BISACQUINO ~ PAGE 2 - FRIENDS & OTHERS

               
"A new multifaceted business of books, travels, family history and Sicilian tours as never seen . . . ."
Andrew J. Montalbano, Author / Publisher
 
 
 
 
 
NEW WRITERS' INK PUBLISHING COMPANY
3727 N. I-10 Service Road, West ~ Metairie, LA  70002-7030  USA
Telephone: 504.455-4337 / FAX: 504.888.8315
skype: Andrew J. Montalbano
 
  
     
Sunset 2010
  ©2010   
 
 
 
  
 
 
~ INDEX ~
 
WELCOME TO BISACQUINO
Continues - Pictures
"CIAO BISACQUINO" - August 2010
SUNSET (TRAMONTO) OVER BISACQUINO
FAMILY & FRIENDS 
GIOACHINO MONTALBANO ENGLISH AWARD
REPRINT OF THE 2009 GIOACHINO MONTALBANO ENGLISH AWARD ARTICLE AND PHOTO
ITALIAN AMERICAN DIGEST ARTICLES
VALLE DEL SOSIO
OTHER RESTAURANTS
OTHER BUSINESS
 MUSIC - ITALIAN RADIO STATION
 
 
 
 
Options
~ BISACQUINO, SICILY ~
 "center of the universe"
 
 
 PAGE 2
 
 
Satellite picture of Sicily
  
 
 
 
   
 
 
Sicily
Sicily
 
 
Palermo Province 
 
 
Bisacquino - Stemma 
 Stemma di Bisacquino
  
Busekuin ~ Busacchinu ~ Busacquino ~ Bisacquino
In Latin, Bisachinum, and in Sicilian dialect, Bisacchinu, is a town of Saracenic orgins: Busekuin from Bu - much, and Sekuin - water.
 
"Nobilis Universitas" 
 
Thumbnail for version as of 12:12, 14 June 2009
 
 
     cc0000.gif
 
 
 
 Options
WELCOME TO BISACQUINO
"Benvenuti!"
  
 
 
 
 
 
Bisacquino, Sicily
(Located below Mt. Triona)  
 
 
  
 Looking up at Bisacquino from the bottom of Mt.Triona
 
 
 
 "ANDREA"
WELCOMES YOU TO BISACQUINO
2009
 
"Tutti benvenuti!"
 
A VIEW OF BISACQUINO FROM ATOP MT. TRIONA
©2009
 
 Options
    
Various Panoramas of Bisacquino
 
    
The Rooftops
 
 
 Other side of the city
 
 
Panoramica di Bisacquino
PIAZZA TRIONA
(The Main Square)
 
Options
 
Bisacquino (Sicilian: Busacchinu) is a town and comune in the Province of Palermo in Sicily, Italy.  It is located 82 km from Agrigento and currently has approximately 5,215 inhabitants.  The small town rises on an inner hill zone and is 663 metres above sea-level. The economy is based on agriculture and products are sold in abundance in the main town including cereals, olives, vegetables, almonds, hazel nuts and wine-grapes.  Sheep breeding is also active in Bisacquino. The name Bisacquino derives from an Arabic farm house "Busackuin" meaning "rich in waters."  In the 12th century it was owned by local lords until 1778 when it became a property of the archbishop from Monreale.  The Sanctuary of the Madonna of the Balzo near Mount Triona was erected in 1678. The main church is the Cathedral Church of Bisacquino which is dedicated to John the Baptist.  It was built in 1713.  The Italian-American film director Frank Capra was born in Bisacquino.
 
 
Italia  In Italiano, Bisacquino (Busacchinu in siciliano) è un comune di 5.220 abitanti in provincia di Palermo. Geografia: Bisacquino si trova all'interno della Sicilia occidentale, quasi all'estremo lembo meridionale della provincia di Palermo. È facilmente raggiungibile da Palermo e Sciacca alle quali è ben collegata con le due strade panoramiche ss 188/c e ss 189/c e da cui dista rispettivamente 75 e 57 km. Aggrappata alle falde del monte Triona, (massiccio calcareo compatto del Trias), alto m 1.215, conta circa 5.200 abitanti e si eleva di ben 655 m circa s.l.m.  Personalità: A Bisacquino nacque, il 18 maggio 1897, il regista italo-americano Frank Capra.
 
  
 
 Bisacquino è una località della Sicilia centroccidentale, in provincia di Palermo. È situato su uno sperone del monte Barracú, vicino alle sorgenti del fiume Verdura, a sud del capoluogo. Fondata prima del Mille dai saraceni,con il nome di Buseckuin, nel 1183 divenne feudo del vescovo di Monreale, per grazia del re normanno Guglielmo II il Buono, rimanendo possesso della Cattedrale fino a 1778. Il nucleo storico conserva i vicoli e le stradine sormontate spesso da piccoli archi; nella settecentesca Cattedrale si trovano pregevoli opere di artigianato locale. Vi sono inoltre molti monumenti interessanti, nei dintorni, sono il Santuario della Madonna del Balzo, del XVII secolo, posto su una parete del monte Triona; e il monastero di Santa Maria del Bosco, del XVI-XVII secolo, nella cui chiesa (con pianta a croce latina) è conservata la tomba di Eleonora d'Aragona. Le attività prevalenti sono quelle tradizionali: agricoltura, artigianato, piccolo commercio. Sono un abitante di questo paese e queste sono solo alcune notizie che potete trovare nel mio sito, inoltre sarà sempre tenuto aggiornato con le foto del carnevale e del 3 Maggio bisacquinese, e con i risultati del calcetto estivo, per questo vi invito a iscivervi alle news e visitalo ogni qualvolta aggiorneró il sito.
 
 
 
 
 
 
 
20-21-22 August 2010
Targa riconoscimenti
 

 "CIAO BISACQUINO!"

Ciao Bisacquino - Edizione 2010
 
Click on Link: http://www.bisacquinofestivalsetpremiofrankcapra.com/#  - then hit the "Ciao Bisacquino!" video
 
 Surprise!
 
 
 
 
 Second Year
 
FRANK CAPRA FILM FESTIVAL
 
19, 20, 21 August 2011
 
 
 
 Italia
 

 
 
 
 SUNSET (TRAMONTO) OVER BISACQUINO
©2009
 
  Since the year 2000, I have lived in Bisacquino every summer.  
This is my 12th year being a Bisacquinese.
 
While there, you can reach me by calling, e-mail or Skype:
 
Montalbano, Andrea
90032 Bisacquino (PA), Italy
(011-39-codes from the USA) + Italian Cell phone: 339-784-8916
or 
 
or
 
Skype Address:  Andrew J. Montalbano
    
 
 Italia
 
 
  
 ff0000.gif
 
 Options 
FAMILY & FRIENDS 
      
   
      
 Federica Montalbano Angelo Milazzo Lina Milazzo Angelo Milazzo Giangregorio Milazzo Roberto Colca
Rosario Gannuscio  Antonina Di Maria   Margherita Marsolo  Rosario Gannuscio Rosario Gannuscio Maria Rosaria Di Giorgio Frittola Salvatore
 
 Cinzia La Russa Marianna Rotolo Giusy Nicolosi Vincenzo Di Leonardo Vincenzo Nicolosi Saverio Nicolosi
 
Vita Sicola Lucrezia Rumore Calogero Romano Rossella Gannuscio Vincenzo Tortomasi Fabrizio Oddo Fabrizio Oddo
Angelo Alfano Dino Zito  Gino Campisi Marianna Rotolo Giuseppe Pietramale   Ninì Scibetta Rizzo
 
Gaetano SpataforaNicola Alesci Alesci Nicola Gioacchino Oddo
 
Meet seven year old Flavio Gannuscio, my little friend, on YouTube:
 
Thumbnail
 
 
 
ffcc00.gif
 
 
 
 
MUSICA
 CARMEN D'AMORE
Poggioreale
 
 
 ffcc00.gif
 
 
 in the USA Antonina Montalbano Wooten Charles Monzella Anthony Graffeo Lina Zito Seeliger Fran Zito Palumbo Clelia Falconeri Zito Craig Leydecker
 
 
 ffcc00.gif
 
 
Options
Friends in Palermo
 
    Photo of Giuseppe Montalbano 
    
 
 
 
Giuseppe Montalbano
 
 
 
 
Giuseppe's grandfather (on right) leaving Italy in 1907 aboard the SS Bulgaria.
 
Giuseppe Montalbano
"joeguitar"
Palermo
 
 
 
 ffcc00.gif
 
 
OTHER FRIENDS DEVOTED TO BISACQUINO 
(Visit their websites, too.)
 
 
 Anteprima immagine  Tramonto al Calvario by Biagio Miniera.  
Biagio Miniera
Germany
 
Check out his websites and pictures in Bisacquino nel Cuore.
 
  
 
 
Saverio Di Vincenti 
 
Saverio DiVincenti
Bisacquino
 
 
 
 
 
 
 
 
 
A friend, Sig. Russo, in Bisacquino recently died. 
He was the nice, old gentleman who sold the religious articles and souvenirs at the religious store
next to St. Maria del Balzo.  He always opened the store after the 5 P.M. Vigil Mass. 
 
I was informed that he had gone to the mainland of Italy to have an eye operation,
and the next day after the operation, he passed away from a heart attack. 
 
My favorite story about him was that he seem to think I had a store in the U.S. that sold those
souvenir items he had since I would buy so much from him. 
He would say: "You already bought those last week . . . you must have a store in America. 
And I would tell him "No, I don't."   And then we would both laugh . . .
 
 
Rest in Peace, my friend!
 
 
 
  Italia
 
 
   
 ff0000.gif
 
 
 Options
     GIOACHINO MONTALBANO ENGLISH AWARD
 
BISACQUINO SICILY
 
   
©2008
 
 
~ CITATION ~
 
GIOACHINO MONTALBANO
Born: July 18, 1900 ~ Bisacquino, Sicily
Died: March 8, 1976 ~ New Orleans, LA  USA
 
Gioachino Montalbano, a native of Bisacquino, immigrated to
the United States of America in 1922.  Two years later he married
the beautiful Josephine Latino, and together they had eight children.
 
On his own Gioachino Montalbano learned to speak, read and write the English language.
Being a very loyal and proud man, he never stopped speaking his native Sicilian or talking about his beloved town of Bisacquino.
 
Gioachino Montalbano became an expert shoe repairman and a successful businessman.
Never to return to his beloved native land of Sicily, he died in America.
But three of his children and three of his grandchildren returned,
and now they know why he loved his land so much.
 
Therefore, in his honor, and with much pride, his family presents the 
Gioachino Montalbano English Award 
to
 
~Awardee~
 
for outstanding academic achievement and understanding
of the English language in Bisacquino, Sicily.
 
May you achieve all the success you desire
as did Gioachino Montalbano,
a man who never forgot his fellow Bisacquineses.
 
 
THE GIOACHINO MONTALBANO FAMILY
 
 
 
 
Options 
  Every year since 2001, this award, in honor of my father, Gioachino Montalbano, is presented to two worthy students for outstanding academic
achievement and understanding of the English language in Bisacquino, Sicily.  Each student receives a plaque, certificate,
picture of Gioachino Montalbano in his Italian military uniform and a money stipend.
 
 
 ~ AWARD RECIPIENTS ~
 
 
2001
Ester Ferina (Bisacquino)
Rosa Abbate (Contessa Entellina)
 
2002
Teresa D'Anna (Bisacquino)
Marianna Guarino
Marianna Guarino (Bisacquino)
Maria Montalbano (Roccamena)
Loredana Nieli (Corleone)
Teresa Tamburello (Contessa Entellina)
Oriella Venezia
Oriella Venezia (Bisacquino)
Massimo Mancuso (Corleone)
Bernardo Nuccio (Corleone)
 
2003
Valentina ChiarelliLucrezia Rumore
Valentina Chiarelli (Bisacquino) - on  left
Lucrezia Rumore (Bisacquino)
 
2004
Valentina ChiarelliLucrezia Rumore
Valentina Chiarelli (Bisacquino) - on left
Lucrezia Rumore (Bisacquino)
 
2005
Maria Luisa Cusumano (Contessa Entellina)
Vincenza Erika LaRussa (Bisacquino)
Erika La Russa
 
2006
Maria Lala (Contessa Entellina)
Marilena Marino (Bisacquino)
 
2007
Erika La Russa
Vincenza Erika LaRussa (Bisacquino)
Maria Luisa Cusumano (Contessa Entellina)
 
2008
Valentina Trifiro (Corleone)
Anna Maria Varca (Bisacquino) 
©2008 Gino Campisi
 
 2009
Antonino Ventimiglia (Bisacquino)
Chiara Lucia (Bisacquino) 
©2009 Gino Campisi
 
 
 
2010
 
 
 
Chiara Lucia (Bisacquino)
Saverio Mirisola (Campofiorito)
  
 
 
 
2011
 
 
 
Nicoletta Morello (Corleone)
Giuseppe Caldarera (Bisacquino)
 
 
 
 
 
Istituto Don C. Di Vincenti         Don Calogero DiVincenti
 
Istituto Superiore "Don C. DiVincenti" di Bisacquino (PA)
 
 
 
  

   
 
 
 
REPRINT OF THE 2011 GIOACHINO MONTALBANO ENGLISH AWARD ARTICLE AND PHOTO
 
Città Nuove Corleone
 
sabato 25 giugno 2011
 
 
 
Italia  Anche quest’anno il giorno 17 giugno scorso, presso l’istituto superiore Di Vincenti di Bisacquino, alla presenza del preside prof. Biagio Bonanno e del pubblico intervenuto, si è tenuta la premiazione del “11° GIOACHINO MONTALBANO ENGLISH AWARD”, che prevede il riconoscimento per gli alunni che si sono particolarmente distinti nello studio della lingua inglese. I vincitori sono: 1 classificata Nicoletta Morello di Corleone, 2° classificato Giuseppe Caldarera di Bisacquino.
 
