre tutte le questioni su cui si sta impegnando in questi mesi al Tavolo della Regione, per trovare, pur nelle difficoltà e nella scarsità delle risorse disponibili, delle soluzioni in avanti”.

 

 __________________________________

 

 

 

Marvecs notizie del 11.10.13

 

Un passo in avanti nella nostra interminabile e sofferta  storia Marvecs che  ha recato danno a noi lavoratori e alle nostre famiglie.

Superato Il ritardo dovuto ad una opposizione presentata da uno dei creditori che è stata trattata il 2 ottobre, finalmente il 7/10/2013 il Giudice ha autorizzato la Curatela a distribuire le somme del 2° riparto.

 

Finalmente sbloccati ed erogati  i fondi del secondo riparto del nostro

credito al passivo.Alcuni colleghi hanno avuto il bonifico in conto corrente, con disponibilità immediata già il 9 u.s..

Per i colleghi assistiti dagli avv.ti del sindacato, sono state indette delle riunioni ad hoc,per la consegna degli asssegni con i seguenti calendari

 

 

·         il giorno 14 Ottobre 2013 ore 11,00  a Milano c/o Cisl – Milano Via Tadino 23, sala Grandi

 ·         il giorno 15 ottobre 2013 ore 11,00 a Roma c/o CGIL FILT Trasporti – Via Buonarroti, 12 - Sala Fredda

                      ·         il giorno 16 ottobre 2013 ore 11,00 a Cannizzaro   (Ct)  c/o Hotel Baia Verde – Via A. Musco  

 ·         il giorno 17 ottobre 2013 ore 11,00 a Cagliari , Viale Monastir nr 15 c/o Camera del Lavoro CGIL sala 1° piano

___________________________________

 

 

 

 

Comunicazione per gli  

assistiti dell'Avv. Rosanna de Leo:

 Terlizzi (04.10.2013) 

 

Riparto crediti  del FALLIMENTO: come è noto il 2/10 u.s. si è tenuta l'udienza di reclamo  per l'opposizione proposta da un creditore avverso il progetto di riparto; l'udienza è stata aggiornata al 7/10/2013  :

il Giudice  approverà il secondo progetto di riparto
"congelando" la sola posizione  del creditore che ha proposto
opposizione . Ne consegue, come comunicatomi questa mattina dallo studio Pati che l'effettivo pagamento del secondo riparto avverrà entro il mese di ottobre, forse anche entro il 20 . Il pagamento comprenderà anche le quote del Fondo di Tesoreria NON PAGATE dall'INPS .

INDAGINI: da notizie assunte direttamente a Milano la situazione della vicenda penale è la seguente: si stanno ultimando le notifiche all'estero dell'avviso di chiusura indagini ex art. 415 bis c.p.p. .
Seguirà il termine di venti giorni per gli indagati per depositare
memorie difensive e solo dopo  detti passaggi  verrà fissata l'udienza preliminare, presumibilmente  all'inizio del 2014.
Al fine di puntualizzare  alcuni aspetti sia operativi che di merito e di sostanza , la sottoscritta comunica il seguente Calendario d’incontri con i propri assistiti:

 

Grottaminarda  sabato 12/10/2013 alle ore 12.00 presso il Locale "i dolci di Ciotola" in Via Valle ;

 

Roma 29/10/2013 alle ore 11.00  sempre presso il Tribunale Sezione Lavoro in Viale Giulio Cesare -fermata Lepanto della metropolitana.

 

Per gli assistiti di Bari e Provincia e Lecce saranno concordati appuntamenti singoli o a gruppi presso il proprio studio.
Cordiali saluti
Avv.
Rosanna de Leo

 __________________________________

 

Nuova Comunicazione per gli

 

assistiti dell'Avv. Rosanna de Leo:

 Terlizzi (16.09.2013)     
 

In data odierna ho contattato lo Studio Pati per avere aggiornamenti in ordine al pagamento della secondo progetto di riparto ; la risposta è stata la seguente:"  E' stato presentato un solo ricorso in opposizione al  2° progetto di riparto che verrà discusso dinanzi al Tribunale Fallimentare il 2/10/2013. Solo dopo tale udienza  si saprà se il Giudice Delegato autorizzerà il pagamento dei restanti creditori, considerato che l'opposizione riguarda la posizione di UN SINGOLO CREDITORE ,  ovvero se bisognerà attendere l'esito del giudizio di opposizione". Mi è stato riferito che la Curatela ha interesse a sbloccare i pagamenti che sono pronti già da luglio  e agirà in tale senso . La decisione pertanto è  esclusivamente nelle mani del Giudice. 

Ho altresì chiesto se vi fossero aggiornamenti in merito alla fissazione dell'udienza preliminare con riferimento alla vicenda penale,considerato che la Curatela Fallimentare è principale parte offesa per il reato di bancarotta fraudolenta : mi è stato riferito che  ad oggi LA SITUAZIONE E' INVARIATA RISPETTO A LUGLIO. 

A tal riguardo mi permetto di sottolineare che  siamo in linea con le tempistiche processuali e che la scrivente ha operato con urgenza una ricognizione per valutare le adesioni alle iniziative giudiziarie da intraprendere  , come da comunicato inviato a luglio 2013 . I passi successivi saranno tempestivamente comunicati .

 

In ultimo , invito gli  assistiti che non hanno ancora percepito la quota del TFR dal Fondo di Tesoreria INPS  a  contattare il mio studio in quanto  mi sono stati forniti utili chiarimenti a riguardo.

Sarò a Milano il 26 e 27 settembre e preannuncio che al mio rientro convocherò incontri a Bari,Lecce, Grottaminarda e Roma . 

