TV AREZZO
TV CASOLA IN LUNIGIANA (MS)TV GROSSETOTV MONTEPULCIANO (SI)TV POGGIBONSI (SI)
TV AULLA (MS)TV CHIUSI (SI)
TV LIVORNOTV MONTEVARCHI (AR)TV PRATO
TV BAGNONE (MS)TV FILATTIERA (MS)TV LUCCATV PISATV RIVIERA MASSA CARRARA (MS)
TV CARRARA (MS)TV FIRENZETV MASSATV PISTOIATV SIENA

RAI Mux 1 (TOSCANA)CANALE ITALIA Mux 1Mux TIVUITALIAMux START UP COMMUNICATIONMux TELECAMPIONE

Mux GRANDE ITALIA TV
Mux RETE 37 (TOSCANA) Mux TSD - TELE SAN DOMENICO Mux TVR TELEITALIA
Mux GRANDUCATO TV Mux RTV 38 (TOSCANA) Mux TV PRATO Mux TVR VOXSON (TOSCANA)
Mux ITALIA 7 (TOSCANA)
Mux TELE IDEA
Mux TV1 Mux UMBRIA TV (TOSCANA)
Mux CANALE 10 TOSCANAMux LA 8 (TOSCANA)Mux TELETRURIAMux TV9 (TOSCANA)
Mux CANALE 3 TOSCANAMux LINEA 1
Mux TOSCANA TVMux TVLARCHIVIO NEWS TOSCANA


                                  LA TV DIGITALE TERRESTRE IN TOSCANA

Questo è un sito di informazione sui canali televisivi del digitale terrestre e sulle radio ricevibili nel territorio
della regione TOSCANA. Contiene notizie, tabelle, dati, liste di tutti i canali e di tutte le frequenze ... e molto di più.
Le pagine sono solo a scopo informativo e vengono realizzate solo per passione e senza
scopo di lucro. Pertanto decliniamo ogni responsabilità perchè non hanno niente di ufficiale.

Il sito è realizzato in esclusiva da ANDREA POMILIO e RICCARDO GAFFOGLIO.

Per riprodurre le nostre informazioni bisogna citare la fonte di provenienza di questo sito.




Aggiungilo ai tuoi siti preferiti.




IL DIGITALE TERRESTRE IN TOSCANA
FREQUENZE TV CON COMPOSIZIONE MUX E Z@PPING DEI CANALI DI:
FIRENZE - AREZZO - CARRARA - LIVORNO - LUCCA - MASSA - PISA - PISTOIA - PRATO
SIENA
- AULLA (MS) - BAGNONE (MS) - CASOLA IN LUNIGIANA (MS) - FILATTIERA (MS)
RIVIERA MASSA CARRARA (MS) - CHIUSI (SI) - MONTEPULCIANO (SI) - POGGIBONSI (SI)



COLLABORA CON "L'ITALIA IN DIGITALE"
Sei appassionato di tv e radio e vuoi collaborare inviandoci le segnalazioni e le liste della tua zona?
Contattaci alla nostra mail
info@litaliaindigitale.it e inizia subito a condividere le tue informazioni su L'ITALIA IN DIGITALE.

Vuoi condividere le tue impressioni sul digitale terrestre? Ti interessa divulgare le informazioni in tuo possesso per aiutare chi è in difficoltà nella ricezione del DTT?
Vuoi lanciare un messaggio visibile agli utenti de l'Italia in digitale? La nostra mail è:
sportello@litaliaindigitale.it
Pubblicheremo le vostre mail nello spazio SPORTELLO TV DIGIT@LE.
Potete utilizzare questa mail anche per dare una risposta, consiglio o parere sulle discussioni di questo sito.



IMMAGINI DEI RIPETITORI DEL MONTE SERRA (PISA).
Le foto sono state realizzate da Roberto di Colle di Val d'Elsa (Siena)














Il nostro nuovo indirizzo internet è:
www.litaliaindigitale.it

www.litaliaindigitale.it/toscanaindigitale








PER LE NOTIZIE CHE RIGUARDANO I MUX NAZIONALI CONSULTATE LA NOSTRA HOME PAGE





Clicca sulle immagini per vederle ingrandite


 9 APRILE 2014 - Mercoledì 

Ore 08.25 - CANALE 10 FIRENZE SARA' GESTITA DA TVR TELEITALIA.
Da giovedì 10 aprile sarà Tvr TeleItaila, emittente regionale toscana, gestirà la programmazione della storica etv Canale 10, fondata da Cecchi Gori e visibile sul canale 13 del digitale terrestre.
Tvr si occuperà della programmazione di tre fasce orarie: dalle 6 alle 8 di mattina, dalle 13 alle 14.30 e la sera dalle 19 in poi. Il tg andrà in onda alle 20.40 col titolo "Oggi in Toscana".
Molte trasmissioni saranno dedicate alla Fiorentina e al calcio, ci saranno rubriche di medicina anche con ospiti in studio e approfondimenti sul mondo del cinema con interviste in diretta.
Insieme al marchio Canale 10 sullo schermo apparirà anche quello di Tvr Più.

Tratto da: firenze.repubblica.it/cronaca/2014/04/08/news/canale_10_cambia_pelle_lo_gestir_tvr

https://lh4.googleusercontent.com/-vjPh9p2OASo/UqWqTcmtJsI/AAAAAAAEYTg/QN9jA9fKIkg/s1600/TVR%2520PIU.png


 19 GENNAIO 2014 - Domenica 

Ore 11.00 - MUX TV1: INSERITA LA GRIGLIA DEI CANALI E LO Z@PPING TV.
https://lh4.googleusercontent.com/-eIhjG63gxn8/UtkKb_sHMCI/AAAAAAAEwRc/Cvs7O3lREd8/s1600/TV1%252060.jpg
UHF 28 Mux TV1
Ulteriore novità nella sezione TOSCANA IN DIGITALE, oggi pubblichiamo la composizione e le immagini che abbiamo campionato dal locale provider TV1 che veicola 3 emittenti televisive:



https://lh4.googleusercontent.com/-ToHc4hhRr4I/UtuFeHBEEMI/AAAAAAAExOA/e8XJVXOQ-cE/s1600/00%2520B.PNG
   98 - TV1
287 - GRANDE ITALIA
640 - TOSCANA LIVE
















Abbiamo anche aggiornato la lista delle emittenti TV che si ricevono a SIENA, MONTEPULCIANO (SI) e POGGIBONSI (SI). Sull' UHF 28 sono linkati la griglia dei canali e lo z@pping TV del mux TV1.

Mux TV1 - Z@pping TV



 18 GENNAIO 2014 - Sabato 

Ore 16.30 - MUX GRANDE ITALIA TV: INSERITA LA GRIGLIA DEI CANALI E LO Z@PPING TV
https://lh6.googleusercontent.com/-Ypeb39CmhjY/UtkKXfMbvxI/AAAAAAAEwP4/VydptsLIkRY/s1600/GRANDE%2520ITALIA%2520TV%252060.jpg
UHF 51 Mux GRANDE ITALIA TV
Nella sezione TOSCANA IN DIGITALE inseriamo la griglia dei canali ed i relativi parametri tecnici dei 9 canali trasmessi dal provider GRANDE ITALIA TV.


https://lh4.googleusercontent.com/-WDgIsU0n7V0/UtlirVYBsmI/AAAAAAAEwoE/XurJvJwbM7I/s1600/00%2520B-001.jpg
  11 - TV1
  98 - GRANDE ITALIA
195 - TV1 NEWS 24
287 - GRANDE ITALIA SPORT
619 - FROG
640 - TOSCANA LIVE
683 - TV1 TUA
684 - AREZZO DIGITAL
685 - TOURIST CHANNEL





Mentre effettuavamo la rilevazione TOURIST CHANNEL (LCN 685) era a schermo nero. Consulta la griglia dei canali e lo z@pping TV del mux GRANDE ITALIA TV, associato alle liste delle emittenti TV che si ricevono a AREZZO.

Mux GRANDE ITALIA TV - Z@pping TV



 7 GENNAIO 2014 - Martedì 

Ore 23.35 - DIFFAMAZIONE E ISTIGAZIONE AL RAZZISMO: CONDANNE A RADIO STUDIO 54.
9 mesi di carcere al proprietario e speaker Guido Gheri e 6 al suo “aiuto” Salvatore Buono. Parte “lesa”: il Comune di Firenze
FIRENZE – Diffamazione e istigazione all’odio razziale: questi i reati per cui sono stati condannati stamani a Firenze il proprietario e speaker dell’emittente Radio Studio 54, Guido Gheri, e il suo “aiuto” in studio, Salvatore Buono, per frasi pronunciate in alcune trasmissioni, ritenute tali da istigare odio verso persone Rom e di essere diffamatorie verso il Comune di Firenze nonché, per altre circostanze, contro un ex collaboratore della radio.
Il giudice Marco Bouchard ha inflitto 9 mesi di condanna a Gheri, 6 mesi a Buono. Per la “spalla” la pena è sospesa, per Gheri no, avendo già avuto in passato altre condanne per diffamazione. Tra 60 giorni le motivazioni.
Il processo affrontava episodi diversi, riuniti in un solo procedimento, su affermazioni fatte dai microfoni di Radio Studio 54, storica emittente fiorentina di taglio popolare.
Tra gli episodi, diffamazione e istigazione all’odio razziale sono accuse relative ai commenti di Gheri e Buono sulla gestione del maxi-parcheggio a pagamento dell’ospedale di Careggi, da dove alcuni ascoltatori avevano segnalato incursioni di Rom e vandalismi. Nelle loro affermazioni, i condannati tirarono in causa anche il Comune di Firenze dicendo che nella vicina Prato, con la giunta di centrodestra, tali problemi non si verificano, anche perché nella città laniera ci sarebbe “gente che la mazzetta non la prende”.
Una frase che indusse il sindaco Matteo Renzi, ritenutosi offeso insieme al Comune di Firenze, a querelare Gheri e Buono e a far costituire il Comune parte civile. La condanna odierna per diffamazione riguarda, inoltre, anche frasi pronunciate a proposito di un ex collaboratore della radio, esperto in sicurezza sul lavoro. L’avvocato Paolo Florio, difensore di Guido Gheri, ha parlato di “sentenza sorprendente, date le miti richieste della procura” che, per l’istigazione, proponeva al giudice una multa e non il carcere.
“Ora – ha continuato il difensore – aspetto la motivazione del giudice. Ci riserviamo di fare ricorso in appello”. (Ansa)

Tratto da: www.giornalisticalabria.it/2014/01/07/diffamazione-e-istigazione-al-razzismo-condanne-a-radio-studio-54


 3 GENNAIO 2014 - Venerdì 

Ore 23.10 - MUX UMBRIA TV (TOSCANA): INSERITA LA GRIGLIA DEI CANALI E LO Z@PPING TV.
https://lh6.googleusercontent.com/-eiJg9gyIDI4/Usbi6aGG5OI/AAAAAAAEn2k/6RL67KD59cs/s1600/UMBRIA%2520TV%252060.jpg
UHF 44 Mux UMBRIA TV (TOSCANA)
Novità nella sezione TOSCANA IN DIGITALE, inseriamo la composizione del multiplex UMBRIA TV versione Toscana. Recentemente infatti abbiamo effettuato una rilevazione delle emittenti TV che si ricevono a MONTEPULCIANO (Siena) ed abbiamo potuto campionare tale mux trasmesso dal monte Cetona (Siena) sull' UHF 44.
Sono presenti 8 canali TV:


https://lh4.googleusercontent.com/-aqxkQX4Q6EQ/UsbifI0R5MI/AAAAAAAEoOA/97FpyUyKj98/s1600/00%2520B.jpg
  64 - Supertennis
  68 - play.me
110 - UmbriaTVTuttosport
173 - UmbriaTV
210 - UmbriaTV Gold
249 - DINAMICA
901 - UmbriaTV Plus
- RadioItaliaTV







Dei quattro canali prodotti dal provider perugino, tre trasmettono una propria progammazione, UmbriaTV (LCN 173), Umbria TVTuttosport (LCN 110) e UmbriaTV Gold (LCN 210), mentre UmbriaTV Plus (LCN 901) è un duplicato di UmbriaTV. Inoltre, come è avvenuto nei provider locali italiani, anche in questo mux RadioItaliaTV è trasmessa priva di LCN, pertanto sarà rimossa nei prossimi giorni e sarà veicolata esclusivamente dal RETE A Mux 1. Consulta la lista dei canali con i relativi parametri tecnici di UMBRIA TV (TOSCANA).

https://lh5.googleusercontent.com/-NQQ_woRR9Hk/UsbihaD16dI/AAAAAAAEnyE/Kn881xzWTJU/s1600/173%2520A.jpg
https://lh4.googleusercontent.com/-Gi2g7DIHCtk/Usbih6yKqQI/AAAAAAAEnyM/VCGoOhbXQsM/s1600/173%2520B.jpg

https://lh6.googleusercontent.com/-zX_XguNXA40/Usbij4qEZjI/AAAAAAAEnyk/diCoyqIv_OE/s1600/901%2520A.jpg
https://lh3.googleusercontent.com/-FYKzHfh4q00/Usbikhim7vI/AAAAAAAEnys/1T1NDha81O0/s1600/901%2520B.jpg
https://lh5.googleusercontent.com/-J6yraGtRIKM/UsbkTc5VhgI/AAAAAAAEn14/wNAX3FqWaMI/s1600/UMBRIA%2520TV%2520TUTTO%2520SPORT%2520133.png
https://lh3.googleusercontent.com/-C75IY1aCOnM/Usbif4TtzzI/AAAAAAAEnx0/73KRdgh-dp0/s1600/110%2520A.jpg
https://lh3.googleusercontent.com/-3yUEv_3T34w/UsbigtsyZqI/AAAAAAAEnx8/VAhaob-sjDM/s1600/110%2520B.jpg

https://lh6.googleusercontent.com/-qDvyH92EuuU/Usbiikw1-VI/AAAAAAAEnyU/W760To4x0qE/s1600/210%2520A.jpg
https://lh5.googleusercontent.com/-uPGK6mHlvVk/Usbijc8VxAI/AAAAAAAEnyc/xP_7IoOChEc/s1600/210%2520B.jpg

Mux UMBRIA TV ‎(TOSCANA)‎ - Z@pping TV



 17 DICEMBRE 2013 - Martedì 

Ore 12.00 - PUBBLICATA LA LISTA DELLE EMITTENTI TV CHE SI RICEVONO A CHIUSI (SIENA).
Novità nella sezione TOSCANA IN DIGITALE. Mentre continuiamo ad aggiornare le composizioni dei provider locali, integriamo il nostro database con la lista delle emittenti TV che si ricevono a CHIUSI in provincia di Siena. Proprio in questa località abbiamo potuto campionare, tra gli altri, il multiplex UMBRIA TV versione Toscana, trasmesso in alcune parti di questa regione sull' UHF 44, non ancora censito sulle pagine de L'ITALIA IN DIGITALE; nei prossimi giorni completeremo la relativa composizione con i dati tecnici e lo z@pping TV. Consulta la lista delle TV A CHIUSI (SI).


