Da Lunedì 23 a Domenica 29 LUGLIO 2012



COLLABORA CON "L'ITALIA IN DIGITALE"
Sei appassionato di tv e radio e vuoi collaborare inviandoci le segnalazioni e le liste della tua zona?
Contattaci alla nostra mail
italiaindigitale@libero.it e inizia subito a condividere le tue informazioni su L'ITALIA IN DIGITALE.



Vuoi condividere le tue impressioni sul digitale terrestre? Ti interessa divulgare le informazioni in tuo possesso per aiutare chi è in difficoltà nella ricezione del DTT?
Vuoi lanciare un messaggio visibile agli utenti de l'Italia in digitale? La nostra mail è: italiaindigitale@libero.it.
Pubblicheremo le vostre mail nello spazio SPORTELLO TV DIGIT@LE.
Potete utilizzare questa mail anche per dare una risposta, consiglio o parere sulle discussioni di questo sito.









Clicca sulle immagini per vederle ingrandite


 29 LUGLIO 2012 - Domenica 

Ore 23.30 -  PUGLIA  - MUX DELTA TV: ELIMINATE LE LCN DAI CANALI A SCHERMO NERO.
UHF 21 Mux DELTA TV:
Abbiamo modificato la griglia dei canali e lo z@pping TV del mux DELTA TV in quanto ai sei canali a schermo nero è stata tolta la numerazione LCN, SPAZIO DELTA non ha più il 19, DELTA MARKET rinominato in MARKET TV non ha più il 216, e i quattro canali TEST ora non occupano più le posizioni 20, 21, 22 e 23.

Mux DELTA TV - Z@pping TV


Ore 19.10 - SKY DIGITAL KEY (USB): COME UTILIZZARLA SU MAC PER LA TV DIGITALE TERRESTRE.
Un abbonamento al satellitare utile per avere a portata di Mac (ma anche PC con Win o Linux) i canali del digitale terrestre a costo pressochè nullo? E' quello che potete ottenere con Sky, la Sky Digital Key USB e un driver gratuito. Ecco come funziona.
Se avete fatto un abbonamento Sky di recente o intendete farlo seguendo lo slogan Il Meglio di SKY in Alta Definizione: abbonati online a SKY, scopri l'offerta! oltre alla possibilità di usare Sky Go su Mac, PC e iPad per vedere alcuni canali satellitari attraverso la connessione dati avete una possibilità in più: quella di portarvi in viaggio o godervi su un altro schermo in casa le trasmissioni del digitale terrestre grazie alla Sky Digital Key che viene data in omaggio o venduta ai clienti che ancora non la posseggono a meno di 20 Euro.
Si tratta di una normale chiavetta sintonizzatore su USB con presa di antenna standard "terrestre" e come tale viene collegata al ricevitore Sky HD o MySky HD per integrare la ricezione di quei canali che gli appartenenti al consorzio TiVu (Rai, Mediaset e La7) non vogliono mostrare sul satellite di Sky.
La chiavetta usa un hardware standard e come tale ha dei driver sia per Mac che per PC che le permettono di essere utilizzata anche direttamente sui computer sia in un'altra postazione di casa vostra sia in vacanza dove sia presente una buona antenna sul tetto oppure una antenna portatile amplificata.
Il segreto per farla funzionare è quello di trovare i driver necessari per farla riconoscere al sistema operativo e questi li trovate facilmente nel sito di AverMedia che usa senza dubbio la stessa elettronica per un suo prodotto di pari caratteristiche e che ovviamente non ha bisogno di essere collegato ad un ricevitore Sky per funzionare bensì al vostro computer. Nei vari modelli che abbiamo provato si tratta, almeno fino ad oggi, del modello AVerTV Volar di Aver Media. (il modello originale ha anche l'acquisizione video esterna ma qui non ci sono le prese necessarie).
Il driver/applicativo per Mac (ma anche per Windows e Linux) si può scaricare da questa pagina del sito di Aver Media.
Noi l'abbiamo scaricato e, una volta collegata l'antenna e la chiavetta, installato il driver, si accende la luce blu della chiavetta. Ed ecco le schermate dell'applicazione che non sarà elegante come quelle della concorrenza ma fa bene il suo dovere programmando registrazioni, permettendo la loro revisione e conversione verso iPhone e iPad. Il formato di registrazione è quello Mpeg nativo del Digitale terrestre ma nessuno vi impedisce di riutilizzare le registrazioni convertite all'interno di iMovie o altri programmi di gestione del filmati per togliere pubblicità o code/finali non desiderati.
Funziona anche il Picture in Picture con tante opzioni interessanti.

Continua e leggere qui: http://www.macitynet.it/macity/articolo/Sky-Digital-Key-USB-come-utilizzarla-a-costo-zero-su-Mac-per-la-TV-digitale-terrestre

Ore 18.35 - TELERADIOFAX: IL NUMERO DI LUGLIO DEL PERIODICO DI AERANTI-CORALLO.
Pubblichiamo l'Edizione n.15/2012 del 28 luglio 2012 del periodico TELERADIOFAX edito da AERANTI-CORALLO.



