NEWS 2014



                   FEBBRAIO 

    LE NOTIZIE DELLA SETTIMANA

       Da Lunedì 16 a Domenica 22 MARZO 2015





www.litaliaindigitale.it
Aggiungilo ai tuoi siti preferiti.



Sei appassionato di tv e radio e vuoi collaborare inviandoci le segnalazioni e le liste della tua zona?

Contattaci alla nostra mail
info@litaliaindigitale.it
e inizia subito a condividere le tue informazioni su L'ITALIA IN DIGITALE.

Vuoi condividere le tue impressioni sul digitale terrestre?
Ti interessa divulgare le informazioni in tuo possesso per aiutare chi è in difficoltà nella ricezione del DTT?
Vuoi lanciare un messaggio visibile agli utenti de l'Italia in digitale?
La nostra nuova mail è: sportello@litaliaindigitale.it
Pubblicheremo le vostre mail nello spazio SPORTELLO TV DIGIT@LE.
Potete utilizzare questa mail anche per dare una risposta, consiglio o parere sulle discussioni di questo sito.



https://sites.google.com/site/litaliaindigitale/archivionewssettimana/news2015/news05-11gen2015/NEWS%20DELLA%20SETTIMANA.png


https://lh4.googleusercontent.com/-8-L1EG8a4kE/VKVLXfSJeHI/AAAAAAAG5ic/6z7JSXs2j2g/s1600/ANNO%25202012.png









Il nostro indirizzo internet è:
www.litaliaindigitale.it




MUX NAZIONALI

RAI Mux 1 (ABRUZZO)
RAI Mux 1 (BASILICATA)
RAI Mux 1 (CALABRIA)
RAI Mux 1 (CAMPANIA)
RAI Mux 1 (EMILIA-ROMAGNA)
RAI Mux 1 (FRIULI V.G.)
RAI Mux 1 (LAZIO)
RAI Mux 1 (LIGURIA)
RAI Mux 1 (LOMBARDIA)
RAI Mux 1 (MARCHE)
RAI Mux 1 (MOLISE)
RAI Mux 1 (PIEMONTE)
RAI Mux 1 (PUGLIA)
RAI Mux 1 (SARDEGNA)
RAI Mux 1 (SICILIA)
RAI Mux 1 (TOSCANA)
RAI Mux 1 (TRENTINO)
RAI Mux 1 (UMBRIA)
RAI Mux 1 (VALLE D'AOSTA)
RAI Mux 1 (VENETO)
RAI Mux 1 (VENETO/EMILIA-ROMAGNA)
RAI Mux 2
RAI Mux 3
RAI Mux 4
RAI Mux 5
RAI Mux 5 (PIEMONTE)
RAI Mux 6 (LAZIO)

MEDIASET Mux 1
MEDIASET Mux 2
MEDIASET Mux 3
MEDIASET Mux 4
MEDIASET Mux 5
TIMB Mux 1
TIMB Mux 2
TIMB Mux 3
RETE A Mux 1
RETE A Mux 2

Mux DFREE


Mux LA 3

Mux RETECAPRI

Mux EUROPA 7

CANALE ITALIA Mux 1
CANALE ITALIA Mux 2

LCN NAZIONALE

Mux START UP
COMMUNICATION

Mux STUDIO 1

Mux LA 9 (PIEMONTE)
Mux LA 9 (VENETO)
Mux LA 9 (TRENTINO)
Mux LA 9 (EMILIA-ROMAGNA)
Mux LA 9 (MARCHE)

FRANCIA IN DIGITALE
SVIZZERA IN DIGITALE



Le TV a ROMA Le TV a MILANO Le TV a TORINO
Le TV a PESCARA
LISTA LCN A ROMA
LE TV A MILANO
LE TV A TORINO
LE TV A PESCARA
Le RADIO a ROMA
Le RADIO a MILANO Le RADIO a TORINO Le RADIO a PESCARA

Lista LCN ROMA Lista LCN MILANO Lista LCN TORINO Lista LCN PESCARA
https://lh6.googleusercontent.com/-pbWiqyb-MWI/Uy615CQvIEI/AAAAAAAFUEg/3fje_5yah8o/s1600/MILANO%25202.jpg
LISTA LCN A PESCARA

LCN NAZIONALE



Clicca sulle immagini per vederle ingrandite


22 MARZO 2015
Domenica

PIEMONTE IN DIGITALE

Ore 22.10 - MUX QUARTARETE: NUOVO LOGO PER FOR MUSIC.

UHF 24 Mux QUARTARETE
https://lh6.googleusercontent.com/-edLpOm7WIw0/VQ8Tydr5NjI/AAAAAAAHT4E/-8b1H4QicE8/s1600/FOR%2520MUSIC%2520TV%252052.jpg
Rispetto alla nostra precedente rilevazione, segnaliamo l'introduzione di un nuovo logo dell'emittente musicale FOR MUSIC, presente in questo provider su due numerazioni, la 216 e 613 ed identificata For Music - prove tecniche di trasmissione. Abbiamo aggiornato la griglia dei canali e lo z@pping TV del mux QUARTARETE.


https://lh6.googleusercontent.com/-vSkn6BPaWEw/VQ8VZ5E7l_I/AAAAAAAHT74/Txo5Dd6f9wA/s1600/216%2520A%2520%25285%2529.jpg
https://lh4.googleusercontent.com/-hUGiAkYDG4Q/VQ8UT39FqzI/AAAAAAAHT5s/XuispNFf5w4/s1600/216%2520B%2520%25284%2529.jpg

https://lh4.googleusercontent.com/-6R9tMszspI0/VQ8UUimqhwI/AAAAAAAHT50/95DfS9f5kkQ/s1600/613%2520A%2520%25284%2529.jpg
https://lh4.googleusercontent.com/-fiEifcKPdSQ/VQ8USCHkV8I/AAAAAAAHT5c/rtEaUuDYfQ8/s1600/613%2520B%2520%25284%2529.jpg

https://lh4.googleusercontent.com/-C4_GNWMFWbc/VQ8UYHUgP2I/AAAAAAAHUAo/kha8I6ujdS8/s1600/00%2520B%2520%252811%2529.jpg

LOMBARDIA IN DIGITALE

Ore 18.00 - MUX TELEPACE (LOMBARDIA): INSERITE 4 EMITTENTI RADIO.

UHF 39 Mux TELEPACE (LOMBARDIA)
Sono state recentemente inserite nel mux TELEPACE (LOMBARDIA) 4 emittenti radiofoniche che elenchiamo qui di seguito:


800

 RADIONUMBERONE...

801

 RADIO MILLENOTE...

802

 RADIO BERGAMO...

803

https://lh3.googleusercontent.com/-yfQBWIedSv8/VQ7o6QmTHJI/AAAAAAAHTzI/yunH7QoX8nM/s1600/RN1%2520DANCE%252052.jpg

 #N1 dance...


