Recensioni‎ > ‎

Batman - Il ritorno


Titolo originale
: Batman returns
Regia: Tim Burton
Soggetto: Sam Hamm, Daniel Waters, basato sul personaggio dei fumetti creato da Bob Kane
Sceneggiatura: Daniel Waters
Cast: Michael Keaton, Michelle Pfeiffer, Christopher Walken, Danny De Vito
Fotografia: Stefan Czapsky
Musiche: Danny Elfman
Produzione: Warner Bros.
Distribuzione: Warner Bros. Italia, Warner Home Video
Paese: USA, UK, 1992
Durata: 126'




Di: Angelo Annese

Data di pubblicazione: 17/01/2010

Voto
: 25/30


Cade la neve su Gotham City, più tenebrosa che mai. Un infante perverso fin dalla nascita, per metà uomo e per metà pinguino, viene abbandonato dai genitori sul fiume della città. Trentatrè anni dopo il mostruoso Oswald Cobblepot (Danny De Vito) emerge dalle fogne per riscattare con fare meschino la propria umanità, candidandosi a sindaco grazie alla complicità di Max Shreck (Christopher Walken), magnate senza scrupoli. Max Shreck è una figura spregevole che scaraventa da un grattacielo la sua segretaria, Selina (Michelle Pfeiffer), perché venuta a conoscenza dei suoi loschi piani di sfruttamento energetico della città. Selina, non appena schiantatasi al suolo, viene rianimata da frotte di gatti. Così, dalla donna repressa ed impacciata che era, diviene la sensuale fuorilegge Catwoman. Il miliardario Bruce Wayne (Michael Keaton), nelle vesti del paladino mascherato Batman, dovrà combattere Pinguino ed i suoi uomini, e affrontare il duplice rapporto che s’instaura con Selina: amanti quando non indossano una maschera, rivali nelle loro seconde identità. Il quartetto s’incrocerà in un tragico alternarsi di tentennamenti e azioni decisive…


Il regista Tim Burton e lo sceneggiatore Daniel Waters rielaborarono il noto fumetto americano in una fiaba per adulti, un lento incubo. Le macabre intuizioni di Burton smuovono a fondo i meandri della sfera emotiva, ad esempio si è inermi di fronte alla rivoltante resurrezione di Selina, e si rimane imbambolati quando i pinguini, come in una marcia funebre, trascinano il corpo morto del loro aberrante sovrano. I due antagonisti, Catwoman e il Pinguino, sono tratteggiati da angolazioni mutevoli che suscitano nello spettatore un accavallarsi di sentimenti: apprensione, compassione, repulsione. È curioso vedere che gli scagnozzi del Pinguino sono acrobati da circo: le loro piroette diventano un tutt’uno di una scenografia espressionista. Appaiono invece insulsi gli abitanti di Gotham, pronti ad abboccare a tutto.

Ottima interpretazione di Danny De Vito, deformato con un make-up impressionante. Travolgente è la bravura di Michelle Pfeiffer, la cui agghiacciante bellezza cresce di sequenza in sequenza. Laboriose le musiche di Danny Elfman che trasmettono sensazioni da cinema muto, riallacciandosi all’inconfondibile tema sonoro del primo capitolo… E alla fine del film di nuovo nevica su quell’oscura, inguaribile, Gotham.