GLOSSARIO DIGITALE        


   INFORMAZIONE SUI TERMINI USATI NELLA TRASMISSIONE DEI SEGNALI DIGITALI


 SFN  -  Single Frequency Network  > Le reti SFN sono caratterizzate da un segnale televisivo trasmesso nelle zone adiacenti
                                                                     sulla stessa frequenza.


 MFN  -  Multi Frequency Network  > Le reti MFN prevedono che lo stesso segnale televisivo sia irradiato su frequenze differenti
                                                                    in zone adiacentI.

 MODULAZIONE - OFDM > La sequenza di blocchi è sottoposta ad una operazione di modulazione secondo la tecnica OFDM,
                                                 utilizzando un numero di portanti pari a 2048 (modo 2k) oppure 8192 (modo 8k).
                                                 Il modo 4k (4096 portanti) è utilizzato solo in modalità di trasmissione DVB-H.


 MODULAZIONE - Mappatore > Questo blocco effettua la modulazione in banda-base digitale della sequenza di bit,
                                                           producendo una sequenza di simboli.
                                                           I metodi di modulazione ammessi sono tre: QPSK, 16-QAM, 64-QAM.



 BANDWIDTH - Larghezza di banda > Per banda di un canale di comunicazione si intende la sua massima velocità di trasmissione,
                                                                       cioè la massima quantità di informazione che esso può trasmettere
                                                                       nell'unità di tempo (massima banda disponibile);
                                                                       per banda di un segnale (qualsiasi) si intende invece la minima velocità di trasmissione
                                                                       necessaria perché possa essere trasmesso senza errori
                                                                       o distorsione (minima banda necessaria).
                                                                       Nel caso delle comunicazioni digitali il concetto è, come già detto, semplice:
                                                                       nel caso analogico invece il significato di banda è più articolato ed ha a che fare
                                                                       con i limiti di frequenza e con il rumore di fondo.


 GI - Intervallo di guardia > Per diminuire la complessità del ricevitore, ciascun blocco modulato in OFDM viene esteso,
                                                  copiando in testa ad esso la sua parte terminale (tecnica del prefisso ciclico).
                                                  L’intervallo di guardia è il tempo che intercorre in una sottoportante fra la fine di un simbolo
                                                  e la trasmissione di quello successivo, ed è introdotto per consentire agli echi del segnale di ridursi
                                                  e di non produrre interferenze.

                                                  La durata dell'intervallo di guardia può essere 1/32, 1/16, 1/8 o 1/4 di quella del blocco modulato.


  Bit rate disponibili per un sistema DVB-T in canali da 8 MHz. I valori espressi in corsivo sono in Mbps.



 FEC - Forward Errror Correction > Indica un meccanismo di correzione degli errori a valle di una trasmissione digitale
                                                                   ottenuta grazie all'introduzione di ridondanza di bit al flusso informativo.
                                                                   In particolare il parametro FEC indica quanti dei bit trasmessi vengono utilizzati
                                                                   per correggere eventuali errori in ricezione.

                                                                   L'efficienza dell'algoritmo di correzione FEC dipende dal rapporto tra il numero di bit usati
                                                                   per trasmettere i dati e il numero di bit usati per controllo;
                                                                   questo rapporto viene indicato nella forma D/C (Dati/Controllo),
                                                                   e può assumere i valori 1/2, 2/3, 3/4, 4/5, 5/6 e 7/8.
                                                                   "3/4" significa che ogni 3 bit di dati ne viene aggiunto 1 di controllo
                                                                  (quindi ne vengono trasmessi 4).


 S/N Rapporto Segnale/Rumore > Il rapporto segnale/rumore, spesso abbreviato con la sigla inglese SNR (Signal to Noise Ratio)
                                                                  o S/N anche nell'uso italiano, è una grandezza numerica che mette in relazione
                                                                  la potenza del segnale utile rispetto a quella del rumore in un qualsiasi sistema di acquisizione,
                                                                  elaborazione o trasmissione dell'informazione.

                                                                  È un parametro di merito molto importante per il dimensionamento dei sistemi
                                                                  di telecomunicazioni. Più è basso l'SNR, infatti, più sarà difficoltosa la ricezione del segnale
                                                                  ovvero più alta sarà la probabilità di errore e quindi anche il BER.

                                                                  Nel caso di trasmissioni analogiche una diminuzione di SNR determina un deperimento graduale
                                                                  della qualità del segnale ricevuto (si pensi ad esempio ad una radio FM che riceve male
                                                                  o ad un televisore in cui compaiono audio o video disturbati: tipici casi di SNR basso);
                                                                  per le trasmissioni analogiche tuttavia è l'utente finale a stabilire una soglia di fruibilità
                                                                  del sistema.

                                                                  Nel caso di trasmissioni numeriche, invece, esiste una soglia minima di SNR sotto la quale
                                                                  il sistema non è in grado di funzionare (si pensi alla televisione digitale satellitare:
                                                                  o si vede bene o non si vede del tutto), che tuttavia grazie alle moderne tecniche di modulazione
                                                                  e di protezione dei dati tramite codici è piuttosto bassa, al di sotto di quella che servirebbe
                                                                  per ottenere prestazioni analoghe su sistemi analogici.

                                                                  La soglia minima di SNR è determinata dalla tecnologia dell'apparato ricevente;
                                                                  in fase di progetto di un sistema di telecomunicazioni il primo obiettivo è quindi
                                                                 quello di far pervenire al ricevitore un SNR sufficientemente elevato.


 BER - Bit Error Ratio > E' il rapporto tra i bit non ricevuti correttamente e i bit trasmessi.
                                            Il BER è un parametro molto importante perché dà misura della qualità del segnale.
                                            Esso è qualitativamente legato al rapporto segnale/rumore (SNR) in maniera inversa:
                                            tanto maggiore è il BER rilevato tanto minore è il rapporto segnale/rumore e viceversa.
                                            La sua formula è pertanto: BER = n. errori / n. totale di bit emessi.

 NID Network identifies > E' un codice che identifica il flusso di dati di un network, cioè una rete televisiva (Es. Rai o Mediaset o Sky)
                                                   e quindi può essere uguale in più frequenze.


 TID - Transponder identifies > E' un codice che identifica il flusso di dati dell transponder,
                                                          cioè dellla frequenza in cui viene trasmesso un mux di canali.


 SID - Service identifies > E' un codice che identifica un servizio trasmesso in un pacchetto digitale,
                                               cioè un singolo canale contenuto nel mux.


 VPID - Video Pid > E' un codice che identifica il flusso di dati del video di un singolo canale digitale.

 APID - Audio Pid > E' un codice che identifica il flusso di dati dell'audio di un singolo canale digitale.

 PCR - Program Clock Reference > E' il riferimento temporale inserito in fase di compressione nel flusso di dati
                                                                 di un programma televisivo digitale ed è utilizzato per sincronizzare l’audio al video.


 TTEX PID - Teletext Pid > E' un codice che identifica il flusso di dati del teletext (Es. Televideo) di un singolo canale digitale.


PICCOLO GLOSSARIO DEL DIGITALE TERRESTRE