Distinti saluti  

Avv. Rosanna de Leo

 ____________________________________________________

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
CUD  consegnati dalla curatela
 
Si comunica a tutti i colleghi :
i cud utili ai fini della dichiarazione dei redditi sono stati
consegnati agli avvocati che vi assistono  per le
procedure fallimentari.
Questi quindi possono essere richiesti ,ai legali competenti , al fine della dichiarazione dei redditi, c'è tempo fino al 17/07/2013, possono essere trasmessi anche in copia via e-mail. (lì 6.7.2013)
 
_______________________________________________
 
 
Oggi pomeriggio alcuni rappresentanti della Rete hanno incontrato il segretario del PD per sensibilizzarlo sui problemi degli esodati. (24.06.2013)

Questo è il video di Youdem sull'incontro:
Comunicaz.ricevuta da:

Comitato Mobilitati Roma e Napoli
 
_______________________________________________
 
 

Farmaceutica, sotto accusa Pfizer e Marvecs

IL FATTO QUOTIDIANO, ARCHIVIO CARTACEO | 11 giugno 2013
Da Marvecspharma Service a Pfizer Italia, a Simesa: i vertici di multinazionali del farmaco indagati per concorso in bancarotta fraudolenta. Centinaia di dipendenti trattati come scorie. Secondo quanto ci risulta, davanti a giudici del Lavoro di alcune città sono in corso anche cause di ex lavoratori della Pfizer “venduti” alla Marvecs e oggi in mobilità nonché con buchi contributivi per i mancati versamenti della società. L’INDAGINE DELLA PROCURA di Milano e del nucleo tributario della Guardia di Finanza è quella sul fallimento, il 14 gennaio 2011, della Marvecspharma che ha chiuso i battenti con 160 milioni di euro di buco. Sull’orlo del crac, negli ultimi 4 anni la società che aveva ottenuto la licenza ministeriale per l’Eparina e la Folina, ha assunto un migliaio di lavoratori predestinati alla disoccupazione con la complicità, secondo l’accusa, di manager di multinazionali del calibro di Pfizer Italia che ha operato la cessione di rami aziendali pur sapendo che la Marvecs era “con i bilanci in dissesto”. Il vantaggio? Si liberavano del costo di lavoratori e ottimizzavano i profitti. La Marvecs in cambio di queste assunzioni di comodo ha ricevuto a titolo di avviamento negativo (badwill) oltre 100 milioni di euro, non ha versato al fondo di categoria (Informatori Scientifici del Farmaco) le quote di Tfr e neppure le ritenute a titolo di sostituto di imposta per oltre 12 milioni di euro. Inoltre, ha acquistato partecipazioni in società collegate per decine di milioni e pagato consulenze che sembrerebbero finte; distratti alcuni marchi e beni a danno della Marvecs e trasferiti in una società riconducibile ad alcuni degli indagati. Sotto accusa anche gli ex membri del collegio sindacale della Marvecs per omessa vigilanza. Ieri, i pm Luigi Orsi e Gaetano Ruta hanno notificato l’avviso di conclusione indagine a 23 manager. Fra loro Nicola Danzo, ex amministratore della Marvecs, difeso dagli avvocati Luca Lauri e Fabrizio Sardella; Peter Forrester, ex presidente del Cda, Antonio Golini, Alessandro Magliano e Mauro Vacchini, ex componenti del Cda; Silvio Mandelli e Martin Thomas del Cda di Pfizer; Emanuele Bariè, presidente e Ad di Pharmacia Italia; Luigi La Corte, Fausto Massimino, Hans Sijbesma di Simesa. L’ex amministratore di Marvecs Nicola Danzo è indagato anche per possesso di materiale pedopornografico. La Guardia di finanza ha trovato nel suo computer una “ingente quantità” di filmati pornografici con minorenni. Nelle conclusioni dei pm si legge che Nicola Danzo insieme a Forrester, Magliano, Vacchini, Francesco Danzo (di Ellenerre) e Golini “distraevano e comunque dissipavano il patrimonio della società” con diverse operazioni “dolose”. Per esempio il 31 marzo 2008 “alienavano ad Ellenerre il marchio Folina” per 200 mila euro “largamente inferiore al valore di mercato…”. QUANTO ALLA “COMPRAVENDITA” di informatori scientifici, il 4 dicembre 2006 il “Cda di Pfizer autorizzava i consiglieri Thomas e Mandelli ad avviare “trattative” per la cessione di rami aziendali. A febbraio la Marvecs acquistava da Pfizer per “mille euro” la “Linea Powers-CM” e la “Linea Labs-CNS” con 439 lavoratori. In cambio, otteneva un badwill di “60. 900. 000, 00 euro”. Stesso “giochino” con Simesa. Nel 2007 ha versato alla Marvecs una badwill pari a “7. 157. 312 euro” e l’azienda ha scaricato 91 lavoratori. La AstraZenca ha ceduto “3 Area Manager e 11 informatori scientifici” e la Marvecs ha ricevuto un badwill di “1. 226. 477 euro”.
__________________________________
 
Farmatruffa Marvecs e Big Pharma
(ultimissime di oggi 12/06/2013)
 
Farmaceutica: ancora sulla chiusura d’inchiesta per bancarotta.
 