Ore 17.10 -  ABRUZZO  - MUX RTVA: RETE AZZURRA INIZIA LE TRASMISSIONI.
UHF 33 Mux RTVA:
Sono iniziate le trasmissioni della nuova emittente televisiva RETE AZZURRA, che occupa la posizione LCN 87. Questo canale ha la sua sede legale a Sambuceto ed è di proprietà di Franco Scalpelli, titolare di una società che si occupa dell'alta frequenza. Il logo in onda ricorda quello di una syndacation denominata AZZURRA che aveva operato dalla fine degli anni 80 fino alla metà degli anni 90; qui sotto potete vedere a sinistra quello utilizzato dalla nuova RETE AZZURRA e a destra quello della vecchia syndacation. Inoltre alleghiamo le immagini del canale scattate dal nostro lettore Paolo che ringraziamo; più in basso inseriamo un link che descrive la storia della syndacation RETE AZZURRA.



http://sicilia.onderadio.net/TVMemories/Azzurra


 28 LUGLIO 2012 - Sabato 

Ore 08.45 -  MUX NAZIONALI  - RETE A MUX 1 / TIMB MUX 2: INIZIATE LE TRASMISSIONI DEL NUOVO CANALE "FOCUS".
UHF 32-44-46-65 RETE A Mux 1
UHF 26-60 TIMB Mux 2
Questa mattina alle ore 8.00 sono iniziate le trasmissioni del nuovo canale FOCUS, posizionato nella numerazione LCN 56. E' sintonizzabile sia su RETE A Mux 1 e sia su TIMB Mux 2. Dopo quattro minuti di promo dei programmi che andranno in onda sull'emittente è iniziata la programmazione con il documentario "FATTI A FETTE". Vi alleghiamo il video dell'inizio trasmissioni e alcune immagini.


FOCUS - Inizio trasmissioni ore 8.00 del 28.07.2012





 27 LUGLIO 2012 - Venerdì 

Ore 23.10 -  ABRUZZO  - MUX TELESIRIO: INZIATA LA PROGRAMMAZIONE DI QUATTRO CANALI TEMATICI.
UHF 43 Mux TELESIRIO:
Hanno iniziato la propria programmazione quattro dei cinque nuovi canali: TELESIRIO PLUS (LCN 289), TELESIRIO SPORT (LCN 640), TELESIRIO SPORT 2 (LCN 641) e TELESIRIO STORY (LCN 642). Abbiamo aggiornato la griglia dei canali e lo z@pping TV del mux TELESIRIO.

Mux TELESIRIO - Z@pping TV


Ore 21.00 -  MOLISE  - MUX TVI MOLISE: ARRIVANO LE BENEVENTANE MEDIA TV E TS TV, AGGIORNATO LO Z@PPING TV.
UHF 28 Mux TVI MOLISE:

Novità nel mux TVI MOLISE, su CANALE PLUS (LCN 612) trasmette ora la tv di San Salvatore Telesino (Benevento) MEDIA TV con audio muto, mentre sulla LCN 651 ha iniziato a trasmettere TS TV, emittente di Benevento, anch'esso con problemi di audio che è basso e disturbato, vi alleghiamo qui sotto i video dei due canali per far capire meglio il problema tecnico. Tutti i canali del multiplex sono stati rinominati ed ora sono scritti tutti con lettera maiuscola. TVI MOLISE NEWS (LCN 113), TVI HISTORY (LCN 213) NEUROMED CHANNEL (LCN 610) sono tornati nuovamente a schermo nero, non sono più duplicati di TVI MOLISE, quest'ultima torna nella posizione LCN 13 dopo essere passata per alcuni giorni alla numerazione 12. Abbiamo aggiornato la griglia dei canali e lo z@pping TV del multiplex TVI MOLISE.

CANALE PLUS - MEDIA TV no audio


TS TV problemi audio


Mux TVI MOLISE - Z@pping TV


Ore 19.00 -  MUX NAZIONALI  - RAI MUX 1: IN ONDA IL PROMO SBAGLIATO SU RAI 1.
RAI Mux 1:
Oggi pomeriggio alle 16.45 è andato in onda su Rai 1 il solito promo con i programmi che seguiranno... solo che si sono sbagliati e hanno mandato quello di questa mattina invece di quello pomeridiano, come potete vedere dal video che vi alleghiamo, realizzato da Pierfrancesco.


