LE NOTIZIE DELLA SETTIMANA


                   Da Lunedì 3
a Domenica 9 MARZO 2014

















Aggiungilo ai tuoi siti preferiti.




COLLABORA CON "L'ITALIA IN DIGITALE"
Sei appassionato di tv e radio e vuoi collaborare inviandoci le segnalazioni e le liste della tua zona?
Contattaci alla nostra mail
info@litaliaindigitale.it
e inizia subito a condividere le tue informazioni su L'ITALIA IN DIGITALE.

Vuoi condividere le tue impressioni sul digitale terrestre?
Ti interessa divulgare le informazioni in tuo possesso per aiutare chi è in difficoltà nella ricezione del DTT?
Vuoi lanciare un messaggio visibile agli utenti de l'Italia in digitale?
La nostra nuova mail è: sportello@litaliaindigitale.it
Pubblicheremo le vostre mail nello spazio SPORTELLO TV DIGIT@LE.
Potete utilizzare questa mail anche per dare una risposta, consiglio o parere sulle discussioni di questo sito.


https://sites.google.com/site/litaliaindigitale/news/news2009-2010
https://sites.google.com/site/litaliaindigitale/news/news2009-2010

https://sites.google.com/site/litaliaindigitale/news
NEWS 2012

NEWS 2013
NEWS 2014

NEWS DA MERCOLEDI' 01 A DOMENICA 05 GENNAIO 2014













Il nostro nuovo indirizzo internet è:
www.litaliaindigitale.it















RAI Mux 1 (VALLE D'AOSTA) RAI Mux 2
RAI Mux 1 (BASILICATA) RAI Mux 1 (SARDEGNA) RAI Mux 3
RAI Mux 1 (VENETO / EMILIA-ROMAGNA) RAI Mux 4

RAI Mux 5

RAI Mux 5 (PIEMONTE)
RAI Mux 1 (FRIULI) RAI Mux 1 (UMBRIA)
RAI Mux 6 (LAZIO)

Mux DFREE CANALE ITALIA Mux 1 Mux LA 9 (PIEMONTE)
Mux LA 3 CANALE ITALIA Mux 2 Mux LA 9 (VENETO)
Mux START UP COMMUNICATION Mux LA 9 (TRENTINO)
RETE A Mux 1 Mux EUROPA 7 (DVB-T2) Mux STUDIO 1 Mux LA 9 (EMILIA-ROMAGNA)
RETE A Mux 2 Mux TIVUITALIA Mux TELECAMPIONE Mux LA 9 (MARCHE)


 Consulta la nuova grafica della lista delle emittenti che si ricevono a ROMA, MILANO, TORINO e PESCARA 

Clicca sulle immagini per vederle ingrandite


 9 MARZO 2014 - Domenica 

Ore 23.25 - MESSICO: DISCO VERDE PER DUE NUOVE TV NAZIONALI.
Le autorità messicane hanno autorizzato per la prima volta nel Paese un gara d’appalto per due nuove emittenti televisive in chiaro a copertura nazionale, che dovranno sfidare il gigante Televisa, che attualmente copre il 70% del mercato, e Tv Azteca (30%).
Ma l’Istituto Federale per le telecomunicazioni è andato anche più in là: notificherà a Televisa e ad America Movil, che domina il mercato della telefonia mobile, se sono da considerarsi o meno come “agenti preponderanti”, cioè che grazie al loro peso sono in grado di imporre condizioni punitive alle altre aziende concorrenti.
La decisione non è ancora stata resa nota ma se fosse confermata la categoria di “agenti preponderanti” alle due aziende verrebbero imposte alcune limitazioni per facilitare la concorrenza. (TMNews)

Tratto da:
www.giornalisticalabria.it/2014/03/07/messico-disco-verde-a-due-nuove-tv-nazionali

Ore 20.05 - RAI STORIA, 3 GENNAIO 1969: 15 ANNI DI TV FESTEGGIATI NELLA SEDE DI VIA TEULADA A ROMA.
Vi proponiamo ancora un estratto di un video andato in onda qualche giorno fa su Rai Storia nel programma RAI 54 LA STORIA DELLA TV, in cui si ripercorrono le principali tappe dei 60 anni della TV in Italia. Nel video di oggi del 3 gennaio 1969, si festeggiano i 15 anni di attività della RAI-TV, con la visita istituzionale delle autorità dell'epoca.
Rai Storia è in onda sul canale 54 del digitale terrestre, sul canale 23 di Tivùsat, sul canale 805 della piattaforma satellitare Sky.


Ore 17.50 -  LAZIO  - MUX ROMA UNO: ROMAUNO, GARI TV E RADIO ROMA SENZA LCN, ELIMINATA TELEPONTINA, ARRIVA RADIO GARI.
UHF 31 Mux ROMA UNO
Nuova composizione da ieri del mux ROMA UNO. Se si effettua una nuova risintonizzazione del ricevitore risultano eliminate le numerazioni LCN dei canali ROMAUNO, Gari TV e Radio Roma che si posizionavano rispettivamente sui numeri 11, 113 e 888 del telecomando. Canalezero (LCN 112) è a schermo nero ed è presente solo l'audio in onda. E' stata eliminata Telepontina (LCN 115), mentre è stata aggiunta Radio Gari con la LCN 889 che risulta senza'audio. Molto probabilmente questa nuova configurazione è dovuta ad inconvenienti tecnici del multiplex che dovrebbero essere risolti a breve. Abbiamo aggiornato la griglia canali e lo z@pping TV del mux ROMA UNO.

https://lh6.googleusercontent.com/-ZZlHCkic2dE/UxyAHZUk2WI/AAAAAAAFQsQ/bFUSBVyA6HI/s1600/00%2520B%2520%25283%2529.jpg
https://lh5.googleusercontent.com/-Yg4uImhKOrc/UxyAIhiCjpI/AAAAAAAFQsY/xrRaVC1RuwY/s1600/NO%252001%2520A%2520%25283%2529.jpg
https://lh5.googleusercontent.com/-QUOU1fUAFUQ/UxyABDQIUoI/AAAAAAAFQrY/gXyqNDr1ECg/s1600/NO%252001%2520B%2520%25282%2529.jpg
https://lh4.googleusercontent.com/-c-blDPQjKDo/UxyAEE532CI/AAAAAAAFQrw/dVPAmIbkUPo/s1600/NO%252002%2520A.jpg
https://lh4.googleusercontent.com/-SSkqh5s12rY/UxyAFaou7pI/AAAAAAAFQr4/5KgQ6uTgucM/s1600/NO%252002%2520B.jpg

https://lh3.googleusercontent.com/-rYITvdEwreA/UxyABx3XK-I/AAAAAAAFQrg/6GRo39KRfgM/s1600/112%2520A%2520%25282%2529.jpg
https://lh5.googleusercontent.com/-Q_rnXwRya8w/UxyAGg46pZI/AAAAAAAFQsI/Z_Nakx_PuB0/s1600/R%2520889.jpg
https://lh4.googleusercontent.com/-Lz5A72vDbQA/UxyAGMwTGfI/AAAAAAAFQsA/teSxytmvBXU/s1600/R%2520NO%252001%2520%25282%2529.jpg