Rileviamo che queste emittenti radio hanno una propria numerazione automatica e che tra di esse c'è una nuova ed inedita emittente denominata #N1 dance... che si posiziona con la LCN 803.
https://lh6.googleusercontent.com/-NMikiL6eh9w/VQ7pmYvO3jI/AAAAAAAHT1U/WsGWVagHnio/s1600/R%2520800%2520%25283%2529.jpg
https://lh6.googleusercontent.com/-0yIQspaFxos/VQ7pnI9vteI/AAAAAAAHT1c/Ej9D3r6RU0w/s1600/R%2520801%2520%25283%2529.jpg
https://lh4.googleusercontent.com/-dcR4_IgvaEE/VQ7poENl6FI/AAAAAAAHT1k/MuMzhv1SqIM/s1600/R%2520802%2520%25283%2529.jpg
https://lh3.googleusercontent.com/-FOWgn_enLuQ/VQ7pp1IZVwI/AAAAAAAHT10/kdzCLew0_C4/s1600/R%2520803%2520%25282%2529.jpg

Abbiamo altresì notato che nel mux VIDEOBERGAMO le LCN utilizzate per RADIO MILLENOTE e per RADIO BERGAMO sono invertite, infatti in questo provider occupano rispettivamente i numeri 802 e 801. Abbiamo aggiornato la griglia dei canali e lo z@pping TV del mux TELEPACE (LOMBARDIA).
https://lh5.googleusercontent.com/-Ua3uYBS773Y/VQ7ppJUiVgI/AAAAAAAHT1s/_TJFkxmhkTs/s1600/00%2520B%2520%252812%2529.jpg

SICILIA IN DIGITALE

Ore 14.05 - MUX TELEMED (B): ARRIVA ANTENNA DEL MEDITERRANEO, ELIMINATA TIRRENO SAT.

UHF 28 Mux TELEMED (B)
https://lh6.googleusercontent.com/-7NsVaWW-ziE/VQv4VqKEt8I/AAAAAAAHS5Y/zkADOiXeWrI/s1600/AM%252052.jpg
Da alcuni giorni nel multiplex B del provider TELEMED è stata inserita con la numerazione LCN 71 l'emittente AM, ANTENNA DEL MEDITERRANEO, con l'identificativo ANT MEDITERRANEO. Contestualmente è stata eliminata TIRRENO SAT dalla posizione LCN 271. Abbiamo aggiornato la griglia dei canali e lo z@pping TV del mux TELEMED (B).


https://lh3.googleusercontent.com/-3NYrmMKVRsk/VQv5LWF-0gI/AAAAAAAHS6k/mi8kt0fbhNs/s1600/00%2520B%2520%25282%2529.jpg
https://lh3.googleusercontent.com/-_K7SBeZnBNE/VQv5HybE9sI/AAAAAAAHS6c/bQ2dBnptJQU/s1600/71%2520A.jpg
https://lh5.googleusercontent.com/-80cDHGHTswU/VQv5EWRsvdI/AAAAAAAHS6U/muM-2E1j8OI/s1600/71%2520B.jpg


21 MARZO 2015
Sabato

https://lh5.googleusercontent.com/-kWHaNiQe0Ps/U2fr__cif5I/AAAAAAAFjeY/jVHpWCL4qNo/s1600/Lazio%2520320.gif

Ore 20.30 - MUX TELEDONNA: NUOVO LOGO PER CODACONS TV, LA TV DEL CONSUMATORE.

https://lh6.googleusercontent.com/-hsmGIrf3pyA/U0jv1Ia9rOI/AAAAAAAHALY/wUpIM-7WHI0/s1600/Teledonna%25202%252060.jpg
VHF 05 Mux TELEDONNA
https://lh4.googleusercontent.com/-4yIejy5ynCc/VQ2_L5rbVcI/AAAAAAAHTeo/r7DTpCcNMlY/s1600/CODACONS%252052.jpg
E' stato cambiato il logo di stazione del canale Codacons Tv (LCN 695), la tv del consumatore. E' stato inserito, in sovraimpressione in alto a destra, il classico marchio del CODACONS, l'asscocizione in difesa dei consumatori, al posto di quello che riportava anche la scritta TV con sotto il canale LCN 695. Abbiamo aggiornato la griglia dei canali e lo z@pping TV del mux TELEDONNA.


A sinistra il logo precedentemente usato, a destra quello nuovo attuale.
https://lh5.googleusercontent.com/-jUhTiTs93Vs/VQ3CK4MkY4I/AAAAAAAHTiM/nRyVBcqyWOE/s1600/695%2520A%2520%25289%2529.jpg
https://lh4.googleusercontent.com/-S69lYEgqCqg/VQ3CFd3tCbI/AAAAAAAHThc/M3fLKTypTug/s1600/695%2520B%2520%25286%2529.jpg

https://lh3.googleusercontent.com/-RWiMLKCzF8s/VQ3CHUvYyXI/AAAAAAAHThs/32Q5DGD07nc/s1600/695%2520C%2520%25283%2529.jpg
https://lh6.googleusercontent.com/-hV95tMTZHdw/VQ3CDQZfTcI/AAAAAAAHThU/5dUd4sR3G24/s1600/695%2520D%2520%25283%2529.jpg

https://lh3.googleusercontent.com/-NyKbjvfjiIA/VQ3CGcjE7uI/AAAAAAAHThk/sy7OaGsHmUY/s1600/695%2520E%2520%25283%2529.jpg
https://lh6.googleusercontent.com/-k3wPyapLusg/VQ3CIXQnuHI/AAAAAAAHTh0/3X56FEQ_drI/s1600/695%2520F%2520%25283%2529.jpg

https://lh5.googleusercontent.com/-MAP1tOlywtQ/VQ3CJaIecsI/AAAAAAAHTh8/Hj9N9Su2lxM/s1600/695%2520G%2520%25282%2529.jpg
https://lh4.googleusercontent.com/-KZ1fiOjrKr4/VQ3CKGrWIHI/AAAAAAAHTiE/qVRYl4P9REc/s1600/695%2520H%2520%25282%2529.jpg

SARDEGNA IN DIGITALE

Ore 19.05 - 5 STELLE SARDEGNA: "SENZA CHIAREZZA NE' STIPENDIO".

L’Assostampa Sarda: “L’azienda faccia la sua parte per incassare i fondi già stanziati”.
OLBIA – Solidarietà totale ai giornalisti e ai tecnici di Cinque Stelle dall’Assostampa Sarda, che martedì ha riunito il proprio direttivo a Olbia per analizzare insieme ai lavoratori la crisi dell’emittente gallurese.
Il pluralismo è un bene p
rezioso che non può essere garantito – come succede ormai da nove mesi – solo dall’entusiasmo e dallo spirito di responsabilità dei dipendenti della tv.
Anche perché con l’entusiasmo non si pagano le bollette, né la benzina per raggiungere il posto di lavoro. L’azienda faccia la propria parte: presenti un piano convincente e si metta in grado di incassare i finanziamenti statali già stanziati – e bloccati da una complessa situazione debitoria – per destinarli prioritariamente a chi troppo tempo lavora senza certezze, senza chiarezza e senza stipendio se non qualche episodica mancia. E la Regione non faccia l’errore di distribuire risorse senza garanzie per i diritti dei lavoratori.
L’Assostampa tornerà presto a Olbia: sta all’emittente e alla politica decidere se lo farà per festeggiare con i lavoratori la soluzione di una vertenza angosciante o per denunciare pubblicamente la macchia antidemocratica di un territorio ammutolito e di una redazione costretta a galleggiare come sulla zattera di un naufrago.
L’Assostampa Sarda
Tratto da: www.giornalistitalia.it/5-stelle-sardegna-senza-chiarezza-ne-stipendio

https://lh5.googleusercontent.com/-kWHaNiQe0Ps/U2fr__cif5I/AAAAAAAFjeY/jVHpWCL4qNo/s1600/Lazio%2520320.gif

Ore 18.30 - MUX IES TV: INEDITI LOGHI PER UNOMEDIA E ROMIT TV.