LE TV A CHIUSI

LE TV A CHIUSI (SIENA)


 13 DICEMBRE 2013 - Venerdì 

Ore 22.50 - MUX RTV 38 (TOSCANA) (UMBRIA) (LIGURIA): ELIMINATA TELEITALIA.
UHF 41 Mux RTV 38 (TOSCANA)
UHF 41 Mux RTV 38 (UMBRIA)
UHF 48 Mux RTV 38 (LIGURIA)

Dal provider RTV 38, diffuso in Toscana, Umbria e parte della Liguria (con numerazioni LCN assegnate in base alle rispettive regioni), è stata recentemente eliminata TELEITALIA che si posizionava sull' LCN 225. Abbiamo aggiornato le griglie dei canali e gli z@pping TV dei mux RTV 38 (TOSCANA), RTV 38 (UMBRIA) e RTV 38 (LIGURIA).
https://lh3.googleusercontent.com/-mKLIwCcxyKo/UqtY3lb1I9I/AAAAAAAEbpQ/Z6meulOpIf0/s1600/00%2520B.jpg
https://lh5.googleusercontent.com/-XOc0Mojlclc/Uqt5oc4YMvI/AAAAAAAEb1E/VPpf4-AFrsI/s1600/00%2520B%2520%25282%2529.jpg

https://lh5.googleusercontent.com/-H2meIAdwShw/Uqt-i6Mub4I/AAAAAAAEb4o/QT539W4aXFM/s1600/00%2520B%2520%25283%2529.jpg


 9 DICEMBRE 2013 - Lunedì 

Ore 16.25 - MUX TVR TELEITALIA: AGGIORNATA LA GRIGLIA DEI CANALI E LO Z@PPING TV.
https://lh3.googleusercontent.com/-qbVEUp7YIc0/UqWrI2z6ZjI/AAAAAAAEZJ4/fFZuaQR-WnY/s1600/TVR%2520TELEITALIA%252060.jpg
UHF 45 Mux TVR TELEITALIA
Trasferiamoci in TOSCANA e aggiorniamo la composizione del mux TVR TELEITALIA che veicola 11 emittenti TV, una radio e un canale dati.


https://lh4.googleusercontent.com/-nKkfTHco_D4/UqWq0ON-MDI/AAAAAAAEYvM/ifVnU84SYUY/s1600/00%2520B.jpg
  18 ­ - Toscana TV
  64 ­ - Supertennis
  68 ­ - Play.me
  70 ­ - RadioItalia TV
  77 ­ - 7 GOLD TVR TELEITALIA
124 ­ - Telemarket
125 ­ - Telemarket for you
196 ­ - TVR PIU'
211 ­ - CANALE 78
249 ­ - DINAMICA
­       - CANALE 78
­
       - Svc 10
703 ­ - Radio Z






Nel logo di Toscana TV (LCN 18) è presente anche la scritta canale 18, mentre in alcune trasmissioni 7 GOLD TVR TELEITALIA (LCN 77) posiziona il logo del circuito nazionale 7 GOLD in alto a destra. Mentre effettuavamo la rilevazione TVR PIU' (LCN 196) stava trasmettendo un programma di ITALIA 159, emittente presente nel provider CANALE ITALIA. Inoltre CANALE 78 è presente in duplice copia, una con la numerazione LCN 211 e l'altra senza LCN. Infine si sintonizza un canale dati a schermo nero denominato Svc10. Abbiamo aggiornato la griglia dei canali e lo z@pping TV del mux TVR TELEITALIA.
https://lh4.googleusercontent.com/-Uvg5aK6EM6o/UqWq0g4UpvI/AAAAAAAEZQI/5LCRC5PUyvQ/s1600/18%2520A.jpg
https://lh4.googleusercontent.com/-4-K2A4jLHkc/UqWq1eEtDJI/AAAAAAAEZRA/FTFmS9rHm30/s1600/18%2520B.jpg
https://lh4.googleusercontent.com/-j9t2d7GWTUg/UqWq115LTmI/AAAAAAAEZRI/WXprqEOOTps/s1600/77%2520A.jpg
https://lh6.googleusercontent.com/-NSzKw8M4hTU/UqWq2nIOesI/AAAAAAAEZRQ/POcRh4RKKpU/s1600/77%2520B.jpg
https://lh4.googleusercontent.com/-vjPh9p2OASo/UqWqTcmtJsI/AAAAAAAEYTg/QN9jA9fKIkg/s1600/TVR%2520PIU.png
https://lh6.googleusercontent.com/-NY2fVNbX3yc/UqWq3ZC7VEI/AAAAAAAEZRY/Ia648yQr6x4/s1600/196%2520A.jpg
https://lh5.googleusercontent.com/-QPlk-uj7Xuo/UqWq3_wUWLI/AAAAAAAEZRg/rTMg4cqhwCw/s1600/196%2520B.jpg
https://lh6.googleusercontent.com/-wLXekC8OoDI/UqWq4uC2alI/AAAAAAAEZRo/NEolhoSE8ME/s1600/211%2520A.jpg
https://lh6.googleusercontent.com/-IspAo4cXISg/UqWq5DxUjaI/AAAAAAAEZRw/zxg1r36ofZc/s1600/211%2520B.jpg

https://lh5.googleusercontent.com/-whWVIGXGwD0/UqWq5gJhvJI/AAAAAAAEZR4/foqGiG4b-Hg/s1600/NO%252001%2520A.jpg
https://lh3.googleusercontent.com/-r1leuUtoc1w/UqWq6QNkTnI/AAAAAAAEZSA/_FKyi2jpp4k/s1600/NO%252001%2520B.jpg

Mux TVR TELEITALIA - Z@pping TV



 3 DICEMBRE 2013 - Martedì 

Ore 10.50 - MUX TELE IDEA: REALIZZATA LA GRIGLIA DEI CANALI E LO Z@PPING TV.
https://lh6.googleusercontent.com/-x0B0GID_6dw/Up2b-6QZn9I/AAAAAAAETh8/cbBIjW8hHj0/s1600/TELE%2520IDEA%252060.jpg
UHF 28 Mux TELE IDEA
https://lh3.googleusercontent.com/-jd0ACeSEM5k/Up2cAGS5nGI/AAAAAAAETiU/mSCA5zT5sTI/s1600/TELE%2520IDEA%2520NEWS%252052.jpg
https://lh5.googleusercontent.com/-ywTWPajVbvE/Up2cBVyWoaI/AAAAAAAETi0/W_A_8dj_4Nw/s1600/TELETRURIA%252052.jpg
Nella sezione TOSCANA IN DIGITALE e nella lista delle emittenti TV che abbiamo recentemente sintonizzato ad AREZZO sull' UHF 28 inseriamo la composizione e le immagini dei canali del mux TELEIDEA che veicola 5 canali TV:


https://lh3.googleusercontent.com/-atl6G5YGllc/Up2bu_8uW3I/AAAAAAAETjQ/DrTnwqK7S5c/s1600/00%2520B.jpg
   86 - TELE IDEA
   87 - TELETRURIA
625 - TELE IDEA SPORT
687 - TELE IDEA STORIA
699 - TELE IDEA NEWS













Segnaliamo che TELE IDEA SPORT (LCN 625) è un duplicato di TELE IDEA NEWS (LCN 699), mentre TELE IDEA STORIA (LCN 687) trasmette la programmazione di TELE IDEA (LCN 86).
Consulta la griglia dei canali con i parametri tecnici e lo z@pping TV del mux
TELEIDEA.
https://lh5.googleusercontent.com/-T2apVCtsQSc/Up2bvaXq9SI/AAAAAAAETjY/td3AM8e4jSk/s1600/86%2520A.jpg
https://lh3.googleusercontent.com/--9tB1ru3Sjo/Up2bwFLdkXI/AAAAAAAETjg/W0J2rsZfkJw/s1600/86%2520B.jpg

https://lh4.googleusercontent.com/-AWIRNpo84SI/Up2bzbvFENI/AAAAAAAETkI/nrm9_UUdpq4/s1600/687%2520A.jpg
https://lh3.googleusercontent.com/-tWYtwAY33jQ/Up2b0NlJigI/AAAAAAAETkQ/mhLQ3WHBNXc/s1600/687%2520B.jpg
https://lh3.googleusercontent.com/-IyikZnwjFJQ/Up2b04NqL9I/AAAAAAAETkY/hsE8sb2aB6c/s1600/699%2520A.jpg
https://lh5.googleusercontent.com/-yXDwJRExpcY/Up2b1pKdhgI/AAAAAAAETkg/1OWuvKQQuxc/s1600/699%2520B.jpg

https://lh5.googleusercontent.com/-EHLt_EvtRK0/Up2byPZntSI/AAAAAAAETj4/UYq06rEzgcE/s1600/625%2520A.jpg
https://lh3.googleusercontent.com/-ydQoZSVVMFg/Up2by_9e8JI/AAAAAAAETkA/uIvqc38Uloc/s1600/625%2520B.jpg
https://lh5.googleusercontent.com/-_qkwmF5fGm0/Up2bw6YAYgI/AAAAAAAETjo/v0-JKa6IPMs/s1600/87%2520A.jpg
https://lh4.googleusercontent.com/-4Nc7tQwIFjg/Up2bxkooFQI/AAAAAAAETjw/I5LXS0-NvjA/s1600/87%2520B.jpg

Mux TELE IDEA - Z@pping TV



 15 NOVEMBRE 2013 - Venerdì 

Ore 21.55 - MUX TSD - TELE SAN DOMENICO: INSERITA LA GRIGLIA DEI CANALI E LO Z@PPING TV.
https://lh4.googleusercontent.com/-RH76dShLqF0/UoYEZWaAUKI/AAAAAAAEGMU/bH7Twtk9rmU/s1600/TSD%252060.jpg
UHF 25 Mux TSD - TELE SAN DOMENICO
Da oggi è possibile consultare la griglia aggiornata dei canali che fanno parte del provider toscano TSD - TELE SAN DOMENICO, dove sono presenti 3 canali TV.


https://lh4.googleusercontent.com/-njvO6HVTDHQ/UoYD7-oyClI/AAAAAAAEGKs/XdHAzSlCpSo/s1600/00%2520B.jpg
  85 - Tsd
  93 - LINEA UNO
217 - Tsd Format















Consulta la griglia dei canali con i relativi parametri tecnici, insieme allo z@pping TV del mux TSD - TELE SAN DOMENICO.

https://lh5.googleusercontent.com/-2vsqbbUf4jI/UoYEay8jkbI/AAAAAAAEGMw/02PgtVXytak/s1600/TSD%2520133.jpg

https://lh4.googleusercontent.com/-THnOVjvx7n8/UoYD8XighMI/AAAAAAAEGK0/AbFUGuVlOH0/s1600/85%2520A.jpg
https://lh6.googleusercontent.com/-MzyomPSxJbY/UoYD82eAvAI/AAAAAAAEGK8/rzzdg8fgdvA/s1600/85%2520B.jpg

https://lh6.googleusercontent.com/-IC7L4BKhFC0/UoYEY8LMhGI/AAAAAAAEGMk/4n9W8aAdo4M/s1600/LINEA%2520UNO%2520133.jpg

https://lh5.googleusercontent.com/-OccthIQT8Q0/UoYD9aRJ8WI/AAAAAAAEGLE/TziYuby54lc/s1600/93%2520A.jpg
https://lh5.googleusercontent.com/-vZRCgJsuZQ8/UoYD-Av2-RI/AAAAAAAEGLM/Vf3kSy41wo8/s1600/93%2520B.jpg

https://lh6.googleusercontent.com/-KETQ0T9rLoY/UoYEcpYNByI/AAAAAAAEGNM/H6VxUG-LNE8/s1600/TSD%2520FORMAT%2520133.jpg

https://lh6.googleusercontent.com/-kaIqS1IxVgU/UoYD_eXOfNI/AAAAAAAEGLc/vP59_eOTeRQ/s1600/217%2520A.jpg
https://lh5.googleusercontent.com/-aKpbqVpUOb0/UoYEAFEm5UI/AAAAAAAEGLk/LE34B5D9jRc/s1600/217%2520B.jpg

Mux TSD - TELE SAN DOMENICO - Z@pping TV



 6 NOVEMBRE 2013 - Mercoledì 

Ore 12.20 - MONCIATTI DI RETE VERSILIA QUERELA REPORT, ROMBI E ALTEMURA.
Scontro tra il governatore della Misericordia Roberto Monciatti e il giornalista di «Report» Giuliano Marrucci, nato sulla porta dell’ascensore di via Cavallotti, proseguirà di fronte al giudice. Dopo la messa in onda del servizio si Rai 3 sulla situazione di ReteVersilia, ieri mattina sono partite tre querele per diffamazione nei confronti di Daniela Rombi presidente dell’associazione dei familiari delle vittime della strage, di una giornalista locale e della troupe televisiva. Irreperibile per tutto il giorno il presidentissimo Monciatti che non ha preso parte al consiglio della Misericordia perchè impegnato in un convegno Aci a Roma. La formalizzazione delle denunce è stata annunciata in diretta dal conduttore Massimo Mazzolini e confermata dalle alte sfere dell’Arciconfraternita. Che il contenuto del servizio tv sarebbe andato ‘indigesto’ a Monciatti era più che prevedibile: gli intervistati (tra cui l’ex volto del tg Gabriele Altemura) hanno infatti lamentato a chiare lettere la progressiva deviazione di fondi dal sociale proprio per finanziare l’emittente locale. Con la portavoce dei familiari Daniela Rombi che ha addirittura sollevato più di una perplessità sugli stanziamenti post-disastro ferroviario transitati proprio sul conto della Misericordia. Secondo i ben informati al presidente dell’Arciconfraternita non sarebbe neppure piaciuto il blitz dell’inviato di Report dopo aver concordato un appuntamento: Monciatti si sarebbe infatti detto disponibile ad un incontro con la Rai, con l’unica condizione di poter avere anche una telecamera di Rete Versilia a registrare.
Nell’atto di querela alla troupe di Milena Gabbanelli si farebbe poi riferimento al taglio, nel montaggio del servizio televisivo, delle testimonianze rilasciate da alcuni fedelissimi della Misericordia (come Giuliano Micheli) che avrebbero fornito la loro versione dei fatti. Dal servizio andato in onda lunedì sera è stato tagliato l’intervento di Alberto Corsinovi, presidente delle Arciconfraternite toscane. «Ovviamente — spiega — ribadisco il massimo rispetto per coloro che stanno indagando sugli organi della Misericordia». Ma né il direttivo regionale, né quello nazionale, interverranno in alcun modo sulle diverse realtà locali. Neppure a Viareggio. «Ogni Arciconfraternita — aggiunge Corsinovi — è totalmente indipendente. Gli organi sociali operano in piena autonomia. Quello che possiamo fare è vigilare sul rispetto dei vincoli statutari».
A tal proposito per la metà di novembre è previsto il rinnovo della compagine sociale viareggina «che ogni due anni — prosegue — deve coinvolgere almeno il 50% dell’organigramma. Ci limiteremo a verificare che questa prescrizione venga rispettata». Rispetto invece al mandato vitalizio di Monciatti, Corsinovi spiega che «è valido, poiché si tratta di una particolarità delle vecchie carte costituzionali. Che possono eventualmente essere modificate solo da una maggioranza qualificata. I nuovi statuti invece fissano un termine massimo di due mandati consecutivi». Corsinovi non si sbilancia invece sulla questione dei fondi raccolti negli anni della Misericordia per le vittime della strage della stazione di cui la presidente dell’associazione il Mondo che vorrei, Daniela Rombi, ha in più occasione chiesto l’ammontare preciso e l’elenco dettagliato di coloro che ne hanno beneficiato. «A quanto so — conclude Corsinovi — ci sono delle indagini di polizia che stanno facendo delle verifiche per fugare ogni dubbio. Dunque attendiamo».