Errore promo Rai 1


Ore 18.40 - TELECOM: IL BILANCIO DEL PRIMO SEMESTRE 2012.
Reuters.it - TI Media chiude il primo semestre con una perdita netta di 35 milioni di euro dai -16,5 milioni di un anno prima e con ricavi in leggero rialzo a 119,4 milioni da 118,2 milioni. Il gruppo, che prevede di chiudere l'anno con un Ebitda in rosso e di conquistare il segno più a fine 2013, ha anche preso atto della valutazione di Reconta Ernst & Young del ramo d'azienda Television in circa 81 milioni di euro. Molto volatile il titolo; poco dopo le 16 sale dell'1,66% a 0,147 euro in un mercato tonico (+2% circa il FTSE Allshare). I dati semestrali sono il linea con il consensus.
EBITDA SEMESTRE IN ROSSO, RACCOLTA LA7 +10%.
L'Ebitda, dice una nota, è negativo per 16,1 milioni e si è ridotto di 25,1 milioni rispetto al primo semestre 2011 (+9 milioni) a causa del significativo incremento dei costi di palinsesto di TI Media-La7 e del calo dell'Ebitda di Mtv. L'indebitamento finanziario netto è pari a 201 milioni, in aumento dai 138,7 di fine 2011; rispetto al primo trimestre 2012 è migliorato di 5,9 milioni. La raccolta pubblicitaria di TI Media-La7 è in crescita del 10,1% a 67,7 milioni. L'audience share di La7 ha registrato una media giornaliera di circa il 3,5%, in lieve calo dal 3,7% del primo semestre 2011 ma in crescita rispetto al primo trimestre 2012 (3,4%). L'Ebitda è peggiorato a -34,5 milioni da -5,7 milioni. I ricavi di MTV sono diminuiti del 16,6% a 29,7 milioni, l'Ebitda è negativo di 3,6 milioni da +2,9 milioni del primo semestre 2011. I ricavi dell'operatore di rete (TIMB) sono cresciuti a 37,7 milioni da 26,3, l'Ebitda a 22 milioni da 11,7.
EBITDA IN ROSSO NEL 2012, POSITIVO DA FINE 2013.
Il gruppo si aspetta per la seconda parte dell'anno un "marginale miglioramento dei risultati operativi", ma non sufficiente a portare in positivo l'Ebitda 2012. Il gruppo conferma le attese di una raccolta pubblicitaria in crescita per i canali La7, grazie al miglioramento dell'audience share, che continuerà però a comportare un incremento di costi e investimenti di palinsesto. "Mi aspetto un miglioramento in tutti i nostri settori, La7, Mtv e TIMB, ma non credo che saranno tali da recuperare pienamente le perdite della prima parte dell'anno", ha detto nel corso di una conference call Giovanni Stella, consigliere della società e responsabile del settore Tv. Il manager non ha dato indicazioni specifiche sulla pubblicità di luglio perchè "prematuro". "Sul mercato sta andando molto male", ha detto. Il Cda di oggi ha approvato anche le linee guida del piano 2013-2015, rimasto sospeso quando Telecom a maggio ha deciso di accelerare i piani di cessione della controllata media. Le stime - che saranno inserite nell'information memorandum che sarà mandato entro dieci giorni ai potenziali acquirenti - sono di un Ebitda positivo da fine 2013, un cash flow positivo da fine 2014 e un indebitamento finanziario netto in diminuzione da fine 2014. "Sono rammaricato per i risultati del primo semestre, ma resto ottimista. Credo che il percorso virtuoso del gruppo riprenderà dopo l'interruzione del 2012, il piano è stato studiato molto attentamente, sono convinto che può essere attuato", ha commentato Stella. All'inizio del prossimo anno dovrebbe partire intanto un nuovo canale in digitale terrestre, al 30% di TI Media e al 70% di Feltrinelli. L'accordo non è stato perfezionato, ma le trattative "sono in fase molto avanzata", ha detto Stella: sarà "un investimento da parte nostra molto limitato ma ci aspettiamo buoni risultati economici sia in termini di servizio che offriremo che in termini di affitto di banda".
ASSET TV VALUTATI 81 MLN DA ESPERTO INDIPENDENTE.
Procede infine il percorso di ristrutturazione societaria avviato a maggio con lo scopo di facilitare la vendita della società, in blocco o in due tronconi separati, le infrastrutture di TIMB e le attività televisive di La7 e Mtv; queste ultime saranno accorpate in una sola società controllata dalla holding.
"Non abbiamo ricevuto ancora indicazioni da Telecom", ha detto Stella sulle prospettive di cessione. Il gruppo ha ricevuto 15 manifestazioni di interesse, un terzo per l'intero gruppo, un terzo per i multiplex e un terzo per la Tv, hanno riferito alcuni giorni fa fonti sindacali.
Il Cda di oggi "ha preso atto della relazione giurata di stima rilasciata dall'esperto Reconta Ernst & Young che ha individuato, sulla base della situazione patrimoniale al 31 marzo 2012, in euro 81.260.029 il valore corrente teorico del ramo d'azienda Television che sarà oggetto del conferimento in La7 Srl, approvando l'operazione e dando mandato al presidente per la sua esecuzione", dice la nota. Il conferimento sarà efficace dal prossimo primo settembre.
Nessuna novità sull'asta per le frequenze digitali dopo l'annullamento del beauty contest. "La mia impressione è che non sarà facile dipanare questa matassa molto presto, sarei sorpreso se lo fosse entro il termine di quest'anno", ha commentato Stella.


Ore 13.30 -  MOLISE  - TELENORBA MUX 1 (MOLISE): REALIZZATA LA GRIGLIA CANALI E LO Z@PPING TV.
UHF 33 TELENORBA
Mux 1 (MOLISE):
Nella sezione regionale MOLISE IN DIGITALE abbiamo aggiornato le liste delle tv ricevibili a CAMPOBASSO ed ISERNIA aggiungendo la pagina con la griglia dei canali di TELENORBA Mux 1 (MOLISE). Questo primo multiplex dell'emittente di Conversano (Bari) viene trasmesso sul canale 33 UHF nella sua versione molisana, con diverse numerazione LCN rispetto a quella pugliese. Il mux contiene 10 TV e 2 radio, da segnalare che nell'identificativo delle emittenti principali del gruppo NORBA è specificato il MUX 1, mentre TELEPUGLIA ITALIA (LCN 180) trasmette il canale all news TG NORBA 24 e TELERADIOPADREPIO (LCN 657) è a schermo nero. Potete visualizzare l'esatta composizione del mux, le immagini con lo z@pping TV e i loghi dei canali, consultando la nuova pagina di TELENORBA Mux 1 (MOLISE).

