Foto:
RAI Mux 1 (VALLE D'AOSTA)
RAI Mux 1 (PIEMONTE)
RAI Mux 1 (LOMBARDIA)
RAI Mux 1 (VENETO)
RAI Mux 1 (TRENTINO)
RAI Mux 1 (ALTO ADIGE)
RAI Mux 1 (FRIULI VENEZIA GIULIA)
RAI Mux 1 (LIGURIA)
RAI Mux 1 (EMILIA-ROMAGNA)
RAI Mux 1 (VENETO / EMILIA-ROMAGNA)
RAI Mux 1 (TOSCANA)
RAI Mux 1 (UMBRIA)
RAI Mux 1 (MARCHE)
RAI Mux 1 (LAZIO)
RAI Mux 1 (ABRUZZO)
RAI Mux 1 (MOLISE)
RAI Mux 1 (CAMPANIA)
RAI Mux 1 (PUGLIA)
RAI Mux 1 (BASILICATA)
RAI Mux 1 (CALABRIA)
RAI Mux 1 (SICILIA)
RAI Mux 1 (SARDEGNA)
RAI Mux 2
RAI Mux 3
RAI Mux 4
RAI Mux 5
RAI Mux 6 (LAZIO)
RAI Mux FRANCE

MEDIASET Mux 1
MEDIASET Mux 2
MEDIASET Mux 3
TIMB Mux 1
TIMB Mux 2
TIMB Mux 3

Mux DFREE

Mux CAIRO DUE

CANALE ITALIA Mux 1
CANALE ITALIA Mux 2

MEDIASET Mux 4
MEDIASET Mux 5
RETE A Mux 1
RETE A Mux 2

Mux LA 3

Mux RETECAPRI

Mux EUROPA 7 (DVB-T2)



RAI MUX 5

- AGGIORNATO A SABATO 8 OTTOBRE 2016

FREQUENZE E POSTAZIONI

Modulazione: 64 QAM
Intervallo di Guardia: 1/8 - FEC: 3/4
Bandwidth: 7 Mhz
TID: 6 - ONID: 318

Canali sintonizzabili: 2
TV HD: 2
Radio: 0

LCNLogoIdentificativo TVSidV.pidA.pidPmtPcrTextp.RisoluzioneBit-rateRapportoCodificaDiretta streamingSito internetNote
521Rai 4 HD857861462460461401920 x 1088Kbit 700016:9NoRai 4 Livewww.rai4.rai.it
525Rai Premium HD857961562560561501920 x 1088Kbit 700016:9NoRai Premium Livewww.raipremium.rai.it


RAI Mux 5 - Z@pping TV




VHF 11 (219,5 MHz)
ABRUZZO
PostazioneComuneProvinciaPol.
Monte LucoL'AquilaAQm
PUGLIA
PostazioneComuneProvinciaPol.
Via DalmaziaBariBAv
CALABRIA
PostazioneComuneProvinciaPol.
Monte TirioloTirioloCZv
SICILIA
PostazioneComuneProvinciaPol.
Monte PellegrinoPalermoPAo



Foto:
Foto:
Foto:



RAI MUX 5

- AGGIORNATO A SABATO 8 OTTOBRE 2016

FREQUENZE E POSTAZIONI

Modulazione: QPSK
Intervallo di Guardia: 1/4 - FEC: 1/2
Bandwidth: 8 Mhz
TID: 6 - ONID: 318


Canali sintonizzabili: 3
TV: 3
Radio: 0

LCNLogoIdentificativo TVSidV.pidA.pidPmtPcrTextp.RisoluzioneBit-rateRapportoCodificaSito internetNote
-TEST RAIUNO85966316416216310352 x 576Kbit 130016:9Nowww.rai1.rai.it
-TEST RAIDUE85976326426226320352 x 576Kbit 130016:9Nowww.rai2.rai.it
-TEST RAITRE85986336436236330352 x 576Kbit 130016:9Nowww.rai3.rai.it


RAI Mux 5 (SARDEGNA) - Z@pping TV





UHF 45 (666,0 MHz)
SARDEGNA
PostazioneComuneProvinciaPol.
Punta Badde UrbaraSantu LussurgiuORo







Foto:





RAI MUX 5

- AGGIORNATO A SABATO 8 OTTOBRE 2016

FREQUENZE E POSTAZIONI

Modulazione: 64 QAM
Intervallo di Guardia: 1/32 - FEC: 2/3
Bandwidth: 8 Mhz
TID: 256 - ONID: 27

Canali sintonizzabili: 1
TV HD: 1
Radio: 0

LCNLogoIdentificativo TVSidV.pidA.pidPmtPcrTextp.RisoluzioneBit-rateRapportoCodificaSito internetNote
-Rai HD33045156532675155911920 x 1080Kbit 1250016:9Nowww.rai.it-


