NEWS 2014




    LE NOTIZIE DELLA SETTIMANA


         Da Lunedì 6  a Domenica 12 LUGLIO 2015







www.litaliaindigitale.it
Aggiungilo ai tuoi siti preferiti.



Sei appassionato di tv e radio e vuoi collaborare inviandoci le segnalazioni e le liste della tua zona?

Contattaci alla nostra mail
info@litaliaindigitale.it
e inizia subito a condividere le tue informazioni su L'ITALIA IN DIGITALE.

Vuoi condividere le tue impressioni sul digitale terrestre?
Ti interessa divulgare le informazioni in tuo possesso per aiutare chi è in difficoltà nella ricezione del DTT?
Vuoi lanciare un messaggio visibile agli utenti de l'Italia in digitale?
La nostra nuova mail è: sportello@litaliaindigitale.it
Pubblicheremo le vostre mail nello spazio SPORTELLO TV DIGIT@LE.
Potete utilizzare questa mail anche per dare una risposta, consiglio o parere sulle discussioni di questo sito.



https://sites.google.com/site/litaliaindigitale/archivionewssettimana/news2015/news05-11gen2015/NEWS%20DELLA%20SETTIMANA.png


https://lh4.googleusercontent.com/-8-L1EG8a4kE/VKVLXfSJeHI/AAAAAAAG5ic/6z7JSXs2j2g/s1600/ANNO%25202012.png









Il nostro indirizzo internet è:
www.litaliaindigitale.it




MUX NAZIONALI

RAI Mux 1 (ABRUZZO)
RAI Mux 1 (BASILICATA)
RAI Mux 1 (CALABRIA)
RAI Mux 1 (CAMPANIA)
RAI Mux 1 (EMILIA-ROMAGNA)
RAI Mux 1 (FRIULI V.G.)
RAI Mux 1 (LAZIO)
RAI Mux 1 (LIGURIA)
RAI Mux 1 (LOMBARDIA)
RAI Mux 1 (MARCHE)
RAI Mux 1 (MOLISE)
RAI Mux 1 (PIEMONTE)
RAI Mux 1 (PUGLIA)
RAI Mux 1 (SARDEGNA)
RAI Mux 1 (SICILIA)
RAI Mux 1 (TOSCANA)
RAI Mux 1 (TRENTINO)
RAI Mux 1 (ALTO ADIGE)
RAI Mux 1 (UMBRIA)
RAI Mux 1 (VALLE D'AOSTA)
RAI Mux 1 (VENETO)
RAI Mux 1 (VENETO/EMILIA-ROMAGNA)
RAI Mux 2
RAI Mux 3
RAI Mux 4
RAI Mux 5
RAI Mux 5 (PIEMONTE)
RAI Mux 6 (LAZIO)

MEDIASET Mux 1
MEDIASET Mux 2
MEDIASET Mux 3
TIMB Mux 1
TIMB Mux 2
TIMB Mux 3

Mux DFREE

Mux CAIRO DUE

CANALE ITALIA Mux 1
CANALE ITALIA Mux 2

MEDIASET Mux 4
MEDIASET Mux 5
RETE A Mux 1
RETE A Mux 2

Mux LA 3

Mux RETECAPRI

Mux EUROPA 7


LCN NAZIONALE

Mux START UP
COMMUNICATION

Mux STUDIO 1

Mux LA 9 (PIEMONTE)
Mux LA 9 (VENETO)
Mux LA 9 (TRENTINO)
Mux LA 9 (EMILIA-ROMAGNA)
Mux LA 9 (MARCHE)

FRANCIA IN DIGITALE
SVIZZERA IN DIGITALE



Le TV a ROMA Le TV a MILANO Le TV a TORINO
Le TV a PESCARA
LISTA LCN A ROMA
LE TV A MILANO
LE TV A TORINO
LE TV A PESCARA
Le RADIO a ROMA
Le RADIO a MILANO Le RADIO a TORINO Le RADIO a PESCARA

Lista LCN ROMA Lista LCN MILANO Lista LCN TORINO Lista LCN PESCARA
https://lh6.googleusercontent.com/-pbWiqyb-MWI/Uy615CQvIEI/AAAAAAAFUEg/3fje_5yah8o/s1600/MILANO%25202.jpg
LISTA LCN A PESCARA

LCN NAZIONALE




Donazione tramite PayPal, il sito è in assoluto fra i più sicuri per cui non vi è motivo di diffidare.


Clicca sulle immagini per vederle ingrandite


12 LUGLIO 2015
Domenica

ABRUZZO IN DIGITALE

Ore 19.15 - MUX TV ATRI: SU TV ATRI IN ONDA LA PROGRAMMAZIONE DI TV BISENTI.

https://lh6.googleusercontent.com/-DyWf-tbt8Jc/VKK3XWx2G6I/AAAAAAAG5OI/GD2Snpj1T-g/s1600/TVATRI%252060.jpg
UHF 53 Mux TV ATRI
https://lh3.googleusercontent.com/-xxmTr7UTpBc/VaKdRvLr9PI/AAAAAAAIBOg/ZJFovddsMyM/s800-Ic42/TV%252520BIS%25252052.jpg
Mentre effettuavamo una rilevazione dei canali che compongono il mux abruzzese di
TV ATRI sull'emittente ammiraglia TV ATRI NOTIZIE (LCN 73) era in onda la programmazione di TV BIS - TV BISENTI, un inedito canale televisivo dell'omonimo comune della valle del fiume Fino nel teramano.


https://lh3.googleusercontent.com/-WWk8qTBRSNc/VaKYtIKdsXI/AAAAAAAIBN8/dXpvd-_pBBg/s1144-Ic42/73%252520A%252520%2525285%252529.jpg
https://lh3.googleusercontent.com/-bJn-LqICGuc/VaKYWb0_YNI/AAAAAAAIBM4/sxMxXoIXYiQ/s1144-Ic42/73%252520B%252520%2525284%252529.jpg

Come potete vedere su questa emittente è inoltre presente perpetuamente la scritta di prove tecniche e il numero di conto corrente dell'associazione comunitaria editrice di TV ATRI.


11 LUGLIO 2015
Sabato

MUX NAZIONALI

Ore 23.55 - MEDIASET MUX 3: ELIMINATI FOX SPORTS E CALCIO HD EXTRA CON I CARTELLI.

https://lh3.googleusercontent.com/-1qF4t7mRBio/UqdC4L1LvbI/AAAAAAAEaCs/UqZap8FXSA8/s1600/MEDIASET%252060.jpg
UHF 24-29-38 MEDIASET Mux 3
Sono stati eliminati dal MEDIASET Mux 3 i canali Fox Sports e Calcio HD Extra che erano senza LCN, avevano un cartello fisso ed erano sintonizzabili solo con alcuni modelli di tv o decoder.



https://lh3.googleusercontent.com/-FbUQslhRYJE/VaGRjQNwb4I/AAAAAAAIBIc/EWJIrvC3AdA/s864-Ic42/00%252520B%252520%25252816%252529.jpg

MUX NAZIONALI

Ore 23.45 - MEDIASET MUX 1: ELIMINATI GLI OTTO CANALI CON IL CARTELLO FISSO.

UHF 50-52 MEDIASET Mux 1
Sono stati eliminati dal MEDIASET Mux 1 gli otto canali che erano senza LCN, avevano un cartello fisso ed erano sintonizzabili solo con alcuni modelli di tv o decoder. Si tratta di Premium Comedy, Premium Action, Disney Junior - Premium, Premium Calcio 7, Fox Sports Plus, Hot Time 1 - VM18, Hot Time 2 - VM18 e Hot Time 3 - VM18.


https://lh3.googleusercontent.com/-ezHkch0RhWY/VaGK_V-TnlI/AAAAAAAIBBc/ZdeAqdjY7Lc/s864-Ic42/00%252520B%2525201%252520%2525285%252529.jpg
https://lh3.googleusercontent.com/-psomTzDozqY/VaGLAEfAM7I/AAAAAAAIBEM/RflUNBwp7QY/s864-Ic42/00%252520B%2525202%252520%2525285%252529.jpg

https://lh5.googleusercontent.com/-kWHaNiQe0Ps/U2fr__cif5I/AAAAAAAFjeY/jVHpWCL4qNo/s1600/Lazio%2520320.gif

Ore 18.30 - MUX IES TV: ROMIT TV RIMANE IN ONDA SU UNOMEDIA.

https://lh3.googleusercontent.com/-GN748oNEJuY/UxroEYmPmNI/AAAAAAAFQM8/wh8jxjsZ3xA/s1600/IES%2520TV%252060.jpg
UHF 53 Mux IES TV
https://lh3.googleusercontent.com/-y_L4_WQtD28/VOhoc7knAOI/AAAAAAAHLRI/wsBzoLziviU/s1600/UNOMEDIA%252052.jpg
https://lh5.googleusercontent.com/-ZQYEYWbQamo/VILIC7rDnoI/AAAAAAAGyng/tjk_maxQEaY/s1600/ROMIT%252052.jpg
https://lh5.googleusercontent.com/-wKoF7J4oxOk/VNP0pDhBAwI/AAAAAAAHDgA/QvZ6r14wiAM/s1600/BABEL%2520TV%252052.jpg
Come diversamente annunciato con un avviso in sovraimpressione su Unomedia (LCN 231), dall' 8 luglio scorso i programmi di ROMIT TV dovevano traslocare su BABELTV, le trasmissioni di ROMIT TV sono riprese regolarmente su Unomedia (LCN 231), veicolato nel mux IES TV nella regione LAZIO. Mentre su BABEL TV (LCN 244) è in onda come sempre il proprio palinsesto.


https://lh3.googleusercontent.com/-NAq1a8ED4UA/VaFBjwvEzcI/AAAAAAAIA-E/vyy9sK4gh7Y/s1144-Ic42/231%252520A%252520%2525289%252529.jpg
https://lh3.googleusercontent.com/--Y_0OKHC-Mg/VaFBlbnnFeI/AAAAAAAIA_M/qHNWsBwORfY/s1144-Ic42/231%252520B%252520%2525287%252529.jpg
https://lh3.googleusercontent.com/-J5VX1ANW4CU/VNR3i6OupgI/AAAAAAAHDgk/PwKCiK--ESI/s1600/BABEL%2520TV%2520%25282%2529.png
https://lh3.googleusercontent.com/-8xx6aPN2avY/VaFBm1WDfRI/AAAAAAAIA-U/hasptvag5AE/s1144-Ic42/244%252520A%252520%2525285%252529.jpg
https://lh3.googleusercontent.com/-yZZNZFeSMYs/VaFBn-Dyw3I/AAAAAAAIA-c/AjFRj9U3774/s1144-Ic42/244%252520B%252520%2525283%252529.jpg

SICILIA IN DIGITALE

Ore 17.50 - MUX TGS - TELE GIORNALE SICILIA: CAMBIO DI LCN PER RGS.

