BASILICATA IN DIGITALE

RAI Mux 1 (BASILICATA)

CANALE ITALIA Mux 1

LCN NAZIONALE

Mux TELECAPRI (BASILICATA)


            LA TV DIGITALE TERRESTRE IN BASILICATA

Questo è un sito di informazione sui canali televisivi del digitale terrestre e sulle radio ricevibili nel territorio
della regione BASILICATA. Contiene notizie, tabelle, dati, liste di tutti i canali e di tutte le frequenze ... e molto di più.
Le pagine sono solo a scopo informativo e vengono realizzate solo per passione e senza
scopo di lucro. Pertanto decliniamo ogni responsabilità perchè non hanno niente di ufficiale.

Il sito è realizzato in esclusiva da ANDREA POMILIO e RICCARDO GAFFOGLIO.

Per riprodurre le nostre informazioni bisogna citare la fonte di provenienza di questo sito.



Sei appassionato di tv e radio e vuoi collaborare inviandoci le segnalazioni e le liste della tua zona?

Contattaci alla nostra mail
info@litaliaindigitale.it
e inizia subito a condividere le tue informazioni su L'ITALIA IN DIGITALE.

Vuoi condividere le tue impressioni sul digitale terrestre? Ti interessa divulgare le informazioni in tuo possesso per aiutare chi è in difficoltà nella ricezione del DTT?
Vuoi lanciare un messaggio visibile agli utenti de l'Italia in digitale? La nostra mail è:
sportello@litaliaindigitale.it
Pubblicheremo le vostre mail nello spazio SPORTELLO TV DIGIT@LE.
Potete utilizzare questa mail anche per dare una risposta, consiglio o parere sulle discussioni di questo sito.







Il nostro nuovo indirizzo internet è:
www.litaliaindigitale.it

www.litaliaindigitale.it/basilicataindigitale


MUX NAZIONALI

RAI Mux 1 (ABRUZZO)
RAI Mux 1 (BASILICATA)
RAI Mux 1 (CALABRIA)
RAI Mux 1 (CAMPANIA)
RAI Mux 1 (EMILIA-ROMAGNA)
RAI Mux 1 (FRIULI V.G.)
RAI Mux 1 (LAZIO)
RAI Mux 1 (LIGURIA)
RAI Mux 1 (LOMBARDIA)
RAI Mux 1 (MARCHE)
RAI Mux 1 (MOLISE)
RAI Mux 1 (PIEMONTE)
RAI Mux 1 (PUGLIA)
RAI Mux 1 (SARDEGNA)
RAI Mux 1 (SICILIA)
RAI Mux 1 (TOSCANA)
RAI Mux 1 (TRENTINO)
RAI Mux 1 (ALTO ADIGE)
RAI Mux 1 (UMBRIA)
RAI Mux 1 (VALLE D'AOSTA)
RAI Mux 1 (VENETO)
RAI Mux 1 (VENETO/EMILIA-ROMAGNA)
RAI Mux 2
RAI Mux 3
RAI Mux 4
RAI Mux 5
RAI Mux 5 (DVB-T2)
RAI Mux 6 (LAZIO)

MEDIASET Mux 1
MEDIASET Mux 2
MEDIASET Mux 3
TIMB Mux 1
TIMB Mux 2
TIMB Mux 3

Mux DFREE

Mux CAIRO DUE

CANALE ITALIA Mux 1
CANALE ITALIA Mux 2

MEDIASET Mux 4
MEDIASET Mux 5
RETE A Mux 1
RETE A Mux 2

Mux LA 3

Mux RETECAPRI

Mux EUROPA 7 (DVB-T2)


LCN NAZIONALE

Mux STUDIO 1

Mux LA 9 (PIEMONTE)
Mux LA 9 (VENETO)
Mux LA 9 (TRENTINO)
Mux LA 9 (FRIULI VENEZIA GIULIA)
Mux LA 9 (EMILIA-ROMAGNA)
Mux LA 9 (MARCHE)

LCN NAZIONALE

PER LE NOTIZIE CHE RIGUARDANO I MUX NAZIONALI CONSULTATE LA NOSTRA HOME PAGE



Clicca sulle immagini per vederle ingrandite


8 SETTEMBRE 2016
Giovedì

Ore 16.30 - MUX TELECAPRI (BASILICATA): REALIZZATA LA GRIGLIA DEI CANALI E LO Z@PPING TV.


Grazie alla collaborazione di Sabino, nella sezione BASILICATA IN DIGITALE inseriamo la composizione e lo z@pping TV del mux TELECAPRI (BASILICATA).

https://lh3.googleusercontent.com/BO2W_7DNqh-kwDKJPs-syy0TK7bK0jKuUql09sABL6dWSuU1_VnPJzI3_w0Hm7PuoT8IxRtZdylolgU=w1680-h1050-no

Come potete vedere dalla copertina del multiplex, sono veicolati 3 canali TV: Telecapri (LCN 14), Telecapri News (LCN 133) che risulta in conflitto di numerazione con la LCN 133 di Juwelo presente su RETE A Mux 2, e Telecapri Sport (LCN 148).
Foto:
https://lh3.googleusercontent.com/xjaSLZd36VEWSFh2SAOh5y_-_62BTldWROKJw1CP0LG_2TTYudx8FwnVWhDbof-4nOO60aKJP2jcAvU=w1680-h1050-no
https://lh3.googleusercontent.com/1icjq9EnZ1DsCH9J_CVTutcapdbSoD8bmAQEUa5uXcCGAvMJ8EDLkH5BPqWROH9qWHAuqv9Kd0HMQag=w1680-h1050-no
https://lh3.googleusercontent.com/9_O7A1g13xS9VrLa4ovp8qfqJV46mDkqIsTbMSSwPGgWSeTMiWoj793mqrnGJuN_hNq9aNdua-H65ro=w1680-h1050-no
https://lh3.googleusercontent.com/CFeO3hpNXQJkVG427c29up1QfavRIY0RpdMHZYSWn9o1FU0tII3qybpTmgmaUXpbk96c8B2YIOx3pys=w1680-h1050-no
https://lh3.googleusercontent.com/ofyn_3G20xgbnu21lB29GgN9qduz-FOAl8PcLoD4-v9-P-q2rfySHkvAXShhWqp-8EVxQDfTQBwAwYI=w1680-h1050-no

Il provider TELECAPRI è trasmesso in BASILICATA da due postazioni site nella provincia di Potenza.

UHF 41 (634,0 MHz)
BASILICATA
PostazioneComuneProvinciaPol.
Monte Li FoiPicernoPZo
Pian CardilloPotenzaPZo


6 MAGGIO 2015
Mercoledì

Ore 17.35 - Ore 17.35 - TRM H24 ARRIVA SUL CANALE 519 DI SKY.

TRM network compie un importante passo nella direzione della crescita e del proprio consolidamento.
A tre anni dallo switch off al digitale terrestre – con il rafforzamento della propria offerta editoriale attraverso le sei reti tematiche e l’integrazione multicanale web e social – a partire dal 7 maggio il canale all news TRM h24 sarà trasmesso anche su SKY. La programmazione di TRM h24 sarà fruibile sul 519, un posizionamento importante anche sul piano simbolico perché abbina alla collocazione nella fascia 500 dei canali informativi nazionali ed internazionali SKY un numero significativo per la Basilicata, tutta protesa nel suo cammino verso il 2019, anno in cui la città di Matera sarà Capitale Europea della Cultura. Sul canale SKY 519 sarà pertanto possibile ogni giorno seguire la programmazione dell’unico canale all news interamente lucano, che propone un ricco palinsesto fatto di notiziari, spazi di approfondimento, rubriche tematiche e dirette televisive mettendo al centro i fatti, i protagonisti e gli eventi del territorio, con tutte le sue eccellenze ed il valore della sua identità. L’impegno editoriale sarà pertanto ancor più rafforzato per informare, sensibilizzare e coinvolgere un ampio bacino d’utenza sulle peculiarità, prospettive ed opportunità di sviluppo della Regione Basilicata e dell’intero Mezzogiorno, accrescendo la rete di confronto, relazione e scambio sul piano del dibattito, della partecipazione civica e delle co-produzioni di qualità. I numerosi ed attenti lucani fuori sede potranno così seguire – non solo sul web – la programmazione di TRM H24 che incorporerà speciali tratti dalla programmazione del canale culturale TRM ART, nella quotidianità così come in occasione dei grandi eventi trasmessi in diretta, al pari di un’ampia platea di cittadini, operatori culturali ed economici italiani sempre più interessati al ruolo che Matera e la Basilicata assumeranno nei prossimi anni. Il passaggio su SKY rappresenta un investimento editoriale importante per TRM network che rimarca ulteriormente così lo sforzo quotidiano profuso dalla Direzione, dai giornalisti, dai tecnici e dall’intero staff per una informazione capillare e puntuale a servizio del territorio.
Tratto da: www.trmtv.it/home/attualita/2015_05_06/87791

http://www.trmtv.it/home/wp-content/uploads/2015/05/unnamed.png





17 SETTEMBRE 2014
Mercoledì

Ore 18.10 - COMUNICATO: L'ESITO DELL'INCONTRO CORECOM BASILICATA CON RAI BASILICATA.
La presidente del Corecom Basilicata, nell’incontro svoltosi ieri con i vertici Rai della Basilicata, ha riportato insieme ai componenti dell'organismo Corraro, Rapolla, Laguardia e Stigliano, le tante segnalazioni e criticità pervenute.
(ACR) - Nella mattinata di ieri si è svolto, presso la sede del Corecom Basilicata, un incontro con i vertici Rai della Basilicata, presenti Oreste Lopomo, Caporedattore del TG3 Basilicata e Fausto Taverniti, Direttore sede Rai regionale, assente giustificata Rai Way, che, nel corso della riunione, ha fatto pervenire le proprie scuse al presidente.
“I componenti del Corecom, Armando Corraro, Morena Rapolla, Gianluigi Laguardia, Sergio Stigliano – riferisce la presidente Giuditta Lamorte - hanno riportato, ai referenti RAI, le tante segnalazioni e criticità sul digitale terrestre, pervenute all’organismo”. I referenti RAI presenti hanno evidenziato come iIl problema, in talune aree è addirittura antecedente allo switch off e che, in casi particolari, la criticità, più che dipendere dalle interferenze sul digitale, riguarda il posizionamento errato delle antenne.

“Il Corecom – precisa la Presidente Giuditta Lamorte – è consapevole che la ricanalizzazione disposta da Agcom in sintonia col MISE- Dip. Comunicazioni, potrebbe avere impatti simili ad un nuovo switch-off, con il passaggio del MUX1 da ch. 29 a ch. 24, per tutti gli impianti regionali e che i tempi per portarlo a compimento sono lunghi, pertanto è stato chiesto ai vertici RAI di valutare la fattibilità tecnica di soluzioni alternative, come una ricanalizzazione anticipata, una sorta di switch off parziale, su quegli impianti per i quali è maggiormente impattante la problematica interferenziale dovuta ad emittenti pugliesi”.