 8 MARZO 2014 - Sabato 

Ore 23.00 -  LAZIO  - MUX NAPOLI TIVU' (LAZIO): MADE IN ITALY SU NAPOLI TIVU' +1, AGGIORNATO LO Z@PPING TV.
UHF 28-53 Mux NAPOLI TIVU' (LAZIO)
https://lh6.googleusercontent.com/-FUQi2oB9wG8/UxtpLAouUjI/AAAAAAAFQQs/xgKa7O8Bb1k/s1600/MADE%2520IN%2520ITALY%252052.jpg
Aggiorniamo la composizione del mux laziale del provider campano
NAPOLI TIVU' segnalando che in questa ultima rilevazione, che abbiamo effettuato oggi nei pressi della postazione romana di via Trionfale a Monte Mario, su Napoli Tivu+1 (LCN 638) non è più in onda la programmazione di Napoli Tivu' (LCN 80) ritardata di un ora ma quella dell'emittente MADE IN ITALY. Inoltre sono sempre a schermo nero Teletibur (LCN 119) e Napoli Tivu' HD (LCN 580). Consulta la griglia dei canali e lo z@pping TV del mux NAPOLI TIVU' (LAZIO). Abbiamo aggiornato anche le liste delle TV A ROMA e della LCN A ROMA.
https://lh5.googleusercontent.com/-3hyzaJRRi8A/UxtpQeLoo6I/AAAAAAAFQRs/Y2-uCcGxEYg/s1600/00%2520B.jpg
https://lh6.googleusercontent.com/-idt-BpHW51c/Uxto97Y_xFI/AAAAAAAFQQI/GV2VhfJ8DhM/s1600/MADE%2520IN%2520ITALY.png
https://lh3.googleusercontent.com/-Q0RORdNKqm8/UxtpRxNoJGI/AAAAAAAFQR4/ohiEuOm9g8M/s1600/638%2520A.jpg
https://lh3.googleusercontent.com/-bJxYn9t6DCI/UxtpSl85_sI/AAAAAAAFQR8/nImTKdL-pII/s1600/638%2520B.jpg

https://lh4.googleusercontent.com/-9o49tfxS4h0/UxtpTfWHodI/AAAAAAAFQSA/MfW6ipznnrE/s1600/638%2520C.jpg
https://lh5.googleusercontent.com/-6SeWVDxJMT0/UxtpTx7WTCI/AAAAAAAFQSE/V2G724ewNcU/s1600/638%2520D.jpg
https://lh3.googleusercontent.com/-zdGvvIUNViY/UxtpQ0IgqJI/AAAAAAAFQRw/HOVFcJsV7b8/s1600/119%2520A.jpg

Mux NAPOLI TIVU' ‎(LAZIO)‎ - Z@pping TV


Ore 22.25 -  MUX NAZIONALI  - CAMBIO DI FREQUENZA TIMB MUX 2: LE ATTIVAZIONI IN QUESTA SETTIMANA DELL'UHF 55.
UHF 55-60 TIMB Mux 2
Durante questa settimana la nuova frequenza UHF 55 del TIMB Mux 2 è stata attivata nelle seguenti postazioni che vi elenchiamo.


RegionePostazione
Comune
Provincia
Polarizzazione
LombardiaMONTE RENAAlbinoBGVerticale
VenetoMONTE CEROBaonePDOrizzontale
VenetoBORGO DA REFregonaTVOrizzontale
VenetoMONTE BERICOVicenzaVIOrizzontale
Emilia-RomagnaSAN LUCABolognaBOVerticale
MarcheMONTE SAN PAOLOMonte Grimano TermePUOrizzontale
CampaniaMASSO DELLA SIGNORA - COLLE BELLARASalernoSAOrizzontale
CalabriaCAMOLI AmenteaCSOrizzontale
CalabriaCONTRADA SAN NICOLACivitaCSOrizzontale
CalabriaCONTRADA CUMMASan Marco ArgentanoCSOrizzontale
CalabriaMONTE SCAVOCatanzaroCZOrizzontale
CalabriaCAPO SPARTIVENTOPalizziRCOrizzontale
CalabriaBOSCO CATALANORoccella JonicaRCOrizzontale

https://lh5.googleusercontent.com/-vIVp8lKSp8o/Uwr6yuSU8VI/AAAAAAAFMak/Gfi94Ij8A0k/s1600/00%2520B.png

Ore 20.35 - MEDIASET: AL JAZEERA E CANAL + CON GLI OCCHI SU PREMIUM, MA COUNTDOWN E' SULLA SPAGNA.
Mercoledi' scade opzione su maggioranza Digital+ (Il Sole Radiocor) - Milano - Al Jazeera e Canal+ sono al momento i piu' convinti pretendenti a una partnership con Mediaset nella pay-tv in Italia, anche se tutta l'attenzione dei prossimi cinque giorni e' concentrata sulla Spagna.
Il 12 marzo scadra', sia per Cologno Monzese sia per Telefonica, l'opzione d'acquisto sul pacchetto di controllo della tv a pagamento Digital+ finora nelle mani di Prisa: un passaggio importante ma non obbligato per definire il riassetto della pay visto che entrambi potrebbero lasciare passare il termine senza fare mosse e rimandare di qualche mese la soluzione della partita spagnola. Sia Mediaset sia Telefonica godono, infatti, di una prelazione sul 56% di Digital+ che da' loro il diritto di pareggiare qualsiasi offerta che Prisa dovesse ricevere da soggetti terzi. La ravvicinata scadenza di mercoledi' comunque impone a tutti lo stato d'allerta. Secondo indiscrezioni emerse due giorni fa, Telefonica - che ha smentito di aver preso una decisione - avrebbe pronta un'offerta importante (800 milioni) per arrivare al controllo di Digital+ lasciando il gruppo italiano in minoranza. A Mediaset, che attraverso Mediaset Espana ha il 22%, non dispiacerebbe assumere un ruolo rilevante nella pay iberica (anche se non a qualsiasi prezzo) e per questo la societa' studia le mosse del gruppo tlc senza escludere un intervento diretto magari coinvolgendo anche Al Jazeera, da tempo interessata a quel mercato. In vista di questo riassetto peraltro Mediaset Espana ha deciso di non distribuire dividendi pur avendo una posizione finanziaria positiva.
La tv araba dal canto suo sta prendendo informazioni a 360 gradi anche sull'industria televisiva italiana e allo stesso tempo guarda da vicino i numeri di Premium, la pay-tv di Mediaset che potrebbe nei prossimi mesi aprire le porte a un secondo azionista di peso. Per la valutazione, dicono piu' fonti finanziarie, Al Jazeera si e' fatta affiancare da Barclays cosi' come l'altro pretendente attivo sul dossier, cioe' il gruppo francese Canal+, si sta facendo assistere da Deutsche Bank: entrambe aspettano la vendor due diligence che PriceWaterhouse Coopers dovrebbe completare per conto di Mediaset entro qualche settimana e le presentazioni del business di Premium con i conti aggiornati al 2013. Per il momento appaiono defilati gli altri potenziali partner: Telefonica, concentrata sulla questione spagnola, pare invece fredda sul mercato italiano; la tedesca Rtl osserva da lontano. Mediaset si e' posta come scadenza il mese di giugno per decidere se procedere o meno al riassetto delle tv a pagamento, sia in Italia sia in Spagna, ma prima di quel termine e' previsto un altro appuntamento in grado di sposare gli equilibri: la nuova asta per acquistare i diritti tv della Serie A.

Tratto da: www.borsaitaliana.it/borsa/notizie/radiocor/prima-pagina/dettaglio


 7 MARZO 2014 - Venerdì 

Ore 19.00 -  TRENTINO ALTO ADIGE  - MUX TCA: ELIMINATO IL NOME E IL LOGO DI TCA DA TUTTI I CANALI.
https://lh5.googleusercontent.com/-HvDvGJQBtVU/UxnwpMm_eXI/AAAAAAAFPmo/ce-8oeVwfm0/s1600/TCA%252060.jpg
UHF 31 Mux TCA
Segnaliamo alcuni cambiamenti nel mux TCA. Sono stati modificati gli identificativi di tutti i canali, non è più presente il prefisso TCA davanti ai nomi delle emittenti. Inoltre in video è stato eliminato il logo di stazione di TCA che era in onda insieme a quello specifico delle varie emittenti. Infine è stato attivato il flag 16:9 su tutti i canali ad eccezione di InfoTRENTINO (LCN 605) che rimane nel formato video 4:3. Da notare però che non tutte le trasmissioni sono realmente 16:9 e quindi in alcune occasioni il formato video di alcuni canali risulta deformato. Abbiamo aggiornato la griglia dei canali e lo z@pping TV del mux TCA.
https://lh5.googleusercontent.com/-493z-IVfyLQ/Uxnwj2ew8lI/AAAAAAAFPlo/7sZr3qSRmqA/s1600/00%2520B.jpg

Mux TCA - Z@pping TV


Ore 12.20 - RAI PUBBLICITA' IN CERCA DI UNA NUOVA SEDE A MILANO.
La Rai si prepara a lasciare la sede di Corso Sempione, e la divisione pubblicità cerca immobili in zona Linate - Eppure Gubitosi era in trattativa con Giuseppe Sala e Roberto Maroni per trasferirsi negli edifici dell’Expo 2015 (dall’altra parte della città) una volta che la manifestazione fosse finita - Perché questa fretta di pagare affitti a privati invece di usare strutture finanziate anche coi soldi pubblici?...
1. INTRODUZIONE

