-- Mauro Cusatelli -- e-mail : studiocusatelli@gmail.com

Arte contemporanea: coesistenza dei contrari. Tutto e il contrario di tutto.

Con risultati non omogenei. A volte deflagranti. Spesso solo stravaganti.

O purtroppo ( diciamolo|) irritanti e velleitari.

Ma molte volte autentici. Come quando l'evoluzione di alcuni artisti proceda secondo la più " naturale" delle leggi. Quella secondo cui " l'ontogenesi ripercorre la filogenesi ". 

Ossia, fuori della formula, quando l'evoluzione di un singolo essere (in questo caso di un artista) ripercorra l'evoluzione della specie ( dal figurativo all'astratto. E oltre ).

Così per Mauro Cusatelli che esordisce negli anni '60 con ritratti ed autoritratti e che in pochi anni approda a quell'astrattismo estremo che cerca di cristallizzare nelle opere gesto e materiali.
Poi, silenzio. Per un lungo periodo si dedica solo al suo lavoro di avvocato penalista . Quasi che le tele multicolori della varia umanità con cui viene a contatto, e interagisce, possano configurarsi come una sua personale creazione. Certo, le emozioni sono tali da qualunque parte esse vengano. Ed è sciocco censirle. Ma un artista che non abbia rinnegato sé stesso deve non solo accettarle, subirle, metabolizzarle. 
Deve anche compiere il passaggio successivo: rappresentarle...
Ed ecco che, nell'età dei bilanci, (quando spesso scopriamo di cercare ancora quello che un tempo cercavamo ) Mauro Cusatelli, superato l'astratto ed il figurativo della giovinezza, approda a quella contemporanea contaminazione di cui parlavo. Anzi, la contaminazione diventa la sua più affascinante possibilità. Nascono allora in questi ultimi anni fotografie elaborate sino allo loro negazione, paesaggi centrifugati, anatomie dissolte in una visione che é sogno (?). incubo (?). 
Nella raggiunta maturità di uno stile che non sceglie più sé stesso ( tentando di appagare la propria vanità ) ma che parla con la sua voce più vera e qualche volta ironica. 
E che, semplicemente, consiste (spera di consistere ) solo in ciò che fa.
                                                                                 (Giuliana Mastrangeli)
SelectionFile type iconFile nameDescriptionSizeRevisionTimeUser
Comments