UHF 22 Mux TGS - TELE GIORNALE SICILIA
Sul mux TGS - TELE GIORNALE SICILIA segnaliamo che l’emittente radiofonica RGS ha cambiato LCN: dalla posizione 815 è passata alla numerazione automatica 715. Abbiamo aggiornato la griglia dei canali e lo z@pping Tv del mux TGS - TELE GIORNALE SICILIA.



https://lh3.googleusercontent.com/-CgPx2zNeObs/VaE6u4Uu9yI/AAAAAAAIA7I/f5omNwJvdHQ/s864-Ic42/00%252520B.jpg
https://lh3.googleusercontent.com/-zoP1eWrRpz8/VaE6uckDhrI/AAAAAAAIA7U/DIZIJrCt6Xo/s864-Ic42/R%252520715.jpg

MUX NAZIONALI

Ore 12.05 - TIMB MUX 3: SU SPORT 1 IN ONDA SPORTDAY TG E AUTOMOTO TV NEWS.

https://lh3.googleusercontent.com/-FTeaFmGLK8o/VS7V8A7F2cI/AAAAAAAHZ8o/2NP3j-CZmG4/s1600/PERSIDERA%2520TIMB%25203%252060.jpg
UHF 26-42-48 TIMB Mux 3
https://lh3.googleusercontent.com/--kEqkHvlb-A/VaAPKiEv0zI/AAAAAAAIAig/Pa2XOGxSt5c/s52-Ic42/SPORT%2525201%252520b%25252052.jpg
Sull'emittente SPORT 1 (LCN 61) vanno in onda il telegiornale sportivo SportdayTG in collaborazione con ALTROSTUDIO TV e il notiziario AUTOMOTOTV news del canale AUTOMOTO TV.



https://lh3.googleusercontent.com/-JgRzXMoBK0Q/VaDjDU3g60I/AAAAAAAIA1M/nGek3bESFRo/s1144-Ic42/61%252520B%252520%2525283%252529.jpg

https://lh3.googleusercontent.com/-uMEW08HczDM/VaDjAzNkRHI/AAAAAAAIA08/14eMpxu7BS0/s1144-Ic42/61%252520C%252520%2525282%252529.jpg
https://lh3.googleusercontent.com/-k0wjmPNsA_4/VaDjEtAxbpI/AAAAAAAIA1U/gX25AKyc1Ek/s1144-Ic42/61%252520D%252520%2525282%252529.jpg

https://lh3.googleusercontent.com/-U9CCXYf280o/VaDi_tOzALI/AAAAAAAIA00/ERUrv6x0Q9U/s1144-Ic42/61%252520E.jpg
https://lh3.googleusercontent.com/-eQbdz7-mz3g/VaDjGDbdbqI/AAAAAAAIA1c/PEo6YyGqbEI/s1144-Ic42/61%252520F.jpg

https://lh3.googleusercontent.com/-40DnI4nzPBE/VaDjK0mSu_I/AAAAAAAIA18/gw6DRN8z-tA/s1144-Ic42/1.jpg
https://lh3.googleusercontent.com/--o4a6_3rIk0/VaDjxa0XeiI/AAAAAAAIA3A/L4uj6XLmNlI/s1144-Ic42/SPORT%2525201%252520-%25252011%252520luglio%252520-%25252011.32.44.jpg

https://lh3.googleusercontent.com/-LxOTdtRRc6w/VaDjITXC6rI/AAAAAAAIA1s/Ame5QzA3IuU/s1144-Ic42/3.jpg
https://lh3.googleusercontent.com/-i_Z3U1dSvzc/VaDjJhVQajI/AAAAAAAIA10/imx07gpya0M/s1144-Ic42/4.jpg

https://lh3.googleusercontent.com/-wLMdFrFRhEY/VaDjzviQs2I/AAAAAAAIA3Q/pa6OiugB0qg/s1144-Ic42/SPORT%2525201%252520-%25252011%252520luglio%252520-%25252011.34.23.jpg
https://lh3.googleusercontent.com/-7kJiFBF5mLA/VaDjyEo979I/AAAAAAAIA3I/Jo2sVfJ2uRw/s1144-Ic42/SPORT%2525201%252520-%25252011%252520luglio%252520-%25252011.33.27.jpg

MUX NAZIONALI

Ore 10.45 - MUX DFREE: ELIMINATO PREMIUM CINEMA HD CON IL CARTELLO.

https://lh6.googleusercontent.com/-8HYsEOH_ugE/UvdsgX1JunI/AAAAAAAFCug/algEgCRgNtQ/s1600/DFREE%25202%252060.jpg
UHF 38-50 Mux DFREE
https://lh3.googleusercontent.com/-FVMa464zbCc/UvdsoyoPBqI/AAAAAAAH40k/jeIa_hVcRQU/s1600/PREMIUM%252520CINEMA%252520HD%25252052.jpg
E' stato eliminato Premium Cinema HD senza LCN, aveva il cartello fisso in standard definition dal 23 giugno scorso, giorno di riconfigurazione canali MEDIASET, ed era sintonizzabile solo con alcuni modelli di tv o decoder. Ricordiamo che Premium Cinema HD è sempre visbile in alta definizione su questo multiplex con la numerazione LCN 330 e con un abbonamento a MEDIASET PREMIUM. Abbiamo aggiornato la griglia dei canali e lo z@pping TV del mux DFREE.


https://lh3.googleusercontent.com/-Cc_xqdTyYdM/VaDVGqpMidI/AAAAAAAIAw0/3uu4fg9o0-Q/s800-Ic42/00%252520B%252520%25252815%252529.jpg

MUX NAZIONALI

Ore 10.05 - MUX LA 3: ELIMINATO RETE 4 HD CON IL CARTELLO.

UHF 22-37 Mux LA 3
E' stato eliminato Rete4 HD senza LCN, aveva il cartello fisso di cambio frequenza in standard definition dal 23 giugno scorso, giorno di riconfigurazione canali MEDIASET, ed era sintonizzabile solo con alcuni modelli di tv o decoder. Ricordiamo che Rete4 HD è sempre visbile in alta definizione con la LCN 504 veicolato dal MEDIASET Mux 2. Abbiamo aggiornato la griglia dei canali e lo z@pping TV del mux LA 3.




10 LUGLIO 2015
Venerdì

MUX NAZIONALI

Ore 20.40 - TIMB MUX 3: MODIFICATO IL LOGO DI SPORT 1.

https://lh3.googleusercontent.com/-FTeaFmGLK8o/VS7V8A7F2cI/AAAAAAAHZ8o/2NP3j-CZmG4/s1600/PERSIDERA%2520TIMB%25203%252060.jpg
UHF 26-42-48 TIMB Mux 3
https://lh3.googleusercontent.com/--kEqkHvlb-A/VaAPKiEv0zI/AAAAAAAIAig/Pa2XOGxSt5c/s52-Ic42/SPORT%2525201%252520b%25252052.jpg
Modificato il logo del nuovo canale SPORT 1 (LCN 61), è stato alquanto ingrandito. Inoltre è migliorata la risoluzione e la qualità video. Consulta la griglia dei canali e lo z@pping TV di TIMB Mux 3.



https://lh3.googleusercontent.com/-dNLTUZTtKoc/VaAPiCS0i-I/AAAAAAAIAmE/Zp2vm08Je7c/s1144-Ic42/61%252520A%252520%2525282%252529.jpg
https://lh3.googleusercontent.com/-V9zCRyz-uFA/VaAPkoUOuFI/AAAAAAAIAmU/AX0Lp35snQI/s1144-Ic42/61%252520B%252520%2525282%252529.jpg

MUX NAZIONALI

Ore 16.45 - TIMB MUX 2: RADIO RADIO TV IN ONDA SU SPORT 2.

UHF 55-60 TIMB Mux 2
https://lh3.googleusercontent.com/-OftM8T115Sk/VaAsGIMo2cI/AAAAAAAIAsE/-Y5RLC7mC-E/s800-Ic42/SPORT%2525202%252520b%25252052.jpg
Il nuovo canale SPORT 2 (LCN 62), presente da ieri nel TIMB Mux 2, sta trasmettendo la programmazione dell'emittente radio-televisiva romana RADIO RADIO TV. Per l'occasione il logo di SPORT 2 è stato ingrandito per coprire proprio quello di RADIO RADIO TV. Ricordiamo che RADIO RADIO TV è in onda anche nella regione Lazio nel mux ROMA UNO sul canale ROMAUNO 2 (LCN 196).


https://lh3.googleusercontent.com/-XrMlN2kiDZM/VZ_ZZuiyj7I/AAAAAAAIAaY/yPyLgtAG8Uo/s1144-Ic42/62%252520A%252520%25252810%252529.jpg
https://lh3.googleusercontent.com/-ouI-wJfZK0U/VZ_Za595RhI/AAAAAAAIAZo/2vfnykJnJWk/s1144-Ic42/62%252520b%252520%25252810%252529.jpg

NEWS 2014

Ore 13.15 - ASCOLTI RADIO: RTL, RDS E RADIO DEEJAY SUL PODIO.

