NEWS 2014





                   LE NOTIZIE DELLA SETTIMANA


                Da Lunedì 14
a Domenica 20 LUGLIO 2014
















www.litaliaindigitale.it
Aggiungilo ai tuoi siti preferiti.


Sei appassionato di tv e radio e vuoi collaborare inviandoci le segnalazioni e le liste della tua zona?

Contattaci alla nostra mail
info@litaliaindigitale.it
e inizia subito a condividere le tue informazioni su L'ITALIA IN DIGITALE.

Vuoi condividere le tue impressioni sul digitale terrestre?
Ti interessa divulgare le informazioni in tuo possesso per aiutare chi è in difficoltà nella ricezione del DTT?
Vuoi lanciare un messaggio visibile agli utenti de l'Italia in digitale?
La nostra nuova mail è: sportello@litaliaindigitale.it
Pubblicheremo le vostre mail nello spazio SPORTELLO TV DIGIT@LE.
Potete utilizzare questa mail anche per dare una risposta, consiglio o parere sulle discussioni di questo sito.


https://sites.google.com/site/litaliaindigitale/news/news2009-2010
https://sites.google.com/site/litaliaindigitale/news/news2009-2010

https://sites.google.com/site/litaliaindigitale/news
NEWS 2012

NEWS 2013
NEWS 2014

NEWS DA MERCOLEDI' 01 A DOMENICA 05 GENNAIO 2014













Il nostro indirizzo internet è:
www.litaliaindigitale.it












MUX NAZIONALI

RAI Mux 1 (ABRUZZO)
RAI Mux 1 (BASILICATA)
RAI Mux 1 (CALABRIA)
RAI Mux 1 (CAMPANIA)
RAI Mux 1 (EMILIA-ROMAGNA)
RAI Mux 1 (FRIULI V.G.)
RAI Mux 1 (LAZIO)
RAI Mux 1 (LIGURIA)
RAI Mux 1 (LOMBARDIA)
RAI Mux 1 (MARCHE)
RAI Mux 1 (MOLISE)
RAI Mux 1 (PIEMONTE)
RAI Mux 1 (PUGLIA)
RAI Mux 1 (SARDEGNA)
RAI Mux 1 (SICILIA)
RAI Mux 1 (TOSCANA)
RAI Mux 1 (TRENTINO)
RAI Mux 1 (UMBRIA)
RAI Mux 1 (VALLE D'AOSTA)
RAI Mux 1 (VENETO)
RAI Mux 1 (VENETO/EMILIA-ROMAGNA)
RAI Mux 2
RAI Mux 3
RAI Mux 4
RAI Mux 5
RAI Mux 5 (PIEMONTE)
RAI Mux 6 (LAZIO)

MEDIASET Mux 1
MEDIASET Mux 2
MEDIASET Mux 3
MEDIASET Mux 4
MEDIASET Mux 5
TIMB Mux 1
TIMB Mux 2
TIMB Mux 3
RETE A Mux 1
RETE A Mux 2

Mux DFREE


Mux LA 3
Mux RETECAPRI
Mux RETECAPRI (B)

Mux EUROPA 7

Mux TIVUITALIA
Mux TIVUITALIA (LAZIO)

CANALE ITALIA Mux 1
CANALE ITALIA Mux 2

LCN NAZIONALE

Mux START UP
COMMUNICATION

Mux STUDIO 1

Mux LA 9 (PIEMONTE)
Mux LA 9 (VENETO)
Mux LA 9 (TRENTINO)
Mux LA 9 (EMILIA-ROMAGNA)
Mux LA 9 (MARCHE)

FRANCIA IN DIGITALE
SVIZZERA IN DIGITALE



Le TV a ROMA Le TV a MILANO Le TV a TORINO
Le TV a PESCARA
LISTA LCN A ROMA
LE TV A MILANO
LE TV A TORINO
LE TV A PESCARA
Le RADIO a ROMA
Le RADIO a MILANO Le RADIO a TORINO Le RADIO a PESCARA

Lista LCN ROMA Lista LCN MILANO Lista LCN TORINO Lista LCN PESCARA
https://lh6.googleusercontent.com/-pbWiqyb-MWI/Uy615CQvIEI/AAAAAAAFUEg/3fje_5yah8o/s1600/MILANO%25202.jpg
LISTA LCN A PESCARA

LCN NAZIONALE





BRASILE - ITALIA... IN DIGITALE
L'ITALIA IN DIGITALE PRESENTA:
"BRASILE - ITALIA... IN DIGITALE"




https://lh5.googleusercontent.com/-Nw8PsyTYbTk/U5YpWW7thYI/AAAAAAAF0B4/UhF2xBn-n1c/s1600/News%2520Ultimo%2520320.gif


Clicca sulle immagini per vederle ingrandite


20 LUGLIO 2014
Domenica

MUX NAZIONALI

Ore 19.30 - TIMB MUX 2: ACCESO L'UHF 55 IN TRENTINO DA CIMA PAGANELLA (TN).

UHF 55- 60 TIMB Mux 2
E' stata attivata la nuova frequenza UHF 55 del TIMB Mux 2 in Trentino Alto Adige dalla postazione di CIMA PAGANELLA nel comune di Terlago in provincia di Trento.
Abbiamo aggiornato la lista delle TV A CIVEZZANO (TN).


https://lh4.googleusercontent.com/-mXHmCG_UBGg/UqXNYlqQAmI/AAAAAAAEZTc/uyBTUZaVQOA/s1600/TIMB%25202%2520133.pngUHF 55 (746,0 Mhz) / UHF 60 (786,0 Mhz)
RegionePostazione
Comune
Provincia
Polarizzazione
Trentino Alto Adige
CIMA PAGANELLA
Terlago
TNOrizzontale

https://lh3.googleusercontent.com/-4qO-qmfGaiQ/U8c1fe1KOeI/AAAAAAAF878/Cg4PTIL8s4Y/s1600/00%2520B.jpg

Ripetitori di CIMA PAGANELLA - Terlago (Trento)
http://www.trentoetrentino.it/_Media/cima-paganella-1_med.jpeg


MUX NAZIONALI

Ore 18.45 - RETE A MUX 1: LOGHI SOVRAPPOSTI PER WINGA TV E TOP CALCIO 24.

UHF 32-44 RETE A Mux 1
https://lh4.googleusercontent.com/-wx0KTvnlAW4/UrmgBfStVZI/AAAAAAAEkQs/sgA_BUXtx80/s1600/TOP%2520CALCIO%252024%252052.jpg
Nel pomeriggio di oggi su Winga TV (LCN 63), durante la ripetizione dell'emittente sportiva TOP CALCIO 24, erano presenti i relativi loghi di stazione sovrapposti essendo posizionati entrambi in basso a destra.


https://lh5.googleusercontent.com/-5WhCdwe603o/U8vwBEOdonI/AAAAAAAF-NA/Y6pjz3Gb0iw/s1600/63%2520A.png
https://lh6.googleusercontent.com/-F7BUWhBAo-0/U8vwBHwa5sI/AAAAAAAF-M8/5SIDziG6wpw/s1600/63%2520B.png

https://lh5.googleusercontent.com/-l07bVzERLVw/U8vwA15KBHI/AAAAAAAF-Mw/B6wYEOTDwJg/s1600/63%2520C.png
https://lh3.googleusercontent.com/-dOD8CC4PBxA/U8vwBjI9jFI/AAAAAAAF-M4/rCDYvfp0urk/s1600/63%2520D.png

PIEMONTE IN DIGITALE

Ore 17.45 - MUX TELESUBALPINA: ARRIVA MOTORI TV, ELIMINATA LOMBARDIA CHANNEL.

UHF 59 Mux TELESUBALPINA
Lombardia Channel è stata rimossa anche dal mux TELESUBALPINA, la tv lombarda occupava le LCN 272 e 624; nella prima posizione era presente LOMBARDIA CHANNEL +1, mentre la seconda era in uso da LOMBARDIA CHANNEL. Proprio sulla LCN 624 fa il suo ingresso Motori TV Lombardia, mentre sulla LCN 272 è ora presente Telenova 2 che trasmette la medesima programmazione di TELENOVA 2 (LCN 662). Sulla LCN 663 è stata eliminata Telenova2+1, ora è presente Telenova 4. Pertanto su TELENOVA 3 (LCN 195), Telenova 3 (LCN 298) e su Telenova 4 (LCN 663) è in onda la medesima programmazione ovvero quella di SPORTACTION. Abbiamo aggiornato la griglia dei canali e lo z@pping TV del mux TELESUBALPINA.
https://lh5.googleusercontent.com/-OSnUfYejC0E/U8uee8tKpJI/AAAAAAAF-K8/AIPmDEfHPp8/s1600/00%2520B%2520%25283%2529.jpg
https://lh5.googleusercontent.com/-BxQniJK8Oy0/U8ueask_ciI/AAAAAAAF-Kc/WXdu78lG4nw/s1600/624%2520A.jpg
https://lh4.googleusercontent.com/-w_yTMMssyuc/U8ueb3n1vnI/AAAAAAAF-Kk/JM-HePzyPus/s1600/624%2520B.jpg
https://lh5.googleusercontent.com/-NSUjuRcgdcY/U8ueWLGFWtI/AAAAAAAF-J8/k8tn9X7YBDo/s1600/272%2520A%2520%25282%2529.jpg
https://lh4.googleusercontent.com/-9mmJG11MLFc/U8ueXSD_OtI/AAAAAAAF-KE/NPtnY0tp6Lw/s1600/272%2520B%2520%25282%2529.jpg

https://lh6.googleusercontent.com/-uVpXfKUMYv8/U8vjTa_1WEI/AAAAAAAF-MQ/I2D5auUG1a8/s1600/662%2520A.jpg
https://lh3.googleusercontent.com/-3UaQH4r-V_w/U8vjTTImkUI/AAAAAAAF-MU/QUHObB7AhBU/s1600/662%2520B.jpg
https://lh3.googleusercontent.com/--ilcVnwV5aE/U8ueUARvLVI/AAAAAAAF-Js/5hYZZliPsXU/s1600/195%2520A.jpg
https://lh6.googleusercontent.com/-jpeD4OUOTqw/U8ueVGB-v4I/AAAAAAAF-J0/ULyOXiXH9v0/s1600/195%2520B.jpg

https://lh3.googleusercontent.com/-78947WNTyR8/U8ueYUxqdtI/AAAAAAAF-KM/KAo9yNCVxnA/s1600/298%2520A%2520%25282%2529.jpg
https://lh6.googleusercontent.com/-KuXEn32yzBQ/U8uec_RvF9I/AAAAAAAF-Ks/A5_3Jv-TT4Q/s1600/663%2520A%2520%25282%2529.jpg

LOMBARDIA IN DIGITALE

Ore 12.20 - MUX TELEPACE (LOMBARDIA): PROVE TECNICHE PER MARIA VISION.