“E’ stato inoltre richiesto – continua Lamorte - di verificare la possibilità di irradiare i servizi dell’informazione regionale della TGR Basilicata su un canale della piattaforma satellitare TV-SAT, ovvero, come ipotesi alternativa, di introdurre, per far fronte all’emergenza, un mux degradato prevedendo così la fruizione dei programmi regionali (Rai3 –TGR Basilicata) attraverso l’inserimento di un ulteriore MUX all’interno del MUX1 irradiato dagli impianti che si ricevono dalla regione limitrofa”.
“I referenti RAI presenti – fa sapere Lamorte - hanno manifestato la loro disponibilità a cercare soluzioni d’urgenza al problema, con l’impegno ad aggiornarsi nel più breve tempo possibile, al fine di verificare le zone più soggette alle interferenze, prima di spostare, su iniziativa del CORECOM Basilicata, il tavolo della discussione a livello nazionale, investendo così del problema RAI e RAI Way nazionale, AGCOM e Ministero delle Comunicazioni, favorendo altresì una rete dei Corecom che lamentano lo stesso problema della nostra regione”.

Redazione Consiglio Informa.
Tratto da:
http://consiglio.basilicata.it/consiglioinforma


10 SETTEMBRE 2014
Mercoledì

Ore 18.50 - DIGITALE TERRESTRE, IL CORECOM BASILICATA INCONTRA I VERTICI RAIWAY.
Seduta del Comitato regionale per le comunicazioni della Basilicata dedicata ai problemi riscontrati in merito alla ricezione del digitale terrestre in alcune zone della regione.
(ACR) - Le questioni relative alle criticità rilevate sul territorio regionale per la ricezione del digitale terrestre sono state affrontate nell’ultima riunione del Comitato regionale per le comunicazioni.
I componenti il Comitato, Gianluigi Laguardia e Armando Corraro, hanno evidenziato le problematiche oggetto della discussione, segnalate da numerosi Sindaci, Associazioni e cittadini.

Nella riunione è stato posto l’accento sul fatto che il 40 per cento della popolazione lucana incontra problemi, in particolare, nella ricezione della programmazione di Rai Tre, a causa di numerose interferenze che dovrebbero essere risolte con il Piano di ricanalizzazione delle frequenze. Ad oggi - è stato rilevato dai componenti il Comitato - non si ha certezza dei tempi di attuazione di questo Piano, ferme restando tutte le questioni legate agli investimenti che andrebbero messi in campo per permettere di superare i disagi determinati alla ricezione di tutti i canali dalla particolare conformazione orografica del nostro territorio.

Al termine della discussione la presidente dell’organismo, Giuditta Lamorte, ha comunicato che sono stati interpellati sulle problematiche in discussione i vertici regionali e nazionali della Testata giornalistica regionale e di Ray Way spa, con i quali è stata concordata una riunione ad hoc per martedì 16 settembre prossimo presso la sede del Co.Re.Com della Basilicata.

Tratto da: http://consiglio.basilicata.it/consiglioinforma/detail


5 SETTEMBRE 2014
Venerdì

Ore 10.20 - RICEZIONE RAI IN BASILICATA: INTERVIENE MARGIOTTA (VP COMMISSIONE VIGILANZA).
“Per risolvere in via definitiva la questione della ricezione difettosa del segnale in digitale terrestre in molte zone della regione Basilicata, l’AGCOM ha disposto un piano di ricanalizzazione di cui, ad oggi, non abbiamo notizie.” Lo denuncia in una nota il vice Presidente della Commissione di Vigilanza Rai, Sen. Salvatore Margiotta spiegando che la ricezione di alcuni impianti principali di Rai Way “da quando si è passati al digitale, è notevolmente degradata a causa delle emissioni private provenienti dalla Puglia in isocanale (ch. 29), emittenti interferenti autorizzate ad irradiare su quel canale”. Si dovrà transitare dal ch. 29 al ch.24 per irradiare il MUX1 –continua il vice Presidente in Vigilanza- ma al momento nessun intervento è stato comunicato e predisposto, a discapito degli utenti sia della provincia di Matera che di quella di Potenza. Per questo chiedo urgentemente risposte alla Rai circa modalità e tempi con un’interrogazione, nel tentativo di recuperare un rapporto di fiducia tra gli abbonati lucani, privati di un diritto, quello all’informazione, ed il servizio pubblico nazionale”.
Tratto da: www.laprimapagina.it/2014/09/04/rai-margiotta-su-ricezione-segnale-digitale-terrestre


23 AGOSTO 2014
Sabato

Ore 16.25 - CORECOM BASILICATA: ALTA L'ATTENZIONE SUL DIGITALE TERRESTRE.
A sottolinearlo la presidente dell’organismo lucano Giuditta Lamorte.
(ACR) - “Il Corecom Basilicata, in seguito alle numerose lamentele relativamente alla ricezione difettosa del segnale in digitale terrestre in molte zone della regione, ha iniziato, già con i precedenti Presidenti, una intensa attività di discussione e confronto con Rai e Rai Way”. A precisarlo la presidente dell’organismo istituzionale, Giuditta Lamorte, la quale fa notare che “le principali problematiche interferenziali sono concentrate sulla costa ionica e non solo. La ricezione di alcuni impianti principali di Rai Way, da quando si è passati al digitale, è notevolmente degradata a causa delle emissioni private provenienti dalla Puglia in isocanale (canale 29)”.
Nel sottolineare che “diverse sono le località interferite sia in provincia di Matera che in quella di Potenza”, Lamorte fa presente che “tutte le situazioni interferenziali sono state da subito segnalate, sia da parte del Corecom Basilicata, sia da parte di Rai e di Rai Way, agli appositi Ispettorati territoriali del MISE-Dipartimento Comunicazioni e, in diversi casi, sono stati svolti sopralluoghi tecnici congiunti col MISE che ne hanno attestato lo stato. L’AGCOM (Autorità Garante delle Comunicazioni, di cui il CORECOM è organo) ha, altresì, disposto in diverse regioni in cui si verificano tali criticità, tra cui la Basilicata, l’attuazione di un piano di ricanalizzazione che ‘dovrebbe’ risolvere il problema”.

“Già prima del periodo estivo, subito dopo l’insediamento del Corecom Basilicata - dichiara la presidente - i referenti di Rai e Rai Way si sono resi disponibili a partecipare a un tavolo di discussione che si terrà nei primi di settembre. Invito che verrà esteso anche al Ministero competente”.

“Il Corecom Basilicata - aggiunge Lamorte - da sempre impegnato nella tutela dei cittadini utenti, del sistema complessivo delle comunicazioni e dell’informazione e in linea con quanto già intrapreso dai precedenti Comitati, si attiverà in ogni modo per affrontare e concorrere a risolvere i problemi”. “Resta l’impegno – conclude la presidente – a monitorare la situazione, portando a conoscenza dei cittadini le evoluzioni che ci saranno”.


«La Tgr diventa digitale. Preparati a vivere l’infor mazione con occhi nuovi. La Tgr entra nella digitalizzazione. Tgr la notizia è sempre più vicina a te».
Così recita lo spot televisivo che sta andando in onda in questi giorni annunciando la partenza del digitale anche per il Tg delle sedi regionali della Rai. «Ci auguriamo che con la completa fase di start del digitale della testata giornalistica di Basilicata, l’informazione sia realmente più vicina e visibile anche a tutti i lucani». È quanto sottolinea Gianluigi Laguardia, neo componente del Corecom di Basilicata, che ha lamentato come «sono ancora oggi tanti i disservizi in diversi comuni della regione per quei lucani che pagando regolarmente il canone del servizio pubblico non ricevono il segnale del Tgr di Basilicata e sono costretti a seguire loro malgrado i Tg di altre regioni limitrofe. È impensabile – a parere di Laguardia – come con le innovative e sempre più aggiornate tecnologie e televisori di alta definizione, ci si ritrovi di fronte a disservizi che, forse, vanno oltre la particolare orografia del territorio e per cui si rende necessario che il Corecom chieda un incontro urgente con i vertici della sede Rai di Basilicata e Rai Way per affrontare e dirimere una questione che merita soluzione in tempi ragionevoli e con l’impiego di tutti gli sforzi tecnici ed anche economici necessari».
Nel ricordare che la questione è stata più volte sollecitata anche con rimostranze di sindaci, amministratori comunali, regionali, parlamentari e di numerosi comitati spontanei di liberi cittadini, Laguardia ha annunciato che chiederà al presidente e ai componenti dell’organismo regionale di iscrivere la questione tra le priorità da affrontare nella programmazione delle attività, come tra l’altro sottolineato anche dai vertici dell’Ufficio di Presidenza del Consiglio regionale della Basilicata nel corso della seduta di insediamento del Corecom.

«Le notizie e l’informazione di quanto accade in Basilicata devono essere sempre vicine ai lucani – ha concluso Laguardia – considerato anche il lavoro puntuale e gli sforzi dei colleghi giornalisti e dei tecnici che meritano di poter essere seguiti dai tanti Lucani che attendono quotidianamente di conoscere fatti di cronaca, politica e soprattutto i tanti eventi e le lodevoli iniziative promosse sul nostro territorio».