(Il Sole 24 Ore Radiocor) - Milano, 10 giu - Gli altri indagati nell'inchiesta della procura di Milano sul fallimento di Marvecspharma Service sono Peter Alan Forrester, presidente del cda della societa', Alessandro Magliano (consigliere), Antonio Golini (consulente della societa' fallita e consigliere di amministrazione di Marvecs srl), Giorgio Pretti (consulente), Paolo Zambelli (consulente), e i sindaci Francesco Ruggeri, Pasquale Ascione e Nicola De Simone
Secondo quanto riportato nell'avviso di chiusura indagini, Nicola e Francesco Danzo, insieme a Forrester (che nei documenti ufficiali inseriva come residenza il Grand Hotel di Montecarlo), Magliano, Vacchini e Golini "distraevano e dissipavano il patrimonio della societa'" con una serie di operazioni, "alienando a Ellennerre (rappresentata da Francesco Danzo) il marchio Folina per 200mila euro, oltre Iva, largamente inferiore al valore di mercato", oltre a realizzare "tra il 2008 e il 2010 operazioni di alienazione di marchi farmaceutici dalla fallita a Ellennerre e di licenza per la commercializzazione dei relativi prodotti da quest'ultima a Marvacspharma Service che generavano a danno della fallita un pregiudizio patrimoniale pari a 877.201,94 euro", e ancora "trasferivano a favore di Ellennerre la titolarita' del brevetto Pidotimod e dei marchi Rinnova Smile e Folina Gocce senza alcun corrispettivo", oltre a eseguire "tra il 2009 e il 2010 pagamenti a favore di Marvecs per 400mila euro attraverso trasferimenti bancari e per 567.820,65 attraverso compensazioni, privi di qualsiasi giustificazione economica". Gli stessi indagati, sempre secondo il documento firmato dai pm Orsi e Ruta, "cagionavano il fallimento della societa' per effetto di operazioni dolose", omettendo di versare Iva e imposte per decine di milioni di euro, oltre a non aver versato per il periodo 2008-2010 "contributi per 39,8 milioni di euro". Negli stessi anni, infine, "al fine di realizzare un ingiusto profitto e di arrecare pregiudizio ai creditori, falsificavano le scritture contabili e comunque le tenevano in guisa da non consentire la ricostruzione del patrimonio della societa' e del movimento degli affari".
Fonti:

_10062013_1603_379128310.html

 
Una curiosità:
Attualmente il sig. Golini ricopre il ruolo di direttore del personale di Mediolanum:
che ha assorbito isf  di  Sherring Plung, di Gentili, di Neopharmed  ( è la nuova Marvecs  1111 ).
____________________________________________________________
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Farmaceutica: chiusa inchiesta per bancarotta, 23 indagati per il fallimento Marvecs Pharma

http://www.borsaitaliana.it/borsa/notizie/radiocor/economia/dettaglio/nRC_10062013_1200_21

5145230.html

 

(Il Sole 24 Ore Radiocorrriere) ‐ Milano, 10 giugno 2013

Martin Thomas e Silvio Mandelli sono indagati anche per i ruoli ricoperti all'interno di Pharmacia

Italia spa (rispettivamente responsabili dell'area Finanza e dell'area Risorse Umane), societa' del

gruppo Pfizer nel nostro Paese. Insieme a loro e' indagato Emanuele Barie' in qualita' di presidente

e amministratore delegato di Pharmacia Italia.

Per quanto riguarda i consiglieri di Astrazeneca Italia, Hans Sijbesma, Fausto Massimino e Luigi

Felice La Corte, questi sono indagati anche in qualita' di consiglieri di Simesa spa, altra societa'

italiana del gruppo internazionale attivo nel settore farmaceutico.

Secondo l'ipotesi dell'accusa, i manager e i consiglieri delle quattro societa' (Pfizer Italia,

Astrazeneca, Pharmacia Italia e Simesa), in concorso con i responsabili della Marvecspharma

Service srl (societa' dichiarata fallita il 14 gennaio 2011), "dissipavano il patrimonio sociale e

cagionavano il fallimento della Marvecspharma Service dolosamente e comunque per effetto" di

operazioni "dolose" che sono consistite nella "cessione" dalle quattro societa' indicate di rami

d'azienda aventi "a oggetto rapporti con gli informatori scientifici del farmaco" che avevano tutti

"valore patrimoniale negativo tanto da essere acquistati dalla fallita a prezzo simbolico e mediante

l'attribuzione di una somma a titolo di avviamento negativo (cosiddetta badwill)", come si legge

nell'avviso di chiusura indagini.

Inoltre, secondo la procura di Milano, con indagini condotte dai pm Gaetano Ruta e Luigi Orsi,

Marvecspharma Service non aveva "l'autonomia patrimoniale, la capacita' organizzativa e la

strategia di mercato idonee a impiegare produttivamente" i rami d'azienda acquistati, "avendo

peraltro maturato almeno dal 2003 un risultato operativo negativo".

Tali acquisizioni, continuano i magistrati, gravavano "la fallita di oneri debitori verso i lavoratori e

gli enti previdenziali per importi che superavano la sua capacita' patrimoniale e che gli importi

ricevuti a titolo di badwill non potevano fronteggiare".

Fla‐

(RADIOCOR) 10‐06‐13 11:59:57 (0215) 5 NNNN

 

Coinvolti consiglieri Pfizer e Astrazeneca in Italia (Il Sole 24 Ore Radiocor) - Milano, 10 giu - La procura di Milano ha chiuso una inchiesta per bancarotta nel settore farmaceutico. Gli indagati sono 23, tra cui manager e consiglieri di amministrazione delle divisione italiane di multinazionali quali Pfizer e Astrazeneca. Tra le 23 persone che hanno ricevuto l'avviso di chiusura inchiesta, oltre a Nicola Danzo e Francesco Danzo (che nel luglio 2011 erano stati raggiunti da ordinanza di custodia cautelare), a cui erano ricollegabili la Marvecspharma Service srl (la societa' fallita da cui sono scattate le indagini) e la Ellenerre srl ci sono i consiglieri di amministrazione di Pfiser Italia: Per Oluf Olsen, Francesco De Pari, Marco Pacini, Martin Thomas, Maria Pia Ruffilli, Soren Celinder e Silvio Mandelli (gia' direttore Risorse umane della stessa societa'), e i consiglieri di Astrazeneca spa: Hans Sijbesma, Fausto

Massimino e  Luigi Felice La Corte.L'accusa per tutti è di concorso in bancarotta fraudolenta.