RAI Mux 5 (DVB-T2) - Z@pping TV





VHF 11 (219,5 MHz)
PIEMONTE
PostazioneComuneProvinciaPol.
Eremo - Monte CapraTorinoTOv

UHF 53 (730,0 MHz)
VALLE D'AOSTA
PostazioneComuneProvinciaPol.
GerdazGressanAOo
SalirodSaint-VincentAOm




Foto:



RAI MUX 5


LE NEWS



19 SETTEMBRE 2016
Lunedì

MUX NAZIONALI

Ore 12.20 - RAI MUX 5: ARRIVANO RAI 4 HD E RAI PREMIUM HD, ELIMINATE RAI 2 HD E RAI 3 HD.

RAI MUX 5

VHF 11


https://lh3.googleusercontent.com/3B7Zr5gM_EXDvPxX_yypuHGrk1NjFr7zzViJx9oHJtsdiFHQlMqdVYsaxYizIs_POLfEJY4T0v-4Fx0R95YViD4McUgnvkdkm1as-9hdX1Pzv4x6mxqhRNGnl28-2EUg57SPuWh2kTllh40UdyTF_UecgmkTgXq1Pfzi1yZ6aDIZSkkX7X9G8k6Hxb-igcNAv3Ga_bfB0unKnW1vnNb8ZZe3R8F_KxXFOW2k5McXy6dw-YGeNOpsReRVHXrIDfZi-lEbQ-8w_399PkjiLMOwYi8RPLUw2qT7pDL-E2em1YP0BsELSvFRh9QG6NitKEXJR4t-7ffrr6vy2t3WWOuzWHxy-hx16JM3HAFWF1L-LK1_TGgqI20f5_vdO58bXeeh-ndoefTy1TMZ_rwlI2YbBg1w4slGRfqVGGQWWO3V-pdQkXGz1qmgUscDwiZI8dypNcyvSCU_fz6aSmFceAVgTxIvAlEEhibm-3RpGxiUBjpTLUhZMWG3DjbJXQ_EEudawGCZtyPn5up7WGhMD3q8pmgV86kAFT9vEfJL9E9LeIOAeaLGQXXRKw8jJl5IcqWUyPKNErAfcskYSaahOvKYBB3ufgtDsrxQWkqz6ILHGvvJCtlD7w=w52-h39-no
Terminiamo la rassegna di notizie dedicate alla riorganizzazione di alcuni multiplex RAI, aggiornando la composizione
del RAI Mux 5 dove sono state aggiunte le nuove Rai 4 HD (LCN 521) e Rai Premium HD (LCN 525).
Sono pertanto sintonizzabili solo mediante TV / decoder dotati di tuner predisposti per la ricezione di segnali in alta definizione.


Contestualmente sono state eliminate Rai 2 HD (LCN 502) e Rai 3 HD (LCN 503) che passano nel RAI Mux 4.
Foto:
https://lh3.googleusercontent.com/EvcyL2sBROQ8lVC9i03SIPyzenE3DBPCkr_HUKwoM_jNwfBnaLLbQXb1R3m8pnt0eGYNcF2zwMvk7mlXo4zlOWfMTHavykfbN7HFsuAgg0frxX-CwmkZpgm8FmKm5D0VE62y8-YcZ5ftCQbzSfmQ_3X591EH2Z2KxIZDmM4zmlXt2U8bUxPyKK8SISYG1uoVwv2hPR8V_S9iUU3Izhn06zQNTxsBXxwzwhg6HctnjzTYJbODJoPoeex1K0Ugnymk9NHVPx5CDpXQFe6mcMZoxNwtxshx5qPtWDX9i3892ybf9wGo8tUq9xN6hg7ovWa-Tgk9NpJbE4YiVwpT9wTCwa86Ww3lxYPaNxzdYsEXZnrE2W1-i0ezU1ph0efivB_WxhE3IkPLYcJUXaDqNeWIFADvpRu07FZqG38znZQUoEPggVsnf0DvFFcRqwbRc0KejFMTypDNZHwEtXLrGjs30a5UYy0yBB7IhsQVcLOrAhGMfu48L_5MpEoOn5v3Rc5tJYDSFATTBfvptVPI0fvBU1gMKhMMxkJpk5KOO1b6tOqwOXuFOs06hgAbRGThrbu7Her9i6K23a4BjLF0dwNcoARPFOvOka1w18AJOqLdaaqXANtxUQ=w864-h648-no

Il RAI Mux 5 può essere ricevuto solo dal 4% della popolazione nazionale, esso viene infatti trasmesso da 4 impianti siti a L'Aquila, Bari, Palermo e Tiriolo nel catanzarese.

