Da Lunedì 26 MARZO a Domenica 01°APRILE 2012


COLLABORA CON "L'ITALIA IN DIGITALE"
Sei appassionato di tv e radio e vuoi collaborare inviandoci le segnalazioni e le liste della tua zona?
Contattaci alla nostra mail
italiaindigitale@libero.it e inizia subito a condividere le tue informazioni su L'ITALIA IN DIGITALE.


    VAI ALL 'INDICE NEWS DEL 2011 

    VAI ALL 'INDICE NEWS DEL 2012 

   Vai alle NEWS dal 19 al 25 MARZO 2012







LE E-MAIL RICEVUTE SONO CONSULTABILI SOLO NELLA PAGINA DELLO


Clicca sulle immagini per vederle ingrandite



 01 APRILE 2012 - Domenica 

Ore 23.55 -  SARDEGNA  - TORMENTANO LA FAMIGLIA CON RADIO MARIA: SORELLE CONDANNATE A 8 MESI PER STALKING.
OLBIA - E' sicuramente uno dei più singolari casi di stalking, quello che ha per protagoniste due sorelle di Golfo Aranci, Caterina e Francesca Servini, che sono state condannate ieri mattina dal giudice del tribunale di Olbia, Riccardo De Vito, a 8 mesi di reclusione per aver tormentato il fratello Pietro, con cui erano in lite per ragioni economiche, con «armi non convenzionali» quali la trasmissione a tutto volume e in qualsiasi ora dei programmi di Radio Maria. Le molestie delle due sorelle erano rivolte anche agli altri familiari, come la moglie di Pietro Servini. Radio Maria, in particolare, veniva diffusa a tutto volume durante l'orario di apertura del ristorante di Pietro. La moglie, sull'orlo dell'esaurimento nervoso, era stata costretta a cambiare città, trasferendosi a Sassari. Le due sorelle stalker sono state condannate anche al pagamento delle spese giudiziarie e dei danni che saranno quantificati in sede civile.
Tratto da: http://www.leggo.it/articolo.php?id=173793&sez=NEWS

Ore 23.25 -  MUX NAZIONALI  - CANALE ITALIA MUX 1: AGGIUNTA LA SCRITTA CANALE ITALIA SU ITALIA 135.
UHF 24-35-39-42-53 CANALE ITALIA Mux 1:
Sotto il logo del canale ITALIA 135, con LCN 135 e il suo duplicato con LCN 283, è stata aggiunta in piccolo la scritta CANALE ITALIA, come potete vedere dalle immagini che vi allegiamo.




 31 MARZO 2012 - Sabato 

Ore 14.25 -  LAZIO E ROMA  - MUX TELESTUDIO: E' ARRIVATO UN NUOVO CANALE RL TV, CAMBIO DI LOGO PER TELESTUDIO E TS LIVE.
UHF 61 Mux TELESTUDIO:
Al posto di RADIO ERRE 2 DOC, con LCN 677, è arrivato un nuovo canale RL TV, come potete vedere dall'immagine del logo che vi alleghiamo, sotto in piccolo c'è scritto RIETI LAZIO TV. Per il momento sta continuando a trasmettere i documentari della programmazione del precedente canale. Cambio di logo invece per TELESTUDIO, con LCN 85, rispetto al precedente è più stretto, mentre è cambiato totalmente quello di TS LIVE, con LCN 618. Oltre le immagini dei canali potete vedere qui sotto la differenza con i loghi nuovi a sinistra e quelli vecchi a destra. Questi ultimi due canali sono sintonizzabili anche nel mux IDEA TV sul canale 55 UHF.
Abbiamo aggiornato lo z@pping tv del mux TELESTUDIO
.







Ore 11.35 -  LAZIO E ROMA  - MUX TELEVITA: RINOMINATI GLI IDENTIFICATIVI DEI CANALI.
UHF 65 Mux TELEVITA:
Sono stati rinominati con il giusto identificativo cinque dei sei canali del multiplex che circa dieci giorni fa avevano cambiato nome e logo, ora gli ID corrispondono al reale canale trasmesso.
Abbiamo aggiornato lo z@pping tv del mux TELEVITA.