UHF 39 Mux TELEPACE (LOMBARDIA)
https://lh4.googleusercontent.com/-vziBEjZNbHs/UeRVUZdaUqI/AAAAAAADIRc/Z0PwRY4uFQQ/s1600/MARIA%2520VISION%252052.jpg
La tv di carattere religioso Maria Vision (LCN 171) sta trasmettendo la sua programmazione con la scritta (posizionata in basso a destra) prove tecniche.



https://lh6.googleusercontent.com/-UYQB40Eyl_A/U8uVGFyWxtI/AAAAAAAF-H0/9Wd6Q5jwNyA/s1600/171%2520A%2520%25282%2529.jpg
https://lh4.googleusercontent.com/-CMafqzyBKq4/U8uVHZo7aiI/AAAAAAAF-H8/Ql1OXdhONLw/s1600/171%2520B%2520%25282%2529.jpg

PIEMONTE IN DIGITALE

Ore 11.00 - MUX CITY RADIO TV: ARRIVA TELEGENOVA, NUOVO LOGO PER SAMP TV.

https://lh3.googleusercontent.com/-orRPEME0KRo/U8t_Mc5OXoI/AAAAAAAF-B8/hEthx30qM7o/s1600/RADIO%2520CITY%252060.jpg
UHF 51 Mux CITY RADIO TV
https://lh4.googleusercontent.com/-6aBKGnVeii4/U8t6UCU0laI/AAAAAAAF99Q/sOB1Lp3A_cA/s1600/TELEGENOVA%252052.jpg
https://lh3.googleusercontent.com/-rb3AxY62NwI/U8t6SO4zgwI/AAAAAAAF980/B60_TOkeOxo/s1600/SAMP%2520TV%252052%2520%25282%2529.jpg
Rispetto alla nostra precedente rilevazione segnaliamo che l'emittente ligure TeleGenova arriva in parte del Piemonte orientale grazie al mux CITY RADIO TV che la veicola sulla LCN 290. Samp TV (LCN 611), l'altra emittente ligure presente in questo mux, ha recentemente introdotto un nuovo logo di stazione. Abbiamo aggiornato la griglia dei canali e lo z@pping TV del mux CITY RADIO TV.


https://lh5.googleusercontent.com/-NlYFZ2qDwwk/U8t8UqEfKjI/AAAAAAAF-Dk/WoDroiIAwiA/s1600/00%2520B%2520%25283%2529.jpg
https://lh6.googleusercontent.com/-W6fgoWXYg1o/U8t7-QgNaZI/AAAAAAAF9_I/KXwjw13fgu4/s1600/290%2520A.jpg
https://lh5.googleusercontent.com/-0FKtygD-Gvo/U8t77cy8N8I/AAAAAAAF9-w/-K0L22Ij0xo/s1600/290%2520B.jpg

https://lh4.googleusercontent.com/-U8QwSX_qtcw/U8t73uTShQI/AAAAAAAF9-g/IIKkTGYPb8E/s1600/290%2520D.jpg
https://lh3.googleusercontent.com/-M2vqNNy_JWI/U8t79E6jWaI/AAAAAAAF9_A/Q_rAPLc6VOo/s1600/611%2520A.jpg
https://lh6.googleusercontent.com/-b_mK81HXH3Y/U8t78DyaCdI/AAAAAAAF9-4/A-4j_hBNz1M/s1600/611%2520B.jpg

PIEMONTE IN DIGITALE

Ore 09.30 - MUX TELECITY (PIEMONTE) A: NUOVO LOGO PER SAMP TV.

UHF 45 Mux TELECITY (PIEMONTE) A
https://lh5.googleusercontent.com/-8KTVpNDHaXA/U8tq2Fl92KI/AAAAAAAF95o/ihRhYmArnBM/s1600/SAMP%2520TV%252052%2520%25282%2529.jpg
Restyling grafico per il canale sportivo Samp TV (LCN 611), l'emittente blucerchiata infatti ha recentemente adottato un nuovo logo di stazione.
Consulta la griglia dei canali e lo z@pping TV del mux
TELECITY (PIEMONTE) A.



https://lh5.googleusercontent.com/-63ZtKb_bzAI/U8trXSqwt-I/AAAAAAAF97Q/AOTTcgxyslo/s1600/00%2520B%2520%25283%2529.jpg
https://lh4.googleusercontent.com/-2pvYn1q4cGs/U8ttCMyY2oI/AAAAAAAF974/b05c4LO7iFU/s1600/SAMP%2520TV.png
https://lh6.googleusercontent.com/-KT0knB2vnZQ/U8trZloIBoI/AAAAAAAF97g/mx29lZ8_8Gs/s1600/611%2520A.jpg
https://lh6.googleusercontent.com/-c4LJJebgzKg/U8trYvmUXYI/AAAAAAAF97Y/VMH6XztqoWY/s1600/611%2520B.jpg


19 LUGLIO 2014
Sabato

LOMBARDIA IN DIGITALE

Ore 21.00 - MUX PIU' BLU LOMBARDIA: RIMOSSO IL CARTELLO SU INTER TV.

UHF 43 Mux PIU' BLU LOMBARDIA (A)
UHF 25 Mux PIU' BLU LOMBARDIA (B)
E' stato rimosso il cartello in sovraimpressione a tutto schermo su InterTV (LCN 698) che dava l'appuntamento a settembre per la ripresa dei programmi.



https://lh6.googleusercontent.com/-MFSRMWSCf-U/U8dhC0ffXFI/AAAAAAAF89Y/tYRX8kDMXis/s1600/698%2520A.png
https://lh6.googleusercontent.com/-xiTLhKPw1kY/U8dhC8BfPiI/AAAAAAAF89U/aYkCQuReh1M/s1600/698%2520B.png

Tale cartello non è più presente ed è ripresa la programmazione dell'emittente nerazzurra.
https://lh4.googleusercontent.com/-b3aPt2e2p3Y/U8q9yKYZfAI/AAAAAAAF934/cJIR1UyCwak/s1600/698%2520A.png
https://lh6.googleusercontent.com/-LIfB5EhnA6M/U8q9yG1jfvI/AAAAAAAF930/AUQv0nWCIlE/s1600/698%2520B.png

LOMBARDIA IN DIGITALE

Ore 18.30 - MUX TELENOVA: ARRIVANO MOTORI TV E ITV ITALIA, ELIMINATA LOMBARDIA CHANNEL.

UHF 59 Mux TELENOVA
Novità anche nel mux TELENOVA che, rispetto alla nostra precedente rilevazione, ora veicola Motori TV Lombardia sulle LCN 118 e 615. LOMBARDIA CHANNEL che occupava proprio la LCN 615 è stata eliminata e al momento sarebbe uscita di scena dall'etere regionale. Sulla LCN 251 fa il suo ingresso la tv ligure iTV ITALIA, legata all'emittente locale di genovese TELENORD. Infine Telenova4 (LCN 663) è ora una copia di Telenova3 (SPORTACTION - LCN 195). Abbiamo aggiornato la griglia dei canali e lo z@pping TV del mux TELENOVA.
https://lh4.googleusercontent.com/-ORP1bxdZyLA/U8pSOx5K4TI/AAAAAAAF92c/-ozo8d36kDQ/s1600/00%2520B%2520%25288%2529.jpg
https://lh3.googleusercontent.com/-yT6VoXcntas/U8pSFYzTT7I/AAAAAAAF91c/T71OBNOjJyE/s1600/118%2520A.jpg
https://lh3.googleusercontent.com/-VpoqKUnt4ec/U8pSGzQRaSI/AAAAAAAF91k/eRxJgLGQ0EQ/s1600/118%2520B.jpg

https://lh5.googleusercontent.com/-LUk5oIy11fE/U8pSKcapDOI/AAAAAAAF918/I0tlgno7bfI/s1600/615%2520A%2520%25282%2529.jpg
https://lh4.googleusercontent.com/-vCyxP5IC4So/U8pSLsSbjtI/AAAAAAAF92E/runq5XVDneo/s1600/615%2520B%2520%25282%2529.jpg
https://lh3.googleusercontent.com/-vwaTfClptm0/U8pSIMg4X4I/AAAAAAAF91s/MiwITNM2cNk/s1600/251%2520A.jpg
https://lh5.googleusercontent.com/-kgMPdpzfzEE/U8pSJCJWc2I/AAAAAAAF910/YZPj2IgCsTQ/s1600/251%2520B.jpg

https://lh6.googleusercontent.com/-wGmpoS-ca7k/U8pSM1xgN2I/AAAAAAAF92M/mjoAnTeDUAQ/s1600/663%2520A%2520%25283%2529.jpg

SICILIA IN DIGITALE

Ore 17.35 - FONDI EUROPEI IN SICILIA, DI FAZIO (GRUPPO D-NETWORK): "QUANTI SPRECHI, QUANTI DANNI...".