Tratto da: www.lagazzettadelmezzogiorno.it/homepage/il-digitale-terrestre-oscura-il-tg-basilicata


 26 FEBBRAIO 2014 - Mercoledì 

Ore 12.00 - TURSI (MT): LA RISPOSTA DELL'ISPETTORATO TERRITORIALE SULLA RICEZIONE DEL DIGITALE TERRESTRE.
In data 25 novembre 2013, e successivamente anche in data 7 dicembre 2013, e ancora in data 18 febbraio 2014, richiedemmo all’Ispettorato territoriale, con sede a Bari, “che effettui le misurazioni, obbligatorie per legge se richieste, nell’abitato di Tursi, l’area più densamente popolata del territorio cittadino, e precisamente in via Italia, in piazza Maria SS d’Anglona, in viale Sant’Anna, in via Santi Quaranta; di ricevere, al più presto, dall’Ispettorato Territoriale comunicazione dei risultati di tali misurazioni.”
A conclusione dei lavori di accertamento, in data 21 febbraio 2014, è arrivata la risposta dell’Ispettorato territoriale.
21-02-2014 Ispettorato Territoriale
Nella missiva c’è scritto che Rai Way non ha intenzione di potenziare il servizio perché non ha sufficienti risorse. Inoltre è stato confermato che a Tursi si può vedere solo Rai 1, Rai 2, Rai 3 e Rai News. Mentre tutti gli altri canali tematici sono assenti, ma anche nei territori circostanti.
Infine, in data 31 gennaio 2014, grazie alla nostra segnalazione, i tecnici incaricati dall’Ispettorato hanno fatto alcune verifiche nell’abitato di Tursi ed hanno confermato quanto sopradetto, aggiungendo che il trasmettitore presente sul Municipio era spento al momento della verifica.
L’Ispettorato territoriale ha certificato, sotto nostra richiesta, lo stato di deficit digitale in cui versa Tursi e il circondario. Ora tocca ai sindaci del Metapontino, sulla base di questa certificazione tecnica, trovare il modo di fare pressione sulla Rai, ma come detto ieri, preferiscono disinteressarsi completamente dei problemi dei cittadini, mostrando invece molto interesse in appalti e bandi.
Tratto da: http://tursienostra.altervista.org/2014/02/26/digitale-terrestre-risposta-dellispettorato-territoriale



 9 FEBBRAIO 2014 - Domenica 

Ore 15.05 - LA RAI RISPONDE A MARGIOTTA SUI PROBLEMI DEI SEGNALI IN BASILICATA.
(Ansa.it) - POTENZA - Colpa di "un'interferenza proveniente da un impianto privato pugliese di Santeramo (Bari) che trasmette sullo stesso canale 29" se i cittadini del comune di Campomaggiore (Potenza), e di altre località della costa ionica lucana, "ricevono con difficoltà il segnale Rai, esclusi proprio dall'informazione regionale, così strategica per il territorio (ricezione del Mux 1)".
E' stata questa la risposta della Rai a un'interrogazione del vicepresidente della commissione di vigilanza Rai, Salvatore Margiotta (Pd), "che prende spunto dalle lamentele giunte dal comune di Campomaggiore, dove i cittadini si movimentano per una raccolta di firme, ma che riguarda tanti altri centri della Basilicata penalizzati dal passaggio al digitale, e che - ha proseguito il parlamentare lucano - deve essere risolto entro pochi mesi, visto l'accordo siglato lo scorso 1 agosto tra Agcom, Rai e ministero dello sviluppo economico.
Accordo che prevede interventi anche sulle frequenze del Mux 1 in Basilicata. Un'operazione che vedrà la luce entro pochi mesi, garantisce la Rai nella risposta all'interrogazione ora in attesa di ricevere il commento del Ministero, e che farà superare le criticità di diffusione sopra sintetizzate".
"Le frequenze assegnate al Mux 1 della Rai - è scritto nella risposta della Rai - devono garantire l'effettiva diffusione della programmazione regionale corrispondente a ciascuna regione, proteggendo la Concessionaria da assegnazioni alle emittenti locali delle frequenze previste per il MUX 1 in aree radioelettricamente adiacenti". "Una mancanza inaccettabile ripetutamente portata all'attenzione sia dell'ispettorato locale del Ministero dello Sviluppo Economico, che del Dipartimento Comunicazioni dello stesso Ministero, senza che, ad oggi, la questione venisse risolta", ha concluso Margiotta, impegnandosi ad "insistere e vigilare, per snellire i tempi della procedura, per ripristinare entro pochi mesi un diritto da troppo tempo leso agli abbonati lucani".



 13 DICEMBRE 2013 - Venerdì 

Ore 17.20 - DIGITALE TERRESTRE: INVITO AI SINDACI DEL METAPONTINO.
http://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/a/a2/Tursi_panorama2.jpg
Il Comitato cittadino MuoviAmo Tursi, ha dato seguito all’incontro sul digitale terrestre tenutosi il 26 ottobre scorso, dove intervennero il Presidente regionale dell’Adoc e il Presidente del Co.Re.Com. di Basilicata. Premesso che il digitale terrestre rappresenta una problematica di tutto il territorio Metapontino; dato che la società Rai Way è responsabile degli investimenti necessari affinché la questione trovi soluzione definitiva; considerato che la popolazione metapontina è molto attenta alla tematica, dato che la televisione è spesso un elettrodomestico fondamentale nell’abitazione di anziani, malati e famiglie; il Comitato MuoviAmo Tursi ha recapitato a tutti i sindaci del Metapontino un invito “a predisporre, con gli strumenti più idonei, un’azione coordinata tra tutti i Municipi, affiancati dalle istituzioni provinciali e regionali, per porre la problematica del digitale terrestre nel territorio Metapontino al primo posto nell’agenda della società Rai Way.” Per conoscenza l’invito è stato inviato anche al Co.Re.Com., all’Adoc, alla Regione Basilicata e alla Provincia di Matera. Starà alla istituzioni prendere a cuore la questione, se vorranno, perché i cittadini fanno il proprio dovere pagando il Canone, anche se il servizio non è garantito dalla Rai.

Tratto da: http://tursienostra.altervista.org/2013/12/11/digitale-terrestre-invito-ai-sindaci-del-metapontino


 28 OTTOBRE 2013 - Lunedì 

Ore 19.20 - DIGITALE TERRESTRE A TURSI (MATERA): PROBLEMA PUBBLICO.
Sabato 26 ottobre si è tenuto un incontro pubblico per discutere le problematiche relative al digitale terrestre, organizzato dal costituente Comitato MuoviAmo Tursi. Hanno partecipato come ospiti: Nino D’Andrea, Presidente dell’associazione di consumatori Adoc; Ercole Trerotola, Presidente Co.Re.Com. Basilicata; Domenico Malvasi, in rappresentanza della categoria Antennisti della Confartigianato di Matera. Alla serata si sono aggiunti l’Assessore del Comune di Scanzano Angelo Lunati con deleghe al Bilancio, Scuola, Cultura, Commercio, Politiche Sociali, in rappresentanza dell’intero Consiglio comunale della cittadina jonica e il Prof. Giuliano Savi, docente universitario in pensione di diritto delle comunicazioni e consulente giuridico per numerosi enti pubblici. Assente Rai Way, che nonostante l’invito ufficiale, ha preferito evitare la platea tursitana consapevole delle proprie inequivocabili responsabilità.
La serata, egregiamente diretta da Mario Cuccarese, è iniziata con la schietta e concisa presentazione del Comitato MuoviAmo Tursi fatta da Isabella Buccolieri.
A seguire il Presidente D’Andrea, che dopo una breve introduzione all’attività dell’associazione dei consumatori, ha spiegato ai presenti quali sono e saranno le principali problematiche relative al digitale terrestre. L’Adoc, già nel giugno 2013, interessò il Co.Re.Com. di Basilicata dei disagi che i cittadini vivevano a Tursi. Da allora, ancora nulla è cambiato, nonostante le numerose e vuote rassicurazioni di Rai Way. D’Andrea ha anche esposto alcune possibile azioni che i cittadini possono già da ora concretizzare per non pagare più il canone Rai. Nei prossimi giorni, dedicheremo un articolo soltanto a queste raccomandazioni.
Successivamente, il Presidente Trerotola ha ripercorso l’iter che ha portato l’intera Basilicata a subire il disservizio televisivo. “Con il digitale terrestre, invece del miglioramento promesso, c’è stata una riduzione del servizio.” Riassumendo la comunicazione che aveva ricevuto dall’ingegnere responsabile di Rai Way di Basilicata, Trerotola ha informato i cittadini che nonostante il problema sia la mancanza di investimenti da parte della società, essa ritiene che la causa principale della mancata ricezione del segnale sia la bassa qualità degli apparecchi ricettivi di proprietà dei cittadini (antenne, televisori e decoder). Il Presidente del Co.Re.Com. ha anche portato l’esempio di altre regioni italiane che hanno lo stesso problema: Calabria, Campania, ma soprattutto la Liguria, la peggio servita di tutta Italia.
Il Prof. Savi, dopo una premessa tecnica sulla normativa, ha affermato che prima di ogni decisione popolare ed istituzionale, bisogna sincerarsi della qualità del segnale. L’Ispettorato territoriale del Ministero dello sviluppo economico è tenuto a questo controllo. Successivamente, la Rai dovrà essere obbligata a garantire il servizio minimo previsto dalla normativa. Se così non sarà, si potrebbe realizzare da parte di Rai un grave pregiudizio ai danni dei cittadini.
Il tecnico Malvasi, dopo aver distinto gli istallatori e antennisti qualificati rispetto a quelli non qualificati, che si improvvisano tali ma che non hanno né gli strumenti né la preparazione per poter risolvere i problemi dei cittadini, ha indicato alla platea come unica alternativa possibile la tecnologia Tv-Sat, che tramite l’antenna parabolica schiva la difficoltà.
Più di 70 i cittadini del pubblico, numerosi i loro interventi, sia a testimoniare i disagi vissuti quotidianamente sia a proporre soluzioni.
A concludere, l’intervento dell’Assessore Lunati, che ha spiegato l’azione futura dell’Amministrazione comunale di Scanzano: prima una delibera di Consiglio comunale per chiedere a Rai Way i necessari investimenti risolutori e poi il coinvolgimento di tutti i sindaci del Metapontino per fare fronte comune ed alzare il livello di attenzione Comune per Comune.
Si ringraziano ancora gli ospiti per aver contribuito e i cittadini che hanno partecipato.
Tratto da:
http://tursienostra.altervista.org/2013/10/28/digitale-terrestre-problema-pubblico


 22 OTTOBRE 2013 - Martedì 

Ore 17.35 - DIGITALE, TREROTOLA (CORECOM BASILICATA): RIDURRE I DISAGI AI CITTADINI.
Per il Presidente del Corecom di Basilicata “è necessario che la Regione e il Ministero della Comunicazione e dello Sviluppo Economico si impegnino a sostenere la fase di transizione anche da un punto di vista economico”.
“Con la Rai e con le emittenti private locali presenti sul territorio bisogna compiere un percorso comune per ridurre al massimo i disagi agli utenti e per consentire la corretta ricezione del digitale terrestre”. E’ quanto afferma il Presidente del Corecom di Basilicata, Ercole Trerotola che interverrà al convegno sul tema” Digitale terrestre e isolamento digitale. Prospettive e rimedi”, che si terrà a Tursi il 26 ottobre nell’Aula Magna dell’ITCG.
“Ci sono difficoltà economiche per investimenti, anche pesanti, ai quali sono costrette le televisioni e, purtroppo, sul fronte della copertura del segnale c’è ancora molto da fare. Si stanno studiando opportune soluzioni quali la realizzazione di nuove infrastrutture – dice il Presidente del Corecom - ma è urgente anche mettere ordine nel mercato televisivo e in quello radiofonico e della carta stampata”.

“All’inizio si pensava di poter perfezionare il tutto entro pochi mesi dallo switch-off e il grosso del lavoro è stato fatto, ma non è ancora finito. Il Corecom Basilicata riceve numerose segnalazioni per problemi di ricezione del servizio di televisione, di banda larga e di telefonia mobile e, inoltre, bisogna fare i conti con la mancanza di risorse a sostegno dell’emittenza televisiva privata. E’ necessario, quindi, che la Regione e il Ministero della Comunicazione e dello Sviluppo Economico si impegnino a sostenere questa fase di transizione anche da un punto di vista economico. E’ urgente risolvere le situazioni critiche che necessitano di assistenza– conclude il Presidente del Corecom – al fine di evitare malfunzionamenti di ripetitori nazionali e locali, allo scopo di rendere efficiente ed efficace questo nuovo ‘modello di televisione’ che scaturisce da un passaggio tanto rivoluzionario quanto delicato per tutto il sistema della comunicazione".

