luglio 2016






1 luglio 2016 (3 palestinesi e 2 israeliani)

Mohammed Mustafa Habash, 63 anni

Sara Daoud Ata Tarayra, incinta, 27 anni

Hallel Yaffa Ariel, 13 anni

Wail Abu Said, 40 anni

 Sara Daoud Ata Tarayra

http://nena-news.it/cisgiordania-venerdi-di-violenze-uccisi-due-palestinesi-e-un-israeliano/

http://www.infopal.it/hebron-giovane-palestinese-incinta-uccisa-dai-soldati-israeliani/

Venerdì mattina le forze israeliane hanno sparato a una Palestinese, Sara Daoud Ata Tarayra, 27 anni, di Bani Naim, uccidendola. La donna era incinta. Esercito e media israeliani sostengono che la giovane avesse tentato un attacco con il coltello nei pressi della moschea Ibrahimi, nella Città Vecchia di Hebron, ma testimoni oculari hanno confutato tale versione. La versione dei testimoni: una soldatessa aveva ordinato a Sara di seguirla in una stanza per le perquisizioni, ma un altro soldato le ha spruzzato dello spray al peperoncino in faccia e la giovane è scappata. Gli altri militari l’hanno crivellata di colpi, uccidendola, anche se non costituiva minaccia alcuna. La donna proviene dalla stessa cittadina dove giovedì è stato ucciso il ragazzo di 17 anni che ha eseguito l’attacco contro un insediamento israeliano.


13 luglio 2016

Anwar Falah Salaima, 24 anni

http://www.infopal.it/85374-2/

L’autopsia ha stabilito che Anwar Falah Salaima, di 24 anni, ucciso mercoledì 13 luglio dalle forze israeliane a al-Ram, a Gerusalemme, è stato colpito alle spalle con proiettili letali. Il giovane, sposato da due mesi, stava tornando a casa dal lavoro con due colleghi, quando i soldati hanno aperto il fuoco contro l’auto in cui si trovavano i tre, uccidendo Salaima e ferendo alla testa un altro, Mahmoud al-Resheq, 22 anni. Il terzo, Mohammad Tawfiq Nassar, 20 anni, è stato arrestato. La famiglia ha accettato di far eseguire l’autopsia alla condizione che ci fossero medici palestinesi presenti, e dai risultati è emerso che i colpi letali lo hanno raggiunto da dietro. L’avvocato Mohammad Mahmoud del Comitato per i detenuti palestinesi ha dichiarato che non si sa quando Israele restituirà la salma alla famiglia. I soldati israeliani hanno affermato che i Palestinesi avevano tentato di investirli con la loro auto, ma il fatto che li abbiano crivellati di colpi alle spalle smentisce questa versione.

 


13 luglio 2016

Fares Khadr al-Rishq

http://nena-news.it/cisgiordania-esercito-israeliano-uccide-palestinese-a-nord-di-gerusalemme/

Fares Khadr al-Rishq è morto stanotte mentre viaggiava in macchina nella cittadina di al-Ram insieme ad altre due persone (una delle quali è rimasta ferita). Il ministro Lieberman, intanto, ha impedito ad una delegazione israeliana di incontrare alcuni ufficiali palestinesi. Un morto, un ferito e una persona arrestata: è questo il bilancio di una sparatoria compiuta stanotte dall’esercito israeliano nella cittadina di al-Ram (a nord di Gerusalemme) in Cisgiordania. Secondo quanto riferisce il ministero della salute di Ramallah, a perdere la vita è stato il giovane palestinese Fares Khadr al-Rishq del quartiere al-Barid di al-Ram. Come spesso accade, le versioni fornite dai palestinesi e dalle autorità israeliane non coincidono. I primi, infatti, hanno dichiarato all’agenzia palestinese Ma’an che i tre viaggiavano in macchina all’alba inconsapevoli della presenza massiccia in città dei soldati israeliani impegnati in una operazione anti-armi. Nel corso del blitz effettuato nell’area alla ricerca di armi, ha spiegato invece il portavoce militare israeliano, le guardie di frontiera “hanno visto una macchina sfrecciare ad alta velocità contro di loro” e, certi che si trattasse di un nuovo attacco palestinese, hanno aperto il fuoco contro il veicolo su cui Khadr viaggiava insieme ad altre due persone (una di queste è rimasta ferita, l’altra è stata arrestata).  I residenti sostengono che l’automobile è stata colpita a distanza ravvicinata e che le forze militari avrebbero impedito alla Mezzaluna palestinese di soccorrere il ferito che sarebbe poi morto per le ferite riportate.