Canale 65 UHF - Mux TELEVITA - Z@pping TV


Ore 09.50 -  LIGURIA  - TELEGENOVA: COM'ERA, COM'E' (CON VIDEO).
L'emittente ligure TeleGenova, dopo il cambio di proprietà (gestione società VLF) non attraversa un buon momento, i lavoratori non percepiscono lo stipendio da oltre sei mesi e i contributi Enpals non risultano versati. In questo video realizzato dai dipendenti dell'emittente lo scorso febbraio, si vede la difficile situazione in cui operano i giornalisti e i tecnici che sono costretti a lavorare in un ufficio-cantiere. Sembrano purtroppo ormai lontani i tempi d'oro di Salvatore Cingari (editore del canale scomparso nel 2004) che portò l'emittente al massimo della popolarità, con programmi di intrattenimento, informazione e sport. Nel link qui sotto di storia radio tv, potete leggere nel dettaglio la storia di TeleGenova dalla nascita.
http://www.storiaradiotv.it/TELEGENOVA

Telegenova come eravamo



 30 MARZO 2012 - Venerdì 

Ore 22.40 -  SICILIA  - MUX SIGE 1 (LA SICILIA): E' ARRIVATO DEEJAY TV.
Mux SIGE 1 (LA SICILIA):
In questo mux è arrivata l'emittente nazionale DEEJAY TV, con LCN 9.
Ora il multiplex è così composto:



09 - DEEJAY TV
10 - Antenna Sicilia
11 - Teletna
12 - Telecolor
13 - Video 3
26 - Cielo
52 - TG Norba 24


Fonte: Radio TV Sicilia.


Ore 22.15 -  LAZIO E ROMA  - MUX RETESOLE: CAPITAL TG 24 INSERISCE IL LOGO.
UHF 24 Mux RETESOLE:
Il nuovo canale Capital TG 24, trasmesso su RETESOLE 3 con LCN 620, inserisce un nuovo logo in onda, dopo aver trasmesso i primi giorni di programmazione senza.





Ore 20.30 -  MUX NAZIONALI  - MUX RETE CAPRI: E' ARRIVATA LA TV ABRUZZESE AB CHANNEL.
UHF 57 (All digital) / UHF 62 (Sardegna) Mux RETE CAPRI:
In questo mux è arrivata la tv abruzzese di Atri (Teramo) AB Channel, con LCN 120 al posto di Retecapri2 che era un duplicato di Capri Store. Una copia di AB Channel è anche visibile sul canale Capri Casinò, con LCN 149. Vi ricordiamo che trasmette anche via satellite ed è visibile su sky al canale 835. Come potete vedere dalle immagini che vi alleghiamo dalle ore 19.00 a mezzanotte manda in onda la programmazione di un'altra emittente abruzzese, TVSEI di Silvi Marina (Teramo).




Ore 10.05 -  LAZIO E ROMA  - MUX TELEROMADUE: RITORNA TELEROMAUNO, RADIO ROMA TV VA SU TELEROMATRE.
VHF 10 mux TELEROMADUE:
Ritorna la programmazione di TeleRomaUno, con LCN 271, non viene più trasmessa la versione televisiva di RADIO ROMA TV, che si sposta invece su TeleRomaTre, con LCN 622.




Ore 08.45 -  ABRUZZO  - SAN SILVESTRO, PESCARA: CAMBIO DI MUX, ARRIVA LA 9 AL POSTO DI LA 8.
UHF 36 (San Silvestro - Pescara) Mux LA 9:
Continuano anche in questa regione i moventi pre switch off: dalla postazione di Pescara San Silvestro, al posto del mux LA 8 sul canale 36 UHF, arriva il mux LA 9. Al momento è presente un unico canale: LA9 che manda in onda la programmazione di ORLER TV, già trasmesso in analogico anche sul canale 49 UHF dalla Majella.
Fonte: Nicolantonio (Chieti).


