Home page del Modulo di Storia della Magna Grecia II

  • Presentazione del modulo
  • Novità
    • 3 Febbraio 2011: inserite in rete anche le diapositive relative alla lezione X: L'Italia in età imperiale: una regione senza storia? e alla lezione XI: L’Italia tardoantica: un’età di cambiamenti (che per ragioni di tempo non state trattate a lezione).
    • 20 Gennaio 2011: aggiornata le sezione Modalità della verifica.
    • 20 Gennaio 2011: inserite le diapositive relative alla lezione VII: Gli effetti delle guerre puniche sull’Italia meridionale, alla lezione VIII: L’impatto della romanizzazione sull’Italia meridionale nel II sec. a.C., e alla lezione IX: Le tensioni del I sec. a.C.: dalla Guerra Sociale alle guerre civili.
    • 11 Gennaio 2011: inserite le diapositive relative alla lezione V: Le guerre sannitiche, e alla lezione VI: La guerra contro Taranto e Pirro.
    • 15 Dicembre 2010: inserite le diapositive relative alla lezione IV: Le vicende di Roma fino alla vigilia dell’intervento in Italia meridionale.
    • 13 Dicembre 2010: inserite le diapositive relative alla lezione III: Il quadro etnico dell’Italia meridionale prima della conquista romana.
    • 6 Dicembre 2010: inserite le diapositive relative alla lezione II: Le fonti per lo studio dell'Italia antica.
    • 22 Novembre 2010: inserite le diapositive relative alla Presentazione del corso e alla lezione I: L’Italia antica e i suoi caratteri, con particolare riferimento all’Italia meridionale.
    • 19 Novembre 2010: creazione del sito web del modulo per l'anno accademico 2010-2011 e inserimento delle dispense.
  • Materiali didattici

  •  

    Presentazione del modulo

    Questo breve modulo da 5 crediti formativi universitari viene offerto per il I anno del corso di laurea in Scienze Turistiche dell'Università della Calabria, secondo l'ordinamento introdotto dal decreto ministeriale 270/2004. Il modulo è coordinato con quello di Storia della Magna Grecia I.


     

    Argomento del modulo

    il modulo si propone di ripercorrere i principali eventi storici e di esaminare i fondamentali tratti della civiltà dell’Italia meridionale in età romana (con particolare riferimento all’area che corrisponde all’odierna Calabria), dal periodo repubblicano all’età tardoantica, nel più ampio quadro della romanizzazione dell’Italia in età antica.


     

    Obiettivi del modulo

    L'inserimento nel piano di studi del corso di laurea in Scienze turistiche di un insegnamento come Storia della Magna Grecia è motivato dallo straordinario lascito che il mondo mondo antico ha consegnato al patrimonio culturale del nostro paese e della nostra regione in particolare; questo patrimonio culturale si traduce oggi in una importante risorsa turistica: è dunque opportuno che gli studenti del corso di laurea in Scienze turistiche sappiano almeno sommariamente inserire questo importante lascito nell’orizzonte storico, geografico e culturale che lo produsse.

    In particolare questo modulo si propone dunque di fornire un sommario quadro storico e geografico delle civiltà italiche e della civiltà romana, con particolare riferimento all'Italia meridionale e alla regione corrispondente all'attuale Calabria, esaminando le principali testimonianze e siti archeologici relativi alle civiltà italiche e alla civiltà romana in Italia meridionale. Al contempo il corso mira ad offrire agli studenti gli strumenti per un approfondimento autonomo dello studio delle civiltà italiche e della civiltà romana, sempre con particolare attenzione all'Italia meridionale.


     

    Modalità di svogimento del modulo

    Il modulo prevede 30 ore di lezione frontale e circa 95ore di studio individuale da parte degli studenti, con l'assistenza del docente, per un totale di 125 ore complessive di lavoro (ovvero 5 crediti).

    Nelle lezioni frontali analizzeremo il tema L'Italia meridionale in età romana, dalla conquista all'età tardoantica, con l’ausilio di materiali, quali testi e documenti antichi, immagini di monumenti e siti archeologici, mappe e carte geografiche. In particolare affronteremo i seguenti argomenti:

    1. L’oggetto del corso: l’Italia antica e i suoi caratteri, con particolare riferimento all'Italia meridionale.
    2. Le fonti per lo studio dell’Italia antica.
    3. Il quadro etnico dell’Italia dell'Italia meridionale prima della conquista romana.
    4. Le vicende di Roma fino alla vigilia dell’intervento in Italia meridionale.
    5. Le guerre sannitiche.
    6. Il conflitto con Taranto e Pirro.
    7. Gli effetti delle guerre puniche sull’Italia meridionale.
    8. L’impatto della romanizzazione sull’Italia meridionale nel II sec. a.C.
    9. Le tensioni del I sec. a.C.: dalla Guerra Sociale alle guerre civili.
    10. L’Italia meridionale nell’età del Principato, dalla sistemazione augustea alla fine del II sec. d.C.
    11. L’Italia meridionale nel periodo tardoantico: un età di cambiamenti.