Tratto da:
www.basilicatanet.it/basilicatanet/site/Basilicatanet


 21 LUGLIO 2013 - Domenica 

Ore 14.20  - DIGITALE TERRESTRE A SINGHIOZZO IN PROVINCIA DI MATERA.
Ad oltre un anno dallo switch-off la ricezione dei canali non è ancora delle migliori. Il segnale tv continua a fare le bizze. Parecchie le criticità: da Irsina a Tursi passando per Oliveto e Stigliano.
Digitale terrestre a singhiozzo in diversi centri della provincia di Matera. Ad oltre un anno dallo switch-off (cioè dal passaggio dal sistema televisivo analogico al digitale ndr) in Basilicata la ricezione dei canali non è ancora delle migliori. Tutt’altro. Specie nell’entroterra, il segnale tv continua a fare le bizze. E a essere penalizzati sono, ovviamente, gli utenti. Che, in molti casi, pagano per qualcosa che – loro malgrado - non vedono. E non si tratta di situazioni circoscritte. Parecchie sono le criticità e i disagi dovuti, evidentemente, a una copertura del territorio a macchia di leopardo. Innumerevoli le segnalazioni. Al pari delle “zone buie”, cioè non coperte dal segnale o dove il segnale stesso è troppo debole per garantire una costante fruizione delle trasmissioni televisive (incluse quelle del cosiddetto “servizio pubblico”). Strano ma vero. A Tursi, ad esempio, c’è chi riesce a vedere solo i canali Mediaset e chi solo canali Rai, a seconda della zona dell’abitato. Va peggio ad Oliveto Lucano dove, nella parte bassa del paese, i residenti riescono a malapena a “prendere” le reti Rai. Un po’ meglio va nella parte alta. Problemi anche a Irsina e a Stigliano. In quest’ultimo comune, poi, si vanno ad aggiungere a croniche difficoltà come quella di poter vedere, sulla terza rete della Rai, il Tgr Basilicata anziché quello di Puglia o Calabria.

Tratto da: http://www.stigliano-mt.it/28-news/news/760-digitale-terrestre-a-singhiozzo-in-provincia


 28 MARZO 2013 - Giovedì 

Ore 00.50 - LA LIGA SPAGNOLA IN ONDA SU TELELOMBARDIA, ANTENNA 3 E (FORSE) VIDEOGRUPPO IN LOMBARDIA E PIEMONTE. SU TELENORBA PER PUGLIA, BASILICATA E MOLISE.
La Liga spagnola sbarca in Italia grazie a TeleLombardia. Una incredibile esclusiva per tutti i nostri telespettatori che in maniera gratuita potranno assistere a tutte le partite di Messi e Cristiano Ronaldo o scoprire se questa sarà l'ultima stagione di Mourinho sulla panchina del Real Madrid. Ma la Liga è fatta anche il gioco del Barcellona con Xavi e Iniesta e tutti i giovani campioni del Real, può contare su un bomber di livello mondiale come Radamel Falcao allenato dal "cholo" Diego Simeone.
Anche il Gruppo Telenorba trasmettera' in diretta le ultime fasi della Liga, il campionato di calcio spagnolo, tra i piu' interessanti del mondo. Lo rende noto il gruppo editoriale pugliese, spiegando che, in collaborazione con la concessionaria Pubblishare, ha sottoscritto oggi un accordo per trasmettere gratuitamente in diretta sulle proprie reti Tn7 e Tn8, ogni fine settimana, i quattro incontri piu' interessanti proposti dal campionato spagnolo, sino alla sua conclusione. Si comincia da questa settimana. E' la prima volta che un circuito di tv locali, lo stesso che ha consentito a Santoro di realizzare Servizio Pubblico e trasmetterlo su scala nazionale, acquista i diritti del calcio internazionale di primo livello come quello spagnolo, diritti che per il campionato in corso non erano stati assegnati in Italia.

Questo il calendario delle partite in programma:
Sabato 30/3 ore 18.00 Celta Vigo-Barcellona

Sabato 30/3 ore 20.00 Saragozza-Real Madrid
Domenica 31/1 ore 19 Espanyol-Real Sociedad

Domenica 31/1 ore 21 Atletico Madrid-Valencia
Sabato 6/4 ore 18.00 Real Madrid-Levante
Sabato 6/4 ore 22.00 Barcellona-Maiorca
Domenica 7/4 ore 19 Getafe-Atletico Madrid
Domenica 7/4 ore 21 Valencia-Valladolid


 10 MARZO 2013 - Domenica 

Ore 23.20 - TRM H24: PARTITA LA PROGRAMMAZIONE UFFICIALE.
Dallo scorso lunedì 4 marzo la programmazione di TRM H24 – la rete all news sul canale 111 del digitale terrestre che da ottobre offre una copertura puntuale dei principali eventi e fatti della Basilicata – ha terminato la propria fase di sperimentazione Beta con l’inaugurazione della redazione e dello studio televisivo di Potenza, siti in via Centomani 11.
Il palinsesto del canale, dalle ore 8.00 del mattino fino alle 22.00, è dedicato a temi, problemi ed opportunità del territorio con un confronto in diretta tra esponenti istituzionali, dell’associazionismo e della società civile.
L’intera redazione è stata coinvolta nella giornata inaugurale con un vero e proprio OPEN DAY, che ha permesso di affrontare tematiche di rilevante interesse per il territorio con i numerosi ospiti previsti che interverranno nelle diverse fasce orarie con continuità. Dai neo eletti deputati e senatori, al Governatore De Filippo con numerosi assessori e consiglieri regionali, dal Presidente della Provincia Lacorazza al sindaco Santarsiero con i rispettivi componenti dell’esecutivo provinciale e comunale, sono tante e significative le presenze istituzionali che hanno confermato la propria partecipazione alla lunga giornata inaugurale in diretta televisiva. Con loro, attraverso un’alternanza alla conduzione, è stato possibile affrontare le più eterogenee e rilevanti tematiche di interesse per la comunità lucana, offrendo spazio all’agenda istituzionale ed alle sue priorità, nonché agli approfondimenti in tema di sanità, attività produttive, lavoro, cultura, valorizzazione del territorio e delle sue bellezze storiche, paesaggistiche, ambientali ed enogastronomiche. Alla giornata inaugurale sono stati invitati anche tutti i sindaci della provincia di Potenza nonché i responsabili delle numerose associazioni e del mondo del volontariato che animano il tessuto cittadino e provinciale per estendere la riflessione sull’attualità e sulle prospettive del territorio nell’interesse dei cittadini. Si tratterà di una occasione importante e di massima visibilità, per sottolineare insieme a tutti coloro che interverranno anche l’importanza e la delicatezza del ruolo dell’informazione di servizio sul territorio in un momento particolare sul piano politico, economico e sociale che vivono il Paese, il Sud e la Basilicata.

La programmazione del canale TRM H24, oltre che in diretta sul digitale terrestre, sarà come sempre fruibile in modalità live streaming sul sito internet www.trmtv.it nonché dalla APP gratuita TRM disponibile per iPhone, iPad ed iPod Touch, oppure per dispositivi Android. I contenuti dell’OPEN DAY saranno inoltre veicolati sui canali social ed in particolare caricati su apposita playlist del canale www.youtube/trmh24 denominata OPEN DAY TRM H24.
Cosimo Latronico su inaugurazione studi TRM a Potenza:

“Una ‘voce’ nuova che si affaccia sul capoluogo di regione non può che essere salutata con soddisfazione”. E’ il commento dell’onorevole del Pdl, Cosimo Latronico, che in mattinata ha partecipato all’inaugurazione della redazione di Potenza della testata televisiva Trm. “In un momento di crisi, l’ampliamento di una televisione, da anni radicata nel materano, è un momento di crescita per l’intera regione. All’editore e alla redazione tutta i migliori auguri di buon lavoro per questa sfida che siamo certi arricchirà l’offerta dell’informazione, con un occhio particolare ai problemi della Basilicata”.

Tratto da: http://www.sassilive.it/cultura-e-spettacoli/terza-pagina/trm-h24-digitale-terrestre-anche-a-potenza


 12 OTTOBRE 2012 - Venerdì 

Ore 00.35 - DISASTRO DIGITALE: IL TGR DELLA BASILICATA OSCURATO DA GIORNI.
POLICORO - Rai 3 Tgr Basilicata, che continua a non essere visto da tanti utenti della Basilicata, crea non pochi problemi anche per quegli utenti, che seguendo i consigli dell’apparato tecnico della sede Rai di Potenza, hanno installato una antenna per poter vedere le trasmissioni che vengono irradiate dalla sede regionale. È il caso degli utenti di Policoro e dei comuni della zona che hanno dovuto installare, anche con l’arrivo del digitale terrestre, un’apposita antenna per ricevere il segnale da Nova Siri. Nonostante la spesa a cui si sottopone l’abbonato, e che non gli dovrebbe competere, i blackout, di breve o lunga durata, si verificano ancora. E proprio in questi giorni, a Policoro e nei comuni della zona, serviti dall’antenna che capta il segnale da Nova Siri, il blackout è durato tre giorni, precisamente da sabato 6 settembre a martedì 9. Gli antennisti che avevano installato l’antenna, sono stati tempestati di telefonate dai loro clienti, mentre i telecomandi, chissà per quante centinaia di volte hanno fatto vedere sullo schermo buio, le scritte “Nessuna info sulla trasmissione” e “Nessun segnale”.
Dopo tre giorni di “buio”, il cronista ha pensato di mettersi in contatto con l’apparato tecnico della Rai. E l’ha fatto nella tarda mattinata di martedì scorso. Dopo diversi tentativi, con il telefono che squillava e nessuno rispondeva, intorno a mezzogiorno è riuscito a mettersi in contatto. Dall’altro capo, per la verità con molta cortesia, gli è stato risposto che soltanto qualche ora prima, proprio con la telefonata di un altro utente, l’apparato tecnico era venuto a conoscenza di quel che stava accadendo e i tecnici si erano messi subito in viaggio. Dopo qualche ora dall’arrivo dei tecnici, è tornato il segnale. Ma erano già trascorsi tre giorni di “buio”.
Possibile che non esiste un telecontrollo o un altro modo per venirne subito a conoscenza? «Per Nova Siri - ci è stato detto - allo stato attuale non esiste alcun strumento che permette di monitorare quello che succede». Al tempo dell’analogico, perché anche allora Policoro ed alcune zone vicine, per poter vedere il Tgr Basilicata, avevano bisogno di un’antenna, ma allora se si verificava un guasto, attraverso il telecontrollo, si veniva a conoscenza e si provvedeva con immediatezza. Con il digitale terrestre, non esiste alcun controllo e se c’è un guasto, gli utenti, se vogliono vedere il Tgr Basilicata, devono essere loro a segnalarlo. Questa è la Rai di Basilicata.