https://lh3.googleusercontent.com/-GN748oNEJuY/UxroEYmPmNI/AAAAAAAFQM8/wh8jxjsZ3xA/s1600/IES%2520TV%252060.jpg
UHF 53 Mux IES TV
https://lh3.googleusercontent.com/-y_L4_WQtD28/VOhoc7knAOI/AAAAAAAHLRI/wsBzoLziviU/s1600/UNOMEDIA%252052.jpg
https://lh5.googleusercontent.com/-ZQYEYWbQamo/VILIC7rDnoI/AAAAAAAGyng/tjk_maxQEaY/s1600/ROMIT%252052.jpg
L'emittente italo rumena ROMIT TV, in onda nel mux IES TV su Unomedia (LCN 231), sta trasmettendo con due inediti loghi in sovraimpressione al posto di quelli consueti di ROMIT TV e Unomedia.


https://lh3.googleusercontent.com/-5q4xo0IPOL4/VQ2qIVZ8scI/AAAAAAAHTd0/YrMgdKLFHjE/s1600/231%2520A%2520%25287%2529.jpg
https://lh5.googleusercontent.com/-CpSPYyv2xdo/VQ2qE-swTrI/AAAAAAAHTdk/6Tvqs3YWC-k/s1600/231%2520D%2520%25284%2529.jpg

https://lh6.googleusercontent.com/-4Shaxh1_AR4/VQ2qDg8yaTI/AAAAAAAHTdc/Z3y6hs5Xn4s/s1600/231%2520C%2520%25284%2529.jpg
https://lh4.googleusercontent.com/-9MBjwyU72A4/VQ2qGf9loNI/AAAAAAAHTds/9lNjDcigdRE/s1600/231%2520b%2520%25285%2529.jpg

PIEMONTE IN DIGITALE

Ore 16.00 - MUX VIDEOGRUPPO PIEMONTE: AZZURRAVIDEONORD ELIMINA IL LOGO DI VIDEONORD.

UHF 35 Mux VIDEOGRUPPO PIEMONTE
https://lh5.googleusercontent.com/-hSoQe-9CHO4/VQ1_lsEZvTI/AAAAAAAHTbg/s66THkMATi8/s1600/TELE%2520VCO%252052.jpg
L'emittente AZZURRAVIDEONORD (LCN 19), sintonizzabile nel Piemonte occidentale sull' UHF 35 del mux VIDEOGRUPPO PIEMONTE, ha eliminato il logo di VIDEO NORD che si posizionava alla sinistra dello schermo. Attualmente pertanto è presente il solo logo di AZZURRA TV VCO (acronimo di Verbano Cusio Ossola) posto in basso a destra. Abbiamo aggiornato lo z@pping TV del mux VIDEOGRUPPO PIEMONTE.


https://lh3.googleusercontent.com/-c7RtMbz9NCE/VQ1_vtibNwI/AAAAAAAHTck/Y4NDIMouazU/s1600/19%2520A.jpg
https://lh6.googleusercontent.com/-0yBUgUjC5is/VQ1_wglGk8I/AAAAAAAHTcs/LXWOfz5VQKI/s1600/19%2520B.jpg

PIEMONTE IN DIGITALE

Ore 11.45 - MUX START UP COMMUNICATION (B): REALIZZATA LA GRIGLIA DEI CANALI CON LA NUOVA COMPOSIZIONE DEL PIEMONTE OCCIDENTALE.

UHF 34 Mux START UP COMMUNICATION (B)
Negli ultimi giorni nell'area del Piemonte occidentale ci sono stati alcuni movimenti di frequenze e canali che vi riassumiamo qui di seguito. Il mux TELEGRANDA, attivo solo nella parte ovest del Piemonte sull' UHF 43 con 4 impianti, ha disattivato i suoi ripetitori ed ha inserito i 5 canali TV che veicolava, all'interno del mux START UP COMMUNICATION sull' UHF 34 a sua volta attivo sempre e solo nell'area occidentale piemontese sui seguenti impianti.

Postazione
Comune
Provincia
Polarizzazione
ALTAVILLA - BRICCO CAPRE
AlbaCNOrizzontale
BRICCO DEL DENTE
La Morra
CNVerticale
MONTE CALVARIO - CASA DELL'EREMITAVillanova Mondovì
CNVerticale
CROCE SERRA - RONCO
AndrateTOVerticale
COLLE DELLA MADDALENA - STRADA DELLA VETTA
MoncalieriTOOrizzontale
Pertanto nella pagine della sezione PIEMONTE IN DIGITALE abbiamo censito i canali di questo multiplex denominato START UP COMMUNICATION (B).

https://lh4.googleusercontent.com/-XgppEwpMXwM/VQ02ma-hwdI/AAAAAAAHTQU/SV6Y31fZAy4/s1600/00%2520B.jpg

Questo multiplex, lo ripetiamo ancora una volta, attivo solo nel Piemonte occidentale, a differenza della versione pluriregionale (operante in Piemonte Orientale, Valle D'Aosta, parte della Lombardia, Emilia-Romagna, Veneto, Toscana, Marche e Liguria) ha all'attivo 12 canali TV. Con la numerazione LCN 200 c'è l'inedito canale 200% CHANNEL che trasmette senza logo di stazione e a differenza del mux pluriregionale, dove sulla LCN 200 c'è Emporio TV, manca Telemontblanc test che nell'altro multiplex si posiziona sulla LCN 275.

https://lh4.googleusercontent.com/-yD78Wn6b0Fs/VQ02wHzinQI/AAAAAAAHTRs/p3KwbMOPWiI/s1600/200%2520A.jpg
https://lh4.googleusercontent.com/-KrCPb6MUPTQ/VQ02w9CjtlI/AAAAAAAHTR0/Xh010QGj-nc/s1600/200%2520B.jpg

Un nostro lettore ci informa inoltre che recentemente questo provider ha attivato anche la postazione cuneese di monte Calvario - Casa dell'Eremita a Villanova Mondovì.
Consulta la griglia dei canali del mux START UP COMMUNICATION e nella stessa pagina è ora disponibile anche la nuova versione appena censita del mux START UP COMMUNICATION (B).

Mux START UP COMMUNICATION ‎(B)‎ - Z@pping TV



20 MARZO 2015
Venerdì

NEWS 2014

Ore 16.50 - DA OGGI TV2000 E' PIU' SOCIAL: RINNOVATO IL SITO WEB.

