La Locandina

2) Scheda spettacolo

Nero Profumo
racconto in musica all'anima italiana del Caffè
di Gianni Micheli

con le musiche originali
 e i musicisti di 
Les Trois Comò

Elisa Tonelli (voce)
Giorgio Pinai (flauti e ceccola)

Gianni Micheli (voce, clarinetti e fisarmonica) 
Fabrizio Volpi (chitarra)

Giacomo Piermatti (contrabbasso)

Massimiliano Dragoni 
(percussioni e salterio a battenti)

* * *
Il caffè, in Italia, ha ormai compiuto oltre cinquecento anni di storia e migliaia di citazioni: poesie, canzoni, lettere, romanzi, film, articoli di cronaca, bianca e nera. Ma c’è un caffè di cui ancora si è poco narrato: il nostro. Il caffè dei nostri bar e, soprattutto, delle nostre case che ha fatto del caffè italiano, della sua preparazione e degustazione, una ricetta internazionale di grande successo. Da dove viene la passione che ci avvince per la tazzina di caffè? Com’è cambiata in particolare negli ultimi sessanta anni la nostra assunzione di caffè? E come si giudica, oggi, la bontà di un caffè? E la qualità, laddove non è solo di prodotto che si parla, ma anche di “produzione” e di etica del lavoro?
È questo l’omaggio al caffè che compie Les Trois Comò in un equilibrio sottile tra narrazione e musica, tra voci e strumenti musicali immersi in uno dei tanti viaggi del caffè: il personale incontro con la moka di una madre e di un figlio all’interno delle evoluzioni sociali e culturali dei nostri ultimi cinquanta anni. Omaggio da vivere con gli occhi meravigliati di chi ha saputo tenere la tazzina di caffè in una mano e il peso dei desideri di un’intera generazione nell’altra. Di una generazione di passaggio, dall’età post bellica a quella post industriale, come di passaggio è stato il caffè che ne è diventato il più rinomato rappresentante: dalla moka all’espresso fatto in casa, dal costo proibitivo all’offerta a basso costo delle multinazionali fino alla rivalutazione dell’odierna torrefazione artigianale e solidale.
Un viaggio storico e culturale, lirico e territoriale, nella nostra storia e memoria recente che è infine il viaggio di molte famiglie e, forse, di una nazione intera: l’Italia. Da ascoltare e rivivere con la stessa tazzina di caffè, ben caldo, tenuta stretta tra le mani.

* * *

“settembre 2008”:  Les trois comò è un progetto musicale che nasce dalle molteplici esperienze dei suoi componenti: dalla musica barocca al jazz, dal pop alla musica medievale e rinascimentale, dal repertorio popolare di tradizione orale alla composizione contemporanea.
Il gusto mediterraneo si insinua nella cultura classica e nella musica d’autore del Novecento; ballate e racconti, storie e danze, filastrocche e ninna nanne, dalla tarantella barocca alle arie classiche dell’Ottocento europeo, coerentemente “miscelate” tra loro: una world music attenta alla composizione colta quanto a quella rurale, con la caratteristica fondamentale dell’improvvisazione, strumenti classici e popolari in un connubio capace di trasformare un’idea utopica e creativa nella concretezza dell’espressione musicale. Il suono de Les trois comò raccoglie al contempo il gusto e la storia musicale colta e tradizionale, una dichiarata sintesi tra i due universi, lo “scritto” e “l’orale”. Les trois comò partecipa a progetti teatrali in collaborazione con l’attore e musicista Gianni Micheli. L’ensemble ha pubblicato il suo primo cd nel 2009 dal titolo: “Storie quasi vere” per l’etichetta Max Research. Ha partecipato a festival e stagioni concertistiche in Italia, come: “Festival Gaber”, “Cambio Festival”, “Percorsi sonori”. Il progetto è parte integrante della produzione culturale dell’Associazione Ritmi di Assisi.

 * * *

coproduzione di 
Les Trois Comò - Associazione Ritmi
Via Verdi, 6 - c/o Cesvol - Santa Maria degli Angeli - Assisi - 06081 Perugia (Italy)
Tel. +39 348 7228684

Via Trasimeno, 16 - 52100 Arezzo (Italy) - Tel. +39 0575 27961

Realizzato con il contributo di Caffè River
Grafica della locandina di Carlo Mariano Dragoni

Anno 2011

* * *

Il testo e le musiche di Nero Profumo sono tutelati presso la SIAE
Č
ą
Gianni Micheli,
08/giu/2011 07:55
Ċ
Gianni Micheli,
08/giu/2011 07:19
Comments