HALL 
(2017)


Hall, videoHD, 15'40'' (loop), pvc, frassino, 300x160x200 c.m. // Luogo, Anti-luogo e Relax, Museo Pino Pascali, Polignano a Mare (BA)
installation view. 2018

Casella di testo

Hall è una video-installazione che ripercorre le funzioni assunte nel tempo dall'ex colonia Regina Pacis di San Foca, narrando in forma critica i tratti salienti che hanno caratterizzato le diverse significazioni socio-politiche attribuite all'architettura. 
Dalla disciplina educativa della colonia, alla detenzione dei migranti, per giungere alla più attuale speculazione turistica e al consumo standardizzato nei resort di lusso: Hall è il luogo immaginario nel quale tre diverse storie di reclusione si incontrano. 
Senza soluzione di continuità le tre prospettive attraversano il grande fraintendimento sul significato di accoglienza e di ospitalità, mettendo in gioco una molteplicità di dicotomie e ponendo innumerevoli interrogativi sugli attuali sistemi di controllo che gravitano sul nostro corpo individuale, sul linguaggio collettivo, sulla sospensione del tempo ordinario, sulla speculazione del paesaggio e sulla sua trasformazione. 
Elementi che caratterizzano la ricerca dell'artista, che indaga con interesse estetico le relazioni tra architettura, paesaggio e cambiamenti sociali. 
Il video-saggio si conclude con lo srotolamento di un tappeto rosso che dal Regina Pacis si apre verso il mare, un atto performativo realizzato dall'artista e documentato grazie ad una ripresa zenitale. 
Nel paesaggio, l'azione si fa pittorica e il segno rosso, che collega l'architettura alla costa, trasforma il tessuto - emblema di un'accoglienza reverenziale - in un'allusione alla violenza di certe scelte o di certe azioni che ancora oggi segnano, con tacita rassegnazione, la quotidianità e il futuro di un'intera comunità territoriale.





HALL
intervento di Luca Coclite
All'interno del progetto “Et in terra Pacis”
a cura di RAMDOM
realizzata grazie al contributo del bando Nuove Opere – Arti Visive SIAE | Sillumina / Copia privata per i giovani, per la cultura e MiBACT.



HALL, still from video



Hall, videoHD, 15'40'' (loop), pvc, frassino, 300x160x200 c.m. Gagliano del Capo, installation view, 2017.



Hall, videoHD, 15'40'' (installation view, excerpt)




Luogo, Anti-Luogo e Relax, print on Hahnemühle paper, 52x52cm, 2018.




Hall, appunti dal Regina Pacis, inkjet print on baryta paper, 50x70 cm.

Casella di testo

Il lavoro video, che prende le forme di una videoinstallazione multimediale attraverso l’utilizzo di dispositivi intermediali, racconta tre storie che hanno attraversato dal 1960 ad oggi un luogo simbolico della storia del territorio salentino: l’ex centro di permanenza temporaneo Regina Pacis a San Foca, località balneare nel Comune di Melendugno.
In origine adibita tra la fine degli anni Sessanta e metà Ottanta a colonia estiva per bambini, la struttura è stata trasformata dal 1998 al 2006 nel più grande c.p.t. italiano, finito nella bufera di molti scandali giudiziari per le violenze subite dai rifugiati. Oggi è un ecomostro abbandonato che si appresta a diventare un resort a cinque stelle.
Regina Pacis rappresenta un luogo contraddittorio di passaggio e frontiera che, come il Salento, negli ultimi sei decenni ha vissuto una profonda metamorfosi segnata da tre differenti momenti della sua storia: l’epoca della tradizione e della dimensione popolare (ormai perduta), gli anni dell’immigrazione (dai Balcani e dal nord Africa) e l’era del turismo di massa.


Luogo, Anti-luogo e Relax, Museo Pino Pascali, Polignano a Mare (BA), installation view. 2018


Casella di testo

Crediti


Video, Suono e Testi: Luca Coclite

Voce: Giancarlo Stellini

Drone: Monidron s.r.l.

Attrice: Carol Priego

Location: Florence Ailleire, Biagino Bleve

Interviste: Antonio Perrone, Melissa Perrone

Archivio: Paolo Mele, Cooperativa Paz, Youtube

Grazie a Ruggero Rizzo, Giuseppe Sergi, Margherita MacrÏ.


http://etinterrapacis.ramdom.net


Press review

FLASH ART 
ATP Diary 
SEGNO