L’emittente rinnova il sito istituzionale, lancia 20 nuove pagine web dei programmi e rafforza l’informazione del Tg2000 in rete.
Il web come luogo di dialogo, condivisione e interazione tra le persone e la televisione nel segno della cross-medialità e della convergenza cooperativa. Questa l’offerta su internet di TV2000 che rinnova il sito istituzionale www.tv2000.it, lancia on line venti siti dei programmi e il sito del Tg2000 (www.tg2000.it).
Per gli utenti tutto questo si traduce nella possibilità di seguire in live streaming su pc, smartphone e tavolette digitali tutta la programmazione dell’emittente a partire dall’attività pastorale, dalle udienze e dai viaggi di papa Francesco che Tv2000 trasmette in collaborazione con il Centro televisivo Vaticano, ma anche documentari, speciali, reportage, film e serie televisive.
Nei siti web dei programmi inoltre son
o disponibili tutte le puntate, le clip e gli approfondimenti come nel caso del «Diario di Papa Francesco», del «Mondo insieme» e «Animali&Animali» con Licia Colò, «La Classe» con Marco Presta, «Revolution» con Arianna Ciampoli e i programmi che, da «Bel Tempo si Spera», alle ricette di «Quel che passa il convento», alle storie e alle inchieste di «Siamo Noi», ai consigli per la salute e il benessere del «Mio medico», fanno compagnia ogni giorno ai telespettatori. Ma anche le interviste di Monica Mondo e «Borghi d’Italia» che racconta ogni settimana gli angoli affascinanti e poco conosciuti della penisola italiana.
http://www2.tv2000.it/s2ewtv2000/s2magazine/images/2/testata.gif
I contenuti prodotti da Tv2000 e trasmessi sul canale 28 del digitale terrestre saranno «fruibili, disponibili e condivisibili on line attraverso le reti sociali – sottolinea Paolo Ruffini, direttore di rete - Non è un caso che ogni sito, da quello principale a quello di ogni singolo programma e rubrica sia integrato con dei widget ai social network più diffusi. Vogliamo essere, come ci suggerisce papa Francesco, una televisione in uscita che vuole utilizzare le nuove tecnologie come strumenti per intercettare i bisogni delle persone, le loro esigenze, la loro voglia di raccontare, nella consapevolezza che oggi più che mai attraverso il mondo del web 2.0 la televisione può abbattere le distanze, farsi prossima e andare alle periferie dell’Italia e dal mondo».
«I social network sono un luogo di contatto che aiuta a intercettare istanze, raccogliere informazioni e vagliare proposte dalle periferie e dal territorio – spiega Lorenzo Serra, direttore generale di Rete Blu - Le visualizzazioni di un post su Facebook così come il fuori programma di papa Francesco che si reca nella favelas romana dimostrano come gli utenti che frequentano le reti sociali sono prima di tutto persone e che i gesti e le parole del Santo Padre passano anche attraverso la condivisione sui nuovi media. Per questo abbiamo pensato, progettato e sviluppato i nuovi siti puntando molto sulla cross-medialità e sulla sinergia con gli altri media della Cei».
È il caso della clip di papa Francesco sulla visita alla baraccopoli di Ponte Mammolo a Roma postata sulla pagina fan ufficiale di Facebook di Tv2000 (www.facebook.com/tv2000it). Il fuori programma del Pontefice nel corso della sua visita pastorale alla parrocchia di San Michele Arcangelo a Roma ha registrato quasi 9 milioni di visualizzazioni.
L’informazione giornalistica di Tg2000, come sottolinea Lucio Brunelli, direttore delle testate giornalistiche, «sarà disponibile on line su www.tg2000.it subito dopo la messa in onda con la possibilità di rivedere le edizioni integrali delle 12 e delle 18.30, ma anche quella di poter ascoltare e guardare i singoli servizi del telegiornale, gli speciali su papa Francesco, gli approfondimenti del Tg2000, il Post e tutte le rubriche curate dai giornalisti della redazione come Sport2000, Attenti al Lupo, le rubriche culturali che trattano di libri, teatro e cinema come La Compagnia del Libro, Retroscena ed Effetto Notte e TGtg-Telegiornali a confronto, che ogni sera mette a confronto e commenta con tanti ospiti in studio i titoli dei notiziari televisivi italiani ed europei».
Tutti i siti sono stati sviluppati nel linguaggio Html5 e sono responsivi: le notizie si adattano alle misure dei display superando così le limitazioni dei browser e ogni singola pagina web potrà essere condivisa sui social network più diffusi come Facebook, Twitter, Google Plus, Pinterest, ma anche inviate tramite e-mail nella logica del cross-linking e dell’integrazione dei siti proprietari con la piattaforma di video-sharing più diffusa al mondo, cioè YouTube.
I nuovi siti, curati dall’Ufficio Web, si aggiungono alla fanpage Facebook (www.facebook.com/tv2000it), al profilo ufficiale su Twitter (@Tv2000it), al canale ufficiale YouTube (www.youtube.com/tv2000it) e delle news (www.yotube.com/newstv2000) .
Ai siti di Tv2000 e del Tg2000 ben presto si aggiungerà anche quello di InBlu radio su cui si sta lavorando per rendere fruibili i contenuti in streaming e in podcast, sia nel sito proprietario che su una app che sarà presto disponibile in ambiente Android, iOs e Windows mobile.

Tratto da: www.lastampa.it/2015/03/20/esteri/vatican-insider/it/da-oggi-tv-pi-social

http://www.lastampa.it/rf/image_lowres/Pub/p3/2015/03/20/Esteri/Foto/VT-IT-ART-39879-homeTv2000.jpg

MUX NAZIONALI

Ore 12.10 - TIMB MUX 3: TRASMISSIONI INTERROTTE PER VERO. *(CON UPDATE ORE 12.35).

UHF 26-42-48 TIMB Mux 3
https://lh6.googleusercontent.com/-2macFHwEXkI/VPiT4wjy0mI/AAAAAAAHO_k/FTzt4b3kkh4/s1600/VERO%252052.jpg
L'emittente VERO (LCN 137), insieme al suo duplicato VERO LADY (LCN 144), ha interrotto le proprie trasmissioni, al momento è presente in onda un cartello fisso con il logo di rete. Abbiamo aggiornato la griglia dei canali e lo z@pping TV di TIMB Mux 3.

https://lh6.googleusercontent.com/-ZXIrf0T3GXk/VQv-sHhWHfI/AAAAAAAHS-Y/Mb_J5CIxeyE/s1600/137%2520A%2520%25285%2529.jpg
https://lh5.googleusercontent.com/-VxHJs6ScTdc/VQv-utsjvpI/AAAAAAAHS-o/ndoQ7Jw26XI/s1600/137%2520B%2520%25285%2529.jpg

https://lh3.googleusercontent.com/-mWMUbZZ_TDQ/VQv-tteBE3I/AAAAAAAHS-g/KuFgjZEFFlY/s1600/144%2520A%2520%25284%2529.jpg
https://lh5.googleusercontent.com/-ddDK5tEFC44/VQv-vnKPV-I/AAAAAAAHS-w/ZO97JiRzme4/s1600/144%2520B%2520%25284%2529.jpg

UPDATE ORE 12.35
E' stato modificato il cartello fisso con il logo di VERO, è stata inserita la scritta LE TRASMISSIONI RIPRENDERANNO IL PIU' PRESTO POSSIBILE ed è stata eliminata la traccia audio.

https://lh6.googleusercontent.com/-f6qPkKc5s48/VQwEwHnpLSI/AAAAAAAHTDQ/uDwzyMd7tBo/s1600/137%2520A%2520%25286%2529.jpg
https://lh5.googleusercontent.com/-p_PdZU0m1DI/VQwEy5IVmjI/AAAAAAAHTDg/e0CDBg1vb0M/s1600/137%2520B%2520%25286%2529.jpg

https://lh3.googleusercontent.com/-wnh6S-Yng6k/VQwExMeer8I/AAAAAAAHTDY/MFM37RBIFpc/s1600/144%2520A%2520%25285%2529.jpg
https://lh5.googleusercontent.com/-p_PdZU0m1DI/VQwEy5IVmjI/AAAAAAAHTDg/e0CDBg1vb0M/s1600/137%2520B%2520%25286%2529.jpg


19 MARZO 2015
Giovedì

https://lh5.googleusercontent.com/-kWHaNiQe0Ps/U2fr__cif5I/AAAAAAAFjeY/jVHpWCL4qNo/s1600/Lazio%2520320.gif

Ore 21.55 - PROBLEMI NEL DIGITALE TERRESTRE A GAETA (LT): SINDACO PORTAVOCE DELLE PROTESTE DEI CITTADINI.