Disoccupazione inarrestabile, servizi e infrastrutture carenti e quelle esistenti senza manutenzione. Il sud e la Sicilia sono la cartina di tornasole della crisi del Paese dove il crescente disagio sociale e l’allargamento della fascia di povertà ormai colpisce anche i medi redditi.
Un quadro desolante che probabilmente poteva essere limitato, contenuto e fronteggiato se in questi ultimi anni la classe politica, avesse avuto la capacità di sfruttare al meglio le risorse europee, che, invece, sono state letteralmente trascurate e sprecate. Ne abbiamo parlato con uno dei componenti del Tavolo per le Imprese, Francesco Di Fazio, imprenditore catanese e consigliere nazionale Reasat, l’associazione delle emittenti televisive e radiofoniche locali dei Paesi dell’Unione Europea.
http://www.blogsicilia.it/wp-content/uploads/2014/07/foto-francesco-di-fazio-400x215.jpg
Il gruppo televisivo che fa capo a Di Fazio è stato fra i primi a subire gravi ripercussioni dopo il passaggio definitivo al digitale terrestre. Un terremoto annunciato che in Sicilia, così come nel resto d’Italia, ha lasciato sul campo tante realtà del settore.
L’anno scorso di questi tempi D1, la rete ammiraglia del gruppo Di Fazio, fu costretta a chiudere la redazione giornalistica e rivedere il palinsesto, cosa è accaduto in questi dodici mesi e come vi siete riorganizzati?
“Eravamo nel pieno della crisi, oltre il crollo pubblicitario vi furono mancati incassi e il blocco dei contributi. Ciò determinò la scelta obbligata dei soci di chiudere la redazione giornalistica, lasciando solo un tg flash di agenzia”
Come ricorda quei giorni?
“La chiusura venne annunciata tre mesi prima per sensibilizzare le istituzioni e l’opinione pubblica al fine di trovare soluzioni, ma ebbe una triplice azione poiché fu strumentale per accelerare i tempi all’Ars per l’approvazione della legge sull’editoria, riorganizzammo d’intesa con i giornalisti un piano organizzativo dei costi base che ci permise di ripartire a ottobre grazie anche alla ricapitalizzazione da parte della mia famiglia, ma ciò che più mi rimase impresso di quel periodo fu proprio il disinteresse della classe politica, la stessa che per decenni si è servita della mia redazione, assente più che mai a parte ad alcuni deputati di centrodestra, il resto non sapevano o facevano finta di non sapere, limitandosi ad inviare qualche rigo di solidarietà per rimanere sul tema al passo con gli altri”
Le parti sociali giocarono un ruolo diverso…
“Rimasi sbalordito di come pur non aderente come azienda ai sindacati, Assostampa, il sindacato dei giornalisti, Cgil, Cisl e Uil si misero a completa disposizione di concerto con l’Ordine dei giornalisti e la Rea, di cui sono consigliere nazionale, manifestando in più occasioni l’importanza trentennale del circuito televisivo che non poteva essere disperso”
I componenti del Tavolo per le Imprese e più diffusamente gli imprenditori siciliani sono stati critici con governi regionali nella gestione dei Fondi strutturali, un cattivo uso che è stato accertato recentemente anche dalla Corte dei Conti. Secondo lei cosa si poteva fare?
“I dati indicano che 2.140 milioni di euro della programmazione europea 2007-2013 sono andati perduti. Cioè un terzo dei fondi comunitari. Con questa cifra si sarebbe potuto colmare il gap infrastrutturale che separa la Sicilia dalle altre regione dell’UE. In una terra dove il tasso di disoccupazione giovanile è altissimo, dove le reti materiali e immateriali sono da Terzo mondo dove gli imprenditori sono sempre più, loro malgrado, eroi, è inaccettabile che non si riesca a utilizzare una tale quantità di denaro che avrebbe potuto trasformare la Sicilia in una realtà che guarda al futuro e al progresso con ottimismo”
Siete stati sempre particolarmente critici nei confronti della burocrazia, ma ci sono delle responsabilità?
“L’elezione diretta del presidente della Regione avrebbe dovuto dare continuità nell’azione di governo, ma in realtà da Cuffaro a Lombardo a Crocetta c’è sempre stata una crescente tensione con la burocrazia e conflittualità con i partiti. Logiche di bottega hanno imposto lo spoil system prima e una eccessiva rotazione dei dirigenti dopo che ha portato a questi risultati. E, non dimentichiamo, che alla fine nessuno paga personalmente per le proprie responsabilità. Un tema sul quale noi imprenditori del Tavolo per le imprese di Catania ci siamo più volte espressi”
Torniamo alla televisione. Gli editori furono critici con il precedente governo regionale sulla gestione dei Fondi europei per fronteggiare gli effetti della rivoluzione del digitale che ha sconvolto gli equilibri, già precari, del mercato televisivo…
“Si sarebbe potuto fare molto, come è stato fatto in altre regioni, per fronteggiare la crisi di un settore che occupava migliaia di addetti e, adesso, per il calo dei proventi pubblicitari, è vicino al fallimento. Il DVB-T previsto per il 2006 è arrivato con 6 anni di ritardo senza sostegno di fondi europei per incapacità politica, ciò a determinato l’inutilità tecnologica del sistema già superato al quale siamo stati obbligati, solo per interessi di mercato al fine di vendere i decoder e le TV del T1, quando esisteva già il T2 dal 2009 al quale si doveva transitare per recuperare il tempo perso. La successiva legge per interventi all’editoria, presentata un anno fa, è stata cassata in parte dal commissario dello Stato perché su due articoli prevedeva risorse europee, non al tempo programmate, e della restante parte dove erano previsti fondi regionali, non vi sono ad oggi i decreti attuativi, Il quadro è desolante”
Proprio sui fondi europei non utilizzati l’ultima denuncia pubblica è di Fortunato Parisi, neo segretario provinciale della UIL di Catania…
“Al 31 maggio, secondo uno studio della UIL, l’Italia ha saputo rendicontare solo il 56% dei fondi europei disponibili. La Sicilia scende addirittura al 44% per cento. All’Europa saranno restituiti 5 miliardi di euro, gran parte dei quali riguardano due programmi essenziali per il presente e il futuro della Sicilia: il Fondo sociale europeo FSE (occupazione, istruzione, formazione) e il Fondo europeo di sviluppo regionale FESR (incentivi alle imprese, investimenti per la ricerca e innovazione, infrastrutture, energia, agenda digitale). E’ paradossale che nessuno, tra amministratori pubblici e burocrati, sia chiamato a rispondere per questi danni. Si parla tanto di tagli agli sprechi, ma perché questi cosa sono…”

SICILIA IN DIGITALE

Ore 12.20 - MUX 7GOLD SICILIA 77: ATTIVATO L'UHF 33 A RAGUSA.

UHF 33 Mux 7 GOLD SICILIA 77
E' stato attivato il mux 7 GOLD SICILIA 77 sulla frequenza UHF 33 dalla postazione di CONTRADA PATRO a Ragusa. Abbiamo aggiornato la lista delle TV A RAGUSA.


https://lh3.googleusercontent.com/-ujaLr_3hI_I/U8pCvYNPxSI/AAAAAAAF9wo/DYReg6dsXM4/s1600/00%2520B.jpg

LOMBARDIA IN DIGITALE

Ore 10.30 - MUX TELECOLOR: NUOVO LOGO PER PRIMARETE, AGGIUNTE COPIE DI ALCUNI CANALI.

UHF 42-51 Mux TELECOLOR
Di seguito elenchiamo le novità di questo mux in base alla nostra recente rilevazione. Ieri mattina, mentre stavamo effettuando alcune misure, l'emissione di Telereporter (LCN 13) era bloccata su un fermo immagine; come potete vedere dalle foto in basso scattate alle 7.29 e alle 7.40. Alle 8.51 invece l'emissione dello stesso canale era schermo nero. Poco più tardi le trasmissioni sono riprese regolarmente.



https://lh5.googleusercontent.com/-LctEHYf3h1Q/U8oi3u34AoI/AAAAAAAF9uQ/BfWxUw8Wk0M/s1600/13%2520A%2520%25283%2529.jpg
https://lh3.googleusercontent.com/-m6CTVsfdkoE/U8oi79OJZOI/AAAAAAAF9ug/MQuDM3Twd3o/s1600/13%2520C.jpg

https://lh6.googleusercontent.com/-yXpHOg5MJdU/U8oi49qEcdI/AAAAAAAF9uY/ipTkS7zy5B8/s1600/13%2520B%2520%25282%2529.jpg
https://lh6.googleusercontent.com/-WjkMoHYQLNo/U8oi867ATsI/AAAAAAAF9uo/wwWpjZmLG1g/s1600/13%2520D.jpg

https://lh3.googleusercontent.com/-u9apdSffYdM/U8kZ2gaHh8I/AAAAAAAF9Wg/QIErlDM72E0/s1600/Primarete%25202%252052.jpg

Per quanto riguarda invece gli altri canali veicolati segnaliamo che PRIMARETE (LCN 89) e le sue relative copie, Primarete (LCN 184) e PRIMARETE HD (LCN 589), ha adottato un nuovo logo di stazione.


https://lh5.googleusercontent.com/-TZClbXeKgEY/U8mJe2Ro2gI/AAAAAAAF9tc/NQjAlZ6urC0/s1600/89%2520A%2520%25283%2529.jpg
https://lh4.googleusercontent.com/-4ptfWQH4c9U/U8mJf1KXmqI/AAAAAAAF9tk/0AwdzHr6re0/s1600/89%2520B%2520%25282%2529.jpg

https://lh6.googleusercontent.com/-CjDzyI5oJsc/U8mIsIaMngI/AAAAAAAF9sM/5uj4Xhs_D1k/s1600/184%2520A.jpg
https://lh5.googleusercontent.com/-nAGYuT3z35g/U8mIs0-Y5gI/AAAAAAAF9sU/-BESsZKTRIE/s1600/184%2520B.jpg

https://lh6.googleusercontent.com/-_W7ewFUVIu4/U8mI1G_UKUI/AAAAAAAF9tM/2SboV1uvD4U/s1600/589%2520A.jpg
https://lh6.googleusercontent.com/-sz3pY734aMA/U8mI3MHg0KI/AAAAAAAF9tU/b6czV-XFdRs/s1600/589%2520B.jpg

https://lh3.googleusercontent.com/-u9apdSffYdM/U8kZ2gaHh8I/AAAAAAAF9Wg/QIErlDM72E0/s1600/Primarete%25202%252052.jpg

Mentre PRIMARETE che occupa le LCN 199 e 296 ha una programmazione differente pur avendo il medesimo logo di stazione.


https://lh6.googleusercontent.com/-wHfase-ZESk/U8mIyTH_J6I/AAAAAAAF9s8/wTNxFBy8NK8/s1600/199%2520A%2520%25285%2529.jpg
https://lh5.googleusercontent.com/-7x4o_gk524I/U8mIzoRB0KI/AAAAAAAF9tE/V6Ysi5uFbDc/s1600/199%2520B%2520%25285%2529.jpg

https://lh6.googleusercontent.com/-zklTDRYO0V4/U8mJyktex_I/AAAAAAAF9tw/HxPDvs6780s/s1600/296%2520A%2520%25282%2529.jpg
https://lh4.googleusercontent.com/-U_hnKRDHrnk/U8mJ0VlRDnI/AAAAAAAF9t4/3P3Zxc4DQGc/s1600/296%2520B%2520%25282%2529.jpg

https://lh5.googleusercontent.com/-3vzsZFyQje0/U3kRNF_PzRI/AAAAAAAFsIc/Yvr4WxVWv3A/s1600/LA%25209%2520B%252052.jpg

La 9, presente sulla LCN 76, è ora disponibile anche sulle LCN 169 e 232.