 29 MARZO 2012 - Giovedì 

Ore 21.45 -  PUGLIA  - COMUNICATO STAMPA REA BARI: RADUNO DELLE EMITTENTI RADIOTELEVISIVE LOCALI DEL CENTRO SUD.
CONFERENZA-DIBATTITO
IL SISTEMA RADIOTELEVISIVO ITALIANO: QUALE SVILUPPO?
PREAMBOLO DEL “MOVIMENTO PER I DIRITTI COSTITUZIONALI”

(Bari, 31 marzo 2012 - ore 16,30 - via Gaetano Latilla, 13)

In occasione della cerimonia di apertura della sede interregionale REA di Puglia, Basilicata e Calabria, si svolgerà una conferenza- dibattito su due temi di attualità:

RADUNO DELLE EMITTENTI RADIOTELEVISIVE LOCALI DEL CENTRO SUD

(Bari, sabato 31 marzo 2012 – presso la sede della REA – via Giacomo Latilla, 13)
Lo switch off televisivo è alle porte. Entro giugno 2012 nelle aree del centro sud verrà spento per sempre il segnale televisivo analogico per accendere quello del digitale televisivo terrestre (DTT). Cosa cambierà per l’utenza? Nei tempi brevi subirà forti disagi di assestamento delle reti e dei segnali dovuti a scelte sbagliate del passato Governo per due fondamentali ragioni. Ha permesso alle multinazionali telefoniche di utilizzare i canali televisivi dal 61 al 69 per la telefonia mobile di quarta generazione (LTE) con la prevedibile conseguenza di generare forti interferenze nelle centraline di ricezione dell’utenza e un sensibile aumento dei campi elettromagnetici nei centri abitati. Tali disagi sono già all’ordine del giorno in Francia, Svezia, Inghilterra e in quei Paesi dove lo switch off si è concluso. L’emittenza locale subirà una forte stangata in termini di riduzione di canali, qualità di segnali, ricavi da pubblicità e occupazione per le note ragioni del conflitto d’interessi del passato Governo tutto intento a priviligiare gli interessi delle reti private Mediaset e, marginalmente, RAI nella complessa operazione di trasformazione tecnologica dei segnali televisivi. La REA – Radiotelevisioni Europee Associate, l’associazione delle emittenti locali italiane, iscritta nel registro dei rappresentanti di interessi della Commissione Europea, nel recente incontro con il Sottosegretario dello Sviluppo Economico, Massimo Vari, ha sollevato diversi problemi collegati alla crisi del settore radiotelevisivo senza ricevere adeguate risposte in termini di soluzioni concrete. Vista la drammatica situazione in cui versa il settore per precise responsabilità del Governo precedente; Considerata l’indifferenza dimostrata dall’attuale Governo; la REA ha convocato a Bari le emittenti del centro sud per decidere sul da farsi per la tutela di ciò che rimane alle imprese radiotelevisive locali in termini di risorse e di diritti costituzionali alle libertà di comunicazione e d’impresa.

Il Raduno di Bari di sabato 31 marzo, affronterà due distinti temi in due distinte riunioni:

1. alle ore 14.00 – Tavolo tecnico per l’esame del piano di assegnazione delle frequenze DTT relativo alle regioni Puglia, Basilicata, Calabria, Abruzzo, Molise e Sicilia;

2. alle ore 16.30 – Conferenza dibattito sul “Sistema Radiotelevisivo Italiano: Quale sviluppo?” con il Preambolo di costituzione del Movimento per i Diritti Costituzionali.