Immediato l'intervento del Ministero dello Sviluppo Economico e di RayWay.
Rappresentanti del Ministero dello Sviluppo Economico e Tecnici RaiWay questa mattina hanno effettuato un sopralluogo in diversi punti della città di Gaeta, per verificare, e valutare, le soluzioni più idonee al superamento dei problemi esistenti nella ricezione di canali televisivi con il sistema del digitale terrestre. Immediata, quindi, è stata la risposta degli Enti coinvolti alle segnalazioni del Sindaco Cosmo Mitrano, che si è reso portavoce dei perduranti e gravi disagi cui sono sottoposti molti gaetani, a causa della mancata ricezione del segnale televisivo, sin dall'avvio della tecnologia del digitale terrestre (2012).
http://www.armoniafoundation.com/img/gaeta%20di%20sera.jpg
"Davvero encomiabile la tempestiva risposta del Ministero dello Sviluppo Economico e di Ray Way cui abbiamo rivolto il nostro appello - informa il Primo Cittadino - Ad essi va il nostro più vivo ringraziamento per l'attenzione data ad una problematica particolarmente sentita nella nostra città. Ciò fa ben sperare per una soluzione altrettanto veloce degli attuali disagi". Due mesi fa (il 9 gennaio scorso) il Sindaco Mitrano scriveva al Ministro dello Sviluppo Economico Federica Guidi e al Presidente dell'Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni, Angelo Marcello Cardani, comunicando le proteste ricevute da molti cittadini che riscontrano le succitate difficoltà, pur avendo adeguato i propri impianti di ricezione e pur essendosi muniti di appositi decoder o apparecchi tv con decoder integrato, oltre che delle apposite antenne di ricezione.
Rimarcando come "la corretta fruizione o meno del segnale del digitale terrestre e, quindi, la normale visione o meno dei canali della televisione pubblica - per la quale i contribuenti pagano un canone - faccia parte del diritto di cittadinanza in un territorio e possa condizionarne negativamente il suo pieno godimento". "É davvero ingiusto - proseguiva il Sindaco nella sua lettera - il fatto che numerose famiglie , che regolarmente pagano il canone Rai, non possano usufruire nemmeno dei canali privati, pur essendosi sobbarcate le spese per l'adeguamento degli impianti di ricezione. Facendomi interprete delle lamentele dei miei concittadini, chiedo che al più presto vengano disposti i dovuti interventi tecnici affinché tutti gli abitanti del territorio possano regolarmente usufruire della corretta ricezione dei canali TV, attraverso il digitale terrestre, e che non vengano quindi penalizzati nel loro diritto ad usufruire di uno dei più importanti mezzi di comunicazione".
"È doveroso - affermava il Sindaco - in particolare, che la Rai e quanti di competenza provvedano con urgenza a sanare questo odioso gap di unità nazionale, che penalizza molti cittadini e, perdurando il quale, sicuramente contribuirà ad aumentare le proteste dei cittadini contribuenti rispetto al pagamento del canone". L'intervento richiesto dal Sindaco Mitrano non si è fatto attendere. Questa mattina rappresentanti del Ministero dello Sviluppo Economico, Centro Controllo Radio di Latina, e un tecnico RaiWay del reparto controllo qualità, zona territoriale Lazio, accompagnati da tecnici comunali, hanno svolto un sopralluogo nelle zone di Gaeta in cui persiste il problema denunciato dai cittadini. A conclusione della verifica, i tecnici hanno riferito al Sindaco Mitrano l'esito delle valutazioni.
Nelle aree cittadine segnalate è stato riscontrata un'ottima qualità del segnale sulle reti Rai1, 2, 3 e Rai News, e una buona qualità sui canali tematici. In particolare laddove la conformazione del territorio presenta avvallamenti, come a Calegna, può verificarsi una riduzione del segnale. Le difficoltà, quindi, sono con grande probabilità dovute ad un erroneo orientamento delle antenne, riscontrato dai tecnici durante il sopralluogo, che causa una cattiva ricezione del segnale. Il tecnico RaiWay ha ben ben spiegato che gli orientamenti corretti delle antenne sono due: o verso le parabole di Castellonorato di Formia o verso quelle posizionate a Monte Orlando. Le antenne devono, quindi, essere orientate verso uno di questi due siti, a seconda della zona in cui insiste l'abitazione.
Solo in un secondo momento se, pur modificando l'orientamento delle proprie antenne, la ricezione continua ad essere cattiva, allora si dovrà procedere alla sostituzione dell'impianto antennistico, che potrebbe essere non adeguato in quanto datato. Il tecnico ha anche sottolineato che non esiste un impianto specifico per la ricezione del digitale terrestre, mettendo in guardia da eventuali diverse informazioni. Massima la disponibilità del Ministero e di RaiWay ad intervenire per qualsiasi altra problematica dovesse sorgere sul territorio, così come a collaborare, tramite il Comune, con le associazioni di categoria locali per realizzare progetti di formazione ed informazione relativi al sistema del digitale terrestre e alla sua corretta ricezione.
É stato anche indicato il Numero Verde 800 111 555, cui è possibile rivolgersi per segnalare eventuali problemi di ricezione e di cattiva qualità del segnale.Piena soddisfazione è stata espressa dal Primo Cittadino per la verifica effettuata e le spiegazioni, chiare ed esaustive, fornite dai tecnici in merito alla situazione denunciata da diversi cittadini di Gaeta. Accolta positivamente anche la proposta avanzata di collaborazione per creare sul territorio momenti formativi e di informazione, rivolti in particolare alle categorie del settore.

Tratto da: www.ilfaroonline.it/2015/03/18/gaeta/problemi-nel-digitale-terrestre-sindaco-portavoce-delle-proteste-dei-cittadini

NEWS 2014

Ore 21.55 - ONDE ROAD: IL SOTTOBOSCO DELLE RADIO TRA ANNI '70 E '80.