Rai Pubblicità Spa, società consociata della Rai Radiotelevisione Italiana Spa, nel seguito "Rai Pubblicità", ha in corso un programma di razionalizzazione delle proprie sedi sul territorio di Milano e pertanto ha interesse a valutare la possibilità di trasferire le proprie strutture in un immobile ubicato nel Comune di Milano.
Il presente invito deve intendersi come indagine esplorativa del mercato ed è finalizzato a sollecitare Manifestazioni di Interesse a locare a Rai Pubblicità immobili aventi le caratteristiche appresso indicate.
2. CARATTERISTICHE DELL'IMMOBILE DA LOCARE A RAI PUBBLICITA'
L'immobile dovrà essere finito, funzionate e fruibile alla data del 30 settembre 2014.
L'immobile dovrà avere le seguenti caratteristiche:
destinazione d'uso direzionale, ed in ogni caso compatibile con le caratteristiche di cui ai successivi paragrafi.
localizzazione nel Comune di Milano in area dotata di elevato grado di accessibilità, garantita dalla prossimità alle principali linee di trasporto urbano e ferroviario nonché da vie di comunicazioni stradali, preferibilmente in zona Linate e tangenziali.
superficie lorda di circa 6.000 mq, di cui almeno 4.000 mq fuori terra, comunque idonea ad ospitare:
- circa 180 postazioni di lavoro
- 6 sale riunioni
- 1 sala convegni avente dimensioni pari a circa 200 mq
- locali tecnici per ospitare una server farm di almeno 40 mq
- magazzini per almeno 1.400 mq
- area di ristoro non inferiore ai 50 mq
- autorimesse e/o parcheggi scoperti per un numero indicativo di 30 posti auto.
più le ulteriori aree esterne di pertinenza.
Dovrà essere garantita la piena accessibilità e fruizione in autonomia a tutti i piani alle persone diversamente abili.
L'immobile (o il complesso immobiliare) dovrà essere in possesso di Attestato di Prestazione Energetica.
3. PERSONALIZZAZIONE
Sarà requisito essenziale l'impegno della proprietà a valutare gli eventuali necessari interventi di personalizzazione dell'immobile in uno studio di space planning condiviso con Rai Pubblicità che dovrà essere eseguito, a cura e spese del proponente, entro la data del 30 giugno 2014.

Tratto da: www.dagospia.com/rubrica-3/politica/perche-la-rai-pubblicita-ex-sipra-cerca-6mila-metri-quadri-a-milano

Ore 11.45 -  LOMBARDIA  - MUX TELELOMBARDIA: INIZIATA LA PROGRAMMAZIONE UFFICIALE DI SEILATV.
UHF 46 Mux TELELOMBARDIA
https://lh5.googleusercontent.com/-lAIOVAeqan0/UvVGOEzHoPI/AAAAAAAFAr4/A6FKa0a0VHs/s1600/SEILATV%252052.jpg
E' iniziata la programmazione ufficiale di SEILATV (LCN 216) ed è stata rimossa la scritta posizionata in alto a sinistra TRASMISSIONE SPERIMENTALE.




https://lh4.googleusercontent.com/-QotuH1WQsmU/UxmhIxlvdFI/AAAAAAAFPTk/mrZktyhntaE/s1600/216%2520A%2520%25283%2529.jpg
https://lh4.googleusercontent.com/-x2DQWcTktGA/UxmhKFqiwKI/AAAAAAAFPTs/xUQ05fIzR_A/s1600/216%2520B%2520%25283%2529.jpg

https://lh6.googleusercontent.com/-Gs3ypoG5fAs/UxmhLNHgRdI/AAAAAAAFPT0/DjdcFnEG5CU/s1600/216%2520C%2520%25282%2529.jpg
https://lh4.googleusercontent.com/-KAtoNfajBQI/UxmhMHoy73I/AAAAAAAFPT8/MatTLMxpbM8/s1600/216%2520D%2520%25282%2529.jpg

Ore 11.05 - AL JAZEERA: LO SBARCO IN AMERICA DELLA TV DEL QATAR È STATO UN FLOP, 15MILA ASCOLTATORI IN PRIMA SERATA.
Pure il giovane Ronan Farrow, giornali-star (presunto) figlio di Woody Allen, raccoglie pochi ascolti, e solo tra gli over 50 - I giovani, pubblico ambito, le notizie le prendono online, o al massimo su “VICE”, che ora ha 35 uffici all’estero - La chiacchiera politica è frutta stagionale. Lontano dalle elezioni, chissenefrega…
Andrea Salvadore per il suo blog, www.americanatvblog.com
Vedo Al Jazeera sul canale 57 a New York da poco più' di un mese. Da sei mesi e' partita l'avventura americana. Il bacino della rete in America e' arrivato a 55 milioni di potenziali telespettatori ( la meta' dei 110 milioni di case che e' il massimo ) ma i risultati degli ascolti sono drammaticamente bassi. Eppure e' stato fatto un grande investimento e la linea da all news e' la più' rigorosa e ricca di collegamenti esteri tra quelle in campo ( FoxNews, CNN, MSNBC ).
Al Jazeera fa meno ascolto di Current Tv da cui ha acquistato lo slot. Siamo sui 15mila spettatori nel prime time e 5000 nel gruppo demografico 25-54 anni. Sono numeri da televisione locale.
Ma Al Jazeera e' solo l'ultima arrivata in un campo attraversato da sconfitte e declino che sembrano tendenzialmente inarrestabili. In America, e' provato, le all news si accendono ( a parte disastri, tragedie ) solo con le campagne elettorali e ora bisogna aspettare novembre per quelle di midterm.
Il problema e' che intere generazioni se ne sono andate dalla televisione in diretta e dalle news che vengono ricavate dalla rete. Il modello di business che funziona e' quello di VICE, che coniuga informazione con strano ma vero, affidandola a una leva di nuovi reporters mossi dalle loro curiosità' più' che dal bisogno di rappresentare un punto di vista "oggettivo' sulla realtà'.
VICE ha 35 uffici aperti all'estero, fuori dalla casa madre di Brooklyn. Questi sono la dimostrazione delle cose che si possono fare sul campo a differenza di quelli delle televisioni generaliste italiane, che potrebbero chiudere domattina quando ci cibano di contributi video presi sulla rete e che potrebbero essere lavorati ovunque. Funziona un'informazione long format fatta di reportages, inchieste, documentari, chiamateli come volete e lasciamo i distinguo ai vecchi manuali del giornalismo, televisione e perfino cinema.
http://www.dagospia.com/img/foto/03-2014/jazeera-america-400x266-311248_tn.jpg
E' tutto contaminato e basta la rete a dirci quello che avviene in tempo reale.
L'esempio di MSNBC che ha affidato un talk al giovane, 26 anni, Ronan Farrow e che raccoglie il suo minimo di ascolto tra gli over 50 e' indicativo. Sotto quell'eta' non lo guarda nessuno eppure era stato messo in quel posto con una mission precisa, quella di raccattare giovani telespettatori.
Al Jazeera non e' stata abbandonata da Madison Avenue, a cominciare dalla Procter and Gamble, che e' la madre di tutte le operazioni che hanno a che fare con la televisione, dalla sua nascita. La rete del Qatar può' permettersi ascolti non esaltanti ma sta correndo ai ripari con il lancio di serie di reportages ibridati con reality. Una serie su messicani che hanno perso la vita attraversando il confine americano, un'altra sul sistema giudiziario americano e una che segue 18 studenti vicini alla maturità' attraverso gli Stati Uniti.
CNN sta facendo lo stesso. Stasera parte la molto pubblicizzata Chicagoland, sulla città afflitta dagli omicidi nella South Side e la crisi della scuola pubblica. L'operazione e' la stessa già' riuscita con Brick City a Newark. Si prende una città' e si va dentro i suoi problemi. Domenica poi arriva una serie su condannati a morte per crimini non commessi, con voce narrante di Susan Sarandon. I due nuovi programmi di CNN sono prodotti da Robert Redford. Saranno le serie, l'informazione circoscritta e declinata in formati lunghi, la salvezza delle all news ? Quello che e' certo in America e' che la chiacchi era politica e' frutta stagionale e non e' cibo che viene consumato tutto l'anno. Chi ci prova finisce a mangiarsela da solo nel tinello.