TELENORBA Mux 1 (MOLISE) - Z@pping TV


Ore 11.25 - DOMANI SUL NUMERO 56 DEL DIGITALE TERRESTRE DEBUTTA FOCUS.
Da sabato 28 luglio sul digitale terrestre arriva Focus, il nuovo canale televisivo tematico di Switchover Media (già editore di GXT, K2, Frisbee e Giallo) nato dall’accordo di licenza con Gruner+Jahr/Mondadori.
Il mensile di approfondimento, conoscenza e intrattenimento più venduto e più letto in Italia (ben 6.4 milioni i suoi lettori) diventa così ufficialmente un canale della piattaforma DTT free: Focus sarà on air dalle 8 di domani mattina e ai telespettatori appassionati di scienza,storia, natura e tecnologia basterà sintonizzarsi alla posizione LCN 56 per accendere la propria curiosità.
Diretto da Francesco Salini, Focus, primo canale di intrattenimento factual dedicato alla scoperta e al sapere, si rivolge a un target prevalentemente adulto e maschile con il suo palinsesto ricco di serie, documentari e speciali inediti su argomenti che toccano tutti i settori della conoscenza, dalla storia alla natura, dalle scoperte al mistero e alle invenzioni, raccontati con un taglio positivo e coinvolgente con l’obiettivo di suscitare e soddisfare ogni curiosità dei telespettatori.
Ogni giorno in programma una prima serata dedicata a un tema diverso: si va dalle storie di Fatti a fette ai misteri di A caccia di Ufo, dalle scoperte di Bella scoperta! – Antiche Invenzioni agli scenari di La storia dell’Universo e Le città segrete, dalle sfide impossibili di Gli eroi del ghiaccio – Himalaya alla natura selvaggia di S.O.S. Squali, e ancora dalle spettacolari serie Megadisastri e La Terra dopo l’uomo alla storia dei documentari inediti WWII – Gli archivi ritrovati e Segreti di guerra.
Focus si distingue per l’ampia gamma dei generi proposti e per una linea editoriale in grado di coniugare conoscenza e intrattenimento – ha spiegato il direttore dei Canali Intrattenimento e Factual di Switchover Media Fabrizio Salini –. È la curiosità, nella sua accezione più ampia e nelle sue diverse sfaccettature, a caratterizzare la varietà e la ricchezza dei contenuti del canale e a rendere originale e unica la sua programmazione. Focus è un brand coerente e originale che appassiona lo spettatore svelando il lato vero e inusuale della realtà che lo circonda.
Per i più curiosi, quelli che non vedono l’ora di seguire i programmi del nuovo canale, sul sito ufficiale www.focustv.it sono già disponibili la guida tv completa e tutti gli approfondimenti sulle trasmissioni in onda. Inoltre è già attiva la pagina Facebook ufficiale pensata come lo spazio in cui postare commenti e interagire con la community per essere sempre aggiornati con le curiosità e le news sul canale Focus Tv.

Tratto da: www.televisionando.it/articolo/focus-il-nuovo-canale-digitale-terrestre-free-on-air-da-domani


 26 LUGLIO 2012 - Giovedì 

Ore 21.35 -  LOMBARDIA  - MUX TELEPACE (LOMBARDIA): AGGIORNATA LA GRIGLIA CANALI E LO Z@PPING TV.
UHF 39 Mux TELEPACE (LOMBARDIA):
Modifichiamo la composizione di questo multiplex, segnalando rispetto alla nostra precedente rilevazione, che DI.TV MUSICA (LCN 649) è stato sostituito da SHALOM TV, che trasmette la programmazione di Medjugorje TV. Abbiamo aggiornato la griglia dei canali e lo z@pping TV del mux TELEPACE (LOMBARDIA).

Mux TELEPACE (LOMBARDIA) - Z@pping TV


Ore 16.00 - LTE: A CHE PUNTO SIAMO IN ITALIA.
A poco meno di un anno dall'asta che portò nelle casse dello Stato quasi 4 miliardi di euro per l'assegnazione delle frequenze da assegnare allo sviluppo di Lte, come procedono l'implementazione e i test? Ne parliamo con Fabio Moresi, Marketing Manager Soluzioni Wireless di Huawei.
Non è passato un anno da quando, lo scorso mese di settembre, l’asta per l’assegnazione delle frequenze Lte per giorni interi galvanizzò l’attenzione di tutta la stampa e degli analisti di mercato.
Quasi quattro miliardi di euro fu la raccolta finale e 2,96 miliardi per la sola frequenza degli 800 MHz. Un successo non solo per il comparto, ma anche per il sistema Paese che non solo aveva bisogno di quell’iniezione di capitale proveniente dal mondo delle imprese, ma soprattutto continua ad aver bisogno di Lte per chiudere il digital divide e promuovere i servizi a banda ultralarga per i cittadini e per le imprese. Ma cosa è successo in questi dieci mesi e a che punto siamo, prima che di varo commerciale delle nuove reti si possa davvero parlare? Ne abbiamo parlato con Fabio Moresi, Marketing Manager Soluzioni Wireless di Huawei, che ci ha aiutato a inquadrare la situazione. Nei mesi scorsi sono iniziate le prime sperimentazioni. Le hanno avviate gli operatori assegnatari delle frequenze e tanto Telecom Italia quanto Vodafone hanno presentato anche trial pubblici in città come Torino e Milano. Non solo. Huawei è partner dei test di affidabilità delle reti a 800 MHz in Italia coordinati dal Ministero dello Sviluppo Economico, Dipartimento per le Comunicazioni, realizzati presso il Centro Nazionale Controllo Emissioni Radio Elettriche di Roma. Si tratta di un trial importante, perché dai dati che se ne ricaveranno sarà possibile verificare la coesistenza dei servizi e delle tecnologie attualmente in uso sulle reti di quarta generazione in deployment su scala nazionale.
La scelta di Huawei, che in questo caso opera in veste di fornitore unico, non è casuale: ”Sono ormai tre anni che Huawei sta portando avanti i trial Lte nel nostro Paese - racconta Moresi - Senza contare che nel 2009 l’azienda è stata la prima a lanciare un progetto commerciale in Europa con Telia Sonera e che delle 57 reti commerciali Lte censite nel mondo la primavera scorsa, 28 utilizzano tecnologia Huawei”.
Che per il colosso cinese Lte rappresenti il trampolino ideale per una ulteriore fase di crescita è dimostrato dagli investimenti che l’azienda sta indirizzando su questa tecnologia. È altrettanto vero, tuttavia, che in molti Paesi, Italia inclusa, le connessioni mobili ad alta velocità possono rappresentare un punto di svolta per la nascita di nuovi servizi: e non è certo un caso che oggi 285 operatori in 93 Paesi diversi stanno investendo su Lte.
”Due sono i driver che rendono Lte interessante - sono ancora parole di Moresi - la copertura e la capacità. Quando si parla di copertura significa che dove oggi non si arriva con la fibra, domani si arriverà con Lte800. Quando si parla di capacità, invece, basti pensare che con Lte si arriva fino a 100 Mbps in downlink e a 50 in uplink: le opportunità per sviluppare nuovi servizi sono pressoché infinte”.
I bisogni da coprire sono tanti e tali che non è certo semplice fare una graduatoria, anche se Moresi si dice convinto che la richiesta di nuovi servizi e contenuti legati alla diffusione di tablet e smartphone influenzerà non poco il mercato in tutta Europa.
Al momento dell’asta, l’attenzione degli operatori si era concentrata soprattutto sulle frequenze a 800 MHz, che, in effetti, raccolsero la quota più rilevate degli investimenti.
“Telecom, Vodafone e Wind si sono aggiudicate ciascuna 10 MHz di questa frequenza. L’interesse si giustifica da un lato con il fatto che gli investimenti infrastrutturali richiesti su questa frequenza sono inferiori rispetto a quelli previsti su quelle a 1800 o 2600. E poi, di nuovo, si parla di copertura: con un sito a 800 MHz copro un’area molto più ampia rispetto agli altri, con un fattore 2 rispetto alla frequenza 2600”.
Qualche problema, tuttavia, in questo percorso che guarda al 2013 come data per il varo commerciale dei primi servizi Lte800, c’è.
“Non ci si può dimenticare che stiamo parlando di frequenze occupate dalle tv, prima del passaggio dall’analogico al digitale. In base ai tempi stabiliti per lo switch off di ciascuna regione, bisogna tenere una mappa aggiornata dei canali ancora occupati dai canali locali e di quelle che nel frattempo vengono liberate. Non solo. In qualche caso è importante verificare che non permangano interferenze tra i sistemi”.
Ed è qui che diventano strategici i test. “Certo. In qualche caso si dovrà intervenire con dei filtri sui cavi coassiali delle nostre TV. In ogni caso il Ministero ha garantito che tutti i canali assegnati alle tv saranno spenti entro la fine di quest’anno, per cui siamo in linea con i tempi previsti, e le sperimentazioni in corso daranno le informazioni necessarie per guidare il lancio della tecnologia LTE800 senza grossi impatti”.
Tratto da: www.01net.it/lte-a-che-punto-siamo-in-italia