Le piccole stazioni fatte in casa con mezzi di fortuna rivivono tra ricordi, estinzione e caccia a un fantomatico dirottatore di frequenze, inventato per l’occasione. In questo esordio buone idee, chicche, cameo e contenuti interessanti convivono con leggerezze e imprecisioni. In uscita il 26 marzo.
Un racconto non convenzionale sulle radio libere di trent’anni fa assorbite dai grandi network. Ma anche scoperta del mondo perduto ravvivato da un’editoria che ebbe vita troppo breve. Le piccole stazioni fatte in casa con mezzi di fortuna rivivono tra ricordi, estinzione e caccia a un fantomatico dirottatore di frequenze inventato per l’occasione. Buone idee, chicche, cameo e contenuti interessanti di questo esordio convivono con leggerezze e imprecisioni. In uscita il 26 marzo
Se sia più identificabile come docufiction, rockumentary o addirittura mockumentary non è fondamentale perché Onde Road attraversa più o meno tutti e tre questi generi. Siamo in un prossimo futuro non meglio definito dove la Censura Futuribile veglia sull’omologazione dei mass media, soprattutto radio. Ma qualcosa sfugge nel Sud Italia. Un fantomatico figuro messianico con il volto della ex-star radiofonica Awanagana è testimone/messaggero del dirottamento su una radio pirata che trasmette a frequenze unificate vecchie cassette di trasmissioni da radio libere calabresi registrate negli anni ’70 e ’80. Unico indizio: un segnale dalla punta dello Stivale. Il gran capo ci spedisce l’agente Bi per trovare la speaker che in stile I Guerrieri della Notte si prende gioco dell’autorità dal microfono di un misterioso studio.
L’investigazione dell’esordiente Barbara Cambrea la porta in un territorio arcaico e allo stesso tempo venato di gloriosi ricordi. Gli ex-speaker interrogati sono adesso signori di mezz’età seduti al bar a giocare ai programmi di dediche che conducevano, come Alberto Barbuto e Mister Young. Qualcun altro lavora ancora al microfono, o vende spezie e peperoncini da una camionetta. I loro racconti sono intermezzati dal viaggio in Spider di una ragazza algida che dovrebbe ammorbidire la sua rigidità musicale a suon di visioni esistenziali e colorate allucinazioni danzerecce.
Campeggiano fantastici effettacci in stile eighties che sprizzano vintage da tutti i pixel. Ma il film troppo spesso sembra narrativamente gestito come fosse un grosso cortometraggio zero budget. L’anima vera non riesce a venirne fuori, si lascia soltanto intravedere da chi conosce quegli anni e apprezza quelle estetiche. Onde Road è docufiction perché accoglie alcune gradite clip dal passato come stralci del film White Pop Jesus con Awanagana – un Jesus Christ Superstar all’italiana, fatto in casa e un po’ trash.
L’esordio ambizioso di Massimo Ivan Falsetta ha bei momenti ma non mantiene tutte le sue promesse. Ci mette di fronte ai redivivi Rockets (loro la colonna sonora) con l’unico “sopravvissuto” Fabrice Quagliotti ancora in forma, e dal sound miracolosamente attuale. Nei panni del capo di Bi c’è il decano radiofonico Federico l’Olandese Volante, voce storica di Radio Montecarlo e da qualche anno di R101, presenza sorniona e carismatica che ha animato con i suoi racconti sulla leggendaria Radio Veronica anche la conferenza di presentazione del film.
Restando in tema Anni Ottanta, la protagonista purtroppo fa pensare ai campanacci della Corrida di Corrado, mentre il regista mette troppi elementi che non riesce a sostenere. Ottime idee in partenza, non altrettanto ben sviluppate. Il doppio registro tra finzione fanta-grottesca e testimonianza doc sarebbe una grande rielaborazione del B-Movie alla Stracult, ma resta un tentativo perché non si vede. S’intuisce soltanto. Forse manca di un’invenzione visiva o grafica a definirne i confini, o forse altro. E la regia non è abbastanza carismatica da elevare gli ospiti-attori da sopiti speaker a testimoni coinvolgenti della radio di razza che fu. Rimangono i pregi di tutte le intenzioni del progetto originale, un taglio visivo da roadmovie che strizza l’occhio ai grandi classici del genere e una colonna sonora che trae in salvo il film con un sound da chiedersi se sia disponibile nei negozi.

Tratto da: www.ilfattoquotidiano.it/2015/03/19/onde-road-sottobosco-delle-radio-anni-70-80-in-storia-rock-pregi-difetti


SICILIA IN DIGITALE

Ore 11.35 - RIUNIONE EDITORI TV SICILIANI A CALTANISSETTA: COMUNICATO STAMPA.

Si sono incontrati oggi nel cuore della Sicilia, a Caltanissetta presso l'hotel San Michele, oltre 20 Editori Televisivi che rappresentano l’informazione Territoriale dell’intera Isola Siciliana.
Le problematiche del settore radiotelevisivo sono state analizzate alla luce
dell’esperienza maturata dopo oltre 2 anni dal passaggio al digitale terrestre il quale ha comportato notevoli investimenti tecnologici, ancora del tutto improduttivi, aggravati dal calo degli inserzionisti dovuto alla crisi generale ma soprattutto all’incapacità di una classe politica regionale che non è stata in grado di gestire tramite i fondi europei lo switch off nel 2012 e successivamente riconfermandosi ancora peggio dopo l’approvazione nel 2013 della legge sull’editoria, fortemente voluta dagli editori, rimasta inapplicata perché senza decreti attuativi.
Gli Editori Televisivi Siciliani aderenti alla ReaTvSicilia, hanno approvato oggi una serie di iniziative che metteranno in atto già dalla prossima settimana per fare fronte comune e garantire la continuità e la storia delle emittenti televisive
Locali, che da oltre 30 anni svolgono un "Servizio Pubblico" non riconosciuto e troppo spesso sottovalutato dalla classe politica.


REA - Radiotelevisioni Europee Associate
Coordinamento Regionale TV Sicilia


Nel link seguente potete vedere il video del servizio del TG riferito all'incontro tratto dal DNEWS di D1 TELEVISION.
http://d1television.it/video/426/a-caltanissetta-lincontro-tra-gli-editori-delle-tv-siciliane










https://lh3.googleusercontent.com/-cmEKTDH1XUw/VQqg-Lj83VI/AAAAAAAHSzQ/K9RieL8aklM/s1600/IMG-20150319-WA0004.jpg
https://lh3.googleusercontent.com/-V0lYaMsjLEI/VQqg_GlM1eI/AAAAAAAHSzc/X6DAUvGGFYs/s1600/IMG-20150319-WA0005.jpg



https://lh4.googleusercontent.com/-9BCpsC5g-wk/VQqg_Qrg7AI/AAAAAAAHSz4/gSkrjg6kEsw/s1600/IMG-20150319-WA0006.jpg
https://lh5.googleusercontent.com/-haoOWG67QEk/VQqhAW4ZupI/AAAAAAAHSz0/xobhHBDwCE8/s1600/IMG-20150319-WA0007.jpg

https://lh4.googleusercontent.com/-mOJIJ9d7v9s/VQqhAynS_ZI/AAAAAAAHSzs/a5p7p-c5P-0/s1600/IMG-20150319-WA0008.jpg
https://lh4.googleusercontent.com/-9dv0WpzenxM/VQqhBeeQrvI/AAAAAAAHSzw/_1KVxTvF_ac/s1600/IMG-20150319-WA0009.jpg


18 MARZO 2015
Mercoledì

PIEMONTE IN DIGITALE

Ore 22.45 - MUX VIDEOGRUPPO PIEMONTE: ELIMINATA TG NORBA 24.

UHF 35 Mux VIDEOGRUPPO PIEMONTE
Rispetto alla nostra precedente rilevazione segnaliamo che è stata eliminata dal mux VIDEOGRUPPO PIEMONTE l'emittente all news pugliese TGNORBA24 che occupava la LCN 180. Abbiamo aggiornato la griglia dei canali e lo z@pping TV del relativo provider.

https://lh6.googleusercontent.com/-QjancW9zJQM/VQnMiSa3IPI/AAAAAAAHSys/bHQ5Jywb8Xs/s1600/00%2520B%2520%25285%2529.jpg


17 MARZO 2015
Martedì

MUX NAZIONALI

Ore 17.50 - TIMB MUX 3: ELIMINATA TV ITALIA.