INTRODUZIONE DI

Antonio Diomede –Presidente REA –Radiotelevisioni Europee Associate
PARTECIPAZIONI E INVITI

Agenzia Giornalistica d’Informazione GR NEWS (Umberto Aprea)

Associazione Italia Georgia (Angelo Cirone)
Associazione Federico II Eventi (Michele Loiacono)
Associazione FAVO/Puglia (Francesco Diomede)
Associazione FINCO (Marcello Stefanì)
Associazione Aistom Puglia (Enzo Sica)
Circuito Radiofonico Nazionale Le 100 Radio + Belle d’Italia (Salvatore Riso)
Corecom Puglia
Corecom Basilicata
Corecom Calabria
Editori Televisivi Locali Puglia e Basilicata
Editori Televisivi Locali Calabria
Editori Radiofonici Locali Puglia e Basilicata
Editori Radiofonici Locali Calabria
Ministero Sviluppo Economico –Ispettorato Puglia e Basilicata
Ministero Sviluppo Economico –Ispettorato Calabria
REA –Coordinamento Puglia e Basilicata (Donato Scarlatino)
REA –Coordinamento Calabria (Sandra Covino –Francesco Massara)
REA –Coordinamento Marche/Abruzzo Molise (Gabriele Betti)
REA –Coordinamento Campania (Luigi Conte)
Studio Consulenza Radio TV (Teresa Nicastro)


Ore 21.30 -  TOSCANA  - STAMPA TOSCANA: "TROPPI COMMERCIANTI DI FREQUENZE".
"Accanto a seri imprenditori televisivi ci sono troppi commercianti di frequenze, troppe persone che non puntano a fare televisione, ma a mungere le casse pubbliche facendo incidentalmente televisione" con "frequenze assegnate a chi non ha un dipendente, giornalisti con contratti da operatori del commercio o archivisti, contributi non versati o versati a istituti sbagliati": lo dice Paolo Ciampi, presidente dell'Associazione stampa toscana, presentando un rapporto sulla televisione in Toscana intitolato "Tra il digitale e il Far West".
Secondo il rapporto presentato da Ciampi il mondo delle tv locali è afflitto da "televendite dilaganti che sembrano valere più di onesti programmi di informazione e servizio".
Per questo l'associazione ha presentato un protocollo per la trasparenza e il rispetto delle regole e dei diritti dei lavoratori nelle emittenti toscane, che la Regione Toscana si è impegnata a predisporre. Il protocollo, è stato spiegato, sara' rivolto alle emittenti televisive e l'obiettivo 'e' quello di sollecitare gli editori al rispetto dei contratti giornalistici e delle regole piu' in generale, legando a questi aspetti la possibilita' di accedere a contributi pubblici o finanziamenti per campagne di comunicazione, pubblicita' o iniziative politiche e istituzionali'.
Tratto da: http://www.corrierecomunicazioni.it/media/14592_stampa-toscana-troppi-commercianti-di-frequenze

Ore 17.00 - TLC: PASSERA, 19-20 APRILE, PROPOSTA SU FREQUENZE TV.
AGI.it - ROMA - Entro fine mese, probabilmente il 19-20
di aprile il governo mettera' a punto la proposta per l'assegnazione a titolo oneroso delle frequenze televisive. Lo ha affermato il ministro dello Sviluppo Economico Corrado Passera, incontrando i giornalisti al termine di una audizione alla commissione Bilancio della Camera.