Tratto da: www.dagospia.com/rubrica-2/media_e_tv/ahi-jazeera-lo-sbarco-in-america-della-tv-del-qatar-stato-un-flop-15mila

Ore 10.15 -  LOMBARDIA  - MUX VIDEOSTAR (B): ARRIVA TELE ARGENTO, ELIMINATA BAZAR.
UHF 54 Mux VIDEOSTAR (B)
https://lh4.googleusercontent.com/-bc1fODRGCek/Uxl8zJgeJ8I/AAAAAAAFPKU/l-lXJOv2V9U/s1600/TELEARGENTO%252052.jpg
L'emittente emiliana Tele Argento arriva in LOMBARDIA nel provider VIDEOSTAR (B). Tele Argento occupa due posizioni: la LCN 117 e 631.



https://lh5.googleusercontent.com/-kltJp2YRou0/UxmApifhdWI/AAAAAAAFPL0/K42LmzGqKIg/s1600/117%2520A.jpg
https://lh5.googleusercontent.com/-S8FRDEWsqE8/UxmAoiENUzI/AAAAAAAFPLs/f_3jcZ9zgkI/s1600/117%2520B.jpg

https://lh3.googleusercontent.com/-o5psPAAQHO0/UxmAxWOIWoI/AAAAAAAFPMc/-Iw1lDAxy3o/s1600/631%2520C.jpg
https://lh5.googleusercontent.com/-FfV_UihbLvU/UxmAl294sdI/AAAAAAAFPLc/EY8wl2OMdas/s1600/117%2520D.jpg


Precedentemente proprio sulle LCN 117 e 631 era presente l'emittente commerciale Bazar che è stata eliminata.



La tv abruzzese AB Channel, che in questo mux si posiziona sulla LCN 219, sta trasmettendo con una scritta fissa posizionata in alto a destra: LOMBARDIA CANALE 622.


https://lh6.googleusercontent.com/-dKCQdOIwneE/UxmArNnYG9I/AAAAAAAFPL8/XWGKA7LGBGs/s1600/219%2520A%2520%25282%2529.jpg
https://lh4.googleusercontent.com/-z0HOWYegVTE/UxmAsSvtmDI/AAAAAAAFPME/evfkx1v1Eaw/s1600/219%2520B%2520%25282%2529.jpg

AB Channel infatti è stata recentemente inserita su tale numerazione nel provider pluriregionale STUDIO 1.

Abbiamo aggiornato la griglia dei canali e lo z@pping TV del mux VIDEOSTAR (B). Consulta anche la lista delle TV A MILANO.

https://lh4.googleusercontent.com/-ph2IpEm6Ltg/UxmBjcRRrZI/AAAAAAAFPOE/U4xkIwxAs3c/s1600/00%2520B%2520T.jpg

Ore 01.15 - EMITTENZA LOCALE: REA, SENZA RISPETTO REGOLE A RISCHIO 2800 POSTI DI LAVORO.
(AGENPARL) – Roma - “Nel nostro settore 350 imprese sono in stato prefallimentare e sono a rischio circa 2800 posti di lavoro non riconvertibili. E’ una tragedia più grande dell’Ilva e di Elettrolux”. Questo il quadro dipinto questa mattina nel corso di una conferenza stampa, da Antonio Diomede, Presidente di Rea, organizzazione che raccoglie radio e televisioni locali.
La causa principale della crisi dell’emittenza locale è dovuta alla discriminante assegnazione delle frequenze televisive del digitale terrestre che non ha tenuto conto delle direttive europee e delle disposizioni di legge italiane ad opera dei Governi precedenti e dell’Autorità delle Garanzie nelle Comunicazioni. Le violazioni commesse hanno provocato ingenti danni economici alle imprese televisive valutate in 700 milioni di euro. Diomede lamenta che le 25 frequenze assegnate dalla Ue all'Italia sono state assegnate ai grandi network televisivi, lasciando fuori tutti gli altri. “Senza contare che con questa distribuzione i canali locali sono scalati sul telecomando e gli utenti affezionati spesso hanno rinunciato a cercarci. Abbiamo portato questa problematica nei tribunali e abbiamo vinto le cause”. Ma le normative in tema di trasmissione sono per lo più disapplicate, soprattutto quelle che riguardano il finanziamento delle emittenti locali. Pochi sanno infatti che la legge 422/1993 prevede di assegnare una parte del canone Rai alle emittenti locali. Così come l'art. 8 del Testo Unico della Radiotelevisione (decreto legislativo 177/2005) prevede che “un terzo della capacità trasmissiva, determinata con l'adozione del piano di assegnazione delle frequenze per la diffusione televisiva su frequenze terrestri” vada alle locali. Insomma quello che lamentano i piccoli editori è un atteggiamento poco chiaro degli organi preposti al controllo che va a beneficio dei grandi gruppi e non rispettano le regole già esistenti. “D'altronde – spiega il Presidente di Rea – spesso i giudici hanno annullato le delibere dell'Agcom”.
REA ha più volte chiesto all’AGCOM e al Ministero dello Sviluppo Economico (MISE) di convocare un Tavolo di lavoro, ma è come aver parlato ai sordi. Tuttavia la possibilità di rimediare ai danni commessi è possibile in occasione del nuovo standard televisivo DVB-T2 che consente di comprimere i segnali in modo tale da ottenere, con l’impiego di una sola frequenza, fino a 20 programmi rispetto agli attuali 6 del DVB-T. E’ una occasione da non perdere per adeguare il Piano di Assegnazione delle Frequenze alle Direttive europee e alla legislazione italiana in modo da creare i presupposti per salvare le aziende, i posti di lavoro, il pluralismo informativo nonché sviluppo e benessere per l’Italia.
Tratto da: www.agenparl.it/articoli/news/economia/20140306-emittenza-locale-rea-senza-rispetto-regole-a-rischio-2800-posti-di-lavoro


 6 MARZO 2014 - Giovedì 

Ore 21.25 -  EMILIA-ROMAGNA  - RAI AL BUIO A RIMINI MA QUALCOSA SI MUOVE: INTERVIENE L'AGCOM.
Arlotti era più volte intervenuto, con interventi e interrogazioni alla Camera, per sollecitare la soluzione di un problema che interessa ormai da anni ampie porzioni del territorio riminese.
L'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni verificherà con il ministero dello Sviluppo economico e con la Rai i problemi di ricezione del segnale digitale che persistono tuttora nella provincia di Rimini. Lo assicura il presidente dell'AgCom, Angelo Marcello Cardani, che ha scritto al deputato Pd riminese Tiziano Arlotti rispondendo alla lettera in cui quest'ultimo chiedeva all'autorità di assumere tutte le iniziative necessarie a ripristinare la qualità delle trasmissioni digitali.
Cardani ricorda che nel luglio 2013 sono state ripianificate completamente le frequenze assegnate alla Rai, "con l'obiettivo di assicurare alla stessa tutte le risorse necessarie per risolvere le problematiche interferenziali di servizio pubblico e a garantire la disponibilità di risorse radioelettriche per assicurare una idonea copertura del servizio".
L'iter per la messa in atto dei provvedimenti è in via di conclusione, informa il presidente dell'AgCom. "Ciò consentirà al ministero dello Sviluppo economico di adottare i provvedimenti necessari per assegnare alla Rai le risorse di frequenze atte a garantire la copertura del servizio pubblico e assicurare nel contempo un alto grado di protezione delle interferenze provenienti da regioni circostanti".
Arlotti era più volte intervenuto, con interventi e interrogazioni alla Camera, per sollecitare la soluzione di un problema che interessa ormai da anni ampie porzioni del territorio riminese. "Ci auguriamo che ora, anche grazie all'intervento del presidente Cardani, i disagi possano essere risolti dando alla radiotelevisione pubblica il ruolo che le spetta e restituendo ai cittadini la fruizione di un servizio fondamentale per cui pagano tra l'altro un canone".