_______________  ___________________
 
 
 
Esodati Salvaguardati ?      (1/06/2013) da web master   
 
Continuano ad arivare mail che riportano,nuove circolari Inps,leggi approvate,proposte di leggi in itinere,interviste alla ex ministro
Fornero,unica regista del disastro previdenziale ecc.ecc.
In realtà riportare sul sito il tutto, resta cosa complessa e genera una confusione dove è difficile poi ,riconoscere la propria posizione,di eventuale salvaguardia nel mare magnum di materiale legislativo.
Alla luce di quanto esposto,ci limitiamo a riportare sul sito solo leggi definitive e le relative circolari operative.Consigliamo i colleghi, a rivolgersi ad un buon Patronato per chiedere le dovute delucidazioni e le eventuali operatività.
 
________________________________
_
             Notizie dal tribunale di Milano
                     Relazione del curatore
                  2° riparto crediti al passivo
 In resources trovate i file integrali pdf,nel II riparto dei crediti trovate il vostro
  nome, in tre elenchi separati redatti in data 29/05/2013 dalla curatela.
 
    -2011 9 PROGETTO DI RIPARTO PARZIALE.pdf
    -2011 9 RELAZIONE  SEMESTRALE II SEMESTRE PER I CREDITORI    (1).pdf
 
 __________________________________
 
 
 
 
 COMITATI DEGLI ESODATI INCONTRANO  LA PRESIDENZA DELLA COMMISSIONE LAVORO
 
 
    

Il 16 maggio i rappresentanti della "Rete dei Comitati" hanno incontrato l’ufficio di Presidenza della Commissione Lavoro della Camera dei deputati, allargato a tutti i membri della Commissione.

 

Vi alleghiamo il resoconto dell'incontro e i testi dei nostri interventi, alcuni dei quali sono stati messi agli atti della Commissione.

Stefania

Comitato Mobilitati Roma e Napoli

 
Breve resoconto dell'incontro:
 

L’incontro, di carattere informale, si e’ poi concluso con l’intervento di sintesi di Damiano:

- La commissione Lavoro si impegna per la presentazione e la calendarizzazione di una nuova Proposta di Legge unitaria che tenga conto di tutte le categorie di “Esodati” ed elimini i paletti secondo il principio generale condiviso anche dalla Commissione e sopra esposto;

- Occorrerà affrontare molto seriamente, ed in un confronto serrato tra Commissione e Ministro del Lavoro, la copertura finanziaria, richiamando forte l’impegno preso dal neo Presidente del Consiglio riguardo alla soluzione del problema “”esodati”

- Ha ringraziato la Rete per il confronto ed il contributo ed ha richiesto la disponibilità, subito confermata dai rappresentanti, a proseguire la collaborazione anche con una nuova convocazione in Commissione per una “audizione formale”.

- Ha ribadito la netta distinzione delle platee di soggetti cui sono mirate la norma per la rivisitazione della riforma Fornero (destinata a realizzare maggior gradualità in particolare per i soggetti ancora al lavoro: per una maggior equità e flessibilità d’uscita dal mondo del lavoro, e per tutelare le situazioni successive al 31/12/2011) e la Pdl per l’ampliamento delle salvaguardie previste con lo scopo di assicurare le deroghe a tutti coloro che, avendo perso il lavoro entro il 31/12/2011 oppure avendo in corso accordi individuali o collettivi o sindacali che avrebbero comportato il licenziamento anche successivamente a tale data, avrebbero raggiunto il diritto a pensione con le norme precedenti in un ragionevole lasso di tempo dal momento dell’approvazione della riforma previdenziale Monti-Fornero.

Nuova Comunicazione per gli assistiti della Avv.ssa Rosanna de Leo:
 Terlizzi (10.04.2014)

"Egregi Signori, con un provvedimento destituito di fondamento e, del tutto inaspettato , il GUP di Milano , Dott.ssa Fioretta ha escluso 646 lavoratori ex Marvecspharma Service s.r.l. come  parte civile dalla fase preliminare del processo. Insieme a gran parte dei Colleghi che assistono i lavoratori , abbiamo deciso di tenerci in contatto e di incontrarci nei prossimi giorni a Roma , per un esame approfondito della Ordinanza e per valutare le ulteriori iniziative da intraprendere.Il PM , rammaricato per l'esito del provvedimento, ha rassicurato che si opporrà alla richiesta di rito abbreviato proposto da Pfizer, e che dunque tenterà di arrivare al dibattimento , dove avremo la possibilità di ripresentare le costituzioni dinanzi ad altro Giudice  . Per i miei assistiti : la delusione è stata grande , ma io e la Collega penalista abbiamo deciso di non fermarci. Vi terrò informati nei prossimi giorni attraverso una mail indirizzata a ciascuno di Voi , a seguito dell'auspicabile incontro che terremo a Roma con gli altri nostri Colleghi. Buona giornata a tutti . Terlizzi 10/4/2014 avv. Rosanna de Leo 
__________________

Riportiamo quanto ricevuto da Cgil Lombardia.