https://lh6.googleusercontent.com/-8Hzied3HGw8/U8opNWju3gI/AAAAAAAF9u8/5V4TgeTOi1I/s1600/76%2520A.jpg
https://lh3.googleusercontent.com/-0kKkPGSG3O8/U8opOeAPZTI/AAAAAAAF9vE/Mayb4uQklqY/s1600/76%2520B.jpg

https://lh6.googleusercontent.com/-bzVnJ7vFOz8/U8mIoXRft6I/AAAAAAAF9r8/9QYQdoGne6c/s1600/169%2520A.jpg
https://lh3.googleusercontent.com/-FTdDv2fj0nA/U8mIp0TC3qI/AAAAAAAF9sE/Och9GFDKnDc/s1600/169%2520B.jpg

https://lh5.googleusercontent.com/-Ev3yotwD0sQ/U8mIt-EItRI/AAAAAAAF9sc/JLxoZUZHRoM/s1600/232%2520A.jpg
https://lh6.googleusercontent.com/-VvWn6RTuGRE/U8mIu0GJ1jI/AAAAAAAF9sk/69vR-jGfUcI/s1600/232%2520B.jpg

https://lh3.googleusercontent.com/-tJSMN_9Isj4/U3kRK17SdaI/AAAAAAAFsH8/cNK_ptjZnBs/s1600/LA%25208%2520B%252052.jpg

Anche La 8, presente sulla LCN 81, è on air anche sulla LCN 151 e in sovraimpressione non è più presente il logo LA NAZIONALE.


https://lh6.googleusercontent.com/-11HxAxBIr2g/U8opPWlObVI/AAAAAAAF9vM/5HtZwfSvkpI/s1600/81%2520A.jpg
https://lh5.googleusercontent.com/-2-jJnyjrVR0/U8opQWeNq9I/AAAAAAAF9vU/2nn1gdmu7cc/s1600/81%2520B.jpg

https://lh4.googleusercontent.com/-GvmJyDYVVEw/U8mIlzYreaI/AAAAAAAF9rs/x9aS52ocAA0/s1600/151%2520A.jpg
https://lh6.googleusercontent.com/-RoP9wkoeul0/U8mInAoAJqI/AAAAAAAF9r0/5aTJx2jemGg/s1600/151%2520B.jpg

https://lh3.googleusercontent.com/-iZfpoBfmYW0/U8lBNw5S0FI/AAAAAAAF9fU/hRqqdDQibJ4/s1600/ITALIA%25203%2520LOMBARDIA%252052.jpg

Infine STUDIO ITALIA 2 (LCN 173) trasmette con un inedito logo ITALIA TV LOMBARDIA 3 CANALE 173.


https://lh4.googleusercontent.com/-GurogmNQ05k/U8mIwcxhH7I/AAAAAAAF9ss/VFYPXuNkt7I/s1600/173%2520A%2520%25285%2529.jpg

Abbiamo aggiornato la griglia dei canali e lo z@pping TV del mux TELECOLOR. Consulta anche la lista delle TV A MILANO.


https://lh5.googleusercontent.com/-f03x3yhqcvA/U8mIP26ETrI/AAAAAAAF9rc/DlBasJeKRUY/s1600/00%2520B%25201%2520%252810%2529.jpg

Mux TELECOLOR - Z@pping TV



18 LUGLIO 2014
Venerdì

https://lh5.googleusercontent.com/-kWHaNiQe0Ps/U2fr__cif5I/AAAAAAAFjeY/jVHpWCL4qNo/s1600/Lazio%2520320.gif

Ore 20.20 - MUX GOLD TV: NUOVO LOGO PER PRIMARETE LOMBARDIA.

UHF 46 Mux GOLD TV
https://lh6.googleusercontent.com/-FFhSZhi6Kxk/U8lfL555zeI/AAAAAAAF9io/roC98Lao7p8/s1600/Primarete%25202%252052.jpg
https://lh3.googleusercontent.com/-XHjkfardHKE/U3UhgkHrj6I/AAAAAAAFpY0/xGoWSpXrkgI/s1600/RETE%2520ITALIA%252052.png
Il canale Primarete Lombardia (LCN 184) ha inserito in onda un nuovo logo di stazione, mentre RETE ITALIA (LCN 131) ha nuovamente ingrandito quello proprio. Abbiamo aggiornato le griglie dei canali e gli z@pping TV del mux GOLD TV.



https://lh4.googleusercontent.com/-5X0Pa1S5dMs/U8lfZ4HbyeI/AAAAAAAF9i4/1xIZCateCeY/s1600/00%2520B%2520%252811%2529.jpg
https://lh6.googleusercontent.com/-NGngM_4CCL8/U8le1DFc5cI/AAAAAAAF9hw/PCcMu5uLfN4/s1600/184%2520A%2520%25282%2529.jpg
https://lh3.googleusercontent.com/-fjCRlg5VGs4/U8le5Rqo9-I/AAAAAAAF9iI/Wq4bCnSA5CQ/s1600/184%2520B%2520%25283%2529.jpg
https://lh3.googleusercontent.com/-mPwcy9YLQrg/U8le4JEZhrI/AAAAAAAF9iA/J3inRyuMTvw/s1600/131%2520A%2520%25283%2529.jpg
https://lh3.googleusercontent.com/-bHPufsIF-mc/U8le2wV-wdI/AAAAAAAF9h4/YZmOgVL9S10/s1600/131%2520B%2520%25283%2529.jpg

LOMBARDIA IN DIGITALE

Ore 15.10 - MUX TELELOMBARDIA: BASSO LIVELLO VIDEO PER TG NORBA 24.

UHF 46 Mux TELELOMBARDIA
Rispetto alla nostra precedente rilevazione segnaliamo che TG NORBA 24_ (LCN 180) e la sua relativa copia identificata TG NORBA 24 (priva di LCN) trasmette con un bit rate video molto basso (circa 650 - 670 Kbit). Pertanto in alcune occasioni le immagini risultano essere sgranate e le scritte presenti sul video risultano talvolta poco leggibili.



https://lh5.googleusercontent.com/-tVi86OJylWM/U8kZ9M1rJyI/AAAAAAAF9XI/yqEGbs1G2hE/s1600/180%2520B%2520%25282%2529.jpg

https://lh3.googleusercontent.com/-Bd8XRGIPv_I/U8kcNgkHIcI/AAAAAAAF9Yo/1HX1cdcXV_Y/s1600/NO%252001%2520A%2520%25284%2529.jpg
https://lh6.googleusercontent.com/-6OY2qxTS5V4/U8kZ65H995I/AAAAAAAF9W4/HKmX49W5Y44/s1600/NO%252001%2520B%2520%25282%2529.jpg

https://lh3.googleusercontent.com/-CKCYTnf-mMk/U8kZ5ZUomOI/AAAAAAAF9Ww/SlzpMjCaseE/s1600/180%2520D.jpg

https://lh5.googleusercontent.com/-Nw8PsyTYbTk/U5YpWW7thYI/AAAAAAAF0B4/UhF2xBn-n1c/s1600/News%2520Ultimo%2520320.gif

Ore 09.15 - AGON CHANNEL: OGGI A PESCARA E MILANO IL CASTING DEL NUOVO CANALE TV.

La tv albanese AGON CHANNEL, di proprietà del romano Francesco Becchetti, è pronta ad approdare in Italia con una programmazione tricolore.
Il nuovo canale a partire dal prossimo autunno sbarca sul digitale terrestre e in questi giorni lancia il più grande casting tv italiano. Fino a fine a settembre, Agon Channel sarà in giro in tutta Italia toccando, in più 30 tappe, le principali città e le più rinomate località balneari per selezionare i nuovi volti del canale. Agon infatti proporrà una programmazione «al 100% inedita per la tv italiana» e che prevede «un rapporto diretto e interattivo con il proprio pubblico».
Proprio qualche giorno fa dalle pagine del Corriere della Sera, Alessio Vinci, ex Cnn, ex volto di Matrix, e oggi conduttore e direttore dell’area news del canale, ha annunciato che Agon tv sarà la «Rayanair della tv italiana».
I casting sono aperti a tutti: si ricercano non solo attori/attrici e aspiranti conduttori tv, ma anche comici, sportivi e altre figure professionali «che avranno l’opportunità di diventare i protagonisti dei nuovi programmi del canale». La prima tappa nei giorni scorsi a Bologna, mentre oggi toccherà a PESCARA, presso il Lido 186 The Village, e a MILANO, anche domani 19 luglio all'HealthCity in Viale Cassala 22 dalle 11 alle 16.
Si continuerà poi con Vieste (20 luglio), Loano (Savona il 21 luglio), Bari (23 e 24 luglio), Livorno (23 luglio), Gallipoli e Cagliari (26 luglio), Ostia (Roma, 29 luglio) e Terracina (31 luglio).

Ad agosto il Casting arriverà a Milano Marittima, San Benedetto, Torino, Trieste, Bergamo, Padova, Salerno, Reggio Calabria per toccare poi anche la Sicilia nelle due tappe di Palermo e Catania e concludersi poi a settembre in altre splendide città italiane.
In ogni tappa i partecipanti avranno la possibilità di mostrare il loro talento, aspirazioni e capacità di stare in video ad un team di professionisti che avrà il compito di selezionare i primi protagonisti dei nuovi programmi di Agon Channel. Il canale punta al target 18-55 con un palinsesto che proporrà i reality e i talent show alternati a contenitori più tradizionali, come i game show e il varietà - talk show. Spazio anche all’informazione e all’approfondimento giornalistico con Alessio Vinci e allo sport con Giancarlo Padovan, giornalista sportivo ed ex direttore di Tutto Sport.

Tratto da: www.primadanoi.it/news/tv/551840/Agon-Channel--casting-a-Pescara


https://lh5.googleusercontent.com/-Nw8PsyTYbTk/U5YpWW7thYI/AAAAAAAF0B4/UhF2xBn-n1c/s1600/News%2520Ultimo%2520320.gif

Ore 08.45 RAI DENUNCIA: “C’È UN CARTELLO CHE GESTISCE GLI APPALTI DI MONTAGGIO E RIPRESE”.

Un accordo volto a ‘spartirsi gli appalti di montaggio e riprese’ tra le diverse società invitate dalla Rai” e “presunte distorsioni concorrenziali per l’affidamento di servizi di post produzione per la stagione televisiva 2013-2014”. Stavolta a denunciare irregolarità all’interno di Viale Mazzini è la Rai stessa che mesi fa ha inviato una segnalazione in procura a Roma, ma anche all’Antitrust, l’autorità garante della concorrenza e del mercato, dove venivano denunciati accordi di ripartizione delle procedure di affidamento di servizi di post produzione per diversi programmi.
La querela dell’azienda di Stato, tutta da verificare, nasce dopo che negli uffici di Viale Mazzini sono arrivate alcune missive anonime – molte spedite anche antecedentemente all’apertura delle buste relative alle gare – in cui si parlava delle offerte concordate dalle aziende. A piazzale Clodio è stata aperta un’inchiesta (per ora contro ignoti) di cui è titolare il pm Letizia Golfieri.