Tratto da: http://www.lagazzettadelmezzogiorno.it/notizia



 06 OTTOBRE 2012 - Sabato 

Ore 18.40 - TRM H24: DA LUNEDI' 8 OTTOBRE PARTE IL CANALE ALL NEWS.
Dopo una fase sperimentale di un mese, partirà alle ore 7.00 di lunedì 8 ottobre la seconda sperimentazione beta del nuovo canale d'informazione territoriale di Basilicata Trm H24. Intraprendendo una vera e propria sfida con la determinazione dell'intero staff, Trm H24 desidera aprirsi all'intero territorio, per la prima volta con una palinsesto all-news che pone la Basilicata al centro, il cui obiettivo sarà quello di proporre una programmazione in continua diretta, dalle 7 del mattino fino a tarda notte.
Lo studio di Matera è stato ultimato e dotato delle più moderne attrezzature che permetteranno ai giornalisti in studio di alternarsi nella conduzione di momenti informativi proposti ogni mezz'ora in continuo aggiornamento, cui seguiranno ricche rubriche tematiche e spazi di approfondimento giornalistico con ospiti in studio, collegamenti telefonici, via webcam, skype e con tutti i mezzi che rete e social network possono oggi offrire. Dalla sede di Potenza di via Centomani ed in prospettiva da altri centri nelle zone nevralgiche del territorio si apriranno ulteriori finestre informative e di approfondimento sul territorio. Negli spazi tematici che caratterizzeranno il palinsesto di Trm H24 si sottolineano quelli dedicati alla rassegna stampa quotidiana, agenda appuntamenti lucani, spazio meteo con aggiornamenti orari e previsioni segmentate per aree (Potenza, Matera, Collina materana, Lagonegrese, Metapontino, Vulture, Val d'Agri), tg economia, tg ambiente, tg cultura, tg agricoltura, tg salute, spazio associazioni, l'esperto risponde, spazio giovani e scuole, spazio rete, social network e tecnologia. Una griglia informativa aperta e flessibile, che avrà come unico obiettivo quello di concentrare l'attenzione del pubblico sulla Basilicata, i suoi eventi, i progetti, le iniziative, le attività, le tematiche, urgenze, emergenze, prospettive e valori del territorio.
Con TRM H24 parte di fatto una vera e propria "fabbrica dell'informazione" locale, veloce e live dal mattino alla notte, che nasce nelle sue ambizioni per esser offerta capillarmente "a tappeto" mettendo al centro tutta la Basilicata con i suoi 131 comuni, grazie anche ad un diffuso contributo di partecipazione attiva che viene chiesto di esercitare alla stessa popolazione residente, invitata ad essere prima protagonista delle notizie riguardanti il proprio territorio. L'occasione è gradita per ricordare ai telespettatori la numerazione dei canali del network TRM su digitale terrestre in Basilicata: Trm H24 (LCN 111), Trm (LCN 11), Trm Story (LCN 210), interamente dedicato alla riproposizione di momenti della storia passata e più recente dell'unica emittente televisiva materana operativa da oltre trentacinque anni, Trm Show (LCN 603), che propone intrattenimento musicale di qualità ed informazioni su eventi ed iniziative in Basilicata e Puglia, cui si aggiungeranno presto con programmazioni dedicate Trm Art (LCN 602) e Trm Edu (LCN 601), destinato a poter ospitare nel suo palinsesto informazioni istituzionali, di servizio e di pubblica utilità.

Tratto da:
http://www.ilmetapontino.it/cultura-e-spettacoli/cultura/7167-digitale-terrestre-da-lunedi-8-ottobre-trm-h24-avvia-la-diretta-all-news


 05 OTTOBRE 2012 - Venerdì 

Ore 15.10 - RAI: BUONA COPERTURA DEL SEGNALE DIGITALE.
Lo ha sottolineato la sede regionale della Basilicata.
(ANSA) - POTENZA, 5 OTT - ''Dai controlli periodici di Rai Way riguardanti sul segnale digitale terrestre in Basilicata, e' risultato che il territorio e' servito da una 'buona' copertura complessiva''. La sede regionale lucana ha sottolineato che ''in alcune limitate zone (quali parte della citta' di Matera, del Metapontino e del Vulture-Melfese, sono state evidenziate ancora interferenze extraregionali per le quali e' stato nuovamente sollecitato l'intervento del Ministero dello Sviluppo economico''.

Tratto da: http://www.ansa.it/web/notizie/regioni/basilicata/2012/10/05/Rai-Buona-copertura-segnale-digitale


 05 SETTEMBRE 2012 - Mercoledì 

Ore 10.15 - AL VIA IL CANALE D'INFORMAZIONE TERRITORIALE TRM H24.
Dopo una stagione difficile fatta di onerosi adeguamenti tecnologici e di scelte coraggiose, considerata la complicata congiuntura economica e l'assenza di supporti finanziari nel traguardare il passaggio al digitale terrestre, Trm-Radiotelevisione del Mezzogiorno è pronta ad innovare ancora una volta la sua proposta editoriale.
E' stato recentemente lanciato il nuovo canale tra i sei che il Ministero dello Sviluppo economico le ha riconosciuto in Basilicata: Trm H24 (LCN 111) che, oltre alla rete-madre Trm (LCN 11), si aggiunge ai già avviati Trm Story (LCN 210), interamente dedicato alla riproposizione di momenti della storia passata e più recente dell'unica emittente televisiva materana operativa da oltre trentacinque anni, e Trm Show (LCN 603), che propone intrattenimento musicale di qualità ed informazioni su eventi ed iniziative in Basilicata e Puglia.
Intraprendendo una vera e propria sfida con la determinazione dell'intero staff, Trm H24 desidera aprirsi all'intero territorio, per la prima volta con una palinsesto all-news che pone la Basilicata al centro, il cui obiettivo sarà quello di proporre una programmazione in continua diretta, dalle 7 del mattino a tarda notte.
E' in fase di allestimento lo studio di Matera, che verrà presto collegato a quello di Potenza in via Centomani 111 ed in prospettiva con quelli che verranno aperti in altri centri nevralgici della Regione, e che sarà destinato a diventare dal mattino alla notte per gran parte dei nostri addetti ai lavori la quotidianità di un'esistenza fatta di telecamere, microfoni, notizie d'agenzia e contributi dei corrispondenti ed ospiti, raggiunti anche con collegamenti telefonici, via webcam, skype e con tutti i mezzi che rete e social network possono oggi offrire.
Con TRM H24 parte di fatto una vera e propria "fabbrica dell'informazione" del territorio, veloce e live dal mattino alla notte, che nasce nelle sue ambizioni per esser offerta capillarmente "a tappeto" mettendo al centro tutta la Basilicata con i suoi 131 comuni, grazie anche ad un diffuso contributo di partecipazione attiva che viene chiesto di esercitare alla stessa popolazione residente, invitata ad essere prima protagonista delle notizie riguardanti il proprio territorio.
Se infatti nelle case verrà portato ogni giorno il contributo fondamentale ed imprescindibile di tanti volti e voci dei giornalisti che da sempre sono "la voce ed il volto" di TRM, nonché dei nuovi che si aggiungeranno lungo questo nuovo importante cammino, è altresì vero che il progetto potrà correre sulle sue gambe solo grazie al prezioso supporto di collaboratori, segnalatori, ideatori, animatori di portali e blog e semplici cittadini che oggi ovunque presenti - grazie alla complicità derivante dal diffuso uso delle nuove tecnologie - dovranno sentirsi da subito protagonisti del progetto facendo pervenire dai singoli comuni di residenza i propri contributi video ed i propri commenti. Dare voce a chi non ha voce: da sempre è questo il ruolo fondamentale dell'informazione ed ancor di più in questo progetto tale obiettivo di comunicazione di servizio dovrà prendere forma, dando peso e valore anche a tutto il territorio ma anche a tutti quei comuni che per motivi legati all'orografia del territorio, fino ad oggi sono rimasti ai margini. I primi tasselli di questo ambizioso puzzle saranno apposti a brevissimo con trasmissioni sperimentali di rodaggio del canale all news lucano, mentre man mano andranno ad aggiungersi ulteriori tasselli, fino al comporsi di un unco ricco quadro pieno di spazi, rubriche e contenuti, che possano aiutare tutti ad aprirsi ad una conoscenza e ad un confronto.
Con la programmazione di TRM H24 si desidera proporre infatti quotidianamente una finestra d'informazioni varia e capillare, che sia fatta di cronaca e d'aggiornamento ma anche di racconto, resoconto, analisi ed approfondimento, che sappia mettere il dito sulle emergenze storiche e sulle occasioni perdute, ma anche e soprattutto sulle opportunità, i valori e le risorse del territorio.
Questa è una scelta editoriale delicata ed ambiziosa che costerà dedizione, impegno e sacrifici, non solo economici, nella convinzione che in un momento delicato da un punto di vista economico e sociale, occorre una scossa importante e che l'informazione in questo scenario abbia un compito ed un ruolo imprescindibile, se davvero si desidera costruire progettualtà e propositività per un territorio migliore, fondato non già su un modello a "compartimenti stagni", ma a "vasi comunicanti" in grado di mettere in circolo idee, opportunità di sviluppo ed occupazionali, puntando su innovazione e tecnologie d'avanguardia, guardando all'identità e quindi proiettandosi al futuro senza dimenticare il passato.
Un contenitore tutto nuovo ed in fase di avanzata costruzione che mostra diverse facce della TV digitale. A Trm, Trm Story, Trm Show e Trm H24, presto si andranno ad aggiungere i palinsesti tematici di altri due canali: Trm Art (LCN 602) e Trm Edu (LCN 601), destinato a poter ospitare nel suo palinsesto informazioni istituzionali, di servizio e di pubblica utilità.
L'attuale copertura territoriale da parte dell'emittente TRM, a seguito di autorizzazioni ministeriali già ottenute, è oggi pari al 70% e si andrà presto a completare secondo le linee guida del piano di adeguamento preventivamente approvato dal Ministero dello Sviluppo Economico, fino ad arrivare alla totalità di illuminazione di tre regioni, Basilicata, Puglia e Molise, e quindi ad un bacino territoriale complessivo coperto che - a chiusura del progetto - sarà di circa 5.000.000 di persone.
Uno sforzo di produzione sicuramente importante che per crescere e consolidarsi dovrà necessariamente poter contare sul supporto di inserzionisti pubblicitari e sponsor che, cogliendo la valenza del progetto, decideranno di crederci e di investire su di esso le proprie risorse per far conoscere ad un così ampio bacino i propri prodotti e servizi. Perché ciò avvenga occorerà mantener fede alle promesse e dare qualità alle produzioni dei canali tematici avviati e di prossimo avvio. Un impegno su cui la società editrice e tutto il suo staff investirà ogni possibile energia.
La Direzione di TRM RadioTelevisione del Mezzogiorno
.
Tratto da: http://www.ilmetapontino.it/rubriche/interventi/6863-al-via-il-canale-dinformazione-territoriale-trm-h24-sul-digitale-terrestre


 28 AGOSTO 2012 - Martedì 

Ore 20.45 - RAI: LE FREQUENZE E TUTTE LE POSTAZIONI DELLA BASILICATA.
Roberto, il nostro collaboratore della Basilicata, ci ha inviato l'elenco di tutti i ripetitori della Rai in Basilicata, con la denominazione delle postazioni; sono inoltre indicate le frequenze su cui è irradiato il Mux 1. Altro dato importante è che si possono conoscere con esattezza i siti da cui sono trasmessi il MUX2, 3 e 4 della Rai, insieme alle relative polarizzazioni.