VHF 11 (219,5 MHz)
ABRUZZO
PostazioneComuneProvinciaPol.
Monte LucoL'AquilaAQm
PUGLIA
PostazioneComuneProvinciaPol.
Via DalmaziaBariBAv
CALABRIA
PostazioneComuneProvinciaPol.
Monte TirioloTirioloCZv
SICILIA
PostazioneComuneProvinciaPol.
Monte PellegrinoPalermoPAo


3 AGOSTO 2016
Mercoledì

MUX NAZIONALI

Ore 12.00 - RAI MUX 5: RAI 1 HD AL POSTO DI RAI 2 HD.


VHF 11


https://lh3.googleusercontent.com/-tCeRoejpvjw/Umqy00TytSI/AAAAAAAD4Z8/KamcieQJ5NsSgHEaRQI7yTpNwVJROfTEgCCo/s1600/RAI%2B1%2BHD%2B52.jpg
Dopo l'arrivo di Rai 2 HD nel RAI Mux 4 con la LCN 501, nel RAI Mux 5 (irradiato solo in quattro località e dintorni: Bari, Catanzaro, L'Aquila e Palermo) il canale Rai 2 HD (LCN 502) è stato sostituito dalla programmazione di Rai 1 HD, l'dentificativo è stato rinominato da Rai 2 HD a Rai HD e la posizione LCN è rimasta la 502. Questi cambiamenti sono stati effettuati solo per l'occasione delle Olimpiadi di Rio De Janeiro in Brasile, in programma dal 5 al 21 agosto.

https://lh3.googleusercontent.com/-YjfQCVQlWcg/V6G3hR-WBbI/AAAAAAAJbQI/Nsa1AAJfySoiwFujul11xnVeCm2P61-MQCCo/s1600/501%2BA.jpg
https://lh3.googleusercontent.com/-PcOWAWwayAk/V6G2TvUxWqI/AAAAAAAJbPk/cYnf-4Vf_Okaxx8A7ToElYUoqY8_0kBIACCo/s1600/501%2BB.jpg
https://lh3.googleusercontent.com/-L4VOY8khGW0/V6G3hZq4h9I/AAAAAAAJbQI/wRtrTs8LXucEBsntg7dLETeWQ45HaQaoACCo/s1600/00%2BB.png


23 GIUGNO 2016
Giovedì

MUX NAZIONALI

Ore 23.40 - RAI MUX 5 (SARDEGNA): INSERITA LA GRIGLIA DEI CANALI E LO Z@PPING TV.

UHF 45 RAI Mux 5 (SARDEGNA)
Novità nella sezione SARDEGNA IN DIGITALE, da oggi è possibile consultare la griglia dei canali e i relativi parametri tecnici del RAI Mux 5 trasmesso sull' UHF 45 dal sito di PUNTA BADDE URBARA nel comune di Santu Lussurgiu in provincia di Oristano.

https://lh3.googleusercontent.com/-nOH_Yt9WLJE/V2xUIbNPYuI/AAAAAAAJWw4/Ao6VWLtwq1QTAtVkA-7yVOBbGFeFaTqdwCCo/s1600/BADDE%2BURBARA%2B1.png
https://lh3.googleusercontent.com/-RtECiaswSKw/V2xUIkQhsUI/AAAAAAAJWxA/m8CSfIheJvoNMwd-rnAZYdzxDAHrEF3AgCCo/s1600/BADDE%2BURBARA%2B2.png


https://lh5.googleusercontent.com/-qEvJi1q76Y8/UkX3BRFy4HI/AAAAAAAEIsc/s2m9ivn2n44/s1600/RAI%25201%252052.jpg
https://lh5.googleusercontent.com/-1dQir2-Mujs/UkX3C80MgVI/AAAAAAAEIs8/Fmc6W1J_PmY/s1600/RAI%25202%252052.jpg
https://lh6.googleusercontent.com/-bnzbZHW2CE0/UkX3ET4LyDI/AAAAAAAEItc/mefFGRR_VD8/s1600/RAI%25203%252052.jpg
Il mux in questione veicola i 3 canali generalisti della RAI, identificati TEST RAIUNO, TEST RAIDUE e TEST RAITRE, che sono trasmessi senza una precisa numerazione assegnata e con una bassa risoluzione video.


