Statuto

"NUOVO C.D.M.I. - CENTRO DIDATTICO MUSICALE ITALIANO"


ART. 1 - E’ istituito in Castelfidardo il "Nuovo C.D.M.I. - Nuovo Centro Didattico Musicale Italiano", che ha lo scopo di aggregare i cultori della fisarmonica e degli strumenti ad ancia libera, gli insegnanti delle scuole italiane di musica statali e non statali di ogni ordine e grado, con particolare attenzione a quelle private, promuovendo l’aggiornamento della didattica musicale e la ricerca nell’ambito dell’educazione musicale, considerata un bene primario dell’uomo. La sede legale è ubicata presso i locali del Museo Internazionale della Fisarmonica e Centro Studi sulla Fisarmonica, in via Mordini 1 a Castelfidardo.

ART. 2 - Gli insegnanti, gli studenti e i cultori, di qualsiasi strumento o disciplina musicale, così come orchestre, gruppi corali-strumentali ed enti, possono aderire al Nuovo Centro Didattico Musicale Italiano, il quale è apolitico e non è sottoposto a vincoli di carattere commerciale con alcuna azienda produttiva di strumenti musicali e con alcuna casa editrice. L’associazione non ha scopi di lucro e non consente di distribuire, anche in modo indiretto, utili e avanzi di gestione nonché fondi, riserve o capitale, durante la vita associativa.

ART. 3 - Il Nuovo Centro Didattico Musicale, coerentemente ai propri scopi, provvede:

  1. alla divulgazione di materiale di interesse didattico, storico, musicologico e quant'altro utile al perseguimento dei propri scopi, promuovendo anche la pubblicazione di proprie opere;

  2. all’organizzazione di seminari, nonché a promuovere e coordinare tutte quelle manifestazioni didattico - artistiche - culturali che rientrino negli scopi primari dell’associazione, anche in collaborazione con altre associazioni, enti e aziende.

ART. 4 – I Soci del Nuovo Centro Didattico Italiano hanno diritto a ricevere dalla Direzione Generale di Castelfidardo una tessera annua; in caso di opportunità e su richiesta, vengono autorizzati dal Consiglio Direttivo a svolgere attività sociali dislocate sul territorio nazionale, anche istituendo sezioni territoriali, sotto l’egida della associazione stessa. Essi sono tenuti alla coerenza con gli obiettivi statutari ma in ogni caso sono considerati gli unici responsabili dell’andamento artistico, morale e finanziario delle suddette sezioni e attività e non impegnano in alcun modo, con le loro azioni, la Direzione generale di Castelfidardo.

ART. 5 - Soci del Nuovo Centro Didattico Musicale Italiano sono persone fisiche maggiorenni come gli insegnanti, i cultori  e gli studenti di fisarmonica e degli strumenti ad ancia libera, ma anche insegnanti, cultori e studenti di qualsiasi strumento o disciplina musicale, musicologi e, attraverso un delegato, gruppi corali-strumentali, orchestrali, orchestre, scuole, enti e associazioni, che risultino in regola con la quota minima di iscrizione, stabilita annualmente dal Consiglio Direttivo.

ART. 6 -  Le notizie inerenti alla attività della associazione verranno rese note attraverso il web.

ART. 7 – La iscrizione al Nuovo Centro Didattico Musicale in qualità di socio può essere richiesta compilando l'apposito modulo; a seguito della accettazione da parte del Consiglio Direttivo,  l'iscrizione si perfeziona con il versamento della quota minima sociale entro un mese dalla accettazione stessa.

ART. 8  Il funzionamento dell’associazione potrà essere inoltre disciplinato da un regolamento interno compilato dal Consiglio Direttivo ed approvato dalla Assemblea dei soci a maggioranza.

ART. 9  Sono organi del Nuovo Centro Didattico:

  1. L’Assemblea Generale dei soci

  2. Il Consiglio Direttivo

  3. I Referenti territoriali (facoltativi)

ART. 10   Le assemblee dei soci sono ordinarie e straordinarie. Esse deliberano su tutto quanto concerne la vita e gli scopi del Nuovo Centro Didattico Musicale Italiano.

L’Assemblea Generale ordinaria viene convocata almeno una volta l’anno dal Consiglio Direttivo per l’approvazione del Bilancio e per la nomina delle cariche sociali. Ogni socio può farsi rappresentare da un altro socio tramite delega scritta. Ogni socio non può rappresentare più di due soci. Il socio presente all’Assemblea ha diritto di rappresentanza e voto per se stesso e massimo un delegato. È ammesso il voto per corrispondenza, anche con mezzi informatici, come previsto dall’art. 2532, ultimo comma, del Codice Civile.
L’Assemblea straordinaria viene convocata su proposta del Consiglio Direttivo o su richiesta di  un terzo dei soci. Entrambe le assemblee deliberano a maggioranza (la metà più uno dei votanti).

ART. 11  Il Consiglio direttivo è composto da 5 soci eletti dalla Assemblea Generale. I componenti il Consiglio direttivo rimangono in carica tre anni e sono rieleggibili. Essi eleggono fra loro un Presidente ed un vice-presidente. Il Consiglio direttivo ha la facoltà di nominare un segretario generale ed un responsabile economico (tesoriere), che possono anche essere esterni alla struttura. Il Consiglio Direttivo inoltre può nominare: un "Comitato artistico", costituito da musicisti di chiara fama che possano sostenere gli obiettivi e le attività dell’associazione. E’ facoltà del Consiglio direttivo nominare varie e specifiche commissioni, con relativo "responsabile", così come dei referenti territoriali, per il più efficace perseguimento dei propri obiettivi.

ART. 12  Il Nuovo Centro Didattico Musicale Italiano potrà sciogliersi per volontà e deliberazione della Assemblea Generale, con la maggioranza dei due terzi dei voti. In questo caso verranno nominati i liquidatori. Il residuo netto che dovesse eventualmente rilevarsi (patrimonio sociale netto) verrà devoluto, a scopi benefici, ad Enti aventi finalità analoghe al costituito Nuovo Centro Didattico Musicale Italiano.

                                                                                                                                                   Castelfidardo, 24 settembre 2016