Ore 12.20 - FREQUENZE: QUELLE DEI CELLULARI OSCURERANNO LA TV.
Rischio di sovrapposizione nelle frequenze, la rete dei nuovi cellulari "spegnerà" la tv.
Ministero dello Sviluppo al lavoro per risolvere la grana. I condomini potrebbero dover pagare 400 euro per un filtro sulle antenne.
Tra qualche giorno potremmo non riuscire più a vedere la tivù, per colpa delle interferenze causate dalle nuove reti cellulari. I problema è all'esame del Ministero allo Sviluppo Economico, che ha appena aperto un tavolo di lavoro con emittenti e operatori mobili. Il rischio è che i consumatori dovranno mettere mano ai portafogli per potenziare le proprie antenne sui tetti.
Le interferenze ci saranno in alcune delle zone dove gli operatori lanceranno, nella seconda metà del 2012, la nuova generazione di rete mobile: la tecnologia Lte (evoluzione dell'Umts, Internet super veloce). Già nei prossimi giorni però il problema potrebbe emergere, perché gli operatori si apprestano a sperimentare i nuovi servizi: l'hanno appena richiesto al Ministero allo Sviluppo Economico, che ha dato l'ok. Cominceranno da Torre San Giovanni, vicino a Roma. Le emittenti nazionali, allarmate, hanno quindi subito richiesto accesso alla documentazione presentata dagli operatori al ministero. È già noto quello che succederà, se non si trova una soluzione: nelle zone in cui il segnale Lte sarà più forte di quello televisivo, le antenne saranno accecate e la tivù non prenderà più i canali del digitale terrestre. Il motivo è che entrambi i segnali utilizzano lo stesso ambito di frequenza (800 MHz). La soluzione: gli operatori mobili proveranno a pianificare la copertura Lte per ridurre il rischio interferenze. Laddove non sarà possibile, però, bisognerà installare un filtro condominiale sulle antenne, per un costo di circa 400 euro. Già ci sono aziende, come la Mitan Technologies di Tivoli, che pubblicizzano "filtri Lte", prevedendo questo problema.
Quello delle interferenze è l'ultimo esempio di un conflitto montante tra le tivù e i cellulari, per l'utilizzo delle frequenze. Questa settimana, le associazioni Frt e Aeranti-Corallo, delle tivù locali, hanno scritto al sottosegretario allo Sviluppo Economico Massimo Vari dichiarando che non potranno liberare le frequenze 800 MHz entro il primo gennaio (come richiesto dal precedente governo). Richiedono "almeno" un altro mese di tempo. Peccato lo Stato abbia già aggiudicato agli operatori quelle frequenze, per farci l'Lte, in un'asta da 4,2 miliardi di euro. Le tivù locali lamentano difficoltà tecniche e considerano inadeguato l'indennizzo previsto dallo Stato per quelle frequenze (175 milioni di euro).
Il rischio è insomma che, per queste beghe, venga ritardata l'evoluzione della banda larga mobile, utile a cittadini e imprese (come ricordato di recente dalla Commissione europea). E altre beghe sono alla porta: per via del dilemma beauty contest. Ieri la Camera ha accolto un ordine del giorno per annullare questa sorta di asta con cui il precedente governo voleva regalare nuove frequenze alle televisioni. Al momento il governo ha sospeso il beauty contest fino ad aprile e sta cercando una via d'uscita. Obiettivi, far pagare le frequenze ma anche tenere in conto che tra pochi anni anche quelle dovranno servire alla banda larga mobile. Come stabilito, a fine febbraio, dall'Itu (agenzia Onu per le tlc).

Tratto da: http://www.tvzoom.it/index.php?option=com_content&view=article&id=1765:frequenze-quelle-dei-cellulari-oscureranno-la-tv

Ore 11.25 -  SICILIA  - MUX TGS: ATTIVATO IL CANALE 50 UHF DA GIOIOSA VECCHIA (ME).
UHF 49-50-62-66 Mux TGS:
Nella giornata di ieri è stato attivato il mux di TGS anche sul canale 50 UHF dalla postazione di Gioiosa Vecchia per la provincia di Messina.
                         


Postazione Canale
19 Marzo
Rupe Atenea
UHF 50   AGRIGENTO > ATTIVATO
22 Marzo
S. Anna Pizzo Argenteria  
UHF 49   TRAPANI > ATTIVATO
25 Marzo  
Monte S. Giuliano 
UHF 66  CALTANISSETTA - ENNA > ATTIVATO
25 Marzo
Monte Lauro 
UHF 62  SIRACUSA - CATANIA > ATTIVATO
28 Marzo
Gioiosa Vecchia 
UHF 50  MESSINA > ATTIVATO
02 Aprile
Cozzo di Castro   
UHF 58  PALERMO