Tratto da: www.viareggiok.it/monciatti-querela-report-rombi-e-altemura


 25 OTTOBRE 2013 - Venerdì 

Ore 23.00 - RETE VERSILIA: NUOVA VIOLAZIONE DI NORME E CONTRATTI.
Le hanno accertate gli ispettori del lavoro. Indignazione dell’Assostampa Toscana: “Sono, da troppo tempo, sistematiche”.
Non sono finite le violazioni dei contratti e delle norme del lavoro a Rete Versilia. Dopo i licenziamenti in tronco, che il sindacato dei giornalisti ha già definito una delle più brutte pagine nella storia della televisione toscana, arriva ora la notizia delle violazioni accertate dagli ispettori del lavoro, mentre appare sempre più inaccettabile che, dopo lo smantellamento di fatto della redazione giornalistica, una parte significativa delle mansioni siano state affidate a un giornalista pensionato.
L’Associazione Stampa Toscana, sindacato unitario dei giornalisti toscani, deve ancora una volta manifestare il suo stupore e la sua indignazione per le sistematiche violazioni di cui, ormai da troppo tempo a questa parte, si sta rendendo responsabile la proprietà di questa emittente.
Il sindacato dei giornalisti mentre assicura la massima vigilanza anche per il futuro ripete ancora una volta il suo giudizio di assoluta inadeguatezza sugli attuali assetti societari e lavorerà per costruire nuove prospettive per i lavoratori dell’informazione e per il diritto all’informazione di qualità in questo territorio. Questo anche contribuendo ad indirizzare nel modo più corretto le risorse che la legge regionale sull’informazione metterà a disposizione.

Tratto da: www.giornalisticalabria.it/2013/10/24/rete-versilia-nuove-violazioni-di-norme-e-contratti


 15 OTTOBRE 2013 - Martedì 

Ore 22.45 - MUX TVL: AGGIORNATA LA GRIGLIA DEI CANALI LO Z@PPING TV.
UHF 25 Mux TVL
Aggiorniamo con nuove immagini lo z@pping tv del multiplex pistoiese TVL, composto da 8 emittenti tv. Segnaliamo che, al momento della nostra rilevazione, i canali TVLive (LCN 617) e TVL4 (LCN 679), che sono copie di TVL (LCN 11), stavano trasmettendo con il logo di TVL in forma e PTV (LCN 678) era in onda senza logo. Consulta la griglia dei canali e lo z@pping TV del mux TVL.









Mux TV LIBERA PISTOIA - Z@pping TV



 10 OTTOBRE 2013 - Giovedì 

Ore 23.30 - MUX TELETRURIA: INSERITA LA GRIGLIA DEI CANALI E LO Z@PPING TV.
UHF 21 Mux TELETRURIA
Nella sezione TOSCANA IN DIGITALE e nella lista delle emittenti TV che abbiamo recentemente sintonizzato ad AREZZO è possibile visualizzare i dettagli tecnici dei 6 canali TV trasmessi nel mux aretino TELETRURIA.


  10 - Teletruria
  86 - Tele Idea
  87 - Teletruria 2 102
  92 - VALDARNO CHANNEL
174 - TEVERE TV
185 - Teletruria + 1











Consulta le principali postazioni di emissione, i dettagli tecnici e lo z@pping TV del mux toscano TELETRURIA.


Mux TELETRURIA - Z@pping TV


Ore 21.30 - TOSCANA IN DIGITALE: REALIZZATA LA LISTA DELLE TV AD AREZZO.
Nella sezione TOSCANA IN DIGITALE abbiamo realizzato la liste delle tv sintonizzabili nelle città di AREZZO. Potete consultare, cliccando sui nomi dei provider, le composizioni e le immagini dei canali dei multiplex nazionali e locali. Consulta la lista delle TV AD AREZZO.





 5 OTTOBRE 2013 - Sabato 

Ore 12.45 - RETEVERSILIA PERDE ALTRI PEZZI.
Il giornalista Iacopo Mencuccini e il tecnico Daniele Catola lasciano Reteversilia. Entrambi erano stati confermati dall’editore insieme ad altri colleghi, mentre sette dipendenti dell’emittente erano stati licenziati. Con una lettera raccomandata hanno deciso di licenziarsi per giusta causa.Attualmente quindi l’organico della televisione è costituito dai giornalisti Massimo Mazzolini e Federico Conti, che è part time (lavora tre giorni la settimana), dai tecnici Edoardo Martinelli e Giampiero Pucci, la segretaria di produzione Claudia Di Colo e dalla responsabile commerciale, che ha un contratto da esterna, Giusy Muratore. Fin dal momento in cui era rientrato fra coloro che erano stati confermati dalla proprietà, Iacopo Mencuccini, che fra l’altro è tra coloro che avevano avviato una vertenza contro Reteversilia, non si sentiva a suo agio nel proseguire questa esperienza. Dunque dopo averci pensato su per qualche giorno hai deciso insieme a Daniele Catola di licenziarti?
«A questo punto non è solo un fatto economico – risponde Iacopo – abitando ad Altopascio venire a Viareggio tutti i giorni con cinque mesi di stipendi arretrati che avanzo, come gli altri colleghi, era diventato molto difficile. Ma questo aspetto passa in secondo piano, quello che mi ha dato maggiormente fastidio è il fatto che colleghi che sono di Viareggio e che hanno contribuito a far diventare Reteversilia quella che è sono stati messi alla porta mentre io ero stato “salvato”. Questo ha fatto scattare una molla dentro di me tanto da indurmi a lasciare questa esperienza, che comunque è stata importante dal punto di vista professionale». Da quanto tempo eri a Reteversilia? «In pratica due anni, dopo avere trascorso il primo anno a Canale 39 Lucca. Una volta che ha chiuso là, automaticamente sono stato assunto a Reteversilia. Per questo sono riconoscente all’editore Roberto Monciatti che mi ha dato la possibilità di svolgere un lavoro che mi piace. In pratica non avevo esperienza in tv, prima collaboravo al sito Gay.it di Alessio De Giorgi, poi dopo avere presentato domanda all’emittente sono stato chiamato per un colloquio e assunto. Ho trascorso anni molto belli con colleghi con i quali ho allacciato ottimi rapporti, come pure con le istituzioni, la città di Viareggio. Devo dire che anche con lo stesso Monciatti è andato tutto bene fino a un certo punto». Ti sei chiesto perché non abbia cercato con tutti voi di trovare una soluzione per salvare la situazione? «È quello che ci saremmo aspettati, era infatti una famiglia Reteversilia e come accade in questi casi ci possono essere degli alti e dei bassi, ma rimboccandoci le maniche sono certo che ce l’avremmo fatta perché nessuno di noi si è mai tirato indietro. Lui invece ha deciso di fare diversamente. Sento dire che andrà a Roma per trovare i soldi per pagare gli stipendi, ma non poteva farlo prima allora?» Cosa ti senti di dire a chi è rimasto? «Che la situazione per loro credo possa migliorare. A 29 anni spero di rimanere in questo ambiente, sono laureato in Scienze della comunicazione, altrimenti sono giovane e cercherò un altro tipo di lavoro».

Tratto da:
www.viareggiok.it/rete-versilia-perde-altri-pezzi


 27 SETTEMBRE 2013 - Venerdì 

Ore 09.25 - BETTI: "RETE VERSILIA, AZIONATO POPOLARE E ISTITUZIONI INSIEME PER RILEVARE LE FREQUENZE".
Oltre 500 firme raccolte dai sette dipendenti di Rete Versilia licenziati ieri dall'editore Roberto Monciatti. Stamani i lavoratori hanno organizzato, insieme ai sindacati, un presidio, distribuendo volantini con su scritto "La Versilia licenzia Monciatti" ed hanno raccolto firme a loro supporto. Tra i firmatari, presenti al presidio, il sindaco di Viareggio Leonardo Betti, con i colleghi di Pietrasanta e Camaiore, Domenico Lombardi e Alessandro Del Dotto, mentre il sindaco di Stazzema, Michele Silicani, ha inviato un comunicata di vicinanza ai lavoratori. C'erano però rappresentanti di tutti i Comuni della Versilia: l'assessore Stefano Natali per Massarosa e l'assessore Emanuele Tommasi di Forte dei Marmi, e il vice presidente del consiglio provinciale, David Marcucci.
"Sono soddisfatto - ha detto il sindaco di Viareggio - che la mia proposta di rilevare le frequenze televisive con una società a capitale pubblico privato, anche di azionariato popolare e con tutti i Comuni della Versilia, abbia incontrato così tanto favore: la speranza è che si riesca a salvare una apprezzata voce di informazione locale". L'editore Roberto Monciatti, presidente anche della Misericordia a cui fa capo l'emittente ha fatto sapere di essere intenzionato ad accogliere donazioni a fondo perduto, ma di non voler a vendere l'emittente. Al presidio erano presenti anche le telecamere di Report che sta preparando un servizio sulla Misericordia e su Reteversilia. Domani dalle 10 alle 13 altra manifestazione dei dipendenti licenziati, davanti alla sede della Misericordia di Viareggio, dove proprio domani mattina è prevista la riunione del consiglio.
"Vogliamo esprimere un caloroso ringraziamento - commentano i lavoratori di Rete Versilia insieme ai sindacati Slc-Cgil e FISTel-Cisl - a tutti quelli che hanno partecipato al presidio: dai cittadini ai molti rappresentanti delle istituzioni locali, portando la loro solidarietà, la loro voglia di dare una mano per risolvere il problema occupazionale e salvare una yelevisione così amata da un pericoloso quanto accelerato declino. La mobilitazione andrà avanti – domani mattina saremo davanti la misericordia per un'iniziativa flash, in occasione del Consiglio della Misericordia - così come il lavoro che di concerto abbiamo iniziato con la Provincia di Lucca e il Comune di Viareggio, in primis, perché i licenziamenti siano ritirati e si inizi quel confronto serio che da tempo stiamo chiedendo, per salvare la televisione e l'occupazione che essa può garantire".
"Le dichiarazioni da parte di Monciatti riguardo l'intenzione di non vendere mai la televisione, non hanno alcun merito, vista la situazione attuale e, man mano che passano i giorni, tale disponibilità riteniamo che sarà sempre meno nelle sue mani".

Tratto da:
www.luccaindiretta.it/versilia/item/15816-betti-rete-versilia-azionato-popolare-e-istituzioni-insieme-per-rilevare-le-frequenze


 24 SETTEMBRE 2013 - Martedì 

Ore 15.10 - RETEVERSILIA LICENZIA 7 DIPENDENTI.
VIAREGGIO. Licenziati sette lavoratori di Reteversilia. Stamani lettere per Gabriele Altamura, Patrick Poini, Claudio Romani, Lara Lazzeri, Andrea Montaresi.
Si inasprisce sempre più il rapporto tra l’editore e i lavoratori della emittente televisiva ReteVersilia. Dopo la settimana di sciopero a seguito di quattro mensilità non pagate, arriva per quasi tutti i lavoratori della tv la lettera di licenziamento. Che pare arriverà anche per Amine Boufarane e Vincenzo Calvanese.
In atto invece un incontro tra l’editore e altri lavoratori, Daniele Catola, Jacopo Mencucini e Federico Conti, assieme alla segretaria di redazione Claudia Di Colo.
Tensione altissima in via Cavallotti con i lavoratori che hanno inscenato una protesta in strada. A breve incontreranno anche il sindaco Leonardo Betti.

Tratto da:
http://www.versiliatoday.it/2013/09/24/reteversilia-licenziati-sette-lavoratori

Reteversilia licenzia sette dipendenti. E davanti alla sede di via Cavallotti, dove questa mattina sono state consegnate le lettere, scatta la protesta di giornalisti e tecnici cacciati dalla tv della Misericordia. Tra i vari slogan le invocazioni alla Guardia di finanza – che avrebbe aperto un’inchiesta sull’associazione di volontariato – e al programma Rai Report che in questi giorni era a Viareggio per un servizio.
Tratto da: www.viareggiok.it/rete-versilia-licenzia-7-dipendenti

Alta tensione in via Cavallotti a Viareggio, dove questa mattina ben cinque dipendenti di Rete Versilia, Gabriele Altemura, Patrick Poini, Claudio Romani, e la coppia di giornalisti convolati a nozze appena un mese fa Andrea Montaresi e Lara Lazzeri, si sono visti recapitare, brevi manu, altrettante letttere di licenziamento in tronco.
Una vertenza, quella tra i lavoratori - non pagati da cinque mesi e in sciopero da diversi giorni - e la dirigenza della nota emittente di patron Roberto Monciatti che si è inasprita, con la messa in ferie forzate e, oggi, con il licenziamento per motivi di riorganizzazione dell'azienda.
"Siamo spiacenti comunicarle - si legge nella lettera - che la scrivente società in ragione della gravissima crisi finanziaria, di liquidità e di bilancio, di cui ormai si dibatte da tempo, è costretta ad avviare un profondo riassetto organizzativo avente lo scopo primario e strutturale di ridurre gli ormai sempre maggiori costi aziendali sostenuti per il personale". Un provvedimento, ad effetto immediato, questo, che era nell'aria, forse, ma che ha colto di sorpresa i dipendenti vista la vertenza in corso e i tentativi, mediati, oltre che dal sindacato, anche da Assostampa, di arrivare ad una soluzione.
Altre due lettere analoghe pare siano in arrivo anche per due operatori, Amine Boufarane e Vincenzo Calvanese, mentre l'altro operatore, Daniele Catola, e i due giornalisti Federico Conti e Iacopo Mencuccini, assieme alla segretaria di redazione Claudia Di Colo, che dovranno incontrarsi domani con l'editore, dovrebbero rimanere nell'organico assieme a Massimo Mazzolini, che in questo caso assumerebbe il ruolo di direttore di testata.
"Adiremo tutte le vie legali possibili - afferma Gabriele Altemura, a nome di tutti i colleghi -, compresa la denuncia per comportamento anti sindacale nei confronti di Massimo Mazzolini che nei giorni di sciopero ha letto il telegiornale".
Il tempo di parlare con i colleghi delle testate giornalistiche viareggine, dalla Gazzetta alla Nazione, dall'Ansa al Tirreno, e i cinque colleghi licenziati, assieme a quelli ancora nell'organico di Rete Versilia, sono andati in comune, a parlare con il sindaco Leonardo Betti, che li ha ricevuti alla presenza dei consiglieri comunali Andrea Strambi, Isaliana Lazzarini e Chiara Bozzoli, in rappresentanza dei tre gruppi di maggioranza in Consiglio. Il primo cittadino ha manifestato la propria solidarietà ai lavoratori e la propria preoccupazione per la situazione dell’informazione televisiva locale e dell’occupazione, oltre che per quella generale della Misericordia di Viareggio, le cui cooperative sociali e di servizio sono indietro coi pagamenti degli stipendi ai dipendenti da ben otto mesi. Betti ha inoltre annunciato di aver inviato l’allegata lettera, indirizzata al Vescovo di Lucca, al Presidente della Confederazione Nazionale delle Misericordie d’Italia ed al Presidente delle Misericordie della Toscana, con in copia i vertici della Misericordia di Viareggio, chiedendo loro un interessamento alla vicenda. Nella lettera, tra l’altro, si parla di “tredici tra dipendenti e collaboratori che sono senza stipendio da mesi e molti dei quali da stamani si trovano senza lavoro; di una voce libera nell’informazione locale che va mantenuta; di un piano di rilancio dell’emittente che deve essere steso; di diritti fondamentali dei lavoratori – come quello allo sciopero - che devono essere in ogni caso garantiti; di proposte di imprenditori locali, pronti a rilevare le quote della società ed a rilanciare Rete Versilia, rimaste inascoltate.”. Il Sindaco si è infine impegnato coi lavoratori per capire quali strade percorrere al fine di salvare l’emittente e il dato occupazionale ed in tal senso ha annunciato che chiederà a breve una convocazione di una riunione ad hoc dei Sindaci dell’Unione dei Comuni".
"Gli avvenimenti odierni che hanno colpito i lavoratori di Rete Versilia sono solo la punta di un iceberg prevedibile nella sua grandezza, triste nella sua realtà. I lavoratori licenziati ad nutum sono ragazzi, uomini e ragazze con volti noti e meno noti, parte della nostra quotidianità, professionisti nel loro mestiere, con valige di sogni, progetti e famiglie da mantenere". E' la presidente del consiglio comunale avvocatessa Chiara Romanini che parla: "L'avevo già detto dopo la riunione tenuta in Provincia e lo ribadisco oggi: la gestione dell'emittente si manifesta ancora una volta alla deriva e pericolosa per il futuro non solo dell'emittente stessa ma di una struttura intera, la Misericordia, che appartiene alla memoria della nostra città. Poche parole per confermare la solidarietà che non si limita ai cinque lavoratori licenziati ma va a tutti i lavoratori che non vedono tutelati i propri diritti e che, purtroppo, sono nell'ombra a lavorare nei diversi rami in cui la Misericordia si estrinseca (cameraman, tecnici, operatori). Sparare sull'attuale gestione sarebbe come nascondersi dietro un dito: a non funzionare in via Cavallotti è una struttura intera che va ripresa per mano ed accompagnata verso un futuro più roseo. Mi auguro che le Amministrazioni di tutta la Versilia vogliano prendersi a cuore questa importante realtà facendo ogni passo necessario non solo a fianco dei lavoratori ma anche per ridare nuovo smalto all'Arciconfraternita da troppi anni lasciata a se stessa!".