https://lh3.googleusercontent.com/-fyws_ssR7fY/V2u62N9iQBI/AAAAAAAJWwc/5OG_9SJBkSQz8R_mXtzxS517ASndj2jlwCCo/s1600/00%2BB.png
https://lh3.googleusercontent.com/-8QpCDSwK2i8/V2u60BRASCI/AAAAAAAJWwc/iAmwbFbiNoM0czgnP09at2S8xD0JuVSYgCCo/s1600/NO%2B01%2BA.png
https://lh3.googleusercontent.com/-YRGDaPfa8w4/V2u60j-JBaI/AAAAAAAJWwc/I7hOiJxNsyE6orA_WQeECnYqkcQY3XCAwCCo/s1600/NO%2B01%2BB.png
https://lh3.googleusercontent.com/-KeGNRhPCTXE/V2u61cTHpBI/AAAAAAAJWwc/UBRLBX9_4dI9IGuMnbXRlzhr90gvfp5TACCo/s1600/NO%2B02%2BA.png
https://lh3.googleusercontent.com/-SgoNSlJqE1w/V2u61lMA7UI/AAAAAAAJWwc/8bNUlsFvr5IhR3uvmbfgKjUC5gS-L-I3QCCo/s1600/NO%2B02%2BB.png
https://lh3.googleusercontent.com/-Pqc8htP08G0/V2u6zNAhvVI/AAAAAAAJWwc/zhdY1KpU2LMN7-ci7qKKd-GzO3hpLVl_ACCo/s1600/NO%2B03%2BA.png
https://lh3.googleusercontent.com/-tLa2EcwT1D0/V2u6zVh76KI/AAAAAAAJWwc/aYVobd-KA3I0SAShar6mlh2CcQ1UbaGAQCCo/s1600/NO%2B03%2BB.png

Questo provider coincide per composizione e parametri tecnici al RAI Mux 5 versione PIEMONTE che era trasmesso dal sito di TORINO EREMO sull' UHF 25 e spento a luglio 2015 per far spazio al mux CAIRO DUE.


Abbiamo inoltre aggiornato la lista delle tv ricevibili a CAGLIARI.





LE TV A CAGLIARI






21 GIUGNO 2016
Martedì

MUX NAZIONALI

Ore 15.20 - RAI MUX 5 (DVB-T2): ARRIVA RAI 4.

VHF 11 RAI Mux 5 (DVB-T2)
https://lh3.googleusercontent.com/-s7-7CinUH_M/V2kx9spKVII/AAAAAAAJWaw/w9k6V2wHbzIxR4n10_h9ZieXG3wEOcvVwCCo/s1600/Rai%2B4K%2B52.png
Segnaliamo una novità di rilievo che riguarda il
RAI Mux 5 trasmesso dalla postazione torinese dell' EREMO sul VHF 11 in modalità DVB-T2. In precedenza veniva veicolato un canale sulla LCN 300 identificato Rai HD, in onda era presente un programma musicale in continua ripetizione, attualmente invece è presente il canale con l'identificativo Rai 4K. L'amico Oliviero del sito www.otgtv.it riferisce che dal 30 giugno saranno on air le partite delle fasi finali degli Europei di calcio 2016.
Abbiamo interpellato Il Centro Ricerche e Innovazione Tecnologiche RAI di Torino, i cui responsabili precisano a L'ITALIA IN DIGITALE che questo flusso è solo un test sperimentale.
Il segnale è in standard T2 con codifica HEVC main 10.

http://www.log.com.tr/wp-content/uploads/2016/06/euro-2016-4K.jpg

Ricordiamo che questo provider trasmette con una potenza limitata e l'area coperta è circoscritta alle zone limitrofe dell'impianto di emissione. Inoltre c'è da considerare che nel torinese le poche antenne di terza banda VHF (in polarizzazione orizzontale) sono rivolte verso monte TURU (Germagnano - TO) e non verso l' EREMO, pertanto la maggior parte degli utenti del circondario del capoluogo subalpino, anche disponendo di un decoder DVB-T2 non è in grado di ricevere questo segnale.