Contemporaneamente anche l’Antitrust ha dato avvio a un’istruttoria, mettendo nel mirino 23 imprese che avrebbero fornito servizi post-produzione per la Rai per importanti programmi (ne citiamo solo alcuni), da Ballarò a Porta a Porta, a Chi l’ha visto?. Il Fatto ha provato a contattare molte delle aziende citate nella relazione, senza però ottenere risposta a centralini ed email.

L’istruttoria dell’autorità dovrà approfondire quindi le possibili anomalie relative ai risultati di 20 procedure di selezione nel periodo che va dal 15 luglio al 3 ottobre 2013 alle quali hanno partecipato le 23 imprese, alcune con fatturati annui molto elevati.
Tra le aziende elencate ci sono: la Aesse Video, la Barbieri Communication, che fornisce servizi anche per clienti dal calibro di Sky Italia, Wind e ministero per i Beni e le attività culturali.

E ancora: la Diva Cinematografica Srl, che sul proprio sito tra le trasmissioni per le quali ha lavorato elenca Agorà, Geo e Geo, La storia siamo noi e Porta a Porta; la Euroscena srl, società che “nel 2012 ha fatturato 5,365 milioni di euro” specializzata nelle riprese di Silvio Berlusconi che ha seguito negli anni in trasmissioni pubbliche e interviste; La Grande Mela srl che tra i lavori fatti sul proprio sito cita anche la fortunata serie Gomorra. E di imprese finite nel mirino dell’Antitrust ce ne sono ancora tante: da Industria e Immagine a MAV Television, da New Telecinema, a Obiettivo Immagine e tante altre ancora.
L’istruttoria è ancora in corso ma leggendo la relazione di avvio di procedura dell’Autorità si scoprono aspetti interessanti. “In via generale - è scritto nella relazione - si osserva che i fatti segnalati alla Rai mediante segnalazioni anonime hanno trovato riscontro il più delle volte in relazione al generalizzato aumento dei costi orari richiesto per lo svolgimento del servizio. Inoltre in alcuni casi, l’assegnatario indicato nelle missive anonime, di cui alcune spedite antecedentemente all’apertura delle buste è risultato confermato”.

Poi viene spiegato che: “dalle analisi svolte sui dati resi disponibili dalla RAI emergono diversi indici di possibili comportamenti collusivi tenuti in occasione del complesso delle gare analizzate.” “L’incremento dei prezzi di aggiudicazione - spiega il garante della concorrenza - si è verificato per le procedure più importanti, assegnate prima dell’inizio della nuova stagione televisiva.

Per dare un’idea della rilevanza delle gare in questione, basti considerare che il valore medio per le 20 commesse del periodo da luglio a ottobre 2013 è stato circa tre volte superiore rispetto a tutte le altre gare assegnate nel 2013.” Secondo l’Antitrust quindi “appare evidente e allo stesso tempo anomalo quanto avvenuto nell’estate 2013, quando per la ventina di gare che costituiscono la tornata più importante dell’anno è rilevabile un abbattimento dello sconto praticato dagli aggiudicatari, risultato mediamente inferiore a un quinto di quello “storico”.

Tale circostanza si accompagna alla frequente riassegnazione della commessa al precedente affidatario. Inoltre, tale risultato è conseguenza di una politica di offerta con sconti molto bassi da parte di tutte le imprese invitate a partecipare alle varie procedure, e non solo dei vincitori; le medesime imprese hanno tendenzialmente presentato le offerte di importo maggiore nelle gare non aggiudicate, in dissonanza con una politica di prezzo ben più aggressiva in occasione delle procedure in cui sono risultate vincitrici.” L’indagine dell’Antitrust è ancora in corso, come quella della Procura di Roma.

Tratto da: www.dagospia.com/rubrica-2/media_e_tv/mai-dire-rai-stavolta-denunciare-irregolarit-all-interno-viale


17 LUGLIO 2014
Giovedì

LOMBARDIA IN DIGITALE

Ore 22.35 - MUX SAN PAOLO TELEVISION: ARRIVA AMICI ANIMALI TV, ELIMINATI RETE 182 E ANIME PER CRISTO.

UHF 21-32 Mux SAN PAOLO TELEVISION
https://lh5.googleusercontent.com/-dRtRzUG8Y9E/U8gvKNeYJ_I/AAAAAAAF9SM/O9a1mdGAcvA/s1600/AMICI%2520ANIMALI%252052.jpg
Amici Animali TV, oltre ad essere veicolata a livello regionale dal mux RETE 55 sulla LCN 248, è stata inserita anche nel mux SAN PAOLO TELEVISION sulla LCN 113. Rispetto alla nostra rilevazione segnaliamo inoltre che da questo mux sono stati rimossi Rete 182 (LCN 182), Anime per Cristo (LCN 602) e lo slot privo di LCN denominato noname 5. Abbiamo aggiornato la griglia e lo z@pping TV del mux SAN PAOLO TELEVISION e la LISTA LCN MILANO.
https://lh4.googleusercontent.com/-MiGjytwMRPg/U8guNlGJ-HI/AAAAAAAF9TA/YVSI_mUqqCg/s1600/00%2520B%2520%252814%2529.jpg
https://lh6.googleusercontent.com/-Zft5FwiiVdo/U8guJMWxj6I/AAAAAAAF9Qw/lcfHbCA7fGo/s1600/113%2520A.jpg
https://lh3.googleusercontent.com/-LiHrdzgbSU8/U8guMB7Cd2I/AAAAAAAF9Q4/OM15JhRk2t8/s1600/113%2520B.jpg

https://lh4.googleusercontent.com/-vWs2jhbHltE/U8guG0-UyuI/AAAAAAAF9Qo/2C7n5wolKQM/s1600/113%2520C.jpg

https://lh5.googleusercontent.com/-Nw8PsyTYbTk/U5YpWW7thYI/AAAAAAAF0B4/UhF2xBn-n1c/s1600/News%2520Ultimo%2520320.gif

Ore 21.35 - PERCHE' IN ITALIA STANNO MORENDO LE TV LOCALI.

C’era una volta la famigerata legge Mammì, quella che limitava a tre le reti televisive che potevano essere di proprietà di un solo editore, poi arrivò l’altrettanto famigerato Digitale Terrestre (la legge Gasparri) e tutte le emittenti, gradualmente, passarono sulla nuova piattaforma come pesci d’allevamento abituati a vivere in laguna riversati di colpo nell’oceano Atlantico. La televisione analogica terrestre si è spenta definitivamente il 4 luglio 2012.
http://www.ilquotidianoitaliano.it/wp-content/uploads/2014/07/regia-tv-privata-locale-478x248.jpg
Le polemiche e le inchieste che accompagnarono il passaggio sono cronache note. Il proprietario delle tre maggiori Tv commerciali era anche il Presidente del Consiglio e aveva – da imprenditore – due priorità: salvare una delle sue tre emittenti che “occupava” illegalmente frequenze non sue (Rete4 ha trasmesso su quelle di Europa7 per quasi 10 anni) e arginare l’avanzata della Tv satellitare (Sky) che sottraeva al suo gruppo grosse fette di mercato.
Oggi, i timori di chi affermava che il passaggio alla nuova tecnologia così fatto avrebbe avvantaggiato i grandi sono diventati realtà. Le vecchie Tv locali (che spesso trasmettevano da decenni) si trovano a fronteggiare dei veri e propri colossi. Rai e Mediaset hanno aperto decine di canali tematici. A loro si sono aggiunti nuovi soggetti come Discovery e L’Espresso che sono entrati prepotentemente sul mercato nazionale. Come se non bastasse, la numerazione LCN dei decoder (stabilita da Agcom) spedisce le emittenti più piccole “ai margini del telecomando”.
Se a tutto questo aggiungiamo la crisi e l’espandersi della rete che permette (e di fatto impone) la diffusione dei contenuti sul web, la morte dei canali minori diventa inevitabile. Da nord a sud si stanno inesorabilmente spegnendo e chi continua a trasmettere ricorre a licenziamenti collettivi. Spesso con loro spariscono volti storici, come quella di Sonia Ceriola, la “regina dei cartoni” che per oltre 20 anni ha intrattenuto i giovanissimi romani dagli studi di Super 3 nelle pause tra un Jeeg Robot d’Acciaio e una Ransie la strega. Le sue trasmissioni ai tempi d’oro erano seguite da oltre 300 mila spettatori. La storica emittente romana dal primo luglio ha interrotto le trasmissioni dopo 37 anni.
Nella capitale stanno chiudendo anche Romauno e T9, altre storiche emittenti di proprietà del Gruppo Colari la prima e della famiglia Caltagirone la seconda, che tra licenziamenti e contratti di solidarietà lasceranno a casa decine tra giornalisti, tecnici e operatori. A Milano TeleLombardia ha licenziato 54 lavoratori su 128, in Puglia Telenorba ha presentato recentemente un piano industriale che prevede 70 licenziamenti su un totale di 183 unità. In Sicilia hanno interrotto le trasmissioni D1 Television, Telecolor e Antenna Sicilia.
Una mattanza senza fine, che verosimilmente nei prossimi anni porterà all’estinzione delle piccole televisioni. Un altro pezzo di Italia che non regge il passo di un mercato incontrollato e normato da leggi assurde, scritte a beneficio di pochi e dannose per la comunità, condannata, in questo caso, a un’omologazione dell’offerta televisiva.


https://lh5.googleusercontent.com/-Nw8PsyTYbTk/U5YpWW7thYI/AAAAAAAF0B4/UhF2xBn-n1c/s1600/News%2520Ultimo%2520320.gif

Ore 18.15 - MUX START UP COMMUNICATION: RIPOSIZIONATO IL LOGO DI 100% CHANNEL - QR-.

UHF 34-35-45 Mux START UP COMMUNICATION
Il logo di stazione di 100 % Channel - QR- (LCN 100) è stato ricollocato in basso a destra ed ora risulta nuovamente all'interno della porzione dello schermo televisivo.



https://lh3.googleusercontent.com/-OR_y2BL0qBM/U8f1bc0i5nI/AAAAAAAF9F8/H51FIo0F42o/s1600/100%2520A.jpg
https://lh3.googleusercontent.com/-zqsPGNzNV_U/U8f1cosNXMI/AAAAAAAF9GE/TkpwTZT63uo/s1600/100%2520B.jpg

LOMBARDIA IN DIGITALE

Ore 17.30 - MUX RETE 55: INIZIATA LA PROGRAMMAZIONE DI AMICI ANIMALI TV, ELIMINATA MEDJUGORIE ITALIA TV.