Ore 00.55 -  TOSCANA  - TV: IN CONSIGLIO IL PRIMO RAPPORTO SU EMITTENZA PRIVATA IN TOSCANA.
“Tra il digitale e il Far West” è questo il titolo scelto dall’Associazione stampa toscana per il primo rapporto sull’emittenza televisiva privata nella nostra regione. Qual è lo stato di salute della televisione in Toscana, quale futuro si delinea dopo il passaggio dal sistema analogico al digitale terrestre e in una fase di profonda crisi economica? È di questo che si occupa il rapporto che l’associazione stampa presenterà in Consiglio regionale domani giovedì 29 marzo alle 11.30, in sala Gonfalone di palazzo Panciatichi (via Cavour, 4), con una particolare attenzione alla battaglia che vede il sindacato dei giornalisti impegnato in difesa del lavoro, della professione, delle regole. All’incontro parteciperanno il presidente del Consiglio regionale della Toscana, Alberto Monaci, il presidente dell’Ast toscana, Paolo Ciampi, e il vicepresidente Sandro Bennucci.

Tratto da: http://www.agenparl.it/articoli/news/regionali/20120328-tv-in-consiglio-il-primo-rapporto-su-emittenza-privata-in-toscana

Ore 00.50 - VIACOM SI RAFFORZA IN SPAGNA CON PARAMOUNT CHANNEL SUL DTT.
Viacom International Media Networks, divisione di Viacom, e Vocento, in Spagna uno dei maggiori gruppi di comunicazione e multimedia, hanno annunciato l´apertura del nuovo Paramount Channel, canale della piattaforma digitale terrestre attivo da prossimo 30 marzo. La programmazione si apre alle dieci del mattino con un classico del cinema internazionale: Il Padrino. Paramount Channel offrirà al pubblico spagnolo di tutte le età titoli tratti dall´archivio centenario della Paramount Pictures, oltre ad una selezione di film acquistati da altre case di distribuzione cinematorgrafica senza dimenticare i film più rappresentativi del cinema spagnolo. La programmazione quotidiana del canale unirà quindi titoli da blockbuster, classici e quelli che hanno vinto I premi più prestigiosi e fatto la storia del cinema. Ogni giorno saranno trasmessi 11 film i più importanti saranno trasmessi in prima serata e nel weekend. Come canale free in onda 24 ore al giorno, Paramount Channel rappresenta il quarto canale di Viacom International Media Network in Spagna (dopo MTV, Paramount Comedy e Nickelodeon).
Tratto da: http://www.pubblicitaitalia.it/news/Fatti-e-Persone/Dal-mondo/viacom-si-rafforza-in-spagna-con-paramount-channel


 28 MARZO 2012 - Mercoledì 

Ore 12.05 -  LAZIO E ROMA  - LISTA TV DI ROMA: AGGIORNATI I LIVELLI DEI SEGNALI DEI MUX RICEVIBILI.
Nella lista de LE TV A ROMA abbiamo aggiornato i livelli della potenza e della qualità dei segnali dei mux ricevibili. La rilevazione è stata effettuata in zona Monterotondo Scalo. Rispetto a quella precdente del 30 Gennaio 2012 si sono avuti i seguenti cambiamenti:
     - Notevole riduzione di segnale, con assenza quasi totale,  per il canale 29 UHF, SUPER 3 Mux 1, la potenza passa dal 90% al 10% e la qualità dal 100% allo 0%. Non più sintonizzabile.
     - Migliorata la qualità del segnale del canale 34 UHF, Mux TIVUITALIA, passa dal 70% al 100%.
     - Migliorata la qualità del segnale del canale 36 UHF, MEDIASET Mux 2, passa dall' 80% al 100%.
     - Peggiorata di poco la qualità del segnale del canale 44 UHF, RETE A Mux 1, passa dal 100% all' 80%.
     - Peggiorata di poco la qualità del segnale del canale 55 UHF, Mux IDEA TV, passa dal 100% al 85%.
     - Notevole riduzione di segnale per il canale 61 UHF, Mux TELESTUDIO, la potenza passa dal 92% al 60% e la qualità dal 95% allo 50%.
     - Migliorata la qualità del segnale del canale 65 UHF, Mux TELEVITA, passa dall' 80% al 100%.
     - Abbassamento di segnale per il canale 69 UHF, Mux SUPERNOVA, la potenza passa dal 70% al 50% e la qualità dal 40% allo 30%, quasi non più sintonizzabile.
Rimangono sempre non sintonizzabili e con potenza e qualita' pari a zero il canale 23 UHF, mux CANALEZERO, il canale 28 UHF, mux NAPOLI TIVU', e il canale 62 UHF, mux RETE ORO.