I primi ad esprimere, via e-mail, la loro solidarietà sono stati i militanti del collettivo politico Caracol. Poi, a seguire, il consigliere comunale avvocatoMassimiliano Baldini del Movimento dei Cittadini per Viareggio e Torre del Lago: Pieno sostegno e piena solidarietà ai lavoratori di Reteversilia oggi licenziati. Siamo sinceramente preoccupati per quanto sta accadendo a Reteversilia. Una situazione che mette a repentaglio, ingiustamente, sia il prezioso patrimonio di esperienze acquisito dall'emittente in questi anni che i posti di lavoro di chi lavora alla televisione. Ci pare che vi sia una situazione intestardita ed incancrenita da troppo tempo che sta facendo prevalere una filosofia del tipo muoia Sansone e tutti i Filistei. E' necessario che le Istituzioni e tutti coloro che hanno la possibilità di compiere opera di mediazione fra le parti si mettano all'opera per evitare il peggio".
"Apprendiamo con dispiacere dei sette licenziamenti avvenuti - senza preavviso - ad altrettanti dipendenti dell’emittente viareggina Rete Versilia, da mesi impegnati in una dura vertenza sindacale volta alla salvaguardia dei posti di lavoro e alla sopravvivenza dell’emittente stessa", le parole sono quelle di Antonio Cima, capogruppo consiliare del PdL:" In un momento di crisi economica e occupazionale senza precedenti che colpisce quotidianamente ogni settore della nostra economia, anche a Viareggio e in Versilia, la notizia di un licenziamento in blocco come quello della tv versiliese non può che colpire.Nell’esprimere la nostra solidarietà ai lavoratori di Rete Versilia licenziati e ai dipendenti confermati ma ancora alle prese con un futuro incerto, auspichiamo un percorso condiviso tra l’azienda, i sindacati, i lavoratori e tutte le istituzioni pubbliche coinvolte affinché si trovi una soluzione adeguata alla tutela dei posti di lavoro e dell’informazione locale".
"E' Monciatti che deve essere licenziato - tuona la consigliera comunale di Viareggio tornerà bellissima, Rossella Martina: "I giornalisti di ReteVersilia Gabriele Altemura, Patrick Poini, Claudio Romani, Andrea Montaresi e Lara Lazzeri sono stati licenziati da Roberto Monciatti dopo i cinque giorni di sciopero attuati per protestare contro la mancata corresponsione dello stipendio da quattro mesi e contro la gestione ormai sconnessa della della rete. L'ennesima riprova, se necessario, che Roberto Monciatti non può più guidare la televisione e a nostro avviso nemmeno la Misericordia. E' Monciatti che dovrebbe essere licenziato per poter ridare serenità e prospettive di futuro a ReteVersilia ma anche alla storica confraternita ridotta a non poter più svoltugere i servizi di un tempo a causa della sciagurata gestione degli ultimi anni. Come consigliere di "Viareggio tornerà bellissima" sto già raccogliendo le firma per un consiglio comunale straordinario sui gravissimi fatti che stanno coinvolgendo ReteVersilia e la Misericordia di Viareggio".
"La crisi di Rete Versilia si aggrava e a farne le spese sono sette dipendenti che sono stati licenziati senza misericordia alcuna dal padre padrone della Misericordia, il discusso, Roberto Monciattti - scrivono in una nota i Dadaviruz: " Ai lavoratori licenziati va la nostra sincera solidarietà. La gestione dell'emittente, come del resto di molte altre attività, del signor Monciatti è avvenuta in modo poco trasparente. La stessa guardia di finanza sta svolgendo delle indagini. E' mai possibile, ci chiediamo, che la Misericordia proprietaria di enormi patrimoni frutto di eredità o donazioni non abbia mai saputo pensare al sociale ma solo ai profitti? Adesso però si è arrivati persino a licenziare dei lavoratori che da mesi lavoravano senza ricevere lo stipendio. Questa è l'ennesima vicenda indecente che avviene in questa città in decadenza. Da parte nostra invitiamo a non sintonizzarsi su quel canale per boicottare le panzane che racconta Monsignor Monciatti".
"La Federazione della Sinistra di Camaiore e il suo gruppo consiliare, esprimono piena solidarietà ai dipendenti di Rete Versilia, colpiti dalla minaccia della perdita del posto di lavoro". Recita il breve comunicato:" Nel sostenere l'importanza del servizio d'informazione che gli operatori dell'emittente hanno sempre assicurato, il partito e i membri del Consiglio sopracitati si rendono disponibili a intervenire affinché il provvedimento di licenziamento dei dipendenti del palinsesto venga immediatamente ritirato e si apra contestualmente un tavolo di confronto finalizzato a garantire occupazione e informazione".
"Mi giunge in questo momento la notizia del licenziamento di quasi tutti i dipendenti di Rete Versilia, notizia che mi lascia basito e amareggiato". E' il sindaco di Camaiore, Alessandro Del Dotto, che parla:" Tra loro, le persone che hanno scioperato negli ultimi giorni per la mancanza di stipendio da 4 mesi. Giovedì mattina andrò a Viareggio, insieme agli altri Sindaci della Versilia, per un presidio che contesta questa decisione, priva a mio avviso di logica e di rispetto per i diritti di quei ragazzi, che hanno continuato a lavorare per garantire un servizio a tutti noi. Questo è il punto più basso di una crisi che sembra senza fine, per un’emittente dal potenziale immenso ma purtroppo spesso inespresso, e che adesso rischia, senza un cambiamento drastico e necessario, di peggiorare ancora”.
“Un atto gravissimo sia per il metodo, sia per i tempi anche in virtù del fatto che si era comunque aperto un confronto tra enti, proprietà e sindacati”. Non usano mezzi termini gli assessori provinciali Francesco Bambini (vertenze sindacali) e Mario Regoli (politiche del lavoro) i quali, appresa la notizia dei 7 licenziamenti a Rete Versilia, non nascondono la loro preoccupazione e stigmatizzano il comportamento dell’azienda che controlla l’emittente televisiva. “Dopo il confronto a Palazzo Ducale dei giorni scorsi – dichiarano – abbiamo convocato un nuovo incontro per il 3 ottobre in Provincia, a Lucca, per fare il punto della situazione e verificare i piani dell’azienda per uscire dalla crisi. Pur consapevoli che si trattava, e si tratta, di un contesto difficile, ora apprendiamo che sono state consegnate 7 lettere di licenziamento ad altrettanti dipendenti di Rete Versilia”. Poi aggiungono: “Nei giorni scorsi da parte della proprietà sono state avanzate polemiche rispetto alle iniziative assunte dalle istituzioni rispetto a casi simili. Parole del tutto fuori luogo, mentre sul fronte della proprietà dobbiamo riscontrare un comportamento grave che mette tutti i soggetti di fronte a decisioni già assunte”. Gli amministratori della Provincia di Lucca, infine, si dicono “preoccupati per le recenti dichiarazioni da parte della proprietà secondo cui Rete Versilia verserebbe in forti difficoltà finanziarie” affermando che “serve un piano mirato di rilancio – concludono - per garantire la prosecuzione dell’attività di informazione televisiva ed, eventualmente, l’ingresso di nuovi capitali finanziari nella società. Ci auguriamo che oltre ai sindacati confederali, anche l’Associazione Stampa Toscana, il sindacato dei giornalisti, metta in campo le proprie forze”.
"Mi giunge notizia che i dipendenti di Rete Versilia siano stati improvvisamente tutti licenziati in tronco , motivando tale atto con la grave crisi economica e avvalendosi della facoltà di farlo avendo l'azienda meno di 15 lavoratori. La notizia colpisce per più motivi - questo il commento della senatrice del Pd Manuela Granaiola che aggiunge: " Il primo è che essendo in corso una dura vertenza sulle sorti della rete stessa, si tratta di un atto unilaterale tanto improvviso quanto inqualificabile e provocatorio. Il secondo è che Rete Versilia è fortemente radicata nel tessuto della comunicazione versiliese e ritengo che, per quanto complesso, si dovesse percorrere ogni strada per trovare una soluzione diversa, tesa cioè a garantire la sopravvivenza dell'emittente ed i relativi livelli occupazionali. Il terzo motivo riguarda il legame che sussiste tra la rete ed una storica associazione di volontariato cittadino come la Misericordia; in particolare, considerato proprio tale legame, non sarebbe male che l'associazione, dal livello locale a quello nazionale – attraverso i propri organi collegiali di direzione - si esprimesse chiaramente sul futuro di “Rete Versilia” e sulla drastica scelta del licenziamento in tronco di tutto il personale".
"Ci siamo scrive Armando Mancini - alla fine, come sempre, sono i lavoratori a essere puniti per aver osato lavorare in condizioni di precarietà e supersfruttamento come se fosse stata una decisione loro, dipendente dalla loro "libera" volontà e non da contratti ingiusti, di fame, di sfruttamento, vantaggiosi solo per i cosiddetti "datori di lavoro". Contratti tutt'ora in vigore e tutt'ora liberi di fare"vittime" tra i giovani e non giovani, tutt'ora liberi di illudere e scippare futuro, liberi di offrire lavoro precario con il costante ricatto del licenziamento, del fallimento. Una condizione disumana che accomuna lavoratori dell'industria, dell'artigianato, dei servizi, del settore pubblico e privato. Dopo aver dato molto alla cittadinanza e con tanti sacrifici Reteversilia chiude e sbatte sulla strada una decina di persone che hanno dato tanti anni e tanta professionalità per ottenere in cambio tanta precarietà e infine il licenziamento. "I rubinetti di Dio", delle varie lobby ecclesiastiche, stanno chiudendo i finanziamenti a pioggia finora "caduti" dal cielo nello spazio del Monciatti, non buttano più. Reteversilia è stata un importante servizio di informazione e approfondimento è necessaria un riflessione e una assunzione di responsabilità da parte del pubblico, in particolare del C.A.V.e far si che, se non si trovano "imprenditori"seri e non i soliti "prenditori", che da soli siano in grado di rilanciare Reteversilia, sia il pubblico, insieme a quei privati che vorranno starci, a rilanciare l'emittente su basi nuove e più stabili e a riassumere in pianta stabile tutti i dipendenti attualmente licenziati".
“Solidarietà e sostegno ai giornalisti di rete Versilia licenziati, in maniera vergognosa, dal presidente Roberto Monciatti- scrive il sindaco Franco Mungai. Ho avuto modo come Sindaco di conoscere molti di questi giornalisti. Sono professionisti a cui va la mia stima e quella dell’Amministrazione, che hanno svolto il loro lavoro con passione e professionalità. Averli tenuti per mesi e mesi sul filo del rasoio, nell’incertezza più assoluta sul loro futuro e soprattutto rimandando il pagamento dei loro stipendi, è un atteggiamento vergognoso. E’ Monciati che dovrebbe farsi da parte , lasciando a persone capaci e oneste intellettualmente il compito di portare avanti una televisione così ben radicata sul territorio e divenuta punto di riferimento per l’intera Versilia".
Le modalità con cui Monciatti ha condotto la presidenza della Misericordia e dell’emittente, per conservare la quale ha perfino introdotto una modifica allo Statuto che gli consente di restare, di fatto, in carica praticamente a vita, sono estremamente discutibili e non certamente aperte ad un futuro e ad un confronto democratico e civile.
Il comune di Massarosa- conclude – manifesta la sua disponibilità a partecipare ad un tavolo per la soluzione di questa questione che investe tutta la comunità versiliese, ribadendo ancora una volta l’indignazione per un comportamento antisindacale ed incivile”.
"L’Fc Esperia Viareggio - scrive il presidente - esprime la massima solidarietà ai lavoratori di rete Versilia che dopo molti disagi oggi sono stati licenziati. La nostra società ha sempre collaborato con i giornalisti e gli operatori della tv locale che hanno dimostrato attaccamento alla squadra della città e lavorato con noi con professionalità ed entusiasmo".
Intanto sulla vicenda di Reteversilia e della Misericordia ha messo gli occhi anche la Guardia di Finanza che, da quanto trapelato, avrebbe compiuto accertamenti nei giorni scorsi e venerdi' arriveranno da Firenze i vertici regionali delle Misericordie: i dipendenti delle cooperative che lavorano per la Misericordia da otto mesi non ricevono lo stipendio.
Solidarietà ai dipendenti di Rete Versilia anche da parte dell'autrice di queste poche righe, che conosce, e stima, profondamente, tutti i colleghi della tv viareggina, e in particolare a Gabriele Altemura, con il quale, negli anni, ha condiviso numerose "avventure" giornalistiche di cronaca nera.

Tratto da: www.lagazzettadiviareggio.it/cronaca/2013/09/rete-versilia-in-cinque-licenziati-in-tronco


 23 SETTEMBRE 2013 - Lunedì 

Ore 12.50 - MUX TOSCANA TV: ARRIVA RETE 79.
UHF 35 Mux TOSCANA TV
RETE 79 (LCN 79) continua ad ampliare la propria copertura, infatti, dopo essere stata recentemente inserita in due provider della Liguria, da qualche giorno è disponibile anche nel mux TOSCANA TV dell'omonima regione. RETE 79 trasmette la programmazione dell'emittente satellitare JUWELO TV. Abbiamo aggiornato la griglia dei canali e lo z@pping TV del mux TOSCANA TV.






 20 SETTEMBRE 2013 - Venerdì 

Ore 10.15 - I LAVORATORI DI RETE VERSILIA SCRIVONO AL VESCOVO, INDETTI SEI GIORNI DI SCIOPERO.
VIAREGGIO. I lavoratori di Rete Versilia, in sciopero fino a lunedì 23 Settembre, scrivono una lettera aperta al Vescovo di Lucca, Monsignor Italo Castellani in cui illustrano la grave situazione economica e umana che ha colpito l’emittente radiotelevisiva versiliese, facendo presente soprattutto l’atteggiamento “latente e inadeguato” della Misericordia di Viareggio.
“ Sua Eccellenza,
ci rivolgiamo a Lei come guida pastorale della nostra comunità alla luce della grave situazione di crisi economica e umana che da molti mesi sta colpendo e condizionando profondamente la vita quotidiana di noi lavoratrici e lavoratori di Rete Versilia, ad oggi senza stipendio da oltre quattro mesi.
Ad aggravare il disagio economico e sociale nostro e delle nostre famiglie l’atteggiamento latente e la sorda inadeguatezza dell’azienda, e della Misericordia di Viareggio che ne è proprietaria, a fornire risposte concrete ai lavoratori.
Una condotta anni luce distante dallo spirito di cristiana solidarietà proprio della Benemerita Arciconfraternita, che ben 13 anni fa ha intrapreso il suo inconsueto percorso imprenditoriale nel campo della comunicazione e dell’informazione al fine di offrire un servizio di pubblica utilità.
Dopo mesi di logorante attesa e di incondizionata fiducia nei confronti della proprietà e di ininterrotto impegno lavorativo, ancora constatiamo con dispiacere l’inadeguatezza delle risposte ricevute.
Certi che il nostro profondo disagio non sia sfuggito alla sua attenzione, confidiamo in una sua manifestazione di solidarietà e in un suo deciso richiamo affinché tali valori cristiani non abbiano più a vacillare”.