TUTTI I SEGRETI DELL'ULTRA HD E DEL 4K.
Ora che l’alta definizione è diventata una realtà commerciale, i centri di ricerca e l’industria del Broadcasting si interrogano su come sarà la televisione del futuro e sperimentano nuovi formati di ripresa per rendere più coinvolgente e realistica l’esperienza di fruizione degli utenti.
http://www.qualitaepianificazione.rai.it/dl/img/2013/09/13781958920954k_formato.jpg
Con Ultra High Definition Television si vuole indicare uno standard che prevede una risoluzione di 3840 x 2160 pixel (8,2 milioni di pixel), formato detto anche “4k” perché ha una risoluzione 4 volte maggiore di quella prevista dal formato a 1920 × 1080 pixel. Lo standard UHDTV prevede anche un livello di risoluzione maggiore che arriva fino a 7.680 × 4.320 pixel (circa 33 milioni di pixel, formato conosciuto anche come “8k” o Super Hi-Vision).
La tecnologia UHDTV è un’idea di cui si parla già da qualche anno, ma nel 2008 è stata proposta in via sperimentale dall’azienda giapponese NHK in collaborazione con alcuni partner tra cui BBC, RAI e Eutelsat la prima diffusione satellitare. Il primo filmato UHDTV è stato presentato dalla NHK nel lontano 2005. Era un filmato di circa 20 minuti appena, ma molto importante: dimostrava l’effettiva possibilità di effettuare filmati a questa risoluzione; tale filmato occupava ben 3.5 TB (terabyte, ovvero 3.5 migliaia di gigabye). Il che vuol dire che per un film di circa 2 ore erano necessari più o meno 20 TB.
Dal 2005, la tecnologia ha fatto passi da gigante e in particolar modo l’UHDTV ne ha giovato non poco. Soprattutto negli ultimi 2 anni sono stati registrati la maggior parte di tali progressi. Messa da parte la tecnologia 3D, i televisori UHD hanno assorbito per intero le attenzioni (e le fatiche) dei maggiori produttori di televisori del mondo. Sono stati presentati nuovi modelli di televisori sia nel formato 4K che nel formato 8K, sono state migliorate le tecniche di ripresa e realizzato un primo sensore CMOS con definizione 8K che permette di registrare immagini a 33 megapixel. La NHK realizza praticamente ogni mese delle prove di messa in onda di programmi registrati in 4K, mentre alcune piazze della Gran Bretagna hanno ospitato degli schermi giganti ad Ultra Alta Definizione che hanno trasmesso le immagini delle Olimpiadi di Londra. Ciò che rende possibile riprendere immagini a queste risoluzioni da 3840 x 2160 pixel è il fatto che ormai esistono già CCD (Dispositivo ad accoppiamento di carica) abbastanza capienti e processori in grado di elaborare velocemente questa immensa mole di dati.
Il Centro Ricerche Rai ed il Centro di Produzione Rai di Torino, hanno avviato nel 2009 una sperimentazione per verificare l’utilizzabilità di questo formato di ripresa nella produzione televisiva e la possibilità in un futuro prossimo di realizzare anche servizi verso l’utente grazie alla evoluzione degli standard di trasmissione/modulazione che consentono di raggiungere l’utente televisivo con un bit-rate adeguato alla trasmissione di 4 flussi HD 1920x1080 e di fatto equivalenti ad una risoluzione aggregata di 3840x2160 pixel. Per la sperimentazione del formato 4K è stata utilizzata una camera RedOne che dispone di un sensore da 12 Megapixel in grado di memorizzare il formato 4096x2304 in formato compresso utilizzando lo standard JPEG2000.
I produttori di elettronica di consumo già all’ultimo CES di Las Vegas hanno deciso: sarà l’Ultra HD il prossimo trend nel mondo dei Televisori. Dati questi due formati 4k e 8k, la Consumer Electronics Association (CEA) ha stabilito nel febbraio del 2012 che un UHD-TV deve avere un rapporto di 16:9 e una risoluzione minima di 3840x2160. Tutti i produttori, fatta eccezione per Sony, si sono adeguati a questa nomenclatura e definiscono i loro TV 4K come Ultra HD. Sony ha scelto di continuare con la definizione più “cinematografica” di 4K, espressione che si riferisce però a un formato standardizzato dalla DCI (Digital Cinema Initiative) che implica una risoluzione orizzontale di 4.096 pixel. In realtà, il formato della DCI è solo un riferimento, e in effetti i TV Sony sono TV Ultra HD a tutti gli effetti. Non ci sono infatti TV con un pannello da 4.096 x 2.160 pixel: per i produttori sarebbe troppo costoso realizzare un pannello con questa risoluzione perché implicherebbe un cambio radicale nei metodi di produzione. Realizzare invece un pannello Ultra HD da 3.840 x 2.160 è più semplice: sono 4 TV da 1.920 x 1.080 affiancate.