Nella foto da destra : Nicoletta Morello, Andrea Montalbano (figlio di Gioachino), Giuseppe Caldarera e Gene Cataldo.
 
 
 
 
~~~~
 
 
2009 GIOACHINO MONTALBANO ENGLISH AWARD ARTICLE AND PHOTO
 
 Città Nuove Corleone
 
mercoledì 24 giugno 2009

Bisacquino. E' stato assegnato il premio "Gioachino Montalbano English Award"

Italia  Anche quest'anno, presso l’Istituto Secondario Superiore di Bisacquino, si è svolta la manifestazione di consegna del 9° premio “Gioachino Montalbano English Award” anno 2009 agli studenti che si sono maggiormente distinti nello studio della lingua inglese. Andrea Montalbano, istitutore del premio insieme alla propria famiglia, alla presenza del preside dell’Istituto prof. Bonanno e degli insegnanti d’inglese prof. Mulè e prof. Cacciabaudo, oltre al numeroso pubblico intervenuto, ha consegnato i seguenti premi consistenti in targhe e premi in denaro: 1° PREMIO – ANTONINO VENTIMIGLIA di Bisacquino; 2° PREMIO – CHIARA LUCIA di Bisacquino.

Nella foto (Gino Campisi), da sinistra: il prof. Cacciabaudo, il preside Bonanno, Antonino Ventimiglia, Chiara Lucia, Andrea Montalbano e il prof. Mulè.
 
 
 
 
 
 
 
 
 little sun
  
 
JUNE 25, 2009 
(Reprint of a front cover of the Giornale di Sicilia,
but not on that particular day.)
 
Giornale di Sicilia frontpage.jpg
 
 
 
 
 
 
 
 
Official Photographer
Gino Campisi
Bisacquino, Sicily
 
Gino Campisi
 
 grapes icon
 
  Award Plaques are made by MTM Recognition Systems.
Oklahoma City, OK 
Carl Bonura
River Ridge, Louisiana
 
 
  
 
 
  Italia
 
 
  
 ff0000.gif
 
 
Options
 ITALIAN AMERICAN DIGEST ARTICLES
  

VIAGGI IN SICILIA
 

 
Thumbnail for version as of 12:12, 14 June 2009 
 
 
 
 March 2011, Spring Issue
VOL. 38, NO. 1 
 

REVISITS

TO FAVORITE PLACES IN SICILY

 

Welcome Pietro & Pina Bertucci of Ustica!

They are currently visiting in the United States and will be here until April. Pietro and Pina, have a wonderful visit,

and hopefully, you will get to see all of your relatives and friends here.

 

             Speaking of Ustica, I had another chance to visit that beautiful, little island off the coast of Sicily, north of Palermo. It takes over an hour to get there by hydrofoil (aliscafo). This last summer we rented Nuzzo Vitole & Bartala Guiffia’s rental house which was comfortable for all of us - the DiMarco’s, my great-nephew, Matthew, and myself. Pietro Bertucci was our guide for the two days and one night we stayed. The next morning before we left we took a small boat ride to view the water grottos with Peppe and his eight year old great-niece, Gada, as our driver and guides. In the grottos, the water is crystal clear, and you can actually see the volcanic action that occurred millions of years ago when this small island was formed out of the sea. What a great experience!

PICTURES

Also, during the summer I had planned to take my great-nephew to Eraclea Minoa, otherwise known to me as "Caulk Mountain." The place is very interesting. There is an ancient amphitheater in ruins as well as a new museum to explain it all and to display some of the artifacts found in that locality. But what interest me the most, surprisingly, is the white, caulk mountains that are there. The earth is stark white like snow. Being a rock hound, I went crazy trying to collect samples to take home with me. But I noticed some spiders and their huge webs they had spun so I had to be careful not to get entangled in any of them. Auito! (Help!)  Below this area is a beautiful beach that stretches for miles. What a fantastic sight to see!

PICTURE

Note: If you want to read more about my past, exciting adventures throughout Sicily, order directly a copy of my book, We’re All Made Out Of The Same Pasta!" Call (504) 455-4337 for details. Also, you can now go to my new internet website and see everything you want to ever know about the town of Bisacquino and the Island of Sicily - www.newwritersink.net.

 

 

little sun

 
 
 December 2010, Winter Issue
VOL. 37, NO. 4 
 

SICILY ~ SICILIA

The Estate (Summer) of 2010 Continues . . . .

As everyone knows by now, Bisacquino, Sicily, the "Center of the Universe," is my favorite place to write about during my summer visits there. But Sicily has other places that are interesting to see. In the Summer 2010, I went on a few new adventures . . . .

     After we dropped the DiMarco’s off at the Palermo airport for their continued holiday on a cruise that departed from Venice, my great-nephew, Matthew "Matteo," Graham and I drove along the northern coast to S. Stefano di Camastra (a wall-to-wall ceramic city), Tyndaris (revisited the beautiful and huge cathedral and saw for the first time the ancient ruins also there) and then on to Montalbano Elicona to see my friends, Vincenzo Santalucia and Enzo Ruggeri. We stayed overnight in a rented house all for ourselves close to the famous castle King Federico II (d’Aragona) built.

    The next morning we drove on to a new place of interest - Gola dell Alcantara. If you like Mother Nature, you will love this area of Sicily. Long, long ago a river forged a narrow gorge/canyon between the rock. The beauty of nature surrounds the entire area. You can view it all from atop via the nature path or go directly to the very bottom where you can go to a small beach area to splash in ankle deep water. All of it is beautifully impressive! And easy to locate.

    We then continued our travels to Taormina (which became Matteo’s favorite place in Sicily). We checked in at my friends, Nicola & Patricia Santamaria’s new place - Joan’s Heritage B&B - located right pass the old Porta Messina gate. For two days, we basked in the warm sun on the beach at Isola Bella one morning, and in the afternoon, we stood atop the mighty Mt. Etna. It was great!

   Then we headed south to Siracusa to see the sights there. Also, we visited for the first time - the new, modernistic cathedral - Madonna delle Lacrime (Our Lady of Tears). Indeed, its history is interesting. During the 1950's an image of Mary cried for a few days. Years later this cathedral was built to house the venerated icon. Pope John Paul II also visited it. It was absolutely something to see.

   The last day back to Bisacquino, we traveled the whole day going through Enna and Caltanissetta, with a stop in Agrigento to see the Greek temples. Then following the southern coastal road, turning north and by-passing Ribera, Burgio, San Carlo, Chiusa S. and finally, we arrived back in Bisacquino. I was one tired Siciliano at the end of the day! But it was all worth it, when the nipote (nephew) smiled with a wide grin. It was his trip of a life time!

Note: If you want to read more about my past, exciting adventures throughout Sicily, order directly a copy of my book, We’re All Made Out Of The Same Pasta!" Call (504) 455-4337 for details. Also, you can now go to my new internet website and see everything you want to ever know about the town of Bisacquino and the Island of Sicily - www.newwritersink.net. Enjoy!

 
 

 little sun

 October 2010, Fall Issue
VOL. 37, NO. 3 
 
 What A Marvelous Summer!

Una Estate Meraviglioso!

After arriving back from the summer (my eleventh year living in Bisacquino), I usually go through the ordeal of jet lag. Trying to get days and nights turned around at my age now is no easy matter. But it was a great summer - just too fast as far as I’m concerned! This year I had a BMW (pronounced BMVu in Italian) to drive around Sicily, and I was very happy with this rental car’s performance. Now if they were only cheaper to buy in the USA . . . .

Friends and relatives continued to visit while I was there. My great-nephew, Matthew "Matteo" Graham, had a marvelous time making new friends, discovering his family roots, and seeing all of Sicily for three weeks. And I throughly enjoyed his visit. I’m sure he will never forget it as long as he lives....

Again, for the third year in a row, Angelo & Anastasia DiMarco visited Bisacquino. They learned to love this part of the world so they received the "Big Cannoli Award" on this occasion.

In early June, I was invited and attend Danielle LoVoi’s First Communion. I must say it was better than Christmas for this kid . . . from his family, he received a wrist watch, a cell phone, a digital camera, a flat screen television and an electric piano from his grandfather. I gave him a small gold cross. (Italy sure does have its own modern customs!)

After a short break, Joe "Peppe Gelato" & Sue Cacibauda (Joe is formerly of New Orleans and they now live in Reno, NV.) stayed at Il Ciliegio, the B&B in Chiusa S. Unfortunately, Sue had a kidney stone attack, and we wound up in the emergency room at the Corleone hospital for six hours. Found out their services were all free! She quickly recovered and the touring continued. Caroline Plaia "Don’t we just love him!" Aufdemorte came in between so the four of us traveled around together. It was super fun! ("Andrea, couldn’t you have found a better road to get to your house. Carolina, this is the only road to it!!!)

We were suppose to get together with Angela Diaz and company who were traveling through the area. But not like we did . . . at lunch at Casale Burgio Resort restaurant in Palazzo Adriano. What an surprise encounter it was! We were sitting near each other and didn’t even know it at first. What a good time we had afterwards at the home of Pino and Nicetta C. LoVoi in Contessa Entellina.

Before I returned, I discovered a few other towns (for future articles). I also visited friends, Pietro & Enza Cristiano at their home in San Cipirello and celebrated their youngest daughter, Vittoria, 21st birthday. I saw their entire growing family; their two grandsons sure are energetic handfuls!

This summer just zoomed by - I can’t believe I’m back to await another nine months before I return. Ciao...ciao!

Note: If you want to read more about my past, exciting adventures throughout Sicily, order directly a copy of my book, We’re All Made Out Of The Same Pasta!" Call (504) 455-4337 for details. Also, you can now go to my new internet website and see everything you want to ever know about the town of Bisacquino and the Island of Sicily - www.newwritersink.net.

Pictures

#1.

 Gioachino Montalbano English Awards 2010

L to R: Carolina Plaia Aufdemorte, Vito Tallarita, Gino Campisi, Saverio Mirisola, Chiara Lucia, Basilio LoPresti, Giuseppa Caronna, mother of Chiara, Giuseppe Mirisola, father of Saverio and Andrew J. Montalbano.

#2.

Meeting Mayor Dr. Filippo Cortorno of Bisacquino

L to R: Matthew Graham, Dr. Filippo Contorno, Anastasia & Angelo DiMarco

and Andrew J. Montalbano

 #3

The Whole Group

L to R: Angela & Jeff Diaz, Mary Jo, Nicette Cusumano, Celeste, Pino LoVoi, Sue & Joe "Peppe Gelato" and

Carolina Plaia Aufdemorte, Danielle and Critisan Joe LoVoi and Giuseppe Cusumano

#4

Joe "Peppe Gelato" & Sue Cacibauda in front of the Bisacquino city sign.
 

 little sun

July 2010, Summer Issue

VOL. 37, NO. 2 
 

ANOTHER GENERATION RETURNS TO SICILY

Again, I’m living in Bisacquino this summer - my 11th year in a row.  But this year it’s little more significant.

 

Picture

 BISACQUINO, SICILY

Bisacquino, population over 5,000 people today, still sits below Mt. Triona with St. Maria del Balzo, the church perched on its side, to welcome you to this little, ancient town in western Sicily. Currently, Dr. Filippo Contorno serves as its mayor. This Sicilian town displays a very tranquil attitude, as most do. . . and the city continues to grow.

What’s significant this year? After 88 years, Matthew B. Graham, the great-grandson of Gioachino Montalbano, visited the family heritage town of Bisacquino, Sicily, for the first time. His proud great-uncle, Zio Andrea, was his guide. What a joy!

Within a few days of his graduation from the University of Alabama in Tuscaloosa, Alabama, with a B.A. Degree in English, Matthew flew off from Atlanta to New York City (JFK) to start the voyage of his lifetime. From there he connected to a flight to Palermo via Rome. Arriving the next morning, the sightseeing began. We traveled over to Mondello, the resort beach area right next to Palermo, for a delicious seafood lunch. Pasta con vongole never tasted so good.

The next day his personal Bisacquino tour began. Matthew was introduced to the present day relatives - the D’Amore Family (the only family that remains today; the rest immigrated to the USA and presently live in Louisiana, California and Alabama.) Also, he was introduced to friends, Sigs. Tallarita and LoPresti. Then we toured the neighborhood and saw the house where his great-grandfather, Gioachino, was born. Later, we visited the area where Gioachino grew up 110 years ago on a ranch next to St. Maria del Bosco, on the other side of the valley. What an exciting moment!