UHF 42 Mux RETE 55
https://lh5.googleusercontent.com/-C3WIbw2oV2o/UlRpOoe6wuI/AAAAAAAF9AA/kOgQZpzaSdU/s1600/AMICI%2520ANIMALI%252052.jpg
E' iniziata la programmazione del canale tematico Amici Animali TV sulla LCN 248. Rispetto alla nostra ultima rilevazione, segnaliamo inoltre, che è stata eliminata l'emittente di carattere religioso Medjugorie Italia TV che si posizionava sulla LCN 693. Abbiamo aggiornato la griglia dei canali e lo z@pping TV del mux RETE 55.


https://lh3.googleusercontent.com/-wJNUtXL1-C4/U8fo5PkDw2I/AAAAAAAF9Ek/atahyccaDTA/s1600/00%2520B%2520%25289%2529.jpg
https://lh6.googleusercontent.com/-NTBG5q_-ubc/U8fo6qaUeeI/AAAAAAAF9Es/L945ReJYgeA/s1600/248%2520A%2520%25282%2529.jpg
https://lh6.googleusercontent.com/-3vw8cztyBMo/U8fo4AyWs6I/AAAAAAAF9Ec/7-Z1mWGdIPc/s1600/248%2520B.jpg

https://lh5.googleusercontent.com/-Nw8PsyTYbTk/U5YpWW7thYI/AAAAAAAF0B4/UhF2xBn-n1c/s1600/News%2520Ultimo%2520320.gif

Ore 09.00 - CANALE ACQUA: ARRIVA LA PROGRAMMAZIONE DI YACHT & SAIL.

https://lh6.googleusercontent.com/-9ItFsAkuXak/UjLJ33lAUuI/AAAAAAADhu8/DZe1DQzscjc/s1600/ACQUA%252060.jpg
Da alcune settimane su ACQUA (CANALE ACQUA), emittente veicolata a livello nazionale sulla LCN 65 da multiplex locali (con differenti identificativi) nella fascia serale trasmette la programmazione di Yacht & Sail, per l'occasione l'abituale logo di stazione viene modificato in acqua by Y&S.
Le immagini in basso sono state scattate da mux TELESTAR (LOMBARDIA).


https://lh5.googleusercontent.com/-f-X7SyF6cks/UzxHladbGnI/AAAAAAAFWPE/uHYzHQrpDu0/s1600/ACQUA.png



https://lh5.googleusercontent.com/-4loNv32G8HM/U8dyb-vyi_I/AAAAAAAF898/5hMEPhm6xfo/s1600/65%2520A.png
https://lh4.googleusercontent.com/-4gJVw3hJ3Yo/U8dyb5bNXJI/AAAAAAAF894/wEu1_OLrGDc/s1600/65%2520B.png

LOMBARDIA IN DIGITALE

Ore 07.50 - MUX PIU' BLU LOMBARDIA: INTER TV CHIUDE PER FERIE, ARRIVEDERCI A SETTEMBRE.

UHF 43 Mux PIU' BLU LOMBARDIA (A)
UHF 25 Mux PIU' BLU LOMBARDIA (B)
Il campionato di calcio e i Mondiali sono terminati, pertanto InterTV (LCN 698) può prendersi una lunga pausa di ferie e dà appuntamento ai suoi telespettatori a settembre.
Buone vacanze anche parte nostra.



https://lh6.googleusercontent.com/-MFSRMWSCf-U/U8dhC0ffXFI/AAAAAAAF89Y/tYRX8kDMXis/s1600/698%2520A.png
https://lh6.googleusercontent.com/-xiTLhKPw1kY/U8dhC8BfPiI/AAAAAAAF89U/aYkCQuReh1M/s1600/698%2520B.png

MUX NAZIONALI

Ore 04.45 - TIMB MUX 2: ARRIVA UN DUPLICATO DI LEONARDO SULLA LCN 62.

UHF 55- 60 TIMB Mux 2
Sulla numerazione LCN 62 non è più in onda la programmazione senza identificativo e senza logo ma è subentrata una copia del canale LEONARDO, già presente in questo multiplex con la LCN 222. Abbiamo aggiornato la griglia dei canali e lo z@pping TV del TIMB Mux 2 e la lista LCN NAZIONALE.

https://lh4.googleusercontent.com/-mXHmCG_UBGg/UqXNYlqQAmI/AAAAAAAEZTc/uyBTUZaVQOA/s1600/TIMB%25202%2520133.png
https://lh3.googleusercontent.com/-4qO-qmfGaiQ/U8c1fe1KOeI/AAAAAAAF878/Cg4PTIL8s4Y/s1600/00%2520B.jpg
https://lh4.googleusercontent.com/-gkw1PWQan3E/U8c1fS435KI/AAAAAAAF88E/26BjstBQO08/s1600/62%2520A.png
https://lh5.googleusercontent.com/-bgFpwSeZc1g/U8c1fZXY3fI/AAAAAAAF88M/sLvkPpdUz-I/s1600/62%2520B.png

https://lh4.googleusercontent.com/-bT5cWM1eSTU/U8c1gHo09pI/AAAAAAAF88Y/M34xbin6WxA/s1600/62%2520C.png
https://lh5.googleusercontent.com/-5aD-rOKJnHw/U8c1gaYAdbI/AAAAAAAF88U/yJF3xlYzKAY/s1600/62%2520D.png

https://lh5.googleusercontent.com/-Nw8PsyTYbTk/U5YpWW7thYI/AAAAAAAF0B4/UhF2xBn-n1c/s1600/News%2520Ultimo%2520320.gif

Ore 03.50 - MUX START UP COMMUNICATION: LOGO PARZIALMENTE FUORI SCHERMO PER 100% CHANNEL - QR-.

UHF 34-35-45 Mux START UP COMMUNICATION
100% Channel - QR- (LCN 100) ha riposizionato il logo di stazione in alto a sinistra. Il cerchio che forma il marchio di 100 % channel risulta parzialmmente fuori dallo schermo, come potete vedere dalle immagini in basso.


https://lh6.googleusercontent.com/-poTVWvMo8o4/U8cofYtZ_fI/AAAAAAAF860/i_6uTI8KILo/s1600/100%2520A.png
https://lh4.googleusercontent.com/-6adW37gmYjk/U8cofTSPWFI/AAAAAAAF86w/o0XA_vi03Fg/s1600/100%2520B.png


15 LUGLIO 2014
Martedì

VALLE D'AOSTA IN DIGITALE

Ore 21.05 - VALPELLINE: DAL 17 LUGLIO ATTIVI I NUOVI IMPIANTI DEL DIGITALE TERRESTRE.

VALPELLINE. Saranno attive da giovedì prossimo, 17 luglio, le nuove antenne di trasmissione del digitale terrestre a servizio della Valpelline. I nuovi tralicci trasmetteranno il segnale RAI dai siti Chalambé e Oyace vasca (Comune di Oyace) e di Ru, Bionaz 1 e Bionaz 2 (Comune di Bionaz). Quelle ad oggi presenti sulle postazioni di Tornalla e Ru verranno spente a partire dal 28 luglio così da permettere il recupero storico-paesaggistico della Torre Tornalla.
Per continuare a seguire in tv i programmi RAI i residenti e tutti gli utenti dovranno quindi orientare le antenne riceventi in direzione dei nuovi siti secondo queste indicazioni (clicca qui). In caso di necessità è possibile rivolgersi al Call Center RAI WAY nazionale al numero verde 800111555.


Si riassumono le tappe previste:
  • fino a domenica 20 luglio gli impianti di Chalambé (sul can provvisorio 23), Ru (sul can 25) e Bionaz 2 (sul can 27) sono accesi per le attività di collaudo dei sistemi radianti;
  • da lunedì 21 luglio a domenica 27 luglio gli utenti dovranno apportare le modifiche ai loro impianti riceventi come indicato nelle tabelle allegate;
  • lunedì 28 luglio verrà spento l’impianto di Torre Tornalla, attivato Chalambé ( sul can definitivo 45) ed attivato quello di Oyace vasca (sul can. 23);

Le tabelle mostrano le attività da svolgere per ogni frazione interessata dalle nuove attivazioni.

Comune di BIONAZ

https://sites.google.com/site/litaliaindigitale/news2014/news14-20lug2014/VAL%20DAOSTA%201.PNG

Comune di OYACE

https://sites.google.com/site/litaliaindigitale/news2014/news14-20lug2014/VAL%20DAOSTA%202.PNG

https://lh5.googleusercontent.com/-Nw8PsyTYbTk/U5YpWW7thYI/AAAAAAAF0B4/UhF2xBn-n1c/s1600/News%2520Ultimo%2520320.gif

Ore 20.10 - RELAZIONE AGCOM: LO STORICO SORPASSO DELLA RAI SU MEDIASET.