RadioMonitor di Gfk Eurisko ha pubblicato ieri i dati di ascolto delle emittenti radio italiane nel primo semestre 2015 relativi a 60mila interviste condotte tra gennaio e giugno 2015.
In totale gli ascoltatori del mezzo sono 34.927.000.
La top ten delle emittenti nazionali più ascoltate vede al primo posto Rtl 102.5 con 6.737.000 ascoltatori, seguita da Rds (4.760.000), Deejay (4.677.000), Radio 105 (4.585.000), Radio Italia Solomusicaitaliana (4.527.000), Radio 1 Rai (4.203.000), Radio 2 Rai (3.023.000), Virgin (2.331.000), Radio 24 (1.962.000) e Kiss Kiss (1.835.000). Rtl 102.5 si conferma, dunque, ancora una volta al primo posto con un distacco di circa 2 milioni rispetto al secondo posto. Rtl 102.5 si conferma leader anche nei dati sul quarto d’ora. “Siamo molto soddisfatti dai dati che ci confermano leader assoluti del mercato – commenta il presidente di Rtl 102.5, Lorenzo Suraci (nella foto) -. Continueremo a lavorare, come abbiamo sempre fatto, per migliorare la nostra offerta declinata su tutte le piattaforme multimediali”.
Per Rds, invece, “la rincorsa al secondo gradino del podio si è finalmente completata e i 5 milioni di ascoltatori nel giorno medio non sono poi così lontani – dichiara dagli Stati Uniti il presidente, Eduardo Montefusco – un dato che ci aspettavamo e che riscontriamo giornalmente con la partecipazione sempre maggiore degli ascoltatori alle nostre iniziative che li fanno essere protagonisti. Aggiungo che la crescita esponenziale di notorietà di Rds, soprattutto nel Nord Italia, è generata anche dal successo della seconda edizione di Rds Academy e dalla partecipazione come media partner alla carovana del Giro d’Italia. Questo dato confortato anche dal segno più nella raccolta pubblicitaria di questo semestre – continua Montefusco – dimostra che la radio ha saputo leggere le aspettative degli ascoltatori e degli investitori promuovendo iniziative crossmediali in grado di coinvolgere ogni target di riferimento. Quanto emerso conferma due elementi che i nostri ascoltatori percepiscono: la passione e l’entusiasmo di chi lavora in Rds, un’azienda che riesce a governare il cambio generazionale con i miei tre figli sempre più protagonisti nelle scelte progettuali”.
Secondo Mario Volanti, editore e presidente di Radio Italia: “Il dato che ci fornisce l’indagine attesta comunque una crescita per Radio Italia rispetto al secondo semestre 2014, che ci vedeva con 4.499.000 ascoltatori. Ci proponiamo di continuare il nostro lavoro con passione ed attenzione per migliorare sempre più il prodotto che quotidianamente proponiamo agli ascoltatori che amano, come noi, la musica italiana”.
Esprime soddisfazione anche il Gruppo Finelco (Rmc, Radio 105, Virgin) che “si conferma il primo Gruppo radiofonico di broadcaster nazionali con una share del 14,5% tra gli ascoltatori nel quarto d’ora medio 6-24, l’unità di misura più importante per il mercato pubblicitario; una share in crescita di 1 punto netto rispetto al corrispondente semestre del 2014 (13,5%) – spiega una nota -. Nessuno dei gruppi followers riesce a tenere la crescita di Finelco, pertanto seguono ad una distanza sempre maggiore Rai (con l’11,7% contro l’11,4% di un anno prima) e il gruppo Espresso/Repubblica (con l’11,4% contro l’11,1% di un anno prima). Questo eccellente risultato del Gruppo Finelco è reso ancora più significativo dal fatto che tutte e tre le radio che lo compongono risultano in crescita nel quarto d’ora medio 6-24: Radio 105 del 10,7%, Virgin Radio del 9,9% e Radio Monte Carlo del 2,2%, contro una crescita del totale ascolto radiofonico dell’1,6%. Dunque tutte e tre le radio del Gruppo Finelco hanno aumentato sia i propri ascolti sia le proprie share”.
Stabile al nono posto della classifica Radio 24: “Un risultato – spiega l’emittente di Confindustria – premiato anche dalla raccolta pubblicitaria che continua a registrare una crescita a doppia cifra migliorando ulteriormente l’andamento già registrato nel 1° trimestre 2015, notevolmente superiore alla media del mercato”. Bene inoltre la perfomance trimestrale della radio diretta da Roberto Napoletano: “Radio 24 cresce del 4,4% negli ascolti dal lunedì al venerdì del 2° trimestre 2015, rispetto al 2° trimestre 2014, arrivando a toccare quota 2.175.000 ascoltatori. Cresce dell’8,9% al sabato grazie alle novità introdotte nel palinsesto a partire dallo scorso febbraio. Nell’intera settimana del 2° trimestre 2015 la crescita degli ascoltatori della radio è pari a +2,6%”.

Tratto da: www.pubblicitaitalia.it/2015070844682/media/radio-2/radiomonitor-rtl-102-5-rds-e-radio-deejay-sul-podio

RADIO MONITOR - DATI PRIMO SEMESTRE 2015

PER I DATI COMPLETI clicca qui

Per una migliore visualizzazione cliccare sull'immagine

https://lh3.googleusercontent.com/-vIhbLy44Grc/VZ-pJT21brI/AAAAAAAIATs/4YQsrC3WDMM/s900-Ic42/radio2.png

https://lh5.googleusercontent.com/-kWHaNiQe0Ps/U2fr__cif5I/AAAAAAAFjeY/jVHpWCL4qNo/s1600/Lazio%2520320.gif

Ore 13.00 - MUX RETESOLE (LAZIO): ELIMINATA CITTA' FUTURA TV.

UHF 21-24-27 Mux RETESOLE (LAZIO)
E' stata eliminata dalla posizione LCN 641 il canale CITTA' FUTURA TV, versione televisiva dell'emittente radiofonica RADIO CITTA' FUTURA. Abbiamo aggiornato la griglia dei canali e lo z@pping TV del mux RETESOLE (LAZIO).


https://lh5.googleusercontent.com/-kWHaNiQe0Ps/U2fr__cif5I/AAAAAAAFjeY/jVHpWCL4qNo/s1600/Lazio%2520320.gif

Ore 12.30 - RADIO CITTA' FUTURA, DA CINQUE MESI SENZA STIPENDIO: "RISCHIAMO LA CHIUSURA".

"La redazione dei giornalisti di Radio città Futura hanno scioperato ieri per denunciare il grave stato di difficoltà che l'intera emittente sta attraversando".
Lo afferma un comunicato del Comitato di redazione della radio romana sottolineando che "da quasi cinque mesi tutti i lavoratori della testata prestano servizio senza percepire alcuno stipendio".
"Una situazione di profonda sofferenza causata anche dalla progressiva riduzione del fondo per l'editoria. Una storia che troppo spesso in questi ultimi anni si ripete, con importanti testate locali e nazionali costrette alla chiusura, in alcuni casi definitiva", prosegue la nota.
"Contro questa prospettiva sempre più concreta anche per noi, richiamiamo l'attenzione di tutti e sollecitiamo una volta di più l'azienda ad intraprendere ogni iniziativa utile, ammortizzatori sociali compresi, ad alleviare il grave stato di sofferenza dei lavoratori. Perché anche la voce di radio città futura rischia di spegnersi", conclude.

Tratto da: http://roma.repubblica.it/cronaca/2015/07/09/news/radio_citta_futura_da_cinque_mesi_senza_stipendio

MUX NAZIONALI

Ore 11.05 - CANALE ITALIA MUX 1: IL DUPLICATO DI ITALIA TV RINOMINATO TOP ITALIA.

https://lh6.googleusercontent.com/-8i5dTP57ZOA/UpXMPJ-IWkI/AAAAAAAEVBU/aMWQTqvIAfM/s1600/CANALE%2520ITALIA%25201%252060.jpg
CANALE ITALIA Mux 1
https://lh3.googleusercontent.com/-g5ZO_V-WyJQ/VDOyFy64EXI/AAAAAAAGewM/kDZH3THI-_A/s1600/ITALIA%2520TV%252052.jpg
La copia del canale ITALIA TV, sintonizzabile con la LCN 236, è stata rinominata TOP ITALIA. La programmazione trasmessa è sempre quella di ITALIA TV, già presente con la LN 179. Abbiamo aggiornato la griglia dei canali e lo z@pping TV di CANALE ITALIA Mux 1.


https://lh3.googleusercontent.com/-TeeoJD6VyAw/VZ-HEhXAEaI/AAAAAAAIAQU/zXJBHU9iHPM/s864-Ic42/236%252520A%252520%2525283%252529.jpg
https://lh3.googleusercontent.com/-tnQ-9t-K368/VZ-HF5LzmyI/AAAAAAAIAQc/4Pw8TQ9jAkc/s864-Ic42/236%252520B%252520%2525282%252529.jpg

https://lh3.googleusercontent.com/-7XpWJWDzlG0/VZ-HBBmTFrI/AAAAAAAIAQE/K5_iJoqtH4E/s864-Ic42/179%252520A%252520%2525288%252529.jpg
https://lh3.googleusercontent.com/-8wnHBV4PAHE/VZ-HC9IR_4I/AAAAAAAIAQM/5EbZQYllWgM/s864-Ic42/179%252520B%252520%2525287%252529.jpg
https://lh3.googleusercontent.com/-QxWGy2RorOE/VZ-G_sgb1qI/AAAAAAAIAP8/KY332thU2qY/s800-Ic42/00%252520B%252520%25252810%252529.jpg

NEWS 2014

Ore 10.15 - AGCOM: INTERVENTO DI PIANIFICAZIONE DELLE FREQUENZE PER IL SERVIZIO TELEVISIVO LOCALE.