During his three weeks stay in Sicily, Matthew practically saw everything there is to see in Sicily, including an overnight stay on the smaller island of Ustica and in the namesake city of Montalbano Elicona. Particularly, he visited Palermo, Castellammare del Golfo, Scopello, Segesta, and Cefalu on the North; Taormina, Catania, Syracusa and Mt. Etna on the East; Agrigento, Sciacca, Selinunte, Castelvetrano, Menfi and Sambuca in the South; Marsala, Trapani and Erice in the West; and Poggioreale, Gibellina, St. Margherita di Belice, San Cipirello, Giuliana, Chiusa Sclafani, Corleone and Prizzi in the middle of the western area close to Bisacquino. "I never thought I would ever go to Sicily, but it was a great experience for me. I didn’t want to come back home; it was so wonderful," exclaims Matthew on all his Sicilian adventures. "I know I definitely will go back. This was a great graduation gift. Thanks to all in my family who contributed. I will never forget it." Gioachino Montalbano would have been proud to know another generation visited his hometown. His buttons would have popped . . . for sure! "That’sa my boy!" he would have also added.

Note: If you want to read more about my past, exciting adventures throughout Sicily, order directly a copy of my book, We’re All Made Out Of The Same Pasta!" Call (504) 455-4337 for details. Also, you can now go to my new internet website and see everything you want to ever know about the town of Bisacquino and the Island of Sicily - www.newwritersink.net. 

 

 
 
 little sun
 
March 2010, Spring Issue
VOL. 37, NO. 1 
 

LUIGI PIRANDELLO’S HOUSE

Museum / Library / Grave Site

After all these years of traveling throughout Sicily, I finally made it to the Luigi Pirandello House / Museum / Library / Grave Site.
And it was well worth the adventure.

   Having traveled throughout Sicily for over the past 10 years now, I‘ve never had the opportunity to visit Luigi Pirandello’s House / Museum / Library / Grave Site. So during the Summer 2008 trip, I decided to visit. What an experience!

    Going directly south from Bisacquino on this adventurous day, I passed by a few towns, namely San Carlo, Burgio and Ribera. Then switching to Highway 115, which parallels the southern Sicilian coastline, I followed the noted signs that indicated where the museum was located. What a good job they did on the directions there.

   Unfortunately, I drove passed it on my way going into Agrigento, but with luck, I was able to turn myself around and get on the right road. During this correction maneuver I passed by the famous and ancient Greek temples in Agrigento. So I just stopped along the roadside and took a few special pictures of the temples. I also stopped at the huge souvenir area, and managed to convince the parking attendant there not to charge me since I would only be there a few minutes.

   Afterward, I passed near my friend, Enzo Terrasino’s small hotel - Camera Con Vista.  So I knew exactly where I was now.

   When I arrived I entered into a huge parking area. Naturally, there was a fee office where you can purchase the entrance ticket to see everything - the house, which is now the main museum, the library and the grave site. (Just follow the long and narrow foot trail on the side of the mountain ledge to his grave, and capture also the unexpected and unbelievable panoramic views of the Sicilian coast line.)

   Luigi Pirandello (1867-1936) was one of Sicily’s most famous writers - winning the Nobel Prize in Literature in 1934. Seeing the house in which he was born, his family life in pictures on the walls, his literary works he accomplished, all his travels, and his lone grave site, one comes away from it all with the idea that he was a very complex man. He once wrote in 1921, entitled Six Characters in Search of an Author, "A man will die, a writer, the instrument of creation: but what he has created will never die! And to be able to live forever you don’t need to have extraordinary gifts or be able to do miracles. Who was Sancho Panza? Who was Prospero? But they will live forever because - living seeds - they had the luck to find a fruitful soil, an imagination which knew how to grow them and feed them, so that they will live forever."

   According to his last wishes, he wanted his ashes buried "under a windblown pine tree and a rock in the countryside of Girgenti." (which Agrigento was known as back then.) What I saw was not what I expected. The huge, pine tree that once grew there had been toppled by a windstorm. However, it is still a part of his grave site. And another new little pine sapling grows in its place.
~~
   Note: If you want to read more about my past, exciting adventures throughout Sicily, order directly a copy of my book, We’re All Made Out Of The Same Pasta!" Call (504) 455-4337 for details. Also, you can now go to my new internet website and see everything you want to ever know about the town of Bisacquino and the Island of Sicily - www.newwritersink.net.
  
      
  
 
 
 
 
little sun
 
 December 2009, Winter Issue
VOL. 36, NO. 4 
 
 
 VISIT SICILY WITHOUT LEAVING

YOUR HOUSE . . . AND IT’S FREE!!!

  As in the modern computer world, changes occur almost on a daily basis. And now it’s getting that way with world-wide travels, especially Sicily. But it won’t actually replace being there, that’s for sure. So what am I talking about now?

   Before my last trip to Sicily, I bought a new Sony Vaio Laptop Computer.  I just can’t bring all those heavy family research books with me anymore.  (Not after my crazy experience of coming back home in 2008 . . . After arriving at the Palermo airport, I had to buy an overpriced, third piece of luggage. Then pay overweight baggage fees close to $300. But that’s another long, long story!)  Now I was able to download all my research materials in the laptop computer. And away I go!

   Later after I settled in Bisacquino, I immediately went to a local internet store and bought an "internet key" for my computer.  You need to be very careful which "key" to buy since you want one that provides a good, strong signal, especially in the hilly areas.  In my case, TIM worked best.  Earlier a young man in Taormina, who worked at a Vodaphone store, tried to sell one of their "keys" to me, but he honestly told me it wouldn’t work in Bisacquino.  He originally was from Corleone, and his key wasn’t strong in that area.  So he lost the sale!  However, his honesty certainly renewed my faith in people there.

   Now I had internet service, and I had also programmed "Skype" on my computer before I left the States. Skype is a program that you can download from the internet in which you can communicate in audio and video.  AND IT’S FREE!!!  I forgot to mention that my laptop has a built-in video eye or web cam.  But if your computer has no video capability, you can easily buy and install a web cam with no great difficulty or expense (Logitech 9000 recommended).  After I installed "Skype" on my laptop, it was the greatest "toy" I ever received in my life.  (Thanks, Maria for telling and encouraging me to install it!)

  So during any free time (which was very little) in Sicily, I was able to Skype my family and friends back home in the States.  I probably talked to my brother, Jake, and sister-in-law, Peggy, more on this trip than I normally do when I’m at home.  Of course, we had to watch the seven (7) hours difference in our times.  I usually tried around 7:00 p.m. my time to reach people here in New Orleans around Noon.  I showed them the inside of my house and the vast hill panorama in front, with a setting sun sometimes.

   With this set up, I was capable to talk and see people from all over the world, including Maria Rosaria DiGiorgio in Dublin, Biagio Miniera in Germany, Anthony Graffeo in Birmingham, AL, Vincent Dispenza in Baton Rouge, LA, Ann M. Wooten in Houston, TX and Michael Graham, my nephew outside of Atlanta, GA, and my great-nephew, Matthew Graham, at the UA in Tuscaloosa, AL.  It was absolutely fabulous!
 
    
                                                                                                Mondello                                          Castellammare del Golfo              Sunset (Tramonto) Over Bisacquino
 
   Also, I was able to bring families together who hadn’t seen each other in many years or had ever met.  Vera Costa in Birmingham, AL is still in amazement of seeing her D’Amore Family in Bisacquino for the first time in both their lives.  "Iggy" Lovoy ("Our Skype Man of the Year!") spent the summer using me as his Skype exhibit in Sicily.  Once his friends and relatives saw how they could easily talk and see me all the way from the States to Sicily, they were absolutely sold on the idea.

  This last summer I had over a dozen visitors, and we went everywhere on this wonderful, spectacular island in the Mare Mediterraneo.  I really enjoyed and exhausted myself.  Some of the places that impressed us all were: Castellammare del Golfo, Scopello, Cefalu (North), Sciacca, Agrigento (South), Erice (West) and Mt. Etna, Taormina (East). Old Poggioreale, Bisacquino and Corleone were the towns in the western interior.  The few pictures here tell it all. So when are you all coming to visit Sicilia?

   Exciting news!!!  I now have a web site dedicated to books, family research, travels and tours.  Go to Google or MSN Search, put in the name Andrew J. Montalbano.  A site called HOME (New Writers’ Ink Publishing) is listed.  Click on that site, and you’re there.  Go to the menu on the left side to take you to the various pages.  Enjoy!

   Note: If you want to read more about my past, exciting adventures throughout Sicily, order directly a copy of my book, "We’re All Made Out Of The Same Pasta!" Call (504) 455-4337 for details. 
 
 
 
Skype Logo
 
Skype Man of the Year 2009:
Iggy LoVoy
 
2010:
Charles Monzella
 
Skype Women of the Year: 2009 & 2010
Vera Costa
 
  
 
 
 
little sun  
 
 October 2009, Fall Issue
Vol. 36, NO. 3
 
 
SUMMER OF 2009 -

10 YEARS LIVING IN SICILY

    Someone has to pinch and wake me up. What a way to cap off 10 years of living in Sicily, especially in Bisacquino. Out of my three months this summer, I was coming and going with visitors for two solid months. Fantastico! (Fantastic!) I hope all the first timers who came to Sicily had a wonderful time. In my opinion, it’s such a big responsibility to give the very best impression of this beautiful island to a first timer. It will definitely last them a life time. And they usually return . . . .

   What did I say?  Returning this year were the DiMarco’s - Angelo and Anastasia. They stayed eight days at Il Ciliegio B&B in Chiusa S., renewing their friendships (especially with Vito Tallarita, Basilio LoPresti and Giuseppe & Sara B. Vernaci).  Also, they met their relative - Maria Maniscalco - for the first time. And this year we spent one night in Agrigento at Camera Con Vista and two nights in Taormina. What fun adventures!

   Next came friends - Mignon & Mark Swinney - who use to live in Metairie, LA. They have uprooted and permanently moved to Perguria, Italy. They came to visit Mark’s relatives in Chiusa S. and Contessa Entellina and to see other parts of Sicily.  For one week, they weren’t disappointed.  We saw the coastal beauty of Castellammare del Golfo, the ancient tuna village of Scopello as well as old Poggioreale, a town totally destroyed by the 1968 earthquake.

   They also got the opportunity to attend the 2009 Gioachino Montalbano English Awards at the local regional high school.  Antonino Ventimiglia, the first male to win this award, and Chiara Lucia (both from Bisacquino) were awarded first/second place plaques, certificates/pictures and monies.  Personally, I was totally delighted.
 
by Gino Campisi ©2009
 
   Afterward, new relatives - Judy & Tom Mitchell and Charles Monzella - from Alabama and New Jersey came afterward and spent four/five days in the Bisacquino area.  With such little time, I didn’t give them any breaks. Uncle Charlie got the grand opportunity to savor his favorite pasta dish - meatballs and spaghetti - at Sierra (the LaRussa Family restaurant) in Bisacquino.  But he made the most unforgettable mistake - he cut his spaghetti up with a knife and fork . . .what an Americano! And the D’Amore Family enjoyed meeting them. They never knew they had so many relatives in the U.S. But now they know.

   Three days later the Montalbano cousins - Mickey, S.J. and Mary Margaret Bains - from Baton Rouge arrived. They got to see all of Sicily in 10 days. Mickey relived his visit to this island which he and wife took 25 years ago.  And S.J. and Mary M. saw their origins for the first time, making quite an impression on them all. S.J. was completely awed with everything he saw.  He had finally gotten in touch with his Sicilian side after all these years.

   My attorney friend, Craig Leydecker, returned to Bisacquino for three days and got re-acquainted with our friends.  We ate some great meals with Gaetano, Giuseppa, Saverio, Anna Maria, Gaetano (the younger) and Giuseppina D’Amore and with the Montalbano Family - Enza, Rosella, Federica, Aurora and Antonino Mansella.  Also, he went to one of the Southern beaches with Dino Zito and Gino Oddo.

   Then my college roommate’s wife, Rosa Caruso, from Suwanee, GA, came with her sister, Yolanda Aguet, and their good friend, Livier Valenzuela, from Mexico.  What a time we had! Three languages - English, Italian and Spanish - were flying all over the place.  When Livier broke the gelato sampler machine at the Walk Bar one evening, she officially became a cucuzza!

   Then for the last three weeks Bisacquino and Sicily were mine.  But I never stopped running. My rental car registered over 6,700 miles this entire summer. Oggi io molto stanco. (Today I am very tired.)