Ore 10.50 -  VENETO  - CITTADELLA (PADOVA): LA LISTA DELLE TV RICEVIBILI.
Luigi di Cittadella (Padova), che ringraziamo, ci ha inviato una lista dei canali TV ricevibili nella sua località aggiornata allo scorso 23 Luglio 2012.
LISTA TV CITTADELLA (PD)

Ore 09.55 -  LOMBARDIA  - MUX VIDEOBERGAMO: ARRIVA LUCIANO&LUCIANA, AGGIORNATI LA GRIGLIA CANALI E LO Z@PPING TV.
VHF 07 Mux VIDEOBERGAMO:
A
ggiorniamo la composizione di questo mux bergamasco, ricevibile a MILANO
solo in alcune zone, segnalando l'arrivo di un canale denominato Luciano&Luciana. Al momento l'emittente non ha nessuna numerazione LCN. Abbiamo aggiornato la griglia dei canali e lo z@pping tv del multiplex VIDEOBERGAMO.




Ore 00.05 -  MUX NAZIONALI    LAZIO E ROMA  - MEDIASET MUX 4: SPENTO IL SEGNALE DA MONTE CAVO (ROMA).
UHF 49 MEDIASET Mux 4:
Dalle 21.45 risulta fuori uso il segnale da monte Cavo del MEDIASET Mux 4, ovvero la frequenza principale che contiene le tre emittenti generaliste, Rete 4, Canale 5 ed Italia 1, insieme a TGCOM 24, La 5, e IRIS. Dal nostro punto di ricezione, Monterotondo, dove abbiamo sempre avuto segnale e qualità al massimo, ora non riceviamo nulla su questa frequenza. Risulta regolarmente operativo il segnale trasmesso dall'altra postazione romana di monte Mario che serve principalmente la Capitale.

Update ore 00.25: da qualche minuto il segnale da monte Cavo è stato ripristinato. I canali sono di nuovo regolarmente in onda.


 25 LUGLIO 2012 - Mercoledì 

Ore 23.10 -  CALABRIA  - REGGIO TV: ULTIME NOTIZIE DAL 'FRONTE'.
Le trasmissioni della Tv di Lamberti Castronuovo sono riprese ma la situazione resta pesante. Oltre alle interferenze,l’editore di Reggio Tv lamenta i privilegi delle presunte ‘Tv di minoranze linguistiche’ e ce l’ha anche con il Corecom.
“Ho una struttura di migliaia di metri quadrati ma se non riesco a trasmettere ci farò un supermercato o qualcos'altro”. Sono parole a metà tra la provocazione e lo sfogo quelle di Edoardo Lamberti Castronuovo, editore di Reggio Tv, impegnato da alcune settimane nel rivendicare il diritto di poter trasmettere i programmi dell'emittente sul digitale terrestre senza interferenze, dopo gli switch off calabrese e siciliano; la sua protesta in merito aveva portato alla sospensione dei programmi per alcuni giorni (sono ripresi lunedì 9 luglio).