COMUNICATO STAMPA AGCOM
Il Consiglio dell’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni ha adottato la delibera n. 402/15/CONS per la pianificazione delle frequenze televisive attribuite a livello internazionale all’Italia e non assegnate a operatori di rete nazionali, come previsto dalla legge di stabilità 2015. Il provvedimento di Agcom rende disponibile la capacità trasmissiva delle nuove reti ai fornitori di servizi media in ambito locale che saranno, per espressa previsione di legge, selezionati sulla base di graduatorie regionali. La soluzione adottata dall’Autorità ha tenuto conto tra l’altro, della rapidità ed effettività dei tempi di entrata in esercizio delle nuove reti e della minore necessità di investimenti, limitati ai vincoli tecnici stabiliti dalla pianificazione per assicurare la compatibilità tra le diverse reti. In linea con tale scelta, il riuso della medesima frequenza è previsto in Aree non confinanti, al fine di evitare interferenze, assicurando al contempo elevati livelli di copertura e l’incremento di capacità trasmissiva di ogni singola rete locale (fino a 10 canali). La capacità di trasporto delle nuove reti si aggiunge a quella che gli operatori di rete locali già esistenti dovranno mettere a disposizione dei fornitori di contenuti. La delibera rappresenta un tassello fondamentale di un processo a più fasi che vede collaborare Agcom e Ministero dello Sviluppo economico per raggiungere gli obiettivi fissati dalla legge: risolvere il contenzioso internazionale dovuto alle interferenze con i Paesi confinanti e garantire agli editori locali il diritto ad essere trasportati.

DELIBERA N. 402/15/CONS

Allegato n. 1 alla Delibera 402/15/CONS: FREQUENZE AGGIUNTIVE PIANIFICATE PER LE RETI LOCALI

Allegato n. 2 alla Delibera 402/15/CONS: DOCUMENTO DI PIANIFICAZIONE


https://lh3.googleusercontent.com/-Ppnw9hXaNpw/VZ96fI_d9II/AAAAAAAIAL4/ZMI693ysYYQ/s800-Ic42/ALLEGATO%2525201.png

Cliccare sull'immagine per vederla ingrandita

https://lh3.googleusercontent.com/-nFOq8c9LTDo/VZ96eyEoqNI/AAAAAAAIAMM/Q7YQUp77fRU/s900-Ic42/Immagine%252520B.png


9 LUGLIO 2015
Giovedì

MUX NAZIONALI

Ore 22.50 - TIMB MUX 2: ARRIVA SPORT 2, ELIMINATA LINEA ITALIA.

UHF 55-60 TIMB Mux 2
https://lh3.googleusercontent.com/-VAAi6iG-YgY/VZ7VA5dCtqI/AAAAAAAIADk/qMyij1nfQYQ/s1600/SPORT%2525202%25252052.jpg
E' stata inserita con la numerazione LCN 62 il nuovo canale SPORT 2. Inoltre è stata eliminata LINEA ITALIA che è passata, sempre con la LCN 140, su RETE A Mux 2. Abbiamo aggiornato la griglia dei canali e lo z@pping TV del TIMB Mux 2.



https://lh3.googleusercontent.com/-HEhIppfgsPk/VZ7UzzZUnJI/AAAAAAAIABw/JeTFQ59nUhQ/s1600/62%252520A%252520%2525289%252529.jpg
https://lh3.googleusercontent.com/-P-Uy2j0_ggc/VZ7U01_dj4I/AAAAAAAIAB4/dUkdaY4PdPY/s1600/62%252520B%252520%2525289%252529.jpg

https://lh3.googleusercontent.com/-OTFbHgOWdkE/VZ7U2F5_vtI/AAAAAAAIACA/YlUBy65bJw8/s1600/62%252520C%252520%2525282%252529.jpg
https://lh3.googleusercontent.com/-wwdSjy45EDg/VZ7U45FwBpI/AAAAAAAIACI/nwTgA7gKJuw/s1600/62%252520D%252520%2525282%252529.jpg
https://lh3.googleusercontent.com/-pJ1uoa7fOrQ/VZ7Uyte0jTI/AAAAAAAIABo/qGngxfgAO6s/s1600/00%252520B%252520%25252868%252529.jpg

MUX NAZIONALI

Ore 22.30 - TIMB MUX 3: ARRIVA SPORT 1.

https://lh3.googleusercontent.com/-FTeaFmGLK8o/VS7V8A7F2cI/AAAAAAAHZ8o/2NP3j-CZmG4/s1600/PERSIDERA%2520TIMB%25203%252060.jpg
UHF 26-42-48 TIMB Mux 3
https://lh3.googleusercontent.com/-QpBnenpa-So/VZ7U7MHL3JI/AAAAAAAIACk/_6S_2NEjdvA/s1600/SPORT%2525201%25252052.jpg
E' stata inserita con la numerazione LCN 61 la nuova emittente SPORT 1. Abbiamo aggiornato la griglia dei canali e lo z@pping TV di TIMB Mux 3.




https://lh3.googleusercontent.com/-MnB91wrtnvo/VZ7Um3PoceI/AAAAAAAIABI/nFoEqC2gv6o/s1600/61%252520A.jpg
https://lh3.googleusercontent.com/-OGwMeFpAhag/VZ7UoBmcxfI/AAAAAAAIABQ/pbTI2O9NSAQ/s1600/61%252520B.jpg

https://lh3.googleusercontent.com/-ndvh2bgF2FM/VZ7UpqJIg3I/AAAAAAAIABY/rqzVn6-2kp8/s1600/61%252520C.jpg
https://lh3.googleusercontent.com/-I126vG8wbwc/VZ7UqnRhTmI/AAAAAAAIABg/vys-WK4cgDE/s1600/61%252520D.jpg
https://lh3.googleusercontent.com/-uDaio2VCjJ8/VZ7ZDsyVDDI/AAAAAAAIAJ4/qRyNR5t6qas/s1600/00%252520B%2525201%252520%25252812%252529.jpg
https://lh3.googleusercontent.com/-n2oYaphL82k/VZ7ZBJHziOI/AAAAAAAIAJw/ffSlQCPkr_M/s1600/00%252520B%2525202%252520%25252811%252529.jpg

MUX NAZIONALI

Ore 20.30 - RETE A MUX 2: ARRIVA LINEA ITALIA, ELIMINATE 61 E 62.

UHF 27-33-42-54 RETE A Mux 2
https://lh3.googleusercontent.com/-GpNqzY2W8-0/VWeegbk_lrI/AAAAAAAHrW8/iZ46haSn8q0/s1600/LINEA%252520ITALIA%25252052.jpg
Sono state eliminate le due emittenti 61 e 62 che si posizionavano rispettivamente con le LCN 61 e 62, inoltre è stato aggiunto con la LCN 140 il canale LINEA ITALIA che in alcune fasce orarie trasmette la programmazione dell'emittente abruzzese AB CHANNEL. Abbiamo aggiornato la griglia dei canali e lo z@pping TV di RETE A Mux 2.



https://lh3.googleusercontent.com/-MQtS17RUIS4/VZ66m4euUCI/AAAAAAAH_5g/e2DGnRlMqyw/s1600/140%252520A.jpg
https://lh3.googleusercontent.com/-l3PF1CBFYz4/VZ66iuiPbjI/AAAAAAAH_3o/r8Sugzddv_w/s1600/140%252520B.jpg

https://lh3.googleusercontent.com/-DkMpAt9P1_c/VZ65Mw3oV8I/AAAAAAAH_2s/IJ23SCcRVW0/s1600/LINEA%252520ITALIA%252520-%25252009%252520luglio%252520-%25252020.04.55.jpg
https://lh3.googleusercontent.com/-kT52op_GIY0/VZ65N07wtwI/AAAAAAAH_20/opJoKC6HuOs/s1600/LINEA%252520ITALIA%252520-%25252009%252520luglio%252520-%25252020.05.31.jpg
https://lh3.googleusercontent.com/-noT0zkTRLl8/VZ66l-oSdlI/AAAAAAAH_4A/k8GSg8Lmm2s/s1600/00%252520B%252520%25252842%252529.jpg

NEWS 2014

Ore 10.50 - 144 EMITTENTI LOCALI A RISCHIO: "NON CHIUDETECI".