   Also, my good friend, Angelo Milazzo, graduated from the University of Palermo on July 20th, and he and his family invited me to attend the ceremony.  Later that evening we ate a delicious dinner at Rocca Bianca with his family and friends.  I was the only Americano present.  What an honor!  Over the years I have seen Angelo, and his friend, Roberto Colca, grow up before my eyes, and I must say he has developed into quite a gentleman.  I know his family was very proud of him.  And so was I.  Bravo, Angelo! 
 
                                                                                                                        by Andrew J. Montalbano
©2009 
 
   Daniele LoVoi had another birthday while I was there and his brother, Cristian Joe, is growing as well. Their parents, Pino & Nicetta Cusumano LoVoi, have done a wonderful job raising these two fine children.  Papa Cusumano (He was actually born in New Orleans.) was doing well, too.

   So after ten years I can surely say Bisacquino is now my second home.  My father would never have believed it.  Sometimes I shake my head to only find out it really is NOT a dream. Grazie!

   Ciao...ciao to Wayne Johnson of Lake Charles, who visited Sicily in 1998, and died in April 2009, and to Ignazio Cusumano, who died this summer in Bisacquino, one month before his 86th birthday.  Pace mio amici.

   Note: If you want to read more about my past, exciting adventures throughout Sicily, order directly a copy of my book, "We’re All Made Out Of The Same Pasta!" Call (504) 455-4337 for details.
  
 
BISACQUINO
Photo by Charles Monzella
©2009
 
 
 
 
 little sun  
 
 October 2009, Fall Issue
Vol. 35, NO. 3
 
 
SICILIAN SUMMER OF 2008

Estate di Siciliano 2008

    What a meravigliso (wonderful) summer! After spending three months in Sicily, especially in my favorite place of Bisacquino, I certainly experienced many new Sicilian adventures. Meeting the Natali’s, my American cousins, for the first time in Sicily was a total delight. Introducing Bisacquino and Sicily to the DiMarco’s was fantastic. Being with the Rumore Family from Houston, Texas, was a joy. Finding Joe Eidem’s family in Campofiorito was simply unbelievable. Attending the Cristiano wedding in July was marvelous. And seeing the feast of St. Maria del Balzo in Bisacquino again before I left was overwhelming.

    Arriving in mid-May, it was still cold up there in the hills where I stay in my casa in fitto (rental house) outside of Bisacquino. Within a couple of weeks, the scirocco winds came through, and it became hot as the desert sands it brought with it. We baked for a whole week - night and day. Whatever happened to Spring? Afterward, a thunderstorm broke the heat, and a normal summer started . . . cool nights and hot days . . . around the middle of June this year.

SICILIAN WEDDING 

  

     The Cristiano wedding in San Cipirello was a fantastic experience. Pietro and Provindenza "Enza" Cristiano’s son, Ezio, was married to his lovely bride, Claudia Biondo, on July 14, 2008.  After the marriage ceremony at Chiesa Madre SS Redentore in San Giuseppe Jato, we attended their spectacular reception at Villa Favorita in Marsala.

    And what a spectacular it was, not only for themselves, but for all of their invited guests as well . . . starting with fireworks announcing the newly married couple’s arrival, munching on appetizers in the lovely tropical gardens, consuming a Sicilian five-course dinner in the grand salon of this fabulous resort, and ending with the serving of the wedding cake and many other desserts at pool side. What a day and night to remember! I was truly honored. May Claudia and Ezio have a beautiful and long life together. . . .

 

    

SALT FLATS

    After all these many years visiting Sicily, I finally made the trip to see the salt flats between Marsala and Trapani. And I was not disappointed. Over the years I had seen pictures of the salt flats and the old windmills (mulini) in travel books. Now they were before my very eyes in living color. The old technic was to pump the sea water with the use of windmills into storage areas. This salted water was left to dry out naturally in the brilliant, hot Sicilian sun. What resulted was sea salt . . . mountains of it. And these old windmills were something to see close up. They were huge!

    After driving for hours, I luckily found the Salt Museum (Museo del Sale) to visit. On its walls of this small museum, pictures of long ago hung, showing workers performing the hard work involved. Also, within, ancient artifacts were on display. Outside you were allowed to walk on narrow walkways to actually see the drying sea water which naturally turned into sea salt. What a sight!

      

    

    I want to thank my many visitors this summer who came to visit Sicily. We had a great time. Some came to Sicily for their first time. Their eyes were opened to this quaint little town where their ancestors originated. . . and they fell in love with it. It’ll do that to you.

    In future issues, I’ll describe to you the many other adventures I encountered this last summer. Ciao...ciao!

   Note: If you want to read more about my past, exciting adventures throughout Sicily, order directly a copy of my book, We’re All Made Out Of The Same Pasta!" Call (504) 455-4337 for details.

 

 
little sun
 
 July 2008, Summer Issue
VOL. 35, NO. 2 
  

BUON COMPLEANNO!

Happy Birthday!

I’m currently in Bisacquino, Sicily living "la vita bella Siciliano." (the beautiful Sicilian life.)

   My father, Gioachino "Jake" Montalbano, was born on Via Grazia in Bisacquino, Sicily on July 18, 1900 (which would make him 108 years old, if he was still alive). When I was growing up, never in either of our imaginations, I, his eighth child, would ever think about actually living in his home town. I just wanted to visit there once in my lifetime. Now I spend all of my summers in my favorite place - Bisacquino. Indeed, life has its turns . . . .
 
  
 
Via Grazia in Bisacquino, Sicily

   When I’m living in Sicily I become a Sicilian, too. The language has improved so I don’t worry about it any more. When there is a problem, I jokingly asked if they understand il dialetto di Andrea (Andrew’s dialect). Also, driving isn’t a problem either, especially in Palermo. Over the years I earned my diploma from "The Palermo University of Crazy Driving."

   Getting lost now is an avventura (an adventure). Once I followed a road into a complete dead-end. It was hilarious!

   Another time on a Sunday morning I ran into some Italian Army guerillas in an empty town piazza. I had no idea who or what they were doing. You think I stayed around to asked? As they friendly waved to me, I waved back while I kept driving - straight down a road which probably hadn’t been used since the Roman days. But I got to see some of the most beautiful panoramic scenes of Sicily that I had ever seen . . . what an unexpected avventura!

Family History Research

    Doing research on my family history has been a passion of mine. Over the years I have spent countless hours, first at the Latter Day Saints Research Library in Metairie, LA and now at the Civic Museum in Bisacquino, Sicily. Last summer for the first three weeks, the weather was cold and rainy. Since I’m not one to waste time in Sicilia, I filled in this valuable time with more family research. Once they almost locked me in the museum when they forgot I was there.

   With the help of Signora Antonina Venezia, I was able to add more vital information and data to the material I already have, which goes back to the 1650's. One word of advice: If you’re going to Sicily to do your own family research, don’t plan to go in the afternoon because you’ll find the city hall closed as well as the whole town (from 1-5 pm). Nothing can be done then . . . except to eat and sleep! So always plan a morning visit to do this.

Visitors

    Who am I expecting this summer? You will never believe, but I have found long lost cousins, and they have decided to come to Bisacquino for their first time right after I arrive in May. Connie & Eugene Natali (of Granite Bay, CA) will visit for eight days and Marilyn & Dennis DiMarco (of Metairie, LA) will tour for five days. They’ll depart and arrive back-to-back so I will be busy showing them around the western side of Sicily, much to my delight.

    The Natali’s want to especially visit with our connecting D’Amore Family. And the DiMarco’s want to find the ancestral home. Both are staying at the Bed & Breakfast - Il Ciliegio - in Chiusa S. run by Giuseppe & Sara. Other friends - Emilia & Michael Rumore - from Houston, TX will also come to Bisacquino to visit their relatives (the Tallarita’s) during the first week in June. Then Valerie & Joe Ediem from Reno, NV arrive during the middle of June. They’re staying in Sciacca by the sea, but plan to visit Bisacquino for a day or two. In July I attend a friend’s son’s Italian wedding, and Sal & Aurelia Zito from New York City come for their annual visit with their family. In August, the Patron Saint of Bisacquino - St. Maria del Balzo - is celebrated for the first two weeks in August, culminating on August 15th. Before I know it, I’ll be flying back home with many, more new Sicilian memories added to my life. Che bella estate! (What a beautiful summer!)

    Note: If you want to read more about my past, exciting adventures throughout Sicily, order directly a copy of my book, "We’re All Made Out Of The Same Pasta!" Call (504) 455-4337 for details.

 

 
 
 
 
little sun
 
  
 
 
  
Italia 
  
 
    
ff0000.gif
  
 
 
 
 
 VALLE DEL SOSIO
 
 
BISACQUINO ~ CHIUSA SCLAFANI ~ GIULIANA ~ PALAZZO ADRIANO ~ PRIZZI
EXPANDED 
 
 
    
  
       
 
This is one area of Sicily, among others, that is great for trekking, if that is one of your interests.  In the summer there is the annual auto race - Rally Valle Del Sosio.
 
 Italia  In Italiano, L'Unione Valle del Sosio composta dai Comuni di Prizzi, Bisacquino, Chiusa Sclafani, Giuliana e Palazzo Adriano.  E’ scopo dell’Unione promuovere lo sviluppo dell’intero territorio e la crescita delle comunità che la costituiscono attraverso la gestione collettiva ed unitaria delle funzioni a tale ente attribuita, mantenendo in capo ai singoli Comuni le funzioni e le relative competenze che più da vicino ne caratterizzano le specifiche peculiarità.
 
 
 
 
BISACQUINO
Population: 5,220
 
See the entire page on Bisacquino on this webpage site.
 
 

 
 
 
 
 
CAMPOFIORITO 
Population: 1,400
 
 
                                                                           
  Vai all immagine a grandezza naturale  Fave secche    
Vai all immagine a grandezza naturaleVai all immagine a grandezza naturale    Campofiorito - Stemma

        

Campofiorito (Sicilian: Campuciurutu) is a comune (municipality) in the Province of Palermo in the Italian region Sicily, located about 40 km south of Palermo. As of 31 December 2004, it had a population of 1,379 and an area of 21.4 km.  Campofiorito borders the following municipalities: Bisacquino, Contessa Entellina, Corleone.

Italia  In Italiano, Campofiorito è un comune di 1.401 abitanti della provincia di Palermo. Storia: Città nata già durante il periodo greco, con l'avvento della denominazione bizantina, l'importanza che la città aveva ricoperto in epoca romana venne a cessare, tanto che quando venne occupata dagli Arabi era ridotta a un piccolo paesino con il nome "Ballanūba", patria di un noto poeta arabo di Sicilia il cui Canzoniere (Dīwān ) è stato studiato dal grande arabista Umberto Rizzitano, ordinario a Palermo nella seconda metà del XX secolo di Lingua e Letteratura araba. Successivamente la città prese il nome di Bellanova." Nel XII secolo, precisamente nel 1246, l'imper tore Federico II di Hohenstaufen in seguito alla sua lotta contro i musulmani, distrusse Bellanova e tutti i suoi abitanti cristiani si dispersero. Alcuni si spostarono verso l'odierno Campofiorito, dando origine a "Casale Bellanova."  Attraverso un complesso giro di eredità, compravendite e successioni, il Casale Bellanova passò al principe Stefano Reggio, a cui fu concessa l'investitura il 5 dicembre 1698. Quando, però, dopo la metà del 700, suo nipote, il principe Stefano Reggio-Gravina, pensò di servirsi dello "jus aedificadi"" del 1452 per costruire su quelle terre un nuovo paese, dovette fare i conti con la ferrea opposizione dei notabili di Corleone e Bisacquino, che non riuscivano ad accettare la nascita di un nuovo agglomerato urbano in concorrenza con i loro.

Reggio avrebbe potuto costruire il suo paese, pagando però un indennizzo alle due città vicine. Lo "jus aedificandi", concesso da Alfonso d'Aragona tre secoli prima, quindi, consentì al principe dì avere la meglio, contro le stesse disposizioni giuridiche del tempo, che vietavano la costruzione di nuovi paesi che distassero meno di sette miglia da altri centri urbani. Stefano Reggio-Gravina ebbe così via libera per realizzare l'ambizioso progetto di riunire sotto la sua proprietà il feudo Batticani e il feudo Scorciavacche. In un primo momento il principe chiamò la cittadina in costruzione "Santo Stefano Reggio".I lavori di costruzione ebbero inizio nel 1768, primo giorno di primavera: una data probabilmente non casuale, che voleva avere un significato bene augurale. Le prime case, tutte di eguali dimensioni. Nell' asse culminante con la collinetta del Calvario, a circa 700 m sul livello del mare, fu costruita la piccola chiesa di Santo Stefano, protettore del paese.