Tratto da:
www.versiliatoday.it/2013/09/19/i-lavoratori-rete-versilia-scrivono-al-vescovo


L’agitazione dopo che alcuni dipendenti sono stati messi in ferie forzate
DI GIORNO in giorno diventa sempre più esplosiva la situazione di Rete Versilia. E dopo le ultime vicende — personale messo in ferie di... forza, mancato pagamento delle mensilità annunciate — i dipendenti dell’emittente hanno deciso di forzare i tempi mettendo in pratica una decisione senza precedenti. «Sciopero continuativo per tutti i lavoratori dalle 16 di ieri fino alle 24 di lunedì prossimo». Come dire cinque giorni e mezzo di astensione prolungata nel corso dei quali «in occasione dei Tg verrà trasmesso un comunicato sindacale sull’intera vicenda». Insomma, l’impressione è che la corda si stia proprio per rompere nonostante le ripetute assicurazioni del patron dell’emittente Roberto Monciatti che ha assicurato anche ieri — in diretta tv — «che i problemi saranno risolti».
Ma i lavoratori (giornalisti e tecnici) non hanno voluto sentire ragione, passando all’azione dopo l’ennesimo confronto con i rappresentanti sindacali delle associazioni di categoria. «Quanto stanno sopportando i lavotori di Rete Versilia non è più tollerabile — hanno sottolineato i sindacalisti della Slc-Cgil e Fist-Cisl». Tra l’altro i dipendenti hanno rivolto anche un appello al vescovo di Lucca, monsignor Italo Castellani, per informarlo della situazione in cui si trovano. Un passo che probabilmente ha creato grande imbarazzo nella stessa Misericordia per i contatti giornalieri che ci sono con la Curia.
«DA UN MOMENTO all’altro — racconta Gabriele Altemura, portavoce dei dipendenti — alcuni colleghi sono stati messi in ferie senza essere informati». E così il braccio di ferro si è protratto per tutta la giornata fino a quando alle 16 dopo l’ennesimo confronto senza soluzione («siamo indietro di quattro mensilità e aumenta la preoccupazione per il nostro futuro» hanno ribadito alcuni dipendenti) è stato deciso di proclamare lo sciopero. «Tra l’altro — spiega ancora Gabriele Altemura — l’emittente deve chiarire che cosa vuol fare per certe trasmissioni nelle quali alcuni di noi hanno messo la faccia anche di fronte agli sponsor che hanno voluto sostenerci: rischiamo veramente non solo di fare una brutta figura di fronte alla gente e alla città ma anche di rimanere a piedi visto che nonostante tutte le assicurazioni di Monciatti l’emittente invece di risollevarsi perde terreno».

Tratto da: www.lanazione.it/viareggio/cronaca/2013/09/19/952236-reteversilia_ripiombata_caos


 19 SETTEMBRE 2013 - Giovedì 

Ore 13.30 - MUX TV PRATO: AGGIORNATA LA GRIGLIA DEI CANALI E LO Z@PPING TV.
UHF 21 Mux TV PRATO
Novità nella sezione TOSCANA IN DIGITALE, è possibile consultare la griglia con le immagini che abbiamo recentemente campionato nel mux TV PRATO, dove si sintonizzano 4 canali TV.


    74 - TVP
  85 - TSD
212 - TVP SPORT1
626 - TVP SPORT2

Consulta la griglia dei canali con i relativi parametri tecnici e lo z@pping TV del mux TV PRATO.




Mux TV PRATO - Z@pping TV



 15 SETTEMBRE 2013 - Domenica 

Ore 15.30 - MUX CANALE 3 TOSCANA: AGGIORNATA LA GRIGLIA DEI CANALI E LO Z@PPING TV.
UHF 51 Mux CANALE 3 TOSCANA
Nella sezione TOSCANA IN DIGITALE aggiorniamo la composizione del mux CANALE 3 TOSCANA che veicola 6 canali TV:


   12 - Canale 3 Toscana
210 - Canale Civico Siena
274 - Canale 6 Valdelsa
624 - Basket Channel 
(trasmette Canale 3 Sport)
696 - Canale 3 Sport
697 - Cavalli e c Channel


Consulta la griglia dei canali e lo z@pping TV del mux CANALE 3 TOSCANA.




Mux CANALE 3 TOSCANA - Z@pping TV



 11 SETTEMBRE 2013 - Mercoledì 

Ore 11.00 - MUX ITALIA 7 TOSCANA: AGGIORNATA LA GRIGLIA DEI CANALI E LO Z@PPING TV.
UHF 46 Mux ITALIA 7 TOSCANA
Recentemente abbiamo effettuato una rilevazione dei canali trasmessi dal mux ITALIA 7 TOSCANA che trasporta 6 canali TV.
Consulta la griglia con i parametri tecnici e le immagini dello z@pping TV delle emittenti del mux ITALIA 7 TOSCANA.




Mux ITALIA 7 TOSCANA - Z@pping TV



 10 SETTEMBRE 2013 - Martedì 

Ore 06.00 - RADIO BRUNO: TEMPORALE MANDA IN TILT LA FREQUENZA DEL MONTE SERRA.
Pomeriggio sfortunato anche per RadioBruno, la radio ufficiale dell’Empoli. La redazione sportiva di RadioBruno, contattata questa mattina dallo staff di PianetaEmpoli e messa al corrente delle tante segnalazioni pervenute in redazione da sportivi e tifosi tramite commenti ed email, ci ha prontamente risposto che era già al corrente del problema ma ha voluto scusarsi pubblicamente attraverso le nostre pagine con utenti, sportivi e tifosi azzurri.
“Pochi minuti prima del fischio d’inizio di Empoli-Trapani – si legge nella nota - si è abbattuto nelle vicinanze del Monte Serra, in provincia di Pisa, un classico temporale di fine estate che ha mandato in tilt alcuni apparati che gestiscono la diffusione delle frequenze. Tra queste proprio quella destinata alla partita dell’Empoli, tanto da non permettere la giusta propagazione della frequenza. Purtroppo il giorno festivo non ha permesso in tempi brevi, come al solito, l’invio dei tecnici per cercare di ovviare istantaneamente al problema. I primi venti minuti di partita, tra l’altro, sono risultati disturbati anche nel collegamento telefonico tra lo stadio “Carlo Castellani” e lo studio, come più volte ha segnalato, scusandosi con gli ascoltatori il nostro Gabriele Guastella. Problema, questo, poi per fortuna subito risolto.
Dalle verifiche effettuate dai nostri tecnici già nella tarda serata di ieri domenica, risulta che la partita sia andata in onda regolarmente senza nessun disturbo in tutte le zone servite, purtroppo tranne quelle più lontane dal Monte Serra ivi compresa quella di Empoli. Mentre su WebStreaming non si sono verificati problemi.
Intendiamo scusarci per questo contrattempo, ovviamente non dipeso dalla nostra volontà.
Precisiamo, inoltre, che dalla prossima partita esterna contro il Carpi, come programmato già da tempo, la partita su Empoli sarà ascoltabile nelle frequenze 102.8-103fm, quindi una maggiore ampiezza di frequenza che, non solo migliorerà ulteriormente la qualità di ascolto, ma garantirà una ancora maggiore ampiezza di diffusione delle partite dell’Empoli verso il comprensorio posto ad est della città stessa”.

Fonte: Radio Bruno Toscana

Tratto da: www.pianetaempoli.it/2013/09/09/empoli-f-c/radiobruno-sfortunata-contro-il-trapani-temporale-manda-tilt-frequenza


 8 SETTEMBRE 2013 - Domenica 

Ore 12.40 - MUX ANTENNA 5: AGGIORNATA LA GRIGLIA DEI CANALI E LO Z@PPING TV.
UHF 21 Mux ANTENNA 5
Nella sezione TOSCANA IN DIGITALE abbiamo inserito i parametri tecnici del mux ANTENNA 5 che veicola 6 canali TV e abbiamo aggiornato lo z@pping TV con le nuove immagini delle emittenti trasmesse.

  72 - ANTENNA 5
198 - ANTENNA 5 SPORT
622 - ANTENNA 5 EXTRA HD
691 - ANTENNA 5 NEWS
692 - ANTENNA 5 SILVER (trasmette ANTENNA 5)
693 - ANTENNA 5 SOCIAL


Segnaliamo che ANTENNA 5 EXTRA HD (LCN 622) trasmette la programmazione nel formato in H264 1920 x 1088, quindi il canale è realmente in alta definizione. Inoltre, al momento della nostra rilevazione, ANTENNA 5 SILVER (LCN 692) era un duplicato di ANTENNA 5 (LCN 72). Consulta la griglia dei canali e lo z@pping TV del mux toscano
ANTENNA 5.







Mux ANTENNA 5 - Z@pping TV



 3 SETTEMBRE 2013 - Martedì 

Ore 00.35 - RETE VERSILIA: UN’ALTRA GIORNATA DI SCIOPERO.
Giovedì i lavoratori di rete Versilia hanno informato la proprietà dell’apertura dello stato di agitazione sindacale a causa delle «mancate retribuzioni delle ultime tre mensilità e della continua latitanza della direzione, a presentare un piano aziendale per uscire dalle difficoltà, come richiesto da tempo dai sindacati». In tv avrebbe dovuto essere letto un comunicato sindacale contenente le motivazioni dello stato di agitazione all’interno dei tg di sabato e successive repliche nella giornata di ieri.
«Il presidente – si legge nella nota diffusa dai sindacati – ha tagliato il “pezzo” nelle successive repliche dei Tg in registrato. Il tg delle 20.25 dove vengono raccolti tutti i più importanti servizi è stato addirittura rimosso. E domenica ha censurato completamente i Tg, non mandandoli in onda! La Fistel-Cisl , la Slc Cgil di Lucca, la Rsa e i lavoratori, ritengono intollerabili e gravissimi i comportamenti messi in atto e dichiarano un’ulteriore giornata di sciopero per oggi, e l’eventuale denuncia per condotta antisindacale, nei confronti del presidente di Rete Versilia.

Tratto da:
www.viareggiok.it/rete-versilia-unaltra-giornata-di-sciopero


 29 AGOSTO 2013 - Giovedì 

Ore 11.40 - MASSAROSA (LUCCA): I CANALI TV NON SI VEDONO, IL SINDACO SCRIVE ALLA RAI.
Il primo cittadino protesta con l’emittente: negato un servizio ai cittadini che pagano il canone.
In molte zone del territorio comunale di Massarosa il segnale tv non arriva bene. E così
il sindaco Franco Mungai si è armato di “carta e penna” e ha scritto alla Rai. La missiva è stata anche inoltrata al Ministero dello Sviluppo Economico, alla senatrice Manuela Granaiola, al senatore Andrea Marcucci e all'onorevole Raffaella Mariani. «Continuano a pervenire - spiega Mungai - lamentele e formali segnalazioni da parte dei cittadini in merito a ripetuti e frequenti disservizi nella ricezione del digitale terrestre, problematica che interessa, a quanto riferito e segnalato, varie zone del territorio comunale. Si evidenzia in particolare che ad ogni accenno di maltempo, anche minimo, scompare il segnale di molti canali del digitale terrestre in special modo le reti della Rai. Continuano inoltre a non essere visibili, su parti del territorio comunale, numerosi canali tematici RAI ( Rai 4, Rai 5, Rai Sport. Si tratta di una situazione di grave disservizio: i cittadini sono privati in parte di un servizio pubblico per il quale pagano, come dovuto, il canone».
Tratto da: http://iltirreno.gelocal.it/versilia/cronaca/2013/08/28/news/i-canali-tv-non-si-vedono-il-sindaco-scrive-alla-rai-1.7643473

Panorama e palazzo municipale di Massarosa (Lucca)




 27 AGOSTO 2013 - Martedì 

Ore 00.25 - MUX TOSCANA TV: AGGIORNATA LA GRIGLIA DEI CANALI E LO Z@PPING TV.
UHF 35 Mux TOSCANA TV
Nei giorni scorsi abbiamo effettuato una rilevazione dei canali trasportati dal mux TOSCANA TV, di seguito vi elenchiamo le 8 TV, le 2 radio e i 4 canali dati:



   18 - TOSCANA TV
  65 - ACQUA
  72 - 72 Antenna 5
  77 - 7 GOLD TVR Teleitalia
194 - TOSCANA TV NEWS & SPORT 24
246 - UTELIT TV
618 - SEETEN TV (alterna anche il logo TOSCANA TV)
682 - SIENA TV
- Svc 102
- Svc 107
- Svc 111
- Svc 112

701 - Lady Radio
707 - RETE TOSCANA CLASSICA





Segnaliamo che 72 Antenna 5 (LCN 72) trasmette adiacente al proprio logo la scritta HD 622, questo vale solo per chi riceve il mux completo di ANTENNA 5. Per i dettagli tecnici consultate la griglia dei canali, mentre per visualizzare gli screenshot dei canali trasmessi consulta lo z@pping TV del mux TOSCANA TV.





Mux TOSCANA TV - Z@pping TV



 21 AGOSTO 2013 - Mercoledì 

Ore 22.45 - MUX 8 TOSCANA: INSERITO LO Z@PPING TV.
UHF 24 Mux 8 TOSCANA
Il nostro database della sezione TOSCANA IN DIGITALE si arricchisce di un nuovo z@pping TV, si tratta del mux 8 TOSCANA che contiene 7 emittenti TV: Teletruria (LCN 10), Italia 7 (LCN 17), Rete 37 (LCN 19), 8 Toscana (LCN 71), Tgt24 (LCN 197); le ultime due, in ordine di numerazione, TELE 37 (LCN 689) e Toscana paese mio (LCN 690) trasmettono le barre colorate. Consulta la griglia dei canali con i parametri tecnici e lo z@pping TV del mux 8 TOSCANA.




Mux 8 TOSCANA - Z@pping TV



 15 AGOSTO 2013 - Giovedì 

Ore 14.15 - RETE VERSILIA PASSA ALLA FONDAZIONE DELLA MISERICORDIA.
ReteVersilia ha pagato un mese dei tre di stipendio arretrato ai dipendenti, e Roberto Monciatti ha annunciato il piano di risanamento dei conti col passaggio della maggior parte della proprietà alla Fondazione Misericordia Viareggio.
«Abbiamo consegnato una mensilità ai dipendenti di ReteVersilia — spiega il presidente dell’arciconfraternita — Quindi le cose si stanno normalizzando e conto entro agosto di versare un’altra mensilità. A quel punto saremo in una situazione sostenibile, con un solo mese di arretrato. Poi comincerà il rilancio commerciale dell’emittente. Adesso la rete deve andare avanti con le proprie forze riducendo spese, aumentando la pubblicità, e poi anche gli enti pubblici che la usano per le loro notizie dovranno mettersi un po’ la mano in tasca, anche in maniera indiretta. Ci aspettiamo aiuti ovviamente nelle giuste forme legali».
«Sono convinto — prosegue Monciatti di portare il bilancio 2013 ad una forma accettabile: la proprietà della rete è la Misericordia, ma per 10 anni passerà alla Fondazione Misercordia Viareggio perché la legge prevede che le attività commerciali non possono essere gestiti in forma maggioritaria da un’associazione del volontariato. L’alternativa sarebbe stata vendere, ora invece la Misericordia manterrà una quota molto minoritaria. Abbiamo quindi optato per la fondazione per 10 anni, e dopo questo periodo si vedrà. Ma sotto il profilo economico stiamo uscendo dal guado. A livello personale c’è la soddisfazione di smentire chi ci dava per finiti, o o che avremmo ceduto la tv a gruppi politici e di potere. Non è vero».