Centoquarantaquattro tv locali che rischiano di scomparire dagli schermi italiani. La numerazione sui televisori di casa che potrebbe essere stravolta.
I canoni pagati allo Stato dalle stazioni del territorio non ancora definiti. E lo spettro di nuovi tagli nell’etere per destinare alla telefonia mobile un altro spicchio di frequenze usate dalle oltre seicento tv locali della Penisola per andare in onda. Non è solo la crisi che tiene in fibrillazione le reti del territorio. «Le scelte che la politica e le autorità indipendenti hanno compiuto negli ultimi tempi penalizzano un comparto che, a differenza di quanto molti credono, è di primaria importanza – spiega Marco Rossignoli, coordinatore dell’Aeranti- Corallo, l’associazione che raccoglie oltre mille imprese radiotelevisive del Paese –. I nostri numeri e quelli dell’indotto dimostrano che non siamo piccole tv, come qualcuno ci chiama».
http://www.avvenire.it/Spettacoli/PublishingImages/ImmaginiArticolo/salaregia1_300.jpg
Rossignoli elenca le cifre. «I giornalisti assunti regolarmente dalle televisioni locali sono oltre 2.500 in tutta Italia. Nessun altro network vanta un dato simile: la Rai ha 2.000 giornalisti; tutte le altre emittenti nazionali 1.500. E poi ci sono altri 6.000 dipendenti a cui le stazioni del territorio danno lavoro, fra tecnici, personale amministrativo e commerciale». Un “colosso” che, però, è messo in ginocchio da chi ha in mano il potere decisionale. «In troppi si limitano a ripetere che l’emittenza locale è un valore aggiunto. Ma, ogni volta che si agisce, il risultato va immancabilmente nella direzione opposta, ossia quella di ridurre sempre più gli spazi di manovra per le stazioni locali, a tutto vantaggio dei network nazionali», denuncia Luigi Bardelli, presidente dell’associazione Corallo.
Oggi, a Roma, l’Aeranti-Corallo convoca i suoi stati generali. Un appuntamento in cui le emittenti mettono a confronto le posizioni degli interlocutori che possono giocare un loro ruolo nel delineare gli assetti
del settore: il governo, l’Agcom, la Federazione nazionale della stampa. «C’è bisogno di valorizzare la comunicazione dal basso», afferma
Bardelli.
Uno dei nodi critici è il futuro delle 144 reti che, secondo l’esecutivo, devono “rottamare” le loro frequenze. Perché trasmettono su canali che creano interferenze alle stazioni oltre confine. Accade nelle regioni che si affacciano sull’Adriatico dove le reti italiane disturbano le “colleghe” di Croazia o Albania, ma anche lungo il Tirreno dove vengono “intralciate” le trasmissioni della Corsica. La ragione di questo caos? La decisione dello Stato di assegnare negli anni scorsi a Rai, Mediaset e La7 frequenze ottimali e quindi “protette”, mentre alle locali sono andati pacchetti di canali che, stando alle disposizioni internazionali, non potevano essere concessi dal momento che causano problemi di ricezione all’estero. «E gli editori locali hanno ipotecato persino le loro case per utilizzarli con il passaggio al digitale terrestre », racconta Bardelli. Adesso il governo, con l’Agcom, impone alle reti di liberare le frequenze «volontariamente» versando indennizzi irrisori: in Molise, ad esempio, le emittenti che occupano lo stesso canale valgono al massimo 90mila euro. «Sono già iniziati i ricorsi alla magistratura», fa sapere Rossignoli. E non è una via d’uscita l’intenzione dell’esecutivo di destinare alle tv locali le sei frequenze nazionali, che
erano al centro del controverso
beauty contest,
quando i canali da lasciare sono settantasei. «Tra l’altro le sei frequenze potranno essere usate al massimo fino al 2020», chiarisce il coordinatore dell’associazione. Bardelli è preoccupato. «Si vogliono mettere a tacere le voci del comprensorio obbligando le emittenti ad ammainare
le antenne».
Anche la questione dei nuovi canoni è un macigno non ancora rimosso. Era stato previsto un maxi-aumento per le reti locali a fronte di una sconto, da almeno 40 milioni di euro, per Rai e Mediaset. «Il governo ha promesso una revisione, ma nessun provvedimento è stato portato in Consiglio dei ministri», dichiara Rossignoli. Inoltre potrebbero essere ridiscussi anche i “numeri” con cui le stazioni compaiono sugli schermi. «Se ciò avvenisse, le emittenti scomparirebbero dai televisori anche per settimane, in attesa di essere risintonizzati», sostiene il coordinatore dell’Aeranti-Corallo.
Bardelli punta l’indice contro la mancanza di una visione d’insieme in Italia. «Il caso delle interferenze e l’ipotesi di dover liberare altri canali per cederli alle società telefoniche dicono che la Penisola non può omologarsi a una prospettiva europea che non tiene conto della ricchezza tutta italiana dell’emittenza televisiva locale. Un patrimonio che va tutelato e non smantellato».

Tratto da: www.avvenire.it/Spettacoli/Pagine/TV-LOCALI

LOMBARDIA IN DIGITALE

Ore 09.50 - MUX RETE 55: INTERROTTA LA PROGRAMAZIONE DI SPORT TELEVISION, ELIMINATA TELECUPOLE.

UHF 42 Mux RETE 55
https://lh3.googleusercontent.com/-jAwuIk7x_Yc/VVeRpSLAzRI/AAAAAAAHn4k/1sA5RpS1Tvk/s1600/AITV%252520MALPENSA%252520TV%25252052.jpgNel mux RETE 55 Spor6 (LCN 182), che trasmetteva SPORTELEVISION, manda ora in onda la programmazione di AITV SAN PAOLO TELEVISION MALPENSA TV.



https://lh3.googleusercontent.com/-IjwIUcznav0/VZ2KSyDo-6I/AAAAAAAH_us/q4M2gDYBtTw/s1600/182%252520A%252520%2525284%252529.jpg
https://lh3.googleusercontent.com/-GVZC-GLqOSE/VZ2KU3THZZI/AAAAAAAH_vE/nBF4B8lUszI/s1600/182%252520B%252520%2525283%252529.jpg

https://sites.google.com/site/litaliaindigitale/lazioindigitale/muxtelein/SPORT%20TELEVISION%20B%2052.png
Qualche giorno fa su Spor6 avevamo registrato solo barre colore con il logo di rete di SPORTELEVISION.



https://lh3.googleusercontent.com/-JN8Lfmkkh6w/VZ2KQ8kIYrI/AAAAAAAH_uc/mlVSZfn3LAg/s1600/Spor6%252520-%25252013%252520giugno%252520-%25252023.20.59.jpg
https://lh3.googleusercontent.com/-cK2yKIdCROU/VZ2KRpwDDcI/AAAAAAAH_uk/blk-GnLl8cI/s1600/Sport6%252520-%25252013%252520giugno%252520-%25252022.36.55.jpg

Pertanto al momento SPORTELEVISION non è più trasmessa in Lombardia sul digitale terrestre.
Rileviamo inoltre che la tv piemontese Telecupole (LCN 119) è stata rimossa. Ricordiamo che tale emittente ha un multiplex attivo in Lombardia sull' UHF 39 per la zona di Lissone (MI) e sull' UHF 34 per il comprensorio di Treviglio (BG).


Abbiamo aggiornato la griglia dei canali e lo z@pping TV del mux RETE 55.

CALABRIA IN DIGITALE

Ore 06.45 - TELEUROPA AVVIA IL LICENZIAMENTO COLLETTIVO.

RENDE (Cosenza) – L’emittente televisiva cosentina Teleuropa ha attivato la procedura di riduzione del personale (ai sensi dell’art. 4 e 24 della legge 223/91) che prevede il licenziamento collettivo di 11 degli attuali 22 dipendenti in servizio nella sede di Contrada Cutura di Rende. L’azienda, operante nel settore dal 1992, imputa la decisione alla “situazione finanziaria estremamente grave, con gravissimo rischio occupazionale, in caso di fallimento e chiusura definitiva”.
Teleuropa srl lamenta “un notevole allungamento dei tempi di incasso dei crediti” e della posizione debitoria che “ha, di fatto, creato una notevolissima crisi di liquidità che ha portato ormai al deterioramento dei rapporti con il personale dipendente e con i fornitori di materie prime e servizi che attendono da diversi mesi i pagamenti delle loro competenze”. A questo, l’azienda aggiunge la disdetta o, comunque, il notevole ridimensionamento degli investimenti pubblicitari sull’emittente con “conseguente drastica contrazione dei fatturati previsti”. A giudizio di Teleuropa “ogni altra soluzione, pur astrattamente ipotizzabile, appare del tutto impraticabile in concreto. In particolare – afferma l’azienda – non appare in alcun modo praticabile la strada del ricorso alla cassa integrazione guadagni straordinaria e/o contratti di solidarietà, del tutto incompatibile con la natura strutturale e definitiva dell’esubero, derivante da un’insindacabile (ma certamente necessaria ed opportuna, anzi inevitabile) scelta imprenditoriale di ridimensionamento dell’attività aziendale, con correlativo e necessariamente proporzionale ridimensionamento degli organici. Non è altresì possibile – sostiene Teleuropa srl – collocare i lavoratori in esubero presso altre unità produttive, non avendo la società altre unità produttive oltre quella menzionata” (sic!). Singolare, dunque, l’affermazione secondo cui “la società ricercherà responsabilmente, nel corso dell’esame congiunto con le organizzazioni sindacali, ogni possibile misura volta a fronteggiare le conseguenze sul piano sociale dell’attuazione del piano di riduzione del personale” la cui esecuzione, a giudizio dell’azienda, “avverrà presumibilmente entro il mese di luglio-agosto 2015”.
Nel piano predisposto dall’azienda, gli 11 esuberi vengono individuati in 2 impiegati receptionist su 2, 2 montatori su 3, 2 operatori di ripresa su 3, 1 operatore di emissione su 2, 2 tecnici mixer video su 4 e 2 giornalisti su 7. Escluso dal piano il direttore Attilio Sabato, consigliere nazionale dell’Ordine dei giornalisti, del quale è “coordinatore del Gruppo di lavoro piccola editoria”.
Identica situazione a Telestars, l’emittente televisiva che ha sede nella stessa struttura di Teleuropa, nonostante la formale distinzione delle due persone giuridiche che, comunque, sono in parte identiche e complementari. Una delle tre giornaliste in servizio, Patrizia De Napoli, assistita dal Sindacato Giornalisti della Calabria, il 19 maggio scorso si è, infatti, dimessa per giusta causa rivendicando il pagamento di otto mensilità, della tredicesima, dell’indennità del mancato preavviso e del Tfr, denunciando “il grave inadempimento del datore di lavoro”.
“Un epilogo – afferma Carlo Parisi, segretario del Sindacato Giornalisti della Calabria e componente della Giunta Esecutiva Fnsi – purtroppo, previsto da tempo, nel quale non poche responsabilità hanno coloro i quali, invece di prendere in seria considerazione le proposte avanzate dal Sindacato dei giornalisti sin dal 2011, finalizzate all’attivazione degli ammortizzatori sociali, hanno trascinato i giornalisti in sciagurate scelte che hanno finito per calpestare la loro dignità umana e professionale. Scelte – ricorda Parisi – assolutamente non condivise dal Sindacato che hanno visto i giornalisti prima rinunciare dalla sera alla mattina al contratto nazionale Fnsi-Fieg, passando al depotenziato Fnsi-Aeranti-Corallo, poi addirittura alla trasformazione dello stesso da full-time a part-time. Contro il parere del Sindacato – sottolinea Carlo Parisi – che ha assistito l’unico giornalista che, all’epoca, ha avuto il coraggio di opporsi, prima di lasciare l’emittente recuperando comunque tutte le spettanze dovute”.
“Se, invece, di ostentare solidità a scapito dei dipendenti (che hanno raggiunto le dieci mensilità arretrate non corrisposte), Teleuropa avesse scelto per tempo la strada degli ammortizzatori sociali, oggi forse lo scenario sarebbe diverso”. “Qualcosa, per fortuna, è comunque, cambiata: i lavoratori non hanno dato credito a chi ha tentato di convincerli a dimettersi volontariamente, entro il 30 giugno, in cambio della rateizzazione degli arretrati e del Tfr in dodici mesi. Non è mai troppo tardi, ma è importante per chi fa informazione ed ha il dovere di rispettare la propria dignità prima di occuparsi di quella degli altri”.