UHF 26-42-48 TIMB Mux 3
E' stata eliminata l'emittente TV ITALIA che era priva di numerazione LCN. Ricordiamo che TV ITALIA e TV ITALIA Provvisorio sono sempre visibile nella posizione LCN 163, veicolati rispettivamente dal TIMB Mux 2 e dal TIMB Mux 2 (PROVVISORIO). Abbiamo aggiornato la griglia dei canali e lo z@pping TV di TIMB Mux 3.

https://lh4.googleusercontent.com/-oZqU5vTrrls/VPiXkI2j3AI/AAAAAAAHPHc/de-fb06E4R8/s1600/00%2520B%25201%2520%25287%2529.jpg
https://lh4.googleusercontent.com/-QhnKQBOdJV0/VQhZLgbFSuI/AAAAAAAHSuk/KTVoltMXc60/s1600/00%2520B%25202%2520%25287%2529.jpg

PIEMONTE IN DIGITALE

Ore 12.50 - CANALE ITALIA MUX 2: SPENTO L'UHF 43 DA TORINO TORRE BERT.

https://lh4.googleusercontent.com/-eT3onz94304/UpXPGVuh04I/AAAAAAAEONE/p7Joux7LYaY/s1600/CANALE%2520ITALIA%25201%252060.jpg
CANALE ITALIA Mux 2 (C) NAZIONALE
Da alcuni giorni non è più operativo l'impianto, recentemente attivato, di CANALE ITALIA Mux 2 (C) - NAZIONALE sull' UHF 43 da Torino - Torre Bert. Abbiamo aggiornato la lista LCN TORINO e la lista delle TV A TORINO.


http://static.panoramio.com/photos/large/16231777.jpg

http://static.panoramio.com/photos/large/16231878.jpg
http://static.panoramio.com/photos/large/16231647.jpg


16 MARZO 2015
Lunedì

PUGLIA IN DIGITALE

Ore 17.45 - BLUSTAR TV: SCIOPERO CONTRO LA CHIUSURA.

Da 5 mesi senza stipendio, i lavoratori incrociano le braccia per due ore.
TARANTO – Le organizzazione sindacali Slc Cgil, Fistel Cisl e Assostampa dichiarano l’astensione dal lavoro per le prime o ultime due ore di ogni turno lavorativo del personale dipendente dell’emittente televisiva di Taranto Blustar tv.
L’attività dei telegiornali verrà regolarmente garantita ma in forma ridotta. “Ciò – spiegano i sindacati – alla luce del mancato rispetto degli impegni assunti dalla proprietà di Blustar Tv nel corso dell’ultimo incontro tenuto in Confindustria Taranto inerente la parte privatistica della procedura di mobilità avviata il 14 gennaio scorso”.
Nella sede tarantina di Confindustria la proprietà, rappresentata da Adamo Gentile, aveva “’rassicurato – puntualizzano Slc Cgil, Fistel Cisl e Assostampa – su un possibile intervento del socio unico dell’emittente televisiva Cosimo Quaranta Cassano, finalizzato al pagamento di almeno due mensilità arretrate relative al 2014.
A quasi due settimane dall’incontro, non ci sono state risposte sul fronte economico e la situazione per i 16 lavoratori è diventata insostenibile”. Il pregresso non corrisposto ammonta a 5 mensilità arretrate oltre alla tredicesima 2014, due ratei della tredicesima 2013 e il 730 per alcuni dipendenti.
La procedura di mobilità è stata avviata dalla proprietà lo scorso 14 gennaio motivata “dalla rottamazione delle frequenze radiotelevisive – concludono i sindacati – il cui decreto sarebbe slittato alla fine dell’anno in corso, oltre ovviamente alla crisi che ha investito il comparto dell’editoria.
A meno di clamorose sorprese, dunque, dalla fine di questo mese gli affezionati telespettatori di Blustar Tv che non stanno mancando di far sentire il loro affetto e la loro solidarietà al personale, perderanno l’emittente televisiva considerata la voce libera della città”. (Ansa)

Tratto da: www.giornalistitalia.it/blustar-tv-sciopero-contro-la-chiusura

https://lh6.googleusercontent.com/-_gtK0lOLsIw/U2ikVik7yDI/AAAAAAAFjzc/L0S9OhfcerY/s1600/Emilia%2520320.gif

Ore 16.10 - TRUFFA SUI CONTRIBUTI ALLE TV: SEQUESTRATE LE FREQUENZE A TELEDUCATO.

Operazione della Finanza. Sequestrate frequenze a Teleducato. Indagato l'editore Gaiti per il quale era stato chiesto l'arresto. Sequestrate dalla Guardia di Finanza le frequenze televisive delle emittenti locali Teleducato Parma, Teleducato Piacenza e il canale Allnews per un'inchiesta sull'illegittima erogazione di contributi pubblici.
Secondo le accuse l'amministratore della società proprietaria Telemec Spa, Pier Luigi Gaiti, indagato per truffa aggravata allo Stato e falso, avrebbe presentato autocertificazioni che riportavano dati non veritieri sul l'impiego del personale e del fatturato nei bandi emessi dal Ministero dello Sviluppo Economico dal 2008 al 2013 per il sostegno delle emittenti televisime locali. L'indagine era stata avviata negli scorsi anni dalla Procura e dalla Guardia di Finanza di Piacenza, poi nell'agosto 2013 il fascicolo è stato trasmesso a Parma per competenza.
Una truffa da tre milioni di euro: grazie alle carte falsificate la società scalava indebitamente la graduatoria regionale e nazionale. Il perito nominato dalla Procura, Leonardo Poggiali, ha calcolato che dal 2008 al 2013 sono stati erogati finanziamenti in più rispetto a quelli spettanti da un minimo di 678mila euro a un massimo di 790mila. Come sanzione è stata disposta la revoca di tutti i contributi statali erogati per un ammontare di 2.846.000 euro. Di questi, 2 milioni 250mila erano già stati incassati, altri 67mila erano in fase di erogazione. Per quelli dovuti per il bando 2013, invece, non si è ancora proceduto al riparto delle somme.

Secondo le recenti disposizioni del decreto legislativo 231 del 2011 sulla responsabilità amministrativa delle aziende per reati previsti dal codice penale, la Procura ha contestato la responsabilità a Telemec Spa per non aver adottato modelli di organizzazione e gestione che potessero prevenire i reati commessi dall'amministratore unico, con l'aggravante di aver conseguito un profitto rilevante da fatti illeciti.

Il gip Paola Artusi, su richiesta del pm Lucia Russo, lo scorso 5 marzo ha disposto il sequestro preventivo di appartamenti e terreni riconducibili all'indagato, oltre a quote societarie, liquidità, titoli di credito nelle disponibilità di Telemec fino a un importo pari a 3 milioni 48mila euro . Sequestrate anche le tre emittenti, che continueranno a trasmettere perché è stato concesso l'uso ma non potranno essere vendute o cedute fino alla fine del procedimento penale. Restrizioni anche per la società: divieto di contrattare con la pubblica amministrazione, esclusione da agevolazioni e contributi e divieto di pubblicizzare propri beni e servizi.

Il Nucleo di polizia tributaria della Finanza ha ricostruito i trucchi su cui si sosteneva il sistema di frode: la società dichiarava falsamente al Comitato regionale per i servizi radiotelevisivi (Corecom) di impiegare la maggior parte dei dipendenti e delle risorse fatturate in una singola emittente e non nelle altre due dove effettivamente lavoravano gli altri giornalisti e impiegati. Per un'emittente non era neppure previsto l'impiego di giornalisti, che invece presentavano regolarmente e quotidianamente il telegiornale. Poi, per raggiungere il numero minimo di impiegati la società aveva persino fatto figurare come giornalista una addetta alle pulizie. Inoltre, fino alla redazione del bilancio 2012 la società non aveva predisposto la separazione contabile per le singole emittenti, mentre successivamente questa sarebbe stata "fittizia" in quanto i dati dei singoli fatturati erano in contrasto con i dati effettivi risultanti dalla contabilità.

