Amici tandemisti‎ > ‎

Beppe e Milena

Il team si è formato a giugno 2008 ed è composto da Beppe Salerno (captain) e Milena Bettocchi (stoker). Compagni nella vita e nello sport sono appassionatissimi di sport di resistenza dal ciclismo alle maratone a piedi al triathlon.

Abitano a Moncalieri (TO) da dove sono facilmente raggiungibili i sentieri della collina torinese, la loro palestra di allenamento.

L’idea di diventare tandemisti è nata poco alla volta man mano che cresceva la consapevolezza che poteva essere qualcosa di gratificante, divertente, una sfida non solo atletica ma di relazione. Insomma dopo qualche mese di ricerca di tutte le informazioni reperibili sull’argomento (non moltissime come è facile immaginare) il progetto prendeva vita insieme alla voglia di affrontare nuove sfide e con un sogno nel cassetto: partecipare alla Transrockies 2009, una gara mtb a tappe che si svolge in Canada.

La Transrockies si svolgerà ad agosto su percorsi vari e tecnici e con tappe che prevedono quasi sempre 2000mt di dislivello e 70/90 km. Già due tandem, hanno portato a casa la maglia da finisher in questa gara negli anni passati.

Ad agosto gli è stato consegnato il loro tandem, un MDE bi-ammortizzato. Un mezzo sicuramente raffinatissimo con escursioni 140-140 di cui abbiamo già una scheda sul sito.

Queste le caratteristiche:

Telaio: MDE con carro posteriore I-Link (geometrie custom)

Focella: Pike U-turn a molla 95-140 (a breve FOX 36 Talas)

Serie sterzo: FSA BigPig

Mono: Marzocchi Roco Air (a breve FOX DHX5 air)

Ruote: mozzo Hadley e cerchi Mavic UST EX823 (36 fori)

Coperture: Specialized Eskar S-works 2Bliss 2.3

Trasmissione: Cambio/Comandi Sram x.9, Der. XT, Guarniture Truvativ Firex Tandem 44-32-22

Attacco e Piega Captain: Race Face Deus (rizer)

Attacco e Piega Stoker: Attacco fisso 100mm e piega Easton EA70

Reggisella: Thomson


Ed ecco le impressioni della squadra:

Dopo qualche mese di utilizzo cominciamo a fare sul serio ed ad affrontare qualche sentiero che anche con la singola mette in difficoltà. Stiamo imparando la tecnica ma la cosa da dire è che non ci viene quasi più voglia di andare in bici insieme sulle singole. È più divertente col tandem! Inoltre si impara molto su come comunicare, a supportarsi a superare difficoltà ed errori, proprio una bella scuola di vita.

Il tandem va inteso come uno sport di squadra: è meglio che i Captain lo sappiano. Pensare alla fiducia che uno stoker ripone sul compagno deve fare pensare. Consigliano anche di scambiarsi ogni tanto per capire meglio le sensazioni alla guida o da stoker. Per probabili problemi di geometrie queste saranno solo delle prove. Noi ancora non lo abbiamo fatto ma abbiamo intenzione di scambiarci ogni tanto.

Non sappiamo se il tandem, specialmente MTB, sia per tutti. C’è da dire che anche provare non è facile se non si hanno degli amici che già ne posseggono uno. In ogni caso si può riflettere su questi pro e contro.

Pro:

  • Non bisogna più aspettarsi (come dice Andrea si parte e si arriva sempre insieme!)

  • Si parlotta e ci si scambia impressioni (per gli amici e le coppie che hanno poco tempo da spendere insieme è un’ottima cosa)

  • Lo stoker può fare foto, seguire una cartina/gps, pensare ai rifornimenti

  • Se tutto fila liscio ci si diverte veramente e si crea un legame come un vero team in altri sport di squadra.

Contro

  • Se non si ha lo stesso atteggiamento non si andrà d’accordo (ad esempio se uno è molto competitivo e l’altro no)

  • Trasporto della bici più difficile

  • Ci vuole molta attenzione verso il compagno/a (a differenza di quando si va da soli e questo può sembrare limitante per il senso di libertà che la bici sa’ dare)

  • Un tandem ha bisogno di più manutenzione (l’investimento iniziale è come acquistare due bici singole della stessa qualità o anche meno)

Aggiungiamo che ci sembra che ci sia un certo interesse intorno all’argomento ed abbiamo l’impressione che il tandemismo tout terrain stia prendendo piede. Potrebbe non essere solo curiosità e magari ci avvicineremo ai cugini francesi che sono un gran numero. Se produttori, importatori e negozianti proveranno ad interessarsi, ancora meglio ma non è un gran mercato e i numeri, si sa, contano.

Buone pedalate a tutti a arrivederci al primo raduno tandem mtb italia ??!!

Beppe & Milena

Comments