Tratto da: www.giornalistitalia.it/teleuropa-avvia-il-licenziamento-collettivo


8 LUGLIO 2015
Mercoledì

TOSCANA IN DIGITALE

Ore 19.45 - DOPO 34 ANNI CHIUDE RADIO INSIEME.

La storica emittente locale di Prato e della Valbisenzio alle prese con i costi troppo alti e la contrazione del mercato pubblicitario.
PRATO - Dopo 34 anni di attività, chiuderà Radio Insieme, una delle prime radio libere del territorio pratese, nata a Vernio e, di recente, con studi anche in via Roma a Prato. I collaboratori, che sono arrivati a superare il migliaio nell'arco di questa pluridecennale avventura, sono stati avvisati della chiusura, anche se ancora la data non è stata ufficializzata. La radio nacque come associazione culturale nel 1981 con la volontà di creare una "radio libera veramente", come cantava Eugenio Finardi in una nota canzone degli anni '70. Fondatore è stato Massimo Innocenti, che ha portato sempre avanti l'impresa insieme al fratello Leandro, attualmente presidente.
I motivi della chiusura sono brevemente spiegati in una mail arrivata in redazione da Giovanni Lampredi, uno degli storici collaboratori. "Un altro pezzo di radiofonia pratese in FM si perde - scrive Lampredi - A breve Radio Insieme sparirà, come è avvenuto per altre emittenti toscane negli ultimi tempi. Ne una ne dieci ne cento radio
web riusciranno mai a sostituire il valore di una radio fm, ma purtroppo i costi fissi sempre maggiori e la forte contrazione del mercato publicitario per le radio locali ne hanno decretato la morte. E' stato un onore per me partecipare ad una parte di un avventura durata piu' di 30 anni.

Tratto da: http://iltirreno.gelocal.it/prato/cronaca/2015/07/07/news/dopo-34-anni-chiude-radio-insieme

LOMBARDIA IN DIGITALE

Ore 19.25 - MUX SAN PAOLO TELEVISION: INTERROTTA LA PROGRAMMAZIONE DI SPORT TELEVISION.

UHF 21-32 Mux SAN PAOLO TELEVISION
https://lh4.googleusercontent.com/-ZZ8nvKwpxgM/VMFOxNSyRgI/AAAAAAAHAUw/c1P1_p-JQSM/s1600/SPORT%2520TELEVISION%2520B%252052.jpg
Qualche giorno fa durante una nostra rilevazione su Sport6 (LCN 182), emittente che trasmette la programmazione di SPORT TELEVISION, avevamo rilevato la presenza di barre colore con il logo di rete.



https://lh3.googleusercontent.com/-xPr2RuZ_BHw/VZ1ZkJhoDAI/AAAAAAAH_hA/a0gFJsrsUac/s1600/Sport6%252520-%25252013%252520giugno%252520-%25252022.37.17.jpg
https://lh3.googleusercontent.com/-EhKSfi4dJ90/VZ1Zi-E4UoI/AAAAAAAH_g4/7B-hazgCjh8/s1600/Sport6%252520-%25252013%252520giugno%252520-%25252022.36.55.jpg

https://lh3.googleusercontent.com/-jAwuIk7x_Yc/VVeRpSLAzRI/AAAAAAAHn4k/1sA5RpS1Tvk/s1600/AITV%252520MALPENSA%252520TV%25252052.jpg
Attualmente invece questo canale non trasmette più le trasmissioni della tv sportiva ma quella di AITV SAN PAOLO TELEVISION MALPENSA TV, emittente già presente in questo mux con altre 8 copie che, pur avendo differenti identificativi, mandano in onda appunto la medesima programmazione.


https://lh3.googleusercontent.com/-4SKO2V6hN1s/VZ1aQzFi61I/AAAAAAAH_kI/LvgzcTRCG3g/s1600/182%252520A%252520%2525287%252529.jpg
https://lh3.googleusercontent.com/-naN4TzoiHwQ/VZ1aP46d37I/AAAAAAAH_kA/Yq8IgObT1bE/s1600/182%252520B%252520%2525286%252529.jpg

Abbiamo aggiornato la griglia dei canali e lo z@pping TV del mux SAN PAOLO TELEVISION.
https://lh3.googleusercontent.com/-huQ2IgIsKok/VZ1ZiO02uBI/AAAAAAAH_gw/FMan1Cj4DaM/s1600/00%252520B%252520%25252823%252529.jpg

NEWS 2014

Ore 18.30 - LT MULTIMEDIA CEDE IL CANALE NUVOLARI A GM COMUNICAZIONE.

LT Multimedia SpA comunica di aver raggiunto un accordo per la cessione del canale televisivo Nuvolari alla Società editrice GM Comunicazione Srl appartenente alla famiglia Sciscione.
La raccolta pubblicitaria per il canale è affidata alla divisione pubblicitaria della LT Multimedia Spa.
Tratto da: www.ltmultimedia.tv/eventi-notizie/lt-miltimedia-cede-nuvolari-a-gm-comunicazione


https://lh5.googleusercontent.com/-kWHaNiQe0Ps/U2fr__cif5I/AAAAAAAFjeY/jVHpWCL4qNo/s1600/Lazio%2520320.gif

Ore 14.40 - QUALE FUTURO PER I GIORNALISTI DI ROMAUNO?

ROMA – “Grande preoccupazione per il futuro dell’azienda”, viene espressa dal Comitato di redazione di Roma Uno ricordando che, in 12 anni di lavoro, l’emittente televisiva ha conquistato un ruolo di
primo piano nel panorama dell’informazione locale del Lazio. Un risultato, sottolinea il Cdr, conseguito “grazie a un’attenta copertura delle notizie di cronaca regionale e, soprattutto, romana, al Tg, alle rubriche di servizio dedicate alle cittadinanza e a quelle di approfondimento”.
“Un anno fa – denuncia il Cdr di Roma Uno – la redazione, insieme al comparto tecnico, ha accettato di sostenere sulle proprie spalle la grave crisi economica dell’azienda, accollandosi con senso di responsabilità un importante taglio degli stipendi con l’accordo di solidarietà” ma, “alla vigilia della scadenza di quell’accordo non è ancora dato di sapere cosa ne sarà della televisione e del nostro futuro lavorativo e professionale”.
Il Comitato di redazione dell’emittente romana auspica, quindi, che “l’azienda voglia mettere in campo tutte le garanzie possibili per il corpo redazionale, affinchè non ne venga lesa la dignità umana e professionale di nessuno. Anche in considerazione dell’importante sforzo messo in campo in questi ultimi dodici mesi, a fronte del quale, mai è stata data alcuna certezza da parte dell’azienda”.

Tratto da: www.giornalistitalia.it/quale-futuro-per-i-giornalisti-di-roma-uno


7 LUGLIO 2015
Martedì

NEWS 2014

Ore 22.30 - TELENORBA PERDE IL PRIMATO ITALIANO: E' TELELOMBARDIA LA TV LOCALE PIU' VISTA.

Chi di auditel ferisce e gongola, prima o poi di autitel perisce. I dati che raccogliamo sul sito auditel.it parlano chiaro.
In principio si era ammosciata l’antenna della radio, adesso tocca a quella della televisione. Dopo trent’anni e passa Telenorba non è più la televisione locale più vista d’Italia. Ha perso il primato a vantaggio dell’antagonista di sempre, Telelombardia. I dati degli ultmi mesi sono impietosi anche se, esattamente come successo per quelli radiofonici, a Conversano probabilmente saranno letti al contrario. Magari si riuscirà ancora una volta a pubblicare, esaltandole, le strampalate analisi fai da te. Ma andiamo avanti.
La maggior parte delle ragioni della debacle stanno nel “nuovo” palinsesto che è andato a sostituire buona parte dei film di ultim’ordine che hanno allietato le prime, seconde e terze serate di generazioni e generazioni di spettatori insonni e annoiati: da Pierino a Giamburrasca, da Franco Nero a Gianni Ciardo, da Mario Merola a Nino D’Angelo. Le novità presentate l’anno scorso, in una festa che fece discutere poco dopo i licenziamenti, sono in realtà produzioni che scimmiottano quelle storiche e più blasonate di altre emittenti, oltre a fiction viste, riviste e straviste sulle reti Mediaset, alcune addidittura più di dieci anni fa, acquistate in un pacchetto full optional a circa un milione e mezzo di euro: il giovanissimo “Ultimo”; i “Carabinieri” tutti ormai dislocati ad altra destinazione e, dulcis in fundoo, “Elisa di Rivombrosa”, che intanto ha dato alla luce cinque o sei figli già attori in altre moderne soap.
Ma veniamo ai numeri, la parte che fa più impressione. Parliamo del dato mensile dei contatti nel giorno medio, ognuna per il suo bacino: Telelombardia (Piemonte, Lombardia, Veneto ed Emilia Romagna), Telenorba (Basilicata, Puglia, Molise e Calabria). A settembre del 2014 Telelombardia ha accumulato 741.402 telespettatori, contro i 720.834 di Telenorba. A ottobre sono stati 735.363 per i lombardi e 748.567 per l’emittente di Conversano (pareggio momentaneo). Da quel punto in poi la disfatta è costante. A novembre 2014 Telelombardia ha avuto 735.599 spettatori, contro i 705.668 di Telenorba. A dicembre, Telelombardia 754.782, Telenorba 748.036. Con l’anno nuovo, poi, il divario è cresciuto in maniera preoccupante. Gennaio Telelombardia 819.222, Telenorba 701.433; febbraio Telelombardia 781.818, Telenorba 683.892; marzo Telelombardia 749.727, Telenorba 625. 875. Ad aprile, invece, Telelombardia 665.042, mentre Telenorba ha accumulato 613.961 spettatori.
In otto mesi Telenorba è andata sotto ben sette volte. Ci sono sono state flessioni in passato, ma mai così prolungate. Sarà per questo che ormai da mesi sui canali della famiglia Montrone non passano più lo spot in cui la voce suadente sottolinea come Telenorba sia la più bella e vista del reame televisivo. D’altro canto, senza i soldati le guerre non si vincono. Segnali preoccupanti? Non per Marco Montrone, vero successore dell’ingegnere. Siamo certi che come i super telegattoni, il presidente saprà attaccarsi a una delle vite rimaste per tirare fuori dal cilindro il colpo di scena, con la speranza che non sia la solita tamarrata dell’estate: il Battiti Live orfano della pupilla De Matthaeis e di Cristobal e di Mastrolitti e di chissà chi altro. Intanto, il giro per raccattare qualche soldo su e giù per la Puglia è inziato. Grazie al cielo inizia il tour dell’estate, l’evento che ha preso il posto del Festibalbar nel cuore degli italiani.