Mentre una quota fissa del contributo veniva assegnata a tutte le emittenti in graduatoria, solo alle partecipanti più meritevoli (il 37% al top della classifica) veniva destinato il contributo "premio". Ossia la fetta più grande della torta: il contributo fisso è pari a un quinto delle risorse destinate alla Regione e va diviso con tutti i partecipanti, il premio è pari ai quattro quinti e si divide solo con i primi assegnatari. A questo puntava la Telemec: collocarsi nella prima fascia della graduatoria, che prevedeva l'assegnazione del 60% del punteggio sulla base dei dipendenti impiegati e il 40% in base al fatturato delle singole emittenti.

Telemec, secondo le accuse, avrebbe attribuito arbitrariamente a Teleducato Piacenza gran parte del fatturato a discapito di Teleducato Parma e analogamente certificava una distribuzione del personale che comportava maggior punteggio alla prima emittente. In questo modo Teleducato Piacenza tra il 2008 e il 2011 si è collocata tra il secondo e il terzo posto, per poi retrocedere al quinto nel 2012 e al settimo nel 2013 (perché nel frattempo a causa della crisi societaria nel frattempo era scattata la solidarietà per i dipendenti con riduzione dell'orario lavorativo). Teleducato Parma si è collocata invece tra il quindicesimo e il 20esimo posto nei bandi contestati, percependo il solo contributo fisso. La Procura ha stabilito che senza le alterazioni documentali entrambe le emittenti si sarebbero collocate tra il decimo e l'undicesimo posto per la quasi totalità dei bandi: non avrebbero quindi conseguito il contributo premio, o lo avrebbero conseguito solo in un caso nella fascia di minore importo.
Le dichiarazioni mendaci rese all'ente regionale Corecom hanno determinato, per legge, la revoca totale dei contributi percepiti dal 2008 al 2013. Le frequenze sequestrate sono ora sottoposte a un vincolo presso il Catasto nazionale delle Frequenze dell'Agcom.

Il pm Lucia Russo, titolare dell'inchiesta, aveva chiesto la custodia cautelare in carcere per Gaiti per il pericolo di reiterazione del reato e di inquinamento probatorio. Il gup Paola Artusi ha respinto la richiesta, ritenendo non vi fossero i presupposti per un arresto perché l'amministratore era ormai a conoscenza delle indagini a suo carico e tutta la documentazione contabile era già stata acquisita. La Procura ha già presentato ricorso al tribunale del Riesame. Pare infatti che anche nel 2014 Telemec abbia partecipato di nuovo al bando Corecom presentando ancora documenti falsi.

Tratto da: http://parma.repubblica.it/cronaca/2015/03/16/news/contributi_alle_tv_sequestrate_le_frequenze


https://lh5.googleusercontent.com/-kWHaNiQe0Ps/U2fr__cif5I/AAAAAAAFjeY/jVHpWCL4qNo/s1600/Lazio%2520320.gif

Ore 13.00 - MUX IES TV: CAMBIO DI PROGRAMMAZIONE PER IES CINEMA.

https://lh3.googleusercontent.com/-GN748oNEJuY/UxroEYmPmNI/AAAAAAAFQM8/wh8jxjsZ3xA/s1600/IES%2520TV%252060.jpg
UHF 53 Mux IES TV
https://lh6.googleusercontent.com/-kyOUK_S90ZY/Uxrn-ccaCnI/AAAAAAAFQLc/WXOoUZheiM4/s1600/IES%2520Cinema%252052.jpg
https://lh5.googleusercontent.com/-IbMqLv6Hazs/UxroAUUpJhI/AAAAAAAFQL8/G3rMm71A8PM/s1600/IES%2520Music%252052.jpg
Il canale Ies Cinema (LCN 215) cambia palinsesto, non viene più trasmessa la programmazione cinematografica di soli film ma ora vanno in onda videoclip musicali con la grafica e gli stacchetti di IES Music, in sovraimpressione è sempre presente il solo logo di rete di Ies Cinema. IES Music (LCN 617) trasmette una diversa rotazione musicale e pertanto IES Cinema può considerarsi il secondo canale di Ies Music.
https://lh3.googleusercontent.com/-6EpDSnxTQY4/VQa_m8zRBwI/AAAAAAAHSrA/ICvU3qdZ0Lw/s1600/215%2520A%2520%25283%2529.jpg
https://lh3.googleusercontent.com/-fPXbQ2P8zYY/VQa_owa9lQI/AAAAAAAHSrQ/WYT2cihieUA/s1600/215%2520B%2520%25283%2529.jpg

https://lh5.googleusercontent.com/-7AjzIEF9Bos/VQa_qPoSqFI/AAAAAAAHSrY/xfdERi01dHc/s1600/215%2520C%2520%25282%2529.jpg
https://lh3.googleusercontent.com/-NuCq-_tP_9Y/VQa_q0aFi_I/AAAAAAAHSrg/m4OrPMZNJW4/s1600/215%2520D%2520%25282%2529.jpg

https://lh4.googleusercontent.com/-liZCSBH3D3o/VQa_r6iW6pI/AAAAAAAHSro/_26QcIo0x8w/s1600/215%2520E.jpg
https://lh3.googleusercontent.com/-KGx-5gchuRc/VQa_tKFgEoI/AAAAAAAHSrw/mmBidi7KNV8/s1600/215%2520F.jpg

https://lh3.googleusercontent.com/-TA2UFscWrME/VQa_txJJC0I/AAAAAAAHSr4/ZXygxVIrHbk/s1600/215%2520G.jpg
https://lh6.googleusercontent.com/-oh_23AMpTuo/VQa_u4sU3cI/AAAAAAAHSsA/IayFtjOoX7w/s1600/215%2520H.jpg
https://lh6.googleusercontent.com/-Larf2XT-zNQ/VQa_zYqinmI/AAAAAAAHSsY/9iJ2QsFLVpU/s1600/617%2520A%2520%25283%2529.jpg
https://lh5.googleusercontent.com/-fEuHYLYRhgo/VQa_08h_vUI/AAAAAAAHSsg/7I3thoo9yzs/s1600/617%2520B%2520%25283%2529.jpg

https://lh6.googleusercontent.com/-52MC7c-PUBI/VQa_2c4aj-I/AAAAAAAHSso/kzkc06ce_N4/s1600/617%2520C%2520%25282%2529.jpg
https://lh5.googleusercontent.com/-vfEAa3lxDNY/VQa_3SLB6yI/AAAAAAAHSsw/QdTj2gKAChA/s1600/617%2520D%2520%25282%2529.jpg

https://lh3.googleusercontent.com/-y_L4_WQtD28/VOhoc7knAOI/AAAAAAAHLRI/wsBzoLziviU/s1600/UNOMEDIA%252052.jpg
https://lh5.googleusercontent.com/-ZQYEYWbQamo/VILIC7rDnoI/AAAAAAAGyng/tjk_maxQEaY/s1600/ROMIT%252052.jpg
Infine segnaliamo che questa mattina ROMIT TV in onda su Unomedia (LCN 231) stava trasmettendo la programmazione dell'emittente ROMANIA TV senza i due loghi di ROMIT TV e Unomedia. Abbiamo aggiornato lo z@pping TV del mux IES TV.


https://lh4.googleusercontent.com/-QpKMhAEjLkI/VQa_wImpw0I/AAAAAAAHSsI/T7q4-s80bR0/s1600/231%2520A%2520%25286%2529.jpg
https://lh4.googleusercontent.com/-_3ThBOl5dAA/VQa_x5miQCI/AAAAAAAHSsQ/72kPVfZJsoQ/s1600/231%2520B%2520%25284%2529.jpg




©
L'ITALIA IN DIGITALE 2009 > 2015


www.litaliaindigitale.it


Copyright
ANDREA POMILIO - RICCARDO GAFFOGLIO