 12 AGOSTO 2013 - Lunedì 

Ore 15.35 - CERCANO DI LEGGERE UN COMUNICATO SINDACALE, SALTA LA CORRENTE A RETEVERSILIA.
VIAREGGIO. “L’editore della televisione Roberto Monciatti, che è anche il presidente della Misericordia di Viareggio, ha staccato la corrente all’interno dell’emittente per impedirci di leggere il comunicato sindacale nel corso del telegiornale di stasera”. Lo affermano i dipendenti dell’emittente viareggina, in agitazione da qualche mese. I dipendenti sono saliti sul terrazzo dell’emittente in segno di protesta.
I dipendenti di Reteversilia poi sono riusciti a leggere il comunicato sindacale, che prima gli era stato vietato dall’editore.
Intanto Giusy dell’ufficio commerciale afferma che l’emittente ha un potenziale commerciale notevole e che l’ufficio non è stato potenziato, la crisi è dovuta alla cattiva gestione e non certo all’avvento del digitale che ha rafforzato l’emittenza locale. “Se avessi avuto quello che mi spetta – dice – mi sarei potenziato da sola l’ufficio che ha senza dubbio un potenziale economico importante”.

Tratto da: http://www.versiliatoday.it/2013/08/09/cercano-di-leggere-un-comunicato-sindacale-salta-il-segnale-di-reteversilia

Sullo stato di crisi di ReteVersilia inseriamo un recente articolo di Versilia Today.

”E’ inaccettabile che l’emittente televisiva di Viareggio “Rete Versilia”, da tre mesi non paghi i propri dipendenti”. Così i lavoratori della storica emittente viareggina legata alla Misericordia di Viareggio. Dipendenti che da oggi inizieranno a distribuire volantini per informare della loro situazione al Festivale Pucciniano, durante il Carnevale estivo, e in Versiliana a Villa Bertelli.
“Non ci sono giustificazioni – scrive – per chi lascia i propri lavoratori con le loro famiglie, senza il becco di un quattrino da più di 90 giorni, nell’impossibilità di vivere, per meglio dire sopravvivere ai tempi di oggi, rinunciando di fatto ai bisogni primari. Queste, sono purtroppo le condizioni che si trovano ad affrontare quotidianamente i lavoratori. E come si dice in questi casi, “ piove sul bagnato” perché di fatto, oltre che alle mancate retribuzioni degli ultimi 3 mesi, si sommano anche i tempi biblici per il pagamento delle ore in cassa integrazione in deroga, quindi, oltre che la beffa anche l’inganno”.
“Le Organizzazioni Sindacali fistel-cisl e slc cgil di lucca e la rsa, esprimono fortissime preoccupazioni sul proseguo di questa vertenza, sia dal punto di vista occupazionale che produttivo di questa emittente. Possiamo affermare tranquillamente, che solo attraverso il buon senso, la volontà e la determinazione di questi “ragazzi”, se ancora oggi, possiamo continuare ad avere una emittente “decente”. Una crisi che si è manifestata ad inizio 2012, riuscendo ad arginarla a fine anno attraverso la sottoscrizione di due accordi sindacali, il primo che prevedeva il recupero di alcune mensilità non pagate nel corso dell’anno e l’altro, al ricorso ad un primo trimestre con proroga di ulteriori tre mesi di ricorso alla cassa integrazione in deroga. Vi era inoltre, alcuni progetti e piani di lavoro aziendali, volte al rilancio di questa emittente”.
“Purtroppo – concludono i lavoratori – a circa un anno di distanza, i problemi sono ben lontani dall’essere stati risolti e oltre a richiedere un ulteriore intervento di cassa integrazione in deroga, si è manifestata una totale inadeguatezza da parte dei vertici di Rete Versilia a trovare proporre soluzioni per uscire dalle difficoltà. Non abbiamo nemmeno riscontri sugli esiti dei progetti in essere nel 2013 e ne tanto meno, un piano aziendale, volto al rilancio di questa emittente. Di certo, il settore delle emittenti televisive locali ha avuto una forte contrazione in termini di risorse economiche, derivato soprattutto dalla riduzione delle pubblicità e dai contributi, ma pensare di risolvere i problemi standosene alla finestra nell’attesa che “passi al nottata”, non sia la soluzione migliore. Troviamo per di più sconcertante e irrispettoso nei confronti di quei dipendenti, che danno comunque l’anima tutti i giorni nella speranza di salvaguardare il proprio posto di lavoro. Come richiesto nell’incontro del 30 luglio, Le Organizzazioni Sindacali, la RSA e i lavoratori, sono in attesa di un celere incontro, per avere risposte sia sulle retribuzioni mancanti, che la presentazione di un piano aziendale. Ci riserviamo, in mancanza di una data celere, di attuare uno stato di agitazione sindacale e una protesta attraverso tutte le forme che riterremo di intraprendere”.

Tratto da: http://www.versiliatoday.it/2013/08/09/da-oltre-90-giorni-senza-stipendio-i-lavoratori-di-reteversilia-vicini-allo-sciopero


 8 AGOSTO 2013 - Giovedì 

Ore 20.00 - MUX 50 CANALE: AGGIORNATA LA GRIGLIA DEI CANALI E LO Z@PPING TV.
UHF 51 Mux 50 CANALE
Aggiorniamo la composizione e le immagini del mux pisano 50 CANALE che trasmette 5 emittenti TV:


  12 - 50Canale
615 - 50Canale Galileo
671 - 50Young 3DT 
(Trasmette 4 RETE 3D)
672 - TTNEWS24 - 50 Social Network
673 - 50News


Il canale nominato 50Young 3DT (LCN 671) trasmette la programmazione dell'emittente torinese 4 Rete 3D (Quartarete 3D). Consulta i parametri tecnici e le immagini dei canali trasmessi attraverso la griglia e lo z@pping TV del mux 50 CANALE.






Mux 50 CANALE - Z@pping TV



 11 LUGLIO 2013 - Giovedì 

Ore 10.30 - E' MORTO STEFANO ANNUNZIATA, DIRETTORE DI TELERIVIERA.
E' morto all’ospedale di Siena Stefano Annunziata,48 anni, figlio di Giuseppe, fondatore e proprietario di Teleriviera. La causa del decesso sarebbe imputabile ad una complicazione di un problema cardiaco di cui Stefano era affetto da alcuni anni. Circa due anni fa infatti Stefano aveva subito un delicato intervento proprio all’ospedale di Siena, dove gli era stato trapiantato il cuore. Dopo un lungo silenzio, a causa dell’avvento della televisione digitale, qualche settimana fa l’emittente televisiva massese aveva riaperto i battenti e Stefano aveva assunto il ruolo di direttore. Nelle ultime settimane però le sue condizioni si erano aggravate. l'uomo lamentava un malessere persistente. E così la decisione di tornare all’ospedale di Siena per fare alcune analisi e dei controlli. Ma le sue condizioni si sono aggravate e nella notte il decesso all’ospedale di Siena dove tutti i tentativi di tenerlo in vita sono risultati inutili. L’imprenditore massese lascia due figli, Elena di 16 anni e il piccolo Leonardo di 6.

Tratto da: http://gabbianonews.tv/edizione/massa-carrara/articolo/stefano-annunziata-direttore-di-teleriviera-muore-dopo-il-trapianto



 12 GIUGNO 2013 - Mercoledì 

Ore 21.15 - RUBANO IL RIPETITORE DI MONTE LUCO A GAIOLE IN CHIANTI, DUE ARRESTI.
Autori dell'ingegnoso colpo due napoletani di 30 e 35 anni. Avevano ridotto il ripetitore in 50 pezzi, probabilmente da immettere sul mercato dei paesi dell'est, dove in questi mesi si sta passando al digitale terrestre
Arezzo - Hanno lasciato al buio l'intero Valdarno. Hanno smontato e portato via il ripetitore di Monte Luco nel comune di Gaiole in Chianti, che permette la trasmissione di tutte le televisioni locali e non solo. Nella notte quindi stop alle trasmissioni non solo delle televisioni aretine, da Arezzo Tv a Teletruria, il black out ha interessato anche canali nazionali da Mediaset alla Rai.
Un colpo ingegnoso, non c'è che dire. Ma i due furbetti autori dell'impresa non hanno fatto molta strada. Gli agenti della polizia stradale li hanno sorpresi a Lucignano ed arrestati. Sono due napoletani di 30 e 35 anni. A insospettire gli agenti, la Seat scassata sulla quale viaggiavano i due, colma fino al limite di oggetti. Quegli oggetti erano i 50 pezzi, della grandezza di un videoregistratore di antica memoria, nel quale era stato ridotto il ripetitire.
Lo hanno smontato, e se lo sono caricati in macchina. Poi sono scesi dalle montagne che separano il Valdarno dal Chianti per tornare, presumibilmente, verso Naapoli. Ma dopo pochi chilometri, dopo il casello del Valdarno, lo stop della polzia. Valore del ripetitore circa 500mila euro. Probabilmente era destinato ai paesi dell'est dove, in questi mesi, si sta passando al digitale terrestre.

Tratto da: http://www.sienafree.it/gaiole-in-chianti/50621-gaiole-smontano-e-rubano-ripetitore-tv-fermati-dalla-polizia-in-autostrada

LE IMMAGINI DELLA REFURTIVA
clicca sulla foto per vederne altre



 9 GIUGNO 2013 - Domenica 

Ore 21.40 - DOPO IL FORUM DIGITALE DI LUCCA: L'ITALIA E' SULLA CATTIVA O SULLA BUONA STRADA?
Certo, ci si può consolare o illudere dopo la decima edizione del Forum di Lucca (auguri!).
L'Italia viaggia veloce, o così sembra. Antonio Preto, commissario Agcom, nell'aprire i lavori con una relazione interessante ma che ha sforato i tempi, sottolinea come l'Italia sia il paese europeo con il più alto tasso di crescita degli Internet user, +24% annuo e, allo stesso tempo, il decimo mercato mondiale per il consumo di video on line. In Italia il 75% delle famiglie ha un televisore in HD, ricorderà in seguito Eutelsat.
Nessuno poi, in Europa, sta scorporando la rete come sta facendo Telecom Italia, continua Preto. Fin qui tutto bene e tutti d'accordo, anche se qualcuno dovrebbe quantomeno avanzare qualche dubbio sia sul nuovo socio cinese di TI sia sul destino della parte servizi di Telecom, speriamo non destinata a finire in bocca a qualche oligopolio nazionale. Preto continua con la teoria della tv come "unico media regolato" a fronte di un Web libero e folle. "I giganti del Web non possono più stare fuori dalle analisi di mercato". La tv è regolata sulla carta: qualcuno pensa che le interruzioni di un film fatte da Mediaset siano quelle previste dalle direttive europee? La tv italiana è stata il regno o delle regole ad aziendam (le tre reti analogiche per gruppo, la prima, il Sic una delle ultime) o di quelle mai rispettate (il 20% dei programmi come tetto antitrust mai calcolato dall'Agcom) .
Certo, i colossi del Web vanno inclusi nelle analisi, ma per la relativa quota sul mercato di lingua italiana, che non è facile da certificare, anche per la loro ritrosia a fornire dati su ricavi, costi, margini relativi a ciascun paese (anche per non pagarci le tasse).
Imprendiscibile è tutelare la protezione del diritto d'autore, come farà il prossimo Regolamento dell'Agcom. Preto, però, non accenna anche alla protezione della produzione europea, minacciata dalla volontà Usa di includere audiovisivo e cultura nel prossimo trattato commerciale.
Lo fa, invece, Silvia Costa, nel panel tutto femminile, decisamente il più stimolante dell'intero Forum. "Il 25% delle sale cinematografiche continentali rischia di chiudere nel 2014 a causa di uno switch off (dalla pellicola al digitale) voluto dalle major companies di Hollywood". "Occorre tutelare il patrimonio audiovisivo europeo, per questo chiediamo l'esclusione dal negoziato con gli Stati Uniti dei servizi audiovisivi e culturali. La cultura non è una merce: ha una natura duale, un valore economico ma anche un valore per lo sviluppo e vi è un totale squilibrio tra i giganti nordamericana e le imprese europee della cultura". La posta in gioco, insomma, non sono tanto e solo i regimi di finanziamento pubblico, statali e regionali, al cinema e agli audiovisivi ma il far sottostare o meno gli OTT, Google in testa, alle regole dei singoli paesi.
Nascono e crescono, certo, nuove imprese. Yam112003, guidata da Laura Corbetta, nasce come casa di produzione e oggi gestisce su You Tube, "che non è il nemico", 60 canali, spesso associati a una marca o a un brand aziendale, un po' come agli albori delle soap televisive. "Del resto Coca-Cola ha trasformato il suo portale aziendale in un magazine" ricorda Corbetta. Così come crescono nuovi canali sul digitale terrestre come quelli di Discovery, Real Time, con la sua community di un milione e centolmila amici e DMax o come La Effe, il canale della Feltrinelli Editore. Nuovi canali che devono però fare i conti con l'elevato costo del noleggio della capacità trasmissiva dagli operatori di rete: "per un megabit occorre più di un milione di euro" spiega Andrea Castellari di Discovery Networks. Forse, ha chiesto l'autore di questo blog, separando proprietariamente operatori di rete e fornitori di contenuti, per gli editori "puri" ci sarebbe un accesso più "facile" alla risorsa trasmissiva....
Roberta Enni, vicedirettore di RaiUno, pone il problema della Rai come servizio universale, concetto da calare ormai nella Rete, assicurando neutralità e accessibilità a tutti. C'è bisogno di regole e di educazione all'uso delle piattaforme". L'analfabetismo digitale della maggioranza degli italiani è un argomento uscito con forza a Lucca, così come l'offerta del satellite come alternativa economica al digitale terrestre per gli editori, con l'impegno di arrivare presto all'Ultra Hd, sottolinea Claudia Vaccaronedi Eutelsat. Il problema è la ricezione limitata ai possessori di parabole e non localizzabile per singole regioni o territori. Secondo Eutelsat, comunque, sono otto milioni le famiglie italiane che ricevono la tv via satellite, di cui il 56% a pagamento con Sky e il 44% gratuitamente, in gran parte con l'offerta di Tivùsat.

Importante, tra l'altro, quanto sottolineato da Alberto Morello, direttore del centro ricerche Rai di Torino: "In Italia abbiamo i migliori professori universitati (e i migliori ingegnieri, ndr) ma le Università non proteggono i propri brevetti e quindi manca un loro sfruttamento industriale".
Tratto da: http://marcomele.blog.ilsole24ore.com/2013/06/dopo-il-forum-digitale-di-lucca-italia


 5 GIUGNO 2013 - Mercoledì 

Ore 08.55 - MUX RTV 38 (UMBRIA): INSERITA LA GRIGLIA DEI CANALI E LO Z@PPING TV.
UHF 41 Mux RTV 38 (UMBRIA)
UHF 41 Mux RTV 38 (TOSCANA)
Nella lista delle emittenti TV che si ricevono a PERUGIA e TERNI, sull' UHF 41 inseriamo la griglia aggiornata e lo z@pping TV della versione umbra del mux RTV 38. Il mutiplex contiene otto canali tv, di cui tre dell'offerta pay per adulti HOT 1 (LCN 406), HOT 2 (LCN 407) e HOT 3 (LNC 408), e una emittente radio CONTRORADIO senza LCN. Vi ricordiamo che questo multiplex è diffuso anche in Toscana, e si differenzia da quello umbro per le diverse numerazioni LCN di tre canali, RTV38 (Toscana LCN 15, Umbria LCN 72), RTV38+1 (Toscana LCN 189, Umbria LCN 174) e 38 Shopping (Toscana LCN 613, Umbria LCN 274). Consulta pertanto le composizione aggiornate, con i dettagli tecnici, e gli z@pping TV dei mux RTV 38 (UMBRIA) e RTV 38 (TOSCANA).