Tratto da: http://bari.ilquotidianoitaliano.it/attualita/2015/06/news/telenorba-perde-il-primato-italiano-e-telelombardia-la-tv-locale-piu-vista

https://lh5.googleusercontent.com/-kWHaNiQe0Ps/U2fr__cif5I/AAAAAAAFjeY/jVHpWCL4qNo/s1600/Lazio%2520320.gif

Ore 22.00 - MUX IES TV: DA DOMANI ROMIT TV SARA' IN ONDA SU BABEL TV.

https://lh3.googleusercontent.com/-GN748oNEJuY/UxroEYmPmNI/AAAAAAAFQM8/wh8jxjsZ3xA/s1600/IES%2520TV%252060.jpg
UHF 53 Mux IES TV
https://lh3.googleusercontent.com/-y_L4_WQtD28/VOhoc7knAOI/AAAAAAAHLRI/wsBzoLziviU/s1600/UNOMEDIA%252052.jpg
https://lh5.googleusercontent.com/-ZQYEYWbQamo/VILIC7rDnoI/AAAAAAAGyng/tjk_maxQEaY/s1600/ROMIT%252052.jpg
Sul canale Unomedia (LCN 231), veicolato nel mux IES TV e che trasmette la programmazione di ROMIT TV, è in onda fissa in sovraimpressione la scritta che avvisa che da domani ROMIT TV sarà in onda sulla numerazione LCN 244 di BABEL TV, quindi abbandonerà Unomedia. Anche sulla pagina Facebook di ROMIT TV è presente tale annuncio.


https://lh3.googleusercontent.com/-zmPVsYS_6gU/VZwuS63dVVI/AAAAAAAH_aU/LjCqXoHMy0Q/s1600/231%252520C%252520%2525285%252529.jpg
https://lh3.googleusercontent.com/-q1kd5vMXQKc/VZwuVd2JgfI/AAAAAAAH_ac/riqBbSO76JI/s1600/231%252520B%252520%2525286%252529.jpg

https://lh3.googleusercontent.com/-qhWL-sp-mVs/VZwuQCKhTcI/AAAAAAAH_aE/sLJLjnmR7Kw/s1600/231%252520a%252520%2525288%252529.jpg
https://lh3.googleusercontent.com/-0keHa8wo-kc/VZwuQw7YrmI/AAAAAAAH_aM/oRM1lAbyito/s1600/231%252520D%252520%2525285%252529.jpg

https://lh3.googleusercontent.com/-KwZ0Z9oO-fo/VZwuWe7fbAI/AAAAAAAH_ak/P3bSyELk_c8/s1600/Immagine.jpg

NEWS 2014

Ore 16.40 - TELECOM ITALIA MEDIA: QUARTO MUX, TUTTO RIMANDATO IN CORTE GIUSTIZIA UE.

MILANO - Telecom Italia Media informa che ieri e' stato depositato il dispositivo della decisione del Consiglio di Stato relativo al ricorso presentato da Persidera (gia' Telecom Italia Media Broadcasting - Timb, societa' attualmente partecipata da TI Media nella misura del 70% e da Gruppo Editoriale L'Espresso per il rimanente 30%) per la riforma della sentenza del Tar Lazio sulla mancata assegnazione a Timb di una ulteriore frequenza nel processo di conversione delle reti dall'analogico al digitale.
Il Consiglio di Stato ha confermato la sentenza di primo grado nella parte in cui ha respinto o disatteso le censure prospettate da Persidera avverso le determine ministeriali di assegnazione delle frequenze, alla luce del contrasto con la delibera Agcom 181/09/Cons. Al fine di decidere i restanti profili dell'appello ha disposto la trasmissione degli atti alla Corte di Giustizia dell'Unione Europea, sospendendo il giudizio
La Societa' si riserva di svolgere gli opportuni approfondimenti, anche alla luce delle motivazioni del dispositivo (a oggi non disponibili), in coerenza con quanto gia' rappresentato al mercato.

Tratto da: www.borsaitaliana.it/borsa/notizie/radiocor/finanza/dettaglio/nRC_07072015_0835_138185143

MUX NAZIONALI

Ore 16.00 - RAI MUX 1 (LAZIO) / RAI MUX 6 (LAZIO): NUOVA VESTE GRAFICA E NUOVI STUDI PER IL TGR LAZIO.

RAI Mux 1 (LAZIO) / UHF 25 RAI Mux 6 (LAZIO)
https://lh6.googleusercontent.com/-bnzbZHW2CE0/UkX3ET4LyDI/AAAAAAAEItc/mefFGRR_VD8/s1600/RAI%25203%252052.jpg
https://lh3.googleusercontent.com/-E2H5UcFBIRE/VZvVzgr5TvI/AAAAAAAH_LM/yQTuk71kxQc/s1600/TGR%25252052.png
E' partito dal TGR Lazio il restyling degli studi regionali della RAI. Nuova sigla e veste grafica caratterizzano da alcuni giorni i telegiornali della sede locale laziale della tv di Stato.
Vi alleghiamo una carrellata di immagini, come potete notare anche il logo TGR è stato cambiato insieme alla scenografia che è decisamente più accattivante.


https://lh3.googleusercontent.com/-OM9CGFigz2U/VZvTcvtO8GI/AAAAAAAH_Ho/v5UBxRBnVpk/s1600/07.png

https://lh3.googleusercontent.com/-Jk-e4Y5yTQ4/VZvTzHHyFMI/AAAAAAAH_IE/iEqRhWWJx4M/s1600/08.png
https://lh3.googleusercontent.com/-JeLmsLHFrXI/VZvTyMASKRI/AAAAAAAH_H8/lRRjnrXWh3s/s1600/09.png

https://lh3.googleusercontent.com/-L6rCN61MAsE/VZvUKsathmI/AAAAAAAH_IU/cYB6hatdwas/s1600/12.png
https://lh3.googleusercontent.com/-mRFeADgsbH0/VZvUK7NzMHI/AAAAAAAH_IY/jUac6BHfw7M/s1600/13.png

https://lh3.googleusercontent.com/-1dzemsz-6mk/VZvUa96LCbI/AAAAAAAH_Io/nGa1aXI8EwA/s1600/15.png
https://lh3.googleusercontent.com/-wGnZfrXnfy0/VZvUuMtAkEI/AAAAAAAH_JI/I-s914WAv0c/s1600/17.png

https://lh3.googleusercontent.com/-0_0ylC_Vz2Q/VZvUwt2VLvI/AAAAAAAH_JQ/6CK_xu4q_Ao/s1600/19.png
https://lh3.googleusercontent.com/-3BqvB6aAqbA/VZvU4nFd3CI/AAAAAAAH_JY/uQOxXELdjkk/s1600/20.png

https://lh3.googleusercontent.com/-iUQ2NgUnnxI/VZvVVJrqjjI/AAAAAAAH_KA/94UlfespJpE/s1600/26.png
https://lh3.googleusercontent.com/-oDZkrrSsjzc/VZvVVhuxtTI/AAAAAAAH_KM/eZ7bj8gCVYk/s1600/25.png

https://lh3.googleusercontent.com/-84024pQG1Ew/VZvVgZSKT0I/AAAAAAAH_KU/8JNSnSe0pM8/s1600/28.png
https://lh3.googleusercontent.com/-2DLsRWgOpsI/VZvVwTM1TeI/AAAAAAAH_K8/K9N7SQMQ6pM/s1600/30.png

TGR LAZIO - Nuova sigla


TGR LAZIO - Z@pping TV



6 LUGLIO 2015
Lunedì

ABRUZZO IN DIGITALE

Ore 20.00 - TAGLIACOZZO (AQ): RESIDENTI SENZA TV FORSE A CAUSA DEL 4G.

TAGLIACOZZO (L'Aquila) - Sono senza tv da quasi una settimana ed è protesta.
http://www.tesoridabruzzo.com/wp-content/uploads/2013/01/Tagliacozzo-obelisco.jpg
Restare senza tv oggi significa infatti rimanere esclusi dal resto del mondo e c’è stato chi ha dovuto seguire la diretta per il referendum in Grecia alla radio oppure su internet. Tutto ciò sta accadendo a Tagliacozzo dove numerosi utenti si sono ritrovati senza il servizio di digitale terrestre. Un problema iniziato la scorsa settimana e che a diatanza di diversi giorni ancora non è stato risolto. Sono molte le proteste e i residenti sono sul piede di guerra. Hanno chiesto anche spiegazioni al servizio clienti dei diversi network televisivi, ma non hanno avuto risposte chiare. Infatti a loro risulta tutto in regola e non sono stati evidenziati problemi tecnici. Uno degli aspetti più singolari della vicenda è che il disservizio si presenta a macchia di leopardo. Ci sono infatti residenti con la tv in tilt, mentre il vicino di casa, a poche decine di metri, non ha problemi. Il disservizio, inoltre, è segnalato da persone che abitano in diverse zone del centro. Nessun problema invece, per la tv satellitare. Qualcino ipotizza che alla base di quanto sta accadendo potrebbe esserci una interferenza incompatibile con il digitale terrestre. Tra questi si ipotizza anche l’arrivo del 4g di qualche operatore per la telefonia mobile, un servizio annunciato già alcuni mesi fa con attivazione prevista proprio in questo periodo. Per ora sono in corso accertamenti ma i residenti sono comunque in attesa di conoscere le cause del malfunzionamento.