Altro oggetto d'accusa da parte dell'editore di Reggio Tv è il caso delle Tv delle minoranze linguistiche, che in Calabria hanno fatto 'man bassa' nelle graduatorie per le frequenze. “In base alla legge - spiega Lamberti Castronuovo - le Tv dedicate alle minoranze linguistiche usufruiscono dei benefici di legge per il fatto di avere trasmesso in lingua grecanica o arbereshe il 50% delle loro trasmissioni. Per molte emittenti questo non s'è mai visto, sfido chiunque a dimostrarlo”.
Il caso è stato esposto da una lettera infuocata di Lamberti Castronuovo, finita sui giornali. Ma il 17 luglio il Corecom Calabria ha replicato con un'altra lunga lettera nella quale spiega, tra l'altro, che “dai controlli sistematici riguardanti indistintamente tutte le emittenti operanti in Calabria e da sempre effettuati dal personale degli uffici competenti, che si è caratterizzato costantemente per efficienza e professionalità, nulla è emerso di quanto segnalato dall'editore Lamberti. Il quale, per i casi a cui ha fatto riferimento, anziché inviare comunicati stampa ai giornali, avrebbe dovuto segnalare… eventuali anomalie al Co.Re.Com. e, in caso di fatti che egli dovesse reputare delittuosi, all'Autorità Giudiziaria. In relazione, poi, alle trasmissioni mandate in onda dalle emittenti che trasmettono anche per le minoranze linguistiche, si rappresenta che, a distanza di venti giorni dall'avvio della programmazione in digitale - il 4 luglio u. s. - sono state richieste a tutte le emittenti in questione le registrazioni dei programmi, al fine di avviare le verifiche prescritte dalla legge, che prevede, in caso di violazione delle relative norme, l'irrogazione di sanzioni”.
Molto dura la replica, contenuta in una lunga lettera sempre ai giornali, anche di Anselmo Greco del Gruppo Editoriale Nova Sughereto (TeleSoverato - Soverato Uno), tirato in ballo da Lamberti Castronuovo.
La risposta del Corecom però non ha soddisfatto l'editore della Tv reggina: “Invece di rispondere punto per punto alle mie cinque precise domande, il Corecom fa una difesa d'ufficio in cui racconta i convegni organizzati e i depliant pubblicati”.
“Ora abbiamo ripreso le trasmissioni e stiamo facendo delle prove per verificare se riusciamo a trasmettere sul canale 45, com'è nostro diritto, senza interferenze - continua - . Se entro una decina di giorni non riusciremo a stabilizzare il tutto, però, Reggio Tv chiuderà e le 60 persone che ci lavorano saranno costrette a cambiare mestiere. Le mie richieste non sono assurde: voglio solo che sia rispettata la legge”.

Tratto da: http://digicalabria.mastertopforum.net

Ore 22.55 -  SICILIA  - MEDITERRANEO MUX 2: ARRIVA TRC, TELE RADIO CANICATTI'.
UHF 53 MEDITERRANEO Mux  2:
E' stato attivato
TRC, TELE RADIO CANICATTI', con LCN 99, nel mux MEDITERRANEO 2, sul canale 53 UHF.
Adesso il canale è presente nella Sicilia Occidentale nel mux TVA, e nella Sicilia Orientale nel mux MEDITERRANEO 2.

Fonte: Radio Tv Sicilia



Ore 15.45 -  TOSCANA  - FURTO AI RIPETITORI DI CARRARA: LA7, TVR, TV9 ED ANTENNA 3 AL BUIO.
Secondo i carabinieri si sarebbe trattato di un furto su commissione. Canali non visualizzabili a Carrara ed in Lunigiana.
Massa (Massa Carrara) - Ladri in azione a Carrara. Le vittime sono le reti televisive La 7, TvR di Prato, Tv 9 di Grosseto ed Antenna 3 di Massa. Secondo una prima ricostruzione dei carabinieri che sono intervenuti sul luogo del furto, la postazione dei ripetitori televisivi di Santa Lucia di Carrara, i ladri avrebbero agito su commissione. A sparire, infatti sono stati singoli pezzi degli impianti di messa in onda. Il danno totale per le reti televisive colpite dal furto ammonterebbe a circa 300.000 euro, anche se il grosso danneggiamento per le emittenti non è stato tanto quello dello sparizione del materiale elettronico, quanto l’oscuramento totale a Carrara e nella Lunigiana.

Tratto da: www.stamptoscana.it/articolo/notizie-toscana/furto-ai-ripetitori-di-carrara-la-7-tvr-tv-9-ed-antenna-3-al-buio
http://firenze.repubblica.it/cronaca/2012/07/24/news/carrara_furto_ai_ripetitori_oscurate_tutte_le_tv

Ore 12.25 -  TOSCANA  - MUX CANALE 3 TOSCANA: REALIZZATA LA GRIGLIA DEI CANALI E LO Z@PPING TV.
UHF 51 Mux CANALE 3 TOSCANA:
Nella sezione regionale TOSCANA IN DIGITALE abbiamo aggiunto nelle liste delle TV A SIENA la composizione del mux dell'emittente CANALE 3 TOSCANA di Monteriggioni nel senese, che trasmette sul canale 51 UHF. E' composto da 6 canali: Canale 3 Toscana (LCN 12), Canale Civico Siena (LCN 210), Canale 6 Valdelsa (LCN 274), Basket Channel (LCN 624) che è un duplicato di Canale 3 Sport (LCN 696), infine c'è Cavalli e c Channel (LCN 697) che trasmette solo delle barre colorate. Consulta la nuova pagina con la griglia dei canali e lo z@pping TV per visualizzare la composizione, le immagini e i loghi dei canali diffusi del multiplex CANALE 3 TOSCANA, realizzato grazie alla collaborazione di Roberto di Siena.