I contenuti con risoluzione 4K ad oggi sono molto pochi, e il motivo è intuibile: i Content Provider sono molto restii a concedere materiale video che ha una risoluzione praticamente identica a quella del master di partenza, e per di più senza sistemi di protezione all’altezza. Sony, che insieme ai TV 4K ha iniziato a distribuire un lettore 4K (negli States) lo ha dotato di sistemi di protezione impressionanti, e questo per contenuti nemmeno tanto recenti. Con un TV Ultra HD oggi si possono vedere pochissimi contenuti a risoluzione nativa: trailer e video dimostrativi su YouTube, ma serve un computer con hardware adeguato, qualche cortometraggio, fotografie tramite chiavetta USB e giochi per PC.
http://www.eurosat-online.it/wp-content/uploads/sites/12/2016/04/4k-Ultra-HD.jpg
I TV Ultra HD, attraverso la connessione HDMI 1.4 possono gestire solo contenuti con una risoluzione massima di 3840 x 2160 a 30 frame al secondo. Una limitazione che non è assolutamente un ostacolo per vedere film in formato Ultra HD e in 2 dimensioni. I problemi nascono se si vuole vedere un film a 3.840 x 2.160 e in 3D a piena risoluzione: l’attuale HDMI 1.4 non riuscirebbe a gestire tale flusso di dati così come non riuscirebbe a gestire un computer collegato a 60 Hz. Ecco perché l’HDMI Group sta lavorando alle specifiche dell'HDMI 2.0 che, con una banda passante molto più ampia, eliminerà queste limitazioni. La versione 2.0 dell’HDMI era prevista a inizio anno ma è stata rimandata a fine 2013, e questo vuol dire anche che i primi chip compatibili con il nuovo standard non usciranno prima di qualche mese dal rilascio. I primi prodotti HDMI 2.0 vedranno la luce verosimilmente a metà 2014. Il passaggio da HDMI 1.4 a HDMI 2.0 comporterà, ovviamente, un cambio del controller quindi non sarà possibile un aggiornamento software. Tutto l’hardware andrà rinnovato.
L’HEVC, High Efficiency Video Coding (o H.265) è il nuovo codec creato appositamente per gestire i segnali Ultra HD e lo streaming video di prossima generazione. Così come l’H.264 è stato il codec del Full HD e del HD, HEVC diventerà il codec dell’Ultra HD: questo promette una riduzione di circa il 50% di bitrate rispetto all’H.264, ma al momento è ancora una tecnologia in sviluppo. La bozza dello standard è stata approvata a fine gennaio 2013 e l’ITU ha approvato l’HEVC come standard il 13 aprile 2013. Ma il risparmio di banda sarà ovviamente a tutti i livelli. La necessità di una nuova tipologia di codifica specifica per l'UHD è strettamente connessa anche con l'esplosione della fruizione di contenuti multimediali su mobile. Sarà così possibile usufruire di contenuti alla massima qualità su smartphone e tablet con un risparmio di banda consistente. Ad oggi non esistono ancora sul mercato encoder o decoder HEVC software da scaricare e utilizzare liberamente, così come non ci sono chip di decodifica hardware. L’unico produttore che ha annunciato un upgrade software all’HEVC è Samsung.
I Satelliti sono una naturale piattaforma per la diffusione di contenuti Ultra HD grazie alla loro disponibilità di banda e di copertura. L’Ultra HD richiede capacità di trasmissione significativa, che alcuni sistemi terrestri non saranno in grado di fornire ovunque ed immediatamente. La capacità delle trasmissioni via satellite è completamente trasparente e non richiede nessuna modifica per accogliere le trasmissioni Ultra HD. Su satellite esistono già canali sperimentali che trasmettono segnali Ultra HD, ma non visibili agli utenti. Su Eutelsat 10° EST viene trasmesso un segnale Ultra HD su quattro diversi canali Full HD e per visualizzarlo serve un decoder apposito in grado di unire il “puzzle” in un unico segnale 4K. Su Astra, invece, sono iniziate trasmissioni sperimentali in DVB-S2 e HEVC, ma anche in questo caso servono decoder che ancora sono prototipi. Situazione analoga anche per il digitale terrestre: in Corea sono state fatte prove di trasmissione di segnali Ultra HD su digitale terrestre con DVB-T2 e HEVC, ma si tratta sempre di sperimentazioni. Nel 2014, i mondiali di calcio del Brasile verranno registrati e trasmessi da Sony in 4K, tuttavia saranno visibili solo nei cinema o in aree ristrette. Ci vorrà qualche anno prima di vedere un evento live trasmesso in Ultra HD, e la piattaforma candidata dovrebbe essere il satellite. Sarà il 4K il futuro delle trasmissioni broadcasting e dei Televisori? Il consorzio DVB ad Amsterdam mostrerà al proprio stand un esempio di broadcasting 4K con codifica HEVC trasmesso in un bouquet DVB - T2, utilizzando un unico canale 8 MHz .