19 luglio 2016

Brazaah Mostafa, 51 anni

https://www.facebook.com/photo.php?fbid=10208712224876607&set=a.1013423829465.2615.1641127087&type=3&theater


 

19 luglio 2016

Muhye Muhammad Sidqi al-Tabbakhi, 12 anni


http://www.infopal.it/bambino-palestinese-ucciso-dalle-forze-israeliane-con-un-proiettile-nel-cuore/

Martedì sera, un bambino palestinese di 12 anni, Muhye Muhammad Sidqi al-Tabbakhi, è stato ucciso dai soldati israeliani al-Ram, nel nord di Gerusalemme: proiettili di metallo rivestiti di gomma lo hanno colpito al cuore. Il bambino è stato dichiarato morto all’arrivo in ospedale. A al-Ram erano scoppiati scontri tra le forze di occupazione e giovani locali. Alle pietre lanciate dai ragazzi i soldati hanno risposto con proiettili e lacrimogeni.


26 luglio 2016

ragazza palestinese

https://www.facebook.com/photo.php?fbid=10208768128714168&set=a.1013423829465.2615.1641127087&type=3&theater

video https://www.facebook.com/samantha.comizzoli?fref=nf

 


27 luglio 2016

IDF uccide ragazzo palestinese e militare israeliano

https://www.facebook.com/samantha.comizzoli/posts/10208773910898719

 


27 luglio 2016

Mohammed Faqih, 29 anni

http://www.infopal.it/85650-2/

Tra martedì notte e mercoledì all’alba, a Surif, nel nord di Hebron, le forze israeliane hanno bombardato l’abitazione di Mohammad al-Faqih, 29 anni,  uccidendolo. Il giovane era un membro delle brigate del movimento di Hamas, secondo l’agenzia di notizia Quds Press. Altre cinque persone sono rimaste ferite. L’esercito israeliano ha affermato che al-Faqih era responsabile di un mortale attacco del 1° luglio e che le truppe israeliane hanno avuto un scontro a fuoco con l’uomo, dopo averne circondato l’abitazione. Questa è poi stata colpita da diversi missili anti-carro e un bulldozer l’ha poi demolita. Testimoni hanno riferito a Ma’an di aver visto il corpo di al-Faqih nel cestello del bulldozer israeliano dopo averlo estratto dalle macerie della casa. Il ministro della Sanità palestinese ha dichiarato che cinque Palestinesi sono stati feriti da proiettili di metallo rivestiti di gomma durante scontri scoppiati a Surif. Mohamed al-Faqih era accusato dalle autorità israeliane di essere l’autore dell’attacco vicino all’insediamento illegale di Otniel, il 1° luglio, che provocò la morte di un rabbino e il ferimento altri tre. Al-Fakih era un ex-prigioniero che aveva passato cinque anni in un carcere israeliano.

31 luglio 2016

Rami Awartani, 31 anni

https://www.facebook.com/photo.php?fbid=10208805505048553&set=a.1013423829465.2615.1641127087&type=3&theater
Secondo i media israeliani avrebbe cercato di accoltellare un soldato...  un pò difficile, visto che i soldati hanno sparato sull'auto.
















Comments