Mux CANALE 3 TOSCANA - Z@pping TV



 24 LUGLIO 2012 - Martedì 

Ore 12.25 - ACCORDO CON ABC: IUS CHANNEL SBARCA SUL DIGITALE TERRESTRE.
Dal 22 luglio scorso, grazie a un accordo di collaborazione stipulato con la nuova emittente televisiva ABC, che trasmette sul canale 33, alcuni dei contenuti di IUS Channel, tra cui “La Poltrona
Rossa”, sono visibili “in chiaro” sul territorio nazionale anche in televisione. ABC Tv è un nuovo canale digitale terrestre focalizzato prevalentemente su contenuti formativi, informativi ed educativi, ma con un forte accento sull’innovazione del linguaggio comunicativo grazie all’impiego di format e produzioni audiovisive innovative di alto livello qualitativo.

Tratto da: http://affaritaliani.libero.it/mediatech/ius-channel


Ore 12.00 -  ABRUZZO  - MUX TELEPONTE: AGGIORNATO LO Z@PPING TV.
UHF 31 Mux TELEPONTE:
Oggi ci spostiamo in provincia di Teramo ed aggiorniamo lo z@pping TV del mux TELEPONTE che trasmette 4 canali: TELE P (LCN 15), TELE P.TV (LCN 117), TELE P1 (LCN 288) che ritrasmette la programmazione di TELE P e infine TELE P SPORT (LCN 638). Per visualizzare i canali trasmessi e i dettagli tecnici consulta la griglia dei canali e lo z@pping tv del multiplex TELEPONTE.


Mux TELEPONTE - Z@pping TV


Ore 01.35 -  VENETO  - SCIOPERO IN VISTA AD ANTENNA 3 NORD EST E FREE.
TREVISO – E’ stato rinviato a data da destinarsi l’incontro, convocato dall’assessore provinciale alle politiche del lavoro di Treviso, che avrebbe dovuto vedere ieri al tavolo l’amministratore delegato di Antenna Tre-Nordest Free e le rappresentanze sindacali per fare chiarezza sulla difficile situazione in cui versa l’azienda.
Con due righe inviate alla vigilia dell’incontro, il dott. Antonio Barcella ha, infatti, comunicato all’assessore la sua indisponibilità e non ha fornito date alternative per una eventuale nuova convocazione. 

“Uno schiaffo, l’ennesimo – affermano il Comitato di redazione e le Rsu – per i lavoratori di Antennatre Nordest/Free che attendono invano da mesi il ripristino delle normali condizioni lavorative che non possono prescindere dalla ripresa della regolarità dell’erogazione delle retribuzioni”.
I lavoratori, non comprendendo “l’atteggiamento dell’azienda e del suo amministratore delegato”, ricordando che “il dott. Barcella, in una recente mail indirizzata a un collega, ha detto testualmente: «Le chiacchiere vanno a zero ed i fatti sono quelli che contano». Bene, noi – affermano i lavoratori – questi fatti non li abbiamo ancora visti, così come non abbiamo ancora visto la relazione sulla gestione dell’azienda che l’amministratore delegato ha annunciato più volte di essere in procinto di presentare (l’ultima in ordine di tempo lo scorso 3 luglio)”.
Alla luce di quanto esposto, i lavoratori di Antennatre Nordest/Free ricordano all’azienda e all’amministratore delegato di “non aver mai ritirato lo stato di agitazione in atto da alcuni mesi e comunicano che a partire dalla giornata odierna - ieri, ndr – potrebbe non essere garantito il normale svolgimento dell’attività lavorativa (tecnica e redazionale)”.

Tratto da: www.giornalisticalabria.it/2012/07/21/sciopero-in-vista-ad-%E2%80%9Cantenna-tre-nordest-free


Ore 01.00 -  ABRUZZO  - MUX TVQ: AGGIORNATO LO Z@PPING TV.
UHF 28 Mux TVQ:
Tele Ponte (Tele p) è diventata un'emittente a copertura regionale (LCN 15), da qualche settimana è infatti trasmessa nella rosa dei canali di TVQ. In EPG è stato aggiunto l'identificativo TVQ provider, così anche per i canali Genio TV (LCN 172), che ritrasmette TVQ (LCN 19), e ON TV (LCN 292), che trasmette sempre le barre colore. Consulta la nostra griglia dei canali e lo z@pping TV per visualizzare le emittenti trasmesse nel mux TVQ.

Mux TVQ - Z@pping TV



 23 LUGLIO 2012 - Lunedì 

Ore 22.15 -  ABRUZZO  - MUX RETE AZZURRA: INSERITA LA GRIGLIA CANALI E LO Z@PPING TV.
UHF 39 Mux RETE AZZURRA:
Anche se da masterplan del Ministero dello Sviluppo Economico questo mux si chiama RETE AZZURRA, al momento trasmette solo un'emittente: TELE 9 canale 6, con LCN 663, ed al momento è operativo solo dalla postazione di Colle Morino a Pineto (Teramo). Pertanto abbiamo inserito nella liste delle emittenti TV a NOTARESCO, GIULIANOVA e ROSETO DEGLI ABRUZZI, la griglia dei canali e lo z@pping TV di RETE AZZURRA.

Mux RETE AZZURRA - Z@pping TV


Ore 19.20 -  ABRUZZO  - MUX ATV7: AGGIORNATO LO Z@PPING TV.
UHF 23 Mux ATV7:
Aggiorniamo lo z@pping TV del mux di ATV7, dopo che i canali TVR Voxson, che trasmettono tutti la stessa programmazione, hanno inserito la numerazione LCN. Consulta lo z@pping TV per visualizzare la composizione attuale del multiplex ATV7.