Per popolare il nuovo paese il principe emanò un bando, promettendo la concessione gratuita del terreno dove costruire la casa e il pagamento di lievi censi per gli appezzamenti di terreno concessi in enfiteusi. Dai paesi del circondario, allora, arrivò tanta gente, attratta dal miraggio della casa e del lavoro. Già nel 1798, Campofiorito contava 775 abitanti, fino ad arrivare - negli anni '50 - a 2.500. Dopo le ondate migratorie degli anni '60, però, gli abitanti si stabilizzarono temporaneamente ai 1700.Cifra che tuttora continua a scendere. Testimonianza della presenza del principe è la chiesa di Santo Stefano, che sorge in via Calvario. All'interno della chiesa vi si conserva anche una lapide in marmo con iscrizioni latine, rinvenuta nel 1935, fatta incidere probabilmente dallo stesso Stefano Reggio.

Le Feste:  Campofiorito è riuscita a non perdere le tradizioni come tutte le città siciliane dell'entroterra. Ricordiamo La festa di San Giuseppe il 19 marzo con la processione e le banda musicale. In Questo giorno si allestono per le case 'Tavolate e Altari' dedicate a S.Giuseppe. La festa di Maria SS. del Rosario il 10 ottobre oltre alla festa del Santo Patrono il 26 dicembre. Da visitare: Arrivati in paese si nota subito la statua in bronzo dedicata ai caduti delle due guerre mondiali. Di Fronte fa bella mostra la fontana rotonda in pietra. Inoltre da visitare la due chiese e l'ex lavatoio pubblico oltre ad altre opere sparse per il paese. inoltre il 1 sabato d'agosto si tiene una sagra delle fave dove per l'occasione si costruiscono delle capanne dove si distribuiscono le fave e prodotti tipici e del vino nostrano.

 

  

CHIUSA SCLAFANI 
 Population: 3,290
 
 
 
     La chiesa di Santa Caterina    
 
Uno scorcio della fontana ottagonale    I pani votivi di San Giuseppe  
 
 Chiusa Sclafani tra ombre e luci Quella è chiusa Sclafani Sclafani Chiusa
 
  
 
 
 
 
Chiusa Sclafani is a comune (municipality) in the Province of Palermo in the Italian region Sicily, located about 50 km south of Palermo.  As of 31 December 2004, it had a population of 3,224 and an area of 57.4 km.  The municipality of Chiusa Sclafani contains the frazione (subdivision) San Carlo. Chiusa Sclafani borders the following municipalities: Bisacquino, Burgio, Caltabellotta, Corleone, Giuliana, Palazzo Adriano.
 
 

 Italia  In Italiano, Chiusa Sclafani sorge a circa 658 m slm, alle pendice del colle Omo Morto, al margine sud - occidentale dei Monti Sicani. Lo storico cinquecentesco Tommaso Fazello ricorda che il primo nucleo del paese sorse nel 1320 in contrada Barrere, ad opera del conte Matteo Sclafani. Tuttavia dell’originario castello restano solo alcuni elementi architettonici, inglobati in costruzioni di epoca successiva. A partire dal XIV sec. Chiusa Sclafani conobbe la sua prima vera espansione quando i numerosi ordini religiosi che si insediarono nella cittadina, apportarono significativi cambiamenti sia da un punto di vista economico che culturale. Lo stesso territorio, fu anche feudo della prestigiosa famiglia Colonna. Purtroppo, nel 1600 una frana rovinò sul centro abitato aprendo una frattura tuttora visibile e distruggendo gran parte degli edifici religiosi i quali, vennero comunque restaurati o addirittura riedificati.

  Chiesa di San Sebastiano

  L'interno della Chiesa di San Sebastiano Chiusa Sclafani - Chiesa
 
Alle spalle del Palazzo cittadino si trova il cortile Castello, una piazzetta con tanto di scale che “vanno e vengono” e che era proprio il cortile del palazzo nobiliare trecentesco; di fronte è possibile ammirare la chiesa di San Sebastiano. Di costruzione secentesca, il tempio ha una disarmante semplice facciata che lo rende quasi anonimo ma l’interno, ad unica navata, è un merletto continuo di stucchi, medaglioni, intarsi e affreschi tutti datati tra il XVII e il XVIII secolo, attribuiti alla scuola del Serpotta. Edificato tra il 1623 e il 1627 dal sacerdote Paolo Paternostro, fu arricchito sotto la signoria del Principe Marco Antonio Colonna e per molti anni servì come Pantheon alla stessa famiglia. Il cappellone è contornato da quattro colonne laterali con le statue di S. Giovanni Battista e del Profeta Elia. La nicchia dell’altare è sovrastata dall’allegorico trionfo della fede rappresentato da un aquila cavalcata da un putto che da fiato ad una tromba.Il gruppo centrale della volta rappresenta il Giudizio Universale, composto da un aquila cavalcata da un angelo. Al di sotto del Giudizio Universale si può ammirare la statua in legno di S. Sebastiano di autore ignoto nel cui petto è incastonato un reliquiario contente del sangue e un frammento di osso del santo omonimo. Il cappellone e la volta sono del palermitano Vincenzo Messina; le decorazioni laterali di Antonio Campisi da Gibellina e Giuseppe Busacca da Chiusa; gli affreschi della volta e le tele sono attribuite ai sacerdoti chiusesi G. Messina e F. Lo Cascio. In questo luogo di sfarzo e preghiera si raccoglieva Donna Isabella-Gioeni Colonna, moglie del principe Marco Antonio Colonna, le cui spoglie riposano proprio in questo sacro luogo.
 

 Chiusa Sclafani è il paese delle ciliegie, frutto a cui è dedicata una famosa sagra che si tiene la seconda domenica di Giugno. Famose sono infatti le ciliegie cappucce, turgide e succose, non troppo dolci, ottime da mangiare “una tira l’altra” oppure da conservare sottoforma di marmellata, e le ciliegie “muscatella” costituita da frutti sferoidali di due qualità: la nera e la bianca.
Le ciliegie di Chiusa Sclafani presentano delle caratteristiche difficilmente imitabili, grazie al particolare microclima che contraddistingue il territorio Chiusese.

 
 

Comune di Chiusa Sclafani

PROVINCIA:
Palermo

INDIRIZZO:
Via Europa, 3

TELEFONO:
091/8353567

FAX:

urp@comune.chiusasclafani.pa.it - www.comune.chiusasclafani.pa.it





NUMERI UTILI
Ufficio Informazioni Turistiche
Tel. 091/8353538
Fax 091/8353494

Carabinieri
Tel. 091/8356170
Guardia Medica
Tel. 091/8353627


Festa Patronale:
San Nicola
6 Dicembre

Manifestazioni/Sagre:
Festa di S. Giuseppe
19 Marzo
Sagra delle ciliegie
Primi di Giugno
Sagra delle pesche
Primi di Agosto
Fiera di S. Bartolomeo
24 Agosto
Sagra dell'olio
Primi di Novembre


Cittadina di origine medioevale, fondata nel 1320 dal Conte Matteo Sclafani. La città si sviluppa a 658 metri sul livello del mare su di un pendio delimitato in gran parte dalla Serra dell'Omo Morto.
Successivi signori della città furono Guglielmo I Peraltra, i Cardona, i Gioeni ed infine la famiglia Colonna che mantenne la signoria sino al 1812, anno che vide la fine del periodo feudale.
Dominio di grandi famiglie, esse hanno lasciato nel tempo traccia del loro passaggio negli splendidi palazzi che si possono ammirare nel paese.

Da visitare:
Chiesa di S. Sebastiano (decorata con stucchi di Giacomo Serpotta) - Chiesa di S. Maria Assunta - Chiesa Madre di San Nicola - Chiesa di San Leonardo - Palazzo ''Bonfiglio'' progettato dall' Arch. Damiani Almeyda.
Cosa Comprare:
PRODOTTI TIPICI: Ciliegie(che da qualche anno hanno ricevuto il DOP) - Olive - Olio extravergine di oliva - Agrumi - Pesche -
ARTIGIANATO: Merletti lavorati al tombolo - E una rarissima azienda specializzata nella costruzione e restauro di organi musicali e pianoforti.

Escursioni:
Convento dei Padri Olivetani - Monastero della Badia
Come arrivare:
Da PA Autostrada PA-CT uscita svincolo di Villabate S.S. 118 direzione Corleone proseguire fino all'uscita di Trizzi e continuare per Chiusa Sclafani seguendo le indicazioni.
Distanza da Pa 1h15 per 79 km circa.

Dove alloggiare:
--
Dove mangiare:
--


Panorama dai tetti con vista della Chiesa Madre


 
 
 
 
  
 
CONTESSA ENTELLINA
Population: 1,980
   
Contessa Entellina - Stemma Contessa_Entellina 
 
Go to fullsize image  La Chiesa Madre (XVI secolo - rito bizantino) La celebrazione della messa secondo il rito bizantino Go to fullsize image   Go to fullsize image 
 
    
 
 Contessa Entellina is approximately 78 km (50 miles) south of Palermo, Sicily.  Contessa Entellina is in the province of Palermo, district of Corleone, Eparchy of Piana degli Albanesi.  Approximately 2000 live in Contessa Entellina today. The postal code is 90030. The address for the city hall (municipio) is 6 Via Municipio; 90030 Contessa Entellina (PA); Sicilia, Italia.  Settled in the 15th century A.D. by people of Albanian ancestry, many of the customs, language and religion of these original immigrants have survived for over 500 years. Many of the residents speak the Albanian language referred to as "Tabresh," in addition to Italian and Sicilian.  The area was first settled as a military camp of Albanian soldiers and their families between about 1450 and 1462. Permanent village structures were first built after 1462 on land leased from Count Alfonso Cardona.
 
The town was named in honor of Countess Cardona of Chiusa Sclafani.  'Entellina' was added to the name in modern times when borders of village were expanded to include lands around the Rocco Entella mountain. The original residents were soldiers under command of Giorgio and Basilio Reres of Epiros. They were the sons of the military governor of Calabria, Demetrios Reres.  Between about 1469 and 1520 the village received an influx of new settlers known as "Coroni."  First they were mostly Albanian and Greek nobility from the region of the Peloponnese and then later, from many of the Greek islands.
 
Some Information & Photo Credits: © Copyright 1999 - 2010 Leita Smith Spoto
 
 

Contessa Entellina (Sicilian: Cuntissa, Arbëreshë: Hora e Kundisës) is an Albanian speaking town and comune in the province of Palermo, in Sicily, southern Italy.  Contessa Entellina is located about 25 km southwest of CorleoneHistory: In ancient times it was the ancient Elymian city of Entella.

Italia  In Italiano, Contessa Entellina (a Cuntissa in siciliano; hora e Kundisës in albanese) è un piccolo comune montano Arbëresh di 1.981 abitanti della provincia di Palermo nella Valle del Belice, posto a 571 metri sul livello del mare e distante 80 km dal capoluogo siciliano e 40 da Sciacca. Il paese, insieme a Piana degli Albanesi e Santa Cristina Gela, fa parte delle comunità albanofone di Sicilia dove ancora l'antica lingua albanese (arbërisht) viene parlata. I suoi abitanti si definiscono arbëreshë, ossia greco-albanesi. Storia: Contessa sorse nel 1450 sec. sulle rovine remote di un casale preesistente, il Casale di Comitissa o Vinea Comitissae, che venne riedificato dagli albanesi. Gli Albanesi venivano scambiati abitualmente per "greci", in quanto si dava maggior rilevanza al carattere religioso (rito greco) piuttosto che all'appantenenza etnica (albanese). Tutt'ora i paesi limitrofi usano chiamare "greci di la Cuntissa" i contessioti. Con la scoperta archeologica di Entella, per dare rilievo all'antico sito, si volle aggiungere al nome del paese arbëreshë oltresì il termine Entella, costituendo così la denominazione attuale. Oggi Contessa Entellina vive un periodo assai difficile. Dal terremoto del Belìce arrivando ai nostri giorni si sono susseguite molteplici migrazioni, dimezzando così la popolazione; inoltre la lingua arbëreshë viene sempre meno insegnata alle nuove generazioni. Ciò comporta ad una perdita progressiva per tutta la comunità, che è constantemente smarrita e sottratta della propria identità. Cultura e tradizioni: Mantiene lingua, costumi e cultura dei propri antenati. Per di più appartiene all'Eparchia di Piana degli Albanesi, custodendo il rito bizantino greco.

 
 
  
Go to fullsize image  La rocca di Entella   Go to fullsize image

Italia  In Italiano, La Rocca di Entella è un costone roccioso che si trova nel territorio del comune di Contessa Entellina, in provincia di Palermo, a est del fiume Belice Sinistro. Prende il nome dall'antica città elima di Entella distrutta nel XIII secolo circa da Federico II di Svevia. Si tratta di un rilievo isolato, composto da rocce gessose a grandi cristalli, che ospita una grande varietà di piccoli mammiferi e di rapaci. La rocca è oggetto di una campagna di scavo che riguarda i resti elimi, la necropoli ellenistica e numerose vestigia medioevali. La rocca ospita una grotta, dallo sviluppo di circa 700 metri, per la cui protezione è stata istituita la Riserva Naturale Integrale Grotta di Entella, gestita per conto della Regione Siciliana dal Club Alpino italiano-Sicilia. Nel 2000, tutta la Rocca di Entella è stata riconosciuta quale SIC (Sito di Importanza Comunitaria) e ZPS (Zona a Protezione Speciale) dalla Comunità Europea (ITA020042 Rocche di Entella).

BORGO ROCCELLA & ROCCA ENTELLA
 
    
 
  
 
CORLEONE 
Population: 11,400
 
  
     
 
     
 
    
 
      
 
  
       
   
 
 
    
 
       
 
          
 
 