Tratto da: www.qualitaepianificazione.rai.it/dl/portali/site/articolo


 4 NOVEMBRE 2013 - Lunedì 

Ore 09.30 -  MUX NAZIONALI  - RAI MUX 5 (DVB-T2): IN ONDA UN SOLO CANALE, RAI HD.
VHF 11 RAI Mux 5 (DVB-T2)
Ieri abbiamo effettuato delle rilevazioni dei segnali tv a Torino. Dall'impianto RAI della postazione piemontese dell'Eremo, sul VHF 11, dove è presente un flusso test in tecnica DVB-T2, sono stati eliminati i tre canali denominati RaiT2HD1, Rai T2HD2 e RaiT3HD3 privi di numerazione automatica. Ora si sintonizza un solo canale identificato Rai HD con la LCN 300, in conflitto di posizione con Premium Menu presente nel MEDIASET Mux 1. Non è presente alcun logo di stazione e viene trasmesso a loop un concerto di Bruce Springsteen. Abbiamo aggiornato la griglia dei canali e lo z@pping TV del RAI Mux 5 (DVB-T2).








Nella foto: impianto RAI TORINO EREMO.



 25 OTTOBRE 2013 - Venerdì 

Ore 22.50 -  MUX NAZIONALI   - RAI MUX 4 / RAI MUX 5: INSERITE LE SCRITTE HD SUI LOGHI DEI TRE CANALI RAI.
UHF 25-40-41 RAI Mux 4
VHF 11 RAI Mux 5
Da ieri i due canali Rai generalisti in alta definizione, veicolati dal RAI Mux 5, Rai 2 HD (LCN 502) e Rai 3 HD (LCN 503) aggiungono a fianco del proprio logo di stazione la scritta HD, come documentano le immagini scattate da Salvatore di Palermo che ringraziamo. Di seguito potete vedere la lista delle postazioni che veicolano questo provider sulla frequenza VHF 11.


Regione
Postazione
Comune
Provincia
Polarizzazione
ABRUZZO
MONTE LUCO
L'Aquila
AQ
Mista
CALABRIAMONTE TIRIOLO
Tiriolo
CZ
Verticale
MOLISESANTA MARIA DEL MONTE  (Off) CercemaggioreCBVerticale
PUGLIA
VIA DALMAZIABariBAVerticale
SICILIA
MONTE PELLEGRINOPalermoPAOrizzontale

A causa di un'interferenza con altri impianti Rai è stato necessario procedere con la disattivazione del sito molisano di Cercemaggiore (Campobasso).







Anche il canale Rai HD (LCN 501), presente nel RAI Mux 4, aggiunge la scritta HD fissa a destra del logo di stazione in ogni programma, anche quando vengono trasmessi contenuti non HD nativo. Su questo canale in alcune occasioni (visto che il RAI Mux 5 non ha ancora una copertura nazionale) vengono veicolati, oltre quelli di Rai 1, anche alcuni programmi in alta definizione di Rai 2 e Rai 3.




Per completezza di informazione i 3 canali Rai generalisti in HD sono anche trasmessi via satellite su Eutelsat 13°est, e sono visibili solo tramite Tivusat. Di seguito vi elenchiamo le numerazioni LCN e la relativa frequenza per sintonizzarla.
  • 101 - Rai 1 HD (frequenza 11765, pol. V, SR.27500 Fec 2/3)
  • 102 - Rai 2 HD (frequenza 11662, pol. V, SR.27500 Fec 3/4)
  • 103 - Rai 3 HD (frequenza 11662, pol. V, SR.27500 Fec 3/4)


 8 OTTOBRE 2013 - Martedì 

Ore 14.35 -  ULTIM'ORA  -  MUX NAZIONALI   - RAI MUX 5: ATTIVATO IL VHF 11 DALLA POSTAZIONE CALABRESE DI MONTE TIRIOLO (CZ).
VHF 11 RAI Mux 5
Da questa mattina è stato attivato un altro impianto di RAI Mux 5 sulla frequenza VHF 11, questa volta è toccato alla regione Calabria con la postazione di MONTE TIRIOLO, sita nel comune di Tiriolo in provincia di Catanzaro che trasmette in polarizzazione verticale. Sono presenti i due nuovi canali in alta definizione Rai 2 HD, con la numerazione LCN 502, e Rai 3 HD, con la LCN 503. Al momento trasmettono le versioni in standard definition upscalati in HD. Questo è il quinto impianto acceso dopo quelli di Monte Pellegrino a Palermo, di Via Dalmazia a Bari, di monte Luco a l'Aquila e di Santa Maria del Monte a Cercemaggiore (CB). Consulta la griglia dei canali e lo z@pping TV del RAI Mux 5.









 2 OTTOBRE 2013 - Mercoledì 

Ore 17.10 -  ULTIM'ORA  -  MUX NAZIONALI   - RAI MUX 5: ATTIVATO IL VHF 11 DALLA POSTAZIONE MOLISANA DI CERCEMAGGIORE (CB).
VHF 11 RAI Mux 5
Da qualche ora è stato attivato dal ripetitore molisano di Santa Maria del Monte a Cercemaggiore (Campobasso) sulla frequenza VHF 11 in polarizzazione verticale il RAI Mux 5 con i due nuovi canali in alta definizione Rai 2 HD, con la numerazione LCN 502, e Rai 3 HD, con la LCN 503. Al momento trasmettono le versioni in standard definition upscalati in HD. Questa nuova accensione si aggiunge alle altre avvenute lo scorso 18 settembre dai siti di Monte Pellegrino a Palermo, di Via Dalmazia a Bari, e da monte Luco a l'Aquila. Consulta la griglia dei canali e lo z@pping TV del RAI Mux 5. Ringraziamo AGBrasc di Digital-Forum per la segnalazione.