Ore 11.25 -  LAZIO E ROMA  - MUX RETESOLE: INIZIATE LE TRASMISSIONI DI CAPITAL TG 24.
UHF 24 Mux RETESOLE:
Pur se in ritardo rispetto alla data prevista sono iniziate le trasmissioni del nuovo canale all news Capital TG 24, trasmesso su RETESOLE 3 con LCN 620. In questo momento è in onda il telegiornale senza nessun logo sullo schermo.




 27 MARZO 2012 - Martedì 

Ore 19.55 -  LAZIO E ROMA  - MUX GOLD TV: PARTITA LA 9.
UHF 46 Mux GOLD TV:
Non ci sono più le barre colorate ma è partita la programmazione del canale del gruppo padovano Romi Osti LA9, con LCN 199. Il canale 76 scritto sotto il logo è riferito alla numerazione LCN occcupata nel nord Italia.



Ore 10.30 -  LOMBARDIA  - MUX TELELOMBARDIA: AGGIUNTA TOP GUSTO.
UHF 64 Mux TELELOMBARDIA:
Anche in questo multiplex del gruppo Mediapason è stato aggiunto TOP GUSTO - C6 (LCN 192), emittente dedicata all'arte culinaria che trasmette anche con il logo di Canale 6. Questo canale é presente anche sull' UHF 35 e UHF 46 (mux CANALE 6 e ANTENNA 3).




Ore 09.55 -  PIEMONTE    LOMBARDIA  - MUX PRIMARETE: ARRIVA LA 9.
UHF 61 (Lombardia) / UHF 64 (Sud Piemonte) Mux PRIMARETE:
E' stato inserito in questo multiplex il canale La 9 (LCN 76) emittente del gruppo editoriale di Romi Osti. Abbiamo aggiornato la griglia e lo z@pping tv del mux PRIMARETE.



Canale 61/64 Uhf - Mux PRIMARETE - Z@pping TV


Ore 00.50 -  LOMBARDIA  - MUX ESPANSIONE TV: INZIATE LE TRASMISSIONI DEL CANALE HD.
UHF 51 Mux ESPANSIONE TV:
Segnaliamo l'inizio della programmazione del canale EspansioneTV HD (LCN 519). Al momento le trasmissioni avvengono in standard definition, coincidenti con EspansioneTV (LCN 19).









 26 MARZO 2012 - Lunedì 

Ore 23.35 -  ABRUZZO  - ONDA TV: RIATTIVATO IL CANALE 54 UHF A L'AQUILA.
UHF 54 (Monte Luco - L'Aquila) ONDA TV:
E' stato riattivato il canale 54 UHF (735,25 MHz) dell'impianto di trasmissione di Monte Luco di Roio (L'Aquila) di ONDA TV, l'emittente aveva disattivato l'impianto poichè aveva interrotto
l'attività della redazione aquilana, ma nelle ultime ore ha riattivato le trasmissioni. Fonti non confermate rivelerebbero l'intenzione da parte della nuova proprietà, di non investire su L'Aquila riguardo il passaggio al digitale del loro attuale impianto sul canale UHF 54, ma le voci attualmente diffuse nel mondo giornalistico non danno la certezza di tale notizia. Vedremo cosa succederà al momento dello switch off.

Fonte: Tony (L'Aquila).

Ore 23.00 -  LAZIO E ROMA  - MUX RETESOLE: SPORT CHANNEL 24 INIZIA LE TRASMISSIONI, CAPITAL TG 24 INVECE NO.
UHF 24 Mux RETESOLE:
Come previsto oggi sono iniziate le trasmissioni del nuovo canale SPORT CHANNEL 24, in onda su RETESOLE 2 con LCN 218, come potete vedere dalle immagini che vi alleghiamo la qualità video è molto scadente. Invece su CAPITAL TG 24, RETESOLE 3 con LCN 620, le trasmissioni oggi non sono iniziate, c'è sempre in onda il promo che annuncia la partenza dalla data di oggi.