Tratto da:
www.riminitoday.it/cronaca/disservizi-rai-digitale-terrestre-rimini-agcom

Ore 11.55 - RAI STORIA 1973: IL VIDEO DEI RIPETITORI RADIO TV E DEL CENTRO RICERCHE DI TORINO.
Tutte le sere alle ore 20 su Rai Storia (LCN 54 del digitale terrestre e 805 di Sky) va in onda una striscia che si chiama RAI 54 LA TV DELLA STORIA dove si ripercorrono le tappe dei 60 anni della TV in Italia. Nella puntata andata in onda qualche giorno fa è stato trasmesso un breve filmato (che vi proponiamo) del 1973 in cui si parla di alcuni ripetitori radio - TV in funzione in quegli anni e del Centro ricerche della RAI di Torino. Per la collaborazione ringrazio Francesco di Vasto (Chieti).

Ore 10.40 -  LAZIO  - MUX GOLD TV: ARRIVA PRIMARETE LOMBARDIA.
UHF 46 Mux GOLD TV
https://lh5.googleusercontent.com/-COtjn8NhpXM/Uxg4Gs4iWQI/AAAAAAAFPAI/1LlgBvnAsBk/s1600/PRIMARETE%2520L%252052.jpg
https://lh3.googleusercontent.com/-UarPDJd71xs/UtWi3rLTX5I/AAAAAAAEvRo/JuIxOv4O780/s1600/TeleFanto%252052.jpg
E' arrivata nel mux GOLD TV l'emittente lombarda Primarete Lombardia con la numerazione LCN 184. Si tratta però della programmazione della seconda rete del gruppo, ovvero Primarete L, che ha il logo di stazione diverso dall'emittente principale (in LOMBARDIA questa emittente è veicolata dal mux TELECOLOR).
Inoltre è stato leggermente modificato l'identificativo di TeleFanto (LCN 237) con l'aggiunta dello spazio tra le due parole, ora si memorizza come Tele Fanto.
Infine segnaliamo che
ITALIA TV (LCN 179) si continua a sintonizzare con il nominativo errato STUDIO ITALIA.
Abbiamo aggiornato la griglia dei canali e lo z@pping TV del mux GOLD TV e le liste delle TV A ROMA e della LCN A ROMA.

https://lh6.googleusercontent.com/-6nCAyu10yHs/Uxg91VIMqDI/AAAAAAAFPB8/lOuIyTC7OHU/s1600/00%2520B%2520%25284%2529.jpg
https://lh3.googleusercontent.com/-KBDj3n1DnBU/Uxg4aO3arPI/AAAAAAAFPAU/Y2UYOSXhBy8/s1600/Primarete%2520Lombardia.png
https://lh3.googleusercontent.com/-e1kGCqoXOCo/Uxg9x6JXCvI/AAAAAAAFPBc/m9OGTMAtSTI/s1600/184%2520A.jpg
https://lh6.googleusercontent.com/-td3Q8tYLpKQ/Uxg-njizD7I/AAAAAAAFPFQ/44HG_-Qx0JE/s1600/184%2520B%2520%25282%2529.jpg
https://lh6.googleusercontent.com/-sbfjabXLElk/Uxg90v6XrTI/AAAAAAAFPB0/mOmuMh1uGng/s1600/237%2520A%2520%25282%2529.jpg
https://lh3.googleusercontent.com/-dIhTUc9natc/Uxg-mvUoGpI/AAAAAAAFPFI/h-LWMlCj7lM/s1600/237%2520B%2520%25283%2529.jpg


 5 MARZO 2014 - Mercoledì 

Ore 23.00 -  MUX NAZIONALI   TRENTINO ALTO ADIGE  - RAI MUX 1 (TRENTINO): NUOVAMENTE RINOMINATO RAI SUDTIROL.
RAI Mux 1 (TRENTINO)
https://lh3.googleusercontent.com/-b-zDXRm3GgA/Uubq5KmIzhI/AAAAAAAE5Os/txz3yYTA93o/s1600/RAI%2520SUDTIROL%252052.jpg
https://lh3.googleusercontent.com/-OM1tCmoraJk/Uubs6UTPk-I/AAAAAAAE5PM/qRUFAD9fl9Q/s1600/RAI%2520LADINIA%252052.jpg
Ulteriore modifica del nominativo del canale RAI Südtirol (LCN 103) che è stato rinominato RAI 3 Südtirol. Probabilmente in RAI si sono accorti di essersi dimenticati il
numero "3"
nell'identificativo del canale TV. L'emittente radio dedicata alle minoranze linguistiche invece mantiene il nome RAI Südtirol. Abbiamo aggiornato la griglia dei canali e lo z@pping TV del RAI Mux 1 (TRENTINO).



https://lh4.googleusercontent.com/-5kZN4uSlxik/Uxebq3bBWMI/AAAAAAAFO-E/KDCjJiqLe40/s1600/103%2520A%2520%25282%2529.jpg
https://lh6.googleusercontent.com/-Fc_xGijLz28/UxebsFZGoZI/AAAAAAAFO-M/5HaARX42TiI/s1600/103%2520B%2520%25282%2529.jpg

https://lh6.googleusercontent.com/-sPzpPEe5rJM/UxebtfJB4mI/AAAAAAAFO-U/-5XZdm5EuP0/s1600/103%2520C%2520%25282%2529.jpg
https://lh5.googleusercontent.com/-BaxavcbZmso/Uxebu34-aoI/AAAAAAAFO-c/asudr3L9huw/s1600/103%2520D%2520%25282%2529.jpg

https://lh6.googleusercontent.com/-4JD2zxGK0qo/UxebzsqY5jI/AAAAAAAFO-0/NvABRUwGvhg/s1600/103%2520G%2520%25282%2529.jpg
https://lh4.googleusercontent.com/-E5g7WK792K8/Uxeb2kxKqEI/AAAAAAAFO_A/qp29Nvl5D-M/s1600/103%2520H%2520%25282%2529.jpg

https://lh5.googleusercontent.com/-mbM8SRWYmzY/Uxebj9-q5CI/AAAAAAAFO9U/TJ9AGDZ8HY8/s1600/103%2520O.jpg
https://lh5.googleusercontent.com/-ATJ6DMwSHQI/UxebnqMXTJI/AAAAAAAFO9s/QpTuft9_4JQ/s1600/103%2520R.jpg

https://lh4.googleusercontent.com/-ZaN6sFYW9nE/Uxeb5nRuOOI/AAAAAAAFO_Y/CaycioKANsc/s1600/103%2520M%2520%25282%2529.jpg
https://lh3.googleusercontent.com/-hQx84ETA8ms/Uxeb4v15udI/AAAAAAAFO_Q/prJlJoZpsqc/s1600/103%2520L%2520%25282%2529.jpg

Ore 19.45 -  ABRUZZO  - MUX TRSP (ABRUZZO): ARRIVA TELEUNIVERSO, ELIMINATO MEDIACENTRO.
UHF 29 Mux TRSP (ABRUZZO)
https://lh3.googleusercontent.com/-RW5AoQ5nlz8/UxdoritNP3I/AAAAAAAFO4M/zS7OQaOIkgc/s1600/TELEUNIVERSO%252052.jpg
Novità nel multiplex del provider vastese TRSP, è arrivata l'emittente con sede ad Aquino (Frosinone) Teleuniverso con la numerazione LCN 89. Contestualmente è stato eliminato il canale MEDIACENTRO che aveva la LCN 645. Ricordiamo che Teleuniverso è presente anche nel mux TELE A (ABRUZZO) con la stessa LCN. Abbiamo aggiornato la griglia dei canali e lo z@pping TV del mux TRSP (ABRUZZO) e la lista delle TV A PESCARA.
https://lh6.googleusercontent.com/-nZJxYAdHuKg/UxdogMtqceI/AAAAAAAFO3k/G3XwEoIwNx8/s1600/00%2520B%2520%25287%2529.jpg
https://lh6.googleusercontent.com/-0WbKTDeKqYI/UxdoY_OPpsI/AAAAAAAFO3Q/boTM2-ME8bM/s1600/89%2520B.jpg

https://lh5.googleusercontent.com/-6ncRKbDoef8/UxdoXLYdX_I/AAAAAAAFO3A/LSIBHjumiOg/s1600/trsp%2520abruzzo.jpg