Saluti. (24.02.2014)

Camera del Lavoro Metropolitana Milano

 file dell' accordo in Resurces

accordo esodati 12_11_2013.pdf

Carissimi/e di seguito di seguito trovate i requisiti con cui gli esodati della Lombardia possono accedere, grazie all’accordo che abbiamo sottoscritto in Regione che trovate in allegato, prima alla mobilità in deroga e poi alla pensione con i requisiti ante-Fornero.

Occorre dire loro di recarsi presso i nostri patronati Inca e presentare la domanda di mobilità in deroga facendo riferimento all’accordo regionale del 12/11/2013.

Attuamente dobbiamo definire con Regione Lombardia e Inps Regionale le modalità di informazione agli esodati stessi e le procedure applicative dell’accordo.
Con Inca Regionale abbiamo però convenuto, così come stanno facendo Cisl e Uil, di mandare gli esodati che rientrano nei requisiti sottoesposti a fare la domanda di mobilità in deroga. L’Inca ha già allertato l’Inps Regionale.Vi invitiamo pertanto ad allertare il  comitato esodati
presente sul vostro territorio.
Per il dip. MdL e FRS       Per la seg.CGIL

 Annalisa Radice         Fulvia Colombini

Paolo Vieri Bursich

     APPLICAZIONE ACCORDO REGIONALE 

 La Cgil Lombardia ha promosso e fortemente voluto l’accordo sottoscritto in data 12/11/2013, che trovate allegato, con Regione Lombardia e le altre parti sociali, per consentire a una platea di esodati la possibilità di accedere alle norme previdenziali ante-Fornero attraverso un percorso di mobilità in deroga.

La soluzione non riguarda tutti gli esodati perché è vincolata alle risorse della mobilità in deroga gestite da Regione Lombardia e dalla casistica presa in considerazione dal Ministero del Lavoro.
Per poter rendere rendere operativo l’accordo abbiamo dovuto aspettare l’autorizzazione del Ministero del Lavoro per poter includere la platea degli esodati che si sarebbe venuta a creare in Lombardia nella terza salvaguardia prevista a livello nazionale.
Siamo tutt’ora in attesa di definire con Regione Lombardia e con l’Inps Regionale le modalità attuative per il riconoscimento del diritto; modalità che ci auguriamo possano essere definite il più presto possibile.
Le persone che rientrano nei requisiti di seguito riportati, potranno quindi accedere sia alla mobilità in deroga, sia alla pensione con i requisiti pre-Fornero.
Questi i requisiti per poter accedere:
-         far parte della terza salvaguardia dei 10.130 e nella fattispecie devono essere:
o      lavoratori subordinati che hanno cessato il rapporto di lavoro entro il 30/9/2012
o      collocati in mobilità ordinaria a seguito di accordi stipulati entro il 31/12/2011
o      aver presentato alla Direzione Territoriale del Lavoro la domanda di accertamento del diritto alla salvaguardia entro il 25/9/2013
-         essere in mobilità ordinaria alla data del 12/11/2013 e che senza soluzione di continuità maturi il diritto a pensione con le norme ante-Fornero (DL 201/2011) entro il 31/12/2014, durante il periodo di godimento della mobilità in deroga .
Si invitano tutti coloro che rientrano nella casistica sopra specificata a recarsi presso i Patronati Inca Cgil territoriali presso le sedi della Cgil per presentare la domanda di mobilità in deroga.
_____________________ 

 

Nuova Comunicazione per gli assistiti della Avv.ssa Rosanna de Leo:

 Terlizzi (18.02.2014)

Si comunica  che l'incontro a Roma fissato per il 21 FEBBRAIO si terrà alle ore 12.00 presso l'Hote "DONNA LAURA PALACE" Lungotevere delle Armi n. 21 . 

Comunico altresì , a parziale modifica di quanto riferito durante gli incontri di Lecce, Bari, Grottaminarda che sarà necessario raccogliere personalmente le firme degli atti per il processo del 14/3/2014. 
Pertanto comunico le date di  ulteriori incontri, oltre quello di Roma ,  ai quali  necessariamente dovete essere presenti: 
1) Grottaminarda sabato 1/3/2014 alle ore 12.00 presso "i Dolci di Ciotola" Via Valle n. 34;
2) Milano : giovedi 6 marzo alle ore 18.00 presso l'Hotel Cinque Giornate in Piazza delle Cinque Giornate e venerdì 7 marzo alle ore 9.30 presso il "Caffe' Manara" in Via Luciano Manara (Ingresso Tribunale) .
Per gli assistiti della Puglia comunico che  saranno contattati personalmente per concordare gli appuntamenti  in loco;
Per gli assistiti della Sicilia a della Sardegna, comunico che saranno contattati personalmente per organizzare la raccolta delle sottoscrizioni . 
Invito tutti gli interessati che non hanno ancora ufficializzato la propria adesione  a manifestare la propria volontà di adesione ENTRO E NON OLTRE GIOVEDI' 20 Febbraio, in quanto successivamente a tale data non sarò più in grado di provvedere materialmente alla predisposizione degli atti.
Vi prego , considerata l'importanza  della vicenda che, con la maggior parte di Voi , stiamo affrontando da anni, di facilitarmi le ultime operazioni , partecipando personalmente agli incontri da me fissati. 
Colgo l'occasione per salutarVi cordialmente
Avv. Rosanna de Leo
___________________________
Comunicazione per gli assistiti della Avv.ssa Rosanna de Leo:

                Terlizzi (10.02.2014)

Invito tutti gli assistititi  del Centro Italia a partecipare, considerato che in quella sede provvederò a far sottoscrivere gli atti necessari.