Mux ATV7 - Z@pping TV


Ore 08.40 - SCIOPERO A MEDIASET CONTRO LA VENDITA DI DIECI CENTRI DI PRODUZIONE IN TUTTA ITALIA ALLA EDB DI PIZZAMIGLIO.
Dal punto di vista industriale il segnale è pessimo e certifica una volta di più quanto la recessione stia colpendo la prima (e quasi unica) tv commerciale del paese, dal crollo del titolo in Borsa ai minimi storici al calo della raccolta pubblicità. Fino alle difficoltà del progetto Mediaset Premium, tuttora in perdita e il cui break even è stata più volte spostato e ora fissato al 2014.
Ma questa volta a farne le spese sono anche i lavoratori. A costringere i sindacati a dichiarare lo sciopero è stata l'ultima mossa che fa parte delle più ampie manovre per il taglio dei costi, risparmi che dovranno raggiungere la cifra di 400 milioni nei prossimi tre anni, secondo la revisione trapelata pochi giorni fa, in crescita ai 250 milioni annunciati a fine anno. Si tratta dell'esternalizzazione delle sedi locali di Videotime: dieci dei dodici centri di produzione del gruppo (in pratica tutti con l'eccezione di Milano e Roma) verranno ceduti come ramo d'azienda a una società che fa capo all'ex manager Renato Pizzamiglio.
Un dirigente che dopo 15 anni di lavoro a Mediaset ha fondato la Edb (European Broadcasting Development), società fornisce servizi grafici e contenuti
computerizzati sia per Sky che per la stessa Mediaset. E che, guarda caso, ha sede proprio a Cologno Monzese.
Del pacchetto fanno parte anche 74 lavoratori degli oltre mille in carico a Videotime. Un numero limitato, si dirà. Ma non la pensa così Cgil, Cisl e Uil. Per due motivi. Il primo riguarda le competenze che vengono perdute: «Si tratta di uomini e donne - si legge nel comunicato dello sciopero che da 30 anni, svolgendo con professionalità il proprio lavoro, hanno contribuito al raggiungimento degli ottimi risultati che Mediaset sino ad oggi ha conseguito ». In sostanza, si tratta dei dipendenti che lavorano presso i centri di ripresa e montaggio, che servono principalmente i telegiornali e i programmi di approfondimento. E che ora continueranno a farlo, ma lavorando per un'altra società.
«Non è certo un buon esempio per l'imprenditoria italiana - polemizzano i sindacati - soprattutto perché arriva da chi si è sempre vantato di sviluppare strategia virtuose nei confronti dell'occupazione e delle relazioni con i propri dipendenti».
Il secondo motivo di allarme per i lavoratori riguarda il futuro. Nell'incontro che i rappresentanti di Cgil, Cisl e Uil hanno avuto con la direzione è stato detto che «non si tratta dell'unica operazione che l'azienda vuole attuare ». Così, come a ben guardare, non è nemmeno la prima. Già due anni fa le sezioni di truccatori e parrucchieri di Videotime di Roma e Milano (56 dipendenti) erano state esternalizzate verso la società Pragma service.
Ma a rendere ancora più grave la situazione - a detta degli analisti del settore - è il senso di una cessione che ha tutta l'aria di una resa sul fronte della produzione di contenuti e che rischia di fare delle reti Mediaset una televisione sempre più destinata a un pubblico anziano. Ma il taglio dei costi è diventato un imperativo. Tutta colpa della crisi e del calo della pubblicità, che nei primi tre mesi del 2012 ha fatto crollare gli utili del gruppo a 10 milioni, contro i 68 dello steso periodo un anno fa. E con un risultato operativo sceso da 136 a 39 milioni.
Un calo su cui pesa anche la Spagna, il grande malato d'Europa, dove Mediaset controlla un terzo del mercato televisivo privato attraverso Telecinco. Una caduta - fanno notare i maligni - iniziata all'indomani dell'addio di Silvio Berlusconi da Palazzo Chigi, visto che l'inversione di tendenza degli spot è iniziata nell'ultimo trimestre del 2011, in coincidenza con le dimissioni dal governo (8 novembre), quando il meno 8 per cento della raccolta pubblicitaria (contro il meno 7 per cento dei rivali) suonò come un pericoloso campanello d'allarme. Tendenza confermata nei primi mesi del 2012. E ci vorrà ben di più del ritorno delle partite di Champions League su Italia1 e Canale5, annunciato ieri, per recuperare la redditività perduta.

Tratto da: www.dagospia.com/rubrica-2/media_e_tv/il-videotime-e-scaduto-sciopero-a-mediaset-contro-la-vendita-di-dieci-centri

Ore 07.15 -  MOLISE  - MUX TELEREGIONE MOLISE: REALIZZATI LA GRIGLIA CANALI E LO Z@PPING TV.
UHF 46
Mux TELEREGIONE MOLISE:
Nella sezione regionale MOLISE IN DIGITALE abbiamo aggiornato le liste delle tv ricevibili a CAMPOBASSO ed ISERNIA aggiungendo la pagina con la griglia dei canali e lo z@pping TV del mux dell'emittente di Campobasso TELEREGIONE MOLISE. Il multiplex, che irradia sul canale 46 UHF in tutta la regione Molise, contiene 5 TV: hanno una programmazione propria Teleregione Molise, con LCN 10, Teleregione Sport, con LCN 110, e Teleregione Molise News, con LCN 210; mentre Teleregione Molise 3, con LCN 601, e Teleregione Molise 4, con LCN 602, ripetono la programmazione di Teleregione Molise. Consulta la nuova pagina con i dettagli tecnici del mux TELEREGIONE MOLISE.


Mux TELEREGIONE MOLISE - Z@pping TV