Corleone (Sicilian: Cunigghiuni) is a small town and comune of approximately 12,000 inhabitants in the Province of Palermo in Sicily, Italy. It is known primarily as the birthplace of several Mafia bosses, both fictional, such as The Godfather Vito Andolini, and real, such as Bernardo Provenzano, Salvatore Riina and Luciano Leggio. The local mafia clan, the Corleonesi, led the Mafia in the 80s and 90s, and were the most violent and ruthless Mafia clan ever to take control of the organization. After the Arab conquest of southern Italy and during the Emirate of Sicily, the town was dominated by Arabs, who gave it the name Qurlayun. The Normans later achieved prominence after the Norman conquest of southern Italy. A lookout tower built between the 11th and 12th century, known as Saracena, still stands, in reference to the Arabs who were known as Saracens. The view from the tower includes the Cascata delle Due Rocche, a sheer drop following the path of the Corleone river.At one time the town was surrounded by defensive walls that connected the Castello Soprano and Castello Sottano. The Castello Sottano is better preserved than the Soprano, but it cannot be visited since it serves as a Franciscan retreat.

Corleone was known as “Courageous Civitas” because of its position on the front line in all wars fought in Sicily. Halfway between Palermo and Agrigento, the town controlled one of the main arteries and was therefore one of the most strategic locations on the island.Corleone was largely repopulated by Ghibellines from Brescia and elsewhere - "Lombards" led by one Oddone de Camerana - when it became obvious that the German Emperor Frederick of Hohenstaufen ("Stupor Mundi") could not prevail over the Guelph-leaning Lombard communes in the middle of the 13th century. Corleone became a royal property around the end of the 14th century, and later passed into the feudal holdings of Federico Ventimiglia. Remarkable demographic growth was reported in the 15th and 16th centuries, following the arrival of several religious orders. In 1943, the Duke of Aosta created the title of Count of Corleone, awarded to Arturo Faini for his merits in the Italian occupation of Ethiopia.

The Chiesa Madre (“Mother Church”), dedicated to the 4th Century French Bishop St. Martin of Tours, was started in the late 14th century. Its appearance today has been influenced by numerous changes and renovations. Its interior has a nave and aisles divided into various chapels containing precious artwork, including a wooden statue representing San Filippo d’Agira from the 17th century, a statue representing San Biagio (16th century), and a fine marble panel depicting the Baptism of Christ from this same period. The Chiesa dell'Addolorata is a church of the 18th century, dedicated to the Basilian abbot and patron saint San Leoluca, the Chiesa di Santa Rosalia, and the small Sant’Andrea (the latter two from the 17th century), all with important frescoes and paintings, are notable landmarks. The Santuario della Madonna del Rosario di Tagliavia, a religious building from the 19th century, is now a destination for pilgrims on Ascension Day.

Beginning in the 1960s, the town became infamous for its Mafia, being the town in which some well-known clans had their headquarters (the Clan dei Corleonesi). Mafiosi born or taking up residence in Corleone have included Michele Navarra, Luciano Leggio, Leoluca Bagarella, Salvatore Riina and Bernardo Provenzano.  The most notable event in Corleone was the arrest in 2006 of Bernardo Provenzano "Boss of Bosses", who had been in hiding for more than 40 years. This gave rise to much celebration. "Liberation Day" on April 11 (the date of Provenzano's capture) and naming a street "11 Aprile" shows just how much the arrest has affected Corleone.
 

Italia  In Italiano, Corleone (IPA: /korle'one/, Cunigghiùni in siciliano) è un comune italiano di 11.376 abitanti, della Provincia di Palermo in Sicilia. Dista 115 km da Agrigento, 133 km da Caltanissetta, 249 km da Catania, 152 km da Enna, 299 km da Messina, 57 km da Palermo, 251 km da Ragusa, 324 km da Siracusa e 101 km da Trapani

Storia: Dalle origini al XII secolo - "Animosa Civitas", titolo conferitole da Carlo V in occasione della sua visita a Corleone il 12/1/1556, fu sempre in prima linea in tutte le guerre che si combatterono in Sicilia. Non è facile risalire alle origini, forse, perché Corleone ebbe vari insediamenti fin da quando i più modesti gruppi umani si costituirono nell'isola. Le varie presenze di questi popoli: Sicani, Elimi, Fenici sono state confermate dai reperti archeologici ritrovati . Almeno ventitré secoli fa si chiamò Schera di cui parlano Cicerone, Cluverio e Tolomeo e, probabilmente, dovette piegarsi ai romani durante la seconda guerra punica. Forse sorgeva nella zona che sovrasta la Corleone di oggi e che si chiama ancora "Vecchia". Tale nome fa riferimento ad una montagna che si erge per circa 1000 s.l.m. e dista circa due km dall'odierno centro abitato. Il nome Corleone deriva da un antico Qurlian, forse di origini arabe, ma la forma attuale risale al XVI secolo. Nel 1080 veniva conquistata dai Normanni e nel 1095 fu annessa alla diocesi di Palermo. Circa cento anni dopo fu annessa alla nuova diocesi di MonrealeDal XIII secolo al XVII secolo - Nel XIII secolo l'imperatore Federico II deportò i Musulmani a Lucera in Puglia e ripopolò la città con una colonia di Lombardi guidata da Oddone de Camerana. Già nel XIV secolo esisteva la cinta muraria che, collegando il Castello Soprano al Castello Sottano, racchiudeva al suo interno il primo nucleo abitativo ancor oggi visibile nel tessuto del centro storico. Tra il secolo XV e il XVI l'abitato si espande oltre le mura che vengono demolite non avendo più nessuna funzione difensiva. Durante la rivoluzione dei Vespri siciliani la città si schierò con Palermo contro gli Angioini determinando la loro cacciata dalla Sicilia. Tra il 1440 ed il 1447 la corona spagnola vendette la città e i suoi privilegi a diversi signori feudali, Federico Ventimiglia, i Chiaramonte, ed altri, determinando un forte decadimento economico e sociale della città costretta a riscattare la sua libertà fino agli inizi del XVII secolo. Dal XVIII secolo ad oggi -Tra il sec. XVIII e XIX la nuova borghesia agraria dà nuovo impulso all'economia e conferisce alla città un nuovo aspetto ancora visibile malgrado le trasformazioni e gli abusivismi della speculazione edilizia. Durante il XVIII secolo, Corleone conobbe un periodo di grave crisi economica e produttiva, che sfociò in una emigrazione di massa verso le Americhe e il nord Europa durata sino al secondo dopoguerra con un forte ritorno negli anni sessanta. Un rilevante fatto storico da menzionare è la manovra militare attuata da Garibaldi nel maggio 1860. Egli fingendo di voler attaccare la città di Corleone, il 27 maggio di quell'anno, condusse vittoriosamente le sue truppe su Palermo.
 
 
     
  
stemma FICUZZA Corleone-Stemma.png
Population: 100
 Palazzina Ficuzza.jpg     
 
 Anteprima immagine Vai all immagine a grandezza naturale Vai all immagine a grandezza naturale Vai all immagine a grandezza naturale Vai all immagine a grandezza naturale Vai all immagine a grandezza naturale 
 
  Vai all immagine a grandezza naturale Vai all immagine a grandezza naturale Vai all immagine a grandezza naturale Vai all immagine a grandezza naturale Vai all immagine a grandezza naturale
 
Bosco della Ficuzza Woods. The area surrounding the town includes natural features of interest. The woods of the Bosco della Ficuzza are among the richest and most charming in Sicily. King Ferdinand of Bourbon himself, in the late 16th century, made Ficuzza his hunting lodge. Plant life in the woods is varied and includes oak, ash, cork, and maple trees; it is also home to wildlife including small mammals, many species of birds and wild boar. Some structures of note, including the Palazzina Reale, are located within these woods.
  
Italia  In Italiano, Ficuzza è una località che si sviluppa a 682 metri sul livello del mare e che rientra nella provincia palermitana. Il sito si ricorda soprattutto per l'ottocentesco "Casino di Caccia" voluto dal re Ferdinando III, un palazzo reale dalle non eccessive dimensioni costituito da una struttura esterna molto sobria ed elegante sovrastata dallo stemma dei Borbone. L'edificio è arricchito dalla presenza di una piazza delimitata ai lati da degli edifici adibiti agli ambienti di servizio.  La bellezza della località è costituita non solo dalle strutture appena citate, ma anche da alcune località dall'alto valore naturalistico e paesaggistico. In effetti, il sito si trova nelle vicinanze della Rocca Basumba, un rilievo dalle pareti calcaree che si eleva fino a 1.613 metri, e del Bosco della Ficuzza, uno dei polmoni verdi della Sicilia.  La bellezza naturalistica della località è valorizzata anche dalla vicinanza con il "Gorgo del Drago," un'oasi verde dove si ha la possibilita' d'ammirare il Fiume Frattina.
 
 
 
 
 
ANTICA STAZIONE DI FICUZZA
 
 
 
icuzza Ancient Railway Station is a lovely guest house created thanks to the restoration of the narrow gauge railway station line which linked Palermo to Corleone (abandoned in 1954). It is located near the homonymous village, where Ferdinand III of the House of Bourbon hunted towards the end of the XIX century; as testimonial the Real Casina, projected by Venanzio Marvuglia.
 
 
 
’Antica Stazione ferroviaria di Ficuzza è una gradevole struttura turistica (realizzata grazie al restauro di una stazione della linea a scartamento ridotto Palermo - Corleone, dimessa nel 1954). Si trova nei pressi della borgata omonima, sede delle battute di caccia di Ferdinando III Borbone a fine ottocento, di cui è testimonianza viva l’imponente Real casina, progettata da Venanzio Marvuglia.
 
 
 
  
  
TAGLIAVIA
Population: 12
 
  
 
Vai all immagine a grandezza naturale Vai all immagine a grandezza naturale Vai all immagine a grandezza naturale image  
 
The Santuario della Madonna del Rosario di Tagliavia, a religious building from the 19th century, is now a destination for pilgrims on Ascension Day.
 
Italia  In Italiano, Il “Santuario Madonna di Tagliavia” fu costruita da un certo Perricone Giuseppe.  L’uomo realizzò inizialmente una piccola cappella in ringraziamento per aver ricevuto una grazia divina. Durante il secolo scorso i pastori avevano l’abitudine di portare i propri animali al santuario per ricevere una benedizione affinché il prodotto del bestiame fosse più redditizio. Durante questa celebrazione l’uomo fu guarito al braccio paralizzato. Dal XX secolo iniziarono ad esserci grandi festeggiamenti in onore della Vergine. Durante la festa si assiste alla sfilata di un corteo che viene aperto da tre cavalieri nel quale vengono mostrati i vari simboli dei vari ceti (borgesi, massari, carrettieri, pecorai, cavallari, viticultori, deputati della festa)presenti in città. In più alcuni uomini lanciano confetti o caramelle in mezzo alla gente così da alleggerire la grandissima attesa dei carri,elemento più significativo della festa.
 
 
 
   
 
GIULIANA 
Population: 2,300
 
  
  Giuliana - Stemma
  imagePaesaggio di Giuliana  
 
  Giuliana 
 
            
 
    Veduta diurna del Castello di Giuliana Comune di GiulianaL'interno del castello duecentesco   Giuliana (PA) | Corteo Storico  | Corteo storico medievale 24 agosto 2009 | Autore: Giuseppe  Lombardi
 
     Giuliana is a comune (municipality) in the Province of Palermo in the Italian region Sicily, located about 50 km south of Palermo.  As of 31 December 2004, it had a population of 2,234 and an area of 24.2 km².Giuliana borders the following municipalities: Bisacquino, Caltabellotta, Chiusa Sclafani, Contessa Entellina, Sambuca di Sicilia.
 

Italia  In Italiano, Giuliana è un comune di 2.303 abitanti della provincia di Palermo distante 77 km da Palermo e 84 da Agrigento. Giuliana (Urbs Opulentissima) inizia a comparire nei documenti ufficiali dal 1185, quando il re Guglielmo II “il buono”, assegna alla chiesa di Monreale il “Casale di Juliana.”  Il casale, tuttavia, non sorgeva dove si trova l’attuale città, ma quasi sicuramente doveva essere stato edificato in C/da S. Casale. Successive necessità difensive spinsero gli abitanti a trasferirsi sulla collina.  Massa agricola o villa rustica che sia stata, Giuliana prende il nome dal suo antico latifondista romano: Julius, riconducibile alla Gens Julia. Fu sotto il regno di Federico III d’Aragona (1296-1337) che il centro abitato venne fortificato con un castello turrito e munito di una cinta muraria aperta da tre porte:
- Porta Palermo;
- Porta di Sciacca;
- Porta Beccherie.
Lo stesso sovrano conferì a Giuliana titoli e diritti di città demaniale, facendone una piccola capitale politica della Sicilia Aragonese. Nel 1356 Federico IV d’Aragona detto “il semplice,” concesse in feudo la città di Giuliana a Guglielmo II Peralta, conte di Caltabellotta e sposo di Eleonora d’Aragona.
 

Castello

La Salita Castello ci conduce al maggiore monumento della città, ovvero il Castello medievale cosiddetto di Federico II. “Nido d’aquila” è stato soprannominato il maniero che affonda le sue origini in un mistero ancora irrisolto: a costruirlo fu Federico III d’Aragona o il suo predecessore Federico II di Hoenstaufen? L’ipotesi più avvalorata dagli studiosi vuole che sia stato l’Aragonese Federico II a restaurare un precedente fortilizio, probabilmente duecentesco di fattura Sveva, come rilevato dalle mensole su cui poggia l’arcata centrale del salone principale e gli archi a sesto acuto del Il Castello oggi si presenta con l’impianto araganose suddiviso in due ali con una torre a base pentagonale che si innalza al vertice settentrionale. La torre, alta una ventina di metri, è costituita da due stanze sovrapposte collegate da una scala esterna. Il castello di Giuliana si erge a 736 mt. sul livello del mare; un lato si affaccia sulla vallata del fiume Sosio, mentre il lato della torre si volge verso il centro abitato, in asse con la strada che collega il Castello con la Chiesa Madre. Assolse per lungo tempo un ruolo strategico, sorgendo lungo la direttiva Corleone – Sciacca e comunicante con i principali castelli arabi del periodo:Castello, realizzati “a piramide rovesciata.”

