TestPartner di Compuware...

Case History EidosMedia 

TestPartner di Compuware assicura a EidosMedia la qualità del software

 
Il softoware prodotto da EidosMedia opera in ambienti critici; per questo la software house leader nel settore editoriale, ha affidato a TestPartner di Compuware il testing delle applicazioni client.

La Sfida:

Le caratteristiche di criticità degli ambienti di installazione hanno spinto EidosMedia a una forte attenzione
alla qualità. Serviva quindi una soluzione in grado di soddisfare il testing delle applicazioni client e rispondente a tre esigneze primarie: riconoscere al meglio gli elementi delle interfacce di Méthode, possedere forti caratteristiche di programmabilità, supportare gli ambienti Windows e Web.

La Risposta di Compuware:

TestPartner e Visual Basic ha permesso di innalzare ulteriormente la qualità del software con gli ulteriori vantaggi di supportare visualbasic, di essere completamente automatizzato e di ottimizzare il time to market del prodotto.

Soluzioni di Compuware utilizzate:

- Compuware TestPartner
- Compuware DevPartner

EidosMedia:

Nata nel 1999 per sviluppare soluzioni di content e knowledge management, EidosMedia occupa una posizione di leader nel settore editoriale. Per avere un'idea del successo conseguito in questi anni dalla società basta scorrere la lista dei clienti, dove compaiono editori italiani (Il Sole 24 Ore, Rcs, Adnkronos, ed altri), ma anche internazionali, come Financial Times e la svizzera Edipress. Nomi grandi e prestigiosi, come si vede, che autorizzano Angelo Grampa a definire EidosMedia, di cui è presidente "una piccola struttura per un mercato grande". E per un settore, quello dell'editoria, che deve poter contare su strumenti e tecnologie molto affidabili per ragioni facilmente intuibili (un giornale non può subire alcun intoppo nel suo iter produttivo…). Con le sue 45 persone, EidosMedia piccola lo è sul serio, seppur inserita all'interno di un gruppo comprendente altre due società con le quali ci sono forti sinergie: e-Press, servizi di implementazione e di primo livello di assistenza, nonché servizi di outsourcing, e Aleph Informatica, software house attiva nell'editoria professionale e nei sistemi di fidelizzazione.

La piattaforma Méthode

Prodotto bandiera di EidosMedia è Méthode, piattaforma di nuova generazione per il knowledge management e il publishing. Méthode copre le principali tecnologie Windows, Java, Web e Sun Solaris e combina caratteristiche chiave di vari tipi di applicazioni: knowledge management di classe enterprise, gestione integrata del workflow, sistemi di publishing basati sullo standard Xml, capacità di publishing multicanale. La road map prevede una "major release" all'anno e continui aggiornamenti a corollario.
Nel 2004, la società ha completato gli aspetti funzionali del prodotto, dal Web alla Tv, dalla syndication ai periodici. E già si profila all'orizzonte una nuova sfida per EidosMedia e per Méthode: "Ci prepariamo ad andare su altri mercati diversi dall'editoria, quelli in cui agiscono i fornitori di contenuti orizzontali - afferma Grampa - una strategia dettata dal cambiamento della stessa accezione di editore, che comprende ormai tutti i soggetti che forniscono informazioni, pubblica amministrazione compresa". Intanto continua l'espansione all'estero: nel mirino il Sudafrica (dove ci sono già rapporti consolidati) e la Francia.

Qualità, innanzitutto

La ricerca e sviluppo è il cuore di EidosMedia. Essa è affidata a sviluppatori di altissimo livello professionale, che da sempre costruiscono Méthode e le sue varie versioni utilizzando esclusivamente tecnologie allo stato dell'arte. Impegno nella R&S e nella ricerca costante della qualità non sono per EidosMedia un vuoto slogan né una trovata di marketing, ma fattori cruciali per il successo. "Gli ambienti nei quali deve operare Méthode sono mission critical - afferma Grampa - Da qui la necessità di garantire un'altissima affidabilità, al fine di evitare che i problemi siano segnalati dal cliente". Non a caso, la società ha creato un team di sette persone che lavorano all'area Quality Assurance, di cui è responsabile Massimo Barsotti: "Tra le nostre attività, il testing, la documentazione tecnica, il configuration management, il rilascio delle nuove versioni di Méthode e il secondo livello di supporto presso il cliente (il primo livello è competenza di e-Press)".