 "Egregi, Signori,
il 14 marzo è stata fissata l'udienza preliminare dinanzi al GUP di Milano ,con prosieguo al 21 e 28 marzo 2014 . A tal proposito ,
sto per inviarvi comunicazione mail  individuale con  i dettagli degli aggiornamenti; tuttavia è necessario incontrarci  ed  all'uopo ho stabilito le seguenti riunioni:
-14 Febbraio 2014 ore 10.00 LECCE dinanzi alla sede dei Tribunale del Lavoro;
-14 Febbraio 2014 ore 17.00
BARI presso la sala parrocchiale S. Maria Delle Vittorie in Corso 
Benedetto Croce, angolo Viale Don L. Sturzo;
-15 Febbraio 2014
GROTTAMINARDA , presso "i Dolci di Ciotola" -Via Valle n. 34;
-21 Febbraio 2014 ore 12.00 ROMA dinanzi alla Sede del Tribunale del Lavoro
-ingresso Via Lepanto.
Riguardo la riunione di Roma, invito gli assistiti ivi residenti a proporre una "location"  più adeguata al numero  che sia facilmente raggiungibile per tutti. In mancanza, resta confermato il Tribunale del Lavoro.
Cordialità avv.ssa R.  de Leo

______________________

Esodati e legge di stabilità

 notizia di oggi 24.12.2013

Anche se estendendo la salvaguardia ad altre migliaia di lavoratori,la lista degli esodati salvaguardati ne lascia ancora moltissimi fuori ,ci sono buone speranze

che il Governo Letta abbia

intenzione di proseguire il cammino per estendere il beneficio anche agli esodati sin quì esclusi.

Per saperne di più  clicca

quì

http://www.inps.it/portale/default.aspx?iMenu=1&NewsId=2461&sURL=%2fdocallegati%2fInformazioni%2friforma-pensioni%2fDocuments%2fRiepilogo_salvaguardie_dicembre_2013.pdf

_____________________

Risvolti inquietanti

Dopo tutto quello che è successo in Marvecs la storia si ripete in altre aziende e i protagonisti delle illegalità non solo sono Carte conosciute  ma restano impuniti.

___________________________

Nota informativa sull’incontro della Rete dei Comitati di Esodati” con il Ministro del Lavoro on. Giovannini (1/10/2013)

Il Ministro Giovannini ha apprezzato il dettaglio tecnico puntuale della relazione che gli è stata presentata.
Nell'ambito delle questioni prospettate che si ritiene possano essere risolte con interventi amministrativi, ha assicurato che gli uffici del Ministero opereranno approfondimenti, dei quali darà riscontro.
Con riferimento alla nostra specifica richiesta, il Ministro ha comunicato che è stato predisposto e verrà al più presto firmato e inviato al MEF per la controfirma il decreto per il sostegno al reddito per l'anno 2013, di cui al comma 5 bis, art.12 Legge 122/2010. Abbiamo anche segnalato l'incongruenza del precedente decreto.
Il Ministro ha precisato che la scelta di inserire nel Decreto Legge sull'IMU la nuova platea dei licenziati senza accordo testimonia la volontà politica di non considerare chiusa la partita degli esodati e di proporre al Parlamento un uncino normativo per la possibile definizione strutturale del problema, sempre nel rispetto dei vincoli strettissimi di finanza pubblica.
Il Ministro ha anche ribadito che al momento non ha disponibili stime attendibili sul numero complessivo degli esodati e di conseguenza sulle coperture necessarie.
Su nostra domanda, il Ministro si è dichiarato non contrario alla PDL 727 e ha preso l'impegno di richiedere a organi diversi dai proponenti una valutazione dell'impatto finanziario sia della 727 sia delle PDL collegate.

La delegazione dei Comitati di Esodati in Rete: Elide Alboni, Marta Pirozzi, Salvatore Carpentieri, Francesco Flore, Vincenzo Gnasso, Daniele Martella  e Angelo Moiraghi (Organizzazione Rete dei Comitati)

 

 

 

 

Comunicato della Rete dei Comitati di “Esodati” sul Presidio del 30 settembre a Roma

Facciamo seguito ai precedenti 2 Comunicati sul  presidio del 30 settembre, per informare urgentemente di quanto segue:

1)      Le adesioni ricevute per il presidio sono state in numero di gran lunga superiore al previsto e questo ci conforta circa la condivisione da parte degli interessati delle iniziative che la Rete dei Comitati sta realizzando per ottenere la soluzione del problema dei non salvaguardati. Siamo però costretti a limitare la partecipazione per ragioni di ordine pubblico che la Questura di Roma ci ha rappresentato, motivandole con il fatto che il Ministero del Lavoro è contiguo all’Ambasciata USA (considerata obiettivo sensibile per possibili azioni terroristiche) e concedendo quindi l’autorizzazione al presidio per un numero massimo di 50 persone.

2) Di conseguenza il presidio del 30 settembre (davanti al Ministero del Lavoro a Roma in via Veneto, 56 dalle ore 14) sarà riservato prioritariamente ai colleghi che hanno già acquistato il biglietto di viaggio (treno o aereo),i quali sono pregati urgentemente di contattare il proprio Comitato, in modo che ciascun Coordinatore  possa procedere alla redazione dell’elenco dei suoi partecipanti.

 3)      In tempi brevi (verosimilmente nella prima decade di ottobre) il Ministro Giovannini sarà chiamato in audizione alla Commissione Lavoro della Camera ed è intendimento della Rete dei Comitati programmare per quella data altro presidio. Invitiamo coloro che non potranno partecipare al presidio del 30 settembre di rendersi disponibili per tale ulteriore occasione (attendendo comunque conferma dalla “Rete dei Comitati” sulla fattibilità del presidio  prima di acquistare eventuali biglietti di viaggio).