Calatamauro

Patellaro

Calatrasi

La fortezza Federiciana di Giuliana presenta una forma irregolarmente trapezoidale: costituita di due corpi di fabbrica rettangolari che si uniscono in un angolo ottuso rafforzato dal torrione a base pentagonale “unicum” in Sicilia, paragonabile solo al castello Federiciano di Augusta.Il portone principale conduce ad un ampia corte, compresa tra gli edifici dell’ex convento e del nucleo centrale del castello, raggiungibile tramite una rampa in leggera salita.La torre ha tre elevazioni; un’altezza di 18,80 mt. e i lati di 7,20 mt. Le mura con uno spessore di 2 mt. sono realizzati a doppio parametro con conci di calcare bianco e con un riempimento di pietra e malta. A partire dalla prima metà del periodo Aragonese il castello aveva mutato la sua originale funzione militare divenendo residenziale.

 Cultura e Folklore

La festa di Gesù Bambino si svolge nei tre giorni antecedenti la festa di San Giuseppe, 16, 17 e 18 marzo. Probabilmente trae spunto dall' episodio, narrato nei vangeli, di Gesù che si allontana dalla casa di Nazareth e ritrovato dopo tre giorni nel tempio.Questa manifestazione religiosa, che non ha riscontri in altri paesi siciliani, consiste nel portare di casa in casa, per tutto il paese, la statua di Gesù Bambino separato da San Giuseppe che insieme costituiscono un gruppo ligneo attribuito al Bagnasco. La statua del Bambino Gesù, “u bamminu” , viene portata dai falegnami del luogo all'interno di ogni casa e ivi viene posto alcuni istanti su ogni letto. E' una festa propiziatrice per i novelli sposi, i quali secondo un antico rituale usano rivestire di "fiocchi rosa e celesti" (le cosiddette scocche) il Bambinello, manifestando il desiderio di un primogenito (maschio o femmina) e offrendo anche del denaro. Anticamente si offrivano invece doni in natura quali frumento, uova ecc. La prima sera “u bamminu” viene ospitato nella chiesa della SS. Trinità, la seconda nella Chiesa del SS. Cuore di Maria e la terza sera viene riportato nella chiesa del Carmine per ricongiungersi a San Giuseppe. Il tutto si conclude il 19 marzo con la festa di San Giuseppe, quando entrambe le statue vengono portate in processione per le vie del paese (a cura delle maestranze locali associate in confraternite.

 

Comune di Giuliana

PROVINCIA:
Palermo

INDIRIZZO:
C.da Licciardo

TELEFONO:
091/8356357

FAX:
091/8356077

nt.comunegiuliana@libero.it - www.comunedigiuliana.it





NUMERI UTILI
Ufficio Informazioni Turistiche
Tel. 091/8356357
Vigili Urbani
Tel. 091/8356784
Municipio
Tel. 091/8356124
Municipio - Sindaco
Tel. 091/8356557

Festa Patronale:
Maria SS. dell'Udienza
3 Settembre

Manifestazioni/Sagre:
Festa del SS. Crocifisso
1° Venerdì dopo Pasqua
Fiera del mercato
1° Settembre
Venerdì Santo
Venerdì Santo
Altari di Maria SS del Balzo
1-15 agosto
Altare di S. Giuseppe
19 Marzo


Paese di origine araba è situato sull'alta vetta di un colle, a 800 metri di altezza, abitato sin dai tempi più remoti, fu fortificato sotto il regno di Federico II d'Aragona che lo munì di una cinta muraria, successivamente demolita, e da un castello trecentesco, con torre a pianta pentagonale, costituito da due diversi corpi di fabbrica, quello superiore aragonese, e quello inferiore realizzato nel seicento. Il complesso che aveva una grande importanza strategica militare domina tutta la vallata del Sosio fino al mare.
Dopo gli Aragonesi, governarono il paese il Conte Guglielmo Peralta, la famiglia De Luna e quella dei Cardona.

Da visitare:
Castello di Federico II - Chiesa Madre dedicata a Maria Assunta - Chiese barocche - Centro storico medievale.
Cosa Comprare:
PRODOTTI TIPICI: Formaggio - Ricotta - Olio extravergine di oliva - Dolci a Mandorla - Oliva da mensa giarraffa.
Escursioni:
Parco suburbano S. Anna - Riserva Orientata Monte Genualdo - S. Maria del Bosco - Percorsi naturalistici lungo le vecchie trazzere.
Come arrivare:
Da PA fondo Valle PA-SCIACCA uscita per Sambuca di Sicilia S.S.188. Da SCIACCA fondo Valle Sciacca-PA uscita per Sambuca S,S. 188. Distanza da Palermo 81 Km per 1h15 circa.
Dove alloggiare:
Albergo presso il comune di Corleone
Dove mangiare:
PIZZERIA-TAVOLACALDA ''Delle Palme''
TRATTORIA ''Al Castello''
PUB ''Da Sebastian''




 
 
 
 
  
 
PALAZZO ADRIANO 
(WHERE "CINEMA PARADISO" WAS FILMED)
Population: 2,200
 
     
 
   La bella fontana ottagonale in Piazza Umberto I  Chiesa Maria SS del Lume - Palazzo Adriano   
 
  L'interno della Chiesa di Santa Maria Assunta   
    
 
Palazzo Adriano (Sicilian: Palazzu Adrianu or U Palazzu; Albanian: Pallaci) is a town and comune in the province of Palermo, Sicily, southern Italy. The first mentions of one casale Arianum date from before 1060 under the reign of the Norman Roger I of Sicily.  Here in the 15th century established a colony of Albanian exiled.  Main sights:
  • Church of Maria SS. Assunta (16th century), of Byzantine rite
  • Church of Maria SS. del Lume (18th century), of Latin rite
  • Church of Maria SS. del Carmelo (16th century). It has a single nave, with a portal with Corinthian columns.
  • Sanctuary of San Nicola (16th century)
  • Sanctuary of Santa Maria delle Grazie (16th century)
  • Bourbon Castle
Culture: In 1988, Giuseppe Tornatore chose Palazzo Adriano as the setting for his award-winning film Nuovo Cinema Paradiso.
 
 
 
 
 Italia  In Italiano, prima dei Vespri Siciliani (1282), di Palazzo Adriano (700m slm) non risulta alcun documento, ma è certo che fu fondamentale, per la vita di questa graziosa cittadina, l’arrivo di una colonia militare di albanesi che ripopolarono il sito nel XV sec. E diedero il via a successive ondate migratorie, in seguito anche all’invasione dell’Albania da parte dei Turchi.
La struttura urbanistica di Palazzo Adriano (Palazzo deriva dal dialetto siciliano U Palazzu, mentre Adriano deriva dal latino e sta ad indicare il nome di un bosco attiguo) è di impronta militare, alquanto originale poiché nello stesso tempo difensiva e democratica, risulta infatti costituita da una serie di “Cunei” ,ovvero isolati di case con il prospetto sullo stesso lato e a cerchio su una piazza con i lati esterni comunicanti, in modo da costituire delle vere e proprie mura difensive.Ai “Cunei” si accedeva tramite un’unica porta sormontata da un arco e protetta da un edicola votiva rappresentate la Madonna.  I militari Skanderberg scelsero di insediarsi a Palazzo Adriano poiché vi trovarono una posizione ricca di acqua, con clima collinare mite e poiché tale luogo era posto al crocevia delle due principali strade militari dell’isola:
- Quella che da Palermo va verso Agrigento;
- Quella che dalla Sicilia occidentale va verso Catania.
Ad oggi il nucleo più compatto di questa architettura, è quello di Piazza Umberto I che si estende fino al quartiere “Cittadella” (antico rione circondato da fiumi nella cui piazza si forgiavano spade rinomate che ancora oggi viene chiamato “Rione dei fabbri”).Gli Arbëreshë di Palazzo Adriano, hanno conservato e tramandato i loro costumi e tradizioni ed hanno dimostrato da sempre il loro geloso legame con essi.
 
 
Palazzo Adriano per la sua tipicità, ha interessato diversi registi, i quali, per le loro riprese, hanno scelto la piazza e gli angoli caratteristici come set naturale. I film che si possono ricordare sono: 
 
 “Un uomo in ginocchio” di Damiano Damiani con Giuliano Gemma, Michele Placido, Eleonora Giorgi, Andrea Aureli;
 
 
 
 "Nuovo Cinema Paradiso” (premio oscar 1991) di Giuseppe Tornatore con Enzo Cannavale, Philippe Noiret, Jacques Perrin,   Nicola Di Pinto e del piccolo attore emergente Totò Cascio di Chiusa Sclafani, di cui possiamo trovare testimonianze fotografiche presso il museo comunale in Piazza Umberto I.
 
 
“La siciliana ribelle” di Marco Amenta con Veronica D’Agostino a interpretare il ruolo di Rita Atria.
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Comune di Palazzo Adriano
PROVINCIA:
Palermo
INDIRIZZO:
P.zza Umberto, I
TELEFONO:
091/8349911
FAX:




 
NUMERI UTILI
Ufficio Informazioni Turistiche
Tel. 091/8349919 Fax 091/8349904
Carabinieri
Tel. 091/8349096
Guardia Medica
Tel. 091/8348256


Festa Patronale:
San Nicola
6 Dicembre
Manifestazioni/Sagre:
Sagra della Cuccìa
1° Agosto
Sagra del Pane di S. Giuseppe
1° Domenica di Settembre
I canestri di S. Martino
11 Novembre
Epifania
6 Gennaio
S. Antonio Abate
(benediz.degli animali)

Primi di Novembre


E' l'ultimo paese della provincia di Palermo nell'alta valle del fiume Sosio. Fu fondato nel 1160, su un territorio donato da Matteo Bonello ai monaci cistercensi del monastero di S. Cristoforo.
Esso si presenta ai suoi visitatori con un fascino antico, conservato con caparbietà dai residenti ed in grado di conquistare registi del calibro di Giuseppe Tornatore che qui girò le scene del suo film 'Nuovo Cinema Paradiso'.
Non si può rimanere indifferenti alle attrazioni ambientalistiche di Palazzo Adriano, a partire dal Torrente San Calogero che scorre a breve distanza dall'abitato, nella vicina Valle del Sosio di grande importanza naturalistica tanto da esser dichiarata Riserva Naturale.
Tipici sono i suoi blocchi calcarei ricchi di fossili e meta di particolare interesse di paleontologi.
Da visitare:
Piazza Umberto I - Fontana Ottagonale del '600 (unica nel suo genere) - Santuario della Madonna delle Grazie, Chiesa di Santa Maria del Lume, di rito greco.
Cosa Comprare:
PRODOTTI TIPICI: Formaggio - Ricotta - Olio - Pane di S. Giuseppe e di S. Nicola.
Escursioni:
Riserva naturale dei monti di Palazzo Adriano e della Valle del Sosio al cui interno si trovano la Montagna delle Rose, la Pietra di Salomone, Monte Scuro e la Rocca dei Saraceni.
Come arrivare:
Autostrada A19 imboccare lo svincolo per Villabate proseguire per la S.S 118 uscita Prizzi e continuare seguendo le indicazioni per Palazzo Adriano.
Distanza da Palermo 1h15 per 77 Km circa.

Dove alloggiare:
Hotel DEL VIALE - 091/8348164 - Via XX settembre, 1
Dove mangiare:
Trattoria DEL VIALE - 091/8348164 - V.le V. Veneto, 2

Processione


 
    
 
PRIZZI 
Population: 5,700
  
 
  
 
  
 
   
 
Prizzi is a town and comune of 5,711 inhabitants in the Italian province of Palermo, on the island of Sicily. It is located 84 km (53 miles) south of the city of Palermo at an altitude of 696 m (2,283 ft) above sea level on a hill in the upper valley of the River Sosio. Prizzi is surrounded by the comuni of Campofelice di Fitalia, Castronovo di Sicilia, Corleone, Lercara Friddi, Palazzo Adriano, and VicariHistory: Traces have been found of a small Elymian settlement, called Hippana or Hyppana, dating from the 8th-6th centuries BC on the nearby Montagna dei Cavalli. This settlement was later rebuilt in the 4th century BC and inhabited by Carthaginians, Greeks, Arabs, and Romans. The name Prizzi derives from the Greek Pyrizo, meaning "incendiary" as in the context of sending smoke signals, referring to its origin as an important point for fighting off enemy invaders in Sicily. The present town, of Norman origin, was a fief of Guglielmo Bonello. In 1150, it passed to the Cistercian Monastery of Sant’Angelo. Between the 13th and 15th centuries, control of the town was disputed by various lords until it finally fell to the Bonanno family, whose fief it was until 1812.
 
 

 Italia  In Italiano, i dati storici sembrano collegare Prizzi all’antica città di Hippana, individuata sulla Montagna dei Cavalli, un centro molto attivo tra il VI e il V secolo a.C. l’attuale paese sorge a circa 1040 m slm, da cui domina la vallata del Sosio, proprio di fronte all’insediamento storico, su un borgo fortificato, laddove c’era un castello fin dall’VIII secolo, edificio costruito in tale punto proprio per la perfetta posizione panoramica. Il suo nome deriva probabilmente dal tardo - greco “ημρα εκκαινι” (accendere fuochi di segnalazione) ovvero Pyrizein, e rimanda all’antica modalità di trasmissione dei messaggi che, dall’altura dove sorgeva il villaggio, venivano inviati con fuoco e fumo ai villaggi vicini. Il primo nucleo abitato della “moderna” Prizzi, si sviluppò dopo il 745 ad opera dei Bizantini all’interno del fortilizio, per essere in seguito conquistata dai Musulmani e dai Normanni; ma se del castello non restano che pochi ruderi, sono ancora visibili le due torri: una è diventata il campanile della chiesa madre, l’altra si trova nei pressi della chiesa di Sant’Antonio. Sull’altura nota come Montagna dei Cavalli, di fronte al paese, recenti scavi archeologici hanno portato alla luce le gradinate del teatro antico appartenuto alla città di Hippana, i cui reperti risalenti al periodo tra l’VIII e il III secolo a.C. sono conservati nel museo archeologico.