    Nei momenti dello studio individuale gli studenti saranno chiamati a rielaborare gli argomenti affrontati a lezione, anche inquadrandoli negli sviluppi più generali delle civilità italiche e della civiltà romana tra V sec. a.C. e V sec. d.C.


     

    Bibliografia

    Per l'inquadramento generale della tematiche le dispense Le civiltà italiche e la civiltà romana in Italia, dal V sec. a.C. al V sec. d.C., che sono pubblicate in formato digitale in questo sito web e saranno inoltre disponibili in formato cartaceo presso la cartoleria "Sara", all’interno del Campus.

    Per gli argomenti sviluppati nelle lezioni, oltre agli appunti individuali, le diapositive che saranno proiettate durante le lezioni stesse, che saranno anch'esse rese progressivamente disponibili in questo sito web.


     

    Modalità della verifica

    La verifica, unica per i due moduli che compongono l'insegnamento di Storia della Magna Grecia, avverrà nella forma di un test al computer a risposta multipla; il test prevede un totale di 30 domande (15 sul modulo I, dedicato al periodo greco, e 15 sul modulo II, dedicato al periodo romano), per ciascuna delle quali saranno proposte 4 risposte, di cui solamente una esatta.

    Nella sessione invernale gli appelli d'esame sono previsti nei giorni di mercoledì 9 febbraio, ore 9,30 e di lunedì 28 febbraio, ore 15; entrambi gli appelli si svolgeranno nelle aule Inf. 1 e 2, al cubo 3C. Nel caso di mancato superamento dell'esame al primo appello è possibile iscriversi al secondo appello della sessione invernale.


     

    Contatti

    In presenza, presso lo studio del docente (Dipartimento di Storia, cubo 28C, V piano) negli orari di ricevimento, che durante il corso saranno i seguenti: martedì, ore 11-13 e mercoledì, ore 11-13.

    A distanza ai seguenti recapiti:


     

    Chi è il docente

    Mi sono laureato in Storia - indirizzo Antico presso l'Università di Bologna nel 1986 ed ho poi conseguito nel 1992 il titolo di Dottore di Ricerca in Storia Antica presso l'Università di Roma "La Sapienza". Nell'anno accademico 1992/1993 ho vinto presso l'Università di Bologna una borsa di studio post-dottorato. Negli anni successivi ho avuto diversi incarichi di didattica e ricerca presso l’Università di Bologna (Facoltà di Lettere e Filosofia e Facoltà di Beni culturali – sede di Ravenna), l’Università di Modena e Reggio Emilia e l’Università di Udine. Conseguita l'idoneità a professore associato per il settore disciplinare L-ANT/03 - Storia Romana nel 2001, ho preso servizio presso la Facoltà di Lettere e Filosofia dell'Università della Calabria il 30 dicembre 2004; nel settembre 2008 ho avuto la conferma in ruolo.

    I miei interessi di ricerca si sono concentrati dapprima sulla storia politica e sociale dell'Africa romana, che è stata oggetto della mia tesi di laurea su Il progetto graccano di colonizzazione africana, della tesi di dottorato, intitolata La provincia romana d'Africa ed i suoi amministratori in età repubblicana, e di alcuni articoli, tra i quali L'Africa arx omnium provinciarum in età tardorepubblicana, «Simblos. Scritti di Storia Antica», a cura di L. Criscuolo - G. Geraci - C. Salvaterra, Bologna 1995, pp. 75-128. Dal 1995 mi sono occupato in più occasioni dell'uso del computer nelle discipline antichistiche, a partire dall'esperienza della Rassegna degli Strumenti Informatici per lo Studio dell'Antichità Classica (http://www.rassegna.unibo.it), impegno culminato nella cura, con C. Salvaterra e U. Schmitzer, del volume La Rete di Arachne - Arachnes Netz, Stuttgart 2000. Negli ultimi tempi ho affiancato a questi temi ricerche di storia sociale dell'Italia romana, soprattutto attraverso la documentazione epigrafica: in particolare ho pubblicato la monografia Non arma virumque. Le occupazioni nell'epigrafia del Piceno, Bologna 20042 dedicato allo studio dei mestieri e delle associazioni professionali ricordate nelle iscrizioni della regio V dell'Italia augustea; nello stesso filone si può inquadrare il recente Medici «stranieri» e medici «integrati» nella documentazione epigrafica del mondo romano, «Medicina e società nel mondo antico. Atti del Convegno di Udine (4-5 ottobre 2005)», a cura di A. Marcone, Firenze 2006, pp. 111-141.


    Pagina a cura di Alessandro Cristofori (alessandro.cristofori@unical.it)

    Pagina creata il 29 novembre 2009

    Ultimo aggiornamento: 3 febbraio 2011

    © Università della Calabria 2009-2011