 27 AGOSTO 2012 - Lunedì 

Ore 21.35 - TRM SCRIVE A L'ITALIA IN DIGITALE SULLA RICEZIONE DELLE SUE FREQUENZE.
Abbiamo ricevuto una comunicazione da parte di un responsabile dell'alta frequenza dell'emittente TRM, la riportiamo qui di seguito.


"Sono uno dei responsabili tecnici dell’alta frequenza e ci tengo a far luce su questo argomento.
La zona di Scanzano Jonico e di tutta la costa Jonica in generale non sono attualmente coperti dal nostro segnale, nonostante i nostri pannelli di diffusione della suddetta zona siano attivi e regolarmente in funzione. Il problema consiste in una forte interferenza dell’emittente “Canale Italia”, che dalla Puglia, e precisamente dalla postazione di Trazzonara (Martina Franca – TA) irradia il proprio segnale da un traliccio alto oltre 80 metri in direzione della costa Jonica con un mux sul canale 46 UHF, vale a dire lo stesso assegnato a TRM per la Basilicata, annullando di fatti il nostro segnale.
Sono già in corso le pratiche legali dato che come è facile capire, l’emittente “Canale Italia” a cui il Ministero ha assegnato lo stesso canale 46 di TRM, non può oltrepassare i confini Pugliesi, così come TRM non può oltrepassare i confini Lucani. Abbiamo fatto diverse misurazioni nelle settimane scorse nella zona di Policoro e Nova Siri, e il segnale di Canale Italia arriva con un livello di oltre 60 dBuV e un MER che supera i 35 dB, annullando completamente il nostro segnale che ripeto viaggia sullo stesso canale UHF.
Il frangente in cui l’utente è riuscito per un breve periodo a vedere i nostri canali può essere dipeso semplicemente da un calo del segnale di Canale Italia.
Ad ogni modo concludo rassicurando tutti gli utenti della costa Jonica invitandoli ad avere un po’ di pazienza, in primo luogo perchè stiamo attendendo che la burocrazia giuridica faccia il suo corso e in secondo luogo perché è prevista a Nova Siri una nuova postazione di diffusione in direzione Taranto che andrà a rafforzare il segnale della nostra emittente."



 11 AGOSTO 2012 - Sabato 

Ore 13.00 - TRM: LETTERA APERTA A L'ITALIA IN DIGITALE.
L'emittente di Matera TRM, Radio Televisione del Mezzogiono, scrive a L'ITALIA IN DIGITALE, dopo le segnalazioni da parte di un nostro lettore di Scanzano Jonico sulla mancata ricezione nella sua zona.

"TRM Radio Televisione del mezzogiorno è un emittente radio-televisiva con alle spalle una storia di oltre 35 anni, essendo tra le prime emittenti a servizio del territorio Lucano e Pugliese. In 35 anni la nostra emittente è sempre stata vicina al cittadino, fornendo un offerta informativa libera e variegata, cercando di raccontare il territorio con i nostri telegiornali, le nostre rubriche, e tutte le trasmissioni che sempre ed in maniera costante sono state vicino a quanto succedeva in Basilicata e Puglia. Il 2012 è stato un anno importante per la nostra emittente che come tante altre con l' avvento del digitale terrestre hanno visto rimettere in gioco la propria copertura, ed in alcuni casi la propria esistenza stessa. La nostra emittente, ancora una volta seppur con molti sacrifici dovuti all' ingente impegno economico e di mezzi richiesti dal passaggio alla nuova tecnologia, non ha voluto abbandonare i suoi telespettatori ed il suo territorio, mettendo a punto un piano di copertura digitale che sin dai prossimi mesi ci portera' ad avere una capillare visibilità in tutta la Basilicata e nella vicina Puglia. Purtroppo queste operazioni seppur semplici a parole implicano una serie di attivita' sia tecniche (creazione o upgrade dei siti trasmissivi) che burocratiche (Autorizzazioni ministeriali) che abbiamo gia' avviato e che a lavoro compiuto porteranno a colmare i gap come quello a voi segnalato dal telespettatore di Scanzano Jonico. Vi invitiamo quindi nel caso ci fossero altre segnalazioni da parte di nostri utenti o potenziali utenti, di tranquillizarli perche' stiamo lavorando e presto avranno il nostro segnale a copertura del proprio comune di appartenenza. Per ogni eventuale dubbio o supporto tecnico, abbiamo inoltre reso disponibile un numero verde
800-996687 (totalmente gratuito) ed un informativa sul nostro sito web (www.trmtv.it).
Rimaniamo a vostra disposizione per ogni eventuale chiarimento circa la copertura digitale di TRM. Supporto TRM TV
".



 04 AGOSTO 2012 - Sabato 

Ore 11.30 - MATERA: ANCORA TROPPI DISAGI NELLA RICEZIONE DEI CANALI RAI.
“A distanza di quasi due mesi – ha affermato Marina Festa, segretaria della sezione della provincia di Matera dell’Adiconsum - dallo spegnimento della tv analogica e il passaggio alla tv digitale terrestre sono troppi i cittadini di Matera e dei comuni di Tursi, Policoro, Bernalda e di altri paesi limitrofi che si lamentano per la cattiva ricezione, principalmente, dei programmi della Rai.
Si riscontrano, quindi, gravi problemi di copertura dei segnali televisivi.
I cittadini – ha commentato Marina Festa – non sanno più cosa fare e, avendo fatto verificare i loro impianti, ritengono che gli inconvenienti derivano esclusivamente dalla cattiva trasmissione del segnale Rai.
L’Adiconsum invita l’Amministrazione Comunale e Provinciale di Matera e il Corecom ad intervenire per appurare le cause della cattiva ricezione dei programmi e a prendere gli opportuni provvedimenti considerato anche che la Rai svolge un servizio pubblico”.
Sui disagi legati allo switch off interviene con una nota anche il Corecom Basilicata, che evidenzia come numerose siano le segnalazioni che arrivano quotidianamente alla sede di Potenza.
Il passaggio – spiega il presidente del Corecom. Ercole Trerotola - ha determinato tutta una serie di inconvenienti tecnici che hanno compromesso l’esatta ricezione del segnale da parte dell’utenza, soprattutto nelle zone di confine e anche a causa della particolare conformazione orografica del territorio lucano.
Il Corecom, fin dall’inizio dello switch-off, si è sempre prodigato per fornire una corretta informazione a tutela e supporto di tutti i cittadini e, soprattutto, delle fasce più deboli e meno esperte, come gli anziani”.


“Abbiamo messo in campo tutte le iniziative necessarie al fine di garantire una buona qualità tecnica del nuovo servizio – afferma Trerotola - grazie anche al lavoro del tavolo tecnico istituito dal Corecom di Basilicata e composto da esperti e rappresentanti delle istituzioni.
E’ stato predisposto un sito web www.digitaleterrestre.basilicata.it dove sono pubblicate tutte le notizie necessarie ed è stato definito un codice etico degli antennisti per garantire un trattamento equo nell’intervento per la sistemazione delle antenne e per la sintonizzazione dei canali.
Il Corecom è sempre stato dalla parte dei cittadini raccogliendone le segnalazioni, ascoltandone i problemi e rappresentando gli stessi alle strutture competenti, investendo la Rai e le emittenti locali dei disagi che stanno interessando i cittadini lucani.”


Il Corecom, quale organo di garanzia per i cittadini nel campo delle telecomunicazioni, - conclude Trerotola - ha anche svolto una serie di audizioni con gli operatori delle telecomunicazioni e con le associazioni dei consumatori e continuerà a mettere in campo ogni forma di collaborazione per avviare iniziative risolutive finalizzate ad ottenere i necessari interventi per il miglioramento della ricezione del segnale, precisando che ciascun soggetto interessato a questa importante fase di cambiamento dovrà mettere a disposizione risorse e strumenti volti ad offrire un servizio di qualità al cittadino-utente”.

Tratto da: http://emmenews.blogspot.it/2012/08/ancora-troppi-disagi-nella-ricezione


 11 LUGLIO 2012 - Mercoledì 

Ore 10.20 - DISSERVIZI DIGITALE TERRESTRE IN BASILICATA: TREROTOLA SCRIVE ALLA RAI.
Per segnalare “disservizi e malfunzionamenti che ancora oggi, a più di un mese dallo switch off, impediscono a moltissimi cittadini lucani di sintonizzare correttamente i canali Rai e di vedere il tg3 Basilicata”, il presidente del Corecom Basilicata, Ercole Trerotola ha scritto oggi una lettera al caporedattore della TGR Basilicata Oreste Lopomo e al direttore della sede Rai Basilicata Fausto Taverniti.
“Da informazioni assunte in maniera informale – afferma il presidente del Comitato regionale delle comunicazioni - mi risulta che ad oggi la gran parte della popolazione lucana non riceve il segnale del tg3 Basilicata, mentre la restante parte della popolazione riesce a connettersi con qualche difficoltà sia al tg3 che agli altri canali della Rai. Che il passaggio al digitale terrestre, in un territorio orograficamente complicato come la Basilicata sarebbe stata cosa non facile, ero stato io stesso a pronosticarlo. E del resto, una operazione così complessa, da realizzare in pochi giorni in aree montane dove già con la tecnologia analogica si registravano problemi di ricezione del segnale (soprattutto nelle aree di confine, dove molti cittadini vedevano il tg3 di altre regioni), avrebbe certamente comportato qualche problema, che mi ero permesso di segnalare sia alla popolazione che alle istituzioni preposte ben prima dello switch off”.

“Ma se dopo un mese dal passaggio al digitale terrestre – aggiunge Trerotola - i problemi delle aree di confine si sono notevolmente accentuati, ed oggi anche nel centro di Matera, in buona parte del Metapontino, nel Vulture Melfese e nel Marmo Platano (solo per segnalare le zone dalle quali provengono la maggior parte delle segnalazioni, peraltro arrivate anche da istituzioni, associazioni e consiglieri regionali) non si può vedere il tg3 Basilicata ed a volte non si può vedere nessun canale Rai, è cosa che fa pensare che in sede tecnica c’è stata una evidente sottovalutazione dei problemi legati all’avvento del digitale terrestre. Una sottovalutazione che priva centinaia di migliaia di cittadini (che pagano il canone Rai) del servizio pubblico radiotelevisivo”.