  Prizzi è un comune italiano di 5.711 abitanti della provincia di Palermo in Sicilia. Dista 72 km da Palermo e 79 da Agrigento. Nel territorio comunale vi è ubicata la stazione meteorologica di Prizzi, ufficialmente riconosciuta dall'Organizzazione meteorologica mondiale. Con un'altitudine di 1045 metri è uno dei comuni più alti della Sicilia. Fra le tradizioni locali, il Ballo dei diavoli, noto anche come Pasqua a Prizzi.  Storia: Le origini del Comune di Prizzi sembrano risalire dai superstiti della città sicana Hyppana che, nel 258 a.C. , originarono il Castello di Prixis. La città di Hippana è stata probabilmente fondata da Gerone, intorno al 476 - 480 a.C. Si narra che, in seguito ad un assalto dei Romani, gli Hyppani si rifugiarono sulla Montagna di frote, da qui la nascita del popolo di Prizzi. Nei secoli la cittadina, che ha conservato intatto il suo fascino medievale, ha subito innumerevoli dominazioni che ne hanno ampliato l'importanza. Poco alla volta e per un insieme d’eventi favorevoli, Prizzi si costituisce capoluogo dei casali e villaggi vicini e si attribuisce un esteso entroterra che diviene la sua 'provincia'. Questo territorio su cui Prizzi riesce ad imporsi, nel 1155 viene smembrato da Matteo Bonello, signore normanno di Prizzi, che ne assegna una parte al monastero di S. Angelo e una parte, al monastero di S. Cristoforo. La donazione di Matteo Bonello al monastero di S. Angelo fonda l'attuale territorio comunale di Prizzi. Quella al monastero di S. Cristoforo l'attuale territorio comunale di Palazzo Adriano. Simboli: Colori: blu, grigio; Simboli: torre  Lo stemma rappresenta tre torri con al centro un soldato saraceno. 
 
 

 La Chiesa del SS Crocifisso, risalente al 1600, sorge in pieno centro storico sulla piazza dei Comizi. È una delle più antiche e maestose chiese di Prizzi: ad essa sono legate la storia e le tradizioni del paese. La facciata esterna presenta tre porte e su quella centrale, la più grande, si trova in alto l'orologio. L'interno della chiesa presenta sull'altare maggiore il SS Crocifisso secentesco in legno intagliato, restaurato nel 2007 con il progetto Mirabile Artificio che ancora oggi viene portato in processione il Venerdì Santo (vista la perizia con la quale è stata realizzata, l’opera si attribuisce agli allievi di Frà Innocenzo da Petraia) e quattro bassorilievi con alcune scene bibliche. Le tre navate sono sostenute da dieci robuste colonne di marmo, mentre le pareti sono coperte da stucchi decorati. Nelle navate laterali si trovano dieci cappelle, a destra la prima cappella accoglie il fonte battesimale e la statua del Cristo Risorto (portata in processione il giorno di Pasqua). Dopo le navate, prima del coro a destra, vi è l'altare del Cuore di Gesù rappresentato in un quadro grandissimo, sotto il quale è posta la statua di Santa Rosalia. A destra dell'altare maggiore, la statua dell'Addolorata e la statua di Gesù Crocifisso (che vengono portate in processione il venerdì santo). A sinistra vi è l'altare della SS. Assunta, rappresentata in un quadro del 1859 di Gerolamo Spallina, autore prizzese. Importante anche l’armadio ligneo con le ante dipinte con alcune scene della Deposizione. Quest’ultima opera di autore ignoto, è datata 1763. All’esterno possiamo ammirare il campanile alto 25 metri.

Murales 

Meritevoli di essere ammirati sono i “murales” che adornano le pareti di case in pieno centro storico. A guardarli da lontano sembrano parti del paesaggio, nati contemporaneamente a muri e caseggiati. Invece sono dell'89 quando il comune invita tre artisti siciliani, Totò Bonanno, Franco Nocera e Mario Bardi, a dipingere alcune pareti della Piazza Sparacio, nel cuore del centro storico. L'abbellimento di prospetti di case era iniziato qualche anno prima con l'intervento degli studenti dell'Accademia delle Belle Arti di Palermo. Ma è per merito di questi artisti che "I murales” reinventano l'aspetto di parti del tessuto urbano, conferendogli sensazioni di classicità e trasfigurando piazza Sparacio, una delle tante piazze possibili, in un luogo di miti e ricordi.

Cultura e Folklore 

Il ballo dei Diavoli è una festa arcaica, unica nel panorama folkloristico siciliano, che si perpetua dal medioevo la domenica di Pasqua: la rappresentazione dell’eterna lotta tra Bene e Male. Le strade del paese si animano già all'alba del giorno di Pasqua per questa presenza remota che si perpetua costantemente. La morte, vestita con una tuta gialla, ed un'orrenda maschera anch'essa gialla, con una balestra in mano e due diavoli, che indossano tute rosse, con il volto celato da maschere di latta sormontate da un paio di coma e le spalle coperte da pelli di agnello, si aggirano rumorosamente per le vie del paese fermando i passanti, catturandoli ed impadronendosi simbolicamente delle loro anime, cercando di impedire in tutti i modi l’incontro della statua della Vergine Maria con la statua del Figlio risorto. Ma quando il mantello luttuoso della Madre cade a terra per mostrare quello azzurro il paese esplode in un unico urlo e gli angeli che assistono al divino incontro folgorano con le loro.

 

 

Comune di Prizzi

PROVINCIA:
Palermo

INDIRIZZO:
C.so Umberto I, 56

TELEFONO:
091/8344360

FAX:

comunediprizzi@duelle.it - www.comune.prizzi.pa.it





NUMERI UTILI
Ufficio Informazioni Turistiche
Tel. 091/8344510
Carabinieri
Tel. 091/8344073
Guardia Medica
Tel. 091/8346352


Festa Patronale:
San Giorgio
23 Aprile

Manifestazioni/Sagre:
Domenica delle Palme
Pasqua
Il ballo dei Diavoli
Venerdì Santo
Festa di S. Giuseppe
19 Marzo
Fiere del Bestiame:
23 Aprile
14-15 Settembre
II Domenica di Ottobre





Adagiata sul pendio di un monte alto 1045 s.l.m. è sita al centro della Sicilia occidentale.
Il suo nome deriva dal greco Pyrizein (che significa accendere fuochi per trasmettere messaggi) e testimonia la sua origine di punto di avvistamento contro le invasioni nemiche della Sicilia.
Prizzi con molta probabilità faceva parte di una vasta rete di comunicazione che ''copriva'' tutto il territorio regionale. Nel tempo fu conquistata dai musulmani e dai normanni, di queste dominazioni si possono ancora scorgere i segni nel centro storico con le sue strade strette, ineguali, tortuose, ripide.
Il castello edificato dai Bizantini nel 745 può considerarsi il nucleo originario del paese.

Da visitare:
Chiesa di San Rocco - Chiesa di San Sebastiano - Chiesa Madre di S. Giorgio.
BALLO DEI DIAVOLI: interpretazione cristiana di antica tradizione pagana che simboleggia il trionfo del Bene sul Male attraverso la vittoria di Cristo Risorto sui Diavoli.

Cosa Comprare:
PRODOTTI TIPICI: Formaggio - Ricotta - Olio - Funghi - Biscotti
ARTIGIANATO: Ferro Battuto - Lavori in legno - Ricami - Tappeti

Escursioni:
Castello, che domina il paese - Castello della Morgana (fuori dal centro abitato) - Il sito archeologico di Hippana del IV secolo a. C. dove vi sono reperti preistorici e una sez. mineralogica e paleontologica.
Come arrivare:
Da PA Autostrada PA-CT uscita svincolo Villabate imboccare la S.S. 118 direzione Corleone e continuare fino a Prizzi seguendo la segnaletica dist. Da PA 50Km 50 min.
Dove alloggiare:
--
Dove mangiare:
RISTORANTE : L'agorà (entrata Prizzi) Tel. 091/8346144
RISTORANTE: 3 Torri (bivio Prizzi) Tel. 091/8346086
RISTORANTE: Filaga Tel. 091/8345677
RISTORANTE : Al Gelso Bianco Tel.091/8348696




 
 
  
Italia 
 
 
    
ff0000.gif
 
 
 Options 
  
OTHER RESTAURANTS
 
 
 
 
 
 
    
 
   
 
 
This is the same restaurant my friend, Gaetano Oddo, built in Campofiorito before his death.  His head chef bought it afterward. 
May Gaetano's cooking continue now!
 
 
LA TANA DEL LUPO
Campofiorito
 
 
 
  
 
"L'Oscar dei Sapori"
di Toto Cascio
 
 
 
Country Resort with: Ristorante, Pizzeria, Balera, Bed & Breakfast
 
 
L'oscar dei sapori di Totò Cascio   Oscar Dei Sapori 
 
Toto' Cascio's new place - "L'Oscar dei Sapori"- in Chiusa Sclafani recently opened on July 2, 2011. 
 
~ Contact for information / reservations ~
Indirizzo / Address:
C/da Calcare,
Chiusa Sclafani (PA) 90033

Tel: 091 835 3145
Cell: 333 6540070
Cell: 327 1421571
eMail: info@oscardeisapori.it
eMail: totocascio@oscardeisapori.it

 
"L'OSCAR DEI SAPORI"
Chiusa Sclafani
 
 
 
 
 
 
  
 
RISTORANTE LA TERRAZZA
Via Marco Polo, 5
 
Scopello
  
 
  
  
 
      
 
 
CASALE BORGIA RESORT
Ristorante ~Albergo~Piscina Coperta
 
 Palazzo Adriano
 
 
 
 
 
 
  
DEL VIALE
Albergo ~ Ristorant ~ Pizzeria di Nina Barbata
Viale Vittorio Veneto, 2
 
Palazzo Adriano
 
 
 
 
     
 
Italia In Italiano, Tagliavia, che un tempo veniva chiamata Vavia, corrisponde all’antico feudo di Rahalmia, descritto in un decreto del re normanno Guglielmo II nel 1182; sede dell’antico eremo e del santuario di Maria S.S. di Tagliavia, da poco restaurato. Tra la storia e la cultura del sacro e il silenzio della natura sorge, in un’antica masseria, il nuovo ristorante “nné monaci ri Tagghiavia” dove si riscoprono gli antichi sapori delle antiche ricette dei monaci.

Il locale nasce un paio d'anni fa dall'idea del titolare, il sig. Santo Stabile.
La particolarità del nome "Nnè monaci ri Tagghiavia" deriva dal fatto
che il locale è un vecchio casolare utilizzato in passato dai monaci del
conosciuto Santuario della Madonna di Tagliavia, da qui il nome del ristorante.

Il locale ha un'atmosfera davvero unica e la cura nei particolari è quasi maniacale. Sale arredate con gusto e tradizione vi faranno sentire a vostro agio in assoluto relax.  150 posti a sedere interni serviti da un servizio davvero eccellente e 250 posti a sedere nell'incantevole terazza estiva, dove poter trascorrere fantastiche serate in dolce compagnia o con gli amici. Arte, natura, ristoro, si fondono a Tagliavia, dove nel nostro locale è possible festeggiare il giorno piu bello della vostra vita, in un luogo incantevole tra arte e fede.  Matrimoni, battesimi, feste di Laurea, Cresime, Comunione eventi unici, da ricordare per sempre.  Nelle nostre sale, e nella nostra terrazza allestita nel verde della campagna sarà possibile festeggiare le vostre ricorrenze, dove un personale di sala qualificato, ed una cucina tipica tradizionale, faranno da contorno al vostro memorabile giorno.  Cucina legata alla tradizione siciliana, fatta di sapori e profumi come la tradizione impone. In un ambiente caldo e accogliente, è possiblie gustare le nostre varietà di pizza, con ingredienti naturali e tipici siciliani. Particolarmente deliziose e uniche sono le nostre pizze: PIZZA DEL MONACO preparata con prodotti tipici locali quali pomodoro, mozzarella, salame piccante, hemmenthal, funghi e pesto; e la PIZZA FRATACCHIONA anche'essa preparata con prodotti tipici quali mozzarella di bufala, porchetta, funghi, olive e pepe.

La pizzeria in inverno è aperta nel week-end il Venerdi, Sabato e Domenica, mentre in estate è aperta tutte le sere.

apertura zona esterna: DA MAGGIO/GIUGNO AI PRIMI DI SETTEMBRE

 
NNE' MONACI RI TAGGHIAVIA
Ristorante - Pizzeria - Sala Banchetti
C/da Tagliavia - S.S. 118 Ficuzza
email: stabilesanto@yahoo.it  / tel. 3347936070
 
Corleone
 
  
 
   
 
Benvenuti - Agriturismo Casa Mia Corleone
 
 
   
Outstanding Panorama Views, Restaurant, Swimming Pool & Rooms
  
 
CASA MIA AGRITURISMO
(Seven klms outside of Corleone, hearding towards San Cipirello)
 
  
NEXT DOOR IS:  
 
   
 
   Evoe 
 
 
PRINCIPE DI CORLEONE 
 
  
 
 
   IMPORTANT LINKS TO ALL ABOVE AND MORE:  
 
 
 
 
   
 Italia
 
  
    
ff0000.gif
 
  
 
 Options
 OTHER BUSINESS
 
 
 
 
      
 
  VIAGGI - TURISMO - CROCIERE
 
 
Cutrone Viaggi
 Corleone
 
 
 
 
 
 
           
 
     
 
 Antonino Montalbano
 
 
CERAMICHE MONTALBANO 
Sciacca, Sicily 
  
 
 
 
 
 
 
   
 
 
 
Giuseppe Pizzitola
 
LINK: http://www.pocoroba.it/  (Italian & English)
 
BAGLIO POCOROBA
Segesta
 
 
 
 
 
 
 
NICOLA SANTAMARIA'S PHOTO
As you enter Porta Messina, turn right and go to the end of the street.
 
Photo Development, Copying, Film, Camera, Post Cards &
Internet Point
 
~ ~ ~
 
INTERNET CAFE
 
Taormina
 
 
 
 
 
      
 
D&G LINEN COMPANY
 
Hand Embroidered Linens - Ricami a Mano
Table Cloths, Sheets, Bedspreads, Blouses, Sweaters, Dresses, Baby Clothes,
Small Gifts and Asscessories
 
Donald E. Levine
 
Corso Umberto, 190A
Taormina
  
   
   
 Italia
 
  
    ff0000.gif
 
 
 
 
 Options
 MUSIC - ITALIAN RADIO STATION
 
 
 
 
Via Bambino, N. 22,
90032 Bisacquino (PA)
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Click on the link below to the page, and then click on to the Radio Margherita station media connection. 
You can listen to Italian music 24 hours a day.  It's great!
 
 
 
 
 
FM80 
 
 
Click on LINK: http://www.radiosiciliainternational.com/  to listen to various Italian radio music station.
 
    Italia
 
  
    ff0000.gif
 
 
Check out the lastest weather in Bisacquino.  Click on the link below:  
 
 
 
~ Web Cam ~
 
 
 
 
Is that Andrea Caronna leading the pack on Bike Day? 
Go kid!
 
  
 
Go to fullsize image    
 
 grapes icon
 
 
 
 
GO BACK TO BISACQUINO, SICILY - PAGE 1
 
 
 
 GO TO SPECIFIC PAGES VIA SITEMAP.  
E-mail me if you have any comments.
Thanks!
 
 
 
 
  
You can also Skype me. 
My Address is:
 
Andrew J. Montalbano
 
 
 
  
   
 ~ NOTE ~
 
 Most of the photographs are from the Internet.
(If a photograph is not wanted on this website, contact via E-mail.) 
 All other photographs are copyright.
 
Andrew J. Montalbano 
©2009 & 2010 
 
Grazie!
42-16472297
   
 
 
 
 
 
 Italia
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Trash Bin
 
 
 
 ffcc00.gif
 
 cccc00.gif
 
 ff0000.gif
 
 cc0000.gif
 
 990000.gif
 
 660000.gif
 
 
006600.gif 
 
 
 barred.gif
 
 
 
 
 
 
 
  
  ~  ~
 
  
 
  
 
 
 
 Options
 
 
   

  
 
 
 
 
 
 
 
 
 grapes icon
  
 
 
   
 
 
 
 
Earth (© NASA/NOAA/SPL /Getty Images)
 
  
 
 
 
 
 
  
Italia 
 
 
Go to fullsize image 
 
 
 
 
 little sun
 
 
 
 
 
 
 
Comments