Ci scusiamo vivamente con tutti i colleghi per i disagi creatisi, sia pure indipendentemente dalla volontà dei Comitati organizzatori e ringraziamo vivamente quanti hanno dato la loro disponibilità e collaborazione in vista di un evento così impegnativo.

Desideriamo anche invitare tutti gli “esodati” a diffidare di chi, a vario titolo e su numerosi forum, gruppi e blog,  diffonde informazioni diverse e fuorvianti che creano solo disorientamento e confusione fra i colleghi, con il rischio di mettere a repentaglio sia l’incolumità delle persone sia la buona riuscita dell’iniziativa.

I Comitati in Rete:

 

COMITATO MOBILITATI ROMA E NAPOLI

COMITATO AUTORIZZATI CONTRIBUTI VOLONTARI

COORDINAMENTO ”MOBILITATI, ESODATI” MILANO

COMITATO MOBILITATI MILANO 

COMITATO LAVORATORI MOBILITA’ LODI

COMITATO DIRIGENTI ESODATI

 COMITATO ESODATI BANCARI

COMITATO “I QUINDICENNI”

COMITATO ESODATI PARMA

GRUPPO DONNE ESMOL (ESODATE MOBILITATE LICENZIATE)

COMITATO LICENZIATI E CESSATI SENZA TUTELE 

COMITATO FONDI DI SOLIDARIETA' di SETTORE FERROVIERI

COMITATO LAVORATORI MOBILITA’ LIVORNO

COMITATO ESONERATI PUBBLICHE AMM.NI

COORDINAMENTO ESODATI ROMANI

________________________

Presidio di tutti gli Esodati d'Italia a Roma il 30/09/2013 ore 13

in  Via Veneto

dinanzi al Ministero del Lavoro

  forse sarà esteso alla mattina ore 10 al MEF o Ragioneria dello Stato  o Parlamento.  saranno diffuse indicazioni a breve - ma tenetevi disponibili

a Roma  il 30-9 sarà ultima occasione

 

è importante che anche tu SALVAGUARDATO ci sia al presidio a Roma il 30 settembre per far sentire la tua solidarietà a chi ha lottato anche per te e per  estendere le SALVAGUARDIE oltre il 6.01.2015 per chi non è salvaguardato  .

Vogliamo organizzare un pullman per Roma il 30 settembre in partenza da Brescia con soste a caselli di Bergamo Milano Lodi Parma Reggio Emilia . 40 euro se siamo in 50 ( 50 euro se siamo in 40)  

Organizzateli  anche voi da altre parti di Italia - da soli o con aiuto dei sindacati se ci riuscite - come da Bari Michele del nostro comitato - vedi sotto Chi vuole  aiutare a organizzare-  anche viaggi i  treno o auto -  mi segnali  il suo nome per telefonare a TUTTI gli esodati della sua zona  e verificare quanti possono venire.  Vi invio elenchi e n di telefono per zona.

Alcuni suggeriscono di continuare il  PRESIDIO anche nei giorni successivi - per questo vi chiedo se alcuni di voi sono disponibili anche un giorno SOLO  ai primi di ottobre - di segnalarmelo.

ciao claudio    COMITATO ESODATI E PRECOCI D’ITALIA     329 4206516     

   0321 927471

Comunicato della “Rete dei Comitati di Esodati”:   

LA “RETE DEI COMITATI DI ESODATI”, IN RISPOSTA ALLA SUA RICHIESTA INVIATA IL 3 Settembre U.S., HA RICEVUTO DALLA SEGRETERIA DEL MINISTRO DEL LAVORO DOTT. GIOVANNINI LA CONVOCAZIONE AD UN INCONTRO CHE SI TERRA’ AL Ministero in via Cavour IL GIORNO 30 SETTEMBRE ALLE ORE  15.   NELL’ATTESA DI AVERE DALLA SEGRETERIA DEL MINISTRO INDICAZIONI PIU’ PRECISE SUL “TAGLIO” CHE DOVRA’ AVERE L’INCONTRO I  COORDINATORI DI TUTTI I COMITATI AFFILIATI ALLA “RETE” STANNO PREDISPONENDO LA DELEGAZIONE CHE PARTECIPERA’ ALL’INCONTRO E LE LINEE GENERALI SU CUI IMPOSTARE L’INCONTRO STESSO. CONSIDERANDO QUANTO SOPRA SI RITIENE OPPORTUNO INDIRE PER IL GIORNO 30 SETTEMBRE ALLE ORE 13 IL PRESIDIO GIA’ IPOTIZZATO PIU’ VOLTE TRA I RESPONSABILI DEI COMITATI IN “RETE” E AUSPICATO DA MOLTI DEGLI INTERNAUTI CHE INTERVENGONO SUI GRUPPI FACEBOOK DEDICATI ALLA QUESTIONE “ESODATI”. SEGUIRANNO A BREVE ULTERIORI NOTIZIE AL RIGUARDO.    