Settore in declino: il calo della pubblicità manda a picco le entrate delle emittenti gratuite e a pagamento. Sky si conferma primo broadcaster per ricavi.
Il settore televisivo, anche nel 2013, continua a essere caratterizzato da un andamento economico negativo. Complessivamente, i ricavi derivanti dall’attività televisiva, che già nel 2012 avevano subito un decremento del 7%, riportandosi su valori ben al di sotto dei 9 miliardi di euro, segnano un’ulteriore contrazione (-4%), sfiorando appena gli 8 miliardi di euro. E’ quanto emerge dal rapporto annuale Agcom.
La flessione, si legge nel rapporto, ha interessato entrambi i comparti della Tv, in chiaro e a pagamento, pur manifestandosi in modo più consistente per la Tv gratuita, in calo del 6%, che comunque rappresenta tuttora l’ambito di mercato con il maggior peso sul totale delle risorse.
Il trend negativo delle risorse economiche televisive, analizzano dall’authority - è quasi interamente imputabile alla componente pubblicitaria. Gli introiti derivanti dalla vendita di spazi pubblicitari sul mezzo televisivo, infatti, dopo una leggera riduzione registrata nel 2011 e un sensibile deterioramento rilevato nel 2012, diminuiscono ancora del 10% nel 2013.
Non si segnalano, invece, scostamenti significativi rispetto al 2012 per le entrate generate dal canone corrisposto per la detenzione degli apparecchi televisivi e dalla vendita di offerte televisive (incluse quelle sul web), quali abbonamenti alla pay tv, servizi pay per view, video on demand e near video on demand, che dopo una flessione del 2% osservata nel 2012, diminuiscono appena dello 0,3% nel 2013.
Nonostante gli investimenti siano negli ultimi anni diminuiti in modo costante, la pubblicità rimane la principale fonte di finanziamento per il mezzo televisivo, specialmente per la televisione in chiaro, pesando sulle risorse complessive per il 41%. Di poco inferiore – specificano da Agcom, è l’incidenza esercitata sul totale dei ricavi televisivi dalle offerte a pagamento, la cui quota (37%), in progressiva crescita dal 2010, risulta sempre più vicina a quella della raccolta pubblicitaria. Significativo appare, altresì, il peso del canone televisivo, che incide sul totale per il 20%.
Con riferimento alla ripartizione dei ricavi complessivi per operatore tre gruppi, 21st Century Fox/Sky Italia, Rai e Mediaset, detengono ancora il 90% delle risorse televisive, sebbene ciascuno registri una variazione negativa del valore assoluto dei ricavi conseguiti. In particolare, 21st Century Fox/Sky Italia, attivo sia nel settore della Tv in chiaro sia, soprattutto, in quello della pay tv, analogamente all’anno precedente, si qualifica come il primo operatore, con una quota stabile del 32%. Segue Rai, concessionaria del servizio pubblico radiotelevisivo che, incrementando di un punto percentuale la propria quota, si colloca appena prima del gruppo Mediaset. Quest’ultimo, presente in entrambi i comparti, free e pay, nel 2013 – a causa della considerevole flessione degli introiti pubblicitari, non compensata dall’incremento delle entrate legate alle offerte a pagamento – subisce la perdita di ricavi più consistente (- 8%), dopo aver fatto registrare già nel 2012 un decremento del 13% rispetto al 2011. Il restante 10% dei ricavi televisivi è disperso tra un elevato numero di broadcaster nazionali e locali. Tra questi, si distinguono i gruppi Cairo
Communication e Discovery, che nel 2013 arrivano a detenere quote prossime al 2%. Nel corso dell’anno, infatti, i due operatori hanno rafforzato la propria presenza sul mercato, grazie a rilevanti acquisizioni societarie. Nel dettaglio, il gruppo Cairo Communication41, in precedenza attivo nel settore televisivo solo in qualità di concessionaria pubblicitaria, ha acquisito la società La7, editrice degli omonimi canali, da Telecom Italia Media (che, peraltro ha ceduto anche le partecipazioni detenute in Mtv Italia e Mtv Pubblicità) mentre il gruppo Discovery ha acquisito la società Switchover Media, incrementando così il numero di canali editi.


https://lh5.googleusercontent.com/-Nw8PsyTYbTk/U5YpWW7thYI/AAAAAAAF0B4/UhF2xBn-n1c/s1600/News%2520Ultimo%2520320.gif

Ore 18.00 - A CHE PUNTO SIAMO CON LA RADIO DIGITALE IN ITALIA.

Quali sono i vantaggi e le previsioni della radio digitale in Italia. Digital Radio mette al microscopio prospettive e punti di forza, illustrando lo stato dell’arte della tecnologia che renderà pulto e nitido il suono quando si ascolta la radio in movimento, impedendo di perdere la frequenza nel corso di un tragitto lungo.
Nelle automobili di nuova generazione, il ricevitore dovrebbe essere già di serie o presente come optional a un prezzo abbordabile. Adattare l’impianto già esistente costa meno di 100 euro. Adattatori mobili permettono di collegare a smartphone e tablet (inclusi i dispositivi della Apple) per trasformare i device in un ricevitore di radio digitale. DAB+ indica lo standard adottato dall’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni (Agcom) in Italia: Digital Radio si riferisce alla diffusione delle trasmissioni realizzate con lo standard Eureka 147, più noto come Dab+. Il Dab (Digital Audio Broadcasting) risale agli anni ’80 e il Dab+ rsale al 2007.La radio digitale promette migliore qualità audio, semplicità d’uso, contenuti aggiuntivi (testo, immagini) oltre all’audio e perfino nuovi canali, magari verticali.
Oltre il 55% delle nuove autovetture vendute in aprilenel Regno Unito, sono state consegnate con il DAB+ DigitalRadio a bordo, con una crescita del 48% rispetto allo stesso mese dell’anno precedente. In Norvegia il 63% delle nuove nuove immatricolate ha la Digitalradio di serie, il 29% di quelle immatricolate in Svizzera, il 10% di quelle vendute in Germania e così via. In Italia ci sono già circa 100 mila radio compatibili con il Dab+, senza contare le auto.
La radio digitale o c’è, e assicura un’elevata qualità (da far impallidire radio FM e streaming), o si azzera, quando si perde il segnale. Non esistono vie di mezzo: o un segnale nitido e puliti senza sbavature o l’assenza di segnale.
In Italia non si ipotizza uno switch off, a differenza dell’Inghilterra che ha fissato nel 2018 la deadline per la disattivazione del vecchio segnale. Inserzionisti ed emittenti guardano però con interesse al bacino pubblicitario della radio digitale. Nel 2017 avverrà in Norvegia lo spegnimento dell’analogico.
Il 4-5 novembre 2014 si svolgerà WorldDMB, assemblea, giunta alla 20esima edizione, in cui convergeranno 160 delegati da tutti i Paesi. Verranno affrontati temi cruciali per lo sviluppo del DAB+ non solo in Europa ma in Asia, Africa, Oceania: si spazierà dal supporto per la digitalradio alla possibilità di diffondere a costo prossimo allo zero enormi quantità di dati contemporaneamente a milioni di utenti; dalla sicurezza nella guida alla navigazione assistita e, più in generale al miglioramento della user experience in auto; dall’impiego della radio digitale nei tunnel per situazioni di emergenza EWS o in caso di calamità naturali, allo spegnimento, già pianificato da molte nazioni, dell’FM (lo switch off dei grandi network nazionali o pubblici che promette enormi risparmi, visto che più programmi si spostano su un unica rete di trasmettitori). Il passaggio da diverse di migliaia di trasmettitori FM a qualche centinaia non solo taglierà i costi di mantenimento, controllo e manutenzione degli impianti, ma anche ridurrà drasticamente i consumi energetici, l’emissione di Co2 e d’inquinamento elettromagnetico. Un servizio “digitale” migliore è anche più ecosostenibile.
Infine la digital week si terrà dal 10 al 16 novembre e vedrà più stakeholder (portatori d’interesse) coinvolti in iniziative speciali, per accelerare la penetrazione di ricevitori e aumentare la diffusione della radio digitale nel nostro Paese. Le iniziative allo studio da parte delle Radio Nazionali che Locali sono in cantiere: le concessionarie e i negozi di elettronica di cosnumo permetteranno di ascoltare la radio digitale di serie sulle vetture delle case automobilistiche che partecipano all’iniziativa (e forse chi ordinerà l’auto proprio in quella settimana eviterà il sovrapprezzo della digitalradio) oppure verranno previsti promozioni o sconti da parte dei gruppi dell’elettronica di consumo aderenti all’iniziativa.
Club Dab Italia (Radio DeeJay, m2o, R 101, Radio 24 – Il Sole 24 Ore, Radio Capital, Radio Maria, Radio Radicale, RDS Radio Dimensione Suono, Kc1 test, Kc2 test, Kc3 test in Digitale, RDS HD e RMALB.IA) e i 18 siti di trasmissione già a febbraio coprivano oltre il 50% dell’intera popolazione. In Italia oltre al Club Dab Italia, esistono ltri consorzi: 8 canali RAI, Due O, Radio Maria, Euro Dab – Rtl, Radio Vaticana, Radio Italia, Radio Padania -, Cer – 105, Montecarlo, Virgin, Kiss Kiss – (ma non ancora in Dab+). A questi si stanno aggiungendo altri 10/ 11 nuovi impianti (Genova M.te Fasce, Pisa M.te Serra, Como, Varese, Brescia, Lecco, Bologna, Pesaro, Argentario-Grosseto, Frosinone e Napoli) migliorando la continuità del segnale nel Nord Italia ed estendendo la copertura a sud fino a Napoli. Altri seguiranno nel 2015.
Nelle automobili di nuova generazione, il ricevitore dovrebbe essere già di serie o presente come optional a un prezzo abbordabile. Adattare l’impianto già esistente costa meno di 100 euro. Adattatori mobili permettono di collegare a smartphone e tablet (inclusi i dispositivi della Apple) per trasformare i device in un ricevitore di radio digitale. DAB+ indica lo standard adottato dall’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni (Agcom) in Italia: Digital Radio si riferisce alla diffusione delle trasmissioni realizzate con lo standard Eureka 147, più noto come Dab+. Il Dab (Digital Audio Broadcasting) risale agli anni ’80 e il Dab+ rsale al 2007.La radio digitale promette migliore qualità audio, semplicità d’uso, contenuti aggiuntivi (testo, immagini) oltre all’audio e perfino nuovi canali, magari verticali.
Oltre il 55% delle nuove autovetture vendute in aprilenel Regno Unito, sono state consegnate con il DAB+ DigitalRadio a bordo, con una crescita del 48% rispetto allo stesso mese dell’anno precedente. In Norvegia il 63% delle nuove nuove immatricolate ha la Digitalradio di serie, il 29% di quelle immatricolate in Svizzera, il 10% di quelle vendute in Germania e così via. In Italia ci sono già circa 100 mila radio compatibili con il Dab+, senza contare le auto.
La radio digitale o c’è, e assicura un’elevata qualità (da far impallidire radio FM e streaming), o si azzera, quando si perde il segnale. Non esistono vie di mezzo: o un segnale nitido e puliti senza sbavature o l’assenza di segnale.
In Italia non si ipotizza uno switch off, a differenza dell’Inghilterra che ha fissato nel 2018 la deadline per la disattivazione del vecchio segnale. Inserzionisti ed emittenti guardano però con interesse al bacino pubblicitario della radio digitale. Nel 2017 avverrà in Norvegia lo spegnimento dell’analogico.
Il 4-5 novembre 2014 si svolgerà WorldDMB, assemblea, giunta alla 20esima edizione, in cui convergeranno 160 delegati da tutti i Paesi. Verranno affrontati temi cruciali per lo sviluppo del DAB+ non solo in Europa ma in Asia, Africa, Oceania: si spazierà dal supporto per la digitalradio alla possibilità di diffondere a costo prossimo allo zero enormi quantità di dati contemporaneamente a milioni di utenti; dalla sicurezza nella guida alla navigazione assistita e, più in generale al miglioramento della user experience in auto; dall’impiego della radio digitale nei tunnel per situazioni di emergenza EWS o in caso di calamità naturali, allo spegnimento, già pianificato da molte nazioni, dell’FM (lo switch off dei grandi network nazionali o pubblici che promette enormi risparmi, visto che più programmi si spostano su un unica rete di trasmettitori). Il passaggio da diverse di migliaia di trasmettitori FM a qualche centinaia non solo taglierà i costi di mantenimento, controllo e manutenzione degli impianti, ma anche ridurrà drasticamente i consumi energetici, l’emissione di Co2 e d’inquinamento elettromagnetico. Un servizio “digitale” migliore è anche più ecosostenibile.
Infine la digital week si terrà dal 10 al 16 novembre e vedrà più stakeholder (portatori d’interesse) coinvolti in iniziative speciali, per accelerare la penetrazione di ricevitori e aumentare la diffusione della radio digitale nel nostro Paese. Le iniziative allo studio da parte delle Radio Nazionali che Locali sono in cantiere: le concessionarie e i negozi di elettronica di cosnumo permetteranno di ascoltare la radio digitale di serie sulle vetture delle case automobilistiche che partecipano all’iniziativa (e forse chi ordinerà l’auto proprio in quella settimana eviterà il sovrapprezzo della digitalradio) oppure verranno previsti promozioni o sconti da parte dei gruppi dell’elettronica di consumo aderenti all’iniziativa.
Club Dab Italia (Radio DeeJay, m2o, R 101, Radio 24 – Il Sole 24 Ore, Radio Capital, Radio Maria, Radio Radicale, RDS Radio Dimensione Suono, Kc1 test, Kc2 test, Kc3 test in Digitale, RDS HD e RMALB.IA) e i 18 siti di trasmissione già a febbraio coprivano oltre il 50% dell’intera popolazione. In Italia oltre al Club Dab Italia, esistono ltri consorzi: 8 canali RAI, Due O, Radio Maria, Euro Dab – Rtl, Radio Vaticana, Radio Italia, Radio Padania -, Cer – 105, Montecarlo, Virgin, Kiss Kiss – (ma non ancora in Dab+). A questi si stanno aggiungendo altri 10/ 11 nuovi impianti (Genova M.te Fasce, Pisa M.te Serra, Como, Varese, Brescia, Lecco, Bologna, Pesaro, Argentario-Grosseto, Frosinone e Napoli) migliorando la continuità del segnale nel Nord Italia ed estendendo la copertura a sud fino a Napoli. Altri seguiranno nel 2015.