Ore 15.15 - ALLEANZA TIMB - L'ESPRESSO: L'ESITO DEL CDA DI IERI.
Stando alle ultime indiscrezioni, TI Media avrebbe deciso di tenere fuori dalla New Co. il canale 55 UHF in vista della liberazione della banda 700 per servizi tlc.
Apertura in Borsa in leggera rialzo per TI Media che ieri alla chiusura dei mercati ha presentato il bilancio 2013. Stamani il titolo segnava +0,15% a 0,134 euro con un indice Ftse MIB a +0,00%.
https://lh4.googleusercontent.com/-mXHmCG_UBGg/UqXNYlqQAmI/AAAAAAAEZTc/uyBTUZaVQOA/s1600/TIMB%25202%2520133.pngRicavi al ribasso per TI Media, controllata da Telecom Italia, che però riesce a ridurre il profondo rosso mentre avanzano lentamente le trattative con L'Espresso per l'alleanza nelle frequenze televisive. Secondo le ultime indiscrezioni pare, infatti, che l'azienda voglia mantenere in pancia uno dei multiplex di maggior valore per i futuri servizi tlc.
E mentre si sta valutando le diverse soluzioni, non arriva il via libera al progetto per la creazione di un unico operatore di rete ma solo un'informativa ai consiglieri.
Il board di TI Media ieri si è infatti limitato a esaminare "lo stato di avanzamento del progetto di integrazione tra Telecom Italia Media Broadcasting e le attività di Rete A (Gruppo L'Espresso), volto alla valorizzazione dei rispettivi asset anche attraverso la realizzazione di sinergie industriali".
S
econdo fonti finanziarie, inizialmente si voleva costituire una joint-venture partecipata al 70% da TI Media e per il restante 30% da Gruppo L'Espresso per una valutazione complessiva di circa 300 milioni di euro. In un secondo momento Telecom ha, però, manifestato la volontà di mantenere la proprietà del canale 55 Uhf, per cui si è passati a ragionare sull'idea di creare una New Co. che controlli solo quattro frequenze (Due di TIMB e due dell'Espresso).
L'idea sarebbe quella di tenere in pancia il canale 55 Uhf che verrebbe dato solo in gestione alla New Co. mentre la proprietà resterebbe in capo a Telecom.

Il segnale forte che arriva da questa scelta è che all'interno di questo accordo si dà un valore diverso a questo canale, non solo per la qualità del segnale che assicura, ma soprattutto perché cade nella banda 700 MHz che sarà liberata a favore dei servizi di banda larga mobile.
Ragione per la quale Telecom preferisce essere prudente, consapevole che da novembre 2015 quel canale cambierà natura e su quella banda di frequenza si potranno fare in modo comprimario servizi televisivi e di banda larga mobile.
Per quanto riguarda il bilancio 2013, TI Media chiudecon una perdita di 132 milioni di euro rispetto al rosso di 240,9 milioni del 2012. I ricavi consolidati sono pari a 72,2 milioni di euro, in diminuzione di 3 milioni di euro rispetto all'anno precedente (75,2 milioni di euro). A margine del Cda, la società ha spiegato che tale riduzione è "sostanzialmente attribuibile alla cessazione, da parte dell'Operatore di Rete, delle attività al servizio delle reti analogiche di LA7 e MTV a seguito dello swith-off nazionale completato nel 2012".
L'Ebitda ha segnato 30,2 milioni, (33 nel 2012), l'Ebit a 1,8 milioni (-64 milioni nel 2012). L'indebitamento finanziario netto è pari a 259,9 milioni di euro, sostanzialmente in linea rispetto a fine 2012 (260,1 milioni di euro).

L'andamento è principalmente attribuibile al flusso di cassa netto derivante dalla cessione di La7 a Urbano Cairo nel marzo scorso (+106,4 milioni di euro) e dalla vendita di MTV Italia (-6,5 milioni di euro), compensati dalla rinuncia al credito finanziario da parte di Telecom Italia per complessivi 110,0 milioni di euro.
Tratto da: www.key4biz.it/News/2014/03/05/TV_digitale/Frequenze_Tv_canale_55_UHF_TI_Media_L%27Espresso_banda_700

Ore 15.00 - RAI, FREQUENZE, TV LOCALI: I DOSSIER SUL TAVOLO DEL NUOVO SOTTOSEGRETARIO GIACOMELLI.
Antonello Giacomelli, sottosegretario alle Comunicazioni, non ha ancora fatto a tempo a sedersi sulla sua nuova poltrona, che già lo tirano per la giacchetta da tutte le parti. A leggere la rassegna stampa del giorno della sua nomina gli saranno fischiate le orecchie.
Su Il Sole 24 Ore Marco Mele ha scritto: "Sul suo tavolo avrà dossier scottanti: Rai, riassetto delle frequenze e valorizzazione dell'etere pubblico, emittenza locale".
Su la Repubblica Giovanni Valentini chiama in causa lo stesso premier sui temi che riguardano la responsabilità di Giacomelli. Scrive: Non e' pensabile che Renzi rimuova o accantoni "la questione fondamentale di una abnorme concentrazione televisiva, pubblica e privata ... Troppe reti in mano alla Rai e troppe reti in mano a Mediaset costituiscono oggettivamente un'ipoteca sul pluralismo dell'informazione. E non solo per il settore della televisione ma per l'intero sistema dei vecchi e nuovi media". Valentini si spinge oltre: fa trapelare il dubbio che la "profonda sintonia" fra Renzi e Berlusconi sull'Italicum (più riforme istituzionali) possa contemplare anche la prosecuzione e il mantenimento del"regime televisivo". E' un dubbio maligno ma molto diffuso e lo stesso Giacomelli per la responsabilità che si ritrova farebbe bene a cancellarlo dalla testa di parte dell'opinione pubblica. Non e' forse vero, d'altra parte, che lo stesso governo Letta non ha avuto l'ardire di batter un sol colpo sulla Rai e sul futuro del servizio pubblico?
Intervistato da Il Foglio perfino un uomo prudente ed equilibrato come Giancarlo Leone, direttore di Rai 1, uno dei dirigenti più autorevoli, grande sostenitore di "una tv garbata", si e' spinto a sostenere che oggi "la Rai non ha una governance adeguata e coerente alla sua moderna fisionomia". E poi: "Adesso il governo Renzi ha un'occasione storica. Tra un anno scadrà il consiglio di amministrazione, e fra due anni scadrà anche la concessione ventennale fra lo Stato e la Rai. Ebbene l'occasione e' sul serio irripetibile. Il governo e' nelle condizioni ideali per superare la legge Gasparri sul sistema radiotelevisivo, e modificare la governance dell'azienda. Renzi non farà nomine. Aspetterà. Immagino che si presenterà con un modello tutto nuovo. Chissà. Un consiglio di amministrazione la cui nomina non dipenda dai partiti, dal Parlamento, dalla commissione di Vigilanza".
Giacomelli e' avvertito. Si da' il caso poi che proprio in questi giorni la Vigilanza deve esprimere il suo parere sul Contratto di servizio 2013 - 2015. Di fronte a un testo assai discutibile, contenente alcune inaccettabili norme, vuoi come "il bollino blu" per segnalare programmi non "da servizio pubblico" vuoi per escludere l'intrattenimento fra i doveri di un servizio pubblico (come se Ballando sotto le stelle non lo avesse inventato la Bbc!) il parere che il relatore ha preparato dovrebbe essere approvato e sottoscritto anche dal nuovo sottosegretario facendo dimenticare l'assai discutibile prova del suo predecessore Catricala'.
Avrà il governo Renzi più forza e più coraggio nel farsi carico del futuro del sevizio pubblico? Il nuovo sottosegretario non potrà ignorare il lavoro del suo partito, il Pd, che già al governo Monti chiese di cambiare la legge per tagliare il cordone ombelicale che lega la Rai ai partiti, facendone una azienda anomala e quasi ingestibile. E' vero che Berlusconi conta ancora e molto quando si parla di riforme istituzionali, ma possibile che continui a condizionare anche il Sistema dei media al punto da impedire che si sviluppi più concorrenza e più modernità?