Ecco perché, nel ribadire “che il Corecom è pronto a collaborare per la migliore soluzione delle problematiche evidenziate”, Trerotola chiede a Lopomo e Taverniti “di intervenire nuovamente nei confronti delle aziende della Rai competenti su questa materia, per assicurare al più presto la risoluzione dei problemi tecnici che impediscono la corretta ricezione del segnale”.

Tratto da: http://www.sassiland.com/notizie_matera/notizia.asp?id=17121&t=disservizi_digitale_terrestre_trerotola_scrive_alla_rai


 23 GIUGNO 2012 - Sabato 

Ore 10.40 - IL TAR DEL LAZIO RESPINGE L'ANNULLAMENTO LCN INTENTATO DA TELENORBA.
Il TAR del Lazio ha respinto la domanda incidentale di sospensione
della numerazione LCN per il Molise, Puglia e Basilicata, intentato dalla superstation di Conversano (BA) TeleNorba. Pubblichiamo l'estratto della sentenza datato 21 giugno 2012. Ad oggi comunque i canali TeleNorba 7 e TeleNorba 8 continuano comunque ad occupare le LCN 7 ed 8.



Update ore 16.00: TELENORBA 7 e TELENORBA 8 hanno liberato le LCN 7 ed 8, ora occupano rispettivamente le LCN 10 ed 11.

http://www.giustizia-amministrativa.it/DocumentiGA/Roma/Sezione%201/2012/201203606/Provvedimenti/201202171_05.XML





 19 GIUGNO 2012 - Martedì 

Ore 10.30 - TGR BASILICATA: STELLA SCRIVE ALLA RAI PER I PROBLEMI CAUSATI DAL DIGITALE.
Buona parte del Materano non vede Rai 3.
Nel periodo post analogico che ha visto il digitale terrestre entrare nella casa dei lucani, qualcosa ancora non torna. Numerose, infatti, le sollecitazioni pervenute al presidente della Provincia, Franco Stella, rispetto la mancata visione di TG3 Basilicata da parte di buona parte dei cittadini della provincia di Matera. Una motivazione importante che ha spinto il presidente dell’Amministrazione provinciale a scrivere ai vertici locali Rai al fine di: “intervenire per ripristinare un servizio pubblico di interesse generale che, come ribadito in passato, è di fondamentale importanza per lo sviluppo del territorio. A maggior ragione quando i cittadini, a fronte di un canone Rai regolarmente versato, si vedono privati di ciò per cui hanno pagato.”
“Ritengo che la Rai debba adoperarsi urgentemente – ha proseguito Stella – per garantire al comprensorio Materano il diritto di partecipazione alla vita pubblica. Negare ai cittadini di conoscere fatti e avvenimenti che riguardano le proprie comunità significa estrometterli dal contesto sociale. Un isolamento che nell'era della iper connessione non solo non è concepibile, ma soprattutto non è ammissibile.”

Tratto da: http://emmenews.blogspot.it/2012/06/provincia-stella-scrive-alla-rai


 12 GIUGNO 2012 - Martedì 

Ore 19.30 - METAPONTINO: LISTA DELLE TV RICEVIBILI A MONTALBANO JONICO (MT).
Un nostro lettore, Francesco di Montalbano Jonico in provincia di Matera, ci ha inviato una lista dei canali che sintonizza nella sua località, aggiornata ad ieri, 11 giugno, alle ore 7.00. La postazione da cui  riceve è a 76 Km in linea d'aria ed è Monte Trazzonara a Martina Franca in provincia di Taranto, vi alleghiamo una foto dei tralicci. Solo il mux 1 Rai con Rai 3 TGR Basilicata arriva dal ripetitore posto a Nova Siri, zona metapontino in provincia di Matera.

Metapontino: segnali stabili di tutte le emittenti ricevibili.)
Rai 1
Ra1 2
Rai 3 tgr puglia
Rai news

Rai 1
Ra1 2
Rai 3 tgr basilicata
Rai news

Rete 4
Canale 5
Italia 1
La7
Rai premium ed altri tra cui rai sport 1 e 2
Sport italia
telenorba (si ripete più volte)
studio 100
cielo
mediaset e canali premium
arturo
tv italia (vari numeri)
telecapri
canale 21
altri canali pugliesi.
In tutto durante la giornata la sintonia riceve circa 200 canali tv + 25 radio (circa) attendiamo ancora 2 tv "locali" blutv (scanzano jonico - matera) e trm matera. Vi terrò aggiornati.



 27 MAGGIO 2012 - Domenica 

Ore 00.20 -  IN EVIDENZA  - SWITCH OFF BASILICATA: GRADUATORIA DEFINITIVA ASSEGNAZIONE FREQUENZE ALLE TV LOCALI.
Il Ministero dello Sviluppo Economico - Dipartimento per le Comunicazioni ha predisposto la graduatoria definitiva delle emittenti televisive locali utile per l’assegnazione, nella Regione Basiicata, delle frequenze televisive in tecnica digitale ai sensi dell’art. 4, del decreto legge 31 marzo 2011, n. 34, convertito con modificazioni, dalla legge 26 maggio 2011, n. 75.



 25 MAGGIO 2012 - Venerdì 

Ore 16.25 -  IN EVIDENZA  - LCN: TELENORBA, TAR LAZIO SOSPENDE PIANO NUMERAZIONE CANALI IN MOLISE, PUGLIA E BASILICATA.
Con due decreti cautelari monocratici, il presidente del Tar Lazio, Calogero Piscitello, ha sospeso, "nei limiti dell'interesse azionato in giudizio dalla societa' Telenorba SpA", i provvedimenti dell'Agcom e del ministero dello Sviluppo Economico riguardanti il Piano di numerazione automatica dei canali della Televisione digitale terrestre, per le regioni Puglia, Basilicata e Molise, fino alla celebrazione della Camera di Consiglio, gia' fissata per il 20 giugno 2012. Lo rende noto il Gruppo Telenorba comunicand che "sin da oggi le emittenti Telenorba 7 e Telenorba 8, in virtu' della sospensiva, torneranno ad occupare le loro posizioni storiche 7 e 8 del telecomando".
Il Gruppo sottolinea che il decreto presidenziale ha riconosciuto, sia pure in via cautelare, la fondatezza del ricorso proposto dall'emittente pugliese che ha messo in evidenza l'illegittimita' del Piano di assegnazione delle numerazioni "principalmente per violazione del criterio normativo delle abitudini e preferenze degli utenti".
Il presidente della societa', Luca Montrone, ha espresso soddisfazione per la sospensione cautelare concessa dal Tar Lazio, e ha sottolineato che insistera' nell'iniziativa legale intrapresa, anche con riguardo al Piano nazionale di assegnazione delle frequenze, "al fine di impedire che l'opportunita' rappresentata dalla tecnologia digitale non comporti l'illegittimo ed irreversibile pregiudizio per le Tv locali, il cui contributo alla creazione di un pluralismo effettivo e al sostegno delle piccole e medie imprese in Italia e' stato riconosciuto dalla Corte Costituzionale ancor prima della nascita delle emittenti televisive nazionali private".

Tratto da: Ansa.it


 22 MAGGIO 2012 - Martedì 

Ore 18.55 -  IN EVIDENZA  - SWITCH OFF BASILICATA: GRADUATORIA NUMERAZIONE LCN DELLE TV LOCALI.
Il Ministero dello Sviluppo Economico - Dipartimento per le Comunicazioni - ha predisposto la graduatoria per l'attribuzione della numerazione automatica dei canali per la televisione digitale terrestre, relativamente alla Regione Basilicata, in previsione dello switch off.
L'attribuzione della numerazione automatica dei canali per la televisione digitale terrestre, relativamente alla regione Basilicata, avviene ai sensi della Delibera n. 366/10/Cons dell’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni del 4 agosto 2010 recante “Piano di numerazione automatica dei canali della televisione digitale terrestre, in chiaro e a pagamento, modalità di attribuzione dei numeri ai fornitori di servizi di media audiovisivi autorizzati alla diffusione di contenuti audiovisivi in tecnica digitale terrestre e relative condizioni di utilizzo”.






 13 APRILE 2012 - Venerdì 

Ore 13.15 -  IN EVIDENZA  - SWITCH OFF BASILICATA: PUBBLICATO IL CALENDARIO DEL PASSAGGIO AL DIGITALE TERRESTRE.
Il Ministero dello Sviluppo Economico ha pubblicato le date dei lavori del passaggio alla televisione digitale nella regione Basilicata. Lo Switch-off esordirà il 28 maggio e terminerà 6 giugno.
  • Provincia di POTENZA:
    • Dal 28 maggio verranno coinvolti i comuni a nord della provincia come Melfi, Rapolla, Venosa, Barile, Ginestra, Atella, Rapone, Ruvo del Monte, Palazzo San Gervasio, Pescopagano, Tolve, Lavello.
    • Il 30 maggio toccherà ai comuni di Corleto Perticara, Francavilla in Sinni, Senise, Sant’Arcangelo e zone limitrofe.
    • Mentre il 31 maggio passeranno al digitale terrestre i comuni Marsicovetere, Moliterno, Viggiano, Latronico, Rotonda, Rivello, Lauria, Lagonegro, Maratea, Castelluccio Inferiore e zone limitrofe.
    • Il 1 giugno lo switch-off passerà nella maggiorparte dei comuni della provincia, città di Potenza compresa. Ecco alcuni comuni coinvolti in questa giornata: Rionero di Volturne, Castelgrande, San Fele, Muro Lucano, Filiano, Bella, Forenza, Genzano di Lucania, Acerenza, Avigliano, Pietragalla, Ruoti, Picerno, Vietri di Potenza, Oppido Lucano, Genzano di Lucania, Potenza (28 maggio – 1 giugno), Tito, Anzi, Pignola, Brienza, Marsico Nuovo, Paterno, Padula.
    • Il 6 giugno eseguiranno il passaggio alcuni comuni a sud della provincia come ad esempio quello di Viggianello.
  • Provincia di MATERA:
    • Lo switch-off inizierà il 29 maggio con i comuni Pomarico, Salandra, Tursi e zone limitrofe.
    • Continuerà il 30 maggio con i comuni di Ferrandina, Stigliano e zone limitrofe.
    • Il 1 giugno sarà la volta della città di Matera, ma anche dei comuni di Grassano, Irsina, Tricarico, Montescaglioso, e zone limitrofe.
    • Il 4 giugno la tv digitale terrestre ragiungerà i comuni di Montalbano Jonico, Policoro, Pisticci, Bernalda, Scanzano Jonico e zone limitrofe.
    • Lo switch-off terminerà tra 5 e il 6 giugno nei comuni a sud della  provincia con i comuni di Rotondella e Rotonda e con i comuni confinanti.
Tratto da: http://www.digitaleterrestrefacile.it/2012/04/13/basilicata-il-calendario-del-passaggio-al-digitale-terrestre
Ringraziamo Michele per la segnalazione che ci ha inviato.