Tratto da: www.itespresso.it/punto-radio-digitale-in-italia

https://lh5.googleusercontent.com/-Nw8PsyTYbTk/U5YpWW7thYI/AAAAAAAF0B4/UhF2xBn-n1c/s1600/News%2520Ultimo%2520320.gif

Ore 12.45 - IN ARRIVO AGON CHANNEL, LA TV FATTA IN ALBANIA, IN AUTUNNO SUL DIGITALE TERRESTRE.

Agon Channel, fondata da un romano, accenderà il nuovo segnale dal prossimo autunno. Vinci tra i conduttori: studi di registrazione a Tirana.
Un canale con editore italiano, fatto da italiani e rivolto a un pubblico italiano. Ma che, fisicamente, si trova in Albania. Alla periferia di Tirana. Dove, da più di un anno, vengono realizzati per il «Paese delle aquile» i programmi di un’altra emittente, che ha lo stesso nome e logo di quello che si vedrà dal prossimo autunno sul digitale terrestre. Quello nostro.
Va in onda la delocalizzazione televisiva. Tra ottobre e novembre Agon Channel accenderà il suo segnale dalla capitale albanese. Per rimbalzarlo subito dopo in Italia. E segnando così una svolta: realizzare trasmissioni ad alta definizione in un altro Paese e a costi ridottissimi.
«Saremo la Ryanair della tv italiana», spiega Alessio Vinci, che della nuova realtà sarà conduttore e direttore dell’area news. «Quando la compagnia aerea low cost è arrivata facendo viaggiare a poco prezzo, le grandi concorrenti l’hanno quasi derisa. Ora, dopo pochi anni, il risultato è questo: sono le grandi concorrenti che si sono adattate ai prezzi di Ryanair».
Quarantasei anni, un passato alla Cnn, poi il salto a Mediaset, alla conduzione di «Matrix», nel 2013 Vinci trasloca a Tirana, per curare la parte giornalistica di Agon Channel, una tv privata di proprietà del romano Francesco Becchetti, rivolto ai telespettatori del Paese balcanico. Ora il ritorno in Italia. Più televisivo che fisico, visto che gli studi saranno, appunto, nella capitale albanese. «Ma non rientro per rifare quello che ho fatto prima», precisa lui. Niente programma in seconda serata come «Matrix», insomma.
Le frequenze sono state già acquistate. Gli studi sono già stati rodati. Il numero da digitare sul telecomando è ancora da decidere. E da oggi Agon Channel parte con un mese e mezzo di casting in giro per l’Italia. Prima tappa Bologna. Poi avanti fino al 31 agosto, a Trieste. «Cerchiamo persone normali da inserire nei reality e nelle fiction», annuncia Vinci. Non mancheranno i volti noti della tv. E non è escluso, poi, che compaia pure qualche personaggio albanese. «Ci sto pensando, molti dei colleghi che lavorano a Tirana parlano perfettamente la nostra lingua».
In parallelo l’ex volto della Cnn sta reclutando i giornalisti per i telegiornali e le finestre informative. Tutti cronisti «che sanno, da soli, realizzare un servizio video: dalle riprese al montaggio». «Non c’è più spazio per le grandi redazioni con decine di colleghi che fanno al massimo un servizio al giorno», ragiona. Soprattutto se si lavora - come dice lui stesso - in un canale che deve farsi largo nella «giungla del digitale terrestre».
Come sarà Agon Channel? «Generalista, nazionale e interattivo», sintetizza Vinci. «Un contenitore informativo sì, ma con un ampio spazio leggero e divertente» per un pubblico di riferimento che va dai 18 ai 55 anni. Il palinsesto, ancora in via di definizione, prevede tanti reality. «Mi piace valorizzare le professioni, nessuna esclusa». Poi c’è la parte di fiction. «Ne realizzeremo una interattiva - anticipa il conduttore -: da casa ci sarà la possibilità di votare l’andamento della serie, dall’uscita di scena di un protagonista alla fine di un amore alla scoperta del tradimento. Non a caso il nostro slogan è “Il protagonista sei tu”, telespettatore».
Il tutto in un panorama televisivo che, secondo Vinci, per la prossima stagione e «al netto della pay tv», non presenta alcuna novità. «Si va sull’usato sicuro, insomma». E il passaggio di Giovanni Floris da Rai3 a La7? «Ha fatto bene ad andare. Io non credo l’abbia deciso per un presunto “editto renziano”, anzi penso che questo “editto” proprio non esista». Poi l’avvertimento. «Sono finiti i tempi delle spese folli per realizzare i programmi. In Albania abbiamo investito sulla tecnologia più avanzata, abbiamo realizzato studi di ultima generazione e il personale costa molto meno. Alla fine si riesce a produrre una trasmissione di qualità, ma a un decimo del costo».

Tratto da: www.corriere.it/spettacoli/14_luglio_15/arrivo-tv-fatta-albania-reality-serie-parlano-italiano



http://en.kingofsat.net/jpg/agon.jpg
http://static.wixstatic.com/media/7890b4_4869c3f88f1da761353c34085ff29964.jpg_srz_822_486_85_22_0.50_1.20_0.00_jpg_srz




https://lh4.googleusercontent.com/proxy/-zPnhiHRTPWl9IjcJov5CCd8QqLD1f2yqZv8d4aGAxXYUkYrQrV4JuW4TILLEJMKuRNklkMr5Y-Zh9zCJNsNHA=w426-h240-n
http://i1.ytimg.com/vi/PS0Lfmgfewg/maxresdefault.jpg



14 LUGLIO 2014
Lunedì

MUX NAZIONALI

Ore 18.50 - MUX TIVUITALIA (LAZIO): SPENTO L'UHF 34 A ROMA.

UHF 34 Mux TIVUITALIA (LAZIO)
Da alcuni giorni risulta spento il segnale del mux TIVUITALIA, versione regionale laziale, che trasmette sulla frequenza UHF 34 dalla postazione di MONTE CAVO nel comune di Rocca di Papa (Roma). Pertanto non sono al momento più visibili i canali del multiplex TIVUITALIA (LAZIO) nella capitale e dintorni.

https://lh6.googleusercontent.com/-Q-yRam_9tjw/U4cWxo6wz7I/AAAAAAAFvmc/KiXEOoH4Bgo/s1600/00%2520B%2520%252813%2529.jpg


Ore 18.35 - MUX LA 9 (TRENTINO): ELIMINATE CAFE TV 24 E MEDJUGORJE ITALIA TV, ARRIVA UN'ALTRA COPIA DELL'EMITTENTE 10.

https://lh4.googleusercontent.com/-9ThNQ1zT1wQ/U3hfkr7lp0I/AAAAAAAFrPQ/RfFdneduM_U/s1600/LA%25209%2520B%252060.jpg
UHF 43 Mux LA 9 (TRENTINO)
Nel multiplex LA 9, versione regionale del Trentino Alto Adige, sono state eliminate le emittenti Cafe Tv 24, che si posizionava con la LCN 115 e aveva un suo duplicato senza LCN, e Medjugorje Italia Tv, che aveva la LCN 232. Su quest'ultima numerazione ora è subentrata un ulteriore copia di CH10, presente già sulla LCN 123 con identificativo Ch 10 e con un altro duplicato senza LCN denominato 10. Abbiamo aggiornato la griglia dei canali e lo z@pping TV del mux LA 9 (TRENTINO).
https://lh5.googleusercontent.com/-Ft_W3usyFxQ/U8O2VEdFc6I/AAAAAAAF8cA/D9-xudg2Hdg/s1600/00%2520B.jpg
https://lh4.googleusercontent.com/-SEShhUf4xPM/U8O2XtPe7vI/AAAAAAAF8cY/fJMAu-uMWF8/s1600/232%2520A.jpg
https://lh5.googleusercontent.com/-SEvn1Z4GtP0/U8O2Wvi_d0I/AAAAAAAF8cQ/t_8vf99Z-iU/s1600/123%2520B.jpg

https://lh4.googleusercontent.com/-ADr3T4hMntE/U8O2V1QdTcI/AAAAAAAF8cI/xvCD6KzDy3c/s1600/123%2520A.jpg


NEWS DA MERCOLEDI' 01 A DOMENICA 05 GENNAIO 2014


©
L'ITALIA IN DIGITALE 2009 > 2014


www.litaliaindigitale.it


Copyright
ANDREA POMILIO - RICCARDO GAFFOGLIO