Mux RTV 38 ‎(TOSCANA)‎ - Z@pping TV



 21 MAGGIO 2013 - Martedì 

Ore 11.55 - RADIO FLASH: DAL WEB AL DIGITALE TERRESTRE.
La storica radio di Livorno, rinata sul web dopo una pausa di dieci anni, adesso approda sul Canale 633. Il bilancio di un anno di ri-attività con il patron, Andrea Palermo.
Per trentacinque anni è stata la radio più ascoltata di Livorno. Poi il mondo è cambiato. Le radio libere sono state fagocitate dai grandi network, e Radio Flash, pur avendo tenuto duro fino alla fine, ha seguito lo stesso destino di tutte quelle realtà che, pur avendo fatto la storia della radiofonia locale in Italia, si sono viste costrette a chiudere i battenti, o meglio, i ripetitori. Grazie alle possibilità dello streaming, più di un anno fa si è riaffacciata in quell'etere virtuale che mette a disposizione la rete. Le trasmissioni sono ripartite a pieno ritmo, con molti dei conduttori di una volta, affiancati dalle nuove leve. Da poche settimane, grazie a un accordo con l'emittente livornese Telecentro, per quattro ore al giorno Flash si ascolta, e si vede, anche in televisione.

Andrea, come ti è venuta l'idea di far rinascere Radio Flash?

«La radio è una bella malattia, dalla quale non si guarisce mai del tutto. È una di quelle passioni che lasciano dipendenza, dopo averla fatta per tanto tempo, poi è una cosa che ti manca. Mi sono sentito con altri ex conduttori, ho creato prima un gruppo su Facebook, e visto il buon risultato di contatti, ho preso la cosa sul serio. Abbiamo fatto delle cene, delle riunioni e abbiamo trasformato il sogno in realtà. La vecchia radio era stata smantellata, le frequenze non esistevano più, idem per la vecchia società, siamo ripartiti da zero sul web. In realtà già due anni fa, quando abitavo all'Elba, ero partito con un esperimento in streaming più piccolo, sempre sul web, Radio Elba, che è stata l'apripista per Flash. Purtroppo là non avevo la disponibilità dei vecchi conduttori locali, mi mandavano dei registrati da Livorno gli storici dj Fabio Lenzi, Steve Martin e Charlie Dee, e adesso le web frequenze di Radio Elba sono confluite in Flash, che si ascolta su entrambe».
Ma avevate il progetto di cercare delle frequenze in etere?

«Purtroppo in Italia, per interesse delle lobby, è stato frenato lo sviluppo del FM digitale, che aumenterebbe lo spazio e quindi i valori in campo cambierebbero tantissimo. Con l'avvento del digitale, che all'estero è già una realtà, chi è concessionario di frequenze dovrebbe, come è successo per il digitale televisivo, dare spazio anche a emittenti concorrenti. È una rivoluzione che non vuole nessuno, e a soffrirne sono soprattutto le piccole realtà locali. Eravamo partiti anche con un progetto in onde medie (AM), ma al momento è fermo per un vuoto legislativo in merito».
Adesso però vi si è aperta una nuova strada.

«Abbiamo fatto una join venture con Telecentro, ci sono stati offerti dei buoni obiettivi di sinergia, che stiamo sviluppando. Oltre alla prospettiva del FM digitale, di cui loro hanno già una concessione che vedremo di sfruttare insieme, c'è già una collaborazione in cui la radio sta andando in televisione e la televisione va a curiosare nella radio. Ci stiamo scambiando contenuti. Allo stesso tempo, dal prossimo 27 maggio, noi inizieremo la conduzione di un talk show, in cui i nostri conduttori andranno a fare televisione. Il programma si chiamerà ironicamente "Radioscopio". Ti preannuncio che la sigla sarà molto divertente, richiamerà in qualche aspetto le prime trasmissioni di Roberto Benigni, Televacca».
Aveve condotto molte dirette outdoor nel corso di questo anno e mezzo: Baracchina Rossa, la Coppa Liburna, le ultime due edizioni del Tan. Nuovi progetti?

«Sicuramente la sinergia con la televisione ci aprirà la strada a nuove interessanti esterne. Anche il programma che ti dicevo è un apripista che potrebbe in futuro andare a curiosare nei vari happy hour della zona».
Avete già fatto un bel po' di strada, obiettivi futuri?

«Anzitutto il primo obbiettivo è tornare ad essere la radio di riferimento dei livornesi "in tutto e per tutto". Raggiungere la FM oggi è dura, sarebbe comunque uno step provvisorio, poiché guardiamo all'avvento dello standard FM digitale, il futuro DAB (Digital Audio Broadcasting), già diffuso in molte nazioni europee. E sicuramente una maggiore diffusione del web, su cui devo puntare ancora di più. Così come sui giovani e sui contenuti video, che oggi offrono grandi possibilità».
Radio Flash si può ascoltare 24 ore su 24 in streaming su:
www.radioflash.info w.radioflash.biz www.radioelba.it
Dalle ore 11 alle 13 e dalle 15 alle 17 in televisione. sul Canale 633 del digitale terrestre (Toscana Occidentale).
Tratto da: http://www.ognisette.it/societa/societa-2013/societa-maggio-2013/radio-flash-dal-web-al-digitale-terrestre


 18 MAGGIO 2013 - Sabato 

Ore 13.00 -  TOSCANA  - 10° FORUM EUROPEO DIGITALE A LUCCA: COMUNICATO STAMPA.
LUCCA - COMUNICATO STAMPA
PER LA CRESCITA DIGITALE

Lucca al centro dei Media Digitali, celebrando 10 anni dell’evento più longevo della nuova rivoluzione globale delle comunicazioni, delle relazioni sociali, dell’industria creativa e dei contenuti culturali.

Nello splendido scenario di Palazzo Ducale ed alla presenza di rappresentanti del Parlamento Europeo, Commissione Europea ed Istituzioni, 32 speakers, 83 miliardi di euro di fondi Ue, scenari sul 4k, Second Screen e 3D, saranno protagonisti di un evento memorabile.


LUCCA – Il Forum Europeo Digitale di Lucca taglia il traguardo dei 10 anni e celebra l’evento con un programma ricco di contenuti e speakers prestigiosi, ma, soprattutto, si pone l’obiettivo di indicare quale sia il piano per la crescita digitale in Italia ed Europa.

Con il 14% di contributo alla crescita del Pil italiano negli ultimi 4 anni, 700.000 nuovi posti di lavoro creati e 7 Mld di surplus per i consumatori italiani, l’economia digitale rappresenta una importante occasione per rafforzare le imprese e dare nuove risposte all’industria dei Media Digitali, che cercano soluzioni e progetti per uscire da una difficile fase finanziaria e di caduta degli investimenti.

Il 7 Giugno a Palazzo Ducale, l’Europa e le istituzioni italiane, ma anche i principali protagonisti del settore, sapranno delineare gli scenari competitivi e le soluzioni per aumentare l’offerta digitale sul mercato interno europeo ed internazionale.

“Le presenze di Amalia Sartori e Silvia Costa rappresentano un vanto ed un onore per il Forum Europeo 2013 – sottolinea Andrea Michelozzi, Presidente di Comunicare Digitale – perché non solo sono il prestigio italiano presso la sede del Parlamento Europeo, ma portano in dote “il monte dei fondi Ue” per un totale di 83 Mld di euro, che con Horizon 2020 ed Europa Creativa sono una occasione imperdibile ed importante per i Media Digitali italiani.”

Alla loro presenza si aggiungeranno anche interventi del Commissario per l’Industria Antonio Tajani, Vice Presidente della Commissione Europea, e di Roberto Viola, Dg della Connect della Ue, per conto del Commissario Neelie Kroes, oltre ad interventi di altri Mep del Parlamento Europeo, come Gianni Pittella, Patrizia Toia, Vittorio Prodi, Claudio Morganti, Niccolò Rinaldi ed Erminia Mazzoni, personalità riconosciute a livello globale, come Leonardo Chiariglione, “papà del Consorzio Mpeg” e Fabio Colasanti, Presidente dell’Istituto Internazionale di Comunicazione, già direttore generale della Commissione Europea.

Il Forum Europeo Digitale 2013 ha il patrocinio degli Uffici di Rappresentanza in Italia della Commissione Europea e del Parlamento Europeo.

“E’ un’edizione speciale e grazie al contributo di personalità di rilievo, sarà una giornata memorabile – aggiunge Michelozzi, perché con Hd Forum Italia riprenderemo la discussione sulla qualità digitale con la novità del 4k, che ha riscosso un importante successo nella conferenza di Saint Vincent; presenteremo un panel “tutto al femminile” sui contenuti digitali, mai visto prima in Italia ed ancora la visione dell’industria con i protagonisti della Tv, la convergenza con tablet e smartphone, l’utilizzo efficiente del satellite e gli aspetti regolamentari. Questioni pratiche, concrete, che vedranno Lucca protagonista anche con importanti iniziative che saranno annunciate in occasione del Forum”.

Per la parte internazionale, il Direttore Generale del Digital Television Group (tutta l’industria inglese), Richard Lindsay Davies, il Capo dello Sviluppo Connect Tv di Samsung, Nathan Sheffield, la Vice Chairman e Imprenditrice dell’Anno, Adriana Cisneros del Gruppo Cisneros, il produttore di contenuti d’avanguardia, Berti Kropac, saranno presenti a Palazzo Ducale.

“Abbiamo pensato al pubblico, ai ragazzi e nativi digitali per dare loro una occasione fantastica di conoscere meglio la rete ed avere una grande occasione di visibilità e, chissà, successo – annuncia Carla Bressan – Responsabile Organizzazione del Forum. Grazie a YouTube/Google e Yam112003/Endemol, presentiamo “Casi di successo per i creatori di contenuti” che è una guida su Come diventare una YouTube Star! ed è la prima volta che i partecipanti potranno comprendere come la produzione di nuovi contenuti potrà renderli popolari e dare una grande occasione di vedersi remunerare la loro idea.“


L’iniziativa è ad ingresso gratuito e con soli 60 posti a disposizione. Per iscriversi, è necessario inviare una mail a forum@comunicaredigitale.it.

Il programma della giornata e l’iscrizione gratuita al Forum Europeo Digitale sono consultabili su www.forumeuropeo.tv e www.comunicaredigitale.it. Hashtag Twitter #forumeuropeo.
La Conferenza si terrà nel meraviglioso scenario di Sala Ademollo di Palazzo Ducale, con l’area Expo e Tv in Sala Staffieri, Business Networking Area nella Loggia dell’Ammannati.


Ufficio Stampa FED 2013
Lodovico Poschi Meuron
+ 39 348 340 4306




 8 MAGGIO 2013 - Mercoledì 

Ore 01.20 - 10°FORUM EUROPEO DIGITALE: IL 7 GIUGNO 2013 A LUCCA.

10.a edizione del Forum Europeo Digitale
Sarà un'edizione stellare quella che il 7 Giugno prossimo si svolgerà nella straordinaria cornice del Palazzo Ducale di Lucca.

Non solo per celebrare il traguardo delle 10 edizioni del Forum, non solo per ripercorrere 10 anni condivisi con società, professionisti, ospiti e delegati dall'Europa e dai principali paesi del mondo, ma soprattutto per dare RISPOSTE, SOLUZIONI, IDEE e PROGETTI.


Questi i principali temi che saranno affrontati nell'edizione 2013:
* 4k/Hd/3D Europa
* Call su Media/Horizon 2020

* La Sfida dei Contenuti
* Satellite
* New Media&Ott


Il parterre de roi degli ospiti è di primissimo piano, a cominciare da Lia Sartori, Presidente della Commissione ITRE al Parlamento Europeo, Silvia Costa, Relatrice Europa Media al PE, Fabio Colasanti, Presidente dell'International Institute of Communications, Roberta Enni, Vice Direttore Rai 1, Andrea Castellari, Direttore Generale Discovery Networks, Alberto Morello, Direttore CR Rai, Federica Tremolada, Strategic Partner Manager YouTube/Google, Renato Farina, AD Eutelsat, Roberto Dini, Sisvel, Laura Carafoli, Discovery Networks, Richard Lindsay Davies, Direttore DTG Group Uk, Ernesto Apa, Portolano Cavallo, Leonardo Chiariglione, Mpeg, Valentina Frediani, DI&P, Margherita Acierno, Primaonline, Anna Masera, La Stampa, Francesca Carravieri, Rcs, Claudia Vaccarone, Eutelsat, Adriana Cisneros, Cisneros Group, Nathan Sheffield, Head App Samsung, a cui si aggiungono delegati di Smpte, Sony, Ericsson, Agcom, Iscom ... ma le novità non si fermano qui!

“Siamo molto soddisfatti del programma 2013 – ammette Andrea M. Michelozzi, Presidente di Comunicare Digitale, non solo per onorare il decennale del Forum Europeo di Lucca, ma per rispettare la “regola” di alzare sempre più l’asticella per temi affrontati, ospiti presenti e sfida su progetti da far nascere in occasione del Forum. In particolare, vorrei sottolineare l’importanza della presenza di Lia Sartori e Silvia Costa del Parlamento Europeo, che saranno a Lucca per illustrare le opportunità in Europa per le società italiane coinvolte nei settori dell’industria e dei contenuti”.

In occasione del Forum Europeo, tra le tante iniziative che saranno assunte, anche un esclusivo Workshop dal titolo “Come diventare una YouTube Star” che sarà condotto da Federica Tremolada di YouTube/Google e Laura Corbetta, Yam112003/Endemol, per illustrare le opportunità sulla rete e le innovative soluzioni video a disposizione.

“Siamo felici di accogliere a Lucca ospiti di prestigio, che rappresentano una occasione quasi unica per raccogliere idee, soluzioni e suggerimenti per le nuove sfide digitali dei media – dichiara Carla Bressan, Coo di Comunicare Digitale. Trovo strepitosa la sessione dedicata ai contenuti con sei donne straordinarie per talento e capacità; senza dimenticare il panel internazionale, davvero, notevole ed il testimone raccolto da Hd Forum Italia, per parlare di 4k, 3D e Alta Definizione. Gli ospiti istituzionali e speakers di talento rendono ricchissima questa edizione – conclude Bressan, che riserverà altre sorprese”.

Il Forum Europeo di Lucca è ad ingresso libero previa iscrizione su forumeuropeo.tv e comunicaredigitale.it.

In questa edizione, saranno consegnate anche copie di importanti studi ed analisi sulla Connect Tv, sul Passaggio al Digitale in quei paesi che concluderanno il processo nel 2013 e sulla penetrazione della Tv digitale in Italia.