 30 GENNAIO 2012 - Venerdì 

Ore 23.00 - AGGIORNAMENTO LISTE TV IN DIGITALE IN PROVINCIA DI POTENZA
San Severino Lucano, Viggianello e Rotonda (PZ)
ch 54 Telenorba 7 Dvb M. Alpi Latronico(PZ)
ch 64 Telepuglia 9 Dvb M. Gaido Viggianello (PZ) Latronico (PZ)
ch 54 Telenorba 7 Dvb M. Alpi Latronico(PZ)
ch 64 Telepuglia 9 Dvb M. Gaido Viggianello (PZ)
ch 41 Mediaset 2 dvb C.da Nocelle Latronico (PZ)
Da Entrambe le postazioni viene erogato per il momento lo stesso mux, Telenorba 7 con qualita' segnale al 100%.
CH.54 Pol. o - POSTAZIONE Monte Alpi - COMUNE Latronico (PZ) - QUALITA'  SEGNALE 100%
CH.64 Pol. o - POSTAZIONE Monte AGaido - COMUNE Viggianello (PZ) - QUALITA' SEGNALE 100%
Contenuto mux:

LCN
7 TELENORBA 7
8 TELENORBA 8
9 TGNORBA 24
10 TELENORBA 7
11 TELENORBA 8
12 TGNORBA 24
13 RADIONORBA TELEVISION
16 TELEPUGLIA 9
18 IMAGROSS SPORT
25 TELEPACE
31 NORBASHOPPING
35 RADIONORBA TELEVISION
53 TGNORBA 24
68 RADIONORBA TELEVISION
281 RADIONORBA TELEVISION
510 TGNORBA 24 HD



 26 MARZO 2012 - Lunedì 

Ore 14.50 - CARCURO (CO.RE.COM): AL LAVORO PER RIPRISTINARE IL TGR BASILICATA.
"A seguito delle numerose segnalazioni pervenute sulla mancata ricezione del TGR Basilicata in particolare nella citta' di Potenza sui canali del MUX digitale RAI, il Co.Re.Com ha incontrato i responsabili di Rai Way, società della RAI che si occupa della diffusione dei segnali”.
“A causa di un problema tecnico – spiega Massimo Carcuro, componente del Corecom - al momento viene irradiato il TGR di altre regioni al posto del TGR Basilicata sul canale di Rai3 del digitale terrestre attivo in via sperimentale nella città di Potenza”.
Carcuro, inoltre, aggiunge di “aver ricevuto ampie assicurazioni sul fatto che il personale tecnico sta lavorando per ripristinare il servizio nel più breve tempo possibile” e sottolinea che “il servizio pubblico è assicurato, come sempre, dai segnali irradiati in analogico”.

Tratto da: http://www.basilicatanet.it/basilicatanet/site/Basilicatanet


 16 MARZO 2012 - Venerdì 

Ore 00.10 -  IN EVIDENZA  - BANDO ATTRIBUZIONE NUMERAZIONE AUTOMATICA LCN ALLE EMITTENTI TELEVISIVE LOCALI DELLA PUGLIA E BASILICATA.
È stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 31 del 14 marzo 2012 – 5° serie speciale, il bando di gara per l'attribuzione della numerazione automatica dei canali per la televisione digitale terrestre, relativamente alle regioni Puglia e Basilicata, ai sensi della Delibera n. 366/10/Cons dell’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni del 4 agosto 2010 recante “Piano di numerazione automatica dei canali della televisione digitale terrestre, in chiaro e a pagamento, modalità di attribuzione dei numeri ai fornitori di servizi di media audiovisivi autorizzati alla diffusione di contenuti audiovisivi in tecnica digitale terrestre e relative condizioni di utilizzo”.
I soggetti autorizzati alla fornitura di servizi di media audiovisivi operanti nella regione Basilicata dovranno far pervenire la domanda per ciascuno dei marchi/palinsesti autorizzati al: Ministero dello Sviluppo Economico, Dipartimento per le Comunicazioni, Direzione Generale Servizi di Comunicazione Elettronica e Radiodiffusione, Viale America 201, 00144 Roma -Divisone III, piano 5°, stanza A504, dal lunedì al venerdì, esclusi i festivi, dalle ore 10.00 alle ore 12.30, entro 30 giorni dalla pubblicazione del presente decreto nella Gazzetta Ufficiale, tramite consegna a mano, corriere o posta raccomandata o assicurata.
Le domande dovranno essere redatte secondo le modalità previste dal bando, pena esclusione. Saranno escluse dalla procedura le domande pervenute oltre il termine previsto. Il recapito delle domande è a totale rischio del partecipante.
Il Ministero dello Sviluppo Economico procederà alla valutazione delle domande dei soggetti partecipanti al termine della quale verrà redatta la graduatoria.
La graduatoria sarà resa pubblica mediante pubblicazione su questo sito internet.

Ore 00.05 -  IN EVIDENZA  - BANDO ASSEGNAZIONE FREQUENZE ALLE EMITTENTI TELEVISIVE LOCALI DELLA PUGLIA E BASILICATA.
È stato pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 31 del 14 marzo 2012 – 5° serie speciale, il bando di gara per l'assegnazione delle frequenze in tecnica digitale terrestre alle emittenti televisive locali della regioni Puglia e Basilicata, area tecnica da digitalizzare nel corso dell'anno 2012, ai sensi dell’art. 4, del decreto legge 31 marzo 2011, n. 34, convertito con modificazioni, dalla legge 26 maggio 2011, n. 75. I soggetti legittimamente abilitati alla trasmissione radiotelevisiva locale operanti nella regione Basilicata in tecnica analogica e/o digitale, dovranno far pervenire, per ciascuna emittente, la domanda di inserimento nella graduatoria al: Ministero dello Sviluppo Economico, Dipartimento per le Comunicazioni, Direzione Generale Servizi di Comunicazione Elettronica e Radiodiffusione, Viale America 201, 00144 Roma -Divisone III, piano 5°, stanza A504, dal lunedì al venerdì, esclusi i festivi, dalle ore 10.00 alle ore 12.30, entro 30 giorni dalla pubblicazione del presente decreto nella Gazzetta Ufficiale, tramite consegna a mano, corriere o posta raccomandata o assicurata.
Le domande dovranno essere redatte secondo le modalità previste dal bando, pena esclusione. Saranno escluse dalla procedura le domande pervenute oltre il termine previsto. Il recapito delle domande è a totale rischio del partecipante.
Eventuali richieste di informazioni e chiarimenti potranno pervenire al Ministero esclusivamente in forma scritta - in formato word - via fax al n. 06.5913110 o via e-mail all’indirizzo bando.tvlocali@sviluppoeconomico.gov.it fino alla scadenza del settimo giorno dalla pubblicazione del decreto.
Le risposte ai quesiti saranno rese pubbliche, fermo restando l’anonimato del richiedente, sul questo sito internet.
Il Ministero dello Sviluppo Economico procederà alla valutazione delle domande dei soggetti partecipanti al termine della quale verrà redatta la graduatoria.


 05 MARZO 2012 - Lunedì 

Ore 19.30 -  IN EVIDENZA  - PUBBLICATO IL PIANO DI ASSEGNAZIONE DELLE FREQUENZE PER L'ABRUZZO, MOLISE, PUGLIA, BASILICATA, CALABRIA E SICILIA.
L'AGCOM ha pubblicato il piano di assegnazione delle frequenze per il servizio televisivo digitale terrestre delle regioni Abruzzo, Molise, Basilicata, Puglia, Calabria e Sicilia (Aree tecniche n.11, 14 e 15).

Frequenze assegnate al RAI Mux 1:
Il link vi riporta alla visualizzazione della composizione tipo del Mux 1 della regione Lazio, i canali sono gli stessi tranne il servizio della TGR ovvero Rai 3 che
differisce in base alla regione.
Abruzzo: VHF 05 - VHF 09 - UHF 35
Molise: VHF 05 - VHF 09 - UHF 39
Puglia: UHF 32
Basilicata: UHF 29
Calabria: UHF 35
Sicilia: UHF 27


Dopo la pubblicazione del piano di assegnazione delle frequenze, stiamo ricevendo numerose mail sulle vostre considerazioni in merito.
Ricordiamo che tutti i vostri messaggi sono pubblicati nella pagina dello





 05 GENNAIO 2012 - Giovedì 

LISTE TV IN DIGITALE IN PROVINCIA DI POTENZA
San Severino Lucano, Viggianello e Rotonda (PZ)
ch 54 Telenorba 7 Dvb M. Alpi Latronico(PZ)
ch 64 Telepuglia 9 Dvb M. Gaido Viggianello (PZ)
Latronico (PZ)
ch 54 Telenorba 7 Dvb M. Alpi Latronico(PZ)
ch 64 Telepuglia 9 Dvb M. Gaido Viggianello (PZ)
ch 41 Mediaset 2 dvb C.da Nocelle Latronico (PZ)

Da Entrambe le postazioni viene erogato per il momento lo stesso mux, Telenorba 7 con qualita' segnale al 100%.
CH.54 Pol. o - POSTAZIONE Monte Alpi - COMUNE Latronico (PZ) - QUALITA' 
SEGNALE 100%
CH.64 Pol. o - POSTAZIONE Monte AGaido - COMUNE Viggianello (PZ) - QUALITA' SEGNALE 100%
Contenuto mux
:
LCN

7 TELENORBA 7
8 TELENORBA 8
9 TGNORBA 24
10 TELENORBA 7
11 TELENORBA 8
12 TGNORBA 24
16 TELEPUGLIA 9
18 IMAGROSS SPORT
19 TELEPACE
23 TELENORBA 8 + 1
31 NORBASHOPPING
53 TGNORBA 24
108 TELENORBA 8 + 1
510 TGNORBA 24 HD
Naturalmente se a Voi fara' piacere provvederò nel mandarvi altri aggiornamenti nei prossimi mesi. Saluti.


 23 DICEMBRE 2011 - Venerdì 

Ore 22.45 - L'ITALIA IN DIGITALE: INSERITE LE NUOVE SEZIONI DI MOLISE, BASILICATA E CALABRIA.
Il calendario dello switch off è ormai delineato e il prossimo 30 giugno l'intero territorio italiano sarà all digital. Pertanto abbiamo provveduto ad inserire nel nostro sito, le nuove pagine di
MOLISE IN DIGITALE, BASILICATA IN DIGITALE e CALABRIA IN DIGITALE, che andremo a sviluppare nei prossimi mesi, avvalendoci anche della vostra collaborazione.