Tratto da:
www.huffingtonpost.it/carlo-rognoni/rai-frequenze-tv-locali--i-dossier-sul-tavolo-del-nuovo-sottosegretario-giacomelli


 4 MARZO 2014 - Martedì 

Ore 20.15 -  MUX NAZIONALI  - CAMBIO DI FREQUENZA TIMB MUX 2: NUOVE ATTIVAZIONI DELL'UHF 55.
UHF 55-60 TIMB Mux 2
Qui sotto l'elenco delle 15 postazioni nelle 4 regioni in cui è stata attivata la nuova frequenza UHF 55 del TIMB Mux 2 in questi ultimi giorni.


RegionePostazione
Comune
Provincia
Polarizzazione
PiemonteBRICCO DELL'OLIOAlessandriaALVerticale
PiemontePIAZZA PARROCCHIALEAzzano d'Asti ATOrizzontale
PiemonteOROPABiellaBIVerticale
LombardiaCOLLE VEDETTABresciaBSOrizzontale
LombardiaROCCOLO ARRIGHILonato del GardaBSVerticale
LombardiaMONTE MARZIOMarzioVAVerticale
LombardiaMONTE ORSAViggiùVAVerticale
Emilia-RomagnaMONTE PINCIOTalamelloRNOrizzontale
Campania
MONTE MONTONECasertaCEOrizzontale
CampaniaMASSERIA SAN GIOVANNICastel CampagnanoCEVerticale
CampaniaPOGGIO SPINELLIQuartoNAVerticale
CampaniaMONTE FAITOVico EquenseNAVerticale
CampaniaMONTE DI CHIUNZITramontiSAVerticale

https://lh5.googleusercontent.com/-vIVp8lKSp8o/Uwr6yuSU8VI/AAAAAAAFMak/Gfi94Ij8A0k/s1600/00%2520B.png

Ore 19.15 -  EMILIA-ROMAGNA  - PARMA: ARRIVA TELEDUCATO WEDDING CHANNEL.
Canale tematico per i futuri sposi e per le aziende del settore.
Un nuovo canale digitale regionale con programmi dedicati esclusivamente al matrimonio, 24 ore su 24. “Tele Ducato Wedding Channel" è la prima televisione, interamente dedicata al mondo del Wedding, che ha debuttato sul canale 87 del digitale terrestre sul bouchet di Teleducato. Il nuovo canale tematico offre alle coppie un’occasione di intrattenimento e informazione su temi sentiti e attuali riguardanti l’organizzazione di una delle giornate più importanti della propria vita. Con la trasmissione “Sì Sposa in Tour”, ad esempio, gli spettatori potranno vedere reportage, interviste, filmati e curiosità dalle fiere del Circuito “Sì Sposa”: in occasione di “Domani Sposi” le telecamere del nuovo canale sono presenti con un vero e proprio studio e un salotto per accogliere le aziende. Con “The Travel” invece i futuri sposi potranno ammirare le mete più affascinanti, avere i consigli di viaggio e la consulenza dei migliori professionisti ed esperti del settore per un viaggio di nozze originale e indimenticabile. Poi tante altre nuove rubriche che arricchiranno il palinsesto del nuovo canale giorno dopo giorno. Tele Ducato Wedding Channel nasce dalla sinergia tra Telemec Spa di Parma, proprietaria ed editrice di Tele Ducato e Bussolaeventi di Bologna, titolare del Circuito Fiere Sì Sposa ed esclusivista di Guida Sposi Emilia Romagna, pacchetto di servizi integrati per un marketing diretto del settore matrimonio. Con l’avvio di questa nuova iniziativa editoriale Teleducato intende lanciare un segnale positivo: si tratta di una vera e propria scommessa imprenditoriale che potrò creare sviluppo e supportare un settore ricco di creatività e qualità.
Tratto da: www.teleducato.it/news/5641/ha-debuttato-sul-canale-87-del-digitale-terrestre-la-nuova-teleducato-wedding-channel

http://teleducatoweddingchannel.org/phpThumb/phpThumb.php?src=../img/news/4903.jpg&w=1000&h=350&zc=1?timestamp=1393956613291


Ore 18.50 - CLASS TV SI FA GENERALISTA: SPAZIO A FICTION E CINEMA.
(TMNews) Sul canale 27 del digitale terrestre arriva del 9 marzo una nuova rete generalista. Si tratta di Class tv, emittente in realtà presente sul dtt già dal 2003, che con il nuovo palinsesto ricco di fiction e cinema completa però la sua trasformazione in canale dedicato all’intrattenimento di qualità, senza dimenticare l’informazione.
Per quanto riguarda le serie i titoli di maggior richiamo sono Distretto di polizia (mercoledì e giovedì) e I Cesaroni (venerdì), le cui puntate saranno trasmesse in prima serata presentando in sequenza tutte le stagioni. I film del grande cinema italiano e americano saranno introdotti dallo critico cinematografico Claudio G. Fava e provengono, tra l’altro, dal catalogo della Universal.
“In tv – ha ricordato l’editore Paolo Panerai – non nasciamo oggi, ma nel 1999 con Class-Cnbc. Poi siamo stati i primi a fare un canale vero e proprio sul digitale terrestre nel 2003. Ora facciamo un ulteriore passo in avanti nella nostra evoluzione puntando su un aumento dell’audience basato su titoli di qualità e di grande capacità attrattiva”. L’obiettivo è quello di raddoppiare il fatturato e superare stabilmente l’1% di share. Nel nuovo mondo dell’editoria digitale, ha aggiunto Panerai, “il minimo comune denominatore è lo schermo e noi intanto ci addestriamo”. Per il futuro la sua aspettativa, tra l’altro, è di un grande sviluppo della iptv e occorre essere pronti. “E’ la prima volta – ha detto Andrea Cabrini, direttore di Class tv – che un canale sul digitale terrestre trasmette in prime time un mix così avvincente tra serie blockbuster degli ultimi anni e titoli cinematografici di grande richiamo, che hanno fatto la storia del grande schermo. Un vero e proprio salto di qualità per l’offerta di intrattenimento e di informazione utile che rende Class tv, già molto apprezzata dal target di riferimento, un canale unico nel panorama televisivo italiano”.

Tratto da: www.primaonline.it/2014/03/04/179800/class-tv-si-fa-generalista-spazio-a-fiction-e-cinema

https://lh3.googleusercontent.com/-1qF4t7mRBio/UqdC4L1LvbI/AAAAAAAEaCs/UqZap8FXSA8/s1600/MEDIASET%252060.jpg
UHF 36-46 MEDIASET Mux 2

ClassTV (LCN 27) è veicolata dal MEDIASET Mux 2.


https://lh6.googleusercontent.com/-xD6wbbSUj4Q/UxYQxHFXVGI/AAAAAAAFOts/vYNN5km6uco/s1600/27%2520A.jpg
https://lh6.googleusercontent.com/-S82vkRGgDBY/UxYQyRkS00I/AAAAAAAFOt0/UxiemNaJmnk/s1600/27%2520B.jpg