Progetti e tool per il testing

La qualità del software non può prescindere da un'intensa e rigorosa attività di testing.
Un assioma sempre presente nella sensibilità del management della società. "Le caratteristiche di criticità degli ambienti di installazione - dice Barsotti - ci hanno spinto a una forte attenzione alla qualità delle applicazioni server, sviluppando in casa una soluzione in grado di testare automaticamente tutti i nuovi rilasci". Si è cercato di soddisfare anche il testing della parte client con una soluzione che richiedeva però un pesante intervento manuale, con tutti gli inconvenienti del caso, ivi inclusa la difficoltà nell'implementare nuove funzionalità.
"Da qui - ricorda Barsotti - la decisione di dotarci di un tool per il test automatico delle applicazioni client che avrebbe dovuto rispondere a tre esigenze primarie, tutte di uguale importanza". Vediamole in rapida sintesi. In primo luogo, riconoscere al meglio gli elementi delle interfacce di Méthode, in modo da interagire senza problemi con Méthode.
In secondo luogo, essere dotato di forti caratteristiche di programmabilità, perché, se è fondamentale "attaccarsi", altrettanto importante è che quanto "registrato" non venga replicato pedissequamente, ma si aggiunga il valore dell'intelligenza.
Un esempio? Intervenire in modo automatico nel caso si riscontri un errore. In terzo luogo, supportare gli ambienti Windows e Web: una discriminante per EidosMedia, tant'è che, nel caso il mercato non avesse offerto nulla del genere, sarebbe stata disposta ad acquistare due sistemi tra loro complementari.
Dopo alcuni mesi di attività di software selection, la scelta è caduta su TestPartner, tool di Compuware, che soddisfaceva i tre requisiti di cui sopra, o meglio, come dice Grampa, "era quello che più ci si avvicinava.
Realisticamente, noi tendiamo a ridurre al minimo i problemi, a perseguire un'affidabilità molto alta. Obiettivi che TestPartner ci ha consentito di ottenere".
L'implementazione di TestPartner non ha presentato difficoltà; la semplicità di utilizzo del prodotto ha consentito al team di testing di "camminare da subito con le proprie gambe".

I vantaggi di TestPartner

In generale, il beneficio maggiore apportato a EidosMedia da TestPartner si identifica con l'obiettivo iniziale: quello di alzare ulteriormente la qualità del software. I vantaggi conseguiti formano un lungo elenco; vediamone alcuni.
Un vantaggio sta sicuramente nel fatto che TestPartner supporta senza problemi Visual Basic: "Utilizzare un linguaggio standard - precisa Barsotti - ci ha consentito di impadronirci in modo facile e immediato degli aspetti di programmazione di TestPartner.
Oggi, siamo in grado di scrivere un programma vero, ampio, complesso e ben strutturato".
Barsotti e Grampa sottolineano anche una caratteristica fondante di un ambiente automatizzato di test: la capacità di funzionare senza alcun intervento umano.
"Questo - sottolinea Barsotti - vuol dire che le persone del team di test si liberano dalle attività ripetitive, per loro natura poco soddisfacenti, per dedicarsi a test più significativi.
Il tutto si concretizza in un contributo di maggior qualità".
Ma non è tutto. Grampa e Barsotti sottolineano l'impatto che TestPartner ha sul ciclo di vita del software: "Automatizzare le procedure di test avvicina moltissimo le attività di testing a quelle di sviluppo, stimolando di fatto la cooperazione.
In questo modo, il prodotto è disponibile molto prima rispetto al passato, con una conseguente ottimizzazione del time-to-market". E ancora, lo strumento di Compuware mette insieme tutti i pezzi prodotti dai singoli sviluppatori, dando finalmente una visione d'insieme della soluzione.

Un rapporto di partnership

Da segnalare poi quello che sembra insieme un vantaggio e un'opportunità commerciale, che EidosMedia sta mettendo a punto per il prossimo futuro, e che è diretta conseguenza del fatto che Méthode, per affrontare in modo adeguato l'implementazione di grandi progetti, deve essere estremamente configurabile. "Spesso i nostri clienti sono dotati di propri processi di quality assurance sulle applicazioni client, basati su scenari di test manuali.
Il fatto di avere un prodotto programmabile come TestPartner ci consente di offrire, all'interno del contratto di manutenzione, anche un servizio di testing, definito secondo i criteri della qualità assurance del cliente.
Recentemente, EidosMedia ha acquistato da Compuware anche DevPartner: "Un rapporto che si rafforza - conclude Grampa - e che va ben al di là del semplice rapporto cliente-fornitore, configurandosi piuttosto come una vera e propria partnership, fatta di disponibilità, collaborazione e proposte costruttive, costi adeguati per una realtà come EidosMedia".