Indice Newsletter 9

 
Newsipg

"cosa muove la"
e
"cosa si muove nella"
comunità gestaltica italiana
 
N° 9 – Dicembre 2010
 Presidente Onorario: Margherita Spagnuolo Lobb
 Presidente :
Gianni Francesetti
Direttore editoriale:Silvia Riccamboni
Assistente editoriale: Giancarlo Pintus
Web editor:
Marco Lobb


Carissime/i soci,

mi fa piacere avere l’occasione di salutarvi e di condividere con voi alcuni aspetti della vita e della crescita della SIPG.

 

In primo luogo, come già saprete, il prossimo convegno sta prendendo forma: il III Convegno della SIPG si terrà a Palermo dal 9 all’11 dicembre 2011, con il titolo: “La Bellezza e il Dolore. Dalla psicopatologia all’estetica del contatto”. Si tratta di una proposta di riflessione che mette al centro della nostra attenzione la sofferenza umana e il nostro lavoro per comprenderla, avvicinarla, accoglierla, prevenirla, attraversarla, curarla. E facendo questo, ci porta rapidamente al confine di contatto con le nostre radici e i nostri progressi, con le altre tradizioni psicoterapeutiche e psichiatriche, ma anche filosofiche, avviando così un processo di confronto che ci consente di nutrirci e definirci con più chiarezza.  

Il nodo della psicopatologia - della capacità di leggere la sofferenza umana e di esplicitare i criteri di questa lettura - è centrale in ogni modello psicoterapeutico, ma gli psicoterapeuti della Gestalt l’hanno lasciato per lunghi periodi nello sfondo. Anche se questa posizione nasceva dalla spinta, trasversale ai movimenti umanistici, a non patologizzare, non possiamo più illuderci che non parlare di psicopatologia abbia di per sé evitato il giudizio di valore sui nostri pazienti. Anzi, proprio l’evitamento del tema ci espone all’utilizzo di teorie implicite di cui non siamo consapevoli e che agiscono nella prassi terapeutica malgrado noi. Senza una seria riflessione psicopatologica corriamo il rischio di non essere orientati su quanto accade nella relazione terapeutica: ad esempio, possiamo leggere come nevrotico un comportamento che, se collocato nella dimensione psicotica da cui nasce, avrebbe tutt’altro significato. Il dialogo della psicoterapia della Gestalt con la psicopatologia è un percorso complesso che richiede le energie di tutti per essere portato avanti e che produce nella nostra comunità una crescita in termini di competenze ma anche di visibilità e dialogo con i colleghi di altri modelli.

Come già accadde nel precedente convegno - Torino 2008 - si tratterà anche di un evento politico: l’orizzonte verso cui ci stiamo muovendo è quello di costituire un luogo di dialogo e incontro per i terapeuti della Gestalt italiani. Per questo sono molto contento, ed è molto importante per la nostra comunità, che sei istituti italiani abbiano accettato di sostenere attivamente il convegno. Lo scopo è di contribuire alla costruzione di reti di appartenenze tanto più necessarie quanto più il tempo in cui viviamo è segnato dalla mancanza di ground e dall’incertezza: è facile per tutti noi trovarsi soli in un mondo in cui le risorse economiche e le opportunità di lavoro decrescono, le identità si sfaldano, il valore della professionalità spesso non è riconosciuto. Inoltre è facile, come dice Bauman, fare l’errore di cercare soluzioni individuali a problemi comuni: la SIPG è il concreto tentativo di non perdere una cornice comunitaria per leggere la realtà e di cercare strade condivise per restare creativamente presenti ed essere sostenuti in questo processo. Iscriversi alla SIPG, partecipare al convegno, inviare un proprio contributo, è in questa temperie un atto politico di rilievo, che sostiene la psicoterapia della Gestalt nel dialogo e nel confronto con gli altri modelli e altre professioni e fornisce a noi gestaltisti un ground più solido che ci sostiene nella nostra pratica quotidiana e nella nostra capacità di guardare al futuro. Vi invito dunque a iscrivervi a al convegno di Palermo 2011 attraverso il sito www.gestalt.it/congressosipg tenendo conto che la scadenza per la prima quota è il 31 gennaio 2011.

Queste premesse costituiscono lo sfondo che nutre lo sviluppo di questo prossimo evento: nel frattempo gli atti del Convegno Torino 2008 sono in stampa e costituiscono insieme una memoria e un precontatto per questo prossimo incontro. Si tratta di un volume a cui hanno contribuito circa 80 autori, ricchissimo quindi per creatività e per varietà di prospettive e che sarà disponibile da gennaio prossimo.

 

Un altro sviluppo che dal 2011 offre un’opportunità interessante, riguarda la possibilità per i soci SIPG di abbonarsi ai Quaderni di Gestalt ad un costo ridotto: troverete presto le indicazioni sui rispettivi siti. I QdG sono la rivista storica della psicoterapia della Gestalt in Italia, fondata nel 1985 da Margherita Spagnuolo Lobb e Giovanni Salonia, ed è strutturata in modo da garantire il dialogo fra le diverse anime gestaltiche italiane. E’ quindi uno strumento di confronto, aggiornamento e formazione continua per tutti noi.

 

Riguardo alle altre notizie associative, dò il benvenuto ai membri del nuovo Comitato Etico: Piero Cavaleri, Michela Gecele, Gina Merlo, Linda Cicala. I soci che abbiano necessità di un supporto su questo piano possono rivolgersi a questo comitato. Grazie per questa disponibilità!

Benvenuti anche a due nuovi membri del direttivo: Nunzia Sgadari, che svolgerà il ruolo di segretaria della SIPG, e Michele Cannavò. Michele è anche il nuovo segretario dell’EAGT, consentendo così un collegamento ancora più stretto fra la nostra associazione e l’Europa. Congratulazioni a entrambi: la vostra energia darà certamente un impulso nuovo alla SIPG!

 

Infine, la SIPG sta crescendo lentamente e costantemente: benvenuti quindi ai nuovi soci! Grazie per aver creduto nel valore di questo progetto e per il sostegno che la vostra presenza porta a tutti noi.

La SIPG vive se realizza la sua mission di essere luogo di dialogo e connessione fra i gestaltisti italiani. Lo sforzo di tutti noi va in questa direzione. E vi ringrazio di cuore per quanto state facendo per sostenere questo processo.

 

Grazie ancora a Silvia Riccamboni, Giancarlo Pintus e Marco Lobb per la realizzazione di questo nuovo numero della NewSipg. Buona lettura a tutti!

 

Un caro saluto e i migliori auguri di buone feste.

 

Gianni Francesetti

Presidente SIPG

gianni.francesetti@gestalt.it