Ore 16.55 - MEDIASET NON RINNOVA IL SUO DOMINIO.COM CHE DIVENTA DI PROPRIETA' DI UN AMERICANO.
L'Azienda di Cologno Monzese tenta il ricorso per cattiva fede. Ma il giudice rigetta la pratica.
MILANO - Non rinnovare il dominio del proprio sito può costare caro. Anche perché passati i 30 giorni di tolleranza previsti, rischi di perderlo per sempre. Accadde qualche anno fa a un importante gruppo bancario italiano, che per una dimenticanza sparì dal web all'improvviso. Questa volta è toccato a Mediaset. L'azienda di Cologno Monzese non ha rinnovato per tempo il dominio ".com" e, scaduto il grace period (periodo di tolleranza), una società che vende domini all'asta lo ha acquistato per poi rivenderlo al signor Didier Madiba della Fenicius Llc, residene nel Delaware. Se si sia trattato di una dimenticanza o di un indirizzo mail di registrazione non più in uso, non è dato sapere. In ogni caso, il risultato non cambia.
IL RICORSO - Appurato il "danno", Mediaset ha immediatamente attivato le pratiche legali per rientrare in possesso del dominio, avviando procedura di riassegnazione presso il Wipo (Arbitration and Mediation Center). La registrazione del signor Madiba del dominio www.mediaset.com, secondo l'azienda di casa Berlusconi sarebbe stata effettuata in malafede ed in violazione dei diritti che l’azienda stessa vanta sul marchio. Didier Madiba, dal canto suo, si è difeso negando la malafede. Ha spiegando di aver acquistato il dominio ad un'asta, aggiungendo che le parole "media" e "set", essendo di uso molto comune sul web, non sono soggette a diritti di marchio. Lo statunitense, del resto, ha già messo su un sito per la vendita di sistemi che consentono un backup completo dei sistemi operativi.
LA SENTENZA - L'arbitrato del Wipo, abbastanza a sorpresa, ha rigettato la pratica di riassegnazione di Mediaset. Il collegio dei saggi ha sì riconosciuto l'idenità tra il dominio in oggetto e i marchi detenuti dalla Mediaset Spa, ma ha ritenuto invalide le sue motivazioni. Mediaset, secondo il Wipo, non è riuscita a dimostrare la malafede del signor Madiba, poiché ha fornito asserzioni generiche e non sufficienti. Il dominio www.mediaset.com, insomma, rimane in mano a Didier Madiba. Almeno finché non arriverà una proposta economica alla quale lo statunitense, probabilmente, non potrà più resistere.

Tratto da: http://www.corriere.it/economia/12_marzo_26/mediaset-non-rinnova-il-dominio-giudice-da-torto


Ore 14.50 -  BASILICATA  - CARCURO (CO.RE.COM): AL LAVORO PER RIPRISTINARE IL TGR BASILICATA.
"A seguito delle numerose segnalazioni pervenute sulla mancata ricezione del TGR Basilicata in particolare nella citta' di Potenza sui canali del MUX digitale RAI, il Co.Re.Com ha incontrato i responsabili di Rai Way, società della RAI che si occupa della diffusione dei segnali”.
“A causa di un problema tecnico – spiega Massimo Carcuro, componente del Corecom - al momento viene irradiato il TGR di altre regioni al posto del TGR Basilicata sul canale di Rai3 del digitale terrestre attivo in via sperimentale nella città di Potenza”.
Carcuro, inoltre, aggiunge di “aver ricevuto ampie assicurazioni sul fatto che il personale tecnico sta lavorando per ripristinare il servizio nel più breve tempo possibile” e sottolinea che “il servizio pubblico è assicurato, come sempre, dai segnali irradiati in analogico”.

Tratto da: http://www.basilicatanet.it/basilicatanet/site/Basilicatanet