Foto: postazione Santa Maria del Monte - Cercemaggiore (Campobasso)



 18 SETTEMBRE 2013 - Mercoledì 

Ore 15.55 -  ULTIM'ORA  -  MUX NAZIONALI   - RAI MUX 5: ARRIVANO RAI 2 HD E RAI 3 HD.
VHF 11 RAI Mux 5
Da qualche ora è stato attivato sulla frequenza VHF 11 il RAI Mux 5 con i due nuovi canali in alta definizione Rai 2 HD, con la numerazione LCN 502, e Rai 3 HD, con la LCN 503. Al momento trasmettono le versioni in standard definition upscalati in HD. Ci hanno segnalato che per ora è trasmesso dalle postazioni di Monte Pellegrino a PALERMO, dove era già attivo in modalità DVB-T2 ora convertito in DVB-T, e di Via Dalmazia a BARI. Nelle prossime news vi comunicheremo gli eventuali altri impianti accesi. Consulta la griglia dei canali e lo z@pping TV del nuovo RAI Mux 5. Ringraziamo Salvatore di Palermo per essere stato tempestivo a comunicarci la novità e a inviarci le immagini.







AGGIORNAMENTO POSTAZIONI ATTIVATE:
L'AQUILA - Monte Luco
BARI - Via Dalmazia
PALERMO - Monte Pellegrino


Abbiamo aggiornato le liste delle




 22 LUGLIO 2013 - Lunedì 

Ore 01.00 -  ESCLUSIVA   -  MUX NAZIONALI    PIEMONTE  - RAI MUX 5 (DVB-T2): LE IMMAGINI E I DETTAGLI TECNICI DEI TEST RAI DVB-T2 IN ALTA DEFINIZIONE.
VHF 11 / UHF 53 RAI Mux 5 (DVB-T2)
Abbiamo effettuato una rilevazione nei pressi della postazione tv Rai di Torino Eremo dove da qualche giorno è attivo, sulla frequenza VHF 11 (Mhz 219,5) in polarizzazione orizzontale, un flusso nella nuova modalità DVB-T2. Questo multiplex trasmette tre canali test in alta definizione privi di numerazione automatica LCN e con questi identificativi: RaiT2HD1, RaiT2HD2 e RaiT2HD3. Sono in onda dei filmati con il vecchio logo Rai con la farfalla, pertanto non si tratta della trasmissione dei tre canali generalisti Rai in HD. L'emissione di questo segnale è a potenza ridotta, infatti copre un'area limitata rispetto alle altre frequenze Rai irradiate da questa postazione. Inoltre c'è da considerare che nella città di Torino le poche antenne di terza banda VHF (in polarizzazione orizzontale) sono rivolte verso monte Turu e non verso l'Eremo, pertanto la maggior parte degli utenti del capoluogo subalpino non è in grado di ricevere questo segnale di test anche disponendo di un decoder DVB-T2. L'ITALIA IN DIGITALE pubblica in esclusiva la griglia dei tre canali, con i relativi parametri tecnici, e le immagini che potete visualizzare qui sotto e tramite il nostro z@pping tv nella pagina dedicata a RAI Mux 5 (DVB-T2).










RaiT2HD1



RaiT2HD2



RaiT2HD3




 15 LUGLIO 2013 - Lunedì 

Ore 07.25 -  MUX NAZIONALI  - RAI MUX 5 (DVB-T2): NUOVA ATTIVAZIONE A TORINO EREMO.
VHF 11 / UHF 53 RAI Mux 5 (DVB-T2)
Qualche giorno fa vi avevamo informato sulla conversione del MEDIASET Mux 3 da DVB-H a DVB-T2 dalla postazione di Valcava (LC) in Lombardia; oggi rileviamo che la Rai ha attivato dalla sua più importante postazione subalpina, quella di Torino Eremo, il RAI Mux 5 (DVB-T2) sulla frequenza VHF 11 con un flusso di test che veicola 3 canali. Al momento sono in onda solo dei loop di filmati HD a 10 Mbit/s e la potenza di emissione è notevolmente limitata. Nei prossimi giorni realizzeremo la griglia dettagliata dei canali con i parametri tecnici, correlata come sempre dalle immagini del nostro z@pping TV. Per il momento inseriamo questi scatti realizzati dall'utente di Digital-Forum Agosto1968 che ringraziamo per averci autorizzato a pubblicarle. Come potete vedere in basso a destra è presente il logo Rai con la farfalla, in uso dall'azienda televisiva di stato fino a qualche anno fa.