Tratto da: www.marsicalive.it

NEWS 2014

Ore 19.45 - LA BBC INGLESE TAGLIA 1000 POSTI DI LAVORO

LONDRA (Regno Unito) – La BBB ha annunciato che taglierà oltre mille posti di lavoro, fra cui quelli di alcuni manager, a causa del calo previsto negli introiti prodotti dal canone stimato in 150 milioni di sterline per i prossimi anni.
“Le previsioni delle entrate create dal canone per il 2016/2017 sono di 150 milioni di sterline in meno rispetto al 2011. Ciò è causato dall’aumento di persone che usano iPlayer (il servizio di visualizzazione di contenuti online di Bbc) e dispositivi mobili, che fa calare il numero di famiglie che possiedono un televisore. Il calo previsto è anche la prova della necessità di ammodernare il canone allo scopo di coprire i servizi digitali”, si legge in un comunicato della Bbc.
A dare i dettagli sulla riduzione del personale è stato il direttore generale Tony Hall, nel corso di un incontro alla sede del network a Londra. Nella riunione, Hall ha spiegato che sempre più persone stanno smettendo di seguire la televisione generalista, perciò non hanno più bisogno di pagare il canone del network.
“Avere una Bbc più semplice e snella è la cosa giusta da fare e ci aiuterà ad affrontare le sfide finanziarie che ci troviamo di fronte”, ha detto Hall. “Stiamo riducendo in modo significativo i costi di gestione, ma in tempi di decisioni difficili dobbiamo concentrarci su ciò che davvero è importante, cioè produrre programmi e contenuti di qualità per tutto il nostro pubblico”, ha proseguito. (La Presse)

Tratto da: www.giornalistitalia.it/la-bbc-taglia-1000-posti-di-lavoro

http://www.giornalistitalia.it/wp-content/uploads/2015/07/BBC.jpg

SICILIA IN DIGITALE

Ore 16.05 - ANTENNA SICILIA: MOBILITA' PER 16 DIPENDENTI SU 23.

Era il 16 giugno del 1979. Pippo Baudo teneva a battesimo quello che per anni è stato il principale canale televisivo siciliano in termini di ascolti.
Trentasei anni dopo il gruppo Ciancio annuncia l'avvio della procedura di mobilità per 16 dipendenti su 23, scelta che equivale alla chiusura di Antenna Sicilia. La notizia è arrivata due giorni fa, «hanno indetto una riunione l'altro ieri, siamo stati convocati per comunicazioni importanti», racconta Flaminia Belfiore, giornalista storica della testata. «Ci hanno detto che le soluzioni prese in questi sei mesi non hanno dato i frutti sperati, quindi siamo fuori. Solo che non ci aspettavamo che a pagare, per il momento, saremmo stati solo noi». Così come i 17 tecnici licenziati dall'emittente Telecolor - sempre del gruppo Ciancio - il primo giugno.
Le motivazioni sono racchiuse in una lettera consegnata ai 16 esuberi. «Si è deciso il netto ridimensionamento dell'attività di fornitore di contenuti con la soppressione di tutte le produzioni di programmi informativi, che rappresentano il centro di costo maggiore dell'attività - si legge nel documento - per mantenere esclusivamente l'offerta di televendite e di quei programmi commerciali il cui budget e la cui redditività siano state preventivamente assicurate dai committenti». Via i telegiornali, gli approfondimenti e anche lo storico programma Insieme. Spazio solo per telepromozioni e qualche replica, il minimo indispensabile a garantire la presenza tra i canali assegnatari di frequenza. Secondo i dati diffusi dalla proprietà i ricavi sono passati da sette milioni 700mila euro nel 2010 a quattro milioni e mezzo nel 2012, calo determinato dal progressivo azzeramento dei contributi regionali nello stesso periodo. Secondo le stime, i bilanci si assottiglieranno fino a toccare i tre milioni 700mila euro previsti per quest'anno.
Più o meno ufficialmente si attribuisce la crisi dell'impero messo in piedi da Mario Ciancio Sanfilippo anche a una stanchezza legata alle vicende giudiziarie dell'imprenditore e all'eventuale processo per concorso esterno alla mafia. Ma la situazione negli uffici di viale Odorico da Pordenone è tesa da mesi.
E nemmeno il contratto di rete - una soluzione che ha unificato i dipendenti che lavoravano ad Antenna Sicilia, Telecolor e La Sicilia multimedia - è servita a migliorare i conti.
https://lh3.googleusercontent.com/-0GRt81sjmOk/VZqgHEee5pI/AAAAAAAH-_k/n8rw5oQ9YlY/s1600/1.png
«Annientato anche il settore tecnico», spiegano a una voce i dipendenti. «Abbiamo ricevuto la stessa lettera, dove spiegano che hanno mantenuto il minimo indispensabile per i servizi esterni». Nessuna speranza in una soluzione alternativa, la strada sembra tracciata: «Hanno annientato Antenna Sicilia». Difficile che la proprietà opti per la cassa integrazione, impossibile sperare nella cassa in deroga che dipende dalle disponibilità economiche della Regione. E così i ritardi nei pagamenti sono diventati una costante. «Lo stipendio di aprile è stato saldato la settimana scorsa», precisa la giornalista.
«La sensazione è che si sia navigato a vista - racconta Belfiore - Sono stati sei mesi stressanti». Cambi di orari, edizioni di telegiornali soppresse, stravolgimenti nelle modalità di lavoro. E poi l'unificazione con quello che era il diretto concorrente, il tg di Telecolor, sul quale lo spettro della crisi aleggia da anni.
«Ci hanno detto: "Da oggi lavorerete assieme". Ma non abbiamo colto il senso di questa unificazione». Poche settimane fa il contrordine: Telecolor cambia ancora una volta ufficio, «ma era un telegiornale uguale da due sedi diverse». Tutti segni, secondo la giornalista, di «una mancanza di una gestione imprenditoriale chiara. Come mai non ci si rendeva conto che la locomotiva stava andando a sbattere contro il muro?», si chiede.
«Io, in fondo, sono anche vicina alla pensione - riflette Flaminia Belfiore - È come vedere un malato terminale, è finito l'incubo». Difficile capire quale sarà la sorte dei compagni di lavoro più giovani. «Sono affranta per loro - afferma - È gente che si è appena sposata, che vorrebbe avere figli. Persone segate nel bel mezzo della loro vita professionale. Non pagano i manager, non pagano i direttori. Pagano i miei colleghi». E conclude: «Non c'è un futuro per i giornalisti in questa città».
Tratto da: http://catania.meridionews.it/articolo/35171/antenna-sicilia-mobilita-per-16-dipendenti-su-23-non-ce-un-futuro-per-i-giornalisti-in-questa-citta

https://lh3.googleusercontent.com/-_hOd2olAkao/VZqgHIaQNNI/AAAAAAAH-_o/KxV6fNTO2rQ/s1600/2.jpg

NEWS 2014

Ore 14.10 - GAZZETTA TV: SHARE AL 18% PER LA COPA AMERICA.

Una scelta azzeccata, per una delle tv più fresche in circolazione, se non altro per età. Gazzetta Tv, nata due mesi fa, si gode i risultati straordinari della Copa America, trasmessa in esclusiva sul canale 59 del digitale terrestre.
La finale di sabato sera, iniziata alle 22 e terminata a tarda sera con i rigori e la vittoria dei padroni di casa sull’Argentina, è arrivata all’8,6% di share. Il secondo tempo (con supplementari e rigori) ha ottenuto una media dell’11,76% di share, con picchi clamorosi sopra il 18%. La media degli ascoltatori al minuto ha toccato 1 milione e 200mila persone.
Un successo di ascolto (e di raccolta pubblicitaria) per il neonato canale in rosa, che ha trasmesso in meno di un mese 26 partite per 53 ore di diretta telelvisiva. Sette telecronisti, nove analisti, per una programmazione a tappeto che ha portato il totale delle riproduzioni dei gol quasi a quota 2000. Oltre alle partite, ci sono stati diversi spazi dedicati alla coppa come “Diario Chileno”, con trenta minuti di trasmissione ogni giorno a tutte le ore per raccontare le imprese, il colore e il tifo di quel che accadeva tra le 12 squadre partecipanti alla 44esima edizione del torneo sudamericano.
E la finale della Copa è stata una festa anche alla Darsena di Milano, dove migliaia di persone hanno visto la partita tra Cile e Argentina sui 4 megaschermi piazzati sul nuovo “porto” della città, dove GazzettaTv ha offerto succhi di frutta e popcorn agli spettatori che non volevano perdersi la movida del sabato sera milanese. Anche sui social media la #CopaGazzetta è stata una scommessa vinta: il tweet dell’account di Gazzetta tv (che nel corso del mese è cresciuto di circa il 40%) che annunciava la vittoria del Cile è arrivato a circa 2000 tra retweet e favoriti, con quasi 30mila visualizzazioni. E anche su Facebook la pagina di Gazzetta Tv ha ottenuto grandi riscontri, crescendo di quasi il 10% in occasione della finale.

Tratto da: www.calcioefinanza.it/2015/07/06/copa-america-gazzetta-tv
http://www.calcioefinanza.it/wp-content/uploads/2015/07/coppa-america.jpg




©
L'ITALIA IN DIGITALE 2009 > 2015


www.litaliaindigitale.it


Copyright
ANDREA POMILIO - RICCARDO GAFFOGLIO