Ore 05.30 - TELECOM ITALIA MEDIA: RALLENTA ALLEANZA CON ESPRESSO, OGGI IN CDA SOLO INFORMATIVA.
(Il Sole 24 Ore Radiocor) - Roma - Rallenta la trattativa tra TiMedia e L'Espresso per l'alleanza sulle frequenze televisive.
https://lh4.googleusercontent.com/-mXHmCG_UBGg/UqXNYlqQAmI/AAAAAAAEZTc/uyBTUZaVQOA/s1600/TIMB%25202%2520133.pngSecondo quanto risulta a Radiocor al cda di Telecom Italia Media, in programma oggi, non ci sara' il via libera al progetto per la creazione di un unico operatore di rete ma solo un'informativa ai consiglieri. Resta ferma, secondo quanto si apprende la volonta' di Telecom Italia, azionista di controllo di TiMedia, di non conferire tutte e tre le frequenze nella newco ma di tenerne in pancia, il canale 55 Uhf, destinando le altre due alla partnership con le due frequenze detenute da L'Espresso attraverso Rete A. Sulla struttura dell'operazione tuttavia i colloqui non sembrano aver fatto decisi passi avanti: se la strada rimane quella di una integrazione societaria, il ventaglio di soluzioni esplorato si e' allargato fino a comprendere formule piu' soft, come la partnership commerciale. La trattativa, inizialmente, era partita dall'idea di creare una sola societa' posseduta al 70% da Telecom Italia e al 30% da L'Espresso con cinque multiplex (i sistemi di diffusione del segnale televisivo digitale): tre sarebbero stati conferiti dall'operatore di tlc e due dal gruppo editoriale per un valore complessivamente stimato in 500 milioni. In un secondo momento Telecom ha manifestato la volonta' di mantenere la proprieta' del canale 55 Uhf, per cui si e' passati a ragionare sull'idea di creare una newco che controlli solo quattro frequenze (due di TiMedia, due de L'Espresso). In questo scenario la terza frequenza TiMedia sarebbe data in gestione alla newco ma la proprieta' resterebbe in capo a Telecom. L'informativa al cda di oggi fara' il punto sullo stato dei lavori presentando le opzioni di avanzamento possibili.
Tratto da:
www.borsaitaliana.it/borsa/notizie/radiocor/prima-pagina/dettaglio


 3 MARZO 2014 - Lunedì 

Ore 19.15 -  MUX NAZIONALI   TRENTINO ALTO ADIGE  - RAI MUX 1 (TRENTINO): RAI 3 S-BZ RINOMINATO RAI SUDTIROL.
RAI Mux 1 (TRENTINO)
https://lh3.googleusercontent.com/-b-zDXRm3GgA/Uubq5KmIzhI/AAAAAAAE5Os/txz3yYTA93o/s1600/RAI%2520SUDTIROL%252052.jpg
https://lh3.googleusercontent.com/-OM1tCmoraJk/Uubs6UTPk-I/AAAAAAAE5PM/qRUFAD9fl9Q/s1600/RAI%2520LADINIA%252052.jpg
Alcune modifiche sono state effettuate dal 1°marzo scorso al primo mux RAI nella versione regionale del TRENTINO ALTO ADIGE. Il canale Rai 3 S-BZ (LCN 103), con programmazione di Rai 3 TGR Alto Adige, notiziari e programmi in lingua tedesca e ladina, è stato rinominato RAI Südtirol.  Anche l'emittente radiofonica Rai S-BZ ha cambiato identificativo, è stato inserito il nominativo RAI Südtirol, uguale al canale TV. Abbiamo aggiornato la griglia dei canali e lo z@pping TV del RAI Mux 1 (TRENTINO).



https://lh3.googleusercontent.com/-pUReUxNPnAE/UxS849gf20I/AAAAAAAFOmo/japmOX34Fk8/s1600/103%2520A.jpg
https://lh4.googleusercontent.com/-ODxBjC8h3Jk/UxS86S2yDbI/AAAAAAAFOmw/T14uYepj1hw/s1600/103%2520B.jpg

https://lh3.googleusercontent.com/-JU6USfvGqeo/UxS87fUl1GI/AAAAAAAFOm4/_xmJuyhl2fE/s1600/103%2520C.jpg
https://lh6.googleusercontent.com/-DVFLbQLLXD8/UxS88lZXxiI/AAAAAAAFOnA/8OoUHpdAE6A/s1600/103%2520D.jpg


https://lh6.googleusercontent.com/-tvkRdpUVl_Y/UxS8-JEZCCI/AAAAAAAFOnI/bYHlp0lnwpE/s1600/103%2520E.jpg
https://lh3.googleusercontent.com/-emv-i12PJ4w/UxS8_503epI/AAAAAAAFOnQ/2NjDV0EffUM/s1600/103%2520F.jpg

https://lh5.googleusercontent.com/-s7bdkWCPc1M/UxS9BbUjUfI/AAAAAAAFOnY/bsmnh5_sUlA/s1600/103%2520G.jpg
https://lh6.googleusercontent.com/-szqIiUHD6Ec/UxS9CiEjbgI/AAAAAAAFOng/sxxd7Er6MRo/s1600/103%2520H.jpg

https://lh4.googleusercontent.com/-lume_YXc6u4/UxS9GTRaweI/AAAAAAAFOoA/Q-icE09wIOo/s1600/R%2520NO%252004%2520%25282%2529.jpg

RAI Mux 1 ‎(TRENTINO)‎ - Z@pping TV


Ore 12.40 -  LOMBARDIA  - SEI LA TV: DA WEB CHANNEL AL DIGITALE TERRESTRE.
Da lunedì 3 marzo il canale web Seilatv fa il suo esordio anche sul digitale terrestre, canale 216: partito da un'idea di Paolo Cernuschi e Silvio Marini, inizierà le trasmissioni, visibili in tutta la Lombardia, con “Lo Scomodo Buc”, approfondimento settimanale sull'Atalanta condotto da Marco Bucarelli.
Da Web Channel “on demand” al canale 216 del digitale terrestre: sulla base dell'esperienza maturata negli ultimi due anni Seilatv si amplia e sbarca in chiaro sulle televisioni di tutta Lombardia.
Il progetto è nato da un'idea di Paolo Cernuschi e Silvio Marini, da molti ani impegnati professionalmente con le loro aziende nel mondo della produzione televisiva e che hanno messo a disposizioni i propri studi di produzione, regie mobili e operatori video, mezzi tecnici all'avanguardia e attrezzatura ad alta definizione qualitativa.
L'esordio sul digitale terrestre è previsto per lunedì 3 marzo alle 20 quando “Lo Scomodo Buc”, programma settimanale in diretta sull'Atalanta condotto dal giornalista Marco Bucarelli, inaugurerà le trasmissioni di Seilatv sul canale 216.
Un lunedì sportivo che proseguirà poi con “Base Sport”, presentato da Paolo Taddeo, e “Golf Television”, l'appuntamento con tutti gli appassionati di golf a cura di Maurizio e Marco Bucarelli che da settembre sul canale web seilatv.tv sta ottenendo un grande successo a livello nazionale con una presenza media di 25.770 “play” mensili.
Sport e Atalanta saranno però protagonisti anche in altri momenti della settimana, come alla vigilia del weekend quando Maurizio Bucarelli presenterà “Venerdì Nerazzurro”, un'anteprima e molti approfondimenti dedicati alla partita di campionato della squadra bergamasca.
Dagli studi di Seilatv partiranno oltre 20 trasmissioni, prodotte interamente in proprio, con tematiche oltre che sportive, istituzionali, culturali, scientifiche, economiche e naturalmente di attualità, che, nonostante la diffusione regionale, parleranno principalmente del territorio bergamasco.
Forte della sua esperienza sul web, “Seilatv, la tv come vuoi tu” è pronta ad aprire i battenti e lanciarsi anche nella dimensione televisiva con tanta passione e tanto entusiasmo.
Tratto da: www.bergamonews.it/cronaca/%E2%80%9Cseilatv%E2%80%9D-da-web-channel-al-digitale-terrestre-si-parte-con-lo-scomodo-buc

UHF 46 Mux TELELOMBARDIA
https://lh5.googleusercontent.com/-lAIOVAeqan0/UvVGOEzHoPI/AAAAAAAFAr4/A6FKa0a0VHs/s1600/SEILATV%252052.jpg

SEI LA TV è veicolata dal provider TELELOMBARDIA sulla LCN 216.



https://lh4.googleusercontent.com/-LXSvZpzNGCU/UwYIXPq1sFI/AAAAAAAFKKU/w-ef-lIVVC0/s1600/1607014_647374391989926_1171692980_n.jpg

https://lh3.googleusercontent.com/-R5gwhSOsqeY/UwYECT-_t5I/AAAAAAAFKIo/jK7IkJmHpQI/s1600/216%2520A%2520%25282%2529.jpg
https://lh6.googleusercontent.com/-n544E_EJmC8/UwYEDUvaHnI/AAAAAAAFKIw/c7dPmA_AfzU/s1600/216%2520B%2520%25282%2529.jpg



NEWS DA MERCOLEDI' 01 A DOMENICA 05 GENNAIO 2014


© L'ITALIA IN DIGITALE 2009 > 2014
www.litaliaindigitale.it