____________________________

 

 Nuova (26.06.2013)Comunicazione per gli assistiti dell'Avv. Rosanna de Leo:

Comunico che incontrerò i miei assistiti e quanti fossero interessati ad avere maggiori informazioni sulle procedure da intentare contro le Big Pharma, coinvolte nella cessione di personale a Marvecs a qualunque titolo,alla luce degli ultimi sviluppi delle indagini  nelle seguenti date:

Grottaminarda ore 12  28/6/2013  presso il locale " I dolci di Ciotola" alla Via Valle n. 32

Terlizzi ore 16.00   2/7/2013
presso il mio studio  alla Via Trav. Acton n. 11/d
Bari ore 18.00   3/7/2013

presso lo studio dell'Avv. Fazzini in alla Via Lucarelli n. 62/d
Roma ore 11.00   9/7/2013   

dinanzi al Tribunale del Lavoro  ingresso Via Lepanto.
Cordiali saluti

Avv. Rosanna de Leo Terlizzi  26/6/2013
___________________________                                                                      
 Comunicazione per gli assistiti dell'Avv. Rosanna de Leo:

Con riferimento alla chiusura delle indagini penali da parte della Procura della Repubblica di Milano nei confronti della Marvecspharma Service s.r.l. e delle "Big Pharma" ,  appare doveroso esprimere soddisfazione per il lavoro  effettuato dalla Procura nell'ambito del procedimento di bancarotta fraudolenta a carico della Marvecspharma Service s.r.l. .
Devo altresì  ringraziare il gruppo dei miei  coraggiosi assistiti che
nel maggio 2011 hanno aderito alla iniziativa    di  sottoscrivere  e
depositare un esposto/denuncia  alla Procura di Milano  nella quale 
sono stati evidenziate le illegittime ed illecite operazioni di cessione di personale operate  dalle Multinazionali  che oggi finalmente risultano  indagate.
Ciò detto, si apre a questo punto un
importante varco per ottenere giustizia sia dinanzi ai Tribunali del
Lavoro che nell'ambito del procedimento penale che sta per avviarsi.
Sarò a Milano il 20 giugno . Al mio rientro Vi comunicherò le date
degli incontri a Bari, Lecce, Grottaminarda e Roma per illustrarVi nel dettaglio le attività  da proseguire.
Un cordiale saluto .
Terlizzi
12/6/2013
Avv. Rosanna de Leo

_______________
Bari 14-15 Giugno

La democrazia sta tornando

Incontro nazionale

VENERDÌ 14 giugno 2013, ore 18.00-21.00
PARCO 2 GIUGNO – Viale Einaudi/Viale della Resistenza
Tavola rotonda: LA DEMOCRAZIA sta tornando

Come si ricostruisce la democrazia in Italia e in Europa? Come ridare senso alla rappresentanza nel tempo del massimo distacco fra società e politica?SABATO 15 GIUGNO 2013 ore 09.30-17.00
Università di Bari, ex Palazzo delle Poste- piazza Cesare Battisti 1
GIORNATA DI LAVORO: LA DEMOCRAZIA respira!ore 9,30 apertura in plenaria Chiara Giunti, Guido Viale e Ugo Matteiore 10-12.45 lavoro in gruppi sui temi:DEMOCRAZIA ED EUROPA
DEMOCRAZIA
E COSTITUZIONE
DEMOCRAZIA CITTADINANZA ATTIVA E RAPPRESENTANZA

Contributi video di: Luciano Gallino,Gaetano Azzariti, Cecilia Strada e Maurizio Landini ore 14-17 ASSEMBLEA PLENARIAprime conclusioni dai gruppi di lavoro con presentazione degli instant report del dibattito dei gruppi della mattina
confronto sulle tappe del percorso e le prossime scadenza
ore 16.30 interventi conclusivi di Guido Viale e Marco Revelli

Come arrivare- dove dormire
Le sedi degli incontri e i luoghi segnalati per dormire
Link
https://maps.google.com/maps/ms?msa=0&msid=201717437124979132052.

0004ddec3eb29cfae66ac

Per eventuali informazioni aggiuntive: Giovanni CARRETTA – 347 786 6191- Solo dopo le 18:00 ************************************************

AUTOFINANZIAMENTO
L’autofinanziamento è l’unica cosa che ci permette di andare avanti quindi sia che veniate o no a Bari, vi chiediamo di darci un contributo, per quanto piccolo.
tramite PayPal
https://www.paypal.com/cgi-bin/webscr?cmd=_s-xclick&hosted_button_id=KG6DPWR4F

6WJE

tramite Bonifico Bancario
Per i bonifici: IBAN: IT67G0501804000000000145864
per bonifici dall’estero è necessario anche il BIC: CCRTIT2T84A
Denominazione/Ragione Sociale (intestazione): ‘ALLEANZA PER IL LAVORO, I BENI COMUNI E L’AMBIENTE-A.L.B.A.’
trovate tutto le info relative all’autofinanziamento a:
http://www.soggettopoliticonuovo.it/

organizziamoci/autofinanziamento/

ALBA-soggetto politico nuovo- Alleanza Lavoro Beni comuni Ambiente
info: www.soggettopoliticonuovo.it

_______________________________

E' stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale il decreto di salvaguardia (vedi al link riportato a seguire) che riguarda anche alcuni lavoratori ex-Marvecs . In esso è riportato infatti che le sue salvaguardie:

si applicano anche ai seguenti

lavoratori che maturano i requisiti per il pensionamento

successivamente al 31 dicembre 2011:

a) ai lavoratori cessati dal rapporto di lavoro entro il 30

settembre 2012 e collocati in mobilità ordinaria o in deroga

a seguito di accordi governativi o non governativi,

stipulitati entro il 31dicembre 2011,e che abbiano perfezionati i requisiti utili al trattamento pensionistico entro il periodo di fruizione dell'indennità di mobilità,di cui all'art.7 commi 1 e 2,della legge 23 luglio 1991.n.223,ovvero durante il periodo di godimento dell'indennità di mobilità in deroga e in ogni caso entro il 31 dicembre 2014.

http://www.gazzettaufficiale.it/atto/serie

_generale/caricaDettaglioAtto/originario?atto.dataPubblicazioneGazzetta=2013-05-28&atto.codiceRedazionale=13A04566&

elenco30giorni=false