 25 APRILE 2013 - Giovedì 

Ore 21.40 - IL DIGITALE TERRESTRE CONTINUA A FAR BIZZE A PIOMBINO: TV AL BUIO A SALIVOLI.
Gli installatori d’impianti: «Un problema di sincronizzazione dei segnali provenienti da vari ripetitori di Rai e La7».
PIOMBINO. Digitale, ancora tante difficoltà. Diciassette mesi infatti non sono bastati affinché il nuovo sistema di trasmissione televisivo trovasse anche sul nostro territorio - e in alcune aree in maniera decisamente particolare - una dimensione di stabilità.
E così, se in molte case l’offerta dei canali, anche di quelli principali, stenta a essere completa, non mancano quelle situazioni in cui, se ci sono, le reti vanno e vengono, talvolta “squadrettando”, talvolta lasciando gli spettatori, così su due piedi, improvvisamente “al buio”.
La zona d’eccellenza dei guai del digitale continua a essere, a Piombino, il quartiere Salivoli.
Salivoli dove gran parte dei problemi del digitale terrestre erano dovuti, almeno nel primo periodo della sua attivazione, dalle difficoltà di funzionamento sul ripetitore installato al Falcone.
«Quel ripetitore – spiegano dal negozio Tele.Sat dei fratelli Tagliaferri – dapprima era utilizzato per la visione di un certo numero di canali: adesso invece trasmette solamente i primi tre canali della Rai, mentre per le altre reti le antenne si agganciano ai ripetitori della Tolla e a quelli del Monte Argentario».
Proprio la confluenza di segnali diversi da parte dellla Rai sarebbe dunque la causa dei problemi che hanno disturbato non poco la visione dei telespettatori nelle ultime settimane.
«Il segnale offerto dalla Rai – spiegano infatti da un altro negozio di antenne, Crisat – arriva infatti da diverse postazioni, non ultima anche quella dell’Elba. Quei segnali dovrebbero essere tutti in sincrono, ma invece qualche volta capita che non lo siano e allora, in termini tecnici, si rileva la presenza di echi, appunto la causa diretta dei disturbi della visione».
La soluzione, a quel punto, qual è? Intervenire innanzitutto con gli strumenti adeguati per rilevare la presenza di questi echi, e, di conseguenza, affidarsi sempre ad antennisti professionisti.
Le strade da seguire dipendono dalle tipologie dell’impianto: in alcuni casi è possibile intervenire direttamente sull’antenna preesistente, oppure cambiarla, oppure, talvolta, aggiungere una seconda antenna.
«In tutta Italia – spiegano alla Crisat – il sistema Fsm, che è quello che è a capo del digitale terrestre, funziona bene. I programmi sono sulle stesse frequenze ovunque, ed è questa la ragione della creazione di quel sincrono che può essere alle radici di disagi degli utenti».
Non tutti gli impianti però, dicono ancora i tecnici Crisat, sono stati rivisti, anche se i controlli, coprendo man mano tutta la zona, porteranno nel tempo alla risoluzione dei problemi sull’intero territorio.
«Noi siamo sempre molto solerti quando si tratta di avvertire i tecnici Rai delle difficoltà che ci sono nella nostra area – sottolineano da Tele.Sat – e lo stesso facciamo con La7, altro canale che ha avuto diversi problemi di ricezione in tutta Piombino».
Insomma, una rete di interventi che col tempo dovrebbe risolvere quasi completamente i problemi che hanno caratterizzato il primo anno e mezzo di vita dal digitale terrestre a Piombino.
«Certo, piano piano le cose ci metteranno definitivamente a posto - concludono da Tele.Sat - Quello che possiamo fare al momento è cercare di potenziale il segnale dove è debole. È stato fatto anche con quei pochi impianti centralizzati rimasti, e anche in questo caso il piazzamento di un’altra antenna si è sempre rivelato risolutivo».

Tratto da:
http://iltirreno.gelocal.it/piombino/cronaca/2013/04/24/news/il-digitale-terrestre-continua-a-far-bizze-tv-al-buio-a-salivoli


 23 APRILE 2013 - Martedì 

Ore 10.50 - CAMERAMAN DI TELETRURIA TRAVOLTO DA UN CICLISTA.
CHIASSA SUPERIORE (Arezzo) – Una volata che poteva finire in tragedia, quella del ciclista Fabio Tommassini, 23 anni a settembre, nella corsa di ieri a Chiassa Superiore, alle porte di Arezzo. Appena tagliato il traguardo, il giovane velocista pesarese, arrivato secondo nella gara, non è riuscito a schivare il giornalista e cameraman di Teletruria, Carlo Casi, e gli è piombato addosso a tutta velocità.
Sono, quindi, finiti a terra entrambi, sia Casi che Tommassini, soccorsi e portati in ospedale. Il giornalista di Teletruria è rimasto ferito seriamente – nell’impatto con il velocista e la sua bici, la telecamera gli è rimbalzata contro il viso – e non se l’è cavata troppo bene neppure Tommassini: “E’ piuttosto acciaccato – dice il padre – e resta in osservazione”.

Tratto: http://www.giornalisticalabria.it/2013/04/22/paura-ad-arezzo-cameraman-travolto-da-un-ciclista/

Ciclista e cameraman a terra dopo l’impatto (Foto La Nazione Arezzo)


 21 APRILE 2013 - Domenica 

Ore 20.25 - MIGLIORA LA COPERTURA DI TSD TELE SAN DOMENICO.
Grazie ai lavori di miglioramento realizzati sulla nostra rete è possibile seguire TSD in tutta la Valtiberina. I telespettatori interessati a vedere i nostri programmi devono rifare la sintonia dei canali sul proprio decoder.
Per chi invece ha un televisore di ultima generazione con il decoder incorporato l’aggiornamento è automatico ogni 24 ore.
Il Mux di TSD è composto da 3 canali: TSD in onda sul canale 85, TSD Format sul canale 217 e TSD +1 sul canale 631, dove è possibile rivedere i programmi del canale 85 con un’ora di differita. TSD è l’emittente televisiva della diocesi di Arezzo-Cortona-Sansepolcro che si rivolge anche alle diocesi limitrofe di Città di Castello, Fiesole, Siena-Colle di Val d’Elsa-Montalcino. Nata nel 1980 come televisione della parrocchia di San Domenico ad Arezzo, è oggi affidata alla Fondazione TSD Comunicazioni che è stata costituita nel 1998 per lo sviluppo delle attività di comunicazione della Chiesa locale. In Toscana rappresenta l’emittente con il più alto livello di continuità negli ascolti coprendo un bacino d’utenza potenziale di circa 400mila spettatori.

Tratto da: http://www.tsdtv.it/digitale-terrestre


 7 APRILE 2013 - Domenica 

Ore 10.50 - UTELIT TV: REINTRODOTTO IL MARCHIO ROMIT TV, IL PRESIDENTE SCRIVE A L' ITALIA IN DIGITALE.
PIEMONTE - UHF 41 Mux TELESTAR (PIEMONTE)
LOMBARDIA - UHF 41 Mux TELESTAR (LOMBARDIA)
EMILIA-ROMAGNA - UHF 22 Mux TELEREGIONE EMILIA-ROMAGNA
VENETO - UHF 22 Mux 7 GOLD PLUS
TOSCANA - UHF 35 Mux TOSCANA TV
PUGLIA - UHF 21 Mux DELTA TV
SICILIAUHF 39 Mux 7 GOLD SICILIA 88 (EST) / UHF 39 Mux 7 GOLD SICILIA 88 (OVEST) / UHF 31 Mux 7 GOLD SICILIA 99

E' stato nuovamente introdotto il logo di Romit TV sul canale UTELIT TV (LCN 246) emittente di lingua rumena diffusa in Italia attraverso alcuni mux locali (qui sopra abbiamo elencato i principali).
E' presente sotto il logo anche la scritta UTELIT TV il popolo dei consumatori.
Nella giornata di ieri il presidente dell'emittente Rocco Monaco ha inserito un suo post sulla nostra bacheca Facebook:



Pertanto come ci riferisce il presidente di UTELIT TV a breve partiranno i programmi in lingua italiana, ricordiamo che al momento la programmazione è composta per la quasi totalità della giornata dalla ripetizione dell'emittente satellitare rumena PRO TV.




 20 MARZO 2013 - Mercoledì 

Ore 15.10 IN EVIDENZA  - IL MISE PUBBLICA UNA NUOVA REVISIONE DELLE GRADUATORIE DELLE EMITTENTI LOCALI DELLA TOSCANA.
A seguito di pronuncia giurisdizionale a favore dell’emittente televisiva TV1 - Ordinanza n. 02207/2013 del Tar Lazio - il Ministero ha rivisto la graduatoria per l’assegnazione dei diritti d’uso della regione Toscana, già pubblicata a novembre 2011, alla luce dei motivi del ricorso. La suddetta rivisitazione non ha variato la posizione in graduatoria dei soggetti utilmente collocati.
Le variazioni hanno interessato i soggetti posizionatisi al 19° - 20° e 21° - posto della graduatoria e per tale motivo potrebbero essere riviste le assegnazioni rilasciate ai soggetti non utilmente collocati.
Il Ministero dello Sviluppo Economico - Dipartimento per le Comunicazioni ha adottato nel 2011 i bandi per l'assegnazione delle frequenze in tecnica digitale terrestre alle emittenti televisive locali delle regioni Toscana e Umbria, aree tecniche da digitalizzare nel corso dell'anno 2011, ai sensi dell’art. 4, del decreto legge 31 marzo 2011, n. 34, convertito con modificazioni, dalla legge 26 maggio 2011, n. 75.

Revisione graduatoria EMITTENTI LOCALI TOSCANA




 01 MARZO 2013 - Venerdì 

Ore 23.55 - MUX RTV 38 (TOSCANA): ELIMINATA TG NORBA 24, ARRIVA ITALIA TV.
UHF 41 Mux RTV 38 (TOSCANA)
E' arrivata con la LCN 179 l'emittente ITALIA TV, mentre Il canale all news di Conversano (BA) TG NORBA24 (LCN 180 - in epg era denominata TG Norba) è stato rimosso da questo multiplex. Abbiamo aggiornato la lista dei canali e lo z@pping tv del mux RTV 38 (TOSCANA). Ringraziamo il gruppo Facebook VALDINIEVOLE DIGITALE.



 25 FEBBRAIO 2013 - Lunedì 

Ore 16.20 - MUX TVR VOXSON (TOSCANA): ARRIVA AB CHANNEL, ELIMINATO ATV7.
UHF 31 Mux TVR VOXSON (TOSCANA)
E' arrivata anche nel multiplex toscano di TVR VOXSON l'emittente abruzzese AB Channel, con la numerazione LCN 294. ha preso il posto di ATV7 che è stata eliminata. Abbiamo aggiornato la griglia dei canali e lo z@pping TV del mux TVR VOXSON (TOSCANA).







 22 FEBBRAIO 2013 - Venerdì 

Ore 09.35 - NUOVO LOGO PER STUDIO ITALIA.
L'emittente di televendite STUDIO ITALIA, sintonizzabile nei mux locali di alcune regioni con la numerazione LCN 225, ha cambiato il proprio logo, ora è simile a quello di
ITALIA TV (LCN 179), altro canale che fa parte dello stesso gruppo editoriale. Qui sotto potete vedere le differenza anche con il precedente logo, quello al centro. In onda sotto il logo c'è sempre fisso in sovraimpressione la scritta SHOP IN TV.


Questo l'elenco dei mux locali in alcune delle regioni in cui è presente STUDIO ITALIA (LCN 225):


PIEMONTE: UHF 32 Mux RETE 7 (PIEMONTE)



LOMBARDIA: UHF 51 Mux TELECOLOR



LIGURIA: UHF 53 Mux SESTARETE (LIGURIA)



EMILIA-ROMAGNA: UHF 42 Mux E' TV RETE 7



TOSCANA: UHF 41 Mux RTV 38



LAZIO: UHF 46 Mux GOLD TV




 20 FEBBRAIO 2013 - Mercoledì 

Ore 01.15 - ARRIVA DINAMICA CON LCN 249 AL POSTO DI CHANNEL 24.
Nei mux locali presenti in diverse regioni italiane che fanno capo a 7 GOLD, o ne sono consociate, è arrivato il nuovo canale DINAMICA, con la numerazione LCN 249
, già presente nel mux nazionale di RETECAPRI alla posizione LCN 120. E' stato eliminato CHANNEL24 (LCN 130) che dalla giornata di ieri era a schermo nero. Ricordiamo però che CHANNEL 24 risulta operativa nel mux di TIVUITALIA sempre sull' LCN 130.

Questo l'elenco dei mux locali nelle regioni in cui ci hanno segnalato l'arrivo di DINAMICA (LCN 249):


PIEMONTE: UHF 41 Mux TELESTAR (PIEMONTE)



LOMBARDIA: UHF 41 Mux TELESTAR (LOMBARDIA)



FRIULI VENEZIA GIULIA: UHF 46 Mux 7 GOLD PLUS



TOSCANA: UHF 45 Mux TVR TELEITALIA


UMBRIA: UHF 44 Mux UMBRIA TV


LAZIO: UHF 32 Mux 7 GOLD LAZIO



ABRUZZO: UHF 46 Mux ANTENNA 10


CAMPANIA: UHF 29 Mux JULIE TV


SICILIA: UHF 33 Mux TELESTAMPA SUD - 7 GOLD






 10 GENNAIO 2013 - Giovedì 

Ore 10.30 - "RADIO A" APPRODA IN TV SUL DIGITALE TERRESTRE.
AULLA. Radio A sta per approdare sul piccolo schermo. Infatti, l’emittente radiofonica lunigianese, che sta conoscendo un buon successo di pubblico, è vicina all’approdo sulle frequenze del digitale terrestre, per la precisione al canale 289, grazie al sostegno di una emittente storica per la provincia di Massa Carrara, ovvero Antenna 3. Nei primi giorni di febbraio ci sarà l’esordio ufficiale di una tv che si propone di portare sugli schermi lo studio radiofonico ubicato in via Nazionale ad Aulla. Naturalmente, sarà la musica a tenere banco, ma non mancheranno gli approfondimenti sull’attualità, dei quali tante persone in Lunigiana sentono la mancanza dopo che la mitica TeleApuana è scomparsa nei meandri del digitale terrestre, evidentemente non in grado di reggere l’urto dei necessari investimenti economici che l’innovazione tecnologica rappresentata dall’avvento del digitale richiede. In questo senso, la trasmissione di punta sarà “Samarcanda – Il salotto della Lunigiana”, condotta ogni sabato mattina, dalle ore 11 alle ore 12,30 da Antonello, Marco, Paola e Stefano. Per ora, “Samarcanda – Il salotto della Lunigiana” è un programma esclusivamente radiofonico, ma presto sarà anche visibile sul piccolo schermo. Sabato prossimo, tra l’altro, si parlerà ancora della situazione del ponte crollato a Serricciolo e delle polemiche di questi giorni sulla viabilità e sul transito dei tir sulla strada provinciale di Quercia e Olivola, ma anche della querelle relativa alla spazzatura nel Comune di Licciana Nardi. Visto che si è accennato a TeleApuana, da cui Radio A raccoglierà il testimone, giova ricordare che TeleApuana nasceva a Fivizzano il 19 dicembre 1984.
In breve tempo raggiunse l'obiettivo di creare una rete di alta frequenza in grado di servire tutti i Comuni della Lunigiana. Nei primi anni '90 gli studi dell'emittente venivano trasferiti a Piano di Quercia nel Comune di Licciana Nardi, dove sono rimasti fino al 1997, quando furono ubicati a Pontremoli. Veniamo, quindi, ai giorni nostri, all’avvento del digitale, con TeleApuana che sparisce dagli schermi, mentre regge l’urto Antenna 3, che trasmette da Massa. Ora Radio A Tv è pronta alla sfida e si accinge a dare battaglia per diventare la rete televisiva leader in Lunigiana.

Tratto da: http://iltirreno.gelocal.it/massa/cronaca/2013/01/08/news/radio-a-approda-in-tv-sul-digitale-terrestre



Per le notizie precedenti
CONSULTA L'